Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Mauro Filigheddu

Dove i lupi vanno a morire

immagine copertina
Mauro Filigheddu
Dove i lupi vanno a morire
Strategic Books
10 righe da pagina 7:

Il gioco vuole che le persone che leggono siano aperte a tutte le esperienze.
Chi legge deve essere capace di lasciarsi trasportare dal testo, ovunque esso lo trascini, restando in qualche modo indifferente per non cedere a quanto di nuovo o di strambo può essere visto tra le righe.
Ciò che leggete non è che un ritaglio della storia mia, una sincera piccola parte di quanto ho vissuto. Niente di più. Ci sono astrazioni positive ma non si possono nascondere alcuni momenti oscuri, privi di energia, che a volte mi colgono. Un po’ di verità può giovare per dare un’idea più completa di quello che si vive quotidianamente. Premetto che quanto narro di me stesso mi piace. Il bilancio del tutto è positivo, ma è bene venire compresi in modo non del tutto superficiale.

inviato il 10/11/2018
Nei segnalibri di:

Sempre al Mare

immagine copertina
Mauro Filigheddu
Sempre al Mare
Paolo Sorba Editore

Nuotare è volare, un po’.
Se la consistenza dell’aria fosse pari a quella dell’acqua, voleremmo per muoverci.
È forse per questo che d’estate si va al mare: per volare.
Oltre al cielo, all’orizzonte ed agli striduli gabbiani che lo attraversano, dalla casa di Elena si vede il mare.
Lei, dopo aver osservato fuori a lungo per avere un’idea del clima, si prepara ad uscire. In maniera molto femminile, va dal bagno alla camera, dalla camera al balcone, dal balcone di nuovo alla camera. Sceglie con cura la maglietta che indosserà sopra il costume da bagno.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Mauro, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi ;)

Il Leone di Pietra

immagine copertina
Mauro Filigheddu
Il Leone di Pietra
Paolo Sorba Editore

Due importanti chiese di Roma recano ciascuna una croce in
cima. Se si uniscono queste due croci con una linea retta, questa
si sovrappone esattamente a via Panisperna. Ciò crea un’atmosfera
mistica che si confà al luogo. Lo studio di Massimo non poteva
essere situato meglio. Nella stessa via ci sono due locali che
egli frequenta sporadicamente: il Charity Cafè, piccolo tempio
del jazz e il ristorante Tre Scalini, pullulante di giovani.
Massimo frequenta nella medesima misura persone di ogni
età, e si trova più o meno a proprio agio con tutti. I giovani spesso
creano le tendenze, consapevoli o meno di questo. Un creativo
non può prescindere da essi, se vuole restare tale.

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Via della Giuliana

immagine copertina
Mauro Filigheddu (Mauroff)
Via della Giuliana
Giulio Perrone Editore - divisione LAB 2009
10 righe da pagina 7:

Fabio è dotato di una personalità difficile da esprimere. L’interprete di questa storia è un personaggio singolare, intellettuale, ma non troppo. Cerca di essere pragmatico, e infatti sa navigare in diversi ambienti, mare e internet compresi. È molto romantico e se ne vergogna un po’. Nel terzo millennio il romanticismo sembra poco attuale, ma fortunatamente non è così, perché spesso dà soddisfazioni. Ma non immaginatevi il classico romantico descritto nei romanzi e nelle avventure. Lo è in modo aulico, quando ascolta l’adagio in Sol minore di Albinoni, quando guarda il cielo dalla sua terrazza di giorno e di notte, attratto dal sole o dalla luna. Proprio questa lo affascina in modo particolare. Anzi, delle fasi lunari ne ha fatto una materia di studio. Infatti, è convinto che queste abbiano un ruolo decisivo sulla nostra esistenza, ma non ha mai certezze per dimostrare che questo o quell’evento siano avvenuti perché la fase lunare in quel momento era più o meno favorevole. Vive a Roma, in via della Giuliana.

inviato il 23/03/2014
Nei segnalibri di:

Luminosità

immagine copertina
Mauro Filigheddu (Mauroff)
Luminosità
Giulio Perrone Editore
10 righe da pagina 11:

A volte non si pensa che a certe sfumature di una data dimensione. Ovvero, se un militare va a prestare servizio per tre mesi a Nassiriyah ci si aspetta da lui un tipo di contegno prettamente militaresco, a base di rapporti, disciplina, consegne, servizi armati, pattuglie e quant’altro. Nel mio caso la cosa è ben differente. I luoghi densi di antiche reminiscenze, il clima desertico, le notti stellate e le pur brevi meditazioni hanno generato un compendio di sensazioni riflessive, che si inframmezzano alla normale attività di servizio pure affascinante, visto lo speciale incarico a cui sono stato destinato.

inviato il 23/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Mauro benvenuto :) scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy