Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Nadia

Lo zen e il tiro con l'arco

immagine copertina
Eugen Herrigel
Lo zen e il tiro con l'arco
Tradotto da Gabriella Bemporad
Adelphi 2011
10 righe da pagina 13:

Quando l'uomo ha raggiunto questo grado di sviluppo "spirituale" è un maestro Zen della vita. Non ha bisogno, come il pittore, di tela, pennello e colori. Non ha bisogno, come l'arciere, di arco e freccia e bersaglio o di altri accessori. Ha le sue membra, il suo corpo, la testa, e così via. La sua vita nello Zen si esprime attraverso tutti questi "strumenti", che sono importanti come forme della sua manifestazione. Le sue mani e i suoi piedi sono i pennelli, e il mondo intero è la tela su cui dipingere la sua vita per settanta, ottanta, novanta anni.

inviato il 16/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Inheritance

immagine copertina
Christopher Paolini
Inheritance
Tradotto da Maria Concetta Scotto di Santillo / Michela Proietti
Rizzoli 2011
10 righe da pagina 325:

Nugoli di frecce piovvero sulla piazza dalle postazioni degli arcieri lungo il parapetto. In parte rimbalzarono contro le difese magiche di Eragon, ma molte altre finirono per ferire e uccidere proprio i soldati imperiali. Per quanto veloce, Eragon non riusciva a parare con Brisingr tutte le spade, i pugnali e le lance che gli venivano branditi contro. A respingere la maggior parte degli attacchi erano dunque le sue difese magiche, e ben presto il Cavaliere avvertì un allarmante calo di energie. A meno che non fosse riuscito a liberarsi dalla ressa di soldati, si sarebbe indebolito al punto da non essere più in grado di combattere.

inviato il 08/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Bella questa saga!!!

Unika e la Fiamma della Vita...Un libro da leggere lo consiglio a tutti...Pieno di emozioni che il lettore viene catapultato dentro il libro....
La frase che mi ha colpito è stata "Ecco cosa siamo.Emozioni. Nientraltro che emozioni...."

Harry Potter e i doni della Morte

immagine copertina
J.K. Rowling
Harry Potter e i doni della Morte
Tradotto da Beatrice Masini
Salani 2008
10 righe da pagina 638:

Non vide nessuna delle persone che amava, nessuna traccia di Hermione, Ron, Ginny o degli altri Weasley, o di Luna. Sentì che avrebbe volentieri passato tutto il tempo che gli restava a guardarli un’ultima volta; ma poi avrebbe avuto la forza di distogliere lo sguardo? Meglio così.
Scese i gradini e si ritrovò al buio. Erano quasi le quattro del mattino e l’immobilità mortale del parco dava l’impressione che tutto trattenesse il fiato, in attesa di vedere se lui sarebbe stato capace di fare quello che doveva.

inviato il 05/09/2011
Nei segnalibri di:

GIOCO - Riga 10

immagine copertina
Patti Puggioni - Cristina Fanni
GIOCO - Riga 10
Giochi 10 righe 2011
10 righe da pagina 10:

Prendi un libro, quello che vuoi, il tuo preferito, uno che devi ancora leggere, il primo su cui posi lo sguardo e... aprilo a pagina 10... CERCA la frase numero 10 e SCRIVILA sotto come commento. Aggiungi anche il titolo del libro e il nome dell'autore.
(24 luglio) Da questo momento in poi, le frasi troppo lunghe verranno cancellate.
Dovete scrivere solo la RIGA n. 10.
Per le frasi più lunghe (10 righe) c'è l'area apposita
http://scrivi.10righedailibri.it/
Se nel libro la pagina 10 è bianca scegliete un altro libro.
:)

inviato il 22/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Ricordo esattamente quel giorno. A quell'epoca.
(Volevo Tacere di Sándor Márai)

Romanzo - un grosso quaderno a righe, riempito.
(Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa)

...scompare tra le vecchie ceppaie sfatte, tra l'erba alta... - NEVE, CANE, PIEDE Claudio Morandini

"Interessante", pensai, al mondo c'è gente che ama dispensare il buongiorno. (703 ragioni per dire di si, F.L. Koraline)

il ragazzo che condivideva con l'autore la capacità di ascoltare (nel barile delle mele, e non solo) (La vera storia del pirata Long John Silver, Bjorn Larsson)

Voglio dire,devo essere morta per forza e gli angeli devono avere avuto compassione di me perchè la testa scura e riccioluta che mi pare di intravedere è così ben proporzionata e così attraente da essere quella di un angelo.(un imprevisto chiamato amore-Anna Premoli)

L'euforia del pesce palla. (Ai confini del gusto - Luis Devin)

Forse dietro il colle Vecchio, o dietro ancora, ma di tanti e tanti metri e tantissimi passi di un uomo (Marta La Sarta di Valentina Di Cesare)

teoria irregolare di casette grigie e fabbricati color polvere
Nonchiedere perchè - Franco Di Mare

tanto vale portare a termine
mamma di Valentina Diana, Einaudi

Lo zen e il tiro con l'arco

immagine copertina
Eugen Herrigel
Lo zen e il tiro con l'arco
Tradotto da Gabriella Bemporad
Adelphi 2011
10 righe da pagina 13:

Quando l'uomo ha raggiunto questo grado di sviluppo "spirituale" è un maestro Zen della vita. Non ha bisogno, come il pittore, di tela, pennello e colori. Non ha bisogno, come l'arciere, di arco e freccia e bersaglio o di altri accessori. Ha le sue membra, il suo corpo, la testa, e così via. La sua vita nello Zen si esprime attraverso tutti questi "strumenti", che sono importanti come forme della sua manifestazione. Le sue mani e i suoi piedi sono i pennelli, e il mondo intero è la tela su cui dipingere la sua vita per settanta, ottanta, novanta anni.

inviato il 16/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

La donna del fiume

immagine copertina
Candace Robb
La donna del fiume
Tradotto da Amedeo Romeo
Mondolibri su licenza Piemme 2001
10 righe da pagina 130:

Ned si sentiva bruciare i polmoni, ma spronò ancora il suo destriero, più veloce, più veloce. La gamba gli pulsava, sentiva la coscia bagnata all'altezza della ferita. Si era riaperta quando era caduto nell'oscurità, mentre conduceva il cavallo lungo il sentiero roccioso, per allontanarsi in silenzio dalla grangia. Era stato avventato a fuggire nelle tenebre, ma non poteva far altro che scappare subito, doveva approfittare della furia che lo sosteneva, cavalcare come un forsennato fino a che lui e il cavallo non fossero stati esausti. Per andare dove? Ah, questo era ovvio. In nessun luogo. Verso l'oblio, sperava. Verso la morte, più probabilmente. Mary era morta; perché lui avrebbe dovuto vivere?

inviato il 11/01/2012
Nei segnalibri di:

L'apprendista di Venezia

immagine copertina
Elle Newmark
L'apprendista di Venezia
Tradotto da Elisabetta Valdré
Longanesi 2009
10 righe da pagina 213:

"Sappiamo entrambi che con molta probabilità il libro si trova a Venezia e potrei venirne in possesso per primo. Con il dovuto rispetto, anch'io dispongo di alcune risorse private. Se trovassi il libro, sarei disposto ad aiutarvi a distruggere ogni fastidiosa eresia."
"In cambio di che cosa?" Borgia sorrise da quel pirata che era.
"Un patto fra gentiluomini. Ci accordiamo per condividerlo, chiunque di noi lo trovi."
Borgia parve divertito. " Se fossi io a trovarlo per primo, perchè dovrei condividerlo?"

inviato il 11/01/2012
Nei segnalibri di:

Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde

immagine copertina
Robert Louis Stevenson
Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde
Rcs – Corriere della Sera
10 righe da pagina 115:

...l'uomo non è in verità unico, ma duplice. [...] Fu studiando il lato morale nella mia stessa persona che imparai a riconoscere la profonda e primitiva dualità dell'uomo. [...] Se ciascuno di essi, dicevo a me stesso, potesse solamente essere riposto in identità separate, la vita sarebbe alleviata di tutto quanto ha d'insopportabile; l'ingiusto potrebbe andarsene per la sua strada [...]; e il giusto potrebbe camminare tranquillo e sicuro per la sua strada elevata, compiendo il bene in cui trova il suo piacere, non più esposto alla vergogna e al pentimento a causa del male a lui estraneo. Era la maledizione del genere umano, il fatto che quei due elementi contrastanti fossero così legati insieme, che nel seno agonizzante della coscienza, questi due poli dovessero essere in continua lotta. Come dissociarli allora?

inviato il 10/12/2011
Nei segnalibri di:

Il mercante di libri maledetti

immagine copertina
Marcello Simoni
Il mercante di libri maledetti
Newton Compton
10 righe da pagina 5:

Anno del Signore 1205. Mercoledì delle Ceneri.
Folate di vento gelido sferzavano l'abbazia di San Michele della Chiusa, insinuando fra le sue mura un odore di resina e di foglie secche, e annunciando l'arrivo di una bufera.
La funzione vespertina non era ancora conclusa quando padre Vivien de Narbonne decise di uscire dal monastero. Irritato dalle effusioni di incenso e dal palpitare delle candele, varcò il portale d'ingresso e passeggiò per la corte innevata. Davanti ai suoi occhi, il crepuscolo soffocava gli ultimi spicchi di luce diurna.
Un'improvvisa raffica di vento lo investì, suscitandogli un brivido a fior di pelle.

inviato il 11/12/2011
Nei segnalibri di:

Il libro dell'Angelo

immagine copertina
Alfredo Colitto
Il libro dell'Angelo
Piemme 2011
10 righe da pagina 225:

Mina cominciava a capirlo. Da Mosto era un uomo consumato dall'ambizione. Se difendere Mondino lo avesse aiutato ad acquistare maggiore potere e a liberarsi di qualche nemico, lo avrebbe difeso. Altrimenti lo avrebbe lasciato condannare senza muovere un dito, anche se pensava che fosse innocente. Chissà, forse era la politica a essere fatta così. Oppure per entrare in politica bisognava già essere uomini di un certo tipo, con una fame di potere che veniva prima di qualsiasi interesse collettivo.

inviato il 12/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

La Principessa Sul Pisello

immagine copertina
Littizzetto Luciana
La Principessa Sul Pisello
Mondadori
10 righe da pagina 102:

Tutte le volte che le donne parlano tra loro dell'esperienza
del parto, il concetto più comune e ripetuto è il seguente:
sì, il parto è un evento molto doloroso ma è un
dolore che si dimentica. Ripeto. Un dolore che si dimentica. Poi, com'è,
come non è, le ex puerpere, ora madri,
cominciano a raccontartelo. Ma non nel modo che ti
aspetti. Cioè quello di chi ha dimenticato e fa fatica a ricordare.
Che accasta immagini confuse ravanando in una
memoria nebulosa. Neanche per sogno. Le descrizioni
sono nitide e meticolose. E assolutamente orripilanti.
L'Esorcista fa meno paura. Venti ore di travaglio, il
bambino piegato come un origami, voltato di culo con
otto giri di cordone ombelicale al collo, un florilegio
di collassi, l'ostretica che ti salta sulla pancia a ginocchia
unite, tu che ti strappi in due come la fodera di una poltrona
vecchia (...). Ecco. Che figata. Ma tanto è un dolore che si dimentica. Come no.

inviato il 14/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Aggiungo segnalibro

Che forte che é la Littizzetto :D Come racconta lei non lo fà nessuno ^^

Inheritance

immagine copertina
Christopher Paolini
Inheritance
Tradotto da Maria Concetta Scotto di Santillo / Michela Proietti
Rizzoli 2011
10 righe da pagina 325:

Nugoli di frecce piovvero sulla piazza dalle postazioni degli arcieri lungo il parapetto. In parte rimbalzarono contro le difese magiche di Eragon, ma molte altre finirono per ferire e uccidere proprio i soldati imperiali. Per quanto veloce, Eragon non riusciva a parare con Brisingr tutte le spade, i pugnali e le lance che gli venivano branditi contro. A respingere la maggior parte degli attacchi erano dunque le sue difese magiche, e ben presto il Cavaliere avvertì un allarmante calo di energie. A meno che non fosse riuscito a liberarsi dalla ressa di soldati, si sarebbe indebolito al punto da non essere più in grado di combattere.

inviato il 08/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Bella questa saga!!!

Unika e la Fiamma della Vita...Un libro da leggere lo consiglio a tutti...Pieno di emozioni che il lettore viene catapultato dentro il libro....
La frase che mi ha colpito è stata "Ecco cosa siamo.Emozioni. Nientraltro che emozioni...."

i draghi degli abissi dei nani

margaret weiss e tracy hickman
i draghi degli abissi dei nani
Armenia

Flint sorprese il kender nell'atto di cercare di staccare dal muro una grossa ascia da guerra da orco.
«Mettila giù!» ordinò con fervore. «Che altro hai ficcato nelle tue sacche...».
«Non ho sacche» gli fece notare Tas, in tono triste. «Ho dovuto metterle giù per indossare l'armatura da nano».
«Nelle tasche, allora», farfugliò Flint. «Se scopro che hai rubato qualcosa...»
«Non ho mai rubato in vita mia!» protestò Tas. «Rubare è sbagliato!».
«D'accordo», si corresse Flint, con un profondo respiro. «Diciamo che se scopro che hai "preso a prestito" qualcosa, o raccolto qualcosa che qualcuno ha "lasciato cadere"...»
«Rubare ai morti è estremamente sbagliato» dichiarò Tas, in tono solenne. «Provoca perfino delle maledizioni»
«Vuoi lasciarmi finire la frase?» ruggì Flint.
«Si, Flint», annuì sottomesso, «Che cosa volevi dire?»
«L'ho dimenticato», ringhiò Flint, «Vieni con me».

inviato il 01/12/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

ho letto parecchio di dragonlance e mi è piaciuto tanto...

Marco benvenuto :)
di che anno è il libro? numero della pagina da cui hai tratto le 10 righe?
carica un'immagine nel tuo profilo ;)

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 6 years 22 settimane fa

...al loro alloggiamento. Il Tevere scorreva impetuoso, lambendo... (Le idi di Marzo - V. M. Manfredi

GIOCO - Riga 10 6 years 27 settimane fa

L'elfa Arya portò l'uovo di drago tra i Varden e gli elfi, in cerca dell'umano o dell'elfo davanti al quale si sarebbe dischiuso. (Inheritance - Christopher Paolini)

GIOCO - Riga 10 6 years 41 settimane fa

...sogno!" Il signor Dursley cercò di comportarsi normalmente. (Harry Potter e la pietra filosofale - J.K. Rowling - Salani)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy