Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di maria.luigia.2009

Venti corpi nella neve

immagine copertina
Giuliano Pasini
Venti corpi nella neve
timeCRIME 2012

Non sento freddo. Provo sentimenti contrastanti. Amore, forte e assoluto. Odio. Delusione. Comprensione. Rabbia. Rassegnazione. Un mare si agita dentro di me. [...] Lo amo, e amo il bambino che lo chiama papà, in ginocchio accanto a me. Nella neve ci sono 19 persone. Dietro ognuna c'è un soldato armato. [...] Mi coglie di sorpresa lo schiaffo del frustino dell'ufficiale, nel punto esatto in cui l'altro mi ha tagliata. Il bavaglio cade. Vorrei gridare. Urlare. Ma l'acqua di quel mare che ho dentro mi soffoca. Guardo l'uomo che stanno impiccando, sperando che capisca. Qualcosa esplode. Il manto di neve precipita verso di me. No. Sono io che crollo. Non riesco a chiudere gli occhi. Vedo il cranio di mio figlio spappolato da una fucilata. Il piccolo corpo mi cade addosso. Chi era? Chi erano quelle persone in ginocchio nella neve?

inviato il 20/03/2012
Nei segnalibri di:

Il fucile da caccia

immagine copertina
Inoue Yasushi
Il fucile da caccia
Tradotto da Giorgio Amitrano
Adelphi 2010
10 righe da pagina 96:

Mentre guardavamo con attenzione le domande leccando le matite, a un certo punto da dietro le spalle mi arrivò un bigliettino, che qualcuno aveva fatto girare per gioco. Guardai, c’erano scritte due domande:"Vuoi amare?", " Vuoi essere amata?”. E sotto la frase "Vuoi essere amata?", scritto con l’inchiostro o con la matita blu e rossa, c'erano molti cerchietti, mentre nella colonna del "Vuoi amare?" non c’era nemmeno il più piccolo segno di adesione. Anch’io non feci eccezione e aggiunsi il mio cerchietto sotto “Vuoi essere amata?”.[…] Solo la ragazza seduta accanto a me, quando le passai il biglietto, vi diede una rapida occhiata e subito, a colpo sicuro, con un deciso tratto di matita tracciò un grande cerchio nella colonna bianca ignorata da tutte le altre. Lei voleva amare.[…] La ragazza era un tipo insignificante,dall’aria malinconica, e i suoi voti non erano particolarmente alti. Non ho idea di come sarà diventata da grande quella ragazza dai capelli un po’ rossastri,sempre sola...

inviato il 13/02/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Belle proprio queste righe, molto veritiere.

aggiungo segnalibro

Quando giunte alla fine della loro vita, serenamente distese, volgeranno il loro viso al muro della morte, tra la donna che ha goduto appieno della felicità di essere amata e la donna che può dire di avere avuto poche gioe ma di avere amato, a quale delle due Dio vorrà concedere il tranquillo riposo? Ed esiste, in questo mondo, una donna che possa dire davanti a Dio: "Io ho amato" ? Si, sono sicura che esiste. Forse la ragazza dai capelli sottili crescendo è diventata una di quelle poche elette. Avrà magari i capelli in disordine, il corpo segnato dalle ferite, gli abiti a brandelli, ma potrà dire a testa alta, con fierezza: "Io ho amato". Ed esalare l'ultimo respiro.

L'ombra del vento

immagine copertina
Carlos Ruiz Zafón
L'ombra del vento
A. MONDADORI

Un giorno sentii dire a un cliente della libreria che poche cose impressionano un lettore quanto il primo libro capace di toccargli il cuore. L'eco di parole che crediamo dimenticate ci accompagna per tutta la vita ed erige nella nostra memoria un palazzo al quale – non importa quanti altri libri leggeremo, quante cose apprenderemo o dimenticheremo – prima o poi faremo ritorno.

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

E' il libro che sto leggendo in questi giorni!

ha ragione Zafon, la biblioteca dei libri dimenticati è un palazzo magico ed incantato, ma è soprattutto la mente e il cuore di ciascun lettore! :)

ROMEO E GIULIETTA AMLETO OTELLO

immagine copertina
WILLIAM SHAKESPEARE
ROMEO E GIULIETTA AMLETO OTELLO
Tradotto da Gabriele Baldini
FABBRI EDITORI 1996
10 righe da pagina 93:

ROMEO: Se debbo credere alla verità lusingatrice del sonno, i miei sogni lascerebbero presagire l'appressarsi d'una qualche lieta nuova. Il sovrano del mio petto siede felice sul suo trono, e per tutt'intero questo giorno un insolito ardore mi tien come sollevato dal suo intrattenendomi con pensieri di felicità. Ho sognato che la mia donna se ne veniva a me e mi trovava morto... strano sogno, che consentiva pur a un uomo morto di continuare a pensare!... e alitava con i suoi baci una tal vita per entro alle mie labbra, ch'io me ne tornavo a vivere, e m'accorgevo d'essere un imperatore. Ahimè, quant'è dolce il possesso d'amore, se soltatnto le stesse ombre d'amore offrono tanta felicità!

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

:)

:)

Il sentiero dei nidi di ragno

immagine copertina
Italo Calvino
Il sentiero dei nidi di ragno
Garzanti-gli elefanti 1987
10 righe da pagina 51:

...Non é come Pin avrebbe voluto, perché importa loro tanto poco, adesso? vorrebbe non aver ancora preso la pistola, vorrebbe tornar dal tedesco e rimetterla al suo posto. - Per una pistola, - dice Miscèl, - non val la pena rischiare. Poi é un modello antiquato. pesante, s'inceppa. ... Pin non sente più niente. ormai é sicuro che non darà loro la pistola, ha i lucciconi agli occhi e una rabbia gli stringe le gengiv. I grandi sono una razza ambigua e traditrice, non hanno quella serietà terribile nei giochi propria dei ragazzi, pure hanno anch'essi i loro giochi, sempre più seri, un gioco dentro l'altro che non si riesce mai a capire quale é il gioco vero. Prima sembrava che giocassero con l'uomo sconosciuto contro il tedesco, adesso da soli contro l'uomo sconosciuto, non ci si può mai fidare di quel che dicono...

inviato il 21/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

complimenti, con queste 10righe hai vinto il gioco maturarighe!
Ti vengono assegnati 3 libri incentivo e dovrai scegliere a chi assegnare il terzo premio! :)

aggiungo segnalibro

Non conoscevo questo libro di calvino!!!

Partecipo a Maturarighe +http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe/

"Quell'ombra io sono" Io, tu, noi nella poesia di Eugenio Montale

immagine copertina
10 righe da pagina 64:

L'adozione del plurale al posto del singolare condivide con gli altri demarcatori d'anonimato degli Ossi (di seppia) la funzione di non rendere i pensieri dell'io improvvise illuminazioni che lo distinguano e lo allontanino dagli atri uomini: ennesima forma d'anteriorità dell'io, il "noi" serve a rappresentare la voce degli Ossi come quella di chi è ancora al di qua della sua identità indivisa, in una prospettiva per la quale l'appartenenza all'umano depotenzia l'io in quanto tale e lo protegge (ma fino a che punto?) dal "male di vivere" impedendogli di sperimentare da solo il terrore del nulla che le opinioni universalmente convenute e le abitudini di tutti i giorni nascondono.

inviato il 23/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Buona giornata

segnalibro

Piccoli equivoci senza importanza

immagine copertina
Antonio Tabucchi
Piccoli equivoci senza importanza
Universale Economia Feltrinelli
10 righe da pagina 94:

Ma le offese cocenti sono anche le più ricche e le più proficue, lo sapeva, perché, lievitano nell'animo, postulano risposte elaborate e complesse, con atti liberatori improvvisi e deludenti. No, lui sapeva bene che le offese cocenti si annidavano in una zona segreta, stavano lì acquattate come larve in letargo e poi creavano ramificazioni, colonie, termitai dai corridoi complessi che esigevano una loro topografia minuziosa e attenta.

inviato il 23/06/2012
Nei segnalibri di:

Poesie di Ryokan

Daigu Riokan
Poesie di Ryokan
Edizioni La Vita Felice
10 righe da pagina 69:

Quando il tempo è in armonia
esco col bastone per una passeggiata primaverile.
Al mormorio del ruscello nella valle
fa eco il canto degli uccelli nella foresta.
Se incontro un monaco, cammino con lui;
se un amico, vado ospite in casa sua.
Non somiglia questa mia vita
ad una nave che solca liberamente il mare?

inviato il 24/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Segnalibro!

Ciao a tutti gli amanti dei libri!!!! :-)

aggiungo segnalibro

Benvenuta Alessandra :)

20 Poesie d'Amore

immagine copertina
Pablo Neruda
20 Poesie d'Amore
Tradotto da Giusepppe Bellini
Nuova Accademia 1963
10 righe da pagina 79:

Qui ti amo

Negli oscuri pini si districa il vento.
Brilla la luna sule acque erranti.
Trascorrono i giorni uguali che si inseguono.

La nebbia si scioglie in figure danzanti.
Un gabbiano d'argento si stacca al tramonto.
A volte una vela.Alte, alte, stelle

O la croce nera di una nave.
Solo.
A volte albeggio,ed è umida persino la mia anima.
Questo è un porto.
Qui ti amo.

Qui ti amo e invano l'orizzonte ti nasconde.
Ti sto amando anche tra queste fredde cose.
A volte i miei baci vanno su quelle navi gravi,
che corrono per il mare verso dove non giungono.
Mi vedo già dimenticato come queste vecchie àncore.
I moli sono piu' tristi quando attracca la sera.

La mia vita s'affatica invano affamata.
Amo ciò che non ho .Tu sei così distante.
La mia noia combatte con i lenti crepuscoli.
Ma la notte fa girare la sua pellicola di sogno.

Le stelle piu' grandi mi guardano con i tuoi occhi.
E poichè io ti amo ,i pini nel vento
vogliono cantare il tuo nome con le loro foglie di filo metallico.

Amo ciò che non ho.Tu sei così distante

inviato il 27/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

partecipo a i tuoi classici libri-poesie d'amore http://scrivi10righedailibri.it/i-tuoi- classici- libri/

Decameron 2

immagine copertina
Giovanni Boccaccio
Decameron 2
Fabbri editori 1995
10 righe da pagina 265:

Quanto di questa novella si ridesse,meglio dalle donne intesa che Dioneo non voleva,colei sel pensi che ancora ne ridera'.Ma essendo le novelle finite ed il sole gia' cominciando ad intiepidire,e la reina conoscendo la fine della sua signoria esser venuta,in pie' levatasi e trattasi la corona,quella in capo mise a Panfilo,il quale solo di cosi'fatto onore restava ad onorare,e sorridendo disse:«Signor mio,gran carico ti resta,si come e' l'avere il mio difetto e degli altri che il luogo hanno tenuto che tu tieni,essendo tu l'ultimo,ad emendare;di che iddio ti presti grazia,come a me l'ha prestata di farti re».

inviato il 28/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie ! :-)

abbiamo inserito la foto della tua copertina nell'album Copertine libri classici prima del 2000 http://www.10righedailibri.it/gallery/copertine-libri-classici-prima-del...

Jack frusciante è uscito dal gruppo

immagine copertina
Enrico Brizzi
Jack frusciante è uscito dal gruppo
BALDINI CASTOLDI DALAI EDITORE 1997
10 righe da pagina 171:

Ogni volta che il vecchio Alex leggeva quella frase, si faceva trasportare da innumerevoli sentimenti tutti legati grosso modo all'idea d'infinito. Gli veniva abbastanza voglia di volare, per dirla tutta, e poi, insieme a quelle sensazioni aeronautiche, anche un'angoscia sottile che immaginava dipendesse dal dover mangiare con le posate, dalla necessità di camminare in linea retta e da tutte le altre sovrastrutture che allontanavano l'Uomo dall'infinito che aveva dentro.

inviato il 28/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie ho appena visionato :)

abbiamo inserito la foto della tua copertina nell'album Copertine libri classici prima del 2000
http://www.10righedailibri.it/gallery/copertine-libri-classici-prima-del...
:)

Uomini e no

immagine copertina
Elio Vittorini
Uomini e no
A. MONDADORI EDITORE 1965
10 righe da pagina 38:

Io so che cosa vuol dire un uomo senza una donna, credere in una, essere di una, eppure non averla, passare anche anni senza che tu sia uomo con una donna, e allora prenderne una che non è la tua ed ecco, in una camera d'albergo avere, invece dell'amore, il suo deserto. Questo, tra i deserti, è il più squallido; non di una vita che manca, ma di una vita che non è tale. Avevi sete, e tu puoi bere; l'acqua c'è. Avevi fame e puoi mangiare; il pane c'è. C'è la fonte e i palmizi intorno, simile a quello che cercavi. Ma è solo simile alla cosa, non è la cosa.

inviato il 23/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Devo rileggerlo. Toccanti queste righe.

scelto, l'ho indicato di là :) su http://scrivi.10righedailibri.it/i-tuoi-classici-libri/

grazie!!!

Alessandra, la tua citazione ha vinto il gioco "I tuoi classici libri"!
Ora devi scegliere tra i partecipanti il terzo classificato! :)

Complimenti! :)

Il fucile da caccia

Il fucile da caccia 5 years 23 settimane fa

Quando giunte alla fine della loro vita, serenamente distese, volgeranno il loro viso al muro della morte, tra la donna che ha goduto appieno della felicità di essere amata e la donna che può dire di avere avuto poche gioe ma di avere amato, a quale delle due Dio vorrà concedere il tranquillo riposo? Ed esiste, in questo mondo, una donna che possa dire davanti a Dio: "Io ho amato" ? Si, sono sicura che esiste. Forse la ragazza dai capelli sottili crescendo è diventata una di quelle poche elette. Avrà magari i capelli in disordine, il corpo segnato dalle ferite, gli abiti a brandelli, ma potrà dire a testa alta, con fierezza: "Io ho amato". Ed esalare l'ultimo respiro.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy