Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di buba3

ROSSO il marchio del male

immagine copertina
Barbara Goti
ROSSO il marchio del male
Photocity edizioni 2011
10 righe da pagina 161:

La vita che vivo è mia, mia soltanto, col suo bene e col suo male. Ingiusto imporla a chi non odio. Anche se ricordo che l’idea di quel figlio accarezzò per alcuni giorni la mia mente. Un figlio è vita che continua, la mia si esaurirà nel momento della mia morte.

inviato il 12/04/2012
Nei segnalibri di:

elogio alle donne mature

immagine copertina
stephen vizinczey
elogio alle donne mature
Letteratura universale Marsilio 2003
10 righe da pagina 59:

Nelle mie giovani amiche, appena divenivano nervose, il viso si faceva una maschera tesa e liscia, non c'erano segni da interpretare per permettermi d'interpretare ciò che stavano pensando. Ma il volto di Maya con le sue sottili rughe da quarantenne esprimeva tutte le sfumature dei suoi pensieri e delle sue emozioni.

inviato il 26/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

:)

Sono dati importanti per la rintracciabilità dell'opera e perché è giusto citare anche chi sceglie, confeziona e produce il libro (la casa editrice). Puoi continuare a scrivere le tue 10 righe tratte dal tuo quaderno e noi siamo felici di leggerle ma non possono concorrere per il libro incentivo http://www.10righedailibri.it/giochi-segnalibri
Se poi hai pazienza cerca le 10 righe e ricordati di appuntare anche il numero della pagina. :)

2003 Marsilio editore. pag 59. Ma io ho scritto su un'agenda le frasi che mi piacciono, se di ognuna devo ricercare anno editore e pagina, mi sa che non posso più giocare con voi :(

Anno di edizione e numero della pagina da cui hai tratto queste e tutte le altre 10 righe?
;)

una furtiva lacrima

immagine copertina
patrizia carrano
una furtiva lacrima
Rizzoli

Troppo buoni ci annoiano. troppo cattivi ci feriscono. Troppo belli ci preoccupano. Troppo brutti ci avviliscono. Troppo intelligenti ci intimoriscono. Troppo cretini ci deprimono. Troppo fedeli ci stufano. Troppo infedeli ci uccidono. Fetenti ci ammaliano. Si, amore e morte. Passione e dolore. Tormento e estasi.

inviato il 26/03/2012
Nei segnalibri di:

La colpa di vivere

immagine copertina
Barbara Goti
La colpa di vivere
BoopenLED
10 righe da pagina 120:

Mi distruggeva il non capire perché Solari mi fosse diventato così estraneo. Ero io che avevo visto in lui ciò che mai era stato? Ero stata io ad attaccarmi tanto a chi aveva soltanto finto di offrirmi affetto? Ero stata io che alla disperata ricerca di un motivo di vita, mi ero aggrappata a lui per non sentirmi perduta?
Chi vuole amore è cieco e sordo. Io lo ero stata?
Non riuscivo a crederlo, eppure lui faceva a meno di me. Era innegabile, ed io non riuscivo ad ammetterlo, mi faceva troppo male.
Un sentimento ferito è come un bimbo che riceve uno schiaffo senza aver fatto nulla di sbagliato. È incapace di accettarlo, e deluso nell’anima si chiede cosa abbia fatto per meritare quella punizione.

inviato il 24/03/2012
Nei segnalibri di:

La colpa di vivere

immagine copertina
Barbara Goti
La colpa di vivere
BoopenLED 2010
10 righe da pagina 92:

È difficile spiegare quello che provai, sembrerei retorica se usassi termini come “uno strappo nell’anima” o “cuore a pezzi”, ma fu quello che sentii. Come se qualcosa di devastante mi fosse detonato dentro, come se una mano invisibile mi avesse afferrato l’interno e me lo avesse strattonato e strappato via quasi risucchiandomi. Impercettibilmente cominciai a tremare, ma non versai neanche una lacrima. Restai immobile, pietrificata, seduta davanti a quella scrivania sconosciuta, fissando il vuoto e trattenendo il respiro. Forse sperai che se non mi fossi mossa, le cose sarebbero rimaste così e mia madre non sarebbe mai morta, oppure ebbi paura che se l’avessi fatto, sarei crollata come un castello di carte al minimo spostamento d’aria.

inviato il 13/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

scusate, a che cosa serve il segnalibro? Che cosa rappresenta?

aggiunto

segnalibro aggiunto!

E così vorresti fare lo scrittore?

immagine copertina
Charles Bukowski
E così vorresti fare lo scrittore?
Tradotto da Simona Vinciani
Guanda 2007
10 righe da pagina 13:

se non ti esplode dentro
a dispetto di tutto,
non farlo. a meno che non ti venga dritto
dal cuore e dalla mente e dalla bocca
e dalle viscere,
non farlo.
se devi startene seduto per ore
a fissare lo schermo del computer
o curvo sulla
macchina da scrivere
alla ricerca delle parole,
non farlo.
se lo fai per soldi o per
fama,
non farlo.
se lo fai perché vuoi
delle donne nel letto,
non farlo.
se devi startene lì
a scrivere e riscrivere,
non farlo.
se è già una fatica il solo pensiero di farlo,
non farlo.
se stai cercando di scrivere come qualcun
altro,
lascia perdere...

inviato il 26/03/2012
Nei segnalibri di:

Lo scandalo Modigliani

immagine copertina
Ken Follett
Lo scandalo Modigliani
Oscar Mondadori

Livorno fu uno shock. Dee si aspettava una cittadina agricola con mezza dozzina di chiese, un corso e un personaggio locale che sapeva tutto di coloro che vi erano vissuti durante l'ultimo secolo. Invece trovò una città che ricordava un po' Cardiff: il porto, le fabbriche, un'acciaieria, attrazioni turistiche. Solo più tardi rammentò che gli inglesi la chiamavano Leghorn e sotto quel nome la conoscevano come un importante porto del Mediterraneo

inviato il 26/03/2012
Nei segnalibri di:

Amo dunque sono

immagine copertina
Sibilla Aleramo
Amo dunque sono
Club degli editori su licenza Feltrinelli

"Che importa" dicevo "va' più oltre". Dicevo "Questo t'ha delusa, questo t'ha mentito, questo è fuggito, questo è stato rapito dalla morte e non t'ha chiamata, questo non t'ha atteso, s'è stancato. Non importa, non importa, sei tanto stanca anche te, quasi per morire anche te, eppure il cuore ancor ti regge. Va' più oltre, l'amore esiste!"

inviato il 26/03/2012
Nei segnalibri di:

La colpa di vivere

immagine copertina
Barbara Goti
La colpa di vivere
BoopenLED 2010
10 righe da pagina 92:

È difficile spiegare quello che provai, sembrerei retorica se usassi termini come “uno strappo nell’anima” o “cuore a pezzi”, ma fu quello che sentii. Come se qualcosa di devastante mi fosse detonato dentro, come se una mano invisibile mi avesse afferrato l’interno e me lo avesse strattonato e strappato via quasi risucchiandomi. Impercettibilmente cominciai a tremare, ma non versai neanche una lacrima. Restai immobile, pietrificata, seduta davanti a quella scrivania sconosciuta, fissando il vuoto e trattenendo il respiro. Forse sperai che se non mi fossi mossa, le cose sarebbero rimaste così e mia madre non sarebbe mai morta, oppure ebbi paura che se l’avessi fatto, sarei crollata come un castello di carte al minimo spostamento d’aria.

inviato il 13/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

scusate, a che cosa serve il segnalibro? Che cosa rappresenta?

aggiunto

segnalibro aggiunto!

elogio alle donne mature

elogio alle donne mature 7 years 20 settimane fa

:)

elogio alle donne mature 7 years 20 settimane fa

2003 Marsilio editore. pag 59. Ma io ho scritto su un'agenda le frasi che mi piacciono, se di ognuna devo ricercare anno editore e pagina, mi sa che non posso più giocare con voi :(

GIOCO - Eufemismi in graticola

GIOCO - Eufemismi in graticola 7 years 20 settimane fa

essere normali ( da scordare) essere diversi (da scordare)
essere (da ricordare)

Il libro è ...

Il libro è ... 7 years 20 settimane fa

Il libro è mio amico, mio fratello, mio padre e mia madre, il mio primo amore, il mio ultimo amante. Il libro sono io, se è un buon libro.

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 7 years 20 settimane fa

In cucina Marco alzò di qualche decimetro le serrande e spalancò la portafinestra affinchè quando avesse voluto, la gatta potesse uscire. (da Rosso-il marchio del male- : Barbara Goti)

La colpa di vivere

La colpa di vivere 8 years 43 settimane fa

scusate, a che cosa serve il segnalibro? Che cosa rappresenta?

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy