Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di matildita707

Ogni istante di me e di te

immagine copertina
Alex Capus
Ogni istante di me e di te
Tradotto da Roberta Scarabelli
Euroclub su licenza Garzanti 2012
10 righe da pagina 154:

È strano: solo ora che ci separano tante cose-un oceano, una guerra, forse un continente o due, per non parlare degli anni che sono già trascorsi e che ancora dovranno trascorrere-riesco a esserti di nuovo vicina. Solo ora che qualche migliaio di chilometri di distanza ci protegge da segreti, bugie e bassezze e quasi sicuramente non ci vedremo più per molto tempo. solo ora mi sento di nuovo vicino a te. Solo lontano da te sono davvero padrona di me stessa, solo solo lontano da te posso osare confidarmi senza perdermi, capisci? Naturale che lo capisci: sei un ragazzo intelligente,anche se al tuo cuore di uomo sono sconosciuti questi dilemmi e paradossi femminili.
So che consideri questa storia in modo razionale. Tu fai quel che devi fare, e quel che devi lasciar perdere. E se in via eccezionale fai qualcosa che non dovresti, sei comunque in pace con te stesso, perché ogni tanto nella vita bisogna pur fare qualcosa che non si dovrebbe fare.

inviato il 11/06/2013
Nei segnalibri di:

La voce a te dovuta

immagine copertina
Pedro Salinas
La voce a te dovuta
Tradotto da Emma Scoles
Giulio Einaudi Editore 1979
10 righe da pagina 125:

Il modo tuo d’amare
è lasciare che io t’ami.
Il sì con cui ti abbandoni
è il silenzio. I tuoi baci
sono offrirmi le labbra
perché io le baci.
Mai parole e abbracci
mi diranno che esistevi
e mi hai amato: mai.
Me lo dicono fogli bianchi,
mappe, telefoni, presagi;
tu, no.
E sto abbracciato a te
senza chiederti nulla, per timore
che non sia vero
che tu vivi e mi ami.
E sto abbracciato a te
senza guardare e senza toccarti.
Non debba mai scoprire
con domande, con carezze
quella solitudine immensa
d’amarti solo io.

inviato il 03/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Caro Staff di 10Righe, oggi ho ricevuto il libro incentivo che tempo fa ho vinto... lo leggerò con entusiasmo... e con la speranza di migliorare la conoscenza della vostra bella lingua.
Un grazie di cuore a tutti voi, all'editore ed ai lettori che mi hanno premiata. A presto e buona lettura a tutti!

Ottima scelta

Grazie Matilde :)

“Caro staff di 10Righedailibri,
comunico che ho deciso di scegliere le 10 righe pubblicate da Silvia Degli Esposti, tratte dal libro di Paolo Fresu “Musica Dentro”, tra quelle scritte dai lettori la scorsa settimana, da premiare con un libro incentivo. Questo è il link delle 10 righe da me scelte: http://scrivi.10righedailibri.it/musica-dentro
La motivazione l’ho scritta nei commenti delle medesime 10 righe.
Ringrazio tutti i lettori che hanno segnalibrato le mie 10 righe e, naturalmente, l’intero staff di 10Righedailibri.
Buona lettura a tutti!!!!!!!”

Complimenti Matilde!!!! :-)

In alto a sinistra

immagine copertina
Erri De Luca
In alto a sinistra
UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI
10 righe da pagina 69:

Era un amore ancora intero quando lo strappammo. Lo squarto in tempi solamente adesso, lo seziono in un principio, un corpo, un’estinzione.Allora eravamo incastro a coda di rondine, da non poter distinguere nell’angolo retto dei corpi il suo dal mio. Ora è amore, una terra bruciata vista da lontano, prima era bosco fitto, umido, senza cielo.
Mi aveva voluto. Mi aveva staccato dal mucchio di teste in una sera d'osteri, mi aveva estratto com'ero, ingliallito, pagina di foglia fitta di vene e rughe, fibroso come un legno di rose, spessito come un sonno senza sogni.

inviato il 03/12/2012
Nei segnalibri di:

La luna blu

immagine copertina
Massimo Bisotti
La luna blu
Edizione Psiconline 2012
10 righe da pagina 128:

E se per un attimo, mentre aspetti un treno o un aereo, ti si fermerà il cuore, non ti spaventare, è solo amore che passa nei ricordi.
Esiste un luogo dove io e te vivremo sempre. Non cambierà mai la geografia di certi sguardi. Non serve indicare il presente se l'eternità è passata e noi non c'eravamo.
Si, avrei voluto incontrarti almeno un po' prima di perderti e le parole dette alla fine forse è meglio non dirle più. Non si prendono le favole degli altri per lasciarle finir male. Tanto meglio non iniziare a leggerle allora.

inviato il 05/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

E se per un attimo, mentre aspetti un treno o un aereo, ti si fermerà il cuore, non ti spaventare, è solo amore che passa nei ricordi.
Esiste un luogo dove io e te vivremo sempre. Non cambierà mai la geografia di certi sguardi. Non serve indicare il presente se l'eternità è passata e noi non c'eravamo.
Si, avrei voluto incontrarti almeno un po' prima di perderti e le parole dette alla fine forse è meglio non dirle più. Non si prendono le favole degli altri per lasciarle finir male. Tanto meglio non iniziare a leggerle allora.

Il torto del soldato

immagine copertina
Erri De Luca
Il torto del soldato
Feltrinelli
10 righe da pagina 40:

Ho avuto un'educazione cattolica da mia madre. Ho frequentato il catechismo e ho letto con gusto di curiosa le avventure della storia sacra, da Eva e Adamo in poi. Ho amato il Cantico dove si dichiara l'amore terrestre senza mai nominare il cielo. Ho letto con fastidio i capitoli furibondi dell'Apocalisse. Non mi spaventa Dio, per mia insufficienza di immaginazione. Ci ho pensato bene e questa è la parola precisa. Manco di quel formato dell'immaginazione che può mettere a fuoco l'infinito.
Dell'infanzia viennese ho ricordi metallici: le route di ferro del tram sui binari che mi portavano a scuola, la campana della chiesa vicina al nostro appartamento, che martellava il tempo.

inviato il 15/10/2012
Nei segnalibri di:

Ogni istante di me e di te

immagine copertina
Alex Capus
Ogni istante di me e di te
Tradotto da Roberta Scarabelli
Garzanti 2011
10 righe da pagina 150:

Mio amato León!
Sono io, la tua Louise, che ti scrive. Sei sorpreso? Io sì. Mi sono stupita molto di me stessa per come mi sia venuto un desiderio urgente di scriverti non appena sono stata sicura che avrei lasciato Parigi e sarei stata lontanissima per molto tempo. Ê da una settimana che paso ogni minuto libero a buttare giù cose assurde per te; spero che questa sarà una bella copia abbastanza ordinata, che domani o dopodomani spedirò.
Non è che io abbia pensato continuamente a te negli ultimi dodici anni,sai?. In fondo non si può stare in questo stato per più di un paio di mesi, prima o pio si toca limite. Poi arriva, del tutto inasppettato, un momento in cui si fa un bel respiro e si lascia perdere, e da lì in poi si vive per sé stessi e si ritrova la serenità...

inviato il 01/10/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Lo voglio comprare anche io :)

Ciao Elena....lo sto ancora leggendo...ma si, mi piace!!

Letto notizie su Il libraio, ti è piaciuto?

La voce a te dovuta

immagine copertina
Pedro Salinas
La voce a te dovuta
Tradotto da Emma Scoles
Giulio Einaudi Editore 1979
10 righe da pagina 75:

Che allegria, vivere
e sentirsi vissuto.
Arrendersi
alla grande certezza, oscuramente,
che un altro essere, fuori di me, molto lontano
mi sta vivendo.
Che quando gli specchi, le spie,
mercurio, anime brevi, confermano
che sono qui, io, immobile,
serrati gli occhi e le labbra,
chiuso all'amore
della luce, del fiore e dei nomi,
la verità transvisibile è che cammino
senza i miei passi, con altri,
là lontano, e lì
sto baciando fiori, luci, parlo.
Che esiste un altro essere con cui io guardo il mondo
perchè sta amandomi con i suoi occhi.
Che esiste un'altra voce con cui io dico cose
non sospettate dal mio gran silenzio;
ed è che anche mi ama con la sua voce....

inviato il 10/09/2012
Nei segnalibri di:

Che tu sia per me il coltello

immagine copertina
David Grossman
Che tu sia per me il coltello
Tradotto da Alessandra Shomroni
Oscar Mondadori 2008
10 righe da pagina 95:

Sai, a volte sono un po' lento a capire. A una prima lettura ho pensato che mi stessi offrendo i tuoi abiti per nascondere la mia nudità. Ma un'idea del genere non ti si addice, al contrario. Poi mi è sembrato un gesto di seduzione, originale, bizzarro, un po' ridicolo, e goffo: uno strip-tease verbale. E a poco a poco il tono della tua voce è cambiato.
Ecco una nudità, dici (o perlomeno, così lo interpreto ora), che non è come un coltello e non è come una ferita. Una nudità svelata e vulnerabile, un po' imbarazzata e pietosa. Esattamente come la tua. Guarda, dici, è un po' timorosa e cerca di celare i suoi difetti con tanti piccoli trucchi, a cui però è disposta a rinunciare, per chi vorrà guardarla con occhi indulgenti.

inviato il 20/08/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho adorato questo libro!

segnalibro

In alto a sinistra

immagine copertina
Erri De Luca
In alto a sinistra
universale economica feltrinelli
10 righe da pagina 7:

Per un breve periodo scolastico evitai ogni contatto con la fisica. Non avevo ancora le obiezioni di adesso, non chiedevo di lasciare in pace l’atomo, che secondo il suo intento originale voleva essere indivisibile. La parola che Democrito inaugurò era un invito a rispettare un limite. La fisica del secolo invece si è accanita nello smontaggio: sottoterra i suoi edifici a cerchio affannano la materia, frantumano il suo pulviscolo elettromagnetico. Da ragazzo non pensavo a questo, ma all’affannoso mucchio di nuovi simboli, segnetti, iniziali e tutto l’alfabeto macchinoso che ogni nuova disciplina porta con sé, fiera di essere illeggibile.

inviato il 30/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Silvia!!

Ciao Matilde!bella e veritiera la descrizione del "senno di poi" che, almeno una volta nella vita, ciascuno di noi ha sperimentato nel rapporto scuola-insegnamento-materie...ecco il mio segnalibro! Silvia

segnalibro

Come un romanzo

immagine copertina
Daniel Pennac
Come un romanzo
Universale Economica Feltrinelli 1995
10 righe da pagina 39:

Se, come usiamo dire, mio figlio, mia figlia, i giovani non
amano leggere - e il verbo è giustissimo, poiché proprio di
una ferita d'amore si tratta - non bisogna incolpare né la te-
levisione, né i tempi moderni, né la scuola. Oppure, se vo-
gliamo, tutte queste cose insieme, ma solo dopo esserci po-
sti una domanda fondamentale: che cosa ne abbiamo fatto
del lettore ideale che lui era all'epoca in cui noi stessi svolge-
vamo contemporaneamente il ruolo del narratore e quello
del libro?
Quale enorme tradimento !
Lui, il racconto e noi formavamo una Trinità ogni sera
riunificata. Adesso lui è solo, davanti a un libro ostile.
La leggerezza delle nostre frasi lo liberava dalla forza di
gravità, ora l'indecifrabile brulichio delle lettere soffoca per-
sino le sue tentazioni di sogno.
L'avevamo iniziato al viaggio verticale, ora è schiacciato
dallo stupore dello sforzo.
L'avevamo dotato dell'ubiquità, eccolo imprigionato
nella sua camera, nella sua classe, nel suo libro, in una riga,
in una parola.

inviato il 04/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro

Storia di un corpo

immagine copertina
Daniel Pennac
Storia di un corpo
Feltrinelli
10 righe da pagina 11:

Figlia mia amatissima, questa è l'eredità che ti lascio: non un trattato di fisiologia ma il mio giardino segreto, che per molti versi è il nostro terreno più comune. Te lo affido. Perché proprio a te? Perché ti ho adorato. Non te l'ho detto quando ero vivo, concedimi questo piccolo piacere postumo. Se Gregoire fosse vissuto, probabilmente avrei lasciato questo diario a lui, l'avrebbe interessato come medico e divertito come nipote. Dio, quanto ho amato quel bambino! Gregoire morto così giovane e tu oggi nonna siete il mio bagaglio di felicità, il mio viatico per il grande viaggio.

inviato il 02/08/2013
Nei segnalibri di:

L'isola dei monaci senza nome

immagine copertina
Marcello Simoni
L'isola dei monaci senza nome
Tradotto da Newton Compton Editori
Newton Compton 2013
10 righe da pagina 43:

Isabel equivocava, lo credeva preoccupato per le sorti del castello e per le genti dell'Elba, ma aveva ragione solo in parte. Cristiano amava quei luoghi e al pensiero che gli abitanti dell'isola soffrissero per causa sua gli stringeva il cuore, tuttavia era in preda a ben altre inquietudini. Di tanto in tanto scrutava in basso, verso le schiere ottomane appostate di fronte alle mura del Volterraio, e non poteva evitare di chiedersi se si trovasse dalla parte giusta. Dopo un decennio vissuto tra i fedeli del Cristo, credeva ormai di aver messo da parte simili pensieri, invece gli era bastato scorgere le vele turche nella baia di Ferraio per sentirli affiorare di nuovo, con una potenza devastante.

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

E' un piacere Naty, ciao.

Ciao Elena!!!grazie!!!

A settembre allora. Buone vacanze a tutti.
E speriamo di trovare nella posta anche il libro vinto con il gioco domenicale del 9 giugno.
Buone letture, baci a tutti :)

Tutti i ricordi successivi all'allontanamento da Tunisi, la sua seconda vita, sbiadivano come le ombre del mattino al canto dei muezzin. E mentre vedeva quel cono d'ombra ritirarsi, il giovane scopriva dentro di sé le forme di un animale bizzarro, estremamente diverso da ciò che credeva di essere stato. Quella creatura non apparteneva a nessuno dei due mondi da cui proveniva, eppure era debitrice a entrambi, La Mezzaluna e la Croce.

Sostiene Pereira

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Sostiene Pereira
Universale Economica Feltrinelli 2013
10 righe da pagina 46:

Pereira si alzò e gli tese la mano dicendogli arrivederci. Perché gli disse quelle cose mentre avrebbe voluto dirgli tutt'altro, mentre avrebbe voluto rimproverarlo, magari licenziarlo? Pereira non sa dirlo. Forse perché il ristorante era deserto, perché non aveva visto nessun letterato, perché si sentiva solo in quella città e aveva bisogno di un complice e di un amico? Forse per queste ragioni e per altre ancora che non saprebbe spiegare. E' difficile avere una convinzione precisa quando si parla delle ragioni del cuore, sostiene Pereira.

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Capolavoro.

L'ombra della luna

immagine copertina
M.M.Kaye
L'ombra della luna
Sperling Paperback
10 righe da pagina 374:

"Mai. Non capite. Siamo una potenza in ascesa e ogni giorno che passa ci rende più ricchi, potenti e orgogliosi e non potremmo tollerare un simile affronto. Quando la nostra stella sarà tramontata forse verrà il giorno in cui pronunceremo quelle parole. Ma non ora. Non ancora." "Quand'è così aspetterò quel giorno." ribattè piano Kishan Prasad."E se io sarò morto, mio figlio sarà pronto...e se non sarà lui sarà il figlio di mio figlio! Voi non fareste altrettanto se foste nativo di questa terra?"

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

Il Ritorno del Tempo Nero - Le Cronache di Felzer

immagine copertina
Alessandra Castelli - Fabio Fracas
Il Ritorno del Tempo Nero - Le Cronache di Felzer
LCF Edizioni
10 righe da pagina 61:

« Spia arancione... spia arancione... ecco! “Se si accende la spia arancione, significa che è imminente l’arrivo dell’Umano. Non toccate nulla per nessun motivo! Preparate solo una bibita fresca.” » lesse attentamente Gunich.
I due amici si guardarono molto perplessi. Poi Morich chiese:
« Cos’è una bibita? »
« Ma è ovvio! È il profumo per i piedi » Rispose Gunich con aria di superiorità. Come facesse Morich a essere così ignorante, Gunich proprio non lo capiva.
« Ma noi non ce l’abbiamo! » Disse Morich, sedendosi sulla sabbia e facendo spallucce.
« Speriamo che se lo porti lui! » Si augurò Gunich, sedendosi a propria volta.
E lì seduti, in attesa del Salvatore di Felzer, i due piccoli Trappik si turarono il naso.

inviato il 06/08/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Alessandra :)

Italiani di domani

immagine copertina
Beppe Severgnini
Italiani di domani
Rizzoli 2012
10 righe da pagina 43:

Forse dovremmo modificare l’articolo 1 della Costituzione: «L’Italia è una Repubblica fondata sullo stage». Imprese e professionisti, negli ultimi anni difficili, hanno fatto spesso ricorso a questa manodopera volenterosa, fantasiosa, gratuita o malpagata. [...] i tirocini, pensati come un aiuto delle imprese ai giovani, stanno diventando un aiuto dei giovani alle imprese. Conosco l’obiezione: «Quante storie! I ragazzi in questo modo ascoltano, imparano, si fanno le ossa! Non pretenderanno d’essere retribuiti?». Contro-obiezione: e come pagano l’affitto? Con le chiacchiere dei capi?

inviato il 06/08/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! ^__^ Felice di esserci!

Benvenuta Grazia :)

Poesie

immagine copertina
Nazim Hikmet
Poesie
10 righe dai libri 2006
10 righe da pagina 1:

IL PIU BELLO DEI MARI

Il piu' bello dei mari
è quello che non navigammo
il piu' bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I piu' belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di piu' bello
non te l'ho ancora detto.

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

La carta più alta

immagine copertina
Marco Malvaldi
La carta più alta
Sellerio 2012
10 righe da pagina 15:

Tutti questi locali fanno larghissimo uso della cosiddetta maieutica della fiducia: ovvero, ognuno di questi posti è tappezzato di cartelli nei quali viene svelato al cliente il motivo per cui, di quell'esercizio, ci si può fidare. Perché i nostri gelati hanno consistenza così soda? Perché non usiamo grassi idrogenati, ma solo ingredienti naturali. Come mai le vostre borsette costano così tanto? Perché non facciaqmo uso del lavoro minorile: i nostri gadget sono fatti in Cina da operai privi di qualsiasi diritto sindacale, ma rigorosamente maggiorenni. Come mai le tovagliette hanno questo colore strano? Perché sono fatte di carta igienica riciclata, così hanno un minore impatto sull'ambiente. In questo modo il cliente è consapevole che il proprio pasto, oltre che genuino e dieteticamente inappuntabile, non ha richiesto l'abbattimento di un singolo albero, e si sente immediatamente più giusto e più buono.

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

L'allegra apocalisse

immagine copertina
Arto Paasilinna
L'allegra apocalisse
Tradotto da Nicola Rainò
Iperborea 2010
10 righe da pagina 211:

La catastrofe si era messa in moto in seguito ai folli festeggiamenti per l'arrivo del nuovo millennio. A New York si era celebrato l'evento facendo baldoria come se fosse la vigilia del Giudizio Universale. Le strade erano state invase da ogni genere di rifiuti. Non è difficile immaginare cosa possano combinare dieci milioni di individui ubriachi fradici. Della gentaglia ne aveva approfittato per scassinare negozi e magazzini, e diversi quartieri commerciali erano stati dati alle fiamme. Quando la situazione si era un po' calmata, gli addetti alla nettezza urbana avevano indetto uno sciopero perchè si erano visti ridurre i salari della metà. Era stato l'inizio della fine.

inviato il 05/08/2013
Nei segnalibri di:

La lunga vita di Marianna Ucrìa

immagine copertina
Dacia Maraini
La lunga vita di Marianna Ucrìa
Rizzoli 2010
10 righe da pagina 123:

Fuori è buio. Il silenzio avvolge Marianna sterile e assoluto. Fra le sue mani un libro d'amore. Le parole, dice lo scrittore, vengono raccolte dagli occhi come grappoli di una vigna sospesa, vengono spremuti dal pensiero che gira come una ruota di mulino e poi, in forma liquida si spargono e scorrono felici per le vene. E' questa la divina vendemmia della letteratura?
Trepidare con i personaggi che corrono fra le pagine, bere il succo del pensiero altrui, provare l'ebbrezza rimandata di un piacere che appartiene ad altri. Esaltare i propri sensi attraverso lo spettacolo sempre ripetuto dell'amore in rappresentazione, non è amore anche questo? Che importanza ha che questo amore non sia mai stato vissuto faccia a faccia direttamente? assistere agli abbracci di corpi estranei, ma quanto vicini e noti per via di lettura, non è come viverlo quell'abbraccio, con un privilegio in più, di rimanere padroni di sé?
Un sospetto le attraversa la mente: che il suo sia solo uno spiare i respiri degli altri.

inviato il 15/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo al minigioco libri in piazza di sabato 15 giugno Autori e Autrici http://http://scrivi.10righedailibri.it/libri-piazza

La voce a te dovuta

La voce a te dovuta 4 years 2 settimane fa

Caro Staff di 10Righe, oggi ho ricevuto il libro incentivo che tempo fa ho vinto... lo leggerò con entusiasmo... e con la speranza di migliorare la conoscenza della vostra bella lingua.
Un grazie di cuore a tutti voi, all'editore ed ai lettori che mi hanno premiata. A presto e buona lettura a tutti!

La voce a te dovuta 4 years 9 settimane fa

“Caro staff di 10Righedailibri,
comunico che ho deciso di scegliere le 10 righe pubblicate da Silvia Degli Esposti, tratte dal libro di Paolo Fresu “Musica Dentro”, tra quelle scritte dai lettori la scorsa settimana, da premiare con un libro incentivo. Questo è il link delle 10 righe da me scelte: http://scrivi.10righedailibri.it/musica-dentro
La motivazione l’ho scritta nei commenti delle medesime 10 righe.
Ringrazio tutti i lettori che hanno segnalibrato le mie 10 righe e, naturalmente, l’intero staff di 10Righedailibri.
Buona lettura a tutti!!!!!!!”

La voce a te dovuta 4 years 10 settimane fa

Grazie a tutti!!!!!!
Sto studiando l'italiano perché amo la vostra lingua e la vostra cultura.
Questo libro lo custodirò come un tesoro!!!
GRACIAS!!!!!!!!!!!

La voce a te dovuta 4 years 10 settimane fa

Giulio Einaudi Editore- anno 1979
Tradotto da Emma Scoles

La voce a te dovuta 4 years 11 settimane fa

Grazie Carlotta....

La voce a te dovuta 4 years 11 settimane fa

Ciao Natalina...penso di no...ma non lo so ... La Galizia è così grande ... Può essere ...

La voce a te dovuta 4 years 11 settimane fa

Grazie!!....un caro saluto dalla Galizia (Spagna)

Musica dentro

Musica dentro 4 years 9 settimane fa

“Cara Silvia,
ho deciso di scegliere le tue 10 righe, da premiare con un libro incentivo, tra quelle scritte dai lettori la scorsa settimana.
È stupenda la visione del silenzio come coscienza del suono nel linguaggio musicale … La musica che nasce dal silenzio e torna al silenzio … l’importanza del silenzio, nella vita come nella musica …
Davvero belle queste 10 righe ….
Un caro saluto e buona lettura!”

Ogni istante di me e di te

Ogni istante di me e di te 4 years 46 settimane fa

Ciao Elena....lo sto ancora leggendo...ma si, mi piace!!

In alto a sinistra

In alto a sinistra 5 years 3 settimane fa

Grazie Silvia!!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy