Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di light blue

Il mare dove non si tocca

Fabio Genovesi
Il mare dove non si tocca
Mondadori
10 righe da pagina 193:

Io ogni tanto ci passavo con la bici e non lo capivo mica cos'era successo, ma mi dicevo che un senso ci doveva essere anche per questo, un senso c'è sempre per tutto, ed è forte e giusto e preciso nel mondo di oggi. Finchè non arriva il domani, e di colpo questo senso non avrà più senso, e allora ce ne inventeremo un altro, poi un altro e un altro ancora. tutti lanciati in volo lassù nel cielo, per poi cadere e picchiare a terra e rotolare via in qualche angolo sperso. Come tante palle che qualcuno raccatterà.

inviato il 18/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Light blue :)

Breviario Mediterraneo

immagine copertina
Predrag Matvejevic
Breviario Mediterraneo
Tradotto da Silvio Ferrari
Garzanti 2004
10 righe da pagina 40:

Ho ascoltato e annotato i modi in cui la gente che vive sulle rive del mare parla degli odori del mare, sia sul versante settentrionale che su quello meridionale. Questi odori non sono gli stessi in ogni punto e in ogni momento (questo si ripete dovunque), all’alba e all’imbrunire, nelle profondità e in superficie. Sono diversi quando il mare è calmo e quando è agitato; quando evapora per la calura e il vento o quando lo bagnano le piogge e l’umidità; quando si stende sui ciottoli o va a frangersi sulle rocce; quando lo frustano la bora e la tramontana o lo fanno rotolare il levante e lo scirocco. Gli odori del mare si mescolano (anche questo viene ripetuto) con quelli dei pini e delle loro resine, dei vari alberi, piante, erbe. Molti posti lungo la riva hanno un odore particolare che ricordiamo e sappiamo riconoscere.

inviato il 13/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Predrag Matvejević
Mostar (Bosnia Erzegovina), 7 ottobre 1932 – Zagabria (Croazia), 2 febbraio 2017

Il tempo della decrescita

immagine copertina
Serge Latouche, Didier Harpagès
Il tempo della decrescita
Tradotto da -guido Lagomarsino
Elèuthera 2010
10 righe da pagina 78:

La modernità, traviata dall'ideologia della crescita, non poteva che apparentarsi alla velocità, sinonimo di autorità, audacia, progresso, prestazioni, record, controllo del tempo e dello spazio. La macchina ecologica planetaria è andata avanti a un ritmo infernale, con un processo irreversibile nel quale si sono integrati solo i più adatti a sostenerlo. I sognatori, gli indolenti, i flemmatici, gli incuranti, i moderati, gli ingenui non completamente sottomessi alla forza delle cose, ma anche i più fragili, hanno cercato un posto per sé a alcuni di loro si sono ritrovati, senza sapere come, al bordo della strada. Adesso è il momento di riaffermare la buona reputazione della lentezza.

inviato il 17/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Serge Latouche (Vannes, 12 gennaio 1940), economista e filosofo francese.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy