Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Alessandra Puggioni

La grammatica dell'amore.

immagine copertina
Rocío Carmona
La grammatica dell'amore.
Tradotto da Rita Feleppa
Fanucci 2012
10 righe da pagina 165:

Peter amore mio, ti chiedo scusa per il gesto che sto per compiere. È il risultato di una lunga riflessione e sono sicura di non avere altra scelta. Non ti chiedo di capire. Ma anche se adesso ti sembra impossibile da accettare, lo sto facendo per il tuo bene. Non meriti di avere al tuo fianco una persona come me, che non ama la vita e non apporta a essa nessun valore. Il mondo è un luogo troppo ostile, non so affrontare e ho bisogno di mettere fine a questa sofferenza.
Con l'amore di sempre, Clea.

inviato il 20/03/2019
Nei segnalibri di:

Carrera e Fracassi

immagine copertina
Daniel Guebel
Carrera e Fracassi
Tradotto da Mariana Califano
Edizioni La Linea s.r.l Bologna 2012
10 righe da pagina 113:

Rimase con lo sguardo perso all'orizzonte fino a quando non fu del tutto buio. Poi scavalcò le barriere di contenimento e camminò seguendo la corrente. L'acqua lo trascinò quasi contro la sua volontà verso il Club nautico; era salita di oltre venti centimetri da mezzogiorno. Le porta del club erano ancora aperte. Fracassi non sapeva per quale ragione fosse andato fin lì invece di starsene all'asciutto e al caldo nella sua stanza. Però appena fece il primo passo per entrare, se lo ricordò. Amato, il macellaio, lo stavo aspettando. Ma erano rimasti d'accordo di vedersi lì? E se era così, come mai se n'era dimenticato di in precedenza?

inviato il 05/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Alessandra, sei nella finale di marzo, 10righe scelte dalla redazione.

Finchè non cala il buio

immagine copertina
Charlaine Harris
Finchè non cala il buio
Tradotto da Annarita Guarnieri
Fazi 2009
10 righe da pagina 127:

Rabbrividii. Posandomi una mano sul braccio, Bill mi pilotò verso un tavolo che si era appena liberato; a sottolineare le affermazioni dell'indiano, alle pareti erano appesi a intervalli regolari cartelli che recavano scritte come "Vietato mordere nel locale", "Vietato soffermarsi nel parcheggio", "Portate avanti altrove i vostri affari personali", "Siamo grati per la preferenza accordataci. Proseguite a vostro rischio e pericolo". Bill stappò con un dito la bottiglietta di sangue e bevve un sorso. Io cercai di non guardare, ma non ci riuscii; lui notò la mia espressione e scosse il capo. " Questa è la realtà, Sookie", affermò. "Devo vivere". Aveva i denti macchiati di rosso.

inviato il 20/02/2019
Nei segnalibri di:

I frutti del vento

immagine copertina
Tracy Chevalier
I frutti del vento
Tradotto da M.Ortelio
Neri Pozza 2016
10 righe da pagina 33:

Ero abituata ai suoi schiaffi, non mi facevano né caldo né freddo. Litigavamo tutti i santi giorni per via delle mele. La cosa più buffa è che non avevo mai pensato alle mele prima di venire nella Palude Nera. Nel posto in cui sono cresciuta tutti avevano frutteto, ma io non ci badavo, se non in maggio quando i meli fiorivano. Allora andavo a sdraiarmi fra gli alberi e mi gustavo il profumo mentre le api ronzavano felici di giocare con i fiori. Fu lì che io e James lo facemmo la prima volta. Avrei dovuto capirlo che non era l'uomo giusto per me. Parlava solo delle nostre mele e mi chiedeva come fossero (succose, come me, avevo risposto) e alla fine avevo dovuto sbottonarmi il vestito da sola: se non altro chiuse il becco per un po'. Non sono mai stata brava a raccoglierle. La mamma diceva che avevo troppa fretta ed ero sbadata.

inviato il 14/11/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Alessandra, sei nella classifica finale 10righe scelte da Voi utenti nel mese di novembre.

Due vendette

immagine copertina
Meir Shalev
Due vendette
Tradotto da Elena Loewenthal
Bompiani 2014
10 righe da pagina 13:

Tanto spietata aveva da essere la vendetta quanto semplici e facili furono i preparativi. Alla moglie del vendicatore, che rimase dietro di lui e vide e capì tutto da cima a fondo, parevano i preparativi per un'escursione come quelle che facevano loro una volta, insieme, tanti anni prima: prima scosse energicamente lo zaino, felice per parte sua di essere riemerso dal magazzino. Poi controllò i lacci degli scarponi, che ormai disperavano di essere usati. E fece l'appello ai bottoni della camicia da lavoro. Ma lei notò anche le differenze: invece delle cose buone che lui prendeva per quelle loro gite insieme, per far felice lei, ora si attrezzò con provviste semplici e dosate: delle fette di pane, delle uova sode, dei cetrioli con la buccia, un vasetto di panna acida. A lei venne in mente il termine "asettico". Notò anche altri dettagli:

inviato il 30/09/2018
Nei segnalibri di:

La posta del Cu(ore)

immagine copertina
Luca Bottura - Linda Ovena
La posta del Cu(ore)
Kovalski 2014
10 righe da pagina 16:

Al mio lui piace che, dopo, io gli dica quanto è stato bello e quanto lui è stato bravo. Io invece preferirei tacere! Posso dirgli che non mi piace senza offenderlo? (Maya Firenze) Chiara Simonelli, Senza tabù, "Stop"
Digli così: "È stato il minuto più bella della mia vita". Vedrai che smette.

Cara Victoria, secondo te gli uomini cambiano quando si sta con loro? Mi spiego: mentre il mio lui è un tipo tutto sommato affidabile e generoso, quando siamo nell'intimità si trasforma in un altro. Una specie di Dottor Jekyll e Mister Hyde. All'inizio la cosa mi intrigava, ma poi... sempre meno. Così ho pensato: e se solo una delle due personalità fosse quella vera e l'altra una parte che recita? O forse tutti i maschi pian piano, finiscono per somigliare al loro alter ego da letto? (Jenny)
Victoria Cabello, La posta del cuore, "Grazia"
Ah Jenny,

inviato il 29/09/2018
Nei segnalibri di:

L'imperatore guerriero

immagine copertina
Giulio Castelli
L'imperatore guerriero
Newton Compton SRL 2014
10 righe da pagina 36:

Una corsa nella risacca, immersi in onde gelate che ci inzuppavano completamente. Quindi, mentre il sole stava diventando più caldo, incomincio a spiegarci le tattiche del combattimento: "Ricordatevi che la battaglia è vinta da chi spinge di più. Dovete abbracciare il nemico di fronte a voi. Provare a colpirlo in faccia con la parte superiore dello scudo. Intanto lo trafiggete dal basso verso l'alto. La vostra spada dev'essere un pugnale". Faceva sfoggio della sua arma. L'impugnatura non era di osso come le nostre, ma di un legno prezioso proveniente dall'India. Era una spada da ufficiali, lunga due piedi e mezzo, con l'elsa intarsia tra. "Non perdete tempo a menare fendenti. Ci vuole spazio e, nel frattempo, verrete infilati. Riparatevi dai colpi del nemico con lo scudo, e intanto afferratelo e ficcategli la spada nel ventre. Fino all'el

inviato il 26/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho scelto queste 10 righe http://scrivi.10righedailibri.it/la-tesi-della-duchessa

Ciao Alessandra, sei nella finale settimanale di settembre. Scegli da oggi 1 ottobre a domenica 7 ottobre, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Il visconte

immagine copertina
Paolo Brera e Andrea Carlo Cappi
Il visconte
Sperling & Kupfer 2011
10 righe da pagina 4:

Di tanto in tanto qualcuno spara, giusto per rammentarci che la guerra non è ancora finita, qui in Crimea. La flotta del Mar Nero non è uscita dal porto, ma non è più in grado di nuocere: ciò che non hanno fatto i nostri cannoni l'ha compiuto la Marina dello Zar, affondando le tue stesse navi. Gli alberi ora fanno capolino dalle acque azzurre come un'irreale foresta spuntata dal mare. Il ponte di barche è stato dato alle fiamme e i suoi resti carbonizzati vanno ad aggiungersi gli altri segni della guerra: trincee, palazzi traforati dalle cannonate, macerie e cumuli di corpi abbandonati alla putrefazione. Eppure, tra le rovine fetide di morte, questa sera le strade di Sebastopoli riprendono vita. A fare festa sono i soldati venuti dalla Francia, dalla Gran Bretagna, dalla Turchia e persino dal Regno di Sardegna.

inviato il 21/09/2018
Nei segnalibri di:

Se avessero

immagine copertina
Vittorio Sermonti
Se avessero
Garzanti 2016
10 righe da pagina 7:

E io paura? Risponderei, sapessi di che paura vuoi sapere. Quella di morire? Perché ci sono anche paure molto più petulanti della paura di morire, intendendo morire come sarebbe potuto succedere lì cioè di botto, un improvviso odoraccio per altri nasi, e non essere più di botto quello che aveva avuto paura: vuoi sapere di quella paura lì o di quelle altre, le petulanti, che s'altre son maggio nulle sì spiacenti sono, e che giustamente si compendiano per dileggio sotto la voce “fifa”? Non lo so. Ebbene non lo so. In tutti i casi, fifa o paura o terrore, magari proprio terrore che fosse (un terrore in tutti i casi …), all'atto mi risultava, poco ma sicuro, più fiacco, più sguaiato e misero dell'amore che mi brancava dentro come un polpo incandescente e mi bruciava tutte insieme l'anima il corpo. Amore per chi?

.

inviato il 18/09/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Alessandra, per Te un libro incentivo come finalista settimanale 10righe del mese di settembre. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie

Grazie, ho scelto queste http://scrivi.10righedailibri.it/userpage/1634

Ciao Alessandra, sei nella finale settimanale di settembre. Scegli da oggi 24 settembre a domenica 30 settembre, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

La testimone del tempo

immagine copertina
Tahmima Anam
La testimone del tempo
Tradotto da Stefano Beretta
Garzanti 2016
10 righe da pagina 47:

Quando mi guardai attorno vidi che eravamo gli ultimi due rimasti. Stavo per suggerire di andare da qualche altra parte e invece decisi che avremmo dovuto aspettare finché il locale non avesse chiuso e ci avessero costretti ad andarcene. Il tuo sguardo era ancora fisso su di me ed io mi spostavo sulla sedia. Tu sembravi a tuo agio nelle pause delle conversazione, ma io sentivo il bisogno di riempire il silenzio, così ti raccontai degli scavi. "La settimana prossima vado in Pakistan. Vado ad estrarre il fossile di una balena" Ti dissi che mi univo ad una spedizione per cercare le ossa dell'Ambulocetus natans, la balena che cammina.

inviato il 18/09/2018
Nei segnalibri di:

Improvvisi per macchina da scrivere

immagine copertina
Giorgio Manganelli
Improvvisi per macchina da scrivere
Adelphi 2014
10 righe da pagina 21:

Roma contiene innumerevoli sale cinematografiche. Vista dall’alto, da un pensoso elicottero, presidente degli insetti, Roma è un dedalo di strade, stradette, slarghi, monumenti, rovine, gran bei palazzi; sembra tutto da godere, un bengodi dell’anima. Ma dovunque sono sparsi, a centinaia, oscuri capannoni; fitti o radi, spaziosi o angusti, destinati a folle o capannelli, queste sale buie si accoccolano dovunque. Fuori c’è il barocco, la porchetta, il Colosseo, ci sono i bei negozi, uomini e donne pieni come fiaschi di anima immortale; ci sono le rovine dell’età repubblicana, le edicole con tutte le brutte notizie del mondo – «sterminata in Alaska una famiglia con otto bambini balbuzienti», «nonno goloso divora il nipotino senza togliergli le scarpe».

inviato il 20/03/2019
Nei segnalibri di:

Il racconto dell'ancella

immagine copertina
Margaret Atwood
Il racconto dell'ancella
Tradotto da Camillo Pennati
Ponte alle Grazie 2018

Ricordo le regole, regole che non
venivano mai enunciate apertamente ma che ogni donna conosceva: non aprire la
porta a un estraneo, anche se dice che è un agente della polizia. Fargli
infilare sotto la porta il suo tesserino di riconoscimento. […] Se qualcuno
fischia, non voltarsi a guardare. Non entrare in una lavanderia a gettoni, da
sola, la notte. Le lavanderie a gettoni. Ci andavo in pantaloni corti, jeans,
mutandine da jogging. Portavo con me la biancheria, il sapone, i soldi, soldi
che avevo guadagnato. Penso a quello che significa subire questo controllo
continuo. Ora camminiamo per la stessa strada, a due per due, vestite di rosso,
e nessun uomo ci grida oscenità, ci parla, ci tocca. Nessuno fischia. Esiste
più di un genere di libertà, diceva Zia Lydia. La libertà di e la libertà da.
Nei tempi dell’anarchia, c’era la libertà di. Adesso vi viene data la libertà
da. Non sottovalutatelo.

inviato il 20/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

P. 25

La famiglia Moskat

immagine copertina
Isaac Bashevis Singer
La famiglia Moskat
Tradotto da Bruno Ponzi
Tea 1989
10 righe da pagina 97:

Scese dal letto, infilò i piedi nelle babbucce, e andò al tavolo. Prese il suo diario dal cassetto e cominciò a voltare le pagine. Aveva una copertina marrone, con fregi d'oro, il taglio tinto di giallo. Tra le pagine v'erano alcuni fiori schiacciati, e foglie il cui verde era sbiadito, lasciando soltanto il segno della venatura. I margini delle pagine erano tutti istoriati di tralci di rosa, grappoli d'uva, serpenti, piccole figure fantastiche, chiomate, cornute, con pinne di pesce e piedi palmati. V'era una incredibile varietà di disegni: circoletti, tondi, oblunghi, note, il cui segreto significato soltanto Hadassah conosceva. Aveva cominciato a tenere quel diario quando era una bambinetta, in terza elementare, con la sua scrittura infantile, e con infantili errori di grammatica. Ora era cresciuta.

inviato il 20/03/2019
Nei segnalibri di:

Vacanze all'isola dei gabbiani

immagine copertina
Astrid Lindgren
Vacanze all'isola dei gabbiani
Tradotto da Laura Draghi
Salani 1996
10 righe da pagina 258:

Questo, voleva! Vedere tutte queste cose: il sole che fiammeggiava sulle acque pallide, i bianchi gabbiani, gli scogli grigi e le rimesse per le reti da pesca al di là del fiordo dove si specchiavano così nitidamente. Voleva vedere tutte le cose che amava, e stendere la mano come per accarezzarle. «Penso che starò qui tutta la notte» disse, «fino al sorgere del sole. Per guardare il rosso dell’aurora». […] Il rosso dell’aurora, pensò Pelle, vorrei tanto vederlo anch’io! ‘Se prendessi le ali vermiglie dell’aurora, avrei una casa all’estremo confine del mare…’ Ma ora ce l’avevano. Una casa davvero tutta loro! Sì… sì… sì! Era loro. Una casa all’estremo confine del mare.

inviato il 21/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Astrid Lindgren
Vimmerby (Svezia), 14 novembre 1907 – Stoccolma, 28 gennaio 2002

La rossa e il nero

immagine copertina
Carmen Covito
La rossa e il nero
Mondadori 2002
10 righe da pagina 21:

Il mio ex marito si mise a borbottare che non era stata un'idea molto fine da parte mia chiedere quel lavoro, perché sebbene io adesso non usassi più il suo cognome... Mi morsicai un pezzetto di lingua e resistetti alla tentazione di fargli osservare che non l'avevo mai usato neanche quando eravamo sposati. Un cognome è un cognome, e il mio, per quanto assurdo, era la mia etichetta sociale dalla nascita, troppo comodo coprirla incollandoci sopra quella del primo maschio arrivato. A combinarli assieme come si fa di solito ci avevo pensato sì, all'inizio, ma perfino in quei primi tempi di ubriachezza da amore e di smemoramento di me, solo a pensarci mi veniva da ridere.

inviato il 21/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Carmen Covito
Castellammare di Stabia, 14 novembre 1948

Le alternative dell'amore

Lorenzo Licalzi
Le alternative dell'amore
Rizzoli 2019
10 righe da pagina 111:

Ci sono esperienze che non si possono raccontare, perché per quanto le parole possano cercare di descriverle e in qualche modo trasmettere, non riescono a esprimere la potenza di certe emozioni o perfino l'apparente insignificanza di altre così come le abbiamo vissute. Mancano gli odori, i toni, i brividi che suscitano certi sguardi, la percezione di certi particolari di cui magari non ci accorgiamo eppure penetrano dentro di noi, ma ciò che manca per davvero è la possibilità di descrivere lo scuotimento interiore di chi le vive, perché la nostra interiorità più profonda non ci scuote con le parole, ma con onde emotive fatte della stessa sostanza di cui è fatto l'inconscio.

inviato il 21/03/2019
Nei segnalibri di:

Idda

Michela Marzano
Idda
Einaudi 2019
10 righe da pagina 230:

Ho ripensato alle lacrime di mio padre quando mi aveva chiesto di perdonalo, al profumo di mia madre quando mi stringeva al petto, ad Annie che talvolta mi chiama "bambina mia", a Pierre che da piccolo avrebbe voluto essere coccolato; in fondo nessuno è capace di essere un buon genitore, mi dico, ognuno fa come può e si adatta all'esistenza, basta solo fare pace con sé stessi e con il proprio passato, anche se il passato non passa mai, e la pace è sempre impastata di rimpianti e recriminazioni. Non era un sogno: quel bimbo che per tanti anni avevo rifiutato era la cosa più bella che potesse capitarmi.

inviato il 21/03/2019
Nei segnalibri di:

Prigionieri della Steppa

immagine copertina
Giovanni Di Girolamo
Prigionieri della Steppa
Gaspari
10 righe da pagina 33:

Ricercare è un atto dovuto nei confronti della memoria dei nostri cari rimasti sul suolo russo, giovani di vent’anni o poco più che patirono il gelo, la fame, le epidemie, la morte, la prigionia e caddero nella steppa, in un luogo non meglio precisato e senza che potessero dire di conservare ancora un nome e un volto, figure sfocate e tristi attori di una grande tragedia che oggi sembra non toccarci, ma che investì la generazione dei nostri nonni e dei nostri padri. Molti ragazzi si sacrificarono cercando ogni mezzo pur di tornare a casa, spesso lanciandosi in azioni disperate al fine di aprire la strada ai compagni.

inviato il 22/03/2019
Nei segnalibri di:

King Kong

immagine copertina
Edgar Wallace
King Kong
Tradotto da Martina Rinaldi
Newton Compton 2017
10 righe da pagina 89:

Ann aveva paura, una paura che non aveva mai neanche immaginato di poter provare. Nessun libro che aveva letto, nessuna storia che le avessero mai raccontato poteva somigliare al terrore che ora la scuoteva a ondate sempre più forti. Un terrore che la faceva sentire come se ogni più piccola parte di quel suo corpo offeso fosse viva, piena di cose indicibili, innominabili. Un terrore più grande di quel che provano i bambini al buio durante la notte. Più forte del peggiore degli incubi.

inviato il 22/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Edgar Wallace
Greenwich, 1º aprile 1875 – Beverly Hills, 10 febbraio 1932

L'albero velenoso della fede

immagine copertina
Barbara Kingsolver
L'albero velenoso della fede
Tradotto da Alessandra Petrelli
Neri Pozza - Beat 2013
10 righe da pagina 52:

Il Congo è un ottimo posto per imparare a leggere lo stesso libro più volte. Soprattutto quando piove a dirotto e dobbiamo sopportare lunghe ore di cattività, durante le quali le mie sorelle finiscono regolarmente per annoiarsi. Ma esistono i libri, i libri esistono! Parole che si agitano sulla pagina e invitano il mio occhio a danzare con loro. Tutti gli altri finiscono per scorrerle una volta soltanto, mentre Ada, che volteggia avanti e indietro, fa scoperte in quantità.

inviato il 22/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Barbara Kingsolver
Annapolis (USA), 8 aprile 1955

L'imperatore guerriero

L'imperatore guerriero 27 settimane 4 ore fa

Se avessero

Se avessero 29 settimane 2 giorni fa

La signora di Wildfell Hall

La signora di Wildfell Hall 30 settimane 2 giorni fa

Grazie, ho scelto queste 10righe http://scrivi.10righedailibri.it/giorni-felici

Non dimenticarti dei sogni

Non dimenticarti dei sogni 44 settimane 3 giorni fa

Sweets Dreems

Sweets Dreems 1 year 12 settimane fa

Sempre con noi...

Buon Compleanno

Buon Compleanno 1 year 13 settimane fa

Grazie a tutti per gli auguri

Libridinosa 2018 agenda letteraria

Libridinosa 2018 agenda letteraria 1 year 20 settimane fa

Bellissima

Libri da leggere in vacanza

Libri da leggere in vacanza 1 year 32 settimane fa

Ossi di seppia di Eugenio Montale

Frida Kahlo

Frida Kahlo 2 years 4 giorni fa

La fedeltà

La fedeltà 2 years 14 settimane fa

Direi un mix. Non ho letto il tuo libro ma vedrò di farlo.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy