Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Sissi

Il cacciatore di anime

immagine copertina
Virginia Spada
Il cacciatore di anime
Sideral Edizioni 2010
10 righe da pagina 49:

“Le accarezzavo i capelli piano, quasi quel gesto potesse calmare anche il mio cuore. Lei si riaddormentò e io con riluttanza la lasciai in quella stanza e rasente al muro andai al telefono. Volevo chiamare aiuto. La mia mano si poggiò sulla cornetta. Guardai attonita le mie dita sporche di sangue, del mio sangue, e la mia testa si svuotò. Una voce mi diceva che dovevo telefonare a mia madre, che dovevo fare la valigia e scappare, andare il più lontano possibile, denunciarlo, ma la cornetta era pesante come il piombo, pesante come la vergogna di dire: “Aiutatemi, mio marito mi ha violentata.” Mi accoccolai sul tappeto ed ero vuota, come un vaso senza niente dentro, non sentivo più nemmeno il dolore, solo lo sbigottimento senza via d’uscita di quel baratro che mi attirava, sempre più giù.”

inviato il 12/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho letto il libro. E' un libro bello e importante. E' una storia terribile, di dolore e di abuso. Mi ha colpito il modo, così diverso, acuto, sottile, "lieve" e mai aggressivo di affrontare un tema atroce come quello della violenza domestica. Questo è veramente, e non per modo di dire, un libro da non perdere.

Nina, puoi caricare un'immagine per il tuo profilo?
:)

Grazie per queste dieci righe, ho appena comprato il libro.

Le braci

immagine copertina
Sandor Marai
Le braci
Afelphi 1998

....perché tra noi esisteva un segreto, il solo che non sia possibile perdonare, ma che non è consigliabile svelare prima del tempo, perché non si sa mai cosa si nasconde in esso. Esiste una cosa peggiore della morte e di qualsiasi sofferenza, la perdita della stima di sé. Ecco perché temevo quel segreto, il segreto che ci accomunava, Krisztina, te e me. Quando si viene colpiti da una o più persone nella stima di sé, che costituisce la nostra dignità di uomini, la ferita è talmente profonda che neanche la morte può porre fine a questo tormento. E' una questione di vanità, mi dirai. Di vanità, si...e tuttavia la stima di sè è il contenuto più profondo della vita umana. Ecco perché quelli che temono di perderla accettano qualsiasi soluzione, anche la più vigliacca - guardati intorno e vedrai che la vita degli uomini è piena di mezze soluzioni come queste: l'uno si staccherà dall'essere che ama, l'altro rimarrà sul posto e si chiuderà nel silenzio, nella perenne attesa di una risposta.... E' quanto ho fatto io. Non per viltà, ma per difesa, per istinto di conservazione......
Sàndor Màrai - Le braci, ed. Adelphi 1998

inviato il 26/09/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiunto segnalibro!

aggiunto segnalibro!

dovrebbe arrivarti con la mail. vedi un po..
;)

non mi è arrivata la notifica
pag 154

sweettttttt, numero della pagina?
ti arriva la notifica del commento?

Il cacciatore di anime

immagine copertina
Virginia Spada
Il cacciatore di anime
Sideral Edizioni 2010
10 righe da pagina 49:

“Le accarezzavo i capelli piano, quasi quel gesto potesse calmare anche il mio cuore. Lei si riaddormentò e io con riluttanza la lasciai in quella stanza e rasente al muro andai al telefono. Volevo chiamare aiuto. La mia mano si poggiò sulla cornetta. Guardai attonita le mie dita sporche di sangue, del mio sangue, e la mia testa si svuotò. Una voce mi diceva che dovevo telefonare a mia madre, che dovevo fare la valigia e scappare, andare il più lontano possibile, denunciarlo, ma la cornetta era pesante come il piombo, pesante come la vergogna di dire: “Aiutatemi, mio marito mi ha violentata.” Mi accoccolai sul tappeto ed ero vuota, come un vaso senza niente dentro, non sentivo più nemmeno il dolore, solo lo sbigottimento senza via d’uscita di quel baratro che mi attirava, sempre più giù.”

inviato il 12/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho letto il libro. E' un libro bello e importante. E' una storia terribile, di dolore e di abuso. Mi ha colpito il modo, così diverso, acuto, sottile, "lieve" e mai aggressivo di affrontare un tema atroce come quello della violenza domestica. Questo è veramente, e non per modo di dire, un libro da non perdere.

Nina, puoi caricare un'immagine per il tuo profilo?
:)

Grazie per queste dieci righe, ho appena comprato il libro.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy