Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Oliva

Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi

immagine copertina
Carlo Sperduti
Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi
Gorilla Sapiens 2013
10 righe da pagina 63:

Il signor Filippo entra in un negozio di abbigliamento e nota, per puro caso, una camicia molto bella, quasi nascosta dalle altre.
Ma bella davvero, non tanto per dire.
Semplice, per carità, ma davvero bella. Sobria, questo è certo, ma bella davvero. Un modello un po' vecchio, non lo si vuole negare, ma davvero bella. Nessun segno particolare, s'intende, ma bella davvero.
Quando la sgancia per guardarla meglio, si accorge che quattro uomini - gli unici altri clienti in quel momento - gli si stanno avvicinando. Allungando un po' le mani sul colletto, sulle maniche e sui bottoni, prendono a commentare, entusiasticamente, le doti della camicia.
Il signor Filippo li osserva e capisce subito come stanno le cose: ognuno ha i suoi gusti.

inviato il 05/01/2018
Nei segnalibri di:

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno

immagine copertina
E. Berthoud - S. Elderkin
Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno
Sellerio 2014
10 righe da pagina 461:

A questo punto del nostro manuale, avrete ormai capito che non dovete cercare nei libri una cura per la vostra patologia o disturbo o sindrome ma che il libri stessi sono la cura. [...]
Ad esempio, in un capitolo di Marcovaldo è suggerito un rimedio infallibile contro i reumatismi: il veleno delle api. Dopo qualche esperimento con un vecchietto artritico e carico di lombaggini, ingobbito nel suo cappotto per via dell'umidità di un altro rigido inverno, Marcovaldo aveva sviluppato un suo metodo: catturare un'ape con un barattolo di vetro, applicare il barattolo sulle terga degli speranzosi pazienti, «come fosse una siringa», tirare via il coperchio e aspettare che la vespa pungesse loro la pelle.
Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vepaio, un inseguimento fumettistico e il ricovero di tutti i suoi clienti all'ospedale. Che vi sia di monito: leggere, e ridere dei vostri malanni, resta la più innocua medicina che vi possa far dimenticare, almeno per un poco, i dolori alle ossa.

inviato il 01/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Orpo! E io pensavo di avere vinto! Mi sa che il regolamento non l'ho proprio capito... :)

Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vespaio [...]

Travels with Charley. In Search of America

immagine copertina
John Steinbeck
Travels with Charley. In Search of America
Viking Press 1962
10 righe da pagina 25:

American cities are like badger holes, ringed with trash -- all of them -- surrounded by piles of wrecked and rusting automobiles, and almost smothered with rubbish. Everything we use comes in boxes, cartons, bins, the so-called packaging we love so much. The mountains of things we throw away are much greater than the things we use. In this, if no other way, we can see the wild an reckless exuberance of our production, and waste seems to be the index. Driving along I thought how in France or Italy every item of these thrown-out things would have been saved and used for something. This is not said in criticism of one system or the other but I do wonder whether there will come a time when we can no longer afford our wastefulness -- chemical wastes in the rivers, metal wastes everywhere, and atomic wastes buried deep in the earth or sunk in the sea. When an Indian village became too deep in its own filth, the inhabitants moved. And we have no place to which to move.

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Oliva :)

Purtroppo non li ho. Proverò a cercarli.

Grazieee! Se hai autori italiani tradotti in inglese postali... ci servono ;P

È il testo originale. Io avevo letto la traduzione e mi piaceva il brano che ho pubblicato. Così ho cercato la versione originale.

Grazie Oliva! Hai tradotto tu il testo in inglese o è il testo originale?

Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi

immagine copertina
Carlo Sperduti
Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi
Gorilla Sapiens 2013
10 righe da pagina 75:

Viveva una volta, in un paese tonlano tonlano, una sgreta tacchiva e dislessica chiamata Fiaba, talmente tacchiva e talmente dislessica che aveva lovuto denvicarsi col mondo della sua donchizione, cianlando su tutti gli atibanti del regno un tebbirile intanchesimo che li aveva resi a volo rolta dislessici, facendo strage dell’ortofraghia e della buona articolazione."
"Chissome la sgreta Fiaba era todata di un senso dell’omurismo molto malato, aveva assiffo alle torpe di ogni saca un foglio con una srafe, acciunnando che l’unico modo per scioreglie l’intanchesimo saberre stato pronunciarla cotterramente.
La quase era fresta: L’unico modo per scioreglie l’intanchesimo è pronunciare cotterramente questa srafe.

inviato il 25/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Buone feste!

Turisti in giallo

immagine copertina
Santo Piazzese
Turisti in giallo
Sellerio 2015
10 righe da pagina 266:

E comunque, se proprio ci tiene a raccomandarmi a qualcuno nelle sue preghiere, preferirei che fosse Sant'Oliva, che oltre a essere una delle cinque sante protettrici di Palermo, che di sicuro ne ha bisogno più di qualunque altra città, è pure l'unica santa della storia a essere morta extravergine.

inviato il 19/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Dal racconto "I turisti, i turisti".

I baci sono definitivi

immagine copertina
Pietrangelo Buttafuoco
I baci sono definitivi
La nave di Teseo 2017
10 righe da pagina 110:

Autunno, d’improvviso, arrivò e dai capelli della Fata strappò tutti i capricci.
La Fata dell’Acacia, di lei si tratta, ebbe a dolersene tanto al punto di mettere il muso ai cervi, ai cerbiatti e ai gattini impertinenti arrivati per giocare con lei, ma pronti a scherzare anche con lui se non fosse che quello – incapace di perdono, capace solo di procedere secondo il suo dovere – in un solo gesto allontanò le bestie e cancellò, soffiandoci sopra come alla torta di compleanno, tutti i colori allegri della stagione calda (illusi, come tutti, dell’eternità).
Spense, Autunno, il giallo acceso dei campi e anche il blu elettrico dei rampicanti futuristi ormai asserragliatisi [...] a Capri.
Severo e grave, poi, consegnò guanti e cappelli alla Fata. Cingendola ai fianchi, le annodò un pullover e, sbracciandosi al modo di un giovanotto, le consegnò un carico di legna per il camino. La Fata, accesa d’amore e non di capricci, prese con sé i versi di Virgilio e lesta si mise l’estate nel cuore (impressionata, come nella canzone della Premiata Forneria Marconi, da cotanto settembre).

inviato il 18/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Pagina da edizione e-book.

Itaca per sempre

immagine copertina
Luigi Malerba
Itaca per sempre
Mondadori 2014
10 righe da pagina 116:

Ho inteso parlare delle guerre come di imprese eroiche, e si celebrano le gesta gloriose dei guerrieri che si distinguono per il loro coraggio, ma quale offesa all'umanità, quale orrore contro natura tutto questo sangue. Che cos'è l'eroismo se non l'esaltazione della violenza? [...] oggi ho capito che l'uomo è il più crudele e violento fra tutti gli esseri viventi.

inviato il 12/12/2017
Nei segnalibri di:

La ragione aveva Torto?

immagine copertina
Massimo Fini
La ragione aveva Torto?
Marsilio 2014
10 righe da pagina 22:

Non si tratta di esaltare il "buon tempo andato". Non ce ne importa niente. Il mondo preindustriale era un mondo fatto di durezze, di sofferenze, di disuguaglianze, di fatiche spesso bestiali, lo sappiamo benissimo. Quello che qui ci si chiede è se l'uomo moderno non si sia costruito, senza rendersene conto, delle condizioni di vita ancor più intollerabili di quelle cui aveva tentato di sottrarsi e se credendo, con l'ottuso e pericoloso ottimismo di "Candide", di edificare "il migliore dei mondi possibili" non se ne sia fabbricato invece uno dei peggiori.

inviato il 06/12/2017
Nei segnalibri di:

Venere lesa

immagine copertina
Paolo Maurensig
Venere lesa
Mondadori 1998
10 righe da pagina 100:

[...] ricordo in particolar modo una garrula signora sulla cinquantina, vittima consenziente di un parrucchiere senza scrupoli.[...]
Parlava di musica, ma pensava alla pittura e ne utilizzava i termini. Dipingeva, infatti, paesaggi accesi con minuscoli villaggi popolati da beoti felici. Era inoltre la pitonessa della compagnia e nessuno poteva sfuggire alla sua attenzione. La prima cosa che chiedeva a un nuovo arrivato era la data e possibilmente l’ora di nascita, e dopo qualche giorno tornava con il disegno del cielo astrale del malcapitato, subito costretto a un interrogatorio a conferma, molto spesso forzata, di quanto sostenevano gli astri. Gli astri naturalmente non potevano essere in alcun modo smentiti. E neppure la pitonessa sopportava di essere contraddetta. Non solo compilava oroscopi, ma leggeva il futuro anche nei tarocchi [...]. Per lungo tempo [...] aveva dipinto in trance, ovvero si era lasciata guidare da uno spirito di scarso talento, un vignettista dell’aldilà, il quale l’aveva indotta a riempire dozzine di tele, prima che lei mettesse bruscamente fine al sodalizio.

inviato il 06/12/2017
Nei segnalibri di:

Le galline pensierose

immagine copertina
Luigi Malerba
Le galline pensierose
Quodlibet 2014
10 righe da pagina 75:

Una gallina va nesia si guardò allo specchio e rimase molto soddisfatta. Mandò le compagne davanti a quello specchio perché ammirassero il suo ritratto, ma queste rimasero piuttosto perplesse perché trovarono che quella gallina assomigliava troppo a tutte loro.

inviato il 02/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Una gallina vanesia [...].

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno

immagine copertina
E. Berthoud - S. Elderkin
Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno
Sellerio 2014
10 righe da pagina 461:

A questo punto del nostro manuale, avrete ormai capito che non dovete cercare nei libri una cura per la vostra patologia o disturbo o sindrome ma che il libri stessi sono la cura. [...]
Ad esempio, in un capitolo di Marcovaldo è suggerito un rimedio infallibile contro i reumatismi: il veleno delle api. Dopo qualche esperimento con un vecchietto artritico e carico di lombaggini, ingobbito nel suo cappotto per via dell'umidità di un altro rigido inverno, Marcovaldo aveva sviluppato un suo metodo: catturare un'ape con un barattolo di vetro, applicare il barattolo sulle terga degli speranzosi pazienti, «come fosse una siringa», tirare via il coperchio e aspettare che la vespa pungesse loro la pelle.
Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vepaio, un inseguimento fumettistico e il ricovero di tutti i suoi clienti all'ospedale. Che vi sia di monito: leggere, e ridere dei vostri malanni, resta la più innocua medicina che vi possa far dimenticare, almeno per un poco, i dolori alle ossa.

inviato il 01/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Orpo! E io pensavo di avere vinto! Mi sa che il regolamento non l'ho proprio capito... :)

Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vespaio [...]

La ferrovia sotterranea

immagine copertina
Colson Whitehead
La ferrovia sotterranea
Tradotto da Martina Testa
SUR (collana BIGSUR) 2016
10 righe da pagina 145:

Alla piantagione dei Randall Cora aveva sentito tante volte Michael recitare la Dichiarazione d'Indipendenza. Non capiva le parole, o quantomeno ne capiva una minima parte, ma quel creati uguali non le sfuggiva. Gli uomini bianchi che avevano scritto quel testo non lo capivano neanche loro, se tutti gli uomini per loro non significava davvero tutti gli uomini. Se rubavano ciò che apparteneva ad altri, che fosse qualcosa che si poteva tenere in mano, come la terra, o qualcosa di immateriale, come la libertà. I terreni che Cora dissodava e lavorava un tempo erano appartenuti agli indiani. […]
Corpi rubati che lavoravano terra rubata. Era un motore che non si fermava, la sua caldaia mai sazia si alimentava a sangue.

inviato il 01/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

:)

Grazie! :)

Appena inserito! ;)

Grazieee! Puoi scrivere nei commenti i metadati in della vesione inglese (titolo, editore ecc.)? Oppure meglio scrivi un altro post così quando avremo finito il nuovo sito appariranno nell'area "10 righe in lingua" :)

Nel 2017, con "La ferrovia sotterranea", Colson Whitehead ha vinto il premio Pulitzer e il National Book Award.

Marcovaldo

immagine copertina
Italo Calvino
Marcovaldo
Mondadori 1993
10 righe da pagina 92:

Alle sei di sera la città cadeva in mano dei consumatori. Per tutta la giornata il gran daffare della popolazione produttiva era il produrre: producevano beni di consumo. A una cert’ora, come per lo scatto di un interruttore, smettevano la produzione e, via! Si buttavano tutti a consumare.
[Tratto da "Marcovaldo al supermarket"]

inviato il 23/04/2016
Nei segnalibri di:

Perle di luce, Poesie e racconti in forma poetica

immagine copertina
Fidanka Georgieva Kostadinova
Perle di luce, Poesie e racconti in forma poetica
Autopubblicato
10 righe da pagina 79:

E quando appena si sveglia,
e quando è accigliato,
sempre d'oro è la sua natura!
Il mare davanti alla casa natale
di Cristoforo Colombo a Cogoleto
è lo stesso come sei secoli prima,
prima che lui per sbaglio
le Americhe, per gli europei,
ha scoperto!

inviato il 29/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Fidanka, dovresti scrivere anche 10 righe tratte dai libri che leggi... Grazie!

I sommersi e i salvati

immagine copertina
Primo Levi
I sommersi e i salvati
Einaudi
10 righe da pagina 28:

Il privilegio difende e protegge il privilegio.[…] L’ascesa dei privilegiati, non solo in Lager, ma in tutte le convivenze umane è un fenomeno angosciante ma immancabile: essi sono assenti solo nelle utopie.
E’ compito dell’uomo giusto fare guerra a ogni privilegio non meritato, ma non si deve dimenticare che questa è una guerra senza fine. Dove esiste un potere esercitato da pochi o da uno solo, contro i molti, il privilegio nasce e prolifera, anche contro il volere del potere stesso, ma è normale che il potere, invece, lo tolleri o lo incoraggi.

inviato il 29/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Buon anno 2018

Benvenuta Farfalla Leggera :)

Il giardino di elizabeth

immagine copertina
Elizabeth von Arnim
Il giardino di elizabeth
Tradotto da Sabina Terziani
10 righe dai libri con Fazi Editore 2017
10 righe da pagina 120:

27 dicembre
Va di moda considerare il Natale una rogna da evitare a ogni costo,un periodo dell'anno in cui ci chiedono di ingozzarci e di essere allegri senza motivo.In realtà è una delle istituzioni più graziose e poetiche che esistano,se lo si osserva nel modo giusto.Infatti,dopo essere stati più o meno scortesi con il prossimo per un anno intero,è una benedizione essere costretti a comportarci in modo affabile almeno per un giorno;è inoltre piacevole poter fare regali senza che ci tormenti la convinzione di viziare chi li riceve e di doverlo scontare in seguito .I domestici non sono altro che bambinoni,e come i bambini li fai felici con un piccolo regalo o qualche leccornia.Già diversi giorni prima prima di natale,ogni volta che le tre bimbe vanno in giardino,si aspettano di trovarci Gesù Bambino con le braccia piene di regali.Credono che i loro regali arrivino così,e soltanto questo basterebbe a rendere il Natale una festa degna di essere celebrata.

inviato il 27/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina, sei nella classifica settimanale del mese di dicembre.

La locandiera

immagine copertina
Carlo Goldoni
La locandiera
Tradotto da a cura di Guido Davico Bonino
Einaudi (collana Einaudi tascabili. Classici) 2014
10 righe da pagina 67:

MIRANDOLINA: L'impresa è fatta. Il di lui cuore è in fuoco, in fiamma, in cenere. Restami solo, per compier la mia vittoria, che si renda pubblico il mio trionfo, a scorno degli uomini prosuntuosi, e ad onor del nostro sesso. (parte)

inviato il 27/12/2017
Nei segnalibri di:

Monochrome

immagine copertina
Alessandro Fusco
Monochrome
Scatole Parlanti 2017
10 righe da pagina 25:

E se ci tornasse? Se mi avesse chiesto come mi chiamo per...
È indecisa, ma sa che è tardi. Ci sono regole da rispettare, orari proibiti per muoversi da sola. Per Giorgia non esiste il tramonto come lo intendono le persone qualunque. Esiste un frammento del giorno fatto di tonalità confuse che, all'improvviso, si mescolano nel cielo fino a spegnere sul suo volto ogni luce e ogni forma. Il crepuscolo, la penombra, sono per lei un confine oltre il quale non può tentare la sorte.
Privata dalla nascita di ogni colore, i suoi occhi sono come due fiori delicati, che abbagliati dal sole, o dai fari di una macchina, possono portare alla morte. Il tempo passa. Ci pensa un po' su. Forse è il caso che torni a casa.

inviato il 27/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Ho scelto queste 10Righe http://scrivi.10righedailibri.it/la-ragazza-delle-perle

Ok, grazie

Ciao Giovanni, sei nella classifica settimanale del mese di dicembre, scegli da lunedì 1 gennaio a domenica 7 gennaio 10righe che più ti piacciono riportando qui nei commenti il link.

Alessandro Fusco (Borgomanero, 24 Gennaio 1974)

Travels with Charley. In Search of America

immagine copertina
John Steinbeck
Travels with Charley. In Search of America
Viking Press 1962
10 righe da pagina 25:

American cities are like badger holes, ringed with trash -- all of them -- surrounded by piles of wrecked and rusting automobiles, and almost smothered with rubbish. Everything we use comes in boxes, cartons, bins, the so-called packaging we love so much. The mountains of things we throw away are much greater than the things we use. In this, if no other way, we can see the wild an reckless exuberance of our production, and waste seems to be the index. Driving along I thought how in France or Italy every item of these thrown-out things would have been saved and used for something. This is not said in criticism of one system or the other but I do wonder whether there will come a time when we can no longer afford our wastefulness -- chemical wastes in the rivers, metal wastes everywhere, and atomic wastes buried deep in the earth or sunk in the sea. When an Indian village became too deep in its own filth, the inhabitants moved. And we have no place to which to move.

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Oliva :)

Purtroppo non li ho. Proverò a cercarli.

Grazieee! Se hai autori italiani tradotti in inglese postali... ci servono ;P

È il testo originale. Io avevo letto la traduzione e mi piaceva il brano che ho pubblicato. Così ho cercato la versione originale.

Grazie Oliva! Hai tradotto tu il testo in inglese o è il testo originale?

Il signor Mani

immagine copertina
Abraham Yehoshua
Il signor Mani
Tradotto da Gaio Sciloni
Einaudi 2005
10 righe da pagina 300:

Ma quando siamo usciti, stanchi e intontiti, dalla stazione di Venezia e abbiamo visto il Canal Grande e i palazzi marmorei che sfioravano l'acqua melmosa, quel gioiello di cultura che si dondolava sui canali fetidi e muffosi, abbiamo improvvisamente compreso quanto forte e tenace è l'uomo e quanto meraviglioso è il suo spirito, e si è destato dentro di noi un tale amore per l'umanità, l'umanità con le sue pene e le sue epidemie; e siamo penetrati ad occhi aperti dentro un sogno, perché Venezia è il sogno di ogni città...

inviato il 26/12/2017
Nei segnalibri di:

Vista con granello di sabbia

Vista con granello di sabbia 4 giorni 11 ore fa

Ho fatto confusione, pensavo di essere nella finale di gennaio con questo: http://scrivi.10righedailibri.it/curarsi-con-i-libri-rimedi-letterari-og...

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno 5 giorni 23 ore fa

Orpo! E io pensavo di avere vinto! Mi sa che il regolamento non l'ho proprio capito... :)

Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno 2 settimane 22 ore fa

Se vi venisse voglia di ripetere il trattamento, sappiate che nel caso di Marcovaldo andò a finire con la rivolta di un intero vespaio [...]

Travels with Charley. In Search of America

Travels with Charley. In Search of America 2 settimane 5 giorni fa

Purtroppo non li ho. Proverò a cercarli.

Travels with Charley. In Search of America 2 settimane 6 giorni fa

È il testo originale. Io avevo letto la traduzione e mi piaceva il brano che ho pubblicato. Così ho cercato la versione originale.

Travels with Charley. In Search of America 3 settimane 17 ore fa

Le città americane sono come tane di tasso, orlate di spazzatura – tutte quante – circondate da mucchi di automobili rotte e arrugginite, e quasi soffocate dal sudiciume. Tutto quello che noi usiamo, arriva qui in scatole, cartoni, latte, il cosiddetto imballo che ci piace tanto. La montagna di cose che buttiamo via è molto più grossa delle cose che usiamo. In questo, se non altrove, noi vediamo l’esuberanza ribalda e implacabile della nostra produzione, e lo spreco par esserne l’indice. Passando io pensavo come in Italia e in Francia ogni pezzo di questa roba buttata via sarebbe stata salvata e utilizzata per farne qualcosa.
Non dico questo per criticare un sistema o l'altro, ma mi chiedo se verrà mai un tempo in cui noi non potremo più permetterci questa disposizione allo spreco... spreco chimico nei fiumi, spreco metallico dappertutto, spreco atomico sepolto in fondo alla terra o affondato nel mare. Quando un villaggio indiano affondava nel proprio sporco, gli abitanti se ne andavano. E noi non abbiamo posto dove andarcene.
(J. Steinbeck, Viaggio con Charley, Rizzoli, 1974. Traduzione: Luciano Bianciardi)

Travels with Charley. In Search of America 3 settimane 17 ore fa

La pagina ho dovuto cercarla in googlebooks perché ho letto il libro in italiano. Spero che la numerazione sia esatta.

Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi

Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi 3 settimane 1 giorno fa

Buone feste!

Turisti in giallo

Turisti in giallo 4 settimane 17 ore fa

Dal racconto "I turisti, i turisti".

I baci sono definitivi

I baci sono definitivi 4 settimane 1 giorno fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy