Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di hollycooper

I giorni del tè e delle rose

immagine copertina
Jennifer Donnelly
I giorni del tè e delle rose
Tradotto da Lucia Fochi e Stefania De Franco
Sonzogno 2010
10 righe da pagina 15:

Non le importava del fatto che normalmente le ragazze non si occupavano di affari commerciali, in special modo le ragazze del porto, come sua madre le ricordava in continuazione: dovevano imparare a cucinare, a cucire e a tenere in ordine la casa per trovare un marito che si occupasse di loro, come avevano fatti i loro padri. "Stupidaggini", così la madre liquidava le sue idee e le consigliava di cercare di imparare a fare il pane, invece di stare al fiume. Ma il padre non credeva che i suoi sogni fossero stupidi. "Bisogna avere dei sogni, Fee", diceva. "Il giorno che smetti di sognare puoi anche andare dal becchino, perchè non sei niente di più di un morto".

inviato il 09/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

bel libro mi è piaciuto molto!!

Grazie Holly, ora li inserisco
:)

La traduzione è di Lucia Fochi e Stefania De Franco, la pagina da cui ho tratto la citazione è pag. 15 ( il libro che ho io è la seconda edizione tascabili sonzogno dello scorso mese)

Holly chi è il traduttore? da che pagina hai tratto la citazione?
;)

La Società Letteraria di Guernsey

immagine copertina
Mary Ann Shaffer
La Società Letteraria di Guernsey
Tradotto da G. Scocchera, E. Rinaldi
Sonzogno 2008

Ecco ciò che amo della lettura: di un libro ti può interessare un particolare, e quel particolare ti condurrà ad un altro libro, e da lì arriverai ad un terzo. È una progressione geometrica. Senza altro scopo che il puro piacere. [...]
Adoro vedere le librerie e incontrare i librai. I librai sono davvero una razza speciale. Nessuna persona sana di mente potrebbe aprire una libreria o farci il commesso per soldi. La spinta è solo un profondo amore per la lettura e per i lettori. Oltre al privilegio di conoscere le novità editoriali. [...]
Ancora oggi mi sorprende che un sacco di persone che vagano tra gli scaffali non sappiano esattamente cosa cercano: vogliono solo dare un'occhiata in giro sperando di trovare un libro che le colpisca. Poi, siccome sono abbastanza sveglie da non fidarsi delle belle parole dei risvolti, fanno al libraio le tre domande fondamentali: (1) Di cosa parla? (2) L'ha letto? (3) È bello?

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Nome del traduttore e anno di edizione?

Holly, numero della pagina da cui hai tratto le 10 righe? : )

penso proprio che oggi andrò ad acquistarlo anch'io!!!

ma è bellissimooooo! devo trovarlo assolutamente

Anch'io l'ho letto da poco. L'ho trovato casualmente in una marea di libri usati e presa dall'ispirazione me lo sono portata via :)

L'ho letto poco tempo fa... che libro splendido!

Peter Pan nei Giardini di Kensington

immagine copertina
James Matthew Barrie
Peter Pan nei Giardini di Kensington
Newton - Grandi tascabili

Ciononostante, Peter riuscì a raggiungere i Giardini grazie alla barca di Shelley, come adesso vi andrò a raccontare.
Shelley era un giovane gentiluomo, adulto quel tanto che ci si poteva aspettare da un tipo come lui. Era un poeta, e i poeti non diventano mai del tutto adulti. I poeti disprezzano il denaro, tranne quello che serve per arrivare a fine giornata, e Shelley aveva quanto gli bastava, più una banconota da cinque sterline. E così, mentre passeggiava per i Giardini di Kensington, prese la banconota e ne fece una barchetta che posò sulla Serpentina.

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Persuasione

immagine copertina
Jane Austen
Persuasione
Bur

Lì aveva imparato a distinguere fra la stabilità dei princìpi e l'ostinazione di chi vuol fare a modo suo, fra l'audacia della sventatezza e la risolutezza di una mente che si sa dominare. Lì aveva visto tutto ciò che poteva innalzare nella sua stima la donna che aveva perduto; e lì aveva incominciato a rinpiangere l'orgoglio, la follia, la pazzia del risentimento che gli avevano impedito di tentare di riconquistarla quando ne aveva riattraversato il cammino.

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Scusate il vergognoso errore (riNpiangere, neanche fossi alle elementari!)

Concordo :)

Anch'io, è la mia scrittrice preferita! (insieme a Emily Bronte)

Adoro Jane Austen!

Una donna senza importanza

immagine copertina
Oscar Wilde
Una donna senza importanza
Newton Compton 2010

Mrs Allonby: Non vi capita di desiderare di partecipare a un pranzo mondano a Londra?
Hester: Detesto quel genere di pranzi.
Mrs Allonby: Io li adoro. La gente intelligente non ascolta, e quella stupida non parla mai.
Hester: Mi pare che la gente stupida parli anche troppo.
Mrs Allonby: Ma io non l'ascolto mai!

inviato il 21/10/2010
Nei segnalibri di:

La fiera delle vanità

immagine copertina
William M. Thackeray
La fiera delle vanità
Newton Compton

Non soltanto essa riempiva fogli di grande formato, ma vi scriveva per traverso con la più sorprendente perversità. Senza la minima pietà, citava intere pagine di poesia, sottolineava enfaticamente parole e passi; rivelava infine a tutti i sintomi del suo male. Essa non era un'eroina. Le sue lettere eran piene di ripetizioni. Spesso la sua grammatica non era sicura e nei suoi versi il metro era trattato con eccessiva libertà. Ma, oh signore! Se non vi sarà permesso di toccare qualche volta un cuore a dispetto della sintassi, e se non potrete essere amate finchè non conoscerete la differenza fra il quinario e il settenario, vada al diavolo l'arte poetica e tutti i maestri di scuola periscano miseramente.

inviato il 21/10/2010
Nei segnalibri di:

I giorni del tè e delle rose

immagine copertina
Jennifer Donnelly
I giorni del tè e delle rose
Tradotto da Lucia Fochi e Stefania De Franco
Sonzogno 2010
10 righe da pagina 15:

Non le importava del fatto che normalmente le ragazze non si occupavano di affari commerciali, in special modo le ragazze del porto, come sua madre le ricordava in continuazione: dovevano imparare a cucinare, a cucire e a tenere in ordine la casa per trovare un marito che si occupasse di loro, come avevano fatti i loro padri. "Stupidaggini", così la madre liquidava le sue idee e le consigliava di cercare di imparare a fare il pane, invece di stare al fiume. Ma il padre non credeva che i suoi sogni fossero stupidi. "Bisogna avere dei sogni, Fee", diceva. "Il giorno che smetti di sognare puoi anche andare dal becchino, perchè non sei niente di più di un morto".

inviato il 09/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

bel libro mi è piaciuto molto!!

Grazie Holly, ora li inserisco
:)

La traduzione è di Lucia Fochi e Stefania De Franco, la pagina da cui ho tratto la citazione è pag. 15 ( il libro che ho io è la seconda edizione tascabili sonzogno dello scorso mese)

Holly chi è il traduttore? da che pagina hai tratto la citazione?
;)

Il giardino dei segreti

immagine copertina
Kate Morton
Il giardino dei segreti
Tradotto da Alessandra Emma Giagheddu
Sperling & Kupfer 2010
10 righe da pagina 76:

Ciò nonostante, Nell era determinata ad andare fino in fondo. Eliza Makepeace aveva sicuramente avuto un ruolo importante nel suo passato, tanto che ricordava quella donna, anche se in modo Confuso. Erano ricordi lontani, a lungo sepolti nella sua memoria, ma veri. La grande nave. La lunga attesa. E poi il nascondiglio, i giochi. In più, iniziava a rammentare altri particolari, come se l’immagine dell’Autrice avesse sollevato una sorta di velo. Una serie di immagini indistinte e sbiadite dal tempo riaffiorava alla sua memoria: un labirinto, una donna anziana che la terrorizzava un lungo Viaggio per mare. Attraverso Eliza,Nell lo sapeva, avrebbe ritrovato se stessa, e per trovare Eliza
doveva andare a Londra.

inviato il 02/11/2010
Nei segnalibri di:

La fiera delle vanità

immagine copertina
William M. Thackeray
La fiera delle vanità
Newton Compton

Non soltanto essa riempiva fogli di grande formato, ma vi scriveva per traverso con la più sorprendente perversità. Senza la minima pietà, citava intere pagine di poesia, sottolineava enfaticamente parole e passi; rivelava infine a tutti i sintomi del suo male. Essa non era un'eroina. Le sue lettere eran piene di ripetizioni. Spesso la sua grammatica non era sicura e nei suoi versi il metro era trattato con eccessiva libertà. Ma, oh signore! Se non vi sarà permesso di toccare qualche volta un cuore a dispetto della sintassi, e se non potrete essere amate finchè non conoscerete la differenza fra il quinario e il settenario, vada al diavolo l'arte poetica e tutti i maestri di scuola periscano miseramente.

inviato il 21/10/2010
Nei segnalibri di:

Una donna senza importanza

immagine copertina
Oscar Wilde
Una donna senza importanza
Newton Compton 2010

Mrs Allonby: Non vi capita di desiderare di partecipare a un pranzo mondano a Londra?
Hester: Detesto quel genere di pranzi.
Mrs Allonby: Io li adoro. La gente intelligente non ascolta, e quella stupida non parla mai.
Hester: Mi pare che la gente stupida parli anche troppo.
Mrs Allonby: Ma io non l'ascolto mai!

inviato il 21/10/2010
Nei segnalibri di:

Peter Pan nei Giardini di Kensington

immagine copertina
James Matthew Barrie
Peter Pan nei Giardini di Kensington
Newton - Grandi tascabili

Ciononostante, Peter riuscì a raggiungere i Giardini grazie alla barca di Shelley, come adesso vi andrò a raccontare.
Shelley era un giovane gentiluomo, adulto quel tanto che ci si poteva aspettare da un tipo come lui. Era un poeta, e i poeti non diventano mai del tutto adulti. I poeti disprezzano il denaro, tranne quello che serve per arrivare a fine giornata, e Shelley aveva quanto gli bastava, più una banconota da cinque sterline. E così, mentre passeggiava per i Giardini di Kensington, prese la banconota e ne fece una barchetta che posò sulla Serpentina.

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Persuasione

immagine copertina
Jane Austen
Persuasione
Bur

Lì aveva imparato a distinguere fra la stabilità dei princìpi e l'ostinazione di chi vuol fare a modo suo, fra l'audacia della sventatezza e la risolutezza di una mente che si sa dominare. Lì aveva visto tutto ciò che poteva innalzare nella sua stima la donna che aveva perduto; e lì aveva incominciato a rinpiangere l'orgoglio, la follia, la pazzia del risentimento che gli avevano impedito di tentare di riconquistarla quando ne aveva riattraversato il cammino.

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Scusate il vergognoso errore (riNpiangere, neanche fossi alle elementari!)

Concordo :)

Anch'io, è la mia scrittrice preferita! (insieme a Emily Bronte)

Adoro Jane Austen!

La Società Letteraria di Guernsey

immagine copertina
Mary Ann Shaffer
La Società Letteraria di Guernsey
Tradotto da G. Scocchera, E. Rinaldi
Sonzogno 2008

Ecco ciò che amo della lettura: di un libro ti può interessare un particolare, e quel particolare ti condurrà ad un altro libro, e da lì arriverai ad un terzo. È una progressione geometrica. Senza altro scopo che il puro piacere. [...]
Adoro vedere le librerie e incontrare i librai. I librai sono davvero una razza speciale. Nessuna persona sana di mente potrebbe aprire una libreria o farci il commesso per soldi. La spinta è solo un profondo amore per la lettura e per i lettori. Oltre al privilegio di conoscere le novità editoriali. [...]
Ancora oggi mi sorprende che un sacco di persone che vagano tra gli scaffali non sappiano esattamente cosa cercano: vogliono solo dare un'occhiata in giro sperando di trovare un libro che le colpisca. Poi, siccome sono abbastanza sveglie da non fidarsi delle belle parole dei risvolti, fanno al libraio le tre domande fondamentali: (1) Di cosa parla? (2) L'ha letto? (3) È bello?

inviato il 26/10/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Nome del traduttore e anno di edizione?

Holly, numero della pagina da cui hai tratto le 10 righe? : )

penso proprio che oggi andrò ad acquistarlo anch'io!!!

ma è bellissimooooo! devo trovarlo assolutamente

Anch'io l'ho letto da poco. L'ho trovato casualmente in una marea di libri usati e presa dall'ispirazione me lo sono portata via :)

L'ho letto poco tempo fa... che libro splendido!

Povera ragazza ricca

immagine copertina
Lesley Lokko
Povera ragazza ricca
Tradotto da Roberta Scarabelli
Mondadori 2010
10 righe da pagina 11:

La pioggia cadeva a dirotto da una cielo cupo e uggioso, creando una cortina umida di nebbia che sembrava avere risucchiato tutta la luce. Erano le undici del mattino, ma si aveva l'impressione che la giornata di dicembre fosse già agli sgoccioli. La giovane donna seduta sul sedile posteriore dell'auto rabbrividì, si strinse la pashmina intorno alle spalle e appoggiò il naso al finestrino. Vide scorrere davanti a sè la British Library e gli interminabili cantieri lungo Euston Road. Mentre la macchina svoltava a sinistra per proseguire sotto il ponte, lei notò che le arcate originali erano ancora in piedi, mentre gli impianti della vecchia officina a gas erano stati demoliti per far posto alla nuova stazione ferroviaria. Da St Pancras a Parigi in un paio d'ore. le sfuggì una smorfia involontaria. Ogni volta che pensava a Parigi, avvertiva una fitta dolorosa. Era lì che l'aveva vista per l'ultima volta...che tutti l'avevano vista per l'ultima volta. Ma era meglio non pensarci. Soprattutto in quel momento.

inviato il 23/10/2010
Nei segnalibri di:

Il gusto proibito dello zenzero

immagine copertina
Jamie Ford
Il gusto proibito dello zenzero
Garzanti 2010

...Nella fioca luce del seminterrato dell'hotel Panama, Samantha prese un respiro profondo e soffiò via la polvere dalla copertina di un libricino...Lei e Mary... restavano incagliati nei dettagli di ogni oggetto che trovavano, cercando di interpretarne il significato, fissandone il valore storico, cercando almeno di capire coma mai fosse stato riposto lì: e questo sia che si trattasse di un documento dall'aria importante, sia di un qualunque mazzolino di fiori secchi......

inviato il 27/09/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

stupendo questo libro!!!

Che bel libro!

eccomi

ok ok...

prova test

evviva sweet!
l'immissione è semplice?
hai delle osservazioni?

ok, arriva nella mail...

arrivano le notifiche? a me fino a ieri sì... vediamo oggi.

ciao sweet! ho visto che la tua mail è hotmail... potresti controllare nella cartella di spam?

Patti, non arriva la notifica...

Persuasione

Persuasione 8 years 40 settimane fa

Scusate il vergognoso errore (riNpiangere, neanche fossi alle elementari!)

Persuasione 8 years 42 settimane fa

Anch'io, è la mia scrittrice preferita! (insieme a Emily Bronte)

I giorni del tè e delle rose

I giorni del tè e delle rose 8 years 40 settimane fa

La traduzione è di Lucia Fochi e Stefania De Franco, la pagina da cui ho tratto la citazione è pag. 15 ( il libro che ho io è la seconda edizione tascabili sonzogno dello scorso mese)

La Società Letteraria di Guernsey

La Società Letteraria di Guernsey 8 years 42 settimane fa

Anch'io l'ho letto da poco. L'ho trovato casualmente in una marea di libri usati e presa dall'ispirazione me lo sono portata via :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy