Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di andrea.mondochapas

Il GGG

immagine copertina
Roald Dahl
Il GGG
Salani Editore
10 righe da pagina 124:

- è tanto che l'Inghiotticicciaviva ha voglia di papparsela - disse il GGG con un sorrisetto.
- Chi, la Regina? - dece Sofia, fuori di sé.
- Proprio. L'inghiotticicciaviva dice non ha mai mangiato una regina, e che deve essere particolarmente smaccheramellosa -.
- Ma è pazzo! -
- Però l'Inghiotticicciaviva dice che c'è troppi soldati intorno al palazzo e che non ha il cuoraggio di raschiare.

inviato il 07/03/2012
Nei segnalibri di:

Andrea e il Mondo dei Chapas

immagine copertina
Greta Marras
Andrea e il Mondo dei Chapas
AltroMondo
10 righe da pagina 17:

Era ora di correre in biblioteca.
Il vecchio edificio di mattoni rossi era a soli cinque minuti dalla scuola. Andrea provava sempre un po’ di soggezione davanti a quell’enorme costruzione. Si diceva dovesse avere almeno due secoli. Chissà quanti misteri aleggiavano all’interno, per questo Andrea, le rare volte in cui vi si era recato, si era fatto accompagnare da qualcuno, di solito da Arriette.
Prese fiato e avanzò sull’imponente scalinata che conduceva all’ingresso.

inviato il 15/02/2012
Nei segnalibri di:

Andrea e il Mondo dei Chapas

immagine copertina
indexOf
Andrea e il Mondo dei Chapas
AltroMondo
10 righe da pagina 8:

A notte fonda Evon sgattaiolò fuori dal letto, attento a non fare rumore per non svegliare i suoi genitori. Attraversò di corsa il giardino, grato che ci fosse la luna piena a illuminare la strada, e dopo una lunga camminata giunse al vecchio pozzo abbandonato. Sarebbe passato da lì per raggiungere il mondo degli umani. Guardò la luna specchiarsi sulla superficie dell‘acqua, recitò la formula magica e dopo qualche istante sentì una fresca brezza avvolgerlo e farlo passare attraverso il pozzo proteggendolo dall’acqua. Ogni volta si stupiva di come riuscisse a passare da un mondo all’altro restando completamente asciutto. In un attimo si ritrovò nell’armadio di Andrea.

inviato il 12/02/2012
Nei segnalibri di:

Il GGG

immagine copertina
Roald Dahl
Il GGG
Salani Editore
10 righe da pagina 124:

- è tanto che l'Inghiotticicciaviva ha voglia di papparsela - disse il GGG con un sorrisetto.
- Chi, la Regina? - dece Sofia, fuori di sé.
- Proprio. L'inghiotticicciaviva dice non ha mai mangiato una regina, e che deve essere particolarmente smaccheramellosa -.
- Ma è pazzo! -
- Però l'Inghiotticicciaviva dice che c'è troppi soldati intorno al palazzo e che non ha il cuoraggio di raschiare.

inviato il 07/03/2012
Nei segnalibri di:

"Il figlio dell'Orco e della Strega"

immagine copertina
Celenia Ciampa
"Il figlio dell'Orco e della Strega"
Siska Editore
10 righe da pagina 10:

C’era una volta, in un boschetto lontano lontano, una grotta buia e profonda, umida e piena di rumori terrificanti. In questo posto dal quale tutti si tenevano ben lontani, vivevano un terribile orco ed una bruttissima strega. Non erano cattivi, ma così brutti, così brutti che i poveri sventurati che per sbaglio li avevano incontrati erano fuggiti urlando a più non posso e quasi volando dalla velocità con cui si precipitavano via da quella vista raccapricciante. Ed ognuno di loro portava una parrucca per nascondere i capelli ormai bianchi a prova di qualsiasi tintura.

inviato il 06/03/2012
Nei segnalibri di:

"Natale in Giardino"

immagine copertina
Celenia Ciampa
"Natale in Giardino"
Siska Editore

La piccola Grace aprì gli occhi nel bel mezzo della notte. Era stata svegliata da rumori attutiti di passi, trambusto, un gran tramestio. Si alzò a sedere sul letto ancora nel sonno, ed era un po’ spaventata. Ma ci pensò subito: era la vigilia di Natale! Quei rumori così sinistri non potevano esser altro che Babbo Natale che con i suoi folletti preparava una montagna di pacchi e pacchetti sotto il suo grande albero luminoso. In realtà Grace poco credeva a queste cose… ma che altro poteva essere? Forse si era solo sbagliata, era pronta a ricredersi. Scese di corsa dal letto senza nemmeno infilare le ciabatte ed in un batter d’occhio fu in salotto… dove papà stava stringendo il nodo alla cravatta e la mamma finiva di allacciarsi le scarpe. Appena la videro, il rimorso si dipinse sulle loro facce tese e pallide. “Grace, ti sei svegliata…” iniziò la mamma, ma la piccola la interruppe: “Dove andate a quest’ora? E’ notte fonda! E…è la vigilia! Non…penserete di lasciarmi sola!”.

inviato il 06/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

La mappa del destino

immagine copertina
Glenn Cooper
La mappa del destino
Tradotto da Februari V.; Rincori A.
Nord 2011
10 righe da pagina 450:

Scrisse nella luce del sole e nel bagliore delle candele.
Raccontò di Bernardo
Di Nirvan.
Di Abelardo e Eloisa.
Della caverna. di Jean, dell'Infuso della Rivelazione, dei Templari, di una lunghissima esistenza al servizio di Dio.
E quando ebbe concluso, una volta che le sue parole furono ben nascoste sotto il
codice di Jean, mise a frutto un altro dei suoi talenti. Avrebbe disegnato sul manoscritto le piante che avevano avuto un ruolo centrale nella sua storia, nonché i dipinti nascosti tra le rocce di Ruac.
Quelle piante e quei dipinti che, tanti anni addietro, avevano stupito i monaci convalescenti.

inviato il 13/02/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie

Mille splendidi soli

immagine copertina
Khaled Hosseini
Mille splendidi soli
EDIZIONI PIEMME

La smorfia di Tariq insegnò a Laila che i ragazzi erano diversi dalle ragazze nell'espressione dei propri sentimenti . Non esibivano l'amicizia. Non sentivano il profondo bisogno di parlarne. I ragazzi, aveva capito, trattavano l'amicizia alla stessa stregua del sole: ne davano per scontata l'esistenza, e traevano il massimo godimento dal suo splendore solo quando non lo guardavano direttamente.

inviato il 17/02/2012
Nei segnalibri di:

GIOCO - Riga 10

immagine copertina
Patti Puggioni - Cristina Fanni
GIOCO - Riga 10
Giochi 10 righe 2011
10 righe da pagina 10:

Prendi un libro, quello che vuoi, il tuo preferito, uno che devi ancora leggere, il primo su cui posi lo sguardo e... aprilo a pagina 10... CERCA la frase numero 10 e SCRIVILA sotto come commento. Aggiungi anche il titolo del libro e il nome dell'autore.
(24 luglio) Da questo momento in poi, le frasi troppo lunghe verranno cancellate.
Dovete scrivere solo la RIGA n. 10.
Per le frasi più lunghe (10 righe) c'è l'area apposita
http://scrivi.10righedailibri.it/
Se nel libro la pagina 10 è bianca scegliete un altro libro.
:)

inviato il 22/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

"Interessante", pensai, al mondo c'è gente che ama dispensare il buongiorno. (703 ragioni per dire di si, F.L. Koraline)

il ragazzo che condivideva con l'autore la capacità di ascoltare (nel barile delle mele, e non solo) (La vera storia del pirata Long John Silver, Bjorn Larsson)

Voglio dire,devo essere morta per forza e gli angeli devono avere avuto compassione di me perchè la testa scura e riccioluta che mi pare di intravedere è così ben proporzionata e così attraente da essere quella di un angelo.(un imprevisto chiamato amore-Anna Premoli)

L'euforia del pesce palla. (Ai confini del gusto - Luis Devin)

Forse dietro il colle Vecchio, o dietro ancora, ma di tanti e tanti metri e tantissimi passi di un uomo (Marta La Sarta di Valentina Di Cesare)

GIOCO - Eufemismi in graticola

immagine copertina
Patti Puggioni
GIOCO - Eufemismi in graticola
Giochi 10 righe 2011

IL GIOCO CONTINUA
Scrivi gli EUFEMISMI che secondo te sono da RICORDARE o da DIMENTICARE.
Per eufemismo intendiamo l’espediente utilizzato nella lingua italiana parlata o scritta con cui sostituiamo una parola o un’espressione che ci sembra troppo diretta con un’altra che abbia lo stesso significato.
Puoi giocare pìù volte TUTTI I GIORNI
Scrivi il tuo eufemismo nei commenti per partecipare al gioco…
Esempi di parole ed espressioni
incinta: In dolce attesa (da ricordare) – è in stato interessante (da eliminare)
persone licenziate: Esuberi (da dimenticare).

Il gioco è ispirato al libro “Scrivere bene (o quasi)”, di Elisabetta Perini, Giunti Editore
link prime 46 pagine http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/scrivere-bene-o-quasi

inviato il 07/11/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Don Abbondio non era nato con un cuor di leone (da ricordare)

Se son rose fioriranno ( da dimenticare)
Anche i ricchi piangono ( da ricordare)

festina lente (affrettati lentamente) ... da ricordare

guardare il bicchiere mezzo pieno (da ricordare)
punti di vista... (da ricordare)

posso parlare in stampatello?... (da dimenticare)

Andrea e il Mondo dei Chapas

immagine copertina
Greta Marras
Andrea e il Mondo dei Chapas
AltroMondo
10 righe da pagina 17:

Era ora di correre in biblioteca.
Il vecchio edificio di mattoni rossi era a soli cinque minuti dalla scuola. Andrea provava sempre un po’ di soggezione davanti a quell’enorme costruzione. Si diceva dovesse avere almeno due secoli. Chissà quanti misteri aleggiavano all’interno, per questo Andrea, le rare volte in cui vi si era recato, si era fatto accompagnare da qualcuno, di solito da Arriette.
Prese fiato e avanzò sull’imponente scalinata che conduceva all’ingresso.

inviato il 15/02/2012
Nei segnalibri di:

L'immoralista

immagine copertina
Andrè Gide
L'immoralista
Biblioteca di Repubblica
10 righe da pagina 102:

<< E’ quello che voglio>> rispose Melanque. << Ah se tutte le persone che sono intorno a noi potessero persuadersi di questo! Ma i più pensano di ottenere qualcosa di buono da se stessi solo con la costrizione, e si accettano solo contraffatti. Ognuno desidera assomigliare il meno possibile a se stesso; ognuno si costruisce un modello, poi lo imita; accetta addirittura un modello già scelto. Si dovrebbe cercare altre cose nell’uomo io credo. Ma non si osa farlo. Non si osa voltare pagina, io le chiamo leggi dell’imitazione, leggi della paura. Hanno paura di essere soli e così non si trovano mai. Io disprezzo questa agorafobia morale che è la peggiore delle vigliaccherie. E invece è sempre da solo che l’uomo crea una sua vita. Ma chi cerca qui di crearsela? Quello che sentiamo in noi di diverso, è la parte più preziosa, quella che determina il valore di ciascuno, eppure si cerca di sopprimerla. Si ricorre all’imitazione pretendendo così di mare la vita >>

inviato il 13/02/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Figurati ^^

grazie Sara è vero, scusatemi :-)

C'é un errore nella penultima riga mi sembra...c'é scritto "mare", ma dovrebbe essere "amare"...?

aggiungo segnalibro

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 5 years 45 settimane fa

Camminava rasente le facciate, risalendo la strada (Il GGG, di Roald Dahl, Salani editore)

GIOCO - Riga 10 5 years 46 settimane fa

stava per chiedere spiegazioni alla mamma, l'auto si fermò. (La bambina con il basco azzurro di Daniele Nicastro - runde taarn edizioni)

GIOCO - Riga 10 5 years 46 settimane fa

Camminava rasente le facciate, risalendo la stra- .
Il GGG, Roald Dahl - salani editore

GIOCO - Riga 10 5 years 46 settimane fa

racchetta da tennis e la chitarra che il nonno gli aveva regalato - Andrea e il mondo dei Chapas, Greta Marras - AltroMondo editore

GIOCO - Riga 10 5 years 48 settimane fa

Ignorava quando sarebbe stato convocato per discutere del motivo che lo aveva condotto lì,...Il marchio del diavolo - glenn cooper

Libri in camicia

Libri in camicia 5 years 48 settimane fa

E' vero @mel va, questione di gusti. Concordo con te per quanto riguarda i libri di Zafon.

Libri in camicia 5 years 48 settimane fa

La solitudine dei numeri primi, di Paolo Giordano. Un libro permeato di tristezza e senso d'impotenza. I due protagonisti soffrono dall'inizio alla fine e non c'è alcun colpo di scena che dia una scossa alla storia, che procede piatta e lascia al lettore solo un senso d'angoscia.

GIOCO - Eufemismi in graticola

GIOCO - Eufemismi in graticola 5 years 48 settimane fa

indorare la pillola (da ricordare) rendere più piacevole qualcosa di sgradevole (da dimenticare)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy