Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di miketaurasi

Lettera a Léontine

immagine copertina
Raffaello Mastrolonardo
Lettera a Léontine
TEA
10 righe da pagina 201:

Nella mia biblioteca c'è uno scaffale speciale, quello dei libri della vita. Sono quelli che ti capitano ogni due o tre anni, o anche di più, e che per qualche motivo ti segnano, per sempre. Sono i libri dai quali non mi separerò mai, qualunque cosa accada. Devo averli vicino. Saranno una dozzina, stamattina ne ho aggiunto uno, forse il più bello...

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Quando l'ho letto mi ci sono riconosciuta subito..anche io ho i miei libri della vita che tengo sempre vicino.

...Sublime, questo pensiero, mi piace molto...

SE TU FOSSI QUI

Maria Pia Ammirati
SE TU FOSSI QUI
Cairo Editore
10 righe da pagina 158:

Se tu fossi qui amore mio,
se tu ancora fossi qui
oggi finalmente saprei cosa dirti.
Ti direi di guardare con orgoglio le nostre figlie
preziose e piccole
così simili a te anche loro mortali.
Ti direi di non rammaricarti per le mie mancanze
sono legate a un'esistenza esile.
Ti direi di non dormire
per un'intera notte
vegliando tua madre
ascoltandone il respiro.
Ti chiederei per pietà di restare,
di non fuggire di parlare con me
anche quando non ti sembra necessario.
Ti bacerei ancora sulla bocca
mordendoti il labbro
per sentire ancora il gusto
della tua linfa vitale.

inviato il 24/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Hollywood Hollywood

immagine copertina
Charles Bukowski
Hollywood Hollywood
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 31:

Caddi in uno dei miei patetici periodi di chiusura.Spesso, con gli esseri umani, buoni e cattivi, i miei sensi semplicemente si staccano, si stancano: lascio perdere. Sono educato. Faccio segno di si. Fingo di capire, perchè non voglio ferire nessuno. Questa è la debolezza che mi ha procurato più guai. Cercando di essere gentile con gli altri spesso mi ritrovo con l’anima a fettucce, ridotta ad una specie di piatto di tagliatelle spirituali. Non importa. Il mio cervello si chiude. Ascolto. Rispondo. E sono troppo ottusi per rendersi conto che io non ci sono.

inviato il 23/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie mille!!!

Ti aggiudichi il libro incentivo per le 10 righe più votate dagli utenti!
Puoi comunicarci un recapito a cui mandarlo a info@10righedailibri.it

Charles Bukowski è uno di quegli autori che riesce sempre a sorprendermi..

Uno dei miei libri preferiti di bukowski!!!!

Le notti bianche

immagine copertina
Fedor Dostoevskij
Le notti bianche
BUR
10 righe da pagina 35:

Era una notte meravigliosa, una notte come forse ce ne possono essere soltanto quando siamo giovani, amabile lettore. Il cielo era così pieno di stelle, così luminoso che, gettandovi uno sguardo, senza volerlo si era costretti a domandare a se stessi: è mai possibile che sotto un cielo simile possa vivere ogni sorta di gente collerica e capricciosa? Anche questa è una domanda da giovani, amabile lettore, molto da giovani, ma voglia il Signore mandarvela il più sovente possibile nell'anima! ..

inviato il 08/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Il buio oltre la siepe

immagine copertina
Harper Lee
Il buio oltre la siepe
Feltrinelli
10 righe da pagina 127:

Volevo che tu imparassi una cosa da lei: volevo che tu vedessi che cosa è il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo con il fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa succeda. E' raro vincere, in questi casi, ma qualche volta si vince.

inviato il 12/01/2012
Nei segnalibri di:

Il potere dei sogni

immagine copertina
Luis Sepúlveda
Il potere dei sogni
Tradotto da Ilide Carmignani
TEA 2008
10 righe da pagina 6:

Sognavo che tutti quei libri rinchiusi volevano parlare, che aspettavano il giusto interlocutore, e quello ero io. Sognavo che i libri mi parlavano con il loro linguaggio silenzioso, mi mostravano tutte le parole stampate sulle loro pagine, a una a una, ed esigevano da me una promessa: dovevo trasformarmi nel depositario, nel custode, nell’amoroso protettore delle parole. Allora io promettevo di vigilare che non perdessero mai il loro valore intrinseco, la loro capacità di dare un nome a tutte le cose e, a partire da questo, di farle esistere.

inviato il 10/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Chiara, le tue 10 righe sono state scelte per i compleanni d'autore :)
http://scrivi.10righedailibri.it/compleanni-dautore-luis-sepúlveda

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy