Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Antonio Capolongo

Vita nova

immagine copertina
Dante Alighieri
Vita nova
Mondadori - Oscar classici 2004
10 righe da pagina 71:

Ciò che m'incontra, nella mente more,
quand'i' vegno a veder voi, bella gioia;
e quand'io vi son presso, io sento Amore
che dice: "Fuggi, se 'l perir t'è noia!».
Lo viso mostra lo color del core,
che tramortendo ovunque pò s'appoia;
e per l’ebrietà del gran tremore
le pietre par che gridin: Moia, moia!
Peccato face chi allora mi vede,
se l'alma sbigottita non conforta
sol dimostrando che di me li doglia
per la pietà, che 'l vostro gabbo ancide,
la qual si cria nella vista morta
de li occhi, ch’ànno di lor morte voglia.

inviato il 18/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a Maturarighe 2015

Dannati

immagine copertina
Giovanna Mulas
Dannati
Iris 4 Edizioni 2009
10 righe da pagina 42:

Mamma s’ accorse della mia gravidanza sentendomi tutte le mattine chiusa in bagno a vomitare. Beh, pensa te, ci ha cresciuti in sette… Se non doveva capirlo lei… “C’hai una faccia oggi Cecì.” mi diceva e lo ripeteva a ogni alba. Fino a che non l’ha scoperto, trovando i risultati degli esami sotto il mio materasso. Se mi avessero detto subito che il bimbo poteva essere affidato ai medici, dato in adozione appena nato, senza che il mio nome si sapesse, non l’avrei fatto, dottoressa. Nononono. Non l’avrei … E se a scuola ci avessero parlato di ciò che mamma mai mi ha detto per vergogna. E pure padre Michele non diceva nulla, sussurrava solo ‘Non peccare figlia mia. Il peccato si trova a ogni angolo di strada.’ Ma l’amore è peccato, dottoressa? Se ci avessero parlato, se io avessi saputo prima cos’è l’amore, forse […] Papà diceva così ‘Ci vogliono tutti caproni al guinzaglio. E le donne capre a testa bassa.’ Mi chiede dove sta la libertà della donna, dottoressa? Penso nella conoscenza, nella curiosità, nello scavare l’apparenza.

inviato il 15/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Antonio per Te un altro libro incentivo (manda sempre i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it ) come finalista 10 righe scelte da Voi utenti. :-)

Ciao Antonio, per Te un libro incentivo per essere arrivato nella finale 10 righe di giugno scelte dalla redazione con maggior segnalibri. Manda i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it :-)

Ciao Antonio le tue 10righe sono state scelte da
Rebecca Sereno, sei nella finale di giugno, 10righe scelte da Voi utenti.

Giovanna Mulas nasce a Nuoro il 6 maggio del 1969.

:-)

Napule è Pino Daniele

immagine copertina
F. Vacalebre, T. Fiore
Napule è Pino Daniele
Guida Editori srl 2015
10 righe da pagina 70:

Penso a quel grido che invoca la sua presenza, soprattutto quando suono a Napoli, a casa nostra, appena attacco le prime note di “Quando”. Un coro che sembra un esorcismo, una bandiera piantata per sempre nel cuore di chi è stato toccato dalla sua arte, dal suo sorriso, dalla sua comicità mai guascona, così vicina a noi e così lontana dalla volgarità imperante.
Massimo che non è arrivato nemmeno al tempo della maturità, ma che sapeva come fa il cuore. Massimo, Massimo, Massimo urlano i ragazzi di ieri e di oggi ai concerti proprio come ci urla dentro questo compleanno struggente, per dirci che l’assenza è davvero un assedio […]. Qualcuno mi ha chiesto una volta quale canzone potesse descrivere meglio il mio amico Troisi. Allora non seppi rispondere, oggi direi: “Napule è”. Ecco, Troisi che non ha mai avuto cinquant’anni è come la voce dei bambini, che sale piano piano e tu sai che non sei solo. Anzi, che puoi essere maledettamente solo.

inviato il 19/01/2015
Nei segnalibri di:

I racconti dell'Undici

immagine copertina
AA. VV. - L'Undici
I racconti dell'Undici
Ilmiolibro.it 2014
10 righe da pagina 98:

Purtroppo non mi presentai a quelle prove, né alle successive, ma al contempo mi avvicinai alla
ragione di quel rinnovato ritiro, radicato in una scelta nient’affatto avventata, seppur sofferta.
Quell’incontro, dall’osteria al palazzo antico, era avvenuto non tanto per ricondurmi alla mia
adorata musica, quanto per offrirmi la possibilità di decifrare il mio ruolo e, di riflesso, la realtà
circostante, responsabile in grossa parte di aver fagocitato tante belle cose umane, compresa
quella mia passione così viscerale. E forse la spiegazione risiedeva in un punto delle viscere ancora
più profondo, in cui si radicava la passione affiorata sì di recente, ma i cui sedimenti erano molto
antichi, come i gradini di una scala costruita con perseveranza, percorrendo la quale ci si può
imbattere in regioni della Terra non tracciate sulle carte geografiche, a volte a mezz’aria.
… e tra la Terra e il cielo si era formata una plaga real-immaginaria, in cui può capitare di
incontrare tante persone in bilico…

inviato il 16/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie staff, sono contentissimo.

Un caro saluto a tutti...

Ciao Antonio, con le tue 10 righe vinci la classifica di dicembre 10 righe scelte dalla redazione. Grazie e Complimenti!!! Inviaci il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Antonio con le tue 10 righe sei nella classifica di Dicembre... Complimenti!!! :D

CANNE AL VENTO

immagine copertina
GRAZIA DELEDDA
CANNE AL VENTO
LORENZO BARBERA EDITORE S.R.L. 2007
10 righe da pagina 162:

Di là andarono a Fonni per la festa dei Santi Martiri. Camminavano sempre a piccole tappe, fermandosi negli ovili dove il cieco riusciva a farsi ascoltare dai pastori: e pareva riconoscerli «all’odore» diceva lui, raccontando gli episodi più commoventi del Vecchio Testamento ai più semplici, ai timorati di Dio, c quelli che male interpretati avevano un sapore di scandalo ai giovani ed ai libertini.
Questa condotta del compagno addolorava Efix: a volte se ne sentiva tanto nauseato che si proponeva di abbandonarlo, ma ripensandoci gli sembrava che la sua penitenza fosse più completa così, e diceva a se stesso: “È come che conduca un malato, un lebbroso. Dio terrà più in conto la mia opera di misericordia”.

inviato il 22/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a Maturarighe 2014 http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2014 "

Piazza d'Italia

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Piazza d'Italia
Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano 1993
10 righe da pagina 85:

Borgo stava diventando una città. Al teatro ci lavoravano speditamente; aveva già la facciata completa, con un cornicione neoclassico e la Vittoria di Samotracia che indicava il nome a lettere di gesso in rilievo: Splendore. Avrebbe aperto, si diceva, per il prossimo carnevale, con Il paese dei campanelli e forse un film: Cabiria. Pendeva già accanto al portone chiuso da due tavoloni incrociati, il manifesto di una donna vestita di candido, con le mani intrecciate e gli occhi strabuzzati, sullo sfondo di una città in fiamme.
Gavure aveva innalzato un chiosco di latta celestina dalle cornici traforate, sul lato della piazza da cui si vedevano le spalle di Garibaldi e del re.

inviato il 15/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao... in modo manifesto o subliminale, la promozione della lettura è il primo passo verso ogni direzione.
Un caro saluto
Antonio

Antonio abbiamo pubblicato le tue 10 righe sul sito Libridinosi http://www.libridinosi.com/antonio-tabucchi-piazza-ditalia/ :)

I GRAFFI DELL'ANIMA

immagine copertina
Antonio Capolongo
I GRAFFI DELL'ANIMA
10 RIGHE DAI LIBRI 2014

L’ultima parola (dedicata a Sweets Dreems)

Letta scritta proferita pensata
ricercata narrata melodiosa
viva dolce sognata misteriosa
celata svelata riammantata.

Calorosa napoletana amata
adorata sussurrata francese
misurata commovente cortese
amara scelta sbiadita serbata.

Icastica trasmutata sfuggente
perduta ineluttabile evocante
emblematica stridente decisa

straordinaria solenne precisa
nobile poetica ridondante
ineffabile libera innocente.

inviato il 07/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Natalina... grazie.

Buone cose
Antonio

Bellissima!!!Complimenti!

LIBRIACASA CICCIANO (NA)

immagine copertina
Antonio Capolongo
LIBRIACASA CICCIANO (NA)
10 righe dai libri 2014

Era una notte incantevole, una di quelle notti come ci possono forse capitare solo quando siamo giovani, caro lettore. [Fëdor M. Dostoevskij, Le notti bianche, Newton Compton Editori, 2013, pag. 31.]

inviato il 05/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Libri, ancora in provincia di Napoli. Nell'attesa della prossima edizione, lascio "Ricomincio dai libri perché, invero, ricomincio da tre" http://www.lundici.it/2014/09/ricomincio-dai-libri-perche-invero-ricomin...

"Partecipo a libriAcasa" + link http://scrivi.10righedailibri.it/libriacasa-dove-alloggiano-i-vostri-lib....

Rimborsi spese ai cittadini virtuosi. Modello italiano

immagine copertina
Antonio Capolongo
Rimborsi spese ai cittadini virtuosi. Modello italiano
MINISTERO DELLA CULTURA DEL LIBRO 2999
10 righe da pagina 1:

Un rimborso sulla spesa annua, sarebbe il punto centrale di un rivoluzionario piano che, oltre a dare un aiuto materiale – soldi – ai cittadini, dischiuderebbe scenari civili finora mai esplorati.
Secondo tale piano, denominato “Rimborsi ai cittadini virtuosi”, sarebbe il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo ad incaricarsi di restituire, ad ogni cittadino, una percentuale della sua spesa annua globale: tributi, cibo, abiti, “vacanze” e prodotti e servizi di ogni sorta, eccetto le uscite di pertinenza lavorativa.
Proseguendo nella lettura, però, si scopre che ci sarebbe un altro escluso: il libro (cartaceo). Ma per tale prezioso oggetto il piano ha previsto un’altra destinazione, o meglio un altro destino. Il libro – la spesa per i libri – sarebbe, in questo caso, il perno intorno al quale ruota tutto il piano.
Ecco, quindi, svelata la particolare condizione per accedere al rimborso: l’acquisto di libri... Si può continuare la lettura al link http://www.lundici.it/2013/11/rimborsi-spese-ai-cittadini-virtuosi-model...

inviato il 28/11/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a LEGGE PER LEGGERE + link: http://scrivi.10righedailibri.it/legge-leggere

CECENIA. IL DISONORE RUSSO

immagine copertina
ANNA POLITKOVSKAJA
CECENIA. IL DISONORE RUSSO
Tradotto da Agnès Nobécourt, Alberto Bracci
FANDANGO 2009
10 righe da pagina 164:

Chi ha scolpito la società russa nella sua forma attuale?
Lo scultore capo della Federazione russa, in questo inizio di ventunesimo secolo, è senza dubbio Vladimir Putin. E per quanto mi riguarda, non lo amo proprio per come ha scolpito questa Russia.
Vorrei essere capita bene: voglio cercare di spiegare perché io, normale cittadina, contribuente e giornalista, non amo il presidente del mio paese, visto che nel 2000 è stato eletto dalla schiacciante maggioranza dei miei concittadini e gode ancora oggi di un margine di popolarità molto elevato. Non ho niente di personale contro di lui, né lo conosco direttamente. Per me Putin è una funzione, non una persona. Riguardo a questa funzione ho delle esigenze molto semplici: un presidente deve operare per far diventare il suo paese migliore e più prospero. Ma da noi non è successo niente del genere. Moralmente, la Russia di Putin è ancora più sporca di quella di Eltsin, è una discarica di immondizia coperta di rovi.

inviato il 20/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Antonio, sono felice che ti sia piaciuto un caro saluto a Te... a presto su 10 Righe :)

Ciao Barbara, il tuo dono mi riempie di gioia, sia perché rimarca il valoroso impegno di donne come Anna Politkovskaja, sia per l'attesa del libro in sé, in grado di farmene pregustare il sapore straordinario.

Un caro saluto
Antonio

Ciao Antonio la settimana scorsa ho vinto un libro incentivo, ti faccio dono del mio libro per le tue 10 righe :) manda un'email a ibroincentivo@10righedailibri.it

Partecipo a Maturarighe 2013” + link
http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2013

Impariamo dai bambini a essere grandi

immagine copertina
Maria Montessori
Impariamo dai bambini a essere grandi
Garzanti 2014
10 righe da pagina 116:

La società è come un immenso convoglio ferroviario che avanza a velocità vertiginosa verso un punto remoto, e gli individui che la compongono possono essere protagonisti o viaggiatori che dormono nell'interno degli scompartimenti.
E quel sonno delle coscienze è il più poderoso ostacolo che impedisce di ricevere un aiuto vitale, una verità salvatrice.
Se così non fosse , il mondo potrebbe progredire rapidamente : non esisterebbe il pericoloso contrasto fra la velocità sempre maggiore dei mezzi di trasporto della materia e la sempre più profonda rigidezza dello spirito umano.
Il primo passo, il più difficile in ogni momento sociale per il progresso collettivo,consiste nel tremendo compito di risvegliare l'umanità addormentata e insensibile, costringendola ad ascoltare la voce che chiama.
Oggi è assolutamente necessario che l'intera società si ricordi del bambino e dell'importanza che esso ha, e che gli vada incontro con la massima urgenza per trarlo dal grande e pericoloso abisso in cui giace.

inviato il 10/09/2015
Nei segnalibri di:

Sostiene Pereira

Antonio Tabucchi
Sostiene Pereira
Universale Economica Feltrinellili 1997
10 righe da pagina 155:

In quel momento entrò il dottor Cardoso. Pereira lo aveva sempre visto con il camice bianco, e a vederlo così, vestito normalmente, gli parve più giovane, sostiene. Il dottor Cardoso indossava una camicia a righe e una giacca chiara e sembrava un po' accaldato. Il dottor Cardoso gli sorrise e Pereira ricambiò il sorriso. Si strinsero la mano e il dottor Cardoso si mise a sedere. Formidabile, dottor Pereira, disse il dottor Cardoso, formidabile, é proprio un bellissimo racconto, non credevo che Daudet avesse tanta forza, sono venuto per farle le mie congratulazioni, però peccato che lei non abbia firmato la traduzione, avrei voluto vedere il suo nome fra parentisi sotto il racconto. Pereira gli spiegò pazientamente che lo aveva fatto per umiltà, anzi, per orgoglio, perché non voleva che i lettori capissero che quella pagina la faceva interamente lui che ne era il direttore, voleva dare l'impressione che il giornale avesse altri collaboratori, che fosse un giornale come si deve, insomma: lo aveva fatto per il "Lisboa".

inviato il 23/07/2015
Nei segnalibri di:

Il codice della cortesia italiana

immagine copertina
Giuseppe Bortone
Il codice della cortesia italiana
Società editrice internazionale 1952
10 righe da pagina 6:

Troppo e da troppi si parla di « democrazia » ma non sempre né da tutti a proposito. Giacché non son pochi coloro i quali credono e dicono che, in questi tempi democratici, non possono più sopravvivere tante limitazioni ; che dev’esser lecitissimo andare al ristorante in ciabatte, a far visita in maniche di camicia e salutare con un gran colpo di spalla il cittadino Pasquale o il compagno Taddeo… No, questa non è una democrazia ; ma ciò che è sempre stato : villania e null’altro! La democrazia non va calunniata : democrazia sana e vera vuol dire vera comprensione vicendevole, vivo senso di umanità nelle relazioni sociali : comprensione ed umanità alle quali il popolo è particolarmente sensibile ; si dice che ferireste profondamente l’operaio se non rispondeste – o rispondeste freddamente – al suo saluto e gli procurereste più soddisfazione e gioia stringendogli cordialmente la mano incallita che non dandogli una manata sulla spalla.

inviato il 25/07/2015
Nei segnalibri di:

Agostino

immagine copertina
Alberto Moravia
Agostino
Tradotto da /
Bompiani Tscabili.Ed.L'Espresso 1966
10 righe da pagina 67:

Agostino sentì ad un tratto una pietà mescolata di ripugnanza opprimergli il cuore."Ricomponiti",avrebbe voluto gridare a sua madre,"calmati...non ansimare a quel modo...poi parlami...non parlarmi con questa voce."Invece in fretta e quasi esagerando apposta la puerilità della voce e della sollecitudine:"Mamma ,"posso rompere il salvadanaio...voglio comprarmi un libro."
"Si caro ," ella disse e porse una mano a fargli una carezza sulla fronte.Agostino al contatto di quella mano non poté impedirsi un balzo indietro, leggero e quasi impercettibile, che gli parve così violento e visibilissimo."Allora rompo,"ripeté.
E con passo rapido,senza aspettar risposta,uscì dal salotto.
Di corsa ,su per i gradini scricchiolanti di sabbia,andò in camera sua.
L'idea del salvadanaio non era stata che un pretesto,in verità non aveva saputo che dire di fronte alla mamma così sconvolta.

inviato il 27/07/2015
Nei segnalibri di:

Raffaello - Una vita felice

immagine copertina
Antonio Forcellino
Raffaello - Una vita felice
Editori Laterza 2006
10 righe da pagina 218:

Alla bellezza non poteva rinunciare, né c'era ragione di affrettare troppo un qualsiasi matrimonio. Il suo cuore giovane bruciava di passione, e solo la pittura poteva placare quel fuoco. I due ritratti di quegli anni riconducibili alle sue amanti sono tanto sensuali da rivelarsi come un rimedio all'incontinenza dei suoi sentimenti. Con le lacche stese dai pennelli morbidi, che non lasciano tracce sulla tela, Raffaello rubò a quelle amanti la loro bellezza, possedendole per sempre: un privilegio che non era dato né ai principi né al papa e neppure al suo ricchissimo amico Agostino Chigi. "Ritrasse Beatrice Ferrarese et altre donne, et particularmente quella sua, et altre infinite."

inviato il 02/02/2015
Nei segnalibri di:

caos calmo

immagine copertina
Sandro Veronesi
caos calmo
Bompiani
10 righe da pagina 283:

Facciamolo anche noi, stellina, rischiamo tutto ora. Se prima di saltare non guarderai in su non ce la farai. Se prima di saltare non guarderai in su io sarò sempre geloso dello zio. Se prima di saltare non guarderai in su sarà vero che io non sto facendo nulla per te. Dai, guarda in su. Guarda in su. Guarda in su... Ecco, mi hai guardato: uno sguardo perfetto, lasciatelo dire. [...] Ecco fatto. Sei in piedi, stupita, e mi guardi di nuovo: brava, stellina, ti è riuscito, ti è venuto perfetto, e anche il nostro gioco è riuscito, e così sarà la nostra vita, allora: sarà una vita riuscita. Anche Gaia, l'istruttrice, stavolta sembra soddisfatta. La fissi come un cagnolino, in attesa del complimento che ti spetta. - Molto bene - ti dice - Però non guardare papà prima di saltare. Guardalo dopo.

inviato il 22/01/2011
Nei segnalibri di:

LE PERLE, Poesie e racconti in forma poetica

FIDANKA GEORGIEVA KOSTADINOVA
LE PERLE, Poesie e racconti in forma poetica
FIDANKA GEORGIEVA KOSTADINOVA
10 righe da pagina 67:

Un albero solo,
superficie di neve enorme,
un albero senza foglie
sotto nuvole invernali.
Sembra così triste,così disperato,
sembra che il tempo si è fermato,
mi prende un po di malinconia,
il freddo rafforza la sua furia,
sembra è fine del mondo.
Ma basta notare l'orgoglio,

inviato il 01/05/2015
Nei segnalibri di:

Bentornati libri!

immagine copertina
10 Righe
Bentornati libri!
eventi 10 Righe 2015

Cari lettori,
siete tutti invitati martedì 23 giugno dalle ore 17:30 per festeggiare il ritorno dei libri presso la Libreria Arion Montecitorio, Roma.
Un omaggio a libri, persone, idee, storie che hanno celebrato nel bene e nel male lo spirito del Novecento italiano.
Degustazione di prodotti enogastronomici del territorio laziale offerti da Tenuta Tre cancelli e Affumicheria Sapor Maris, musica e improvvisazioni teatrali della compagnia “Astratti” arricchiranno l’evento.
Testimonianze oggi più che mai necessarie a riconsiderare e ricomporre le molte e contrastanti immagini del “Secolo breve”. Tendenze, correnti, espressioni della società civile dell’ultimo secolo di vita del nostro Paese riviste e ripensate attraverso una selezione di testi di difficile reperimento o addirittura introvabili.
Potete leggere i dettagli seguendo il link
http://www.evidenzialibri.it/welcome-back-books-libreria-arion-montecito...

inviato il 20/06/2015
Nei segnalibri di:

Tutto sommato qualcosa mi ricordo

immagine copertina
Gigi Proietti
Tutto sommato qualcosa mi ricordo
Rizzoli 2013
10 righe da pagina 131:

Non è facile ad essere normali, e ci tengo a metterlo nero su bianco. Anche perchè la normalità e l'idea più vaga e indefinibile che esista. Cosa vuol dire essere normali? Vuol dire forse essere schiacciati dalla routine? Vivere insegna della monotonia? Non dire, sarebbe una definizione troppo riduttiva. Ma adesso mi sto cacciando in un discorso più grande di me. meglio fare un passo indietro.

inviato il 02/09/2014
Nei segnalibri di:

l'interpretazione dei sogni

immagine copertina
Sigmund Freud
l'interpretazione dei sogni
Grandi tascabili economici Newton
10 righe da pagina 38:

E' proverbiale che i sogni svaniscano al mattino. Possono naturalmente essere ricordati; infatti noi conosciamo i sogni per il ricordo che ne abbiamo quando siamo svegli. Ma spesso abbiamo l'impressione di aver ricordato il sogno solo in parte e che era più lungo di notte; si può notare anche che il ricordo di un sogno, ancora vivo al mattino, si dileguerà durante il giorno, tranne pochi frammenti; spesso sappiamo di avere sognato, senza sapere che cosa abbiamo sognato; ci è così noto il fatto che i sogni possono essere dimenticati che non vediamo alcuna assurdità nella possibilità di aver sognato durante la notte e al mattino non essere consapevoli del contenuto del sogno o perfino di aver sognato.

inviato il 02/10/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Paolo, oggi su Glam Life (applicazione per Smatphone ecc.) hanno scelto la tua immagine come copertina del giorno nella categoria "10 righe" :)

Il battello del delirio

Il battello del delirio 1 year 38 settimane fa

Ciao Rebecca, grazie per la scelta delle mie dieci righe.
Buone cose.
Antonio

Maturarighe 2015

Maturarighe 2015 1 year 44 settimane fa

Partecipo con Dante Alighieri http://scrivi.10righedailibri.it/vita-nova

Vita nova

Vita nova 1 year 44 settimane fa

Partecipo a Maturarighe 2015

Dannati

Dannati 1 year 44 settimane fa

Grazie staff...

Dannati 1 year 44 settimane fa

Vanno benissimo, e sono graditissimi.

Dannati 1 year 44 settimane fa

Ringrazio 10righedailibri e la "Iris 4 Edizioni" - in particolare Alessia Forgione - per questo intenso libro.
Un caro saluto a tutti. Antonio

I racconti dell'Undici

I racconti dell'Undici 2 years 13 settimane fa

Grazie staff, sono contentissimo.

Un caro saluto a tutti...

Trattato di Funambolismo

Trattato di Funambolismo 2 years 18 settimane fa

Un post che dà spunto per un altro post è semplicemente bellissimo. Il concatenarsi dei passi, dei pensieri in essi contenuti, è entusiasmante e a un tempo conferma che i libri conterranno sempre quella meraviglia inaspettata e bellissima di cui non saremo mai sazi.

LIBRIACASA CICCIANO (NA)

LIBRIACASA CICCIANO (NA) 2 years 29 settimane fa

Libri, ancora in provincia di Napoli. Nell'attesa della prossima edizione, lascio "Ricomincio dai libri perché, invero, ricomincio da tre" http://www.lundici.it/2014/09/ricomincio-dai-libri-perche-invero-ricomin...

Maturarighe 2014

Maturarighe 2014 2 years 43 settimane fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy