Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di BIVIO

Nocciolo d'oliva

immagine copertina
Erri De Luca
Nocciolo d'oliva
EMP
10 righe da pagina 17:

.. tre stranieri vennero da altro oriente per registrare il prodigio già annunciato dai loro calcoli, portando offerte solenni degne di una nascita di re. Il re in carica, Erode, se ne risentì, ebbe timore di un'usurpazione. Comandò una strage di bambini, tra due anni e zero, in Betlemme e in tutto il territorio circostante. Fu una misura estrema e inefficace: è dimostrato, da Mosè in poi, che ne scampa sempre uno, quello giusto, che è riassunto di tutti gli altri uccisi. Chi si trova a essere resto di innumerevoli assenti assume e contiene le energie di quelle vite impedite. Fare miracoli allora è solo un piccolo risarcimento.

inviato il 03/06/2018
Nei segnalibri di:

La casa dei sette ponti

immagine copertina
Mauro Corona
La casa dei sette ponti
Feltrinelli (collana Universale economica)

Senza perdere la dolcezza del volto, ma in tono deciso, il vecchio rispose: "Non possiamo farla passare per nessun motivo. Se vuole entrare in questa casa, c'è un solo modo: deve prima attraversare a piedi i setti ponti. Uno dopo l'altro.Può farlo quando vuole, anche fra un anno o due, sappia però che solo dopo aver passato i ponti potrà metter piede qua dentro".
L'industriale della seta rimase perplesso, pensò che i due fossero ammattiti di solitudine, ma volle restare ancora un poco e vedere come sarebbe finita. Per guadagnare tempo chiese: "E dove sarebbero questi sette ponti?".

p 27-28

inviato il 03/06/2018
Nei segnalibri di:

DINO BENVENUTI

immagine copertina
SHAMBHO'
DINO BENVENUTI
AREABLU EDIZIONI
10 righe da pagina 15:

Dalle Alpi all'Himalaya 30.000 km in auto cercando mia figlia ho ritrovato me stesso.

Credevo di essere stato un buon padre: protettivo, amoroso, intelligente. Pensando al futuro dei miei tre figli, avevo creato con la collaborazione di mia moglie un'attività artigianale in una cittadina del Piemonte, Valenza. Ero un discreto fotografo ed avevo una buona clientela. Il lavoro di fotografia non mancava: decisi però di abbinare alla mia attività quella di ottica. Così pensai di mandare la figlia maggiore, Lorena, a Milano per conseguire il diploma di ottica e optometria, tre anni di studio. Siccome la scuola non dava allora (ora non so) un indirizzo specifico, quasi tutti i ragazzi erano alla mercé dei propri genitori. (...) Conseguito il diploma, Lorena mi ha detto. Papà, non me la sento di affrontare quello che mi offre questa società....

inviato il 26/02/2018
Nei segnalibri di:

ACETO, ARCOBALENO

immagine copertina
Erri De Luca
ACETO, ARCOBALENO
Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 39:

Giungemmo a un sentiero pianeggiante. Marciavi leggero, appoggiando con forza e snellezza la pianta del piede, con passi che trattenevano a stento il rimbalzo, come se un morso impedisse loro di slanciarsi in corsa. Era bello vederti camminare.
Ero sudato, mi offristi un fazzoletto. Ritrovando un'antica frase di nostri studi di filosofia recitasti: "non ci si bagna due volte nella stessa acqua," e aggiungesti "nemmeno nello stesso sudore". Di tante voci staccate staccate da un sistema di pensiero, ne restavano a mente alcune che si reggevano da sole.

inviato il 21/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Bivio, anno di edizione? :)

IL FIGLIO DI BAKUNIN

immagine copertina
SERGIO ATZENI
IL FIGLIO DI BAKUNIN
Sellerio Editore Palermo
10 righe da pagina 11:

Stanotte ho sognato Tullio Saba. Aveva la pelle del viso bianca come cera, e gli occhi spalancati, spaventati, o forse un po' tristi… Una camicia militare americana del tempo di guerra, lacera, a brandelli. Mi ha detto «Tutti mi hanno dimenticato, anche gli amici, anche le donne».
Te ne ho mai parlato?
Era un bravo ragazzo. Minatore. Compagno. Anche dirigente del partito. Un po' matto.
Mi ha fatto la corte, subito dopo la guerra.
Tuo padre mi piaceva di più.

inviato il 18/02/2018
Nei segnalibri di:

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico

immagine copertina
10 righe da pagina 4:

«Mi considero un poeta religioso e politico, una categoria pericolosa: quegli uomini che, se individuano un obiettivo, fanno un gran casino e coinvolgono tutti quelli che avvicinano per raggiungere il sogno».
Quello di Gino Girolomoni (1946-2012), contadino e mistico, marito e «monaco», è stato ritornare alla terra, riviverel’affetto per il lavoro agricolo come contatto vivo e vivificante con il creato. Grazie a tale passione, scaturita da un cristianesimo radicale, Girolomoni ha costruito un’esistenza intessuta di opere e incontri: la rinascita di un monastero abbandonato, Montebello, ancor oggi luogo di spirito e silenzio per tanti e tante in ricerca...

Vandana Shiva

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

«Gino guarda sempre il mondo dalla cima di un monte. E mai dal buco della serratura» Sergio Quinzio

«Mangiare non è soltanto piantare, raccogliere, trasformare e cuocere il cibo. Mangiare è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, semplicità, compagnia» Gino Girolomoni

"Con questo libro Massimo Orlandi racconta la vita di Gino Girolomoni con la capacità di chi riesce a parlare al cuore delle persone, trasmettendo l’essenza profonda della sua missione di pioniere dell’agricoltura biologica, paladino delle comunità locali e uomo dalle grandi passioni, testimone di un rapporto religioso con la terra e con la natura. Questo libro servirà a far capire a molti che non ne hanno mai sentito parlare, ma persino a molti che lo hanno conosciuto e non lo hanno capito fino in fondo, il senso straordinario e multicolore del suo messaggio."

Vandana Shiva

“Io non penso che l’agricoltura biologica salverà il mondo,
ma la pratico per non stare dalla parte di chi il mondo lo distrugge”.

Gino Girolomoni

Napòlide

immagine copertina
Erri De Luca
Napòlide
Libreria Dante e Descartes
10 righe da pagina 82:

E dalla sagoma rampante di una nuvola in fondo all'orizzonte sapevano predire burrasca o buona pesca. I vecchi non erano un peso, lo avevano invece.

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Bivio integra le righe... queste sono poche. Devi scrivere almeno 500 caratteri spazi inclusi

A pag. 73 troviamo una bella descrizione di Totò

"Il grande comico è un riassunto. Si addensa in lui un repertorio di mosse, frasi e contrazioni nervose disseminate in un popolo. Lui non le imita, né le ricalca, le possiede."

Un tuffo in un angolo

immagine copertina
Pino Viscuso
Un tuffo in un angolo
Albatros

Amore e nuvole

Un velo di nuvole
A volte delicate e soffici
O impetuose e ardite
Magari talvolta indifferenti
Nella cripta del cielo amoroso
Cullano come l'onda sulla battigia
O brillano come teneri virgulti
Nella volta celeste che protegge le nostre passioni,
Offrendo capacità e desiderio
In una esistenza complessa che ci può donare solo questo:
amore.

inviato il 11/02/2018
Nei segnalibri di:

I FRATELLI DI ÁRPÁD

immagine copertina
Biagio Angrisani
I FRATELLI DI ÁRPÁD
Areablu Edizioni

Lo scudetto targato 1925 fu deciso al quinto spareggio tra Genova e Bologna. Successe di tutto dentro e fuori gli stadi. L'episodio più eclatante -dopo il quarto equilibrato incontro tra gli uomini di Garbutt e quelli di Felsner- alla stazione Porta Nuova di Torino dove alcuni colpi di revolver furono sparati da un vagone di tifosi emiliani contro i sostenitori genoani. La vicenda generò una interpellanza parlamentare e loo show calcistico fu sterilizzato dai vertici federali.

inviato il 10/02/2018
Nei segnalibri di:

Medicina da mangiare

immagine copertina
Franco Berrino, con la collaborazione di Simonetta Barcella e Silvia Petruzzelli
Medicina da mangiare
La Grande Via

Può capitare che il cambiamento faccia paura. Più si è deboli, più il cambiamento spaventa, in quanto si teme di perdere le proprie certezze. Le abitudini forniscono una sorta di sicurezza. Anche per questo è difficile cambiare. La paura, come vedremo più avanti, è un sentimento strettamente connesso a un indebolimento dei nostri reni.

inviato il 10/02/2018
Nei segnalibri di:

Lettera a un bambino mai nato

Oriana Fallaci
Lettera a un bambino mai nato
Rizzoli 1996
10 righe da pagina 90:

Non piangere, mamma: io mi rendo conto che facevi questo anche per amore, per prepararmi a non cedere il giorno in cui l'orrore di esistere mi avrebbe investito. Non é vero che non credi all'amore, mamma. Ci credi tanto da straziarti perché ne vedi così poco, e perché quello che vedi non é mai perfetto. Tu sei fatta d'amore. Ma é sufficiente credere all'amore se non si crede alla vita? Non appena compresi che tu non credevi alla vita, che facevi uno sforzo ad abitarci e portare me ad abitarci, io mi permisi la prima e l'ultima scelta: rifiutar di nascere, negarti per la seconda volta la luna... Ormai potevo, mamma. Il mio pensiero non era più il tuo pensiero: ne possedevo uno mio.

inviato il 26/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao ferdy41,sei nella finale di marzo 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao ferdy41,sei nella finale di marzo 10righe della settimana. Scegli 10righe che più ti piacciono partendo da oggi lunedì 5 marzo a domenica 11 marzo . Riportando qui nei commenti il link.

L'anno della lepre

immagine copertina
Arto Paasilinna
L'anno della lepre
Tradotto da Fabrizio Carbone
Iperborea 1999
10 righe da pagina 121:

Era uno spettacolo da non perdere:l'acqua bollente fumava nell'aria gelida,il tetto era tutto bagnato dal vapore che saliva alto nel cielo sereno.Visto da lontano ,il cantiere faceva pensare a una centrale termica o a una vecchia locomotiva che prende acqua e sputa folate di vapore. Vatanen,su quel tetto,sembrava un macchinista che tenta di mettere in moto,a una temperatura sotto zero,una mastodontica macchina:i colpi di martello parevano il tossicchiare di un motore a scoppio;ma la capanna non era una macchina e non si metteva in moto.una volta ,alzandosi per aspettare che le nubi di vapore sul tetto si dissipassero. Vatanen lasciò errare lo sguardo sul versante opposto delle gole Ansimanti. Delle orme conducevano al folto sottobosco della parete rocciosa.qualcuno,dunque,era passato di là....

inviato il 19/02/2018
Nei segnalibri di:

Genova di tutta la vita

immagine copertina
Giorgio Caproni
Genova di tutta la vita
Edizioni San Marco dei Giustiniani 1997
10 righe da pagina 54:

Quando andrò in paradiso
non voglio che una campana
lunga sappia di tegola
all'alba - d'acqua piovana.

Quando mi sarò deciso
d'andarci, in paradiso
ci andrò con l'ascensore
di Castelletto, nelle ore notturne,
rubando un poco
di tempo al mio riposo.

Ci andrò rubando (forse
di bocca) dei pezzettini
di pane ai miei due bambini.
Ma là sentirò alitare
la luce nera del mare
fra le mie ciglia, e... forse
(forse) sul belvedere
dove si sta in vestaglia,
chissà che fra la ragazzaglia
aizzata (fra le leggiadre
giovani in libera uscita
con cipria e odor di vita
viva) non riconosca
sotto un fanale mia madre.

inviato il 19/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

La poesia si intitola "L'ascensore".

La pecora nera e altre favole

immagine copertina
Augusto Monterroso
La pecora nera e altre favole
Tradotto da Maria Teresa Marzilla
Sellerio 2003
10 righe da pagina 23:

La Pecora nera

In un lontano paese visse molti anni fa una
Pecora nera.
Fu fucilata.
Un secolo dopo, il gregge pentito le innalzo
una statua equestre che stava molto bene nel parco.
Cosi, in seguito, ogni volta che apparivano pecore nere,
esse venivano rapidamente passate per le armi, perché
le future generazioni di pecore comuni potessero
esercitarsi anche nella scultura.

["La pecora nera e altre favole" di Augusto Monterroso; Sellerio editore Palermo;

quinta edizione 2003; traduzione e nota di Maria Teresa Marzilla]

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Il tempo di parlare Sopravvivere nel lager a passo di danza. Diario di una ballerina ebrea

immagine copertina
10 righe da pagina 43:

Quando entrammo nel grande atrio del Palazzo del commercio, il 5 agosto 1942, ci fermammo un attimo a considerare la scena davanti ai nostri occhi. Mi ricordava le illustrazioni del Vecchio Testamento di Gustave Doré, che guardavo con terrore quando da bambina andavo a trovare i nonni. Era una raffigurazione del diluvio universale, col mare che sparisce sotto una moltitudine di corpi annegati, con la sola differenza che in questo caso la massa umana fluttuava su una superficie di migliaia di materassi e valigie. I nostri sensi furono sopraffatti dalla vista di così tanti corpi in perpetuo movimento, e dai rumori misteriosi eppure assolutamente umani che riempivano l'aria. Ma non c'era tempo per riflettere, dovevamo trovarci uno spazio, impresa apparentemente impossibile. Quando infime lo trovammo, sparimmo anche noi nella massa anonima che

inviato il 14/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Quando infime lo trovammo, sparimmo anche noi nella massa anonima che si era aperta un momento e poi richiusa sopra di noi. Fu allora che sperimentai per la prima volta la sensazione di aver perso l'identità - il mio nome, il mio passato, me stessa. Adesso ero BA677.
Continua così

Libro delle domande

immagine copertina
Pablo Neruda
Libro delle domande
Tradotto da Giuseppe Bellini
Passigli Editori 2003
10 righe da pagina 25:

IX
E questo il sole di ieri
o è altro il fuoco del suo fuoco?

Come ringraziare le nubi
per l'abbondanza fuggitiva?

Da dove vieni il nuvolone
coi suoi neri sacchi di pianto?

Dove sono quei nomi
dolci come torte d'un tempo?

Dove son finite le Donalde,
le Clorinde, le Edvigi?

X
Cosa penseranno del mio cappello
tra cento anni, i polacchi?

Che diranno della mia poesia
quelli che non toccarono il mio sangue?

Come si misura la schiuma
che scivola giù dalla birra?

Che fa una mosca imprigionata
in un sonetto di Petrarca?

inviato il 16/02/2018
Nei segnalibri di:

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico

immagine copertina
10 righe da pagina 4:

«Mi considero un poeta religioso e politico, una categoria pericolosa: quegli uomini che, se individuano un obiettivo, fanno un gran casino e coinvolgono tutti quelli che avvicinano per raggiungere il sogno».
Quello di Gino Girolomoni (1946-2012), contadino e mistico, marito e «monaco», è stato ritornare alla terra, riviverel’affetto per il lavoro agricolo come contatto vivo e vivificante con il creato. Grazie a tale passione, scaturita da un cristianesimo radicale, Girolomoni ha costruito un’esistenza intessuta di opere e incontri: la rinascita di un monastero abbandonato, Montebello, ancor oggi luogo di spirito e silenzio per tanti e tante in ricerca...

Vandana Shiva

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

«Gino guarda sempre il mondo dalla cima di un monte. E mai dal buco della serratura» Sergio Quinzio

«Mangiare non è soltanto piantare, raccogliere, trasformare e cuocere il cibo. Mangiare è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, semplicità, compagnia» Gino Girolomoni

"Con questo libro Massimo Orlandi racconta la vita di Gino Girolomoni con la capacità di chi riesce a parlare al cuore delle persone, trasmettendo l’essenza profonda della sua missione di pioniere dell’agricoltura biologica, paladino delle comunità locali e uomo dalle grandi passioni, testimone di un rapporto religioso con la terra e con la natura. Questo libro servirà a far capire a molti che non ne hanno mai sentito parlare, ma persino a molti che lo hanno conosciuto e non lo hanno capito fino in fondo, il senso straordinario e multicolore del suo messaggio."

Vandana Shiva

“Io non penso che l’agricoltura biologica salverà il mondo,
ma la pratico per non stare dalla parte di chi il mondo lo distrugge”.

Gino Girolomoni

Napòlide

immagine copertina
Erri De Luca
Napòlide
Libreria Dante e Descartes
10 righe da pagina 82:

E dalla sagoma rampante di una nuvola in fondo all'orizzonte sapevano predire burrasca o buona pesca. I vecchi non erano un peso, lo avevano invece.

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Bivio integra le righe... queste sono poche. Devi scrivere almeno 500 caratteri spazi inclusi

A pag. 73 troviamo una bella descrizione di Totò

"Il grande comico è un riassunto. Si addensa in lui un repertorio di mosse, frasi e contrazioni nervose disseminate in un popolo. Lui non le imita, né le ricalca, le possiede."

La bella estate

immagine copertina
Cesare Pavese
La bella estate
Mondadori editore 1949
10 righe da pagina 172:

Così anche Oreste rimase a vivere sul Greppo.
Scappava a volte in bicicletta e poi tornava. La collina sembrava cuocere al sole d'agosto; caprifoglio e mentastro le facevano intorno una parete invisibile, ed era bello aggirarcisi e, giunti sul punto di sbucarne fuori, nel sottostante bosco di carpini, tornare indietro nella macchia, come un insetto o un uccello.
Pareva d'averci le zampe invischiate, in quel profumo e in quel sole. Al pomeriggio scendemmo in gruppo, i primi giorni, per le coste ripide fino alle viti soffocate d'erba; e una volta aggirammo tutta la collina, giungendo fra i rovi a un piccolo chiosco nero, per le cui crepe si vedeva il cielo. Ma né di siepi né di viottolo d'accesso c'era più traccia; il versante era tutto sodaglia, per quanto un tempo fosse stato giardino, e la baracca un padiglione. Oreste e Poli la chiamavano la pagoda cinese e ricordavano quand'era ancora vestita di gelsomini

inviato il 11/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Cesare Pavese nacque a Santo Stefano Belbo (Cuneo) il 9 settembre 1908

VITA D'UN UOMO UNGARETTI tutte le poesie

immagine copertina
Giuseppe Ungaretti
VITA D'UN UOMO UNGARETTI tutte le poesie
Mondadori editore 1969
10 righe da pagina 253:

SEGRETO DEL POETA

Solo ho amica la notte.
Sempre potrò trascorrere con essa
D'attimo in attimo, non ore vane ;
Ma tempo cui il mio palpito trasmetto
Come m'aggrada, senza mai distrarmene.
Avviene quando sento,
Mentre riprende a distaccarsi da ombre,
La speranza immutabile
In me che nuovamente scova
E nel silenzio restituendo va,
A gesti tuoi terreni
Talmente amati che immortali parvero,
Luce

inviato il 11/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Ungaretti nacque ad Alessandria d'Egitto l'8 febbraio 1888

Aforismi sui libri

Aforismi sui libri 24 settimane 3 giorni fa

io libro, tu libri, ...NOI liberiamo il mondo da ogni forma di dipendenza e schiavitù.

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico 27 settimane 7 ore fa

«Gino guarda sempre il mondo dalla cima di un monte. E mai dal buco della serratura» Sergio Quinzio

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico 27 settimane 7 ore fa

«Mangiare non è soltanto piantare, raccogliere, trasformare e cuocere il cibo. Mangiare è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, semplicità, compagnia» Gino Girolomoni

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico 27 settimane 7 ore fa

"Con questo libro Massimo Orlandi racconta la vita di Gino Girolomoni con la capacità di chi riesce a parlare al cuore delle persone, trasmettendo l’essenza profonda della sua missione di pioniere dell’agricoltura biologica, paladino delle comunità locali e uomo dalle grandi passioni, testimone di un rapporto religioso con la terra e con la natura. Questo libro servirà a far capire a molti che non ne hanno mai sentito parlare, ma persino a molti che lo hanno conosciuto e non lo hanno capito fino in fondo, il senso straordinario e multicolore del suo messaggio."

Vandana Shiva

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico 27 settimane 7 ore fa

“Io non penso che l’agricoltura biologica salverà il mondo,
ma la pratico per non stare dalla parte di chi il mondo lo distrugge”.

Gino Girolomoni

Napòlide

Napòlide 27 settimane 13 ore fa

A pag. 73 troviamo una bella descrizione di Totò

"Il grande comico è un riassunto. Si addensa in lui un repertorio di mosse, frasi e contrazioni nervose disseminate in un popolo. Lui non le imita, né le ricalca, le possiede."

L'UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI

L'UOMO CHE PIANTAVA GLI ALBERI 27 settimane 3 giorni fa

L'uomo che piantava gli alberi (L'homme qui plantait des arbres) è un film d'animazione del 1987 diretto da Frédéric Back, basato sul racconto omonimo di Jean Giono.

Nel 1994, è stato inserito alla posizione numero 44 nella lista The 50 Greatest Cartoons stilata da membri del campo dell'animazione.
(Wiki)

Il bambino che sognava l'infinito

Il bambino che sognava l'infinito 27 settimane 3 giorni fa

"Un sogno di volo, libero da qualsiasi ostacolo... un dono d'amore di un grande scrittore"
Il Messaggero

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy