Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di beachman

io speriamo che me la cavo

immagine copertina
D' Orta Marcello
io speriamo che me la cavo
Mondadori - I Miti 1996
10 righe da pagina 133:

La Rivoluzione francese vide che c'era stata la Rivoluzione americana e fece la Rivoluzione francese. La reggina Maria Antonietta faceva una bella vita, si alzava a mezzogiorno e cinque, faceva colazione col cappuccino e il mottino, poi si lavava la faccia, le unghie, il bide'. Maria Antonietta si comprava i gioielli coi soldi delle tasse dei poveri. Poi faceva la buffona con tutti quanti. Non se ne importava dei figli, non li allattava, non li pettinava, pensava solo a se'. (...) A casa sua c'era un lusso, vivevano nel lusso, tutto era d'oro: le sedie ore, i bicchieri ori, le posate ore. Ma il popolo si puzzava la fame e le posate erano solo di plastica. Allora si scateno' e scoppio' la Rivoluzione francese. Si buttarono mazzate. Si colpiva. Uno sputo' pure in faccia a un altro. Volavano mazzate. Se c'era Brus Li li faceva volare. Andarono alla Bastiglia e se la presero, poi inventarono la chigliottina e tagliavano sempre le teste. (...) Maria Antonietta faceva la buffona pure sulla chigliottina, diceva io sono piu' bella Rivoluzione francese. E l'uccisero. Poi venne Napoleone.

inviato il 10/10/2011
Nei segnalibri di:

io speriamo che me la cavo

immagine copertina
D' Orta Marcello
io speriamo che me la cavo
Mondadori - I Miti 1996
10 righe da pagina 81:

Se fossi miliardario non farei come Berlusconi, che si tiene tutto per se e non da niente a nessuno e fa solo i film sporchi. Lui ai poveri non li pensa. Lui e' miliardario solo per se e per la sua famiglia, ma per gli altri non lo e'. Io se fossi ricco come lui farei il bene, per andare in Paradiso. Se io fossi miliardario li darei tutti ai poveri, ai ciechi, al Terzo Mondo, ai cani randaggi(...)Io se fossi miliardario costruirei tutta Napoli nuova e farei i parcheggi. Ai ricchi di Napoli non darei una lira, ma ai poveri tutto, soprattutto ai terremoti. Poi farei uccidere tutta la camorra e salverei i drogati. Per me mi comprerei una Ferrari Testarossa vera, una villa e una cameriera per mamma. A papa' non lo farei andare piu' a lavorare ma lo farei stare in pensione a riposarsi, a Nicolino gli comprerei i vestiti e una 126, a Patrizia tutti i dischi di Madonna. Poi comprerei una macchina nuova pure al mio maestro perche' la sua e' tutta ammaccata, e infine vorrei andare a Venezia per vedere Venezia. Infine vorrei parlare con Maradona e invitare a casa mia Madonna, per Patrizia.

inviato il 10/10/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie mille allo staff, alle case editrici e a tutti quelli che mi hanno votata :)

Ciao Irene, ha vinto un libro incentivo, puoi scriverci il tuo indirizzo a info@10righedailibri.it così uno dei nostri editori ti spedirà il tuo premio.
http://10righedellasettimana.blogspot.com/2011/10/il-premio-segnalibri-d...

Dracula

immagine copertina
Bram Stoker
Dracula
Tradotto da Rossella Bernascone
La Biblioteca di Repubblica 2004
10 righe da pagina 43:

Ho visto la testa del Conte uscire dalla finestra. Non ne ho visto il volto, ma l'ho riconosciuto dal collo e dai movimenti della schiena e delle braccia. In ogni caso non avrei potuto confondermi sulle mani che avevo avuto cosi tante opportunita' di studiare. Dapprima ero interessato e anche un poco divertito, poiche' e' incredibile quanto poco basti a interessare e divertire un prigioniero. Ma i miei sentimenti sono mutati in repulsione e terrore quanto ho visto l'intera figura emergere dalla finestra e mettersi a strisciare giu' per il muro del castello, su quello spaventoso abisso, a faccia in giu', con il mantello che gli si spiegava intorno come un grande paio d'ali.

inviato il 03/10/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Sono d'accordo di chiudere qui il discorso, non ha proprio senso. Comunque io ti ho solo consigliato di contattare lo staff in caso non fossi d'accordo su qualcosa, sono loro a fare le regole e a decidere. Buone letture, ciao.

Irene, mi sa che sei tu che ti senti accusata di qualcosa. Prima di tutto, non ti conosco e non mi permetto di "accusare" persone con le quali non ho mai parlato - e si intende di persona. Io ho, semplicemente, riportato il regolamento. La mia discussione era finita lì - ma tu continui. Ti garantisco che sono assolutamente tranquilla. Anzi, mi fa anche un po' ridere aver letto che "mi accanisco". :D Proporrei di chiudere qui il discorso - anche perché non mi pare sia il caso di portarlo ancora avanti. Detto ciò, ti mando un cordiale saluto ma, soprattutto, sincero.

Continuo a non capire... sono accusata di aver ricevuto un segnalibro dopo mezzanotte? ripeto, dovresti parlarne con lo staff e non con me. E poi non si sa ancora chi ha vinto, non capisco perche' ti accanisci cosi tanto.

Se c'è un regolamento è bene rispettarlo - se il regolamento prevede che si può votare entro le 23:59, evidentemente è così. Sono sempre stata corretta su tutto e ribadisco tutto - e ci siamo ben capite. Per quanto riguarda il segnalibro, questa è l'unica cosa di cui non mi preoccupo. Sai perché? Perché l'amore per la letteratura va oltre tutto - anche oltre questi discorsi. Questo è il mio modo di vedere le cose. Ti auguro una buona giornata e tante belle letture!

Mia cara Maila, per prima cosa non sono io a decidere chi di noi verra' premiata quindi ti suggerisco di porgere le tue segnalazioni e lamentele allo staff della pagina e non a me. Se hai vonto tu, bene, sono contenta per te. Credo che chi voglia votare, e se ho ben capito il concetto e' votare le righe e non chi le scrive, non stia li con l'orologio a guardare l'ora. Credo sia questo il motivo per cui si possano votare anche righe postate molto prima della settimana in corso. E' vero che ho eliminato il mio segnalibro dalle tue ultime righe; il mio era un voto genuino a Khaled Hosseini che apprezzo anche se non ho mai letto una sua opera ma, vedi, l'avrei tolto comunque indipendentemente dal numero di segnalibri che avevano gia' ottenuto. Mi hai fatto cambiare idea, non reputo opportuno spiegare qui i miei motivi. Si puo' fare e l'ho fatto, punto. Ti auguro una splendida giornata.

Scusami ma tu hai cliccato 13 preferenze dopo mezzanotte! E ho controllato bene perché io ho ricevuto la preferenza esattamente poco prima delle 23:59! Inoltre hai anche eliminato il tuo segnalibro dal mio contatto!

Di nulla Irene,buona domenica..

grazie natalina :)

aggiungo segnalibro

La Papessa

immagine copertina
Donna Woolfolk Cross
La Papessa
Tradotto da Susanna Bini
Newton Compton 2010
10 righe da pagina 110:

«Ancora una cosa. Da quello che ho visto, e' piu' coraggiosa di voi. Gia', e anche piu' intelligente, nonostante sia una ragazza».
Giovanna senti' che stava per mettersi a piangere. Nessuno aveva mai parlato in quel modo per lei, tranne Esculapio.
Gerardo era... diverso.
Un bocciolo di rosa cresce nell' oscurita'. Non sa nulla del sole, eppure preme contro l' oscurita' che lo imprigiona finche' essa cede e la rosa sboccia, aprendo i petali alla luce. "Io lo amo".
Il pensiero fu tanto improvviso quanto sorprendente. Che cosa poteva significare?

inviato il 30/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Complimenti Irene con queste righe hai vinto un libro! Facci sapere dove te lo possiamo spedire, mandaci una mail a info@10righedailibri.it

grazieeeeee :D

aggiunto segnalibro

Gomorra

immagine copertina
Roberto Saviano
Gomorra
Piccola biblioteca Oscar Mondadori
10 righe da pagina 117:

Quando arrivo vicino ai corpi prima delle autoambulanze e fisso gli ultimi momenti di vita di chi si sta accorgendo di morire, mi viene sempre in mente il finale di Cuore di tenebra, quando una donna chiede a Marlowe, ormai tornato in patria, dell' uomo che ha amato, chiede cos' ha detto Kurtz prima di morire. E Marlowe mente. Risponde che ha chiesto di lei, mentre in realta' non ha pronunciato nessuna parola dolce e nessun pensiero prezioso. (...) Si pensa che l' ultima parola pronunciata da un moribondo sia il suo pensiero ultimo, il piu' importante, quello fondamentale. Che si muoia pronunciando cio' per cui e' valso la pena vivere. Non e' cosi. Quando uno muore non viene fuori nulla, se non la paura. Tutti, o quasi tutti, ripetono la stessa frase, banale, semplice, immediata: «Non voglio morire».

inviato il 28/06/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Irene, hai vinto tun libro per aver inserito nel nostro sito le migliori <<10righeogni10giorni>>. Scrivi un tuo recapito all'indirizzo info@10righedailibri.it ed uno dei nostri editori ti spedirà un libro :)
Buona Lettura
http://10righedellasettimana.blogspot.com/2011/07/le-migliori-10righeogn...

I Malavoglia

immagine copertina
Giovanni Verga
I Malavoglia
Superclassici Sperling Paperback 2001
10 righe da pagina 267:

Soltanto il mare gli brontolava la solita storia li sotto, in mezzo ai fariglioni, perche' il mare non ha paese nemmeno lui, ed e' di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di la' dove nasce e muore il sole, anzi ad Aci Trezza ha un modo tutto suo di brontolare, e si riconosce subito al gorgogliare che fa tra quegli scogli nei quali si rompe, e par la voce di un amico.
Allora 'Ntoni si fermo' in mezzo alla strada a guardare il paese tutto nero, come non gli bastasse il cuore di staccarsene, adesso che sapeva ogni cosa, e sedette sul muricciuolo della vigna di massaro Filippo.
Cosi stette un gran pezzo pensando a tante cose, guardando il paese nero, e ascoltando il mare che gli brontolava li sotto.

inviato il 19/07/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

ACITREZZA
Trezza nera
di voci e cortili
e lava sull’acqua
e grigio di nubi.
Trezza bianca
di bimbi e grembiuli
e lenzuola nel vento
e spuma in tempesta.
Trezza d’azzurro dipinta
blu terso del cielo
che si bacia col mare.
Trezza dai mille colori
e profumo di sale
e calore del sole.

questa l'ho scritta e pubblicata un paio d'anni fa. ho piacere di donartela perché tu possa sentirti per un attimo a casa. non dev'essere facile vivere altrove, dopo avere assaporato il paradiso... a presto...

Mi aspettavo un tuo commento, Mel. Dalla foto del tuo profilo avevo intuito che siamo della stessa citta'. Un piccolo omaggio al grande Verga che con le sue opere mi riporta ai ricordi della mia terra che ho dovuto lasciare tanti anni fa. Leggendo questo libro mi torna in mente l' odore del mercato del pesce di Trezza, alle prime ore del mattino, col sole che spuntava pian piano dietro i faraglioni... ero una bambina quando il nonno mi teneva per mano in quei luoghi magici. Buona notte, a presto.

Il mare è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, basta sedersi e lasciarsi trasportare dal suo eterno andirivieni...grazie per l'omaggio alla mia splendida terra, della quale un piccolo scorcio descritto da Verga è proprio nell'immagine che ho scelto per rappresentarmi:)

I Malavoglia

immagine copertina
Giovanni Verga
I Malavoglia
Superclassici Sperling Paperback 2001
10 righe da pagina 79:

Intanto la Provvidenza era scivolata in mare come un' anitra, col becco in aria, e ci sguazzava dentro, si godeva il fresco, dondolandosi mollemente nell' acqua verde, che le colpettava attorno ai fianchi, e il sole le ballava sulla vernice. Padron 'Ntoni, se la godeva anche lui, colle mani dietro la schiena e le gambe aperte, aggrottando un po' le ciglia, come fanno i marinai quando vogliono vederci bene anche al sole, che era un bel sole d' inverno, e i campi erano verdi, il mare lucente, e il cielo turchino che non finiva mai. Cosi' tornano il bel sole e le dolci mattine d' inverno anche per gli occhi che hanno pianto, e li hanno visti del color delle pece; e ogni cosa si rinnova come la Provvidenza, che era bastata un po' di pece e di colore, e quattro pezzi di legno, per farla tornare nuova come prima, e chi non vede piu' nulla sono gli occhi che non piangono piu', e sono chiusi dalla morte.

inviato il 19/07/2011
Nei segnalibri di:

Seguiro' il mio cuore

immagine copertina
Haidar Hafez
Seguiro' il mio cuore
piemme pocket 2005
10 righe da pagina 236:

Non riesco ancora a capire come io sia riuscito a sopravvivere senza Josephine. Un uccello ha bisogno dell'aria, del cielo, del sole e della luna, e io avevo bisogno di lei per librarmi nell'immensita'. Come ho fatto a dormire notti serene, dopo che la mia mente e il mio cuore sono bruciati, diventando come nemici del mio fragile corpo, che camminava a fatica, squassato dai venti del passato, piegato come un albero dall'infuriare di una violenta tempesta? Come sono riuscito a stare senza di lei? La rosa ha bisogno dello stelo e lo stelo spunta dalla terra; i petali purpurei hanno bisogno della luce e dei raggi solari, ma hanno anche bisogno di ripararsi dalle intemperie proteggendosi sotto i rami di un albero maestoso.

inviato il 03/08/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Sarebbe un cappuccino senza schiuma!

Se non ci fosse l'amore cosa sarebbe la vita??

Ah, l'amore l'amore! Grande Gibran

Trattasi del romanzo della vita di Gibran Khalil contenuto in questa edizione de Il Profeta.

La Mennulara

immagine copertina
Simonetta Agnello Hornby
La Mennulara
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 7:

Il dottor Mendico' improvvisamente si senti' stanchissimo, con le gambe indolenzite e le braccia formicolanti. Era rimasto nella stessa posizione per piu' di un'ora, le mani della Mennulara strette fra le sue, accarezzandole le dita con un movimento circolare e delicato, incessante. Sollevo' la mano destra, lasciando a palma aperta sul lenzuolo la sinistra, su cui poggiavano quelle ancora tiepide della defunta. Era un momento solenne, che conosceva bene e sempre lo emozionava, l' ultimo compito di un medico sconfitto dalla morte. Le chiuse le palpebre delicatamente. Poi le rassetto' le mani intrecciandole le dita, gliele pose con cura sullo sterno, riordino' il lenzuolo tirandolo su fino a coprirle le spalle e finalmente si alzo' per comunicare agli Alfallipe la morte della Mennulara.

inviato il 21/09/2011
Nei segnalibri di:

cuore di cane

immagine copertina
Michail Bulgakov
cuore di cane
pillole BUR
10 righe da pagina 42:

«Filipp Filippovic, come siete riuscito a far venire fin qui un cane cosi nervoso?» domando' una voce maschile molto gradevole, (...) «Come ci sono riuscito? Con la dolcezza, l'unico modo di trattare un essere umano. Col terrore non si ottiene nulla da nessun animale qualunque sia il suo grado di sviluppo. L'ho sempre affermato e lo affermero' sempre. E' inutile credere di poter fare qualcosa con il terrore. No e poi no! Non rende, di qualunque specie sia: bianco, rosso o perfino marrone! Il terrore paralizza completamente il sistema nervoso... Zina!»

inviato il 02/09/2011
Nei segnalibri di:

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy