Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Francesca Di Lauro

Mendel dei libri

immagine copertina
Stefan Zweig
Mendel dei libri
Tradotto da A. Vigliani
Adelphi 2008
10 righe da pagina 27:

Trentatré anni prima, ragazzetto piccolo e ingobbito, con le guance ancora coperte di morbida lanugine nera e fitti riccioletti sulla fronte, era arrivato a Vienna per studiare da rabbino; ma ben presto aveva abbandonato quel severo Dio unico che era Yahveh per consacrarsi al rutilante e sfaccettato politeismo dei libri. Era stato allora che aveva scoperto il Caffè Gluck, e a poco a poco esso era divenuto il suo laboratorio, il suo quartier generale, il suo ufficio postale, il suo mondo.Trentatré anni prima, ragazzetto piccolo e ingobbito, con le guance ancora coperte di morbida lanugine nera e fitti riccioletti sulla fronte, era arrivato a Vienna per studiare da rabbino; ma ben presto aveva abbandonato quel severo Dio unico che era Yahveh per consacrarsi al rutilante e sfaccettato politeismo dei libri. Era stato allora che aveva scope

inviato il 19/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Francesca, sei nella finale di febbraio 10righe della settimana.

Stefan Zweig (Vienna, 28 novembre 1881 – Petrópolis, 23 febbraio 1942) è stato uno scrittore, drammaturgo, giornalista, biografo e poeta austriaco naturalizzato britannico. Oppositore fermo dei totalitarismi, lasciò l'Europa dopo l'avvento al potere del nazionalsocialismo, rifugiandosi infine in Brasile dove si suicidò nel 1942. Oppositore fermo dei totalitarismi, lasciò l'Europa dopo l'avvento al potere del nazionalsocialismo, rifugiandosi infine in Brasile dove si suicidò nel 1942. « Inerme e impotente, dovetti essere testimone della inconcepibile ricaduta dell'umanità in una barbarie che si riteneva da tempo obliata e che risorgeva invece col suo potente e programmatico dogma dell'anti-umanità. »

Franny e Zooey

immagine copertina
J. D. Salinger
Franny e Zooey
Tradotto da Romano Carlo Verdone, Ruggero Bianchi
Einaudi 2014
10 righe da pagina 59:

- Che cosa ti preoccupa, eh? Che si rompa una gamba o che non abbia il telefono mentre tu vorresti che ce l'avesse?
- Se proprio t'interessa, ragazzo mio, mi preoccupano tutte e due le cose.
- Bè, non è il caso. Non sprecare il tuo tempo. Sei così sciocca, Bessie. Perché sei così sciocca? Sai com'è fatto Buddy, no? Se anche si trovasse in mezzo ai boschi venti miglia lontano da tutti, con due gambe rotte e una bella freccia piantata nella schiena, sarebbe capace di strisciare ventre a terra fino alla sua tana solo per assicurarsi che nessuno si sia intrufolato là dentro per provarsi le sue sovrascarpe mentre lui era via -.
Una sghignazzata breve e piacevole da sentire, anche se alquanto demoniaca, risuonò da dietro la tendina. - Fidati di me, gli sta troppo a cuore la sua maledetta intimità per morirsene in mezzo ai boschi.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ritratto di J. D. Salinger
J. D. Salinger, all'anagrafe Jerome David Salinger (New York, 1º gennaio 1919 – Cornish, 27 gennaio 2010).

Il tuffo

immagine copertina
Jonathan Lee
Il tuffo
Tradotto da Sara Reggiani
Sur 2017
10 righe da pagina 45:

Certi giorni in cui l'ambizione e il rimpianto avevano la meglio, quando le opportunità sprecate gli restavano appiccicate alle scarpe come gomma da masticare gettata a terra i cui schifosi e pigri filamenti rallentavano il passo, diceva a se stesso che dentro l'albergo c'era tutta la vita umana. D'accordo, le relazioni clandestine. La tipica domanda che ti fanno tutti. Certo, ce n'erano eccome. Ma lì la gente si fidanzava anche, si sposava. Riceveva telefonate in cui le veniva comunicata la morte di un genitore. Concepiva figli. Spegneva candeline.
Moose era l'uomo più felice del mondo quando parlava con i clienti. Non fosse stato per la costante pressione delle scadenze e delle liste di cose da fare, avrebbe tranquillamente trascorso giornate intere ad ascoltarli disquisire delle loro idee su come arricchirsi e dei tanto lamentati acciacchi, dell'ideale platonico di cuscino, con la sua consumata sofficità e pienezza. Gli piaceva conoscere i nomi di tutti gli ospiti e poi dar corpo, pian piano, alle vite che c'erano dietro.

inviato il 31/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesca, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Jonathan Lee è nato nel Surrey (Regno Unito) il 24 aprile 1981 e vive a New York, dove lavora come editor per la casa editrice Catapult e collabora con la rivista letteraria Guernica. Il tuffo è il suo terzo romanzo, e il primo a essere pubblicato in Italia.

L'estate del cane bambino

immagine copertina
Mario Pistacchio, Laura Toffanello
L'estate del cane bambino
66th and 2nd 2014
10 righe da pagina 61:

Non si invecchia mai un po' alla volta.
C'è un momento preciso, nella vita, in cui ti accorgi che è successo. E' una certezza, e non contano gli anni che hai. Capita quando smetti di andare avanti e ti scopri a guardarti alle spalle. Scruti il tempo che se n'è andato. Lì dietro sono rimasti i tuoi unici amici, i ricordi, l'illusione che niente possa mai finire davvero.
Il treno rallenta, sono arrivato.
Sulla banchina non c'è nessuno, solo una lunga riga gialla, frontiera tra quello che ero e quello che sono diventato, confine tra una vita tutta al presente e un'altra, più vecchia e vuota, vissuta al passato.

inviato il 22/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Mario Pistacchio è nato a Cerignola nel 1979.
Laura Toffanello a Torino nel 1970.

Le botteghe color cannella

immagine copertina
Bruno Schultz
Le botteghe color cannella
Tradotto da A. Vivanti Salmon, V. Verdiani, A. Zielinski
Einaudi 2008
10 righe da pagina 21:

Sopraggiunsero gialli, colmi di noia, i giorni invernali. La terra arrossata era coperta da una tovaglia di neve, bucherellata, lacera, troppo corta. Non ce n'era abbastanza per tutti quei tetti, ed essi sbucavano neri o color ruggine, coperture d'assi e arcate che celavano gli spazi fuligginosi dei solai - nere, carbonizzate cattedrali, tutte una nervatura di capriate, putrelle e travi - neri polmoni delle bufere invernali. (..) Le giornate si indurivano di freddo e di noia, come tozzi di pane dell'anno passato. Si affettavano con coltelli non affilati, senza appetito, in uno strato di pigra sonnolenza.

inviato il 15/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Bruno Schulz (Drohobyč, 12 luglio 1892 – Drohobyč, 19 novembre 1942) è stato uno scrittore e pittore polacco.

Nel 1941, Schulz viene relegato nel ghetto. Parlando bene il tedesco, lavora per un ufficiale delle Schutzstaffel (era un falegname austriaco). Ma il 19 novembre del 1942 viene ucciso per strada da un ufficiale della Gestapo. Il suo omicida si è poi vantato d'averlo ucciso per vendetta, in quanto l'ufficiale presso cui lavorava Schulz ha ucciso un altro ebreo che lavorava per lui. Il suo corpo finì in una fossa comune e non è stato più ritrovato. (fonte Wikipedia)

Paradisi minori

immagine copertina
Megan Mayhew Bergman
Paradisi minori
Tradotto da G. Guerzoni
NN Editore 2017
10 righe da pagina 32:

Ricordati, dissi a mia madre, che non sono obbligata a prendermi cura di quel pennuto.
Be', disse lei, io non sono obbligata a prendermi cura di te.
Invece si, pensai, le sue parole una scheggia nel petto. Devi.
In quel momento, mi sentii cedere. La odiavo per la sua freddezza, la logica testarda, la capacità di fare la voce grossa anche quand'era stanca morta, pelle e ossa, e non vedeva nemmeno il cibo sulla forchetta.
Eccola seduta il poltrona, nel suo vestito fuori moda fatto a mano, con il pennuto in braccio e la merda sulla spalla.
Era stata schiacciata dal mondo, ma di fronte alla sconfitta minacciava tutti noi.

inviato il 08/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Megan Mayhew Bergman nata a Born il 23 dicembre 1979.

Le 10 righe sono tratte dal racconto "Le arti della casalinga". Anche l'incipit ė notevole..: "In famiglia, sono io che porto a casa i soldi e sono io la casalinga. Preparo i pranzi e cambio le lampadine, le lenzuola e l'olio della macchina. Bacio i lividi sulle ginocchia e uccido a zappate i serpenti testa di rame che arrivano dal torrente dietro casa. Posso fare una crostata e sterminare le locuste in cantina con un'asse coperta di colla, non in contemporanea, però. Mi piace tessere le mie lodi perché non lo fa nessun altro.*

Umami

immagine copertina
Laia Jufresa
Umami
Tradotto da Giulia Zavagna
SUR 2017
10 righe da pagina 174:

Perché?, mi ha chiesto Linda.
Perché pesa più un morto che un vivo?
A-ha.
Suppongo che abbia a che vedere con la mancanza di sforzo muscolare, le ho detto: Quando prendi in braccio una persona viva, per quanto sia debole, ancora si sostiene, o almeno ha intenzione di farlo.
Forse morire è proprio questo, no?
Pesare di più?
Quel momento in cui uno smette di portare il proprio peso.
------
Perché?, mi ha chiesto Linda.
Perché pesa più un morto che un vivo?
A-ha.
Suppongo che abbia a che vedere con la mancanza di sforzo muscolare, le ho detto: Quando prendi in braccio una persona viva, per quanto sia debole, ancora si sostiene, o almeno ha intenzione di farlo.
Forse morire è proprio questo, no?
Pesare di più?
Quel momento in cui uno smette di portare il proprio peso.
------

inviato il 04/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Ho scelto queste 10righe: http://scrivi.10righedailibri.it/la-pietra-di-luna !

Grazie :)) provvedo al più presto! (I folletti hanno rimesso le righe a posto!!

Ciao Francesca, sei nella finale di gennaio, 10 righe settimanali. Scegli 10righe che più ti piacciono partendo da lunedì 8 gennaio a domenica 14 gennaio, riportando qui nei commenti il link.

Ohhhhh.. <3 Questo spiega tutto :))

Ciao Francesca, alcune volte il testo sparisce nei dialoghi... Folletti :)

Non so perché, mentre facevo una correzione, mi sono sparite le righe.. :( le ho riscritte nei commenti!

Perché?, mi ha chiesto Linda.
Perché pesa più un morto che un vivo?
A-ha.
Suppongo che abbia a che vedere con la mancanza di sforzo muscolare, le ho detto: Quando prendi in braccio una persona viva, per quanto sia debole, ancora si sostiene, o almeno ha intenzione di farlo.
Forse morire è proprio questo, no?
Pesare di più?
Quel momento in cui uno smette di portare il proprio peso.

Signorina Cuorinfranti

immagine copertina
Nathanael West
Signorina Cuorinfranti
Tradotto da Riccardo Duranti
minimum fax 2011
10 righe da pagina 88:

Una pigra pioggia primaverile stava trasformando il catrame polveroso delle terrazze in lucide distese di pelle verniciata. L'acqua rendeva tutto scivoloso e lui non riuscì a trovare alcun appiglio né per gli occhi né per i pensieri.
Tornò a fissare la scrivania e tirò fuori una voluminosa lettera da una busta sudicia. Si mise a leggerla per lo stesso motivo per cui un animale si accanisce contro la propria zampa ferita: per far male al dolore.

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Il pozzo

immagine copertina
Juan Carlos Onetti
Il pozzo
Tradotto da Ilide Carmignani
SUR 2015
10 righe da pagina 40:

Si dice che ci siano vari modi di mentire, ma il più ripugnante di tutti è dire la verità, tutta la verità, però occultando l'anima dei fatti. Perché i fatti sono sempre vuoti, sono recipienti che prendono la forma del sentimento che li riempie.

inviato il 18/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesca, sei finalista 10righe scelte da Voi utenti del mese di Dicembre.

Mi chiamo Lucy Barton

immagine copertina
Elizabeth Strout
Mi chiamo Lucy Barton
Tradotto da Susanna Basso
Einaudi 2017
10 righe da pagina 145:

Questa non è la storia del mio matrimonio; ho già detto che non la saprei scrivere. Qualche volta però penso a ciò che sanno i primi mariti.Sposai William quando avevo vent'anni. Volevo fargli da mangiare. Mi comprai una rivista di ricette elaborate e mi procurai gli ingredienti. Una sera William passò in cucina e diede un'occhiata al contenuto della padella che stava sul gas e poco dopo ripassò in cucina. - Quello cos'è, Passerotta? - disse. Risposi che era aglio. Dissi che la ricetta diceva di far rosolare dell'aglio in olio d'oliva.

inviato il 11/12/2017
Nei segnalibri di:

Il tuffo

immagine copertina
Jonathan Lee
Il tuffo
Tradotto da Sara Reggiani
Sur 2017
10 righe da pagina 45:

Certi giorni in cui l'ambizione e il rimpianto avevano la meglio, quando le opportunità sprecate gli restavano appiccicate alle scarpe come gomma da masticare gettata a terra i cui schifosi e pigri filamenti rallentavano il passo, diceva a se stesso che dentro l'albergo c'era tutta la vita umana. D'accordo, le relazioni clandestine. La tipica domanda che ti fanno tutti. Certo, ce n'erano eccome. Ma lì la gente si fidanzava anche, si sposava. Riceveva telefonate in cui le veniva comunicata la morte di un genitore. Concepiva figli. Spegneva candeline.
Moose era l'uomo più felice del mondo quando parlava con i clienti. Non fosse stato per la costante pressione delle scadenze e delle liste di cose da fare, avrebbe tranquillamente trascorso giornate intere ad ascoltarli disquisire delle loro idee su come arricchirsi e dei tanto lamentati acciacchi, dell'ideale platonico di cuscino, con la sua consumata sofficità e pienezza. Gli piaceva conoscere i nomi di tutti gli ospiti e poi dar corpo, pian piano, alle vite che c'erano dietro.

inviato il 31/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesca, sei nella classifica settimanale del mese di febbraio.

Jonathan Lee è nato nel Surrey (Regno Unito) il 24 aprile 1981 e vive a New York, dove lavora come editor per la casa editrice Catapult e collabora con la rivista letteraria Guernica. Il tuffo è il suo terzo romanzo, e il primo a essere pubblicato in Italia.

L'estate del cane bambino

immagine copertina
Mario Pistacchio, Laura Toffanello
L'estate del cane bambino
66th and 2nd 2014
10 righe da pagina 61:

Non si invecchia mai un po' alla volta.
C'è un momento preciso, nella vita, in cui ti accorgi che è successo. E' una certezza, e non contano gli anni che hai. Capita quando smetti di andare avanti e ti scopri a guardarti alle spalle. Scruti il tempo che se n'è andato. Lì dietro sono rimasti i tuoi unici amici, i ricordi, l'illusione che niente possa mai finire davvero.
Il treno rallenta, sono arrivato.
Sulla banchina non c'è nessuno, solo una lunga riga gialla, frontiera tra quello che ero e quello che sono diventato, confine tra una vita tutta al presente e un'altra, più vecchia e vuota, vissuta al passato.

inviato il 22/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Mario Pistacchio è nato a Cerignola nel 1979.
Laura Toffanello a Torino nel 1970.

Moll Flanders

immagine copertina
Daniel Defoe
Moll Flanders
Tradotto da G. Trevisani
Garzanti Libri 2015
10 righe da pagina 167:

Quando, la mattina dopo, avemmo il permesso di salire in coperta, io domandai a uno degli ufficiali della nave se potevo avere il permesso di mandare a terra una lettera, per far sapere ai miei amici dov'era la nave e farmi mandare le cose di cui avevo bisogno. Era, seppi, il nostromo, un tipo d'uomo civile e cortese, il quale mi disse che mi avrebbe dato quel permesso, e tutti gli altri che desideravo, purchè potesse darmeli senza correre rischi. Io gli dissi che non volevo altro; mi rispose che la scialuppa della nave andava a Londra conla prossima marea, e che avrebbe dato la mia lettera da portare.Così, quando fu per partire la scialuppa, venne da me il nostromo e mi disse che la scialuppa partiva, e che ci andava anche lui, e mi domandò se era pronta la lettera della quale doveva occuparsi. Io, potete figurarvelo, m'ero procurata penna, inchiostro e carta, e avevo scritto una lettera indirizzata alla mia governante.

inviato il 09/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Daniel Defoe nacque a Stoke Newington il 3 aprile 1660.

NADIA TERRANOVA

immagine copertina
GLI ANNI AL CONTRARIO
NADIA TERRANOVA
Einaudi (collana Super ET) 2016
10 righe da pagina 105:

Quando penso agli anni trascorsi mi sembra che siano andati tutti al contrario. Abbiamo avuto una casa, una figlia, una laurea senza sapere che farcene, e ora che lo sappiamo ci stiamo già dividendo le briciole. Ci saluteremo da balconi e finestrini d’auto portando e prendendo Mara da un posto all’altro, finché lei non se ne andrà per la sua strada e allora ci incontreremo alla sua laurea e al suo matrimonio. Avremo un nuovo marito e una nuova moglie e non ripeteremo gli stessi sbagli perché avremo imparato dall’esperienza, che poi è la somma di tutte le cazzate fatte.

inviato il 15/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Nadia Terranova nata a Messina, 1978.

Le botteghe color cannella

immagine copertina
Bruno Schultz
Le botteghe color cannella
Tradotto da A. Vivanti Salmon, V. Verdiani, A. Zielinski
Einaudi 2008
10 righe da pagina 21:

Sopraggiunsero gialli, colmi di noia, i giorni invernali. La terra arrossata era coperta da una tovaglia di neve, bucherellata, lacera, troppo corta. Non ce n'era abbastanza per tutti quei tetti, ed essi sbucavano neri o color ruggine, coperture d'assi e arcate che celavano gli spazi fuligginosi dei solai - nere, carbonizzate cattedrali, tutte una nervatura di capriate, putrelle e travi - neri polmoni delle bufere invernali. (..) Le giornate si indurivano di freddo e di noia, come tozzi di pane dell'anno passato. Si affettavano con coltelli non affilati, senza appetito, in uno strato di pigra sonnolenza.

inviato il 15/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Bruno Schulz (Drohobyč, 12 luglio 1892 – Drohobyč, 19 novembre 1942) è stato uno scrittore e pittore polacco.

Nel 1941, Schulz viene relegato nel ghetto. Parlando bene il tedesco, lavora per un ufficiale delle Schutzstaffel (era un falegname austriaco). Ma il 19 novembre del 1942 viene ucciso per strada da un ufficiale della Gestapo. Il suo omicida si è poi vantato d'averlo ucciso per vendetta, in quanto l'ufficiale presso cui lavorava Schulz ha ucciso un altro ebreo che lavorava per lui. Il suo corpo finì in una fossa comune e non è stato più ritrovato. (fonte Wikipedia)

Franny e Zooey

immagine copertina
J.D. Salinger
Franny e Zooey
Tradotto da Romano Carlo Cerrone e Ruggero Bianchi
Einaudi 1963

La tua età non ha nulla a che fare con quanto sto dicendo. Non si "cambia" molto tra i dieci e i vent'anni, o tra i dieci e gli ottanta, se è per questo. "Anche" adesso non puoi amare come vorresti un Gesù che ha fatto o detto un paio di cose che, se non altro, gli sono state attribuite; e lo sai anche tu. Sei costituizionalmente incapace di amare o di capire qualsiasi figlio di Dio che si mette a rovesciare banchi. E sei costituzionalmente incapace di amare o di capire un figlio di Dio che dica che un esserre umano, "qualunque" essere umano, anche un professor Tupper, ha più valore agli occhi di Dio di un tenero, indifeso pulcino pasquale.[...] Non ho nessuna voglia di approfondire l'argomento, ma almeno io non ho mai cercato, consapevolmente o no, di trasformare Gesù in san Francesco d'Assisi solo per renderlo più "amabile", come ha sempre cercato di fare il novanta per cento dei cristiani.

inviato il 15/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

J. D. Salinger, all'anagrafe Jerome David Salinger New York, 1º gennaio 1919

Sotto il segno della pecora

immagine copertina
Haruki Murakami
Sotto il segno della pecora
Tradotto da Anna Rusconi
Longanesi 1992

"Per quanto riguarda il disegno, si tratta della copia di un originale conservato presso gli archivi medici dell'ospedale militare americano. É datato 21 luglio 1946. Fu eseguito dal Boss in persona, su richiesta dei dottori: un anello di collegamento nel processo di documentazione dei suoi stati di allucinazione. Infatti, sempre stando ai rapporti medici dell'epoca, questa pecora appariva con grande frequenza nelle sue visioni. Per dirla in cifre, era protagonista di circa l'ottanta per cento delle sue allucinazioni, o di quattro allucinazioni su cinque. E non stiamo parlando di una pecora qualsiasi, bensì di un esemplare castano con una stella sulla schiena."

inviato il 13/04/2016
Nei segnalibri di:

Ragionevoli dubbi

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Ragionevoli dubbi
Seller editore Palermo 2006
10 righe da pagina 106:

"Un colore?"
"Sì, è una regola del gioco. Per potersi realizzare i desideri devono essere colorati."
Per potersi realizzare i desideri devono essere colorati. Giusto. Finalmente capivo cosa c'era di sbagliato, con i desideri che avevo espresso fino a quel momento, nella mia vita. C'era questa regola e nessun me l'aveva detta.
"Dimmi i tuoi desideri"
Di solito non sono capace di rispondere alle domande su desideri. Non sono capace e non ne ho voglia. Che poi è praticamente le stessa cosa.
Confessare, anche a se stessi, i propri desideri - quelli veri - è pericoloso. Se sono realizzabili, e spesso lo sono, dichiararli ti mette di fronte alla paura di provarci. E dunque alla tua vigliaccheria. Allora preferisci non pensarci, o pensare che hai desideri impossibili, e che è da adulti non pensare alle cose impossibili.

inviato il 22/08/2016
Nei segnalibri di:

Dubliners, "The dead"

immagine copertina
James Joyce
Dubliners, "The dead"
Wordsworth Classics 1993
10 righe da pagina 153:

A wave of yet more tender joy escaped from his heart and went coursing in warm blood along his arteries. Like the tender fire of stars moments of their life together, that no one knew of or would ever know of, broke upon and illumined his memory. He longed to recall to her those moments, to make her forget the years of their dull existence together and remember only their moments of ecstasy. For the years, he felt, had not quenched his soul or hers. Their children, his writing, her household cares had not quenched all their souls’ tender fire. [...] He longed to be alone with her. When the others had gone away, when he and she were in the room in the hotel, then they would be alone together.

inviato il 05/01/2018
Nei segnalibri di:

La pietra di luna

immagine copertina
Wilkie Collins
La pietra di luna
Tradotto da Adriana Altavilla
Newton Compton - Minimammut 2016
10 righe da pagina 22:

Non sono superstizioso; ho letto una gran quantità di libri ai miei tempi; a modo mio sono uno studioso. Benché abbia compiuto settant’anni, sono dotato di una memoria attiva, e di gambe altrettanto buone. Vi prego di non considerare espressione di ignoranza la mia opinione secondo cui non è mai stato scritto, né più lo sarà, un libro quale Robinson Crusoe. Mi sono rivolto a questo romanzo per anni, generalmente in compagnia di una pipa, e in lui ho trovato un amico in tutte le necessità di questa vita mortale.Non sono superstizioso; ho letto una gran quantità di libri ai miei tempi; a modo mio sono uno studioso. Benché abbia compiuto settant’anni, sono dotato di una memoria attiva, e di gambe altrettanto buone. Vi prego di non considerare espressione di ignoranza la mia opinione secondo cui non è mai stato scritto, né più lo sarà, un libro quale Robinson Crusoe. Mi sono rivolto a questo romanzo per anni, generalmente in compagnia di una pipa, e in lui ho trovato un amico in tutte le necessità di questa vita mortale. Quando il mio umore è nero: Robinson Crusoe.

inviato il 10/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Vera, per Te un libro incentivo come finalista del mese di gennaio, 10righe scelte da Voi utenti. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

uhhhhhh! Gracias!!!!!! :))

Ciao sei nella classifica finale di gennaio, 10 righe scelte da Voi utenti.

Wilkie William Collins, Marylebone, 8 gennaio 1824 – Londra, 23 settembre 1889

Mendel dei libri

Mendel dei libri 12 settimane 1 giorno fa

Grazie :)

Mendel dei libri 13 settimane 2 giorni fa

Stefan Zweig (Vienna, 28 novembre 1881 – Petrópolis, 23 febbraio 1942) è stato uno scrittore, drammaturgo, giornalista, biografo e poeta austriaco naturalizzato britannico. Oppositore fermo dei totalitarismi, lasciò l'Europa dopo l'avvento al potere del nazionalsocialismo, rifugiandosi infine in Brasile dove si suicidò nel 1942. Oppositore fermo dei totalitarismi, lasciò l'Europa dopo l'avvento al potere del nazionalsocialismo, rifugiandosi infine in Brasile dove si suicidò nel 1942. « Inerme e impotente, dovetti essere testimone della inconcepibile ricaduta dell'umanità in una barbarie che si riteneva da tempo obliata e che risorgeva invece col suo potente e programmatico dogma dell'anti-umanità. »

Franny e Zooey

Franny e Zooey 14 settimane 2 giorni fa

Ritratto di J. D. Salinger
J. D. Salinger, all'anagrafe Jerome David Salinger (New York, 1º gennaio 1919 – Cornish, 27 gennaio 2010).

Giuoco Giuoco - Primo libro 2018

Giuoco Giuoco - Primo libro 2018 15 settimane 5 giorni fa

l'ho copiata alla moglie di Beto.
(Laia Jufresa, Umami)

Il tuffo

Il tuffo 15 settimane 6 giorni fa

Jonathan Lee è nato nel Surrey (Regno Unito) il 24 aprile 1981 e vive a New York, dove lavora come editor per la casa editrice Catapult e collabora con la rivista letteraria Guernica. Il tuffo è il suo terzo romanzo, e il primo a essere pubblicato in Italia.

L'estate del cane bambino

L'estate del cane bambino 17 settimane 3 giorni fa

Mario Pistacchio è nato a Cerignola nel 1979.
Laura Toffanello a Torino nel 1970.

Le botteghe color cannella

Le botteghe color cannella 18 settimane 2 giorni fa

Bruno Schulz (Drohobyč, 12 luglio 1892 – Drohobyč, 19 novembre 1942) è stato uno scrittore e pittore polacco.

Nel 1941, Schulz viene relegato nel ghetto. Parlando bene il tedesco, lavora per un ufficiale delle Schutzstaffel (era un falegname austriaco). Ma il 19 novembre del 1942 viene ucciso per strada da un ufficiale della Gestapo. Il suo omicida si è poi vantato d'averlo ucciso per vendetta, in quanto l'ufficiale presso cui lavorava Schulz ha ucciso un altro ebreo che lavorava per lui. Il suo corpo finì in una fossa comune e non è stato più ritrovato. (fonte Wikipedia)

Umami

Umami 18 settimane 4 giorni fa
Umami 19 settimane 1 giorno fa

Grazie :)) provvedo al più presto! (I folletti hanno rimesso le righe a posto!!

Paradisi minori

Paradisi minori 19 settimane 2 giorni fa

Le 10 righe sono tratte dal racconto "Le arti della casalinga". Anche l'incipit ė notevole..: "In famiglia, sono io che porto a casa i soldi e sono io la casalinga. Preparo i pranzi e cambio le lampadine, le lenzuola e l'olio della macchina. Bacio i lividi sulle ginocchia e uccido a zappate i serpenti testa di rame che arrivano dal torrente dietro casa. Posso fare una crostata e sterminare le locuste in cantina con un'asse coperta di colla, non in contemporanea, però. Mi piace tessere le mie lodi perché non lo fa nessun altro.*

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy