Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di roberto.dalbi

Così è la vita.

immagine copertina
Concita de Gregorio
Così è la vita.
Einaudi 2011
10 righe da pagina 106:

Non è andato in cielo,è andato nel mio cuore,ha detto Olimpia,nove anni,davanti a una folla di cento persone parlando del papà:leggeva un biglietto scritto col pennarello,due righe. "Mi ha insegnato a piantarei bulbi dei fiori a testa in su,così ogni anno fioriscono.E siccome lui è morto ma io i bulbi li pianto e fioriscono ancora,allora non è per niente andato sulle nuvole.E' andato nei fiori", ha scritto Carmen,sette anni nel suo tema.
Anche io come Carmen e Olimpia sono sicura che le persone che ci hanno lasciato siano nelle cose che ci hanno insegnato,nei loro pensieri da finire di pensare,nei gesti che ripetiamo ogni giorno quando prepariamo il pranzo e curiamo i fiori,nella capacità di dire no quando serve e di restare integri anche in loro nome.

inviato il 18/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Poco tempo fa ho sentito la presentazione a Radio tre,devo dire che deve essere proprio utile leggerlo,ciao Roberto

Penso sia un a lettura utile,perchè la morte è un'argomento che ci riguarda tutti quanti.E non serve a nulla far finta di ignorarlo.Brava Concita che ha osato.

mi hai fatto venir voglia di leggerlo

aggiungo segnalibro

Stabat Mater

immagine copertina
Tiziano Scarpa
Stabat Mater
Einaudi 2008
10 righe da pagina 58:

Ogni giorno ci portano in gita in barca per farci galleggiare sull'acqua dei canali,dove sono seppelliti i corpicini degli orfani affogati nei secoli prima che venisse fondato l'Ospitale.I nostri gemelli antenati.I vicoli ciechi della vita.La barca scivola sopra quel cimitero d'acqua e fango.I corpicini si sono sciolti,non c'è nessun segnale di riconoscimento che tenga,niente medagliette tagliate a metà,niente immagini sante.
E non ci sono croci né pietre,nessuna lapide,nessun nome,la parola che noi siamo e che suona a vuoto.La nostra vita galleggia sopra l'acqua morta.

inviato il 11/01/2012
Nei segnalibri di:

Sabbia e schiuma

immagine copertina
Kahlil Gibran
Sabbia e schiuma
Tradotto da Isabella Farinelli
Mondadori 2005
10 righe da pagina 57:

Ogni uomo ama due donne;l'una è creata dalla sua immaginazione,l'altra deve ancora nascere.

Gli uomini che non perdonano alle donne i loro piccoli difetti non godranno mai dei loro grandi pregi.

L'amore che non si rinnova ogni giorno diventa abitudine e poi schiavitù.

Gli innamorati si abbracciano l'un l'altro,ma soprattutto abbracciano quel che vi è tra l'uno e l'altro.

Amore e dubbio non si sono mai rivolti la parola.

inviato il 11/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

La storia seguente

immagine copertina
Cees Nooteboom
La storia seguente
Tradotto da Fulvio Ferrari
Iperborea 2000
10 righe da pagina 46:

"La vita è un secchio di merda che si riempie sempre più e che siamo costretti a trascinarci dietro fino alla fine".Deve averlo detto sant'Agostino,purtroppo non sono mai andato a controllare il testo latino.Se non si tratta di una frase apocrifa,naturalmente si trova nelle Confessiones.Avrei dovuto dimenticarlo già da un pezzo,è passato tanto tempo.Il dolore deve annidiarsi nelle linee del volto,non nella memoria.E oltretutto è fuori moda,il dolore.Non se ne sente quasi più parlare.Borghese,anche.Mai avuto un dolore negli ultimi vent'anni.

inviato il 02/01/2012
Nei segnalibri di:

Il capitano è fuori a pranzo

immagine copertina
Charles Bukowski
Il capitano è fuori a pranzo
Tradotto da A. Buzzi
Feltrinelli 2003
10 righe da pagina 99:

Probabilmente ho scritto di più e meglio negli ultimi due anni che in qualsiasi momento della mia vita.E' come se dopo più di cinquant'anni che lo faccio,fossi vicino a farlo veramente.Eppure negli ultimi due mesi ho cominciato ad avvertire una certa stanchezza.E'una stanchezza principalmente fisica,ma anche un tantino spirituale.Magari sono pronto per il declino.Ovviamente è un pensiero terribile.L'ideale sarebbe continuare fino al momento della morte,senza affievolirsi.La morte che mi addenta i talloni,che me lo fa capire.Sono un vecchio stronzo,ecco tutto.Insomma,non sono riuscito ad ammazzarmi a forza di bere.Ci sono andato vicino,ma non ci sono riuscito.Ora merito di vivere con quello che resta.

inviato il 02/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Rosso Floyd

immagine copertina
Michele Mari
Rosso Floyd
Einaudi 2010
10 righe da pagina 43:

Mio padre si chiamava Eric Fletcher Waters. Morì ad Anzio il 18 febbraio 1944. Io,suo figlio, da lui chiamato col nome di George Roger, sono nato 165 giorni prima della sua morte. La gente mi conosce come Roger Waters, voce, bassista e autore della maggior parte dei testi dei Pink Floyd.
Ho sentito cos'hanno detto finora i miei compagni. Non mi voglio pronunciare. Tutto è vero, e tutto è falso. Quel che avevo da dire l'ho detto nelle canzoni, non per nulla mi chiamano il Lirico. Ma una cosa qui voglio dirla, non so perchè proprio questa ma devo... Quando tutto è rosa non si distinguono bene i contorni degli oggetti, quando tutto è fluido le forme evolvono una nell'altra e quello che fino a un'attimo prima era vero diventa falso, e il falso diventa vero...

inviato il 01/11/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

ci mancavi. ciao.naty

ciao roberto, ben trovato!

Poesie d'Amore

immagine copertina
Nazim Hikmet
Poesie d'Amore
Tradotto da Joyce Lussu
Mondadori 2010
10 righe da pagina 159:

POESIE PESSIMISTE
Ho vissuto molto o poco?
Mi è impossibile dirlo.
Camminando sono caduto col viso a terra
ho perso qualche cosa nella polvere.
Ero albero, ero mare.
I miei usignoli erano in gabbia, non lo sapevo,
i miei pesci erano nella rete.
E così, mia rosa,
la tristezza, come una pietra bianca che lava la pioggia.
E così, mia rosa,
scrivo quel che mi attraversa
e nessuno legge, nessuno ascolta...

inviato il 01/09/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

ROMA 1960---Quante donne belle ci sono al mondo, quante belle ragazze s'affacciano sulle terrazze della città. Contemplale vecchio, contemplale e mentre da un canto i tuoi versi si fanno più tersi e lucenti, dall'altro devi contrattare cercando di tirarla in lungo con la morte che ti sta accanto.

La valigia delle Indie

immagine copertina
Piero Verni e Giorgio Cerquetti
La valigia delle Indie
La Salamandra 1976
10 righe da pagina 34:

Ascoltando l'ultimo disco dei Pink Floyd mi ritrovai a Benares, davanti a me il Gange scorreva tranquillo mentre i bramini si bagnavano nelle sue acque cullati dal suono di mille mantra; la terra incantata, la nostra Madre India era lì dinnanzi a me coi suoi tiepidi colori in un sole cocente, i suoi dolci suoni mi avvolgevano in un'atmosfera di estasi, il sole era da poco spuntato e il primo cylon del mattino mi portò ad Allahabad, dove Shiva è presente in ogni luogo; mi ritrovai seduto vicino ad Amar-puri, l'immortale, tutti nudi vicino al fuoco, immersi nell'incantesimo dei naga. Aprii i miei occhi al fuoco che con una vampata mi portò a Svayambunath in Nepal, la musica dei Pink Floyd stava per finire, Brian mi passò l'ultimo cylon, mentre il sole calava dietro le montagne Hymalaiane.

inviato il 30/08/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

AGGIUNGO SEGNALIBRO

Il canto dell'essere e dell'apparire.

immagine copertina
Cees Nooteboom
Il canto dell'essere e dell'apparire.
Tradotto da Fulvio Ferrari
Iperborea 2000
10 righe da pagina 44:

Accadde allora allo scrittore qualcosa di misterioso. Eccitazione, questa era la definizione migliore. Non gli piaceva l'associazione della parola "eccitazione" con "sessuale", la sensazione di intensità che provava, infatti ne risultava localizzata, mentre la sua eccitazione- perchè di eccitazione si trattava, questo era certo- lui la sentiva dappertutto, dentro di sé e anche intorno a sé. Che avesse a che fare con quella donna era sicuro, aveva avuto inizio infatti, solo dopo la lettera di Ficev da Tarnovo. Trovò un compromesso in "sensuale" ma,di nuovo, era poi possibile?
Un'eccitazione sensuale per una donna inesistente?

inviato il 25/08/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Roberto,ciao,ho cercato notizie di questo autore olandese,è certamente interessante ciò che scrive ,onestamente non conoscevo nulla,vedrò nelle prossime passeggiate librarie nella mia città se trovo qualche testo per me comprensibile...grazie di nuovo ciao

Ma Roberto io sono alla ricerca seempre della serenità..e tu mi vuoi che la mia mente scenda giu' in cantina..ciao comunque grazie per il consiglio..

Ciao Natalina, anzi, ciao a tutti. Prova a leggere qualcosa di questo scrittore olandese. Crea storie strane, un po' surreali. Ma alla fine ti fa scendere con la mente giù, in cantina. Buona vacanza.

aggiungo segnalibro

La pelle

immagine copertina
Curzio Malaparte
La pelle
Vallecchi 1965
10 righe da pagina 36:

-Non hai mai visto una vergine?- mi domandò Jimmy un giorno mentre uscivamo dal forno del Pendino di Santa Barbara, sgranocchiando i bei taralli caldi e croccanti.
-Si, ma da lontano.
-No, I mean, da vicino. Non hai mai visto una vergine da vicino?
-No, da vicino mai.
-Come on, Malaparte- disse Jimmy.
Sulle prime non volevo seguirlo, sapevo che mi avrebbe mostrato qualcosa di doloroso, di umiliante, qualche atroce testimonianza dell'umiliazione fisica e morale cui può giungere l'uomo nella sua disperazione. Non mi piace assistere allo spettacolo della bassezza umana, mi ripugna star seduto, come un giudice o uno spettatore, a guardar gli uomini mentre scendono gli ultimi gradini dell'abiezione: temo sempre che si voltino indietro, e mi sorridano.

inviato il 25/08/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Uno dei libri più crudeli che abbia mai letto. Crudele come lo possono essere solo le vere fotografie di guerra.

Chiedi alla polvere

immagine copertina
John Fante
Chiedi alla polvere
Tradotto da Maria Giulia Castagnone
I Meridiani Mondadori 2003
10 righe da pagina 544:

Per tutta la notte abbiamo bevuto e pianto, e da sbronzo sono riuscito a dirti quello che mi si agitava nel cuore, tutte le parole dolci e i sorrisi complici che avevo accumulato, tanto eri troppo intenta a soffrire per quell'altro per sentire quello che ti dicevo, ma lo sentivo io, e Arturo Bandini era particolarmente in forma quella sera, perchè si rivolgeva al suo grande amore, al suo vero grande amore, che non eravate né tu né Vera Rivken.

inviato il 27/08/2013
Nei segnalibri di:

Bartleby lo scrivano

immagine copertina
HERMAN MELVILLE
Bartleby lo scrivano
Tradotto da Gianni Celati
Feltrinelli 2006
10 righe da pagina 25:

Venne il mattino dopo.
"Bartleby," dissi, chiamandolo con tono calmo da dietro il suo paravento.
Nessuna risposta.
"Bartleby," in tono ancor più moderato, "venite qui; non vi chiederò di far nulla che voi abbiate preferenza a non fare...Soltanto desidero parlarvi."
Al che silenziosamente egli scivolò al mio cospetto.
"Vorresti dirmi, Bartley, dove siete nato?"
"Avrei preferenza di no."
"Ma quale ragionevole obbiezione può spingervi a non parlare? Io ho per voi sentimenti amichevoli."
Non mi guardò mentr'io parlavo, bensì teneva lo sguardo fisso sul mio busto di Cicerone, che, essendo io seduto,ergevasi direttamente alle mie spalle, a circa sei pollici sopra il mio capo.
"Qual'è la vostra risposta, Bartleby?" dissi, dopo aver atteso una risposta per un buon pezzo di tempo,durante il quale il suo viso s'era mantenuto immobile, tranne per il più impercettibile tremore nelle pallide e sottili labbra.
"Al momento ho preferenza a non rispondere," disse, e si ritirò nel suo eremo.

inviato il 04/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Aggiungo segnalibro..".Al Signor ..preferirei di no "

Uomini e no

immagine copertina
Elio Vittorini
Uomini e no
A. MONDADORI EDITORE 1965
10 righe da pagina 38:

Io so che cosa vuol dire un uomo senza una donna, credere in una, essere di una, eppure non averla, passare anche anni senza che tu sia uomo con una donna, e allora prenderne una che non è la tua ed ecco, in una camera d'albergo avere, invece dell'amore, il suo deserto. Questo, tra i deserti, è il più squallido; non di una vita che manca, ma di una vita che non è tale. Avevi sete, e tu puoi bere; l'acqua c'è. Avevi fame e puoi mangiare; il pane c'è. C'è la fonte e i palmizi intorno, simile a quello che cercavi. Ma è solo simile alla cosa, non è la cosa.

inviato il 23/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Devo rileggerlo. Toccanti queste righe.

scelto, l'ho indicato di là :) su http://scrivi.10righedailibri.it/i-tuoi-classici-libri/

grazie!!!

Alessandra, la tua citazione ha vinto il gioco "I tuoi classici libri"!
Ora devi scegliere tra i partecipanti il terzo classificato! :)

Complimenti! :)

Ale mandaci la copertina ad alta risoluzione così la inseriamo nell'album :)

grazie France

le più belle 10 righe che ho letto qui dall'inizio a oggi

grazie Natalina :) ciao

ereditato da mia mamma :)

La casa della gioia

immagine copertina
Edith Warton
La casa della gioia
Editori riuniti
10 righe da pagina 342:

Mentre Lily gli stava davanti appoggiata alla sedia.le palpebre abbassate su una stanchezza mortale,sebbene la bevanda calda le avesse ridato un po' di colore,Rosedale fu colpito una volta ancora dalla commovente bellezza di lei.Le ombre scure di stanchezza sotto gli occhi,il pallore azzurrino delle tempie,contrastavano vivamente con l'intensità della tinta della bocca e dei capelli,come se il pulsa e della vita vi si fosse tutto concentrato.Contro il muro smorto color cioccolato,la purezza del suo profilo si stagliava con una forza che nemmeno la piu' splendida sala da ballo avrebbe potuto dargli.Egli la guardava
sentendo una inquietante commozione impadronirsi di lui,come se la bellezza di Lily fosse un nemico dimenticato che gli tendeva un imboscata e lo afferrava inaspettatamente.

inviato il 16/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Ragazze non troppo perbene

immagine copertina
Susan Jane Gilman
Ragazze non troppo perbene
Tradotto da Linda Rosaschino
Piemme bestseller 2001
10 righe da pagina 10:

Ci piacerebbe una voce femminile saggia che si opponesse a tutte le altre nonne che ci dicono di perdere peso, di afferrare quell'anello di fidanzamento e di mettre al mondo dei nipoti prima che sia troppo tardi. Ci piacerebbe una voce che ci aiuti a deviare tutti i messaggi negativi e contraddittori che ogni giorno ci riempono la testa. Ci piacerebbe un angelo custode appollaiato sulla nostra spalla che ci aiuti a restare a testa alta, a essere noi stesse, a non farci umiliare. Lasciamo perdere l'autostima e il self-help. Vogliamo un atteggiamento strafottente e validi strumenti di potere.

inviato il 17/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Se poi ci fosse questa vocina che aiuta anche a prendere decisioni ^^' sarebbe fantastico!

E si importante è secondo me...non farsi sempre del male ,seguire quell'angelo nascosto in noi...aggiungo segnalibro

aggiungo segnalibro

Per tutte le donne stanche di seguire le regole imposte dalle consuetudini, dalla moda e dagli uomini. Stanche di inseguire discutibili principi azzurri e decise ad opporre una resistenza intelligente ai mille messaggi contraddittori che giungono da ogni dove.

l'amante

immagine copertina
Marguerite Duras
l'amante
feltrinelli 2005

...Presto fu tardi nella mia vita. A diciott’anni era già troppo tardi. Tra i diciotto e i venticinque anni il mio viso ha deviato in maniera imprevista. Sono invecchiata a diciott’anni. Non so se succeda a tutti, non l’ho mai chiesto. Mi sembra di avere sentito dire che qualche volta un’accelerazione del tempo può investirci quando attraversiamo l’età giovane, la più esaltata della vita. È stato un invecchiamento brutale....Presto fu tardi nella mia vita. A diciott’anni era già troppo tardi. Tra i diciotto e i venticinque anni il mio viso ha deviato in maniera imprevista. Sono invecchiata a diciott’anni. Non so se succeda a tutti, non l’ho mai chiesto. Mi sembra di avere sentito dire che qualche volta un’accelerazione del tempo può investirci quando attraversiamo l’età giovane, la più esaltata della vita. È stato un invecchiamento brutale. L’ho visto impossessarsi dei miei lineamenti uno a uno, alterare il rapporto che c’era tra di loro, rendere gli occhi più grandi, lo sguardo più triste, la bocca più netta, incidere sulla fronte fenditure profonde. Invece di esserne spaventata,

inviato il 18/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie!!!!!!!!!

Complimenti Sweets hai vinto un libro incentivo per queste tue splendide righe!!

aggiungo segnalibro

Gridare amore dal centro del mondo

immagine copertina
Kyoichi Katayama
Gridare amore dal centro del mondo
Tradotto da Marcella Mariotti
Salani 2006
10 righe da pagina 57:

Ma amare una persona significa pensare che lei viene avanti a tutto. Se non avessimo abbastanza cibo, darei a te la mia parte. Se avessimo pochi soldi, piuttosto che acquistare qualcosa per me, comprerei quello che tu desideri. Se mangi qualcosa di buono tu, è come se avessi la pancia piena anch'io, se sei felice tu, allora lo sono anch'io. Questo significa amare una persona. Credi che esista qualcosa di più importante? A me non viene in mente nulla. Chi scopre dentro di sè la capacità di amare, scopre qualcosa che merita più del premio Nobel. Se lo ignora, se si fa in modo di ignorarlo, allora è meglio che l'umanità scompaia. Che la Terra si scontri con un pianeta qualsiasi e che scompaia al più presto!

inviato il 09/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie mille! :-)

Complimenti Sara!!! le tue 10righe sono state le più segnalibrate, e per questo vinci un libro incentivo: comunicaci i tuoi dati a : info@10righedailibri.it

Anche io parlo per esperienza, un'esperienza sbagliata come quella descritta da queste righe...queste righe mi ricordano un mio passato...

Saretta, non sono d'accordo... La citazione non dice che devi vivere in funzione di una persona... Ma pensare a lei prima di tutto il resto... E la cosa sarà reciproca... Così come tu metterai al primo posto la felicità del tuo amato, lui farà lo stesso con te.. e in questo modo ci sarà equilibrio... parlo per esperienza... ;-)

Non si può dare così tanto ad una persona, bisogna pensare anche a sé stessi.Non si vive in funzione di una persona...

Ma questo é troppo malato...

L'Amore (con la A maiuscola) è sempre esagerato! ^__^

Trovo però che amare una persona così sia esagerato ^^'

Vi dico solo che con questo libricino ho pianto...

aggiungo segnalibro

L' amante di lady Chatterley

immagine copertina
Lawrence David H.
L' amante di lady Chatterley
garzanti 2007

...Connie era solita passeggiare per il parco e nei boschi intorno, godendo di quei momenti di solitudine passati a rovistare con i piedi tra le foglie brunite dell’autunno, a raccogliere le primule di primavera. Ma non era che un sogno, o meglio, un simulacro della realtà. Per Connie le foglie di quercia non erano che foglie di quercia viste tremolare in uno specchio, lei stessa non era che una donna di cui qualcuno stava leggendo la storia mentre raccoglieva primule fatte di ombre del ricordo, parole. In lei, nulla di tangibile... alito di vita. C’era solamente quella sua vita con Clifford, questo sbrogliare la matassa dei racconti all’infinito, sviscerare quelle minuzie della coscienza, quelle storienelle quali, così aveva detto Sir Malcom, non c’era nulla e dunque non sarebbero durate. A ciascun giorno la sua pena. A ciascun momento l’apparenzadella realtà....

inviato il 14/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

M'ispira :)

LO ZEN E LA CERIMONIA DEL TE'

immagine copertina
Okakura Kakuzo
LO ZEN E LA CERIMONIA DEL TE'
Tradotto da lAURA GENTILI
Feltrinelli
10 righe da pagina 11:

In origine il tè fu medicina, per poi trasformarsi in bevanda. Nella Cina dell'VIII secolo entrò a far parte del regno della poesia, come uno dei passatempi raffinati.
Nel XV secolo il Giappone lo elevò a religione estetica - il tèismo. Si tratta diun culto fondato sull'adorazione delbello, in contrapposizione alle miserie delavita quotidiana.
Il tèismo ispira purezza e armonia, il mistero della carità reciproca, il senso romantico dell'ordine sociale. Fondamentalmente è il culto dell'Imperfetto, e al tempo stesso un fragile tentativo di realizzare qualcosa di possibile inquell'impossibile che per noi è vita.

inviato il 14/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Il giorno prima della felicità

Erri De Luca
Il giorno prima della felicità
Feltrinelli 2009
10 righe da pagina 11:

A scuola c'erano i poveri e gli altri. Quelli della povertà come me ricevevano alle undici un pane con una marmellata di cotogne, portato dal bidello. Con lui entrava un profumo di forno che squagliava la bocca. Altri altri niente, loro avevano una merenda portata da casa. Un'altra differenza era che quelli della povertà in primavera avevano la testa rasata per i pidocchi, gli altri conservavano i capelli.

inviato il 14/01/2012
Nei segnalibri di:

Così è la vita.

Così è la vita. 6 years 21 settimane fa

Penso sia un a lettura utile,perchè la morte è un'argomento che ci riguarda tutti quanti.E non serve a nulla far finta di ignorarlo.Brava Concita che ha osato.

I quarantanove racconti

I quarantanove racconti 6 years 22 settimane fa

Mi inchino davanti al grande Ernest.Ciao Natalina.Buon anno.

UN MONDO DUE DONNE

UN MONDO DUE DONNE 6 years 22 settimane fa

Alessia:che i venti ti siano favorevoli e la marea propizia.

L'arte di colpevolizzare

L'arte di colpevolizzare 6 years 22 settimane fa

Mi chiedo se il postulato di Neuburger vale anche per altri casi.Tipo:i più amati saranno coloro che ameranno di più?

Ogni giorno,ogni ora

Ogni giorno,ogni ora 6 years 22 settimane fa

kuant'è bello far l'ammore quand'è sera...

Lezioni di tango

Lezioni di tango 6 years 28 settimane fa

Un'applauso meritato!

Tre cavalli

Tre cavalli 6 years 28 settimane fa

I libri usati racchiudono l'energia dei lettori precedenti.

Il giardiniere Poesie

Il giardiniere Poesie 6 years 31 settimane fa

Natalina, finirò col soffrire di sindrome di Stendhal.

Massime spirituali

Massime spirituali 6 years 31 settimane fa

Natalina l'inesorabile.

Poesie d'Amore

Poesie d'Amore 6 years 41 settimane fa

ROMA 1960---Quante donne belle ci sono al mondo, quante belle ragazze s'affacciano sulle terrazze della città. Contemplale vecchio, contemplale e mentre da un canto i tuoi versi si fanno più tersi e lucenti, dall'altro devi contrattare cercando di tirarla in lungo con la morte che ti sta accanto.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy