Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di laura.pt85

Gli ultimi giorni

immagine copertina
Raymond Queneau
Gli ultimi giorni
Tradotto da Francesco Bergamasco
Grandi Tascabili Economici Newton 2007
10 righe da pagina 102:

E quando vedo girare intorno a me il mio piccolo mondo, penso che un giorno il destino si compie; allora alcuni partono. A volte, per questo, ci vogliono anni e anni. Sono diventati vecchi, portando a compimento ogni anno il ciclo delle stagioni, in groppa al loro giorno di nascita come al cavallo delle giostre. A vedere la loro regolarità uno potrebbe credere che non si fermeranno mai e che l’asse è così ben ingrassato che continueranno a girare per sempre. Ma un giorno il loro destino si compie. Vale a dire che un giorno muoiono. I più giovani girano meno a lungo, e quando spariscono è per andare a girare altrove. Quanto a me, il ciclo delle stagioni non mi coinvolge, e resto insensibile al loro scorrere. Sono i pianeti che fanno le stagioni e, siccome io conosco l’orbita dei pianeti, è come se facessi io il corso delle stagioni. I vecchi clienti non se lo immaginano, ma è una cosa che a volte mi fa ridere.

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

WALDEN; o, vita nei boschi

immagine copertina
Henry David Thoreau
WALDEN; o, vita nei boschi
Tradotto da Piero Sanavio
Bit - Biblioteca Ideale Tascabile 1995
10 righe da pagina 293:

Io lasciai i boschi per una ragione altrettanto buona di quella per cui mi ci ero stabilito. Forse mi pareva d’avere altre vite da vivere, e di non potere dedicare altro tempo a quella sola. E’ notevole con che facilità e insensibilità noi prendiamo una certa strada e ci facciamo un sentiero ben tracciato. Ero là da appena una settimana, e già i miei piedi avevano segnato un sentiero dalla mia porta alla riva dello stagno. E’ ancora ben distinto, sebbene siano cinque o sei anni che non vi passo più. Certo, temo che altri vi siano passati, e che così abbiano contribuito a tenerlo aperto. La superficie della terra è morbida, atta a ricevere l’impronta dei piedi umani; così sono i sentieri che la mente percorre.
Io non desideravo fare un viaggio in cabina, ma stare davanti all’albero maestro, sul ponte del mondo, e vedere più distintamente la luce della luna fra le montagne. Adesso non ho nessuna voglia di scendere sotto coperta.

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Imparai questo, almeno, dal mio esperimento: che se uno avanza fiducioso nella direzione dei suoi sogni, e cerca di vivere la vita che s’è immaginato, incontrerà un inatteso successo nelle ore comuni. Si lascerà qualcosa alle spalle, passerà un confine invisibile; leggi nuove, universali e più libere cominceranno a stabilirsi dentro e intorno a lui; oppure le leggi vecchie saranno estese e interpretate in suo favore in senso più ampio.
In proporzione a quanto egli semplifica la sua vita, le leggi dell’universo gli appariranno meno complesse, e la solitudine non sarà tale, né la povertà sarà povertà, né la debolezza debolezza. Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non deve andare perduto; è quello il luogo dove devono essere. Ora il vostro compito è di costruire a quei castelli le fondamenta.

Il soldato

immagine copertina
Carlo Cassola
Il soldato
BUR La scala 2001
10 righe da pagina 60:

<< Prima di tutto >> le disse << ti ho vista, quella sera dopo il ballo, che camminavi abbracciata con Nino… e vi baciavate. >> Lei guardava da una parte, con un’aria seccata. << Perciò non mi sono mai illuso di essere il tuo primo innamorato. E non ti ho creduto quella sera che ti seguii uscendo dal cinema…quando mi dicesti che non eri di quelle che vanno coi militari. >>
Lei taceva sempre.
<< Dunque anche l’anno scorso facevi all’amore con un militare…che quando era consegnato scavalcava il muro di cinta, per potersi incontrare con te. Ma per fare una passeggiatina sentimentale non mette davvero conto di rischiare la prigione. >> Esitò ancora un momento: << Hai capito quello che voglio dire? Delle passeggiatine sentimentali io ne sono stufo e arcistufo. Se si deve continuare così, è meglio smettere. Perché io non sono più un ragazzino, che si possa contentare dei baci >>.
<< Che vuoi da me? >>
<< Lo sai cosa voglio. >>
<< Le ragazze del tuo paese fanno così? >>
<< Le ragazze del mio paese con un uomo non ci vanno affatto…oppure gli dànno tutto. >>

inviato il 25/06/2012
Nei segnalibri di:

I vecchi e i giovani

immagine copertina
Luigi Pirandello
I vecchi e i giovani
Biblioteca economica Newton 1999
10 righe da pagina 197:

- Ma chi è costui? - domandò col solito piglio feroce Mattia Gangi.
- Chi rappresenta? Come vive? Che fa? Da qual chiavica è scappato fuori? Lindo, attillato, con quell’aria di principe regnante…
Il canonico Agrò scosse leggermente la testa con un sogghignetto su le labbra, poi disse:
- Aquiloni, cari amici, aquiloni! Lui, il Veronica e quanti altri mai! Aquiloni… Li vedete in alto, ai sette cieli, rimanete a bocca aperta a mirarli; e chi sa intanto qual è la mano che dà loro il filo! Può esser quella di qualche mala femmina; o il filo può venire dalla Questura, o da qualche bisca notturna… Nessuno può saperlo! L’aquilone intanto è là, piglia il vento, lo segue e par che lo domini. Di tratto in tratto, uno svarione, una vertigine, l’accenno d’un crollo a capofitto. Ma la mano ignota, sotto, subito lo rialza con lievi scossettine sapienti o con larghe stratte energiche e lo rimette a vento e torna a dar filo e filo e filo. Gli aquiloni, cari miei… Quanti ce n’è! E hanno tutti la coda, et in cauda venenum...

inviato il 25/06/2012
Nei segnalibri di:

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

immagine copertina
Antonio Capolongo
Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria
Arduino Sacco Editore 2012
10 righe da pagina 115:

Marcello è intenzionato a fermare quella macchina, è ormai nel vano motore di cui ne osserva ogni movimento. Ossiero ne è alla guida ma, per mantenerla ai più alti livelli di efficienza, deve essere molto attento alla manutenzione, vale a dire che ogni parte del motore deve funzionare perfettamente. Ma lui non è un guidatore semplice, è un pilota, ha quindi molta predisposizione naturale e una grande capacità di individuare un guasto e talvolta di prevenirlo. Solitamente sostituisce, con le sue stesse mani, il pezzo giunto alla fine della sua vita, e l’auto è in tal modo sempre scattante, pronta a ricevere i suoi comandi. Ma l’esperto pilota sa anche che un veicolo, fosse anche il più perfetto del mondo, deve fare i conti con le insidie della strada.
Al perfido dottor Ossiero sta accadendo proprio questo, sta attraversando una strada stracolma di buche. Non si sta rendendo conto che sta chiedendo troppo agli ammortizzatori, quelli sociali, nella fattispecie "la mia straordinaria cassa integrazione guadagni". Sta osando oltremodo, sta spingendo quella sua auto perfetta verso la fine.

inviato il 25/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Antonio, grazie di avermi coinvolta nella lettura del tuo racconto. In realtà li seguo da quest’estate i messaggi in bottiglia, sono ferma alla settima puntata e a breve leggerò l’ottava. Sono interessanti e fondamentali gli argomenti che stai analizzando nei tuoi scritti, l’impegno e l’empatia che ci metti sono di certo una risposta positiva ed emulabile a certe storture, ed è da essi che passa, se passa, un cambiamento in meglio.
Ti auguro per ora buon lavoro e ti mando un saluto.
Grazie.

Ciao Laura, riporto nella tua pagina una lettera che molto si lega agli scambi precedenti, nonché ai lavoratori... nella speranza di un cambiamento.
Lascio il link: http://www.lundici.it/2012/11/al-ministro-fornero-chiedo-rispetto-per-i-...

Buone cose
Antonio

Ciao Antonio, sono contenta che ti abbia fatto così piacere leggere le righe tratte dal libro, ma sono io che ringrazio te, per me sei stato la sorpresa più gradita e inaspettata qui sopra, per le capacità narrative ma soprattutto per l’umiltà e la squisitezza d’animo che ti contraddistinguono e che si riflettono in quest’ultimo post qui sotto e naturalmente in quello che scrivi.
Quando mi arrivò il tuo libro stavo finendo di leggere quello di Pirandello, “I vecchi e i giovani”, e neanche a farlo apposta, mi sono trovata poi a leggere uno dopo l’altro, due libri che sono in qualche modo collegati da un filo, che ingloberebbe in una rete altri libri simili, ora penso a Le Terre del Sacramento perché l’ho postato qui, ma ce ne sono tanti altri, come sai meglio di me. Voglio dire, quello di Pirandello è un periodo storico ampio, che include avvenimenti e fatti che sono ormai Storia, la nostra, ma in fondo all’epoca era attualità o quasi (vent'anni più o meno separeranno il libro dai fatti narrati) così come lo è lo spaccato di vita che hai raccontato tu. Poi in fondo la furbizia "sporca", la menzogna, l'ingordigia, l'inclinazione alla sopraffazione da un lato, così come lo spessore e la nobiltà d'animo dall'altro, sono qualità dell'uomo di ogni tempo (al massimo possono essere, forse, più o meno facili da esplicare in un periodo storico e in un ambiente sociale invece che in un altro).
Forte il romanzo a puntate sulla rivista online. Sembra Internet che sposa il passato, perché è una cosa che mi rimanda sempre agli scrittori dell’ottocento, quelli che scrivevano a puntate sui giornali di punta e rischiavano l’esilio e di peggio per aver espresso il loro dissenso direttamente o attraverso la figura dell’aristocratico abietto, del mendicante etc.… e comunque a parte questo, volevo dire, grazie di averlo postato, ti ribadisco i complimenti, è molto bello e lascia in attesa di nuovi messaggi e significati.
Buone cose e... buone scritture!
Ciao!

Ho letto il racconto, e la frase che mi piace di più è "una pietra... per ricostruire"

Aggiungo un segnalibro, ma vorrei ne valesse altri 5. Non per carineria, non ce n'è bisogno, ma perché vorrei emergesse quel messaggio positivo che credo nel libro ci sia (ho letto solo la descrizione del libro nel sito dell'editore). Troppo spesso le aziende chiudono, non investono, tagliano... non curanti dei destini di chi presta la propria professionalità a beneficio dell'azienda, di un'azienda certamente schiacciata dagli adempimenti e dalle tasse, ma spesso anche vittima della non lungimiranza di chi l'amministra, come si vede anche dalle righe scelte da Laura.

Brave New World (Il mondo nuovo)

immagine copertina
Aldous Huxley
Brave New World (Il mondo nuovo)
Tradotto da Lorenzo Gigli e Luciano Bianciardi
Oscar Mondadori - Classici Moderni 1997
10 righe da pagina 9:

"Il processo Bokanovsky è uno dei maggiori strumenti della stabilità sociale!". Uomini e donne tipificati; a infornate uniformi. Tutto il personale di un piccolo stabilimento costituito dal prodotto di un unico uovo bokanovskificato.
"Novantasei gemelli identici che lavorano a novantasei macchine identiche!". La voce era quasi vibrante d’entusiasmo. "Adesso si sa veramente dove si va. Per la prima volta nella storia". Citò il motto planetario: "Comunità, Identità, Stabilità". Grandi parole. "Se potessimo bokanovskificare all'infinito, l’intero problema sarebbe risolto". Milioni di gemelli identici. Il principio della produzione in massa applicato finalmente alla biologia.
"Ma, ahimè", il Direttore scosse il capo "noi non possiamo bokanovskificare all'infinito". Novantasei sembrava essere il limite; settantacinque una buona media. Fabbricare il maggior numero possibile di gemelli identici con la medesima ovaia e coi gameti dello stesso maschio, questo era quanto di meglio (e purtroppo un meglio di gran lunga inferiore all’ottimo) si potesse fare.

inviato il 04/05/2012
Nei segnalibri di:

Il secolo cinese

immagine copertina
Federico Rampini
Il secolo cinese
Piccola Biblioteca Oscar Mondadori 2006
10 righe da pagina 105:

Da decenni l’afflusso di studenti asiatici alimentava gli Stati Uniti di forze fresche, qualificate e competitive, soprattutto nei settori scientifici. Era stata coniata una definizione, ironica ma efficace: “I migliori campus americani sono quei luoghi in cui anziani professori ebrei trasmettono il sapere sulla matematica, sulla fisica e sulla biologia a giovani studentesse cinesi”.[…] Già negli anni Novanta nella Silicon Valley l’economista Annalee Sexenian avevo censito un terzo di start-up tecnologiche create da neoimprenditori col passaporto asiatico. Se viene meno questa risorsa, le conseguenze saranno profonde.[…] Negli ultimi anni i big dell’industria tecnologica americana delocalizzano in Cina non solo le fabbriche, ma anche i centri di ricerca, cioè posti di lavoro per scienziati. Microsoft, Intel, IBM, Motorola, Bell Labs, sono alcuni grandi nomi del “sistema America” che ormai hanno in Cina centri di studi, laboratori sperimentali, uffici di design e progettazione dove assumono matematici, fisici, ingegneri.

inviato il 05/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Mh si è vero, ti coinvolge...

segnalibro

L'autore sa descrivere come pochi lo sanno fare.

Balzac e la piccola sarta cinese

immagine copertina
Dai Sijie
Balzac e la piccola sarta cinese
Tradotto da Ena Marchi
Adelphi 2001
10 righe da pagina 99:

Ci avvicinammo alla valigia. Era legata con una grossa corda di paglia intrecciata, annodata in croce. La liberammo dai suoi legacci e la aprimmo in silenzio. Dentro, alla luce della torcia elettrica, si illuminarono sotto i nostri occhi pile di libri; i grandi scrittori occidentali ci accolsero a braccia aperte: In testa a tutti il nostro vecchio amico Balzac, con cinque o sei romanzi, e poi Victor Hugo, Stendhal, Dumas, Flaubert, Baudelaire, Romain Rolland, Rousseau, Tolstoj, Gogol', Dostoevskij, e qualche inglese: Dickens, Kipling, Emily Brontë...Rimanemmo abbagliati. Io avevo l'impressione di venir meno, ero come in preda all'ebbrezza. Tirai fuori i libri dalla valigia a uno a uno, li aprii, contemplai i ritratti degli autori e li passai a Luo. Mi sembrava, a toccarli con la punta delle dita, che le mie mani, diventate pallide, fossero in contatto con delle vite umane.

inviato il 05/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Si! E' bello così!

ci proviamo :) e spesso anche loro danno interessanti consigli a me :)

"Gli alunnetti"! :) Quando mi è capitato (raramente purtroppo) che a scuola un insegnante mi consigliasse un libro o anche un film, è stato sempre un regalo, dovrebbero farlo più spesso, integrare, dare input, aprire la mente!

io lo propongo sempre ai miei alunnetti :) ciao

Grande! Mi sembra che ci abbiano fatto pure un film su questo libro. Ciao!

Confessioni di una maschera

immagine copertina
Yukio Mishima
Confessioni di una maschera
Tradotto da Marcella Bonsanti
Feltrinelli 2002
10 righe da pagina 94:

Quando un ragazzo di quattordici o quindici anni si scopre più portato all'introspezione e all'autocoscienza d'altri suoi coetanei, cade facilmente nell'errore di ascriverne il motivo al fatto che è più maturo di loro. Nel mio caso fu indubbiamente uno sbaglio. Il motivo semmai stava qui, che gli altri ragazzi non provavano quel bisogno di comprendere se stessi che in me era così impellente: potevano esplicare la loro personalità con la massima naturalezza, mentre a me incombeva recitare una parte, e questo doveva richiedere un acume e uno studio considerevoli. E quindi non era la mia maturità, ma il mio senso di malessere, la mia insicurezza, che mi forzavano ad acquistare il controllo della mia coscienza; giacchè una coscienza del genere era semplicemente un trampolino di lancio verso l'aberrazione, e tutti i miei pensamenti di allora, nient'altro che congetture incerte e campate in aria.

inviato il 03/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

E' bello raggiungere "l'altrove" attraverso la letteratura!!!grazie!

Mitico! Grazie.

Il romanzo dei tre regni di Luo Guanzhong (罗贯中)
I briganti di Shī Nài'ān (施耐庵) e Luo Guanzhong (罗贯中)
Viaggio in Occidente di Wú Chéng'ēn (吴承恩)
Il sogno della camera rossa Cao Xueqin (曹雪芹)

Io consiglierei a tutti "Il sogno della camera rossa" uno dei quattro libri fondamentali della letteratura cinese (la mentalità, la cultura e tutto ciò che riguarda la vita degli orientali è un rifletto dovuto o voluto di questi libri.) Se qualcuno conosce un edizione italiana me lo segnali, perché non l'ho mai trovata. Bè, imparatevi il cinese hahahaha.

eh "peculio permettendo" è forte...No non li ho mai letti i libri che hai nominato, e temo di essermene persi finora parecchi di scrittori orientali...me li segno questi nomi.

Padri e Figli

immagine copertina
Ivan S. Turgenev
Padri e Figli
Tradotto da Silvio Polledro
Bit - Biblioteca Ideale Tascabile 1996
10 righe da pagina 141:

Allora Arina Vlas'evna gli si accostò e, appoggiando la sua testa canuta alla testa canuta di lui, disse: "Che fare, Vasja! Un figlio è una fetta staccata via. Lui è come il falco: Ha voluto - è venuto, ha voluto - ha preso il volo; e noi due siamo come cantarelli in un cavo d'albero, stiamo l'uno accanto all'altra, e non ci si muove di lì. Solo io rimarrò per te sempre la stessa, come tu per me". Vasilij Ivanovič si tolse le mani dal viso e abbracciò sua moglie, la sua amica, forte come non l'aveva abbracciata nemmeno in gioventù: Ella lo aveva consolato nella sua tristezza.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Link completo: http://scrivi.10righedailibri.it/gioco-allora-1-libro

Grandi speranze

immagine copertina
Charles Dickens
Grandi speranze
Oscar mondadoi
10 righe da pagina 94:

Quello che per me fu un giono memorabileperchè da allora molte cose mutarono nella mia vita. Ma così accade a tutti gli esseri umani. Cercate col pensiero di eliminare un dato giorno speciale della vostra vita e pensate a come diverso potrebbe essere stato il suo corso! Fermati, tu che leggi, e medita per un momento sulla lunga catena di bronzo o d'oro, di spine o di fiori, che mai ti avrebbe soggiogato se in un solo memorabilegiorno non si fosse formato e chiuso il primo anello.

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per la visita!! =)

Sono molto contenta che ti sia piaciuto il mio romanzo. E' per te che ho conosciuto questo bel sito. Grazie per il commento!

Grandi speranze

immagine copertina
Charles Dickens
Grandi speranze
Oscar mondadoi
10 righe da pagina 92:

"No, sono ignorante e tardo, Joe."
"Ma quando mai? Pensa a quella lettera che mi hai scritto ieri sera!"
"Non ho imparato quasi nulla, Joe. Tu mi credi più di quello che realmente sono. E' soltanto questo."
"Be', Pip" disse Joe "sia così o non sia così! devi pur essere un allievo comune prima di diventare un allievo fuori del comune. Questo è certo! Il re sul suo trono, con tanto di corona in testa, non può mettersi a scrivere gli atti del Parlamento, senza aver cominciato con l'alfabeto quando era ancora un semplice principe...Ah! e cominciato anche lui dalla A e faticato a trovare la strada fino alla Z!"
C'era uno spiraglio di speranza in questo brano di saggezza e mi inculcò coraggio.
"Noi apparteniamo alla gente comune sia per mestiere sia per istruzione e non sarebbe meglio quindi continuare a vivere con persone comuni, invece di andare a giocare con gente fuori del comune? Il che mi fa ricordare il gioco delle bandiere e vorrei sperare che almeno queste ci fossero, no?"

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

La bottega del caffè

immagine copertina
Carlo Goldoni
La bottega del caffè
Rizzoli collana BUR 1996
10 righe da pagina 14:

EUGENIO: "Non dice male; confesso che non dice male. Mia moglie, povera disgraziata, che mai
dirà? Questa notte non mi ha veduto; quanti lunari avrà ella fatti? Già le donne, quando non vedono
il marito in casa, pensano cento cose una peggio dell'altra. Avrà pensato, o che io fossi con altre
donne, o che fossi caduto in qualche canale, o che per i debiti me ne fossi andato. So che l'amore,
ch'ella ha per me, la fa sospirare; le voglio bene ancor io, ma mi piace la mia libertà. Vedo però, che
da questa mia libertà ne ricavo più mal che bene, e che se facessi a modo di mia moglie, le faccende
di casa mia andrebbero meglio. Bisognerà poi risolversi, e metter giudizio. Oh quante volte ho detto
così!"

inviato il 09/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

molto bello.

segnalibro

Bello :)

bellissima commedia

Fai bei sogni

immagine copertina
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Longanesi
10 righe da pagina 28:

Non essere amati è una sofferenza grande, però non la più grande. La più grande è non essere amati più. Nelle infatuazioni a senso unico l'oggetto del nostro amore si limita a negarci il suo. Ci toglie qualcosa che ci aveva dato soltanto nella nostra immaginazione. Ma quando un sentimento ricambiato cessa di esserlo, si interrompe brutalmente il flusso di un'energia condivisa. Chi è stato abbandonato si considera assaggiato e sputato come una caramella cattiva. Colpevole di qualcosa di indefinito. Così mi sentivo. Non avevo saputo trattenerla. Forse era andata a cercarsi un figlio che riuscisse a disegnarla meglio.

inviato il 09/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro

La cotogna di Istanbul ballata per tre uomini e una donna

immagine copertina
Paolo Rumiz
La cotogna di Istanbul ballata per tre uomini e una donna
Feltrinelli Editore 2010
10 righe da pagina 10:

Incoraggiate coloro che cercano
di tener vigile la vostra mente
tenete in serbo i loro pensieri
metteteli dentro una cassapanca
assieme ad alcune mele cotogne
così i vostri panni avranno profumo
d'intelligenza per un anno intero.

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff ora provvedo subito :-) e grazie ancora Martina :-)

figurati!certo che non mi offendo!se questo libro è così bello come promette dalle dieci righe, non mi resta altro da fare che leggerlo! :)

Certo Violet scegli pure a chi donare e scrivi poi anche nei suoi commenti: "invia il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it indicando il gioco a cui si riferisce" :)

Grazie Martina, grazie di cuore, spero che non ti offenderai, se chiederò allo Staff 10 righe di poterlo regalare. Stamane lo Staff Martina, mi ha regalato un altro libro incentivo premiando le 10 righe sempre di questo libro.
io lo sto ancora leggendo e devo dire che è veramente bello...
Staff 10 righe potrei regalarlo? Grazie e grazie ancora Martina :-)

sagge parole, meritevoli del libro incentivo che devo assegnare!

CECENIA. IL DISONORE RUSSO

immagine copertina
ANNA POLITKOVSKAJA
CECENIA. IL DISONORE RUSSO
Tradotto da Agnès Nobécourt, Alberto Bracci
Fandango 2009
10 righe da pagina 100:

Ci troviamo nel cortile della casa più povera di Nokhchi-Keloi. È qui che viveva il professore di storia Abdul-Wahhab Satabaiev di cui non è stata trovata la testa. Hanno seppellito i suoi resti avvolti in un “bozzolo”, senza la testa.
Baisark è la vedova di Abdul-Wahhab. I cinque orfani non vengono fuori a prendere parte alla conversazione degli adulti. Sono incollati al vetro di una finestrella. Le adolescenti, fazzoletto nero in testa, mi fissano con uno sguardo duro e pieno di disprezzo, come se fossi stata io a uccidere loro padre. Intanto la vedova allarga un po’ le mani come se volesse prendere una scodella, ma il gesto serve a mostrarmi ciò che aveva seppellito: due ossa carbonizzate. […]
“Che devo fare?”, chiese Baisark con calma, come vuole la tradizione. “Come scoprire la verità? Chi sono i colpevoli? E chi mi aiuterà a trovarli?”
“Ci hanno dimenticato tutti, ci hanno lasciati soli con il nostro dolore”, confermano gli anziani.

inviato il 05/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Solo chi legge può comprendere quanto sia lunga l'attesa di un libro, nella fattispecie il libro che Violet Hill aveva deciso di regalarmi quasi quattro mesi fa.
Grazie ancora Violet Hill e buone cose a tutti.
Antonio

Ciao Violet, il tuo gesto è straordinario. Oltre a darmi una gioia immensa, regala vicinanza a un popolo... che non sarà dimenticato.
Grazie Violet, buone letture e buone cose
Antonio

Ciao Antonio, mi sono piaciute molto le tue 10 righe del libro di Anna Politkovskaja, sopratutto mi ha colpito la frase “Ci hanno dimenticato tutti, ci hanno lasciati soli con il nostro dolore”... Quindi vorrei regalarti il mio libro incentivo. Grazie e per riceverlo manda l'email con i tuoi dati a
libroincentivo@10righedailibri.it :-)

segnalibro

Grazie e spero che le sue parole giungano a tutti.

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

immagine copertina
Antonio Capolongo
Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria
Arduino Sacco Editore 2012
10 righe da pagina 177:

È emblematico come a volte anche il tempo, attraverso la sua usura, voglia contribuire a cancellare i nomi di alcuni uomini.
Peppino Impastato è uno di quelli, uno di quelli che danno “fastidio” al potere organizzato.
Peppino fu trucidato dalla mafia semplicemente perché denunciava collusioni, malaffari. Lo faceva attraverso la sua Radio Aut. La sua storia è stata egregiamente raccontata nel film I cento passi di Marco Tullio Giordana, interpretato da Luigi Lo Cascio. […]
Quei nomi si allineano, si compongono, si stagliano uno dopo l’altro, a raffica, come gettati con veemenza, con rabbia, in modo tale che, quando giungono, se ne senta ancora di più il peso sulla coscienza, riguardo ai giusti, per non averli salvati, riguardo a coloro che si sono macchiati di crimini ignominiosi, per non averli fermati.

inviato il 05/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Tutte le poesie

immagine copertina
EMILY DICKINSON
Tutte le poesie
Tradotto da M. Bacigalupo, N. Campana, M. Guidacci, S. Raffo, C. Campo, A. Cima, E. Montale, G. Giudici, M. Luzi e A. Rosselli
ARNOLDO MONDADORI EDITORE 1997
10 righe da pagina 1568:

Rather arid delight
If Contentment accrue
Make an abstemious Ecstasy
Not so good as joy -

But Rapture's Expense
Must not be incurred
With a to-morrow knocking
And the Rent unpaid -

inviato il 05/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Salve a tutti, libri gratis in spiaggia. Una gradevolissima iniziativa... nel Cilento. Lascio il link: http://notizie.tiscali.it/regioni/campania/socialnews/Campione/3946/arti...

Buone cose
Antonio

Errata corrige: Dickinson.

Rapito dalle parole sublimi di Emily Duckinson... ho trascritto la poesia in lingua originale.

Un saluto a tutti
Antonio

Partecipo al minigioco del 5 Luglio http://scrivi.10righedailibri.it/un-crimine-al-giorno

I sommersi e i salvati

immagine copertina
Primo Levi
I sommersi e i salvati
Giulio Einaudi Editore
10 righe da pagina 24:

Siamo stati capaci, noi reduci, di comprendere e di far comprendere la nostra esperienza? Ciò che comunemente intendiamo per "comprendere" coincide con "semplificare": senza una profonda semplificazione, il mondo intorno a noi sarebbe un groviglio infinito e indefinito, che sfiderebbe la nostra capacità di orientarci e di decidere le nostre azioni. Siamo insomma costretti a ridurre il conoscibile a schema:a questo scopo tendono i mirabili strumenti che ci siamo costruiti nel corso dell'evoluzione e che sono specifici del genere umano, il linguaggio ed il pensiero concettuale.

inviato il 05/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

del 1986

Roberto, di che anno è il libro? :)

wow grazie mille...:-)

Roberto abbiamo condiviso le tue 10 righe sui social : )

Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana

immagine copertina
Carlo Emilio Gadda
Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana
Garzanti, 1982
10 righe da pagina 3:

Sosteneva, fra l'altro, che le inopinate catastrofi non sono mai la conseguenza o l'effetto che dir si voglia d'un unico motivo, d'una causa al singolare: ma sono come un vortice, un punto di depressione ciclonica nella coscienza del mondo, verso cui hanno cospirato tutta una molteplicità di causali convergenti. Diceva anche nodo o groviglio, o garbuglio, o gnommero, che alla romana vuol dire gomitolo. Ma il termine giuridico "le causali, la causale" gli sfuggiva preferentemente di bocca: quasi contro sua voglia...
La causale apparente, la causale principe, era sì, una. Ma il fattaccio era l'effetto di tutta una rosa di causali che gli eran soffiate addosso a molinello (come i sedici venti della rosa dei venti quando s'avviluppano a tromba in una depressione ciclonica) e avevano finito per strizzare nel vortice del delitto la debilitata "ragione del mondo". Come si storce il collo a un pollo.

inviato il 06/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro

Partecipo a Un crimine al giorno http://scrivi.10righedailibri.it/un-crimine-al-giorno.

Malombra

Malombra 4 years 37 settimane fa

Volevo leggerlo proprio un po' di tempo fa questo libro, poi lo ha letto mia sorella che l'ha trovato un po' pesante nello stile, a te sembra che sia piaciuto...Prima o poi lo leggo e mi faccio un'idea più precisa... :) Ciao!

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria 4 years 37 settimane fa

Ciao Antonio, grazie di avermi coinvolta nella lettura del tuo racconto. In realtà li seguo da quest’estate i messaggi in bottiglia, sono ferma alla settima puntata e a breve leggerò l’ottava. Sono interessanti e fondamentali gli argomenti che stai analizzando nei tuoi scritti, l’impegno e l’empatia che ci metti sono di certo una risposta positiva ed emulabile a certe storture, ed è da essi che passa, se passa, un cambiamento in meglio.
Ti auguro per ora buon lavoro e ti mando un saluto.
Grazie.

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria 5 years 8 settimane fa

Ciao Antonio, sono contenta che ti abbia fatto così piacere leggere le righe tratte dal libro, ma sono io che ringrazio te, per me sei stato la sorpresa più gradita e inaspettata qui sopra, per le capacità narrative ma soprattutto per l’umiltà e la squisitezza d’animo che ti contraddistinguono e che si riflettono in quest’ultimo post qui sotto e naturalmente in quello che scrivi.
Quando mi arrivò il tuo libro stavo finendo di leggere quello di Pirandello, “I vecchi e i giovani”, e neanche a farlo apposta, mi sono trovata poi a leggere uno dopo l’altro, due libri che sono in qualche modo collegati da un filo, che ingloberebbe in una rete altri libri simili, ora penso a Le Terre del Sacramento perché l’ho postato qui, ma ce ne sono tanti altri, come sai meglio di me. Voglio dire, quello di Pirandello è un periodo storico ampio, che include avvenimenti e fatti che sono ormai Storia, la nostra, ma in fondo all’epoca era attualità o quasi (vent'anni più o meno separeranno il libro dai fatti narrati) così come lo è lo spaccato di vita che hai raccontato tu. Poi in fondo la furbizia "sporca", la menzogna, l'ingordigia, l'inclinazione alla sopraffazione da un lato, così come lo spessore e la nobiltà d'animo dall'altro, sono qualità dell'uomo di ogni tempo (al massimo possono essere, forse, più o meno facili da esplicare in un periodo storico e in un ambiente sociale invece che in un altro).
Forte il romanzo a puntate sulla rivista online. Sembra Internet che sposa il passato, perché è una cosa che mi rimanda sempre agli scrittori dell’ottocento, quelli che scrivevano a puntate sui giornali di punta e rischiavano l’esilio e di peggio per aver espresso il loro dissenso direttamente o attraverso la figura dell’aristocratico abietto, del mendicante etc.… e comunque a parte questo, volevo dire, grazie di averlo postato, ti ribadisco i complimenti, è molto bello e lascia in attesa di nuovi messaggi e significati.
Buone cose e... buone scritture!
Ciao!

WALDEN; o, vita nei boschi

WALDEN; o, vita nei boschi 5 years 6 settimane fa

Imparai questo, almeno, dal mio esperimento: che se uno avanza fiducioso nella direzione dei suoi sogni, e cerca di vivere la vita che s’è immaginato, incontrerà un inatteso successo nelle ore comuni. Si lascerà qualcosa alle spalle, passerà un confine invisibile; leggi nuove, universali e più libere cominceranno a stabilirsi dentro e intorno a lui; oppure le leggi vecchie saranno estese e interpretate in suo favore in senso più ampio.
In proporzione a quanto egli semplifica la sua vita, le leggi dell’universo gli appariranno meno complesse, e la solitudine non sarà tale, né la povertà sarà povertà, né la debolezza debolezza. Se avete costruito castelli in aria, il vostro lavoro non deve andare perduto; è quello il luogo dove devono essere. Ora il vostro compito è di costruire a quei castelli le fondamenta.

Il secolo cinese

Il secolo cinese 5 years 10 settimane fa

Mh si è vero, ti coinvolge...

Angeli perduti del Mississippi

Angeli perduti del Mississippi 5 years 11 settimane fa

Ohoh! Magnifico, "The Beano Album"

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria 5 years 15 settimane fa

Ciao Antonio... Letto! Lo avrei fatto un po’ più lentamente ma mi sembrava di interromperti mentre parlavi. Bel racconto, scritto bene e con la passione di chi non si assopisce davanti alle scoloriture che lo circondano. E’ un bel personaggio, Marcello, sa come vuol muoversi nella vita; colto l’essenziale (Sofia prima di tutto, credo) gli diviene altrettanto essenziale salvaguardarlo, ed è bello che non avvolga solo su di sé la sua problematica ma che tenda a ricercarne una fonte comune e ad unire il suo percorso alle tracce che altri hanno lasciato, al fine di individuare una soluzione positiva e umanamente dignitosa. Nota a parte, il capitolo XIX…racconti quella cosa in modo delicato e così oltremodo preciso che mi ha colpita molto. Ti ringrazio di avermi regalato l’opportunità di leggerti per la prima volta. In bocca al lupo per la tua attività di scrittore e per tutto il resto. Ti saluto e ci leggiamo qui… Se per te va bene, le inserirò sul sito delle righe tratte dal libro… Ciao!

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria 5 years 16 settimane fa

Ciao, mi è già arrivato il pargoletto! E' graziosissimo, la copertina, le foto all'inizio di ogni capitolo... Mi piacerebbe che mi si presentasse un giorno l'occasione di poter ricambiare. Grazie di cuore. Un saluto.
Laura

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria 5 years 17 settimane fa

Si, ciao, gliel'ho inviato l'indirizzo. Grazie, buone cose a te e buona giornata.

Freaks! 8 Racconti

Freaks! 8 Racconti 5 years 17 settimane fa

Ah è vero, ho cercato sul sito che hai linkato e lo dice che c'è pure quel racconto...mh però è un ebook, il cartaceo in libreria sembra che non esista...mi devo modernizzare forse... appunto io sono più o meno rimasta ai newton 100 pagine 1000 lire eheh, inarrivabili...ciao!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy