Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di ro.pt.57

Anna Karenina

immagine copertina
Lev Nikolàevič Tolstòj
Anna Karenina
Tradotto da Leone Ginzburg
Alberto Peruzzo Editore 1995
10 righe da pagina 149:

Gli occhi scintillanti guardarono severamente con rimprovero il fratello che entrava. E subito con questo sguardo si stabilì un rapporto vivo fra vivi. Lévin sentì immediatamente un rimprovero nello sguardo
fisso su di lui e rimorso per la propria felicità.
Quando Konstantìn lo prese per una mano, Nikolàj sorrise. Il sorriso era debole, appena
percettibile, e, nonostante il sorriso, l’espressione severa degli occhi non s’era mutata.
“Non t’aspettavi di trovarmi così…” egli pronunciò con difficoltà.
“Sì… no” diceva Lévin, confondendosi nelle parole. Come mai non me l’hai fatto sapere prima,
cioè ancora durante il mio matrimonio? Ho assunto informazioni dappertutto.
Bisognava parlare, per non tacere, ed egli non sapeva cosa dire, tanto più che il fratello non
rispondeva nulla, ma non faceva che guardare, senz’abbassar gli occhi, ed evidentemente penetrava il
significato d’ogni parola.

inviato il 30/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonio, :) abbiamo inserito la tua copertina nell'album Copertine libri classici prima del 2000 http://www.10righedailibri.it/lev-nikol%C3%A0evi%C4%8D-tolst%C3%B2j-anna...

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

immagine copertina
Antonio Capolongo
Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria
Arduino Sacco Editore 2012
10 righe da pagina 61:

1 maggio per tutti

Tutto ciò che esiste al mondo ha una madre, la natura, ed un padre, il lavoro.
Karl Marx e Friedrich Engels

Mentre scrivo, i giorni trascorrono inesorabili ed io ne conto incessantemente le ore, i minuti, soprattutto oggi – 1 maggio – giorno dedicato ai lavoratori.
Penso al mio lavoro, al mio lavoro sottrattomi con la forza, non quella dei giusti ma quella dei vari Notturni, Ossiero, Foglia e Deserti. La forza subdola che si nasconde dietro un eloquio forbito, un doppio petto gessato o un sorriso accattivante. È uno stillicidio, la classica goccia cinese aiutata a scavare nella mia anima anche oggi, soprattutto oggi.
Quelle vampate improvvise che irrompono nel mio cervello, stamane mi afferrano, mi danno scossoni impetuosi, vigorosi e netti tali da farmi svegliare di soprassalto, sino al punto di temere infausti epiloghi.
È in tal modo che oggi, 1 maggio, incomincio la giornata.

inviato il 01/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Salve, un giveaway per Cassa integrazione guadagni... la mia è straordinaria. Indico il link: http://giveawaylepassionidiste.blogspot.it/2012/05/giveaway-cassa-integr...

Buone cose a tutti
Antonio

III vincitore nel gioco "Libri operai". Con leggero ritardo, comunico la scelta del III destinatario del libro incentivo:
Anna Lisa Guarini, con Volevo solo lavorare di Luigi Furini.
Buone cose a tutti
Antonio

complimenti, sei arrivato primo nella classifica del gioco Libri Operai!
Devi ora scegliere tre persone a cui assegnare i libri incentivo :)

Grazie

Bellissimo

Grazie dei complimenti.
Antonio

complimenti per le righe, davvero...

Partecipo a Libri Operai + link http://scrivi.10righedailibri.it/libri-operai

C'era una volta...

immagine copertina
Staff 10 righe dai libri
C'era una volta...
domande 10 righe dai libri 2012

C'era una volta ...
Quali sono le vostre fiabe e personaggi preferiti?
:)

inviato il 14/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Pinocchio (collodi)

Cenerentola e Il re leone

la piccola fiammiferaia
i vestiti nuovi dell'imperatore

Pnocchio (COLLODI)

LE DODICI PRINCIPESSE E IL CASTELLO STREGATO (Petre Ispirescu)

La bella e la bestia

Il principe ranocchio (fratelli Grimm)

Cappuccetto Rosso dei fratelli Grimm

ho consumato FIABE ITALIANE di I.Calvino e prima di saper leggere la raccolta di FIABE SONORE della Fabbri

Peter Pan di J.M.Barrie

Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria

immagine copertina
Antonio Capolongo
Cassa integrazione guadagni… la mia è straordinaria
Arduino Sacco Editore 2012
10 righe da pagina 94:

Sono le due e quarantacinque del pomeriggio. La signora Giovanna Carenato si è da poco seduta, casualmente, alla mia scrivania. Ha in mano un libro, un romanzo che sta leggendo nell’attesa di ricevere nuove “disposizioni”.
La signora Carenato è reduce da tre mesi di cassa integrazione. Anche per lei, nell’ambito della sua area di appartenenza, non è stato rispettato il famoso “accordo dei quindici giorni”.
È stata destinata a fare l’archivio a partire dal lunedì seguente, è dentro ma si sente fuori poiché le è stato imposto di non occuparsi più del suo vecchio lavoro, nell’ufficio del personale.
Giovanna sta impiegando il tempo a leggere anche perché è in attesa del suo primo bimbo.
Ma negli ambienti di lavoro non sempre tutti sono solidali ed infatti, quel pomeriggio, qualcuno mal sopporta che lui debba lavorare mentre Giovanna se ne sta comodamente a leggere un libro.
Questo attento dipendente si incarica di avvertire il dottor Ossiero che...

inviato il 02/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Laura, le tue parole mi dicono di essere riuscito a comunicare i miei pensieri, a sgombrare le nubi nell'atto di lanciare il mio grido di dolore e, al contempo, di tendere la mia mano...
Le tue impressioni, i tuoi auguri ma, soprattutto, la tua voglia di non interrompere la lettura del libro, saranno memento per continuare a scrivere.
La scelta che hai fatto, delle righe da postare, mette in risalto un aspetto del carattere di Marcello... Mi fa piacere se le inserisci.
Grazie e buone cose.

Ciao Antonio... Letto! Lo avrei fatto un po’ più lentamente ma mi sembrava di interromperti mentre parlavi. Bel racconto, scritto bene e con la passione di chi non si assopisce davanti alle scoloriture che lo circondano. E’ un bel personaggio, Marcello, sa come vuol muoversi nella vita; colto l’essenziale (Sofia prima di tutto, credo) gli diviene altrettanto essenziale salvaguardarlo, ed è bello che non avvolga solo su di sé la sua problematica ma che tenda a ricercarne una fonte comune e ad unire il suo percorso alle tracce che altri hanno lasciato, al fine di individuare una soluzione positiva e umanamente dignitosa. Nota a parte, il capitolo XIX…racconti quella cosa in modo delicato e così oltremodo preciso che mi ha colpita molto. Ti ringrazio di avermi regalato l’opportunità di leggerti per la prima volta. In bocca al lupo per la tua attività di scrittore e per tutto il resto. Ti saluto e ci leggiamo qui… Se per te va bene, le inserirò sul sito delle righe tratte dal libro… Ciao!

Ciao Laura, è arrivato in un battibaleno e senza intoppi. Mi fa molto piacere che ti aggradino le immagini e la copertina...
Buona lettura

Ciao, mi è già arrivato il pargoletto! E' graziosissimo, la copertina, le foto all'inizio di ogni capitolo... Mi piacerebbe che mi si presentasse un giorno l'occasione di poter ricambiare. Grazie di cuore. Un saluto.
Laura

Si, ciao, gliel'ho inviato l'indirizzo. Grazie, buone cose a te e buona giornata.

Ciao Laura, grazie a te per l'entusiasmo. Spero che sia di tuo gradimento. Attendo, quindi, l'indirizzo dallo staff e lo spedisco.
Buone cose

Noooooo...ma sei un grande Antonio; non immagini che gioia mi da ricevere il tuo libro in regalo. Questa cosa che hai deciso di fare è un fatto umanamente meraviglioso; mi fai mettere in discussione la misantropia sulla quale conto fedelmente da un po’. Ti ringrazio profondamente. So già peraltro che riceverò un gran bel libro e non vedo l’ora di leggerlo. Sperando che arrivi senza intoppi postali, ti ricontatterò in qualche modo, non appena avrò finito di leggerlo. Non ci credo che stai per regalarmi il libro che hai scritto. Lo leggerò con immenso piacere. Te ne sono grata davvero. Un saluto. A presto.

Il destinatario del mio libro è Laura Petronio, alla quale chiedo di inviare il suo indirizzo postale, per ricevere il dono, al seguente indirizzo e-mail: libroincentivo@10righedailibri.it

Saluti a tutti
Antonio

ahahah! Antonio scusa l'errore... sai, il lunedì mattina dopo 2 giorni offline è duro :))
-sscegli il vincitore e scrivi un commento in cui comunichi il tuo dono. Scrivi anche di inviare l'indirizzo postale a libroincentivo@10righedailibri.it.
Dopo ti mandiamo l'indirizzo e invii tu il libro. :))

Ciao, dovreste comunicarmi l'indirizzo di 10 Righe dai libri.
Appellandomi con il nome Andrea mi avete ricordato una delle scene più belle di Totò in TV... Pasquale, accompagnato da un sonoro schiaffo.

Buone cose
Antonio Capolongo

Il secolo cinese

immagine copertina
Federico Rampini
Il secolo cinese
Piccola Biblioteca Oscar Mondadori 2006
10 righe da pagina 105:

Da decenni l’afflusso di studenti asiatici alimentava gli Stati Uniti di forze fresche, qualificate e competitive, soprattutto nei settori scientifici. Era stata coniata una definizione, ironica ma efficace: “I migliori campus americani sono quei luoghi in cui anziani professori ebrei trasmettono il sapere sulla matematica, sulla fisica e sulla biologia a giovani studentesse cinesi”.[…] Già negli anni Novanta nella Silicon Valley l’economista Annalee Sexenian avevo censito un terzo di start-up tecnologiche create da neoimprenditori col passaporto asiatico. Se viene meno questa risorsa, le conseguenze saranno profonde.[…] Negli ultimi anni i big dell’industria tecnologica americana delocalizzano in Cina non solo le fabbriche, ma anche i centri di ricerca, cioè posti di lavoro per scienziati. Microsoft, Intel, IBM, Motorola, Bell Labs, sono alcuni grandi nomi del “sistema America” che ormai hanno in Cina centri di studi, laboratori sperimentali, uffici di design e progettazione dove assumono matematici, fisici, ingegneri.

inviato il 05/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Mh si è vero, ti coinvolge...

segnalibro

L'autore sa descrivere come pochi lo sanno fare.

Venti corpi nella neve

immagine copertina
Giuliano Pasini
Venti corpi nella neve
timeCRIME 2012

Non sento freddo. Provo sentimenti contrastanti. Amore, forte e assoluto. Odio. Delusione. Comprensione. Rabbia. Rassegnazione. Un mare si agita dentro di me. [...] Lo amo, e amo il bambino che lo chiama papà, in ginocchio accanto a me. Nella neve ci sono 19 persone. Dietro ognuna c'è un soldato armato. [...] Mi coglie di sorpresa lo schiaffo del frustino dell'ufficiale, nel punto esatto in cui l'altro mi ha tagliata. Il bavaglio cade. Vorrei gridare. Urlare. Ma l'acqua di quel mare che ho dentro mi soffoca. Guardo l'uomo che stanno impiccando, sperando che capisca. Qualcosa esplode. Il manto di neve precipita verso di me. No. Sono io che crollo. Non riesco a chiudere gli occhi. Vedo il cranio di mio figlio spappolato da una fucilata. Il piccolo corpo mi cade addosso. Chi era? Chi erano quelle persone in ginocchio nella neve?

inviato il 20/03/2012
Nei segnalibri di:

Il viaggio della strega bambina

immagine copertina
Celia Rees
Il viaggio della strega bambina
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2006
10 righe da pagina 127:

Non so mai se Penna Azzurra sarà lì. Appare e basta. Non lo vedo mai. Potrebbe essere a poche spanne e non lo capirei. Mi insegna a essere silenziosa nella foresta, abbastanza perché gli animali escano allo scoperto senza avere paura. E mi insegna i richiami degli uccelli. Ora riesco a fare la ghiandaiai quasi bene come lui. Ecco come faccio a sapere se c'è. Io chiamo e lui risponde.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Walden

immagine copertina
H.D. Thoreau
Walden
Donzelli Editore

Se un uomo non mantiene il passo con i suoi compagni, forse è perché presta ascolto a un tamburino diverso.
Lasciatelo procedere secondo il ritmo della musica che ascolta, per quanto diversa e lontana possa sembrare.

inviato il 20/03/2012
Nei segnalibri di:

L'Alchimista

immagine copertina
Paolo Cohelo
L'Alchimista
Tradotto da Rita Desti
Bompiani 1995
10 righe da pagina 88:

Il deserto era una distesa di sabbia e,a volte,di sassi. Quando la carovana arrivava davanti a un masso,lo aggirava; quando si trovava davanti a una roccia, compiva un lungo giro. Quando la sabbia era troppo sottile per gli zoccoli dei cammelli,si cercava un percorso dove le sabbie fossero piu' consistenti. Certe volte, il terreno era ricoperto di sale,proprio li dove un tempo doveva esserci stato un lago. Gli animali allora si lamentavano,e i cammellieri smontavano e li aiutaavano a uscirne. Poi si mettevano i carichi sulle spalle,attraversava la parte traditrice e di nuova caricavano le bestie.Se una guida si ammalava o moriva, i cammellieri tiravano a sorte e ne sceglievano una nuova. Ma tutto ciò accadeva per un unica ragione:non importava quanti giri dovesse fare,la carovana procedeva sempre in direzione di uno stesso punto.

inviato il 12/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie cara Mel...sarebbe una bella conquista...

...sarebbe bello se arrivaste entrambi primi a fine settimana...Faccio il tifo per voi!!!!

;)

E questo è il mio!!! :-)

aggiungo segnalibro

La masnà

La masnà 7 years 18 settimane fa

:)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy