Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Staff

Comunicazione dello staff

immagine copertina
10righe dai libri
Comunicazione dello staff
estate 2019

Cari Lettori,
il libro incentivo riprenderà il 2 settembrte.
Indipendentemente da ciò, voi continuate a leggere e a postare le vostre 10 righe, divulgando e condividendo la Passione per i Libri.
Buone Vacanze a Tutti!!!
***************************************************************
“Dimmi, bel sole”
chiede il bambino
“che fai levandoti
presto al mattino?”.

Risponde il sole:
“Spengo le stelle,
che della notte
sono le fiammelle.

Fasci di rose
spargo sul mare,
tutta la terra
vado a destare.

Bacio coi raggi
fiori e uccellini,
batto ai balconi,
sveglio i bambini.

Essi vorrebbero
sempre dormire:
furbetti, fingono
di non sentire.

E poi mi pregano:
“Lasciamo qui!”.
Ma i galli cantano:
“Chicchirichì!”.

(Arpalice Cuman Pertile)

inviato il 08/08/2019
Nei segnalibri di:

L'amore negato

immagine copertina
Maria Messina
L'amore negato
Sellerio Editore Palermo 1993
10 righe da pagina 81:

La verità, e non l'avrebbe confessato in punto di morte,era che non sapeva stare un giorno senza vederlo, senzasentire la sua voce. Tante volte si domandava come avesse potuto campare, prima di conoscerlo. Non era ancora buio, e già guardava l'orologio aspettando impaziente che segnasse le sette. Se tardava, si cominciava a disperare; e quando lo sentiva venire (il suopasso leggero nell’anticamera non l'avrebbe scambiatocon nessun altro passo), faceva uno sforzo per non andargli incontro.Pareva che si riempisse e si riscaldasse la casa, quando lui entrava, così come quando il tempo si fa bello,d’inverno, all’improvviso, e pare che sia ancora autunno

inviato il 08/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Maria Messina, Alimena il 14 marzo 1887.

Benvenuto 2019

immagine copertina
Staff 10 Righe
Benvenuto 2019
10 Rghe dai libri
10 righe da pagina 1:

Lo Staff vi Augura un Buon 2019.

Il primo giorno dell’anno di Pablo Neruda.

Lo distinguiamo dagli altri
come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte con un nastro,
gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte lo andiamo a ricevere
come se fosse un esploratore
che scende da una stella.

Come il pane assomiglia al pane di ieri.
Come un anello a tutti gli anel.
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo dispiegherà in colline,
lo bagnerà con frecce di trasparente pioggia
e poi, lo avvolgerà nell’ombra.

Così è:
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell’anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire, a sperare.

inviato il 01/01/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Auguri!

Auguri!

Auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Prigionieri di un incubo Gli anni di piombo della giustizia

immagine copertina
Fabrizio Barbaranelli
Prigionieri di un incubo Gli anni di piombo della giustizia
Gangemi Editore 2001
10 righe da pagina 11:

"Ma allora è vero quello che si dice in giro che stai facendo di tutto per mettere in difficoltà me e gli altri amministratori del passato, quelli con cui tra l’altro hai lavorato gomito a gomito.” “Ma come puoi pensare una cosa simile? Non darai retta alle voci che vogliono solo metterci l'uno contro l'altro.” Brandi lo osservava e riaffiorano in lui ricordi di impressioni a cui nel corso degli anni non aveva dato importanza: impercettibili segni di gelosia, infantili menzogne, manifestazioni equivoche, ambivalenze. “Forse aveva ragione chi mi diceva di diffidare di lui, chi me lo rappresentava come personaggio ambizioso e cinico, chi mi diceva del suo opportunismo.” Malgrado ciò gli era difficile crederlo. Le ragioni dell’affetto e dell’amicizia erano troppo forti. “Possibile che il mondo si sia così profondamente trasformato."

inviato il 19/11/2018
Nei segnalibri di:

La campana di vetro

immagine copertina
Sylvia Plath
La campana di vetro
Tradotto da adriana bottini e anna ravano
mondadori oscar moderni 2016
10 righe da pagina 84:

"Coraggio un bel sorriso".
Ero seduta sul divanetto di velluto rosa nell'ufficio di Jay Cee, con in mano una rosa di carta, di fronte al fotografo della rivista. Ero l'ultima di noi dodici a essere fotografata. Avevo tentato di nascondermi nella toilette, ma non aveva funzionato. Betsy aveva notato i miei piedi sotto la porta.Non volevo farmi fotografare, perchè mi veniva da piangere, non sapevo perchè mi venisse da piangere, ma sapevo che se qualcuno mi avesse rivolto la parola o mi avesse guardato in faccia, le lacrime sarebbero sgorgate dagli occhi e i singhiozzi sarebbero esplosi dalla gola e io sarei andata avanti a piangere per una settimana. Me le sentivo, le lacrime, sciaguattare dentro, pronte a traboccare come acqua in un bicchiere traboccante e troppo pieno.

inviato il 17/09/2018
Nei segnalibri di:

Un fannullone

immagine copertina
Tristan Bernard
Un fannullone
Tradotto da P. Alberti
Milano Periodici Alfa 1933
10 righe da pagina 44:

Egli giungeva verso iltramonto e sotto gli occhi meravigliati della cugina, stringeva Agata fra le sue braccia e le dava baci leggeri. Ma il giovanotto non apprezzava forse al suo giusto valore la fortuna che gli capitava. A quell'età impaziente si stabilisce una gerarchia fra le diverse categorie di favori che le signore e le signorine si compiacciono di accordarvi. Un bacio su una gota non vale quanto un bacio sul collo. Un bacio sul collo non vale quanto un bacio sulle labbra. Enrico era, in quel periodo, più ambizioso che appassionato: più che alla felicità, egli tendeva al successo precoce. Un colloquio molto serio si svolse una sera in casa della cuginetta, i cui genitori avendo avuto qualche sospetto, rifiutavano di favorire gli amori segreti di Enrico e di Agata.

inviato il 07/05/2018
Nei segnalibri di:

Mììko

immagine copertina
Massimo Donato e Michela Tranquilli
Mììko
artdigiland 2017
10 righe da pagina 40:

Calò un silenzio irreale, ognuno era racchiuso nella propria sofferenza, inconsapevoli dello scorrere del tempo. Mentre avanzavano le lunghe ombre nere che portava la notte, si sentivano disperate grida che di tanto in tanto qualcuno non riusciva a trattenere. Miiko pensava che ognuno avrebbe affrontato quel lutto così orribile con metodi e capacità differenti, ma che sarebbe dovuto passare molto, troppo tempo, prima che il male si potesse affievolire al ricordo di quella tragedia.

inviato il 23/01/2018
Nei segnalibri di:

Buon Compleanno

immagine copertina
staff 10righe dai libri
Buon Compleanno
10righe 2018

Ogni anno è come un libro con 365 pagine vuote… fa’ di ogni giorno il tuo capolavoro
(Anonimo)

Oggi è il compleanno di Alessandra Puggioni Staff 10righe dai libri.
Auguri da tutti Noi.

inviato il 19/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Auguri!

Auguri Alessandra

Gioia e felicità,in questo giorno speciale,naty

Tanti cari auguri!

Auguri :)

Auguri :*

Grazie a tutti per gli auguri

Moll Flanders

immagine copertina
Daniel Defoe
Moll Flanders
Tradotto da G. Trevisani
Garzanti Libri 2015
10 righe da pagina 167:

Quando, la mattina dopo, avemmo il permesso di salire in coperta, io domandai a uno degli ufficiali della nave se potevo avere il permesso di mandare a terra una lettera, per far sapere ai miei amici dov'era la nave e farmi mandare le cose di cui avevo bisogno. Era, seppi, il nostromo, un tipo d'uomo civile e cortese, il quale mi disse che mi avrebbe dato quel permesso, e tutti gli altri che desideravo, purchè potesse darmeli senza correre rischi. Io gli dissi che non volevo altro; mi rispose che la scialuppa della nave andava a Londra conla prossima marea, e che avrebbe dato la mia lettera da portare.Così, quando fu per partire la scialuppa, venne da me il nostromo e mi disse che la scialuppa partiva, e che ci andava anche lui, e mi domandò se era pronta la lettera della quale doveva occuparsi. Io, potete figurarvelo, m'ero procurata penna, inchiostro e carta, e avevo scritto una lettera indirizzata alla mia governante.

inviato il 09/01/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Daniel Defoe nacque a Stoke Newington il 3 aprile 1660.

Comunicazione dello staff

immagine copertina
10 righe dai libri
Comunicazione dello staff
estate 2017

Cari Lettori,
il libro incentivo riprenderà il 4 settembre.
Indipendentemente da questo continuate a leggere le vostre 10 righe.
Buone Vacanze a Tutti!

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

I fratelli Cuccoli

immagine copertina
Aldo Palazzeschi
I fratelli Cuccoli
Mondadori 1967
10 righe da pagina 388:

Sul finire dell’inverno e all'inizio della primavera le luci e i colori nella grande città divenivano di una bellezza alla quale non era umano resistere. Il signor Celestino amava di percorrere lunghi tratti in riva al fiume, dalle cui sponde apparivano moli di chiese, cupole, monumenti e quartieri cittadini incastonati nello smeraldo; ville, colline e montagne su cui erano disseminati i villaggi e le case. Bellezza solenne e cordiale che dava ragione al cuore. Gli piaceva di andare sotto i platani fermandosi all'imboccatura dei ponti popolari e popolosi, che rigurgitavano di veicoli e di passanti.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Aldo Palazzeschi, pseudonimo di Aldo Pietro Vincenzo Giurlani (Firenze 1885 – Roma 1974), scrittore e poeta italiano.

Il professore

immagine copertina
Charlotte Brontë
Il professore
Tradotto da Angela Ricci
Newton e Compton 2017
10 righe da pagina 210:

Le piaceva molto sedere accanto a me quando facevo lezione (di letteratura), con le mani intrecciate sulle ginocchia. Raramente mi parlava quando era in classe, e quando lo faceva assumeva un’aria di mancata deferenza. Farmi sentire sempre come il suo maestro era il suo piacere e la sua gioia.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Charlotte Brontë (Thornton 1816 – Haworth 1855), scrittrice inglese.

La fiamma di una candela

immagine copertina
Gaston Bachelard
La fiamma di una candela
Tradotto da Marina Beer
Editori Riuniti 1981
10 righe da pagina 53:

Il sognatore è al suo tavolino; è nella mansarda; accende la sua lampada. Accende una candela. […] Il mondo è per me, come per lui, il libro difficile rischiarato dalla fiamma di una candela. Perché la candela, compagna della solitudine, è soprattutto la compagna del lavoro solitario. La candela non rischiara una cella vuota, rischiara un libro. Solo, di notte, con un libro rischiarato da una candela – libro e candela, doppia isola di luce, contro le tenebre doppie dello spirito e della notte. Io studio! Non sono altro che il soggetto del verbo studiare. Pensare, non oso.
Prima di pensare, si deve studiare. Solo i filosofi pensano prima di studiare. Ma la candela si spegnerà prima che il libro difficile venga capito. Non bisogna perder nulla del tempo di luce della candela, delle grandi ore della vita studiosa. Se alzo gli occhi dal libro per guardare la candela, io non studio, io sogno. Allora le ore fluttuano nella veglia solitaria. Le ore fluttuano tra la responsabilità di un sapere e la libertà delle rêverie.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Gaston Bachelard (Bar-sur-Aube 1884 – Parigi 1962), filosofo francese.

Il giardino perduto

immagine copertina
Elizabeth von Arnim
Il giardino perduto
Tradotto da Masolino D’Amico
Skira 2016
10 righe da pagina 29:

Questo era il posto […] che mi era appartenuto in modo particolare. […] Ma era un posto dove io potevo giocare senza essere vista, e dove potevo girovagare senza essere richiamata per ore, costruendo castelli per aria. […] Facevo continuamente progetti, e se non realizzava mai nulla, che importanza aveva? Il solo farli era stata una gioia. Per me questo angolo fuori mano era sempre stato un luogo meraviglioso e misterioso, dove i miei castelli in aria si ergevano fitti in fulgide file, e dove mi capitavano le più strane e splendide avventure; poiché le ore che vi trascorrevo e le persone che vi incontravo erano tutte incantate.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Elizabeth von Arnim, pseudonimo di Mary Annette Beauchamp (Kiribilli Point 1866 – Charleston 1941), scrittrice inglese, nata in Australia e cugina di Katherine Mansfield.

Il vagabondo delle stelle

immagine copertina
Jack London
Il vagabondo delle stelle
Tradotto da Stefano Manferlotti
Adelphi 2005
10 righe da pagina 79:

È la vita a costituire l'unica realtà e il vero mistero. La vita è molto di più che semplice materia chimica, che nelle sue fluttuazioni assume quelle forme elevate che ci sono note. La vita persiste, passando come un filo di fuoco attraverso tutte le forme prese dalla materia. Lo so. Io sono la vita. Sono passato per diecimila generazioni, ho vissuto per milioni di anni, ho posseduto numerosi corpi. Io, che ho posseduto tali corpi, esisto ancora, sono la vita, sono la favilla mai spenta che tuttora divampa, colmando di meraviglia la faccia del tempo, sempre padrone della mia volontà, sempre sfogando le mie passioni su quei rozzi grumi di materia che chiamiamo corpi e che io ho fuggevolmente abitato.

inviato il 03/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Jack London, nome completo John Griffith Chaney London (San Francisco, 12 gennaio 1876 – Glen Ellen, 22 novembre 1916), è stato uno scrittore e giornalista statunitense

Prendiluna

immagine copertina
Stefano Benni
Prendiluna
Narratori Feltrinelli 2017
10 righe da pagina 76:

Ciò che chiamiamo magia prima o poi incontra una spiegazione scientifica. La tecnologia ha sostituito la magia. Se cento anni fa avessero detto a qualcuno che appoggiando una scatolina all'orecchio poteva chiamare una persona dall'altra parte del mondo, non l'avrebbero considerata magia? E distruggere un paese solo premendo un pulsante, guarire il corpo entrandoci dentro, racchiudere intere biblioteche in una minuscola scheda, trasmettere immagini ovunque, vedere gli astri come fossero a un passo, osservare le più piccole parti della materia ... E' magico, ma non ci ha reso migliori.

inviato il 04/08/2017
Nei segnalibri di:

Bellezza e tristezza

immagine copertina
Yasunari Kawabata
Bellezza e tristezza
Tradotto da Atsuko Suga
Einaudi 1993
10 righe da pagina 3:

Il treno correva in mezzo a un paesaggio di boschi anonimi: la fitta foschia fuori dai finestrini dava una sensazione di calore intimo. Sopra la foschia un vago chiarore illuminava le nuvole opache. La luce sembrava emanare dalla terra. Poi, il cielo si era schiarito e i raggi del sole arrivavano fino al pavimento della carrozza. Quando il treno costeggiò una pineta, si vide il terreno ricoperto di aghi finissimi. Le foglie di bambù erano ingiallite. Contro le rocce di un promontorio nero scrosciavano le onde luccicanti.

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Yasunari Kawabata (Osaka 1899 – Zushi 1972), scrittore giapponese e vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1968.

Tonio Kröger

immagine copertina
Thomas Mann
Tonio Kröger
Tradotto da Salvatore Tito Villari
Garzanti 1965
10 righe da pagina 3:

La scuola era finita. Dal cancello, per il cortile selciato, affluivano le schiere dei liberati, dividendosi e sfuggendo a destra e a sinistra. Gli scolari più grandi tenevano il fascio dei libri alto, poggiato con dignità alla spalla sinistra, mentre con il braccio destro arrancavano contro vento, verso il pranzo; i più piccoli s'erano messi allegramente al trotto così che tutt'attorno schizzava fango gelato e le carabattole della scienza sbatacchiavano nelle cartelle di pelle di foca. Ogni tanto, però, tutti, con occhi timorosi, si strappavano giù il berretto davanti al cappello di Wotan e alla barba di Giove d'un professore dall'incedere pacato...

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

La montagna incantata

immagine copertina
Thomas Mann
La montagna incantata
Tradotto da Ervinio Pocar
Corbaccio 2011
10 righe da pagina 402:

Che bellezza! Oh, respiro della patria, aroma e dovizia della pianura, da tanto tempo perduto! L'aria era piena di voci d'uccelli, di un grazioso, intimo e dolce flautare, gorgheggiare, cinguettare, tubare senza che nessuno dei pennuti apparisse alla vista. Castorp sorrise, respirando con gratitudine. E intanto tutto diventava ancor più bello. Un arcobaleno s'incurvò da una parte sopra il paesaggio, con tutti i suoi colori vivaci, umidi, lucenti, che densi come olio fluivano sul verde intenso e luminoso. Una meraviglia. Era come una musica, come un forte tinnire d'arpe che accompagnasse flauti e violini. Specie il turchino e il viola scorrevano stupendamente. Tutto si vi immergeva, con sfumature magiche, si trasformava e si risviluppava più bello di prima.

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Thomas Mann (Lubecca 1875 – Kilchberg 1955), scrittore tedesco e vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 1929.

Ross Poldark

immagine copertina
Winston Graham
Ross Poldark
Tradotto da Matteo Curtoni e Maura Parolini
Sonzogno 2016
10 righe da pagina 59:

In quella mattina di sole, circondato dai colori, dai suoni e dai profumi della sua terra, la guerra in cui aveva combattuto gli sembrava irreale e lontana. Si domandò se il mondo reale fosse quello in cui gli uomini lottavano per convinzioni – o più spesso miserevolmente – in nome di parole astratte come patriottismo e indipendenza, o se fosse quello della gente umile della terra.

inviato il 07/08/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Winston Graham (Manchester 1908 – Londra 2003), scrittore inglese.
Si tratta del libro incentivo che ho ricevuto, per cui ringrazio vivamente "10righe" e la casa editrice Sonzogno per il gentile omaggio!

Grandi Speranze

Grandi Speranze 1 week 3 giorni fa

Ciao Natalina, per Te un libro incentivo come finalista nel mese di luglio, 10righe scelte da Voi utenti. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Grandi Speranze 1 week 4 giorni fa

iao Natalina , sei nella finale di luglio, 10righe scelte da Voi utenti.

Noi, i vivi

Noi, i vivi 1 week 3 giorni fa

Ciao Paola, per Te un libro incentivo come finalista nel mese di luglio, 10righe scelte dalla redazione. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

La certosa di Parma

La certosa di Parma 1 week 3 giorni fa

Ciao Barbara, per Te un libro incentivo come finalista settimanale del mese di luglio. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

La dismissione

La dismissione 1 week 4 giorni fa

GRAZIE!

La dismissione 3 settimane 6 giorni fa

Ciao Vera, sei nella finale settimanale di luglio. Scegli da lunedì 22 luglio a domenica 28 luglio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

I fucili

I fucili 3 settimane 6 giorni fa

Ciao Eagledolvis , sei nella finale di luglio, 10righe scelte dalla redazione.

Il pozzo della solitudine

Il pozzo della solitudine 3 settimane 6 giorni fa

Ciao Elena, sei nella finale settimanale di luglio.

Il pozzo della solitudine 3 settimane 6 giorni fa

Ciao Elena, sei nella finale di luglio, 10righe scelte da Voi utenti.

La suora giovane

La suora giovane 3 settimane 6 giorni fa

Ciao Alessandro, sei nella finale settimanale di luglio.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy