Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Elena A.

Fahrenheit 451

immagine copertina
Ray Bradbury
Fahrenheit 451
Tradotto da Neil Gaiman
Mondadori 2016
10 righe da pagina 45:

"Cinque. Sei".
"Puoi anche smettere di contare" disse lei. Aprì un poco le dita di di una mano e nel palmo apparve un oggetto gentile sottile.
Un normale fiammifero da cucina.
Alla sua vista, gli uomini si allontanarono dalla casa correndo. Il capitano Beatty, che voleva mantenere una certa dignità, arretrò lentamente verso la porta d'ingresso, con la faccia arrossata da mille fuochi di eccitanti scene notturne. Dio, pensò Montag, era vero! Le chiamate arrivano sempre di notte, mai di giorno. Forse perché un falò è più bello di sera? Lo spettacolo è più intenso, più appassionante. Sulla porta, la faccia rosa di Beatty mostrò un'ombra di panico quasi impercettibile. La mano della donna tremò sul fiammifero mentre i fumi del cherosene salivano intorno a lei. Montag sentì il libro nascosto martellare come un cuore nel petto.

inviato il 22/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per il libro incentivo

Ray Bradbury Waukegan, 22 agosto 1920

Qui è proibito parlare

immagine copertina
Boris Pahor
Qui è proibito parlare
Tradotto da Martina Clerici
Fazi 2009
10 righe da pagina 247:

Una volta raggiunto l'altopiano con il tram di Opicina, erano scesi vicino all'obelisco e si erano inoltrati nella pineta verso Contovello. Ma presto gli alberi si erano diradati e il sentiero aveva finito per intagliarsi semplicemente nella costa rocciosa.
Il sole batteva a picco sul versante e, per via del calcare bianco, l'aria, immobile, aveva un calore quasi estivo; anche il mare, in basso oltre la striscia d'asfalto, nonostante la sua solitudine, conservava in sé ancora vivo il ricordo delle folle di bagnanti.
Era la prima volta che Ema si recava a un'escursione domenicale con una compagnia tanto numerosa e le parve strano di esserne poco sorpresa.

inviato il 15/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

I libri sono arrivati oggi. Grazie.

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

Qui è proibito parlare

immagine copertina
Boris Pahor
Qui è proibito parlare
Tradotto da Martina Clerici
Fazi 2009
10 righe da pagina 66:

Aveva voglia di starsene comodamente seduta sua una sedia di vimini a conversare spensierata, con un gelato al limone che dà l'illusione di rinfrescare la notte estiva.
Però, per come si sentiva ora, quello starsene seduta così non aveva alcun senso. Sarebbe venuto meno anche lo spirito d'avventura e si sarebbe trasformata in un'osservatrice lucida e ribelle. Ed ecco che si ricordava di come Danilo le aveva proposto un giro in cutter invece di un gelato e di come lei lo aveva deriso tra sé aspettando che se ne andasse. Ma lui era rimasto fedele ai suoi propositi senza far caso al tono delle sue risposte; e dev'essere stato quel modo di fare così vago a spingerla a pensarlo ancora e ad accettare il suo invito. Quasi che i sentimenti emettessero onde invisibili che guidano le persone nella direzione giusta; no, non sempre, naturalmente,

inviato il 08/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

ma talvolta, grazie all'intrecciarsi di numerose circostanze, si verifica che due esseri umani viaggino sulla stessa lunghezza d'onda. Ebbene, l'incontro con Danilo aveva superato anche questo aspetto: era come se volessero diventare reali tutte quelle immagini che lei aveva sempre cacciato via per non rimanere delusa dalla realtà.

Qui è proibito parlare

immagine copertina
Boris Pahor
Qui è proibito parlare
Tradotto da Martina Clerici
Fazi 2009
10 righe da pagina 29:

E' rientrata. Ma che senso ha rifugiarsi in questo posto?
In fin dei conti, potrà durare finché dureranno i risparmi, poi dovrà andarsene. Sarà quel che sarà. Ora che si trova qui, niente la infastidisce più, neanche la folla che ondeggia come la schiuma del mare in tempesta, la solitudine è una sorta di calmante, perché elimina le cause esterne dell'inquietudine. E il tizio della barca a vela, che l'aspetta nel pomeriggio! Solo questo ci mancava per il suo stato d'animo. Sembra quasi impossibile: quando si sogna un incontro straordinario, i giorni trascorrono uno dietro l'altro, insipidi come cibi senza sale. Ora che invece odia il mondo intero e si rigira in un letto di Cittavecchia, le si presenta un principe del mare a chiederla in sposa.
Si avvicinò alla finestra e appoggiò i gomiti sul davanzale.

inviato il 08/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

L'amore felice

immagine copertina
Dario Bellezza
L'amore felice
Rusconi 1986
10 righe da pagina 65:

Forse il pensiero di non vederla più mi rende pazzo. Ma vederla, per dirle che? Che mi ha fatto del male? E' tutta una mia fantasticheria, senza riscontro con la realtà. Intanto ci sono novità in casa Gluser, al quale mi sono attaccato per avere notizie su di lei. Caterina non ha retto alla morte del cane Fagiolo, e si è licenziata. Non m'importa di questo, mi sento in un vicolo cieco. Anna deve vedermi, prima di morire, mi dico. Non può lasciarmi così. M'importa assai degli affari di Caterina o di Glauser! Se la sbrighino da soli. Che m'importa se Caterina accusa d'insensibilità il padrone? O Anna accusa Glauser di averla ripudiata e da allora daterebbe la sua atroce, irresistibile decadenza? Ora io so di avere le mani legate; la voce di Anna è sempre più flebile e remota e come supplicare che le telefona di rivelarsi, denunciarsi, ma io

inviato il 02/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Dario Bellezza nato a Roma il 5 settembre 1944

non posso.

Aceto, Arcobaleno

immagine copertina
Erri De Luca
Aceto, Arcobaleno
Universale Economica Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 35:

Mi invitasti a fare un poco di cammino. Volevi parlare andando, senza dovermi trattenere fermo in ascolto. Sciolsi lo storto attenti, strinsi le mani dietro la schiena. Prendemmo il sentiero degli alveari che d’estate impastano l’aria con un canto di fondo, basso sonoro di fabbrica che cava una goccia di miele da un giorno di fiori. E’ il canto di una volontà inesorabile di eseguire. Tutto il creato esegue senza posa per una spinta che mi commuove e mi sfugge.
Nelle opere quotidiane anch’io provo a imitarlo, confidando che tutto questo agire sia inutile, gratuito, pura restituzione di energia elargita Così il creato spende senza sosta, forse questo è preghiera, le sue risorse nei minuziosi riti dell’incarico svolto, ricavandone gioie che non conosco.
Il rumore dei nostri passi sulla ghiaia produceva strepito nel silenzio dell'autunno immo

inviato il 26/09/2018
Nei segnalibri di:

Tutte le poesie

immagine copertina
Dario Bellezza
Tutte le poesie
Oscar Mondadori 2015
10 righe da pagina 436:

Le intermittenze del cuore, a freddo,
di mattina, appena alzati a velare
già di malinconia il nostro finito
esistere, la fata Morgana
sono di un pallido accostarsi
al tuo inquieto lasciarti andare
alla serie impropria e multipla
degli addii in una terra abitata
da bambini per sempre. Ed io
che guardo attraverso la tua Luce
il mio ricordo posso anche alzarmi
di scatto, andare alla finestra
e piangere: Qualcuno, più
antico di me e di te, potrà dire
soltanto la forza dell'arte;
noi abituati ad un'epoca ormai
cinicamente votata alla morte
restiamo perplessi nell'immagine
sacra di un tempo che ci è stato
tolto, il tempo che "fu"!

inviato il 19/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Dario Bellezza nato a Roma il 5 settembre 1944

Triade minore

immagine copertina
Luigi Ferrari
Triade minore
Ponte alle Grazie 2018
10 righe da pagina 137:

Sono in ufficio e avrei parecchio da fare, stando alla lista che Eirlys mi ha preparato. La scorro: nulla di straordinario, per fortuna. Al momento, il pensiero dei due libri che Gwenda ha appena menzionato mi distrae irresistibilmente. Dovrei invece considerarli letali come il canto delle sirene. Se avendoli qui cominciassi a sfogliarli, la fragile navicella della mia indagine si infrangerebbe sugli scogli del caos. A farmelo temere non è ciò che vi è stampato: posso tranquillamente immaginarmelo, dopo quanto ho appreso dalle registrazioni. No: mi inquietano soprattutto le "annotazioni a matita", che a detta di Gwenda riempiono i bordi delle pagine

inviato il 17/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per avermi risposto.

Grazie, vi sto scrivendo.

Elena, scrivi a libroincentivo@10righedailibri.it

Staff, io vorrei pubblicare i libri vinti ma ancora non ne arriva uno.

Luigi Ferrari nato a Milano nel 1951

Triade minore

immagine copertina
Luigi Ferrari
Triade minore
Ponte alle Grazie 2018
10 righe da pagina 58:

"Non mi aspettavo di sentire suonare un pianoforte, qui dentro. Sono con una infermiera, che come ieri mi accompagna al boudoir di Edna Iles".
"Non sono infermiera, signore, il mio nome è Natasha".
"Mi scusi, Natasha, pensa che sia proprio miss Iles a suonare? Niente visitatori, stamani?"
"Mi chiedo perché insista a scherzare sull'argomento, signore. Nessun visitatore oggi, tranne lei".
"E capita di frequente che miss Iles si metta la pianoforte? Alla sua età, dopotutto..."
"Non di frequente ma ogni tanto si, per occasioni speciali. Comunque, mai in presenza di estranei".

inviato il 11/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Luigi Ferrari nato a Milano nel 1951

Il battello del delirio

immagine copertina
George R.R. Martin
Il battello del delirio
Tradotto da Teresa Albanese e Sergio Altieri
Mondadori 2017
10 righe da pagina 121:

Joshua York sospirò. "Che mi dici di vampiro?"
Quella Abner Marsh la conosceva. "Che razza di storia stai cercando di raccontarmi?" fece in tono burbero.
"Una storia di vampiri" disse York con un sorriso scaltro. "Senza dubbio ne hai già sentito parlare. I morti viventi, immortali, predatori della notte, creature senz'anima, condannate a vagare in eterno. Dormono in bare riempite con la terra del loro suolo natio, rifuggono dalla luce del sole e della croce, e ogni notte si alzano per bere il sangue dei vivi. Mutano persino di forma, e possono assumere le sembianze di un pipistrello o di un lupo. Alcuni, che ricorrono spesso alla forma del lupo, vengono chiamati lupi mannari e sono considerati una specie del tutto diversa, ma a torto.
Sono due lati di una stessa medaglia, Abner. I vampiri possono tramutarsi in nebbia, e le loro vittime

inviato il 03/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

George Raymond Richard Martin (Bayonne - Stati uniti, New Jersey 20 settembre 1948)

diventano esse stesse vampiri.

IL CONTE ROSSO

immagine copertina
CESARE RUBERTI
IL CONTE ROSSO
EDOARDO PERINO 1895
10 righe da pagina 90:

Noi sappiamo bene che buona parte di questi anni egli li aveva passati nelle prigioni del Conte di Savoia, e quei ozii forzati avevano già incominciato a operare nella sua figura un vantaggioso mutamento. Uscito dalle carceri, erasi trovato possessore di una più che discreta fortuna che non aveva subito le vicende della sua libertà; fortuna raggranellata in molti anni di vita avventurosa, e più che tutto dovuto alla liberalità di Filippo d’Acaia, suo signore. E i suoi ozii rallegrati dai piaceri che procura la ricchezza, finirono per compiere la metamorfosi della sua persona: fu così che da soldato di ventura magro e sparuto, tutto nervi e muscoli, egli era diventato un borghese ben pasciuto, e ricoperto d’adipe …
E’ questi, pensava Giacomo esaminandolo da capo a piedi, il confidente dell’infelice Principe d’Acaia, colui nel quale egli av

inviato il 08/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Ossian, sei nella finale settimanale di ottobre. Scegli da oggi 15 ottobre a domenica 21 ottobre, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

tra le 10 righe pubblicate ho scelto http://scrivi.10righedailibri.it/hotel-silence

4321

immagine copertina
Paul Auster
4321
Tradotto da Cristiana Mennella
Einaudi 2017
10 righe da pagina 382:

Delitto e castigo fu il fulmine che si abbatté dal cielo e lo mandò in frantumi, e quando riuscì a riprendersi Ferguson non ebbe più dubbi sul futuro, se un libro poteva essere questo, se un romanzo poteva fare questo al tuo cuore, alla tua mente e ai tuoi sentimenti più profondi sul mondo, allora scrivere romanzi era senz’altro la cosa migliore che potevi fare nella vita, perché Dostoevskij gli aveva insegnato che le storie inventate potevano andare ben oltre il semplice divertimento e lo svago, potevano rivoltarti come un calzino e scoperchiarti il cervello, potevano scottarti e gelarti e metterti completamente a nudo e scaraventarti tra i venti furiosi dell’universo e da quel giorno in poi, dopo aver annaspato per tutta l’infanzia, perso nei miasmi sempre più fitti dello smarrimento, finalmente Ferguson capì dove stava andando.

inviato il 06/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Paul Benjamin Auster, Newark (New Jersey) 3 febbraio 1947

LA TESI DELLA DUCHESSA

immagine copertina
ILARIA VESPIGNANI
LA TESI DELLA DUCHESSA
GRAPHOFEEL EDIZIONI
10 righe da pagina 80:

Un sogno.
Sono tornati.
Questa volta solo la duchessa Battista.
Le riappare mentre passeggia in un giardino, molto probabilmente
il giardino segreto: sullo sfondo infatti si intravedono le finestre del
palazzo. Battista è in avanzato stato di gravidanza, l’ingombro del
ventre è nascosto ormai a malapena dall’ampia veste rosso porpora,
con inserti dorati.
Passeggia a fatica, le temperature sono quelle straordinariamente
miti di un inverno che è alle porte. Qualche raggio di sole riscalda
quel giardino. Battista è pensierosa, si accarezza il ventre rigonfio, i
suoi occhi tristi guardano a terra, il capo chino.
Dove è finita quella donna trionfante, dall’espressione incorruttibile
e capo eretto?

inviato il 05/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Lascia qui nei commenti l'anno di pubblicazione.

Ciao Laura sei nella finale del mese di ottobre, 10 righe scelte da Voi utenti.

Un giorno questo dolore ti sarà utile

immagine copertina
Peter Cameron
Un giorno questo dolore ti sarà utile
Tradotto da Giuseppina Oneto
Gli adelphi 2007
10 righe da pagina 190:

A volte le brutte esperienze aiutano, servono a chiarire che cosa dobbiamo fare davvero. Forse ti sembro troppo ottimista, ma io penso che le persone che fanno solo belle esperienze non sono molto interessanti. Possono essere appagate, e magari a modo loro anche felici, ma non sono molto profonde. Ora la tua ti può sembrare una sciagura che ti complica la vita, ma sai... godersi i momenti felici è facile. Non che la felicità sia necessariamente semplice. Io non credo, però, che la tua vita sarà così, e sono convinta che proprio per questo tu sarai una persona migliore. Il difficile è non lasciarsi abbattere dai momenti brutti. Devi considerarli un dono - un dono crudele, ma pur sempre un dono.

inviato il 04/10/2018
Nei segnalibri di:

Raymond Carver L'incisore della vita

immagine copertina
A cura di Antonio Lanza
Raymond Carver L'incisore della vita
Edizioni Clichy 2018
10 righe da pagina 61:

Se siamo fortunati, non importa se scrittori o lettori, finiremo all'ultimo paio di righe di un racconto e ce ne resteremo seduti un momento o due in silenzio. Idealmente, ci metteremo a riflettere su quello che abbiamo appena scritto o letto; magari il nostro cuore e la nostra mente avranno fatto un piccolo passo in avanti rispetto a dove erano prima. La temperatura del nostro corpo sarà salita, o scesa, di un grado. Poi, dopo aver ripreso a respirare regolarmente, ci ricomporremo, non importa se scrittori o lettori, ci alzeremo e "creature di sangue caldo e nervi", come dice un personaggio di Cechov, passeremo alla nostra prossima occupazione: la vita. Sempre la vita.

inviato il 02/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Raymond Carver (1938-1988)

La Profe. Diario di un insegnante con gli anfibi

immagine copertina
Antonella Landi
La Profe. Diario di un insegnante con gli anfibi
A. MONDADORI 2007
10 righe da pagina 10:

Nella scuola superiore privata di recupero (e ho detto tutto) in cui entrai per la prima volta (una generosa decade fa) come insegnante, quel puzzino c'era, e mi inebriò. Un po' meno m'inebriarono I venti selvaggi diciottenni che quella mattina mi accolsero con un becero coro da stadio. Sul primo momento mi paralizzarono. Vedere e sentire una calca carnosa di bocche spalancate che bercia "olléllé ollàllà fàccela vedè fàccela toccà" non piacerebbe a nessuno e infatti non piacque molto nemmeno a me. Però non mi sento di condannarlo. Essi mi spinsero a reagire immantinente, a estrarre un paio di attributi sferici che non sospettavo di avere e a dettare subito tre titoli per un tema in classe. Fui furba, va detto. Anche fortunata, ne convengo. Capirono subito che con me non si scherzava. Il fatto Incredibile è che lo capii anch'io, per la

inviato il 30/09/2018
Nei segnalibri di:

Il diario segreto di Marco Aurelio

immagine copertina
Giulio Castelli
Il diario segreto di Marco Aurelio
Newton Compton 2013
10 righe da pagina 27:

Per la prima volta vidi un uomo morire accanto a me. Era disteso nella polvere. Intorno ronzavano le mosche. Le formiche incominciavano a risalire sul suo corpo piagato seguendo le scie del sangue raggrumato. Una donna si mise a lavare le ferite, ma ormai era inutile. Provavo pietà e al tempo stesso ribrezzo. Avrei voluto sollevare il povero schiavo ma c’era una forza a trattenermi. Ero un giovane di rango senatorio, un cavaliere salio, un protetto del principe. Come avrei potuto mischiare il mio sudore agli umori di uno schiavo moribondo? Eppure, proprio in quei giorni, Rustico mi aveva parlato di Epitteto. Il più grande dei filosofi era stato uno schiavo. A Roma i saggi e gli uomini di animo nobile ammiravano Epitteto. I suoi libri andavano a ruba. Il suo editore riusciva a produrne dieci volumi al giorno. Centinaia di amanuensi copiava

inviato il 01/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Giulio Castelli, Roma, 13 febbraio 1938

Le lancette spezzate

immagine copertina
Antonio Pesca
Le lancette spezzate
grauseditore 2018
10 righe da pagina 10:

Ci sono notti in cui il tempo si ferma. Poi, quando riprende a correre, niente è più come prima.
Giovedì, 18 maggio 1978
Quella notte il suono del campanello di casa violentò il silenzio che avvolgeva le prime ore del nuovo giorno e a mia madre, che si era precipitata alla porta, due carabinieri chiesero: «Lei è la moglie di Parente Fernando?». «Si!».
«Ci dispiace, ma le dobbiamo dare una triste notizia: suo marito è stato trovato morto nel Po. Sembra si sia suicidato».

inviato il 01/10/2018
Nei segnalibri di:

Poesie e novelle in versi

immagine copertina
Ferdinando Fontana
Poesie e novelle in versi
Lampi di Stampa 2003
10 righe da pagina 50:

Evo Medio
(A Giuseppe Giacosa)

Oh!... Il bel tempo dei miracoli,
dei giulivi menestrelli,
delle fate, degli spiriti,
e dei magici castelli!
Oh! Il bel tempo dei pigmei,
delle imprese e dei tornei!

Oh!... Il bel tempo delle maglie,
dei vestiti di velluto, quando Iddio, la dama e il trono,
si rubavano il tributo,
e cantavasi il perdono
sul motivo dei fendenti,
ed insieme pullulavano
i castelli ed i conventi!

Oh!... Il bel tempo dell'assiduo
alternar di paci e guerre,
quando i vescovi aggiravansi
Cavalcando per le terre,
mentre ai piè delle Eminenze
chiedean tutti le indulgenze!

Beppe, il modo di quell'epoca
pare un mondo immaginario!
Il ladron della mattina
baci a sera un reliquiario;
Sulla massa che cammina,
come pecore attruppate,
s'erge sempre, quasi a bussola,
il cocuzzolo d'un frate.

Eran più che innumerevoli
i colori delle to

inviato il 01/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Padulov :)

L'amica di un tempo

immagine copertina
Laura Lippman
L'amica di un tempo
Tradotto da Luisa Piussi
Neri Pozza-Giano 2010
10 righe da pagina 10:

Aveva scritto del ruolo di figlia, poi di quello di moglie. Comunque, sempre ruoli definiti da qualcun altro. Non poteva scrivere un libro sull'essere se stessa?
Cassandra non vedeva come. Quel romanzo era stato messo assieme con un paio di avanzi della sua vita, i ritagli non utilizzati, rimpolpati dalla fantasia, per non parlare degli affettuosi ricordi del Giardino segreto (una bambina che esplora un luogo proibito, un bambino costretto a letto; perché ogni volta doveva spiegare quelle allusioni?). Per certi versi era contenta che i lettori volessero lei, e non le sue idee. Ma aveva esaurito la propria vita, questo era il problema.

inviato il 01/10/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Laura Lippman, Atlanta, 31 gennaio 1959

Fahrenheit 451

Fahrenheit 451 20 ore 20 min fa
Fahrenheit 451 20 ore 22 min fa

Grazie per il libro incentivo

Fahrenheit 451 20 ore 22 min fa

Ray Bradbury Waukegan, 22 agosto 1920

Berta Isla

Berta Isla 4 giorni 21 ore fa

Ciao Emma, che piacere!

Qui è proibito parlare

Qui è proibito parlare 6 giorni 20 ore fa

I libri sono arrivati oggi. Grazie.

Qui è proibito parlare 1 week 19 ore fa

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

Qui è proibito parlare

Qui è proibito parlare 2 settimane 20 ore fa

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

Qui è proibito parlare 2 settimane 20 ore fa

ma talvolta, grazie all'intrecciarsi di numerose circostanze, si verifica che due esseri umani viaggino sulla stessa lunghezza d'onda. Ebbene, l'incontro con Danilo aveva superato anche questo aspetto: era come se volessero diventare reali tutte quelle immagini che lei aveva sempre cacciato via per non rimanere delusa dalla realtà.

Qui è proibito parlare

Qui è proibito parlare 2 settimane 21 ore fa

Boris Pahor (Trieste, 26 agosto 1913)

L'amore felice

L'amore felice 2 settimane 6 giorni fa

Dario Bellezza nato a Roma il 5 settembre 1944

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy