Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di antonellaavancini

L'isola del tesoro

R. Stevenson
L'isola del tesoro
Corriere della Sera
10 righe da pagina 119:

L'Hispaniola rullava e beccheggiava sulle onde, le bome squassavano i bozzelli, il timone sbatteva qua e là, e tutta la nave scricchiolava, gemeva sollevandosi come un congegno, infernale. Dovevo aggrapparmi forte ai paterazzi, mentre il mondo mi girava vertiginosamente daventi agli occhi ché, pur essendo un discreto marinaio quando la nave era in moto, quel rimaner fermi e venir rotolati come una bottiglia vuota era cosa che non ho mai imparato a sopportare senza nausea o sensazioni analoghe, soprattutto di mattina, a stomaco vuoto.
Forse questo era il motiv, o forse era l'aspetto dell'isola, con le sue grigie boscaglie melanconiche, le selvagge vette rocciose, la vista e il rumore della risacca che spumeggiava infrangendosi contro la riva scoscesa;

inviato il 12/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonella, le tue prossime 10 righe prova a caricare la foto della copertina :) questa mandala a info@10righedailibri.it

la quinta costellazione del cuore

Monika Peetz
la quinta costellazione del cuore
Garzanti
10 righe da pagina 165:

"Non è questo il punto . Si tratta di tedelle tue mancanze."Judith inclinò la testa di lato. Chi era quel consolatore misterioso? Oltre il velo delle lacrimevide un uomo basso e tarchiato con i capelli rossi rasati. Aveva due occhi scuri, profondi, in cui la pupilla e l'irideerano quasi tutt'uno. Non fu solo la mano fredda a farla rabbrividire. Erano quegl'occhi in cui non si trovavano appigli: ci si annegava.

inviato il 06/03/2012
Nei segnalibri di:

La vita davanti a sé

Romain Gary
La vita davanti a sé
NERI POZZA
10 righe da pagina 10:

All'inizio non lo sapevo di essere senza madre e non sapevo nemmeno che ce ne volesse una. Madame Rosa evitava di parlarmene per non darmi dei pensieri.Non lo so come sono natoe come sia successo esattamente. Il mio compagno il Mahoute , che ha parecchi anni più di me, mi ha detto che dipende dalle condizioni igieniche. lui è nato nella Casbah di Algeri ed è venuto in Francia soltanto dopo. Igiene nella Casbah non ce n'era ancora e lui era nato perchè non c'erano bidè né acqua potabile né niente.

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

Il prigioniero del cielo

Carlos Ruiz Zafón
Il prigioniero del cielo
Arnoldo Mondadori
10 righe da pagina 339:

Un angelo.Le parole che credeva dimenticate si aprono nella memoria come una vecchia ferita..E se un giorno inginocchiato di fronte alla sua tomba, sentirai il fuoco della rabbia che tenta di impadronirsi di te, ricorda che nella mia storia così come nella tua, c'è stato un angelo che possiede tutte le risposte...

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

La finestra dei Rouet

Georges Simenon
La finestra dei Rouet
Adelphi
10 righe da pagina 30:

La finestra era spalancata. Dominique l'apriva solo dopo aver rifatto il letto, perhè aveva vergogna del letto sfatto, della cruda realtà delle lenzuola sgualcite e del cuscino informe, persino agli occhi dell'unica persona che avrebbe potuto vederlo a quell'ora: la vecchia Augustine.
Nella cucina angusta, adiacente alla camera da letto, il gas era acceso, e Dominique , con i soliti gesti automatici di tutte le mattine, metteva in ordine e spolverava.
A quell'ora era un po' come se il suo universo s'ampliasse.Tutta la strada vi prendeva parte, il lembo di cielo azzurro sopra i tetti di fronte, l'albero all'inizio di Boulevard Hussmann; la camera sembrava diventare più spaziosa , come la stanza di una casa di campagna che dà direttamente sul giardino.

inviato il 31/01/2012
Nei segnalibri di:

QUANDO LA NOTTE

Cristina Comencini
QUANDO LA NOTTE
Feltrinelli
10 righe da pagina 132:

Non ti imbestialire subito, stai calmo, ascolta Vi amava, ma alla fine della giornata, quando vi mette a letto, il sole tramonta, ha fatto tutto quello che doveva, si spoglia tuo padre la guarda.
Sei felice?
Allora vi odia. Felicità, infelicità, che cazzate, Manfred.
Tu mi hai preso a calciper farmi alzare da dietro la porta.
Così è quando hai un figlio, la vita ti prende a calci, se non lo sai provi a scansarti, pensi di poterli evitare. Se lo sai li incassi, tieni duro, ami e odi, perchè è questo che devi fare, e lo devi sapere. Io oralo so perhè ti ho incontrato.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Cose che nessuno sa

Alessandro D'Avenia
Cose che nessuno sa
Arnoldo Mondadori
10 righe da pagina 30:

"programma di vita scolastica": Tu sei così giovane, così al di qua di ogni inizio, e io ti vorrei pregare quanto posso di avere pazienza verso quanto non è ancora risolto nel tuo cuore, e tentare di avere care le domande stesse come stanze serrate e libri scritti in una lingua molto straniera. Non cercare ora risposte che non possono venirti da te perchè non le potresti vivere. E di questo si tratta: di vivere tutto: Vivi ora le domande: Forse ti avvicinerai così, a poco a poco, senza avvertirlo, a vivere un giorno lontano, la risposta.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Mille splendidi soli

Khaled Hosseini
Mille splendidi soli
Mondolibri su licenza Piemme

Mariam,distesa sul divano, con le mani tra le ginocchia, fissava i mulinelli di neve che turbinavano fuori dalla finestra. Una volta Nana le aveva detto che ogni fiocco di neve era il sospiro di una donna infelice da qualche parte del mondo. Che tutti i sospiri si elevavano al cielo, si raccoglievano a formare nubi e poi si spezzavano in minuti frantumi, cadendo silenziosaente sulla gente.
"A ricordo di come soffrono le donne come noi" aveva detto. "Di come sopportiamo in silenzio tutto ciò che ci cade addosso"

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Perchè non debba mai essere dimenticato che ancora oggi, in molti paesi, le donne subiscono terribili prevaricazioni. Leggendo sembra di essere nel medioevo invece il romanzo è ambientato nel 2000!!!

Nessuno si salva da solo

Margaret Mazzantini
Nessuno si salva da solo
Arnoldo Mondadori
10 righe da pagina 186:

Loro appartenevano alla generazione della patacca, del remake. Tutto era già stato provato, si trattava solo di rivisitare, senza un vero nerbo. Vecchie le ferite, le facce dipinte degli emo. Cosa c'era di nuovo? Il sushi da asporto, la festa di Halloween, Facebook: Il sogno di tutta la gente che conoscevano era quello di organizzare eventi. Di anelare a una festa continua sulle macerie di tutto: L'egoismo come unica borsa a tracolla: Eppure quelo era il loro mondo e avrebbero dovuto camminarci insieme ai loro figli. Drizzare le antenne per captareun segnale positivo.

inviato il 25/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonella i prossimi post prova a caricare anche l'immagine di copertina

;)

Il gusto proibito dello zenzero

immagine copertina
Jamie Ford
Il gusto proibito dello zenzero
Garzanti

Quando la porta si aprì, Henry sentì il calore del sole che entrava dalle finestre dell'appartamento, illuminando il corridoio buio. Davanti a lui c'era una donna sulla cinquantina, i capelli più corti di come li ricordava, con rade striature grigie. Era snella e tratteneva la porta con dita affusolate e unghie ben curate. Gli occhi castani a dispetto del tempo di cui portava le tracce nelle simpatiche rughe del viso, erano luminosi, limpidi e liquidi come una volta.
Erano gli stessi occhi che gli avevano guardato dentro, tanti anni prima. Occhi pieni di speranza.

inviato il 24/01/2012
Nei segnalibri di:

L'isola del tesoro

R. Stevenson
L'isola del tesoro
Corriere della Sera
10 righe da pagina 119:

L'Hispaniola rullava e beccheggiava sulle onde, le bome squassavano i bozzelli, il timone sbatteva qua e là, e tutta la nave scricchiolava, gemeva sollevandosi come un congegno, infernale. Dovevo aggrapparmi forte ai paterazzi, mentre il mondo mi girava vertiginosamente daventi agli occhi ché, pur essendo un discreto marinaio quando la nave era in moto, quel rimaner fermi e venir rotolati come una bottiglia vuota era cosa che non ho mai imparato a sopportare senza nausea o sensazioni analoghe, soprattutto di mattina, a stomaco vuoto.
Forse questo era il motiv, o forse era l'aspetto dell'isola, con le sue grigie boscaglie melanconiche, le selvagge vette rocciose, la vista e il rumore della risacca che spumeggiava infrangendosi contro la riva scoscesa;

inviato il 12/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonella, le tue prossime 10 righe prova a caricare la foto della copertina :) questa mandala a info@10righedailibri.it

la quinta costellazione del cuore

Monika Peetz
la quinta costellazione del cuore
Garzanti
10 righe da pagina 165:

"Non è questo il punto . Si tratta di tedelle tue mancanze."Judith inclinò la testa di lato. Chi era quel consolatore misterioso? Oltre il velo delle lacrimevide un uomo basso e tarchiato con i capelli rossi rasati. Aveva due occhi scuri, profondi, in cui la pupilla e l'irideerano quasi tutt'uno. Non fu solo la mano fredda a farla rabbrividire. Erano quegl'occhi in cui non si trovavano appigli: ci si annegava.

inviato il 06/03/2012
Nei segnalibri di:

La vita davanti a sé

Romain Gary
La vita davanti a sé
NERI POZZA
10 righe da pagina 10:

All'inizio non lo sapevo di essere senza madre e non sapevo nemmeno che ce ne volesse una. Madame Rosa evitava di parlarmene per non darmi dei pensieri.Non lo so come sono natoe come sia successo esattamente. Il mio compagno il Mahoute , che ha parecchi anni più di me, mi ha detto che dipende dalle condizioni igieniche. lui è nato nella Casbah di Algeri ed è venuto in Francia soltanto dopo. Igiene nella Casbah non ce n'era ancora e lui era nato perchè non c'erano bidè né acqua potabile né niente.

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

Lettera a Léontine

immagine copertina
Raffaello Mastrolonardo
Lettera a Léontine
TEA
10 righe da pagina 201:

Nella mia biblioteca c'è uno scaffale speciale, quello dei libri della vita. Sono quelli che ti capitano ogni due o tre anni, o anche di più, e che per qualche motivo ti segnano, per sempre. Sono i libri dai quali non mi separerò mai, qualunque cosa accada. Devo averli vicino. Saranno una dozzina, stamattina ne ho aggiunto uno, forse il più bello...

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Quando l'ho letto mi ci sono riconosciuta subito..anche io ho i miei libri della vita che tengo sempre vicino.

...Sublime, questo pensiero, mi piace molto...

Il prigioniero del cielo

Carlos Ruiz Zafón
Il prigioniero del cielo
Arnoldo Mondadori
10 righe da pagina 339:

Un angelo.Le parole che credeva dimenticate si aprono nella memoria come una vecchia ferita..E se un giorno inginocchiato di fronte alla sua tomba, sentirai il fuoco della rabbia che tenta di impadronirsi di te, ricorda che nella mia storia così come nella tua, c'è stato un angelo che possiede tutte le risposte...

inviato il 27/02/2012
Nei segnalibri di:

La finestra dei Rouet

Georges Simenon
La finestra dei Rouet
Adelphi
10 righe da pagina 30:

La finestra era spalancata. Dominique l'apriva solo dopo aver rifatto il letto, perhè aveva vergogna del letto sfatto, della cruda realtà delle lenzuola sgualcite e del cuscino informe, persino agli occhi dell'unica persona che avrebbe potuto vederlo a quell'ora: la vecchia Augustine.
Nella cucina angusta, adiacente alla camera da letto, il gas era acceso, e Dominique , con i soliti gesti automatici di tutte le mattine, metteva in ordine e spolverava.
A quell'ora era un po' come se il suo universo s'ampliasse.Tutta la strada vi prendeva parte, il lembo di cielo azzurro sopra i tetti di fronte, l'albero all'inizio di Boulevard Hussmann; la camera sembrava diventare più spaziosa , come la stanza di una casa di campagna che dà direttamente sul giardino.

inviato il 31/01/2012
Nei segnalibri di:

Se scrivi ti sposo

immagine copertina
Daniela Bortolotti
Se scrivi ti sposo
JAR Edizioni
10 righe da pagina 14:

Io brillo per mancanza di riguardo e tutti coloro che invece vivono una vita giusta
e onesta, comportandosi correttamente, mi scivolano di dosso quasi inosservati. Difatti, la mia esistenza viene rimarcata di continuo. E nei più svariati modi, aggiungerei. Certo, potrebbe non fare piacere essere tacciata di aridità dai propri ex fidanzati, di sadismo dagli amanti respinti, di volubilità dalle frequentazioni dimenticate, di menefreghismo dall’amica del cuore, di sterilità sentimentale dalla propria madre ogni volta che le rammento che io figli mai e poi mai, ma come cantava Gloria Gaynor, I am what I am and what I am needs no excuses.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Sostiene Pereira

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Sostiene Pereira
Universale Economica Feltrinelli 2003
10 righe da pagina 120:

Il fatto che lei abbia studiato psicologia mi incoraggia a parlare con lei, disse Pereira, forse farei meglio a parlarne con il mio amico padre Antonio, che è un sacerdote, però forse lui non capirebbe, perchè ai sacerdoti bisogna confessare le proprie colpe e io non mi sento colpevole di niente di speciale, eppure ho desiderio di pentirmi, sento nostalgia del pentimento.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie. Tra frittatine alle erbe aromatiche e il gusto amaro di limonate senza zucchero, Pereira è semplicemente spettacolare. A presto su 10righe.

Vinci il libro incentivo per le 10 righe più votate! Puoi mandarci un recapito a info@10righedailibri.it

aggiungo segnalibro

aggiungo segnalibro

L'Alchimista

immagine copertina
PAULO COELHO
L'Alchimista
Bompiani

I cuori degli uomini sono così: hanno paura di realizzare i sogni più, perché pensano di non meritarlo, o di non riuscire a raggiungerli. Noi, i cuori, siamo terrorizzati al solo pensiero di amori che sono finiti per sempre, di momenti belli che avrebbero potuto essere belli, di tesori che avrebbero potuto essere scoperti e sono rimasti per sempre nascosti nella sabbia. Perché, quando ciò accade, noi ne soffriamo intensamente.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

QUANDO LA NOTTE

Cristina Comencini
QUANDO LA NOTTE
Feltrinelli
10 righe da pagina 132:

Non ti imbestialire subito, stai calmo, ascolta Vi amava, ma alla fine della giornata, quando vi mette a letto, il sole tramonta, ha fatto tutto quello che doveva, si spoglia tuo padre la guarda.
Sei felice?
Allora vi odia. Felicità, infelicità, che cazzate, Manfred.
Tu mi hai preso a calciper farmi alzare da dietro la porta.
Così è quando hai un figlio, la vita ti prende a calci, se non lo sai provi a scansarti, pensi di poterli evitare. Se lo sai li incassi, tieni duro, ami e odi, perchè è questo che devi fare, e lo devi sapere. Io oralo so perhè ti ho incontrato.

inviato il 30/01/2012
Nei segnalibri di:

Il libro è ...

Il libro è ... 6 years 32 settimane fa

Leggere è la maniera più semplice e veloce di evadere oltre i tuoi limitati confini!

Mille splendidi soli

Mille splendidi soli 6 years 38 settimane fa

Perchè non debba mai essere dimenticato che ancora oggi, in molti paesi, le donne subiscono terribili prevaricazioni. Leggendo sembra di essere nel medioevo invece il romanzo è ambientato nel 2000!!!

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 6 years 38 settimane fa

Nei giorni di sole dal mio finestrino arrivavo a risalire a lei attraverso un rimbalzo di vetri.(ERRI DE LUCA -Il giorno prima della felicità)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy