Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Ann Lee

Cuore satellite

immagine copertina
Pierpaolo Mandetta
Cuore satellite
Youcanprint 2015

Quando ero bambino e dovevo già dormire, sorpresi mia madre nella delusione, intenta a lavorare a maglia con due lacrime che non mi ha mai spiegato, in un angolo di cucina illuminato a stento. Non mi aveva sentito perché avevo i piedini sul pavimento e le pantofole lasciate sotto al letto. Lei, per riparare al danno di avermi turbato nel vederla piangere senza motivo, mi insegnò come si sorride per finta, così che tutto torni a posto. Mi disse che se gli altri non sospettano un tuo dolore, allora quel dolore non esiste.

inviato il 15/09/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Anche questo l'ho letto in ebook e non ho la pagina, mi dispiace :(

Ciao Ann Lee, scrivi qui nei commenti il numero di pagina da dove hai tratto le tue 10righe. Grazie.

Testimone inconsapevole

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Testimone inconsapevole
Sellerio 2002

Prima che l'udienza cominciasse parlai con Abdou. Dovevo verificare se l'idea che mi era venuta in spiaggia aveva un senso e poteva essere sviluppata.
Poteva. Forse avevamo una possibilità in più, ma io cercai di reprimere ogni entusiasmo. Quando ti viene un'idea che sembra molto brillante, di solito poi non funziona, mi dissi. E allora ci resti male.
Sperimentato troppe volte. Sperimentato non abbastanza per rassegnarmi.

inviato il 09/09/2016
Nei segnalibri di:

Ragionevoli dubbi

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Ragionevoli dubbi
Seller editore Palermo 2006
10 righe da pagina 106:

"Un colore?"
"Sì, è una regola del gioco. Per potersi realizzare i desideri devono essere colorati."
Per potersi realizzare i desideri devono essere colorati. Giusto. Finalmente capivo cosa c'era di sbagliato, con i desideri che avevo espresso fino a quel momento, nella mia vita. C'era questa regola e nessun me l'aveva detta.
"Dimmi i tuoi desideri"
Di solito non sono capace di rispondere alle domande su desideri. Non sono capace e non ne ho voglia. Che poi è praticamente le stessa cosa.
Confessare, anche a se stessi, i propri desideri - quelli veri - è pericoloso. Se sono realizzabili, e spesso lo sono, dichiararli ti mette di fronte alla paura di provarci. E dunque alla tua vigliaccheria. Allora preferisci non pensarci, o pensare che hai desideri impossibili, e che è da adulti non pensare alle cose impossibili.

inviato il 22/08/2016
Nei segnalibri di:

I milanesi ammazzano al sabato

immagine copertina
Giorgio Scerbanenco
I milanesi ammazzano al sabato
Garzanti 2012

Che furore. Il pastore sardo non dice alla polizia il nome del bandito che gli ha ucciso il fratello, la vecchietta siciliana non dice il nome del mafioso, che pur ben conosce, che ha ucciso il figlio della sua più cara amica, e le puttane non dicono il nome dell'abietto individuo che le riduce nella loro tragica schiavitù. Continuassero, continuassero pure con quei loro "punti d'onore". Già da molto tempo pensava che qualche volta bisognava punire non solo i colpevoli, ma anche le loro vittime che per insensibilità morale si lasciavano torturare.

inviato il 02/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Scusate il ritardo :) L'ho letto da Kindle, non ho idea di che pagina sia, mi dispiace.

Numero della pagina da cui hai tratto le 10righe... Grazie!

Ma già prima di Giugno

immagine copertina
Patrizia Rinaldi
Ma già prima di Giugno
Edizioni e/o 2014

Quello che non riesco a capire davvero è come fa Giuseppina con me, come ha sempre fatt. Anche nelle mancanze non mi ha segnato a dito, non ha preteso logica sua nelle azioni mie, mi ha perdonata a prescindere anche quando andavo a sbattere contro le sue convinzioni. Il suo amore è stato uguale, paradiso in terra, respiro a bocca aperta in mezzo all'affanno. Bugiarda è stata bugiarda, ma non se n'è andata lo stesso.

inviato il 07/05/2016
Nei segnalibri di:

Una moglie a Parigi

immagine copertina
Paula McLain
Una moglie a Parigi
Tradotto da Simona Fefè
Neri Pozza 2012

All'epoca circolava una canzone intitolata "Make believe" (Fingi), la cantava Nora Bayes e probabilmente era il trattato sulle illusioni più melodioso e persuasivo che avessi mai ascoltato. Nora Bayes era bellissima, e la sua voce tremante ti diceva che sapeva parecchie cose sull'amore. Quando ti consigliava di abbandonare il dolore, la preoccupazione, e i patemi di un tempo e di sorridere - bè, ti faceva credere di averlo fatto lei per prima. Non si trattava di un consiglio ma di un ordine.

inviato il 16/04/2016
Nei segnalibri di:

Sotto il segno della pecora

immagine copertina
Haruki Murakami
Sotto il segno della pecora
Tradotto da Anna Rusconi
Longanesi 1992

"Per quanto riguarda il disegno, si tratta della copia di un originale conservato presso gli archivi medici dell'ospedale militare americano. É datato 21 luglio 1946. Fu eseguito dal Boss in persona, su richiesta dei dottori: un anello di collegamento nel processo di documentazione dei suoi stati di allucinazione. Infatti, sempre stando ai rapporti medici dell'epoca, questa pecora appariva con grande frequenza nelle sue visioni. Per dirla in cifre, era protagonista di circa l'ottanta per cento delle sue allucinazioni, o di quattro allucinazioni su cinque. E non stiamo parlando di una pecora qualsiasi, bensì di un esemplare castano con una stella sulla schiena."

inviato il 13/04/2016
Nei segnalibri di:

Pierre e Jean

immagine copertina
Guy de Maupassant
Pierre e Jean
Tradotto da Giacomo Di Belsito
Garzanti 2012

Cercava da dove gli venisse quel nervosismo, quel bisogno di muoversi senza aver voglia di niente, quel desiderio d'incontrare qualcuno, al solo scopo di contraddire, e anche quel disgusto per le persone che avrebbe potuto incontrare e per le cose che gli avrebbero potuto dire.
"Che sia per l'eredità di Jean?" si chiese.
Sì; dopo tutto, era possibile. Quando il notaio aveva portato la notizia aveva sentito il cuore battergli più forte. Cert, non sempre si può essere padroni di se stessi e si devono subire emozioni incontrollate e persistenti contro le quali è inutile lottare.

inviato il 28/03/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Ann Lee, le tue 10 righe sono nella finale di Aprile. 10 righe scelte dalla redazione

Biscotti e sospetti

immagine copertina
Stefania Bertola
Biscotti e sospetti
TEA 2015

Mattia aveva posato la caffettiera bollente sulla paglietta rotonda, aveva tirato fuori le tazze, e stava con la zuccheriera a mezz'aria, curioso si sentire finalmente a definitiva spiegazione sul mistero dell'amore.
"Dal dolore. Tu sai che l'amore è un'ape?"
"Un'ape?"
"Sì. Noi abbiamo l'ape dell'amore chiusa nel nostro cuore e addormentata. Solo quando l'ape si sveglia e ci punge, è il vero amore. Se no, sono stupidaggini, schocchezze. L'ape punge una volta soltanto e poi muore."
"E come capisci la differenza tra amori finti e amore vero?"
"Lo capisci. Se non lo sai, vuol dire che non ti ha ancora punto".

inviato il 18/03/2016
Nei segnalibri di:

Via Ripetta 155

immagine copertina
Clara Sereni
Via Ripetta 155
Giunti 2015

Già in strada, prima di entrare, ritrovai persone che nell'ultimo periodo avevo perso di vista. C'era chi stava finalmente scivolando via dal mio cuore, e non gli bastò chiedermi cosa stessi scrivendo per tornare a occuparne tutto lo spazio, comunque con Stefano lì davanti mi sentii molto a disagio. C'erano altre e altri dell'area Pci con cui avevo condiviso molte cose ma Stefano non conosceva nessuno o quasi.
Lo spettacolo cominciò, per me con molti echi di memoria, di musica e altro. Con dentro l'idea che fra "eroe" ed "errore" ci sia una differenza così minima che è sempre utile tenerla ben presente. Per Stefano era tutto nuovo, però si appassionò: al ritorno, in macchina, gli insegnai un paio delle canzoni della seconda parte, quella intitolata Altri vent'anni.

inviato il 18/03/2016
Nei segnalibri di:

Ossi di seppia

immagine copertina
Eugenio Montale
Ossi di seppia
Mondadori Collana: Oscar poesia del Novecento 2003
10 righe da pagina 21:

L'AGAVE SULLO SCOGLIO.
Scirocco
O rabido ventare di scirocco
che l'arsiccio terreno gialloverde
bruci;
e su nel cielo pieno
di smorte luci
trapassa qualche biocco
di nuvola, e si perde.
Ore perplesse, brividi
d'una vita che fugge
come acqua tra le dita;
inafferrati eventi,
luci - ombre, commovimenti
delle cose malferme della terra;
oh alide ali dell'aria
ora son io
l'agave che s'abbarbica al crepaccio
dello scoglio
e sfugge al mare da le braccia d'alghe
che spalanca ampie gole e abbranca rocce;
e nel fermento
d'ogni essenza, coi miei racchiusi bocci
che non sanno più esplodere oggi sento
la mia immobilità come un tormento.

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Eugenio Montale nacque a Genova il 12 ottobre 1896.
Premio Nobel per la letteratura nel 1975.

L'ultima melodia

Danilo Montaldo
L'ultima melodia
Eve edizioni
10 righe da pagina 70:

Lui non era più quel mostro che prima le aveva promesso di non lasciarla mai, per poi invece darle l'addio con la sua arma più forte: la Musica.
Con la musica l'aveva avvicinata e con la musica l'aveva lasciata.
Una melodia che forse aveva composto solo per quell'occasione: l'ultima melodia che conteneva in ogni nota il suo continuo malessere di vivere, "imprigionato" in un legame e la sua duplice natura.

inviato il 12/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Giuseppe, sei nella finale di marzo, 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao Staff, scelgo queste 10 righe.

Giuseppe potresti riportare qui nei commenti l'anno di edizione? Grazie.

Ciao Giuseppe, benvenuto. :-)

Il cavaliere inesistente

immagine copertina
Italo Calvino
Il cavaliere inesistente
Classici Moderni Oscar Mondadori 1959
10 righe da pagina 54:

Così sempre corre il giovane verso la donna: ma è davvero amore per lei a spingerlo? o non è amore soprattutto di sé, ricerca d'una certezza d'esserci che solo la donna gli può dare? Corre e s'innamora il giovane, insicuro di sé, felice e disperato, e per lui la donna è quella che certamente c'è, e lei sola può dargli quella prova. Ma la donna anche lei c'è e non c'è: eccola di fronte a lui, trepidante anch'essa, insicura, come fa il giovane a non capirlo? Cosa importa chi tra i due è il forte e chi il debole? Sono pari. Ma il giovane non lo sa perché non vuole saperlo: quella di cui ha fame è la donna che c'è, la donna certa. Lei invece sa più cose; o meno; comunque sa cose diverse; ora è un diverso modo d'essere che cerca; fanno insieme una gara di arcieri; lei lo sgrida e non l'apprezza; lui non sa che è per gioco

inviato il 13/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!

Ciao Davide, sei nella finale di marzo, 10 righe scelte dalla redazione.

Italo Calvino (Santiago de Las Vegas de La Habana, 15 ottobre 1923 – Siena, 19 settembre 1985) è stato uno scrittore e partigiano italiano.

Ragionevoli dubbi

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Ragionevoli dubbi
Sellerio Editore Palermo 2006
10 righe da pagina 116:

Ogni lavoro ha i suoi punti, i suoi indizi di rottura. Delle crepe sul muro della coscienza da cui capisci - dovresti capire - che bisognerebbe smettere, cambiare, fare altro. Se fosse possibile. Naturalmente quasi mai lo è. E comunque quasi mai si ha il coraggio anche solo di pensarci. Io avevo molti segnali di rottura. Uno di questi era la nausea.

inviato il 14/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Gianrico Carofiglio, nato a Bari il 30 maggio del 1961.

Qualcosa

immagine copertina
Chiara Gamberale
Qualcosa
Longanesi 2017
10 righe da pagina 44:

"Infatti è così. Non passerà mai questo buco, perché è TROPPO, troppo grande".
"Uffa" sbuffò il Cavalier Niente. Di nuovo si pulì gli occhiali su una manica, di nuovo se li infilò sempre più sporchi.
"Per l'ultima volta, Principessina: se lascerai stare il buco e lo accetterai senza tanti starnazzi, vedrai che entro un anno si restringerà da solo e diventerà addirittura qualcosa di prezioso da avere dentro di te, come... come un passaggio segreto, ecco. E poi magari di nuovo si allargherà e di nuovo si restringerà, perchè i buchi che abbiamo nel cuore fanno così. Ma tutto passa, ragazzina".

inviato il 14/03/2017
Nei segnalibri di:

Una famiglia decaduta

immagine copertina
Nikolaj Leskov
Una famiglia decaduta
Tradotto da Flavia Sigona
Fazi 2013
10 righe da pagina 78:

Un giorno che verso il tramonto s’era recata a far visita a Mar’ja Nikolaevna, Ol’ga Fedotovna si trattenne apposta più a lungo e poi espresse il timore di attraversare sola il poggio dove sostava la notte un gregge di pecore, tenuto a guardia da cani feroci. Lo studente innamorato non osava offrirsi di accompagnarla, ma fu lei stessa a chiederglielo. Il teologo naturalmente acconsentì; […] e si avviò dietro alla sua diletta.

inviato il 14/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Nikolaj Leskov (Gorochovo 1831 – San Pietroburgo 1895), scrittore russo.

Northanger Abbey

immagine copertina
Jane Austen
Northanger Abbey
Collins Classics 2012
10 righe da pagina 64:

And such is your definition of matrimony and dancing. Taken in that light certainly, their resemblance is not striking; but I think I could place them in such a view. You will allow, that in both, man has the advantage of choice, woman only the power of refusal; that in both, it is an engagement between man and woman, formed for the advantage of each; and that when once entered into, they belong exclusively to each other till the moment of its dissolution; that it is their duty, each to endeavour to give the other no cause for wishing that he or she had bestowed themselves elsewhere, and their best interest to keep their own imaginations from wandering towards the perfections of their neighbours, or fancying that they should have been better off with anyone else.

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

Come sigillo sul tuo cuore

immagine copertina
Arne Dahl
Come sigillo sul tuo cuore
Tradotto da Carmen Giorgetti Cima
Marsilio 2014
10 righe da pagina 71:

Le ferite si erano rimarginate, la mandibola e i denti erano stati risistemati. Sotto il profilo medico era guarito. Eppure ogni tanto il suo palato era percorso da spaventose ondate di dolore alle quali nessun dentista al mondo pareva in grado si porre rimedio, per il semplice motivo che nessun dentista al mondo capiva cosa fossero.
Södersted, invece, lo capiva.
Si trattava di un dolore metafisico. Che tornava a intervalli regolari per rammentargli tutto quello che aveva imparato nel corso del soggiorno europeo. Tutto quello che non avrebbe mai potuto descrivere esattamente a parole, ma su cui poteva almeno incollare un’etichetta: saggezza del vivere.
Riuscire a tradurlo in pratica era tutt’altra faccenda.

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

L'Aeroplano del Papa

immagine copertina
Filippo Tommaso Marinetti
L'Aeroplano del Papa
LIBERILIBRI 2007
10 righe da pagina 129:

Che mai vuole da noi quel branco di nubi galoppante
che s'avventa contro la luna?
Con un lungo sospiro, con un lungo riflesso melodico,
la luna le dissolve già....
Nulla resiste alla sua triste tenerezza,
sorella della tua! Nulla resiste,
tranne questo corvo di velluto nero che io fo dondolare
come un giocattolo....
La luna beve a lunghi sorsi
le più lontane ombre dell'orizzonte....
Non vedi? Quel tenebroso profilo di città merlata,
oscilla lontano
come uno scenario di teatro e dilegua
filando via, sospeso a fili di ferro invisibili,
miracolosamente....
Non tremare! Il silenzio è tanto grande
e quelle tre nubi d'argento sono tanto vive
e tanto attente,
che stanno per cantare
con la loro più bella voce di cristallo....
È la tua voce, che sento
tinnire dolcemente?

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

Acque tranquille

immagine copertina
Ivan Turgenev
Acque tranquille
Tradotto da Anastasia Pasquinelli
Ibis 1995
10 righe da pagina 48:

Le signorine tardavano a tornare. Intanto fu portato il samovar e apparecchiato il tavolo per il tè. Ipatov le mandò a chiamare. Tornarono tutte e tre insieme. Mar’ja Pavlovna si mise a tavola per servire il tè, mentre Nadezda Alekséevna si diresse alla porta che dava sulla terrazza e si mise a guardare in giardino. Dopo quella luminosa giornata estiva, scendeva ora una chiara, tranquilla serata: fiammeggiava il tramonto; inondato per metà dal suo riflesso di porpora, il largo stagno si stendeva come uno specchio immobile, riflettendo maestosamente nelle tenebre argentate del suo grembo profondo tutto l’aereo abisso del cielo e gli alberi rovesciati, come anneriti, e la casa. Tutto intorno si era fatto silenzio. Da nessuna parte proveniva più alcun rumore.
“Guardate, che bello – disse Nadezda Alekséevna a Vladimir Sergeič che le si era avvicinato -, laggiù nello stagno, una stella si è accesa vicino a un lume della casa; questo è rosso, quella d’oro […]”.

inviato il 06/03/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ivan Turgenev (Orel, Russia 1818 – Bougival, Francia 1883), scrittore russo.

Cuore satellite

Cuore satellite 25 settimane 1 giorno fa

Anche questo l'ho letto in ebook e non ho la pagina, mi dispiace :(

I milanesi ammazzano al sabato

I milanesi ammazzano al sabato 31 settimane 2 giorni fa

Scusate il ritardo :) L'ho letto da Kindle, non ho idea di che pagina sia, mi dispiace.

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 1 year 1 week fa

Forse dietro il colle Vecchio, o dietro ancora, ma di tanti e tanti metri e tantissimi passi di un uomo (Marta La Sarta di Valentina Di Cesare)

The Unknown Unknown

The Unknown Unknown 1 year 34 settimane fa

You're more than welcome :)

Cuore

Cuore 4 years 20 settimane fa

Sai Elena che ho appena finito il puzzle della libreria che hai scelto per l'immagine?? ^___^

Compleanno 10 righe

Compleanno 10 righe 4 years 24 settimane fa

Buonissimo compleanno!!!

Sostiene Pereira

Sostiene Pereira 4 years 24 settimane fa

Ciao :)

Che libro abbinate?

Che libro abbinate? 4 years 24 settimane fa

1- Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson
2- Il barone rampante di Italo Calvino
3- La vita quotidiana in Italia ai tempi del Silvio di Enrico Brizzi
4- 1984 di George Orwell

Giuoco domenicale #1: INCIPIT

Giuoco domenicale #1: INCIPIT 4 years 24 settimane fa

Middlesex

Middlesex 4 years 24 settimane fa

Partecipo al Giuoco domenicale #1: INCIPIT link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-1-incipit

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy