Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Massimo Rondi

Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa

immagine copertina
Bartolone & Messi
Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa
Edizioni Angolo Manzoni
10 righe da pagina 231:

– Sì, l’avrei voluto uccidere e l’avrei fatto, – sbottò Malvina, la prima a perdere il controllo della situazione, – perché lui… lo meritava, ma qualcuno mi ha preceduta. Sono condannabile per le mie intenzioni?
– Sicuramente condannabile ma non spetta a noi l’esecuzione della condanna.
Martini sapeva che spesso i colpevoli non erano puniti, a volte neppure punibili. Il mondo era pieno di persone che commettevano colpe terribili, con la giustificazione di eseguire un ordine, o per assurdo senso del dovere. La storia ricordava le atrocità commesse in nome di una religione o di un credo: «Cronaca che non insegna e non insegnerà giammai, l’umanità sotto quest’aspetto mai cambierà… ma chi può essere giudice?»

inviato il 07/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Saggio e profondo commento del commissario Martini, su chi ha diritto di "giudicare", in un libro assolutamente da leggere!

There's no such place as far away

Richard bach
There's no such place as far away
Delacorte Press
10 righe da pagina 16:

"Of course I am going to the party," I said.
"What is so hard to understand about that?"
He was quiet, and when we arrived at the owl's home, he said
"Can miles truly separate us from friends? If you want to be with Rae, aren't you already there"

inviato il 25/06/2017
Nei segnalibri di:

Un marito per Jolanda Il commissario Martini e il caso delle nozze osteggiate

10 righe da pagina 125:

Il giovane era molto provato, pallido in volto, e aveva un atteggiamento di rassegnazione o di dichiarata impotenza.
– Puoi ritenerti fortunato, – iniziò Martini in tono scherzoso, – pensa che nel 1870, all’apertura de Le Nuove, già era stata prevista una stanza per riporre i libri della biblioteca, che allora erano distribuiti dall’Arciconfraternita della Misericordia, così hai un luogo in cui poter continuare i tuoi studi… Però adesso, – proseguì diventando più serio, – dobbiamo fare chiarezza sulla tua posizione e, quindi, dovresti rispondere ad alcune domande.
Fernando capì che Andrea Martini non lo riteneva responsabile dei due omicidi per i quali era stato arrestato. Senza reticenze, disse tutto quel che sapeva, iniziando dal giorno in cui aveva visto per la prima volta Jolanda.
Riandò col pensiero a quella scena, che si era raffigurato nella memoria così tante volte, da avere l’impressione di conoscere persino i pensieri di lei.

inviato il 21/06/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Massimo :)

Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa

immagine copertina
Bartolone & Messi
Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa
Edizioni Angolo Manzoni
10 righe da pagina 22:

- À la guerre comme à la guerre. Bisogna adattarsi alle circostanze, quando non si può fare al-trimenti, - buttò là come saluto, e si avviò lasciando prima il passo alla signora Baltaro una giornalista che aveva incontrato spesso in commissariato, lei ricambiò con un ampio sorriso e rivolgendosi al collega disse: - Corro al Circolo degli Artisti è successo qualcosa di increscioso.
- Questo significa, - commentò il giornalista, - che hanno fatto fuori qualcuno... quella donna ha la passione e il fiuto per la cronaca «nera».

inviato il 18/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Massimo :)

Donna è...

immagine copertina
Luciana Navone Nosari
Donna è...
Amazon Kindle
10 righe da pagina 43:

Il terrore l’assalì con la violenza di una valanga di fuoco; le sembrò che una lingua incandescente percorresse tutto il suo essere, ardendo e bruciando ogni parte del corpo. Era appena tornata in sé e già le pareva di perdere di nuovo coscienza.
“Ma cosa può essere successo? Dove mi trovo? È un sogno o sono sveglia? Potessi darmi un pizzicotto…” Provò a sbattere le ciglia e si accorse che sfioravano le occhiaie, quindi non stava sognando. “Forse dovrei urlare… o forse no… è meglio pensare, prima. Devo tentare di capire dove mi trovo…”
Cercò di abituare gli occhi al buio e poco per volta cominciò a individuare qualcosa.

inviato il 08/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Bartolone e Messi... effettivamente, alla fine si ride!

Un racconto divertentissimo, una raccolta con tutte le possibili sfumature... (dalla poesia ai ricordi)

Questo stralcio di racconto, che parla di una delle tredici "sfaccettature" femminili contemplate nel libro DONNA E'... appartiene al racconto FIRMATA... PER SBAGLIO

Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa

immagine copertina
Bartolone & Messi
Il commissario Martini e i delitti senza determinante causa
Edizioni Angolo Manzoni
10 righe da pagina 231:

– Sì, l’avrei voluto uccidere e l’avrei fatto, – sbottò Malvina, la prima a perdere il controllo della situazione, – perché lui… lo meritava, ma qualcuno mi ha preceduta. Sono condannabile per le mie intenzioni?
– Sicuramente condannabile ma non spetta a noi l’esecuzione della condanna.
Martini sapeva che spesso i colpevoli non erano puniti, a volte neppure punibili. Il mondo era pieno di persone che commettevano colpe terribili, con la giustificazione di eseguire un ordine, o per assurdo senso del dovere. La storia ricordava le atrocità commesse in nome di una religione o di un credo: «Cronaca che non insegna e non insegnerà giammai, l’umanità sotto quest’aspetto mai cambierà… ma chi può essere giudice?»

inviato il 07/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Saggio e profondo commento del commissario Martini, su chi ha diritto di "giudicare", in un libro assolutamente da leggere!

I Colori del silenzio

immagine copertina
Luciana Navone Nosari
I Colori del silenzio
EBS PRINT
10 righe da pagina 179:

Quando le ombre della sera scesero ad ammansire animi e luci, Maddalena si appartò nel suo "angolo del silenzio". All'improvviso il ronzio delle api si annunciò per divenire via via più incessante, ma solo quando gli si unì il canto dei grilli sovrastò il silenzio, che sorprendentemente assunse, fra un'esplosione di bagliori, i colori dell'arancio.
Gerardo la trovò lì, raggomitolata nel suo luogo segreto, e si sedette vicino a lei.
«Tutto bene?» le domandò.
«Splendidamente, papà, proprio splendidamente.»
«È successo qualcosa di speciale?»
«Ho colorato un silenzio. Non guardarmi così, non sono impazzita, anzi… direi che sono rinsavita!»

inviato il 15/06/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie di CUORE alla Redazione, è un ONORE risultare al primo posto!

Ottimo consiglio!

Grazie allo Staff per avermi avvisata... ne sono onorata!

Effettivamente, Bartolone e Messi... vediamo se qualcuno indovina quale colore in particolare? Però dovrebbe leggere il libro...

Ciao Luciana, sei nella finale settimanale di Giugno.

There's no such place as far away

Richard bach
There's no such place as far away
Delacorte Press
10 righe da pagina 16:

"Of course I am going to the party," I said.
"What is so hard to understand about that?"
He was quiet, and when we arrived at the owl's home, he said
"Can miles truly separate us from friends? If you want to be with Rae, aren't you already there"

inviato il 25/06/2017
Nei segnalibri di:

Ore 10, Porta Nuova. Le indagini del commissario Martini

immagine copertina
10 righe da pagina 81:

Due giorni dopo, accadde qualcosa di sbalorditivo per una città abbastanza tranquilla qual era Torino. In una casa di corso Dante, venne scoperto il cadavere di una donna che, chiaramente, non era morta per cause naturali. Due delitti a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro, erano un motivo più che sufficiente per mettere in subbuglio la Squadra Mobile della Questura.
Nel Palazzo, erano tutti sconcertati da quell’ondata di violenza, dal Questore all’ultimo piantone. Piperno, schiacciato dal peso di due omicidi da risolvere, fumava come una ciminiera e dava ordini non sempre coerenti ai suoi uomini i quali, sbalzati dalla relativa tranquillità della loro routine, erano annichiliti davanti all’irritazione del Capo che li bistrattava come se li ritenesse personalmente responsabili dell’accaduto.
La vittima era una donna di trentadue anni che si chiamava Antonietta Zurlon. Era oriunda di un paese del Veneto e abitava ormai da cinque anni in una casa di tre piani, costruita forse una quindicina di anni prima, verso il fondo di corso Dante.

inviato il 23/06/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo, avvincente romanzo dell'indimenticabile e inimitabile Gianna Baltaro... Assolutamente da leggere!

Un marito per Jolanda Il commissario Martini e il caso delle nozze osteggiate

10 righe da pagina 125:

Il giovane era molto provato, pallido in volto, e aveva un atteggiamento di rassegnazione o di dichiarata impotenza.
– Puoi ritenerti fortunato, – iniziò Martini in tono scherzoso, – pensa che nel 1870, all’apertura de Le Nuove, già era stata prevista una stanza per riporre i libri della biblioteca, che allora erano distribuiti dall’Arciconfraternita della Misericordia, così hai un luogo in cui poter continuare i tuoi studi… Però adesso, – proseguì diventando più serio, – dobbiamo fare chiarezza sulla tua posizione e, quindi, dovresti rispondere ad alcune domande.
Fernando capì che Andrea Martini non lo riteneva responsabile dei due omicidi per i quali era stato arrestato. Senza reticenze, disse tutto quel che sapeva, iniziando dal giorno in cui aveva visto per la prima volta Jolanda.
Riandò col pensiero a quella scena, che si era raffigurato nella memoria così tante volte, da avere l’impressione di conoscere persino i pensieri di lei.

inviato il 21/06/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Massimo :)

LE AVVENTURE D'ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

immagine copertina
LEWIS CARROLL
LE AVVENTURE D'ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE
Tradotto da D'Amico M.
Mondadori 2007
10 righe da pagina 156:

La Falsa - Testuggine sospirò profondamente, e con voce talvolta soffocata da singhiozzi, cantò così:-

"Astro di sera! O verdeggiante e ricca
Zuppa che fumi in concava zuppiera!
In te rapito il cucchiaion si ficca,
E ne riempie una scodella intiera!
Astro di sera! deliziosa Zuppa!
In te il mio pan s'inzuppa!
E di te canto - o Zup - pa! -
Canto all'Astro di sera;
Canto la tua bontà, civile Zuppa!
"Astro di sera! E chi sarà lo sciocco
Che a te preferirà sia pesce o caccia,
S'ei di te può comprarne anche un baiocco
Per lavarsi lo stomaco e la faccia?
Astro di sera! deliziosa Zuppa!
In te il mio pan s'inzuppa!
E di te, canto - o Zup - pa!
Canto all'Astro di sera;
Canto la tua bonTA CI - VILE ZUPPA!"

inviato il 29/05/2017
Nei segnalibri di:

VENTIDUE ANNI DI INCONTRI CON GIOVANNI PAOLO II

immagine copertina
ALESSANDRO RIGI LUPERTI
VENTIDUE ANNI DI INCONTRI CON GIOVANNI PAOLO II
FONDAZIONE ALESSANDRO RIGI LUPERTI 2016
10 righe da pagina 19:

Dopo il concerto il Papa ringrazia dall'alto del tronetto gli orchestrali sistemati nel presbiterio sulla sinistra, coperti quindi dalla mensa, dall'ambone, dalla croce da terra e dal portacero, poi va all'altare, si inginocchia e prega. Prima di scendere fra la folla, fermando il corteo, traversa il presbiterio, viene da me, mi abbraccia e mi bacia in fronte: " Ti sei dimagrito, come mai? Lo so, la vita è dura. Bisogna prenderla in allegria. San Francesco era allegro: i Santi tristi sono tristi Santi!"

inviato il 31/05/2017
Nei segnalibri di:

LA CASA IN COLLINA

immagine copertina
CESARE PAVESE
LA CASA IN COLLINA
Einaudi 2005
10 righe da pagina 4:

La guerra mi tolse soltanto l'estremo scrupolo di starmene solo, di mangiarmi da solo gli anni e il cuore, e un bel giorno mi accorsi che Belbo, il grosso cane, era l'ultimo confidente sincero che mi restava.
Con la guerra divenne legittimo chiudersi in sé, vivere alla giornata, non rimpiangere più le occasioni perdute. Ma si direbbe che la guerra io l'attendessi da tempo (...). Quella specie di sordo rancore in cui s'era conclusa la mia gioventù, trovò con la guerra una tana e un orizzonte.

inviato il 31/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Cesare Pavese nacque a Santo Stefano Belbo il 9 settembre 1908.

Gioco - Chi eravate nella vita passata?

Gioco - Chi eravate nella vita passata? 9 settimane 4 giorni fa

Cuoco, anche io. A dire il vero prima ho trovato "drogato", ma non è un mestiere, no???

Il commissario Martini si arrabbia! Ventunesima indagine del personaggio ideato da Gianna Baltaro

Il commissario Martini si arrabbia! Ventunesima indagine del personaggio ideato da Gianna Baltaro 13 settimane 41 min fa

Conosco bene questo libro! l'anno di pubblicazione è il 2014, annus horribilis...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy