Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Lorenzo Schiavone

Vento & Flipper

immagine copertina
Haruki Murakami
Vento & Flipper
Tradotto da Antonietta Pastore
Enaudi 2016
10 righe da pagina 79:

- Perché ti sei ritirato?
- Mah! Perché mi annoiavo, direi. A mio modo però mi sono sforzato. Mi sono sforzato tanto che stentavo a crederci io stesso. E mi preoccupavo per il benessere altrui, col risultato che una volta sono stato pestato da un agente di polizia. Però, sai, viene un momento in cui ognuno torna al posto a cui appartiene. Peccato che io non l’abbia trovato, quel posto. E’ come ne gioco delle sedie, ne manca sempre uno.
- Cosa intende fare d’ora in avanti?
- Vorrei scrivere un romanzo. Cosa ne pensi?
- Che fai bene, naturalmente.
Il Sorcio annuì.
- Che genere di romanzo?
- Un romanzo bello. Bello per me, s’intende. Non che io creda di aver talento. Ma perlomeno vorrei scrivere qualcosa che mi permetta di evolvere, altrimenti non ha senso.

inviato il 11/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

staff, devo fare qualcosa?

Ciao Lorenzo Schiavone sei nella finale di settembre, 10 righe settimanali.

condivido , belle righe !

Bellissima questa citazione!

Madame Bovary

Gustave Flaubert
Madame Bovary
Tradotto da Oreste del Buono
Garzanti 1982
10 righe da pagina 83:

Quanto a Emma, lei non si chiese mai se lo amasse. L'amore era la sua convinzione, doveva arrivare tutto d'un colpo, con grandi tuoni e lampi - uragano celeste che piomba sulla vita, la sconvolge, strappa le volontà come foglie morte, trascina l'intero cuore nell'abisso. Non sapeva che sulle terrazze delle case la pioggia forma larghe pozze quando le grondaie sono ostruite, e così restò tranquilla sinché non le toccò di scoprire d'improvviso una crepa nel muro. Accadde una domenica di febbraio, un pomeriggio, nevicava.

inviato il 08/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Lorenzo :)

Madame Bovary

Gustave Flaubert
Madame Bovary
Tradotto da Oreste del Buono
Garzanti 1982
10 righe da pagina 83:

Quanto a Emma, lei non si chiese mai se lo amasse. L'amore era la sua convinzione, doveva arrivare tutto d'un colpo, con grandi tuoni e lampi - uragano celeste che piomba sulla vita, la sconvolge, strappa le volontà come foglie morte, trascina l'intero cuore nell'abisso. Non sapeva che sulle terrazze delle case la pioggia forma larghe pozze quando le grondaie sono ostruite, e così restò tranquilla sinché non le toccò di scoprire d'improvviso una crepa nel muro. Accadde una domenica di febbraio, un pomeriggio, nevicava.

inviato il 08/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Lorenzo :)

Vento & Flipper

immagine copertina
Haruki Murakami
Vento & Flipper
Tradotto da Antonietta Pastore
Enaudi 2016
10 righe da pagina 79:

- Perché ti sei ritirato?
- Mah! Perché mi annoiavo, direi. A mio modo però mi sono sforzato. Mi sono sforzato tanto che stentavo a crederci io stesso. E mi preoccupavo per il benessere altrui, col risultato che una volta sono stato pestato da un agente di polizia. Però, sai, viene un momento in cui ognuno torna al posto a cui appartiene. Peccato che io non l’abbia trovato, quel posto. E’ come ne gioco delle sedie, ne manca sempre uno.
- Cosa intende fare d’ora in avanti?
- Vorrei scrivere un romanzo. Cosa ne pensi?
- Che fai bene, naturalmente.
Il Sorcio annuì.
- Che genere di romanzo?
- Un romanzo bello. Bello per me, s’intende. Non che io creda di aver talento. Ma perlomeno vorrei scrivere qualcosa che mi permetta di evolvere, altrimenti non ha senso.

inviato il 11/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

staff, devo fare qualcosa?

Ciao Lorenzo Schiavone sei nella finale di settembre, 10 righe settimanali.

condivido , belle righe !

Bellissima questa citazione!

Mr Gwyn

immagine copertina
Alessandro Baricco
Mr Gwyn
Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano 2013
10 righe da pagina 94:

- Lei fa lampadine, le è mai successo di vedere una luce in cui si è riconosciuto? Che era proprio lei?
il vecchietto si ricordò di un lampioncino acceso sulla porta di un cottage, anni prima.
- Una volta, disse.
- E allora può capire. Una luce è giusto uno spicchio di una storia. Se c'è una luce che è come lei, ci sarà anche un rumore, un angolo di strada, un uomo che cammina, molti uomini, o una donna sola, cose del genere. Non si fermi alla luce, pensi a tutto il resto, pensi a una storia. Riesce a capire che esiste, da qualche parte, e che se lei la trovasse, quello sarebbe il suo ritratto?
il vecchietto fece un gesto dei suoi. Assomigliava a un vago sì. Rebecca sorrise.

inviato il 12/09/2017
Nei segnalibri di:

Utopia

immagine copertina
Thomas More
Utopia
Tradotto da Davide Sala
Giunti Editore 2010
10 righe da pagina 85:

La costituzione della loro repubblica ha come primo scopo questo: tutto il tempo che non è strettamente necessario agli interessi dello Stato dovrebbe essere usato dai cittadini per sottrarsi alla schiavitù del corpo, dedicandosi alla libertà dello spirito e alla cultura. Secondo loro, è così che si raggiunge la felicità in questa vita.

inviato il 16/09/2017
Nei segnalibri di:

Cose che nessuno sa

immagine copertina
Alessandro D'Avenia
Cose che nessuno sa
Mondadori Editore 2015
10 righe da pagina 221:

Il cuore non è altro che una fila di stanze, sempre più piccole, una immette in un'altra attraverso una porta chiusa e scale che scendono. Sono in tutto sette stanze. Il cuore del cuore è la settima, la più difficile da raggiungere, ma la più luminosa perché le pareti sono di cristallo. Gioia e dolore vengono da quella stanza e sono la chiave per entrarci. Gioia e dolore piangono le stesse lacrime, sono la madreperla della vita, e quel che conta nella vita è mantenere intatto quel pezzetto di cuore, così difficile da raggiungere, così difficile da ascoltare, così difficile da donare, perché lì è tutto vero.

inviato il 08/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie staff! ;)

Benvenuta Francesca! :)

Libro estivo. Un libro da leggere prima che cominci la scuola, sia per adolescenti che per adulti e professori, all'inizio di settembre quando l'estate se la porta via l'aria fresca...ma si ha ancora voglia di stare sulla sabbia.

Eravamo bambini abbastanza

immagine copertina
Carola Susani
Eravamo bambini abbastanza
minumum fax
10 righe da pagina 75:

Perché tornavamo? Perché non siamo scappati? In quel momento avrei detto che non ne avevo il coraggio, temevo che Alex non mi avrebbe seguito, non volevo mettere nei guai Tania e forse neanche Ana. Ma la verità è che stavo bene. Ormai ci voleva un amore più forte, o semplicemente una forza più forte, per portarmi via. Mi ero abituato. Se allora qualcuno mi avesse detto: ormai stai bene con il Raptor, avrei negato, mi sarei ribellato. Scoprire che c'era voluto così poco, pochi giorni, per dimenticare mia madre, mio padre, il bambino che ero stato, mi avrebbe fatto paura.

inviato il 08/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Catherine! :)
Su questo sito ci sono varie 10 righe tratte dai libri da te tradotti. Qui il post più recente http://scrivi.10righedailibri.it/bruges-la-morta

Infanzia berlinese intorno al millenovecento

immagine copertina
Walter Benjamin
Infanzia berlinese intorno al millenovecento
Tradotto da Enrico Ganni
Einaudi 2007
10 righe da pagina 72:

Nel nostro giardino c’era un chiostro decrepito e abbandonato. Lo amavo per le sue vetrate multicolori. Quando all'interno passavo di vetro in vetro, mi trasformavo; mi coloravo come il paesaggio che, ora avvampante ora polveroso, ora sommesso ora lussureggiante, stava alla finestra. La stessa cosa mi accadeva disegnando a china, quando le cose mi schiudevano il loro grembo non appena le assalivo in un umida nuvola. Qualcosa di simile avveniva con le bolle di sapone. Attraversavo la stanza dentro di loro e mi mescolavo al gioco di colori della volta sino a quando scoppiava. Nel cielo, come un monile, in un libro, mi perdevo nei colori.

inviato il 11/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

belle queste righe !

Walter Benjamin (Berlino 1892 – Portbou 1940), filosofo, scrittore e critico letterario tedesco.

Discorso sulla fragilità degli uomini

immagine copertina
Olivier Bleys
Discorso sulla fragilità degli uomini
Tradotto da Tania Spagnoli
Edizioni Clichy 2017
10 righe da pagina 177:

"Appunto ,Wei,appunto!Sono sicuro che gli alberi se avessero gli occhi e un pò di intelletto ,guarderebbero il televisore.Non c'è divertimento che gli si addica di più e per cui siano più adatti.Chissà del resto ,se il nostro sommaco non approfitta a modo suo dei programmi televisivi?Da quel che mi sembra ,i suoi rami più alti occupano una buona posizione.allungandosi verso la finestra,potrebbero vedere lo schermo ".
"Il prozio Hou-Chi parla a vanvera!"scoppiò a ridere l'operaio.

Tutte le pupille tuttavia ruotarono verso il vetro da cui si intravedevano in effetti fini e segmentati come bruchi in fila indiana,i rami più alti del sommaco.A giudicare dall'estensione dei rami,l'albero non bramava i raggi del sole ma,in effetti ,le luci bluastre del televisore.
"La natura è piena di misteri"terminò Hou -Chi con un sorriso sinuoso."Del resto ,non facciamo parte anche noi della natura?".

inviato il 11/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Barbara,ben trovata !

Ciao Natalina :*

Olivier Beys ,nato il 2.maggio 1970- a Lione-Francia

the human stain

immagine copertina
Philip Roth
the human stain
Vintage Books London 2005
10 righe da pagina 44:

The secret to living in the rush of the world with a minimum of pain is to get as many people as possible to string along with your delusions; the trick to living alone up here, away from all agitating entanglements, allurements, and expectations, apart especially from one's own intensity, is to organize the silence, to think of its mountaintop plenitude as capital, silence as wealth exponentially increasing. The encircling silence as your chosen source of advantage and your only intimate. The trick is to find sustenance in (Hawthorne again) "the communications of a solitary mind with itself." The secret is to find sustenance in people like Hawthorne, in the wisdom of the brilliant deceased.

inviato il 17/08/2017
Nei segnalibri di:

Eccomi

Jonathan Safran Foer
Eccomi
Guanda
10 righe da pagina 237:

La serie cominciava con l’inizio della scrittura della serie. I personaggi erano i personaggi della vita reale di Jacob: una moglie infelice (che non voleva essere descritta in questi termini); tre figli: uno sull’orlo dell’età adulta, uno sull’orlo di un’estrema coscienza di sé, uno sull’orlo dell’indipendenza intellettuale; un padre xenofobo in preda al terrore; una madre che fa e disfa in silenzio; un nonno depresso. Se un giorno l’avesse condiviso e gli fosse stato chiesto in che misura era autobiografico, avrebbe detto: "non è la mia vita, ma sono io". E se qualcuno - chi a parte il dottor Silvers? - gli avesse chiesto quanto fosse autobiografica la sua vita, avrebbe detto: "è la mia vita, ma non sono io".

inviato il 07/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Irene Abigail Piccinini, 2016
non sono riuscita a trovare dove vadano inserite queste informazioni!

Benvenuta Silvi23 : ) nome del traduttore e anno di edizione del libro da cui hai tratto le 10 righe?

Vento & Flipper

Vento & Flipper 9 settimane 1 giorno fa

staff, devo fare qualcosa?

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy