Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di 10 righe dai libri

Foto agenda 2016 Libridinosa: Cecilia

immagine copertina
10 Righe dai libri
Foto agenda 2016 Libridinosa: Cecilia
10 Righe 2015

Cecilia ci ha inviato la foto della sua agenda letteraria 2016 Libridinosa arrivata a Roma. :) Grazieee!

"L'agenda Libridinosa 2016 è bellissima! Una per me e le altre le regalo!"
(Cecilia)

inviato il 23/12/2015
Nei segnalibri di:

Agenda letteraria 2016 Libridinosa è arrivata oggi in magazzino

immagine copertina

Evvivaaaa,
Habemus Agenda lettararia Libridinosa!
http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2016-libridinosa, ne sono rimaste solo 78
: ))
Questa è la prima foto scattata da Alessia, per ora le ha viste solo lei.
Le spedizioni partiranno lunedì.
Grazie a tutti per le vostre 10 righe!Evvivaaaa,
Habemus Agenda lettararia Libridinosa! http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2016-libridinosa, ne sono rimaste solo 78
: ))
Questa è la prima foto scattata da Alessia, per ora le ha viste solo lei.
Le spedizioni partiranno lunedì.
Grazie a tutti per le vostre 10 righe!

inviato il 18/12/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Arriva arriva! :)

Sempre più impaziente :)

Accento in perché

immagine copertina
Christian Soddu
Accento in perché
10 Righe dai Libri 2015

Gravi o acuti, elisioni o troncamenti (apocope, che brutta parola, da esorcizzare col dizionario!), eccoli alcuni errori comuni:

- Perché, non perchè: accento acuto, non grave. In italiano esistono sette vocali: a (aperta), è (aperta), é (chiusa), i (chiusa), ò (aperta), ó (chiusa), u (chiusa).
- Idem per finché, giacché e simili: l’accento è sempre acuto.
- Quello su ché (nel senso di perché o affinché) è un accento distintivo, obbligatorio se vogliamo far capire la differenza col che relativo.
.
.

- A cura di Christian Soddu e West Egg Editing
- Fonte: Agenda letteraria libridinosa 2015 http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2015-libridinosa

inviato il 07/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

la grammatica... quale sconosciuta

Dieci accenti da domare

immagine copertina
Christian Soddu e West Egg Editing
Dieci accenti da domare
10 Righe dai libri 2015

Molti di voi hanno già letto quest'articolo su Libridinosa 2015 http://www.10righedailibri.it/agenda-letteraria-2015-libridinosa.
Ora, in attesa dell'agenda letteraria 2016, ve lo riproponiamo perché è indispensabile!
"Sfuggono da tutte le parti questi accenti, e questi apostrofi pestiferi. Le regole ci sono: dettate dalla grammatica, ribadite dalle norme redazionali delle case editrici. Eppure, quando l’editor legge un manoscritto, sono queste le buche su cui sobbalza più spesso: l’accento mancato o sbagliato, l’apostrofo a sproposito.
Gravi o acuti, elisioni o troncamenti (apocope, che brutta parola, da esorcizzare col dizionario!), eccoli qua gli errori più comuni.
1. Perché, non perchè: accento acuto, non grave. In italiano esistono sette vocali: a (aperta), è (aperta), é (chiusa), i (chiusa), ò (aperta), ó (chiusa), u (chiusa)..."

- continuate a leggerlo su evidenzialibri, questo è il link
http://www.evidenzialibri.it/dieci-accenti-da-domare/

inviato il 21/09/2015
Nei segnalibri di:

Scrittori nati oggi 15 settembre: Agatha Christie

immagine copertina
Agatha Christie
Scrittori nati oggi 15 settembre: Agatha Christie
Libridinosa, agenda letteraria 2015

Auguri Agatha Christie! Nata il 15 settembre 1890 a Torquay
[…] l'assassino ha aperto la finestra e ha gettato la siringa, poi ha preso dal tavolo la statuina e ha gettato fuori anche quella"". Non trovarono impronte digitali sulla siringa. Erano state cancellate accuratamente. Vera disse con voce ferma "Ora cerchiamo la rivoltella". Il giudice Wargrave annuì. "Certo, a ogni costo. Ma, nel farlo, stiamo ben attenti a restare uniti. Ricordiamoci che, se ci separiamo, offriamo all'assassino l'occasione di agire". Frugarono dovunque con cura meticolosa, dal solaio alla cantina, ma senza risultato. La rivoltella non fu trovata.
(Dieci Piccoli Indiani, trad. B. della Frattina, Mondadori 1982)
- 10 righe suggerite da Alessandra L.

inviato il 15/09/2015
Nei segnalibri di:

Help materiale PDA: sindrome da evitamento estremo delle richieste

Cari lettori, avete suggerimenti sulla PDA? La nostra cara amica Francesca, staff 10 Righe dai libri a Liverpool ha bisogno di libri e materiale in italiano per lei e la sua famiglia. Riportiamo qui il suo appello.
Grazie!

-----------
Ecco, mio figlio ha questo. Si chiama PDA, pathological demand avoidance, in italiano sindrome da evitamento estremo delle richieste. Fa parte dello spettro autistico.
È una condizione identificata da poco, su cui c'è pochissima letteratura; difficile con cui confrontarsi sopratutto come genitore, perché tutte le regole e le idee di 'tecniche genitoriali' normali e cementate nella mia mente e sotto la mia pelle non solo non funzionano con questi bambini, ma rendono la situazione molto, molto peggiore.
È difficile da affrontare per la famiglia allargata, perché i nonni, gli zii, i cugini, gli amici, tutti, devono totalmente rieducarsi per trattare con questi bambini. Più il trattamento 'diverso' può creare problemi e confronti con altri bambini della famiglia o della comunità.

Sto cercando materiale in italiano per me, la mia famiglia, i miei amici. E l'unica cosa veramente utile che ho trovato finora è questo poster.

Sto cercando altre mamme italiane con cui poter parlare e confrontarmi. Libri, pubblicazioni, gruppi. In italiano. Perché confrontarmi con questa cosa è già abbastanza difficile di per sé, in inglese è più difficile. E io certi giorni non ho la forza.

Per favore, fatemi uno share. Magari qualcuno che conoscete ha delle informazioni che possono essere utili, e voi non lo sapete. E se potete aiutare, contattatemi in privato.

Grazie amici.
Francesca G.E. Manca Black

---------------
 

leggi tutto
inviato il 19/07/2015
Nei segnalibri di:

Compleanni oggi 18 luglio: Nelson Mandela

immagine copertina
Agenda letteraria Libridinosa
Compleanni oggi 18 luglio: Nelson Mandela
10 Righe 2015

Auguri a Nelson Mandela nato il 18 luglio 1918.
“E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso.”
(N. Mandela)
Auguriiiiii!
:)

inviato il 18/07/2015
Nei segnalibri di:

Welcome back books - Libreria Arion Montecitorio, video

immagine copertina

Cari lettori,
abbiamo appena pubblicato un video di 6 minuti https://youtu.be/ssQtKU0xQGc con alcuni momenti dell'evento Welcome back books in cui Librerie Arion e noi associazione culturale 10 Righe dai Libri proponiamo e festeggiamo il ritorno dei libri.

Una selezione di oltre trecento titoli, edizioni rare, introvabili...
Atti e memorie parlamentari come il Diario di fine secolo di Domenico Farini con dedica autografa dell’autore, libri sull’attualità bellica editi durante il secondo conflitto mondiale come Da Danzica a Parigi di Mario Lepore, stampato nel 1941, testi di e su Gabriele D’Annunzio in edizioni originali degli anni ’20, ’30 e ’40, una pubblicazione del “Movimento 22 marzo”, un testo fondamentale del maggio ’68 francese nella prima traduzione italiana. Presantati dal prof. Gabriele Mattioli, dal giornalista Giorgio Vitangeli e dallo scrittore Gabriele Marconi.
Buona visione e postate 10 righe.
: )

inviato il 15/07/2015
Nei segnalibri di:

Compleanni d'autore 29 giugno: G. Leopardi, A. de Saint-Exupéry, O. Fallaci

immagine copertina
Agenda letteraria 2015 Libridinosa
Compleanni d'autore 29 giugno: G. Leopardi, A. de Saint-Exupéry, O. Fallaci
10 Righe 2015

Oggi 29 giugno è compleanno di tre grandi scrittori che tutti conoscete:
- Giacomo Leopardi nato il 29 giugno 1798 a Recanati
- Antoine de Saint-Exupéry nato il 29 giugno 1900 a Lione
- Oriana Fallaci nata il 29 giugno 1929 a Firenze

Per festeggiare vi chiediamo di postare 10 righe tratte dai loro libri.
: )

inviato il 29/06/2015
Nei segnalibri di:

Compleanni d'autore: Luigi Pirandello

immagine copertina
Agenda letteraria 2015 Libridinosa
Compleanni d'autore: Luigi Pirandello
10 Righe 2015

Il 28 giugno 1867 nasceva ad Agrigento Luigi Pirandello, Nobel per la Letteratura nobel 1934. Auguri! :)
"La solitudine non è mai con voi; è sempre senza di voi, è soltanto possibile con un estraneo attorno: luogo o persona che sia, che del tutto vi ignorino, che del tutto voi ignoriate, così che la vostra volontà e il vostro sentimento restino sospesi e smarriti in un'incertezza angosciosa e, cessando ogni affermazione di voi, cessi l'intimità stessa della vostra coscienza. La vera solitudine è in un luogo che vive per sé e che per voi non ha traccia né voce, e dove dunque l'estraneo siete voi.
Così io volevo essere solo. Senza me. Voglio dire senza quel me ch'io già conoscevo, o che credevo di conoscere."

inviato il 28/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila, Newton Compton 2013
- 10 righe suggerite da Gwen1984 http://scrivi.10righedailibri.it/uno-nessuno-e-centomila-14

La via dei Re

immagine copertina
André Malraux
La via dei Re
Tradotto da Corrado Pavolini
Adelphi 1992
10 righe da pagina 52:

Vi auguro di morir giovane, Claude, come poche altre cose ho augurato al mondo… Voi non immaginate che cosa sia esser prigionieri della propria vita: io non ho cominciato a indovinarlo che quando ci siamo separati, Sarah e io. Che sia andata a letto con quelli la cui bocca le piaceva- soprattutto quand’era sola- così come mi avrebbe seguito all’ergastolo, questo non contava, ed era passata per parecchie cose, al Siam, dal suo matrimonio col principe Pitsanulok in poi… Una donna che conosceva la vita, ma non la morte. Un giorno si è accorta che la sua vita aveva preso una forma: la mia; che il suo destino era lì e non altrove; e ha cominciato a guardarmi con altrettanto livore che il suo specchio.

inviato il 19/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

André Malraux
Parigi, 3 novembre 1901 – Créteil, 23 novembre 1976

Congedo dai genitori. Punto di fuga

immagine copertina
Peter Weiss
Congedo dai genitori. Punto di fuga
Tradotto da Francesco Manacorda e Ugo Gimmelli
Mondadori 1976
10 righe da pagina 45:

Nei libri mi veniva incontro la vita che la scuola mi aveva celata. Nei libri mi si mostrava una realtà di vita diversa da quella in cui volevano costringermi i miei genitori e insegnanti. La voce dei libri esigeva da me partecipazione, la voce dei libri esigeva da me che io mi aprissi e riflettessi su me stesso. Rovistavo tra i libri dei miei genitori. Leggerli mi era proibito, dovevo sottrarli di nascosto e pareggiare accuratamente i vuoti, le mie letture si svolgeranno a letto sotto le coperte, al lume di una torcia elettrica, o al gabinetto, o sotto il rivestimento mimetico dei libri di scuola. Da innumerevoli specchi si rifletteva in me quel caos di aspirazioni mal fermentate, di romantiche stravaganze, di angosce e di sfrenati sogni di avventura che era già mio, preferivo il genere torbido, equivoco, tenebroso.

inviato il 19/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Peter Weiss
Nowawes, 8 novembre 1916 – Stoccolma, 10 maggio 1982

Resilienti per sempre

immagine copertina
Anna Attolico
Resilienti per sempre
www.annaattolico.it 2018
10 righe da pagina 187:

3.1-Dare l'esempio
Conta più quello che fai rispetto a ciò che dici.
Se vuoi che tuo figlio apprenda dei valori,vivili tu per primo.
I figli registrano da tutto quello che si vive in famiglia.N mai quei libri on puoi pretendere che tuo figlio legga se a casa tua non ci sono libri,non ti vede mai leggere un quotidiano o non percepisce che la lettura è un vero piacere.Questo significa che se tu leggi non è scontato che tuo figlio diventerà un grande lettore ma comunque assocerà a quell'attività qualcosa di piacevole.E' come creare una grande libreria piena di libri ,con dentro i tuoi valori,le tue passioni ,i tuoi hobby.Forse i nostri figli non apriranno mai quei libri ma sanno dove trovare alcune informazioni.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Anna Attolico- nata a Brescia nel 1972,pedagogista e progettista,lavora da 25 anni nell'ambito educativo scrivendo progetti,aprendo servizi per bambini,adolescenti,giovani e famiglie,collabora in ambito scolastico.

L'isola del giorno prima

immagine copertina
Umberto Eco
L'isola del giorno prima
Euroclub 1995
10 righe da pagina 7:

Da quanti giorni vagava sulle onde, legato a una tavola, a faccia in giù di giorno per non essere accecato dal sole, il collo innaturalmente so per evitare di bere, riarso dal salmastro, certamente febbricitante? Le lettere non lo dicono e lasciano pensare a una eternità, ma si dev'essere trattato di due giorni al più, altrimenti non sarebbe sopravvissuto sotto la sferza di Febo (come immaginosamente lamenta) – lui così infermiccio quale si descrive, animale nottivago per naturale difetto.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Umberto Eco (Alessandria, 5 gennaio 1932)

Il Fuggiasco

immagine copertina
Massimo Carlotto
Il Fuggiasco
e/o edizioni 2005
10 righe da pagina 25:

Ancora oggi tengo fede al mio impegno morale, e continuo a dire che la latitanza è uno stato dell'anima, anche se sono convinto che la mia esperienza di latitante possa definirsi in modo più appropriato come una forma di metateatro della sopravvivenza.
Come nella commedia dell'arte, sono stato un volto che ha dato vita a una serie di maschere diverse, caricature di tipologie sociali ben definite, improvvisando giorno per giorno all'interno di un canovaccio che altro non era che l'intreccio tra la mia vicenda processuale e la scelta di sottrarsi alla giustizia. Personaggi scelti, voluti : una rottura con quella parte da telenovela giudiziari che il processo mi aveva cucito addosso prima e dopo la latitanza, l'unica che non abbia mai saputo interpretare. A essa mi sono sempre profondamente ribellato.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie a Eagledolvis che mi ha fatto ricordare questo autore che apprezzo molto

Massimo Carlotto è nato a Padova il 22 luglio 1956

Papa Giovanni

immagine copertina
Gian Carlo Fusco
Papa Giovanni
Sellerio Editore Palermo

[...]Il parroco raccomandato dalla gentildonna fu accontentato la dama tornò al Vescovado per ringraziare. Le bastò un'occhiata per accorgersi che il Vescovo portava al dito soltanto la montatura della'nello avuto in dono, mentre il rubino era stato sostituito con un pezzo di vetro rosso qualsiasi.
La signora ci restò male e non ce la fece a star zitta. "Ma quello, Monsignore, non è il mio rubino!" esclamò. "Come mai?".
Giuseppe Sarto, dopo un istante di imbarazzo, sorrise e rispose: "Il suo era un rubino fortunato, mi creda! Anziché restare sulla mano di un Vescovo qualsiasi, si è trasformato in tante minestre, tante pagnotte, tante maglie, scarpe e medicine! Dopo tutto, è soltanto una questione di accenti: Dare ai poveri il rubino affinché non rùbino!"

inviato il 02/03/2019
Nei segnalibri di:

L'oscura immensità della morte

immagine copertina
Massimo Carlotto
L'oscura immensità della morte
E/O 2004
10 righe da pagina 17:

In libertà le notti non saranno più così. Potrò passeggiare in riva al mare, scopare e divertirmi, forse anche dormire come un sasso. In galera, sempre se ci riesci, dormi a intermittenza. Qui il buio ti ricorda che sul tuo fascicolo c'è un timbro rosso con scritto “fine pena: mai”. Che sei fottuto. E allora pensi a quanto sei stato stronzo a rovinarti in questo modo. E i ricordi ti impediscono di riposare. Ogni notte penso alla donna e al bambino. Non so davvero come ho potuto tirare il grilletto. Ma ormai è fatta e non posso fare nulla per loro. Mi dispiace tanto però. Per sopravvivere in galera faccio il duro ma dentro di me sono pentito di aver buttato via la mia vita con il crimine. Potevo avere una vita diversa. Ho avuto tutte le possibilità.

inviato il 17/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Eagledolvis :)

Massimo Carlotto
Padova, 22 luglio 1956

I volatili del Beato Angelico

immagine copertina
Antonio Tabucchi
I volatili del Beato Angelico
Sellerio editore Palermo 2012
10 righe da pagina 40:

La notte, in queste latitudini, cala all'improvviso, con un crepuscolo effimero che dura un soffio, e poi è buio. Io devo vivere soltanto in questo breve spazio di tempo, e per il resto non esisto. O meglio, ci sono, ma è come se non ci fossi, perché sono altrove, anche lì, dove ti ho lasciata, e poi dappertutto, in tutti i luoghi della terra, sui mari, nel vento che gonfia le vele dei velieri, nei viaggiatori che attraversano le pianure, nelle piazze in città, con i loro mercanti e le loro voci e il flusso anonimo della folla. È difficile dire come è fatta la mia penombra, e che cosa significa. È come un sogno che sai di sognare, e in questo consiste la sua verità: nell’essere reale al di fuori del reale.

inviato il 15/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonio Tabucchi è nato a Pisa il 24 settembre 1943.

I luminari

immagine copertina
Eleanor Catton
I luminari
Tradotto da Chiara Brovelli
Fandango 2014
10 righe da pagina 41:

Aveva una grande esperienza nell’arte delle confidenze. Sapeva che, confessando qualcosa, un uomo si guadagnava il sottile diritto di divenire a sua volta confessore dell’altra persona. Un segreto merita un segreto, e una storia merita una storia; l’aspettativa gentile di essere ripagati con la stessa moneta era un tipo di pressione che sapeva bene come esercitare. Avrebbe appreso più cose mostrando di fidarsi di Balfour, anziché sospettare apertamente di lui, per un semplice fatto: se gli avesse concesso la propria fiducia, liberamente e senza riserve, Balfour sarebbe stato obbligato a fare lo stesso.

inviato il 15/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Eleanor Catton
London (Canada), 24 settembre 1985

CAMBIO GIRO. Racconti di viaggio

immagine copertina
Nazario D'Amato
CAMBIO GIRO. Racconti di viaggio
Edizioni del Poggio
10 righe da pagina 14:

Ogni viaggiatore, termine che sottintende una filosofia del tutto diversa da quella, pur rispettabile del turista, sa bene che nel viaggio, l’importante non è la meta, ma il viaggio stesso. “Quando arriviamo, ci lasciamo alle spalle le ragioni per le quali siamo venuti”, scriveva Patience Gray in un suo libro, rimarcando lo stesso concetto, da consumata viaggiatrice. Il viaggiatore Nazario D’Amato, però, è un ferroviere, un Capotreno e, quindi, viaggia per servizio. Un Capotreno che ama il suo lavoro, lo fa con passione e intelligenza, con l’acuto spirito di osservazione proprio di chi, per le ragioni legate al suo servizio, deve vigilare, ma anche con un occhio che sa cogliere particolari che esulano dai suoi quotidiani doveri. Per lui, come per i grandi viaggiatori del passato, il viaggio, ogni viaggio, non è solo l’andare verso un altr

inviato il 14/03/2019
Nei segnalibri di:

L'oscura immensità della morte

L'oscura immensità della morte 1 giorno 18 ore fa

Benvenuta Eagledolvis :)

CAMBIO GIRO. Racconti di viaggio

CAMBIO GIRO. Racconti di viaggio 4 giorni 8 ore fa

Benvenuto Edelpoggio :)

Le buone vecchie maniere. La nostalgia per un comportamento civile in un mondo cafone

Le buone vecchie maniere. La nostalgia per un comportamento civile in un mondo cafone 6 giorni 19 ore fa

Cara Naty, ci proveremo :)

La Cina in dieci parole

La Cina in dieci parole 2 settimane 1 giorno fa

Grazie :)

La Cina in dieci parole 2 settimane 1 giorno fa

Francesco, nome del traduttore e anno di edizione? :)

Inferno

Inferno 3 settimane 6 giorni fa

Grazie Elena :)

Inferno 4 settimane 8 ore fa

Ciao Elena, che ne dici di passare al Purgatorio, al Paradiso o un altro libro? Non possiamo pubblicare tutto il libro per correttezza nei confronti dell'editore, anche per una questione di diritti :)

IL CORSARO NERO

IL CORSARO NERO 5 settimane 19 ore fa

Ciao Patrizio, arriveranno presto :)

SEROTONINA

SEROTONINA 5 settimane 19 ore fa

Benvenuto Giovanni :)

L'amico ritrovato

L'amico ritrovato 6 settimane 1 giorno fa

Benvenuto Francesco :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy