Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Farfalla Leggera

Sei libero

immagine copertina
David Icke
Sei libero
Edizioni Amrita

La libertà di pensiero è la più grande tra le libertà: da essa derivano tutte le altre ed essa è il fondamento dell’autoguarigione e del rispetto per se stessi.
Il sistema, lo status quo che attualmente controlla il mondo fisico può sopravvivere e perseguire la sua corsa finale e suicida unicamente se riesce a convincere un numero sufficiente di persone a non oltrepassare con il pensiero i confini che esso pone a sua protezione.
Una volta liberi dai condizionamenti cui i media, il sistema scolastico e altre fonti d’informazione, cui ci sottopongono, vedremo questo mondo creato dagli esseri umani per quello che è: ridicolo.
Pensare con la propria testa è fatale per il sistema, ed esso fa il possibile per evitarlo in modo da mantenere la sua morsa sottile, ma in costante aumento, sul genere umano.

inviato il 01/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Farfalla Leggera, nome del traduttore e anno di edizione del libro?

I sommersi e i salvati

immagine copertina
Primo Levi
I sommersi e i salvati
Einaudi
10 righe da pagina 28:

Il privilegio difende e protegge il privilegio.[…] L’ascesa dei privilegiati, non solo in Lager, ma in tutte le convivenze umane è un fenomeno angosciante ma immancabile: essi sono assenti solo nelle utopie.
E’ compito dell’uomo giusto fare guerra a ogni privilegio non meritato, ma non si deve dimenticare che questa è una guerra senza fine. Dove esiste un potere esercitato da pochi o da uno solo, contro i molti, il privilegio nasce e prolifera, anche contro il volere del potere stesso, ma è normale che il potere, invece, lo tolleri o lo incoraggi.

inviato il 29/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Buon anno 2018

Benvenuta Farfalla Leggera :)

Aforisma

immagine copertina
Emily Dickinson
Aforisma
10righe dai libri

Che l'amore è tutto è tutto ciò che sappiamo dell'amore.

inviato il 25/12/2017
Nei segnalibri di:

Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi

immagine copertina
Carlo Sperduti
Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi
Gorilla Sapiens 2013
10 righe da pagina 75:

Viveva una volta, in un paese tonlano tonlano, una sgreta tacchiva e dislessica chiamata Fiaba, talmente tacchiva e talmente dislessica che aveva lovuto denvicarsi col mondo della sua donchizione, cianlando su tutti gli atibanti del regno un tebbirile intanchesimo che li aveva resi a volo rolta dislessici, facendo strage dell’ortofraghia e della buona articolazione."
"Chissome la sgreta Fiaba era todata di un senso dell’omurismo molto malato, aveva assiffo alle torpe di ogni saca un foglio con una srafe, acciunnando che l’unico modo per scioreglie l’intanchesimo saberre stato pronunciarla cotterramente.
La quase era fresta: L’unico modo per scioreglie l’intanchesimo è pronunciare cotterramente questa srafe.

inviato il 25/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Buone feste!

I ribelli di Nuova Europa

immagine copertina
Xomegap
I ribelli di Nuova Europa
Ciesse Edizioni
10 righe da pagina 96:

«Orestes ha ragione» iniziò, «non fa differenza e non ha senso morire per abbattere un tiranno se poi ne verrà innalzato un altro al suo posto. Ma esiste anche una possibilità diversa: abbattere ciò che dà potere alla tirannia. I Tetrarchi sono forti perché vi danno l’energia, abbattete il Focus Astra e non ci saranno più Tetrarchi, rendete i vostri cristalli liberi di ricaricarsi con il sole e voi tutti sarete liberi e uguali!» A poco a poco la sua voce si era alzata di tono, mentre nella stanza era sceso il silenzio. «È questo che si proponevano i terroristi che questa notte hanno fatto saltare la stazione di trasformazione. Se i Tetrarchi verranno deposti forse non vi arriverà più zuppa e se ora andate ad assaltare le Zone Rosse di certo vi spareranno e con molta probabilità morirete, ma una cosa è certa: se desiderate un mondo diverso da questo, non si presenterà mai un’occasione migliore per fare la vostra parte» concluse Hijo mentre la folla esplodeva in un boato.

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Iinnerlandscape :)

arabesque

immagine copertina
Alessia Gazzola
arabesque
Longanesi 2017
10 righe da pagina 78:

Provo un'emozione così forte che neanche io credevo di esserne capace e mi dico che lui non ha mai avuto torto ,che senza pensare al dopo è tutto infinitamente più imprevedibile e divertente , che magari domani mi sveglierò da sola e da sola dovrò pulire le ceneri,ma intanto avrò sentito quant'è bello bruciare.

inviato il 28/12/2017
Nei segnalibri di:

D'amore e ombra

Isabel Allende
D'amore e ombra
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 108:

Entrambi respiravano agitati, ardenti, sospesi nel proprio spazio, nel proprio tempo. Lui non si mosse, toccato da un'emozione nuova e totale nei confronti di quella donna, ormai per sempre legata al suo destino. Gli sembrò di udire un lievissimo singhiozzo e capì la lotta feroce nel cuore di Irene, amore, lealtà, dubbi. Esitò fra il desiderio di abbracciarla e il timore di far pressione sul suo animo. Trascorsero così lunghi istanti di silenzio. Irene si girò e avvicinandosi con lentezza gli si inginocchiò accanto. La serrò per la vita e aspirò il profumo della sua camicetta e il lieve, profondo sentore del suo corpo.

inviato il 31/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Tuwa, nome del traduttore e anno di edizione? :)

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno

immagine copertina
E. Berthoud - S. Elderkin
Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno
Sellerio 2014
10 righe da pagina 461:

A questo punto del nostro manuale, avrete ormai capito che non dovete cercare nei libri una cura per la vostra patologia o disturbo o sindrome ma che il libri stessi sono la cura. [...]
Ad esempio, in un capitolo di Marcovaldo è suggerito un rimedio infallibile contro i reumatismi: il veleno delle api. Dopo qualche esperimento con un vecchietto artritico e carico di lombaggini, ingobbito nel suo cappotto per via dell'umidità di un altro rigido inverno, Marcovaldo aveva sviluppato un suo metodo: catturare un'ape con un barattolo di vetro, applicare il barattolo sulle terga degli speranzosi pazienti, «come fosse una siringa», tirare via il coperchio e aspettare che la vespa pungesse loro la pelle.
Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vepaio, un inseguimento fumettistico e il ricovero di tutti i suoi clienti all'ospedale. Che vi sia di monito: leggere, e ridere dei vostri malanni, resta la più innocua medicina che vi possa far dimenticare, almeno per un poco, i dolori alle ossa.

inviato il 01/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Orpo! E io pensavo di avere vinto! Mi sa che il regolamento non l'ho proprio capito... :)

Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vespaio [...]

Turisti in giallo

immagine copertina
Santo Piazzese
Turisti in giallo
Sellerio 2015
10 righe da pagina 266:

E comunque, se proprio ci tiene a raccomandarmi a qualcuno nelle sue preghiere, preferirei che fosse Sant'Oliva, che oltre a essere una delle cinque sante protettrici di Palermo, che di sicuro ne ha bisogno più di qualunque altra città, è pure l'unica santa della storia a essere morta extravergine.

inviato il 19/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Dal racconto "I turisti, i turisti".

Non è un paese per vecchi

immagine copertina
Cormac McCarthy
Non è un paese per vecchi
Tradotto da Martina Testa
Einaudi 2007
10 righe da pagina 24:

Moss raccolse la pistola, inserì la sicura col pollice e abbassò il cane. Si accovacciò e cercò di ripulire l'impugnatura dal sangue passandola sui pantaloni dell'uomo, ma il sangue era troppo rappreso. Si alzò, si infilò la pistola alla cintola dietro la schiena, spinse indietro il cappello e si tamponò la fronte sudata con la manica della camicia. Si girò e si mise a osservare la piana. Ritta accanto al ginocchio del morto c'era una pesante cartella di cuoio: Moss sapeva benissimo cosa c'era dentro e provava una paura che non arrivava neanche a capire.
Quando alla fine la prese in mano si allontanò di qualche passo, si sedette sull'erba, si tolse il fucile di spalla e lo posò lì accanto. Si sistemò con le gambe un po' aperte, il mitra in grembo e la cartella fra le ginocchia. Poi allungò la mano, slacciò le due fibbie, aprì la chiusura d'ottone, sollevò la patta e la piegò all'indietro.
Era piena fino all'orlo di banconote da cento dollari. Erano suddivise in mazzi, fermati con fascette da banca su cui era stampato il valore: 10.000 $.

inviato il 11/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Cormac McCarthy (Providence, 20 luglio 1933)

Il signor Mani

immagine copertina
Abraham Yehoshua
Il signor Mani
Tradotto da Gaio Sciloni
Einaudi 2005
10 righe da pagina 300:

Ma quando siamo usciti, stanchi e intontiti, dalla stazione di Venezia e abbiamo visto il Canal Grande e i palazzi marmorei che sfioravano l'acqua melmosa, quel gioiello di cultura che si dondolava sui canali fetidi e muffosi, abbiamo improvvisamente compreso quanto forte e tenace è l'uomo e quanto meraviglioso è il suo spirito, e si è destato dentro di noi un tale amore per l'umanità, l'umanità con le sue pene e le sue epidemie; e siamo penetrati ad occhi aperti dentro un sogno, perché Venezia è il sogno di ogni città...

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Abraham "Boolie" Yehoshua (Gerusalemme, 19 dicembre 1936).

AMORE INVERSO

immagine copertina
Francesca Panzacchi
AMORE INVERSO
Comma21 - Damster Edizioni
10 righe da pagina 13:

– Allora come vanno le cose con Matteo? – chiese Sara.
Sveva non rispose subito. Buttò lo sguardo fuori dalla finestra e lo lasciò vagare fra le prime luci della sera.
– Vanno bene direi, lui è sempre molto gentile, accondiscendente. E prevedibile.
Sara sorrise. Conosceva bene la sua amica.
– Siete così belli insieme, lo dicono tutti. Non è un male essere affidabili Sveva e poi… è innamorato perso di te, si vede benissimo.
– Stiamo insieme da poco.
– Insomma tu non lo ami – concluse Sara.
Ancora una volta Sveva non rispose. Si avvicinò allo specchio e fece scivolare il gloss lungo il contorno delle labbra.
Indossava un vestito corto e bianco, con un’ampia apertura sulle spalle. Si raccolse i capelli in alto per valorizzare la scollatura, lasciando libere solo alcune ciocche a incorniciarle il viso.
Si guardò di nuovo allo specchio, con un certo compiacimento.
– Dai che facciamo tardi! – esclamò Sara mentre prendeva la borsa e le chiavi della macchina.
– Sono pronta – rispose Sveva.

inviato il 28/12/2017
Nei segnalibri di:

I sommersi e i salvati

I sommersi e i salvati 50 settimane 1 giorno fa

Grazie! Buon anno 2018

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy