Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di ilportalesegreto

Tobia e l'angelo

immagine copertina
Susanna Tamaro
Tobia e l'angelo
Mondadori
10 righe da pagina 23:

Gli alberi, le lenzuola, i motorini o i barattoli raccontavano sempre cose simpatiche, mentre le persone parlavano quasi sempre per dire cose sgradevoli. Il linguaggio dei grandi - nonno a parte - era un linguaggio immondizia. Lì si buttavano le cose inutili, le cose sciocche, le cose cattive che non si riusciva a mettere da nessun'altra parte.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Il Signore degli Anelli

immagine copertina
J.R.R. Tolkien
Il Signore degli Anelli
Bompiani
10 righe da pagina 1265:

Dalla sommità della collina guardarono a oriente l'Ombra e a occidente il Crepuscolo; si giurarono eterna fedeltà, e furono felici. Ed Arwen disse: "Oscura è l'Ombra, eppure il mio cuore gioisce, perché tu, Estel, sarai fra i grandi il cui coraggio la distruggerà". Ma Aragorn rispose: "Ahimè! Io non posso prevederlo, e come potrà accadere mi è tuttora oscuro.
Eppure con la tua speranza anch'io spererò. E respingo per sempre l'Ombra; ma neppure il Crepuscolo è fatto per me, o mia dama; perché io sono mortale, e se tu ti legherai a me, Stella del Vespro, anche tu dovrai rinunciare al Crepuscolo".
Ella rimase immobile come un candido albero, con lo sguardo perduto a occidente, e disse finalmente: "Mi legherò a tè, Dùnadan, e mi allontanerò dal Crepuscolo. Eppure quella è la terra della mia gente e la dimora di tutta la mia razza".

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

La fine è il mio inizio

immagine copertina
Tiziano Terzani
La fine è il mio inizio
Longanesi
10 righe da pagina 18:

Be', forse nella morte avviene qualcosa di simile al sonno. O forse non avviene niente. Ma ti assicuro che mi avvicino a questo appuntamento non come a un incontro con una signora vestita di nero, con una falce che miete, che è sempre stata una visione dell'orrore. Mi avvicino a questo appuntamento di quiete, secondo me, a cuor leggero, come davvero non l'ho mai avuto prima. E forse lo debbo proprio alla combinazione di fatti che ti ho spiegato: quello di avere un po' imparato a morire prima di morire, quello di aver rinunciato ai desideri, e quello di aver succhiato dal terreno sacro dell'India la sensazione che l'India ti dà: che è nata, è morta, è nata e morta tanta gente; e che quest'esperienza del nascere, vivere e morire è quella più comune agli uomini.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Lettera a un bambino mai nato

immagine copertina
Oriana Fallaci
Lettera a un bambino mai nato
Bur
10 righe da pagina 3:

Molte donne si chiedono: mettere al mondo un figlio, perché‚? Perché‚ abbia fame, perché‚ abbia freddo, perché‚ venga tradito e offeso, perché‚ muoia ammazzato alla guerra o da una malattia? E negano la speranza che la sua fame sia saziata, che il suo freddo sia scaldato, che la fedeltà e il rispetto gli siano amici, che viva a lungo per tentar di cancellare le malattie e la guerra. Forse hanno ragione loro. Ma il niente é da preferirsi al soffrire? Io perfino nelle pause in cui piango sui miei fallimenti, le mie delusioni, i miei strazi, concludo che soffrire sia da preferirsi al niente.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Jane Eyre

immagine copertina
Charlotte Bronte
Jane Eyre
Mondadori
10 righe da pagina 514:

Ma io mi svegliavo sempre e trovavo che era tutto un vuoto inganno; ed ero solo e abbandonato, una vita cupa, solitaria, disperata, l'anima assetata a cui era proibito bere, un cuore affamato che non veniva saziato mai. Dolce, tenero sogno che ora tengo tra le braccia, anche tu fuggirai; come sono fuggite le tue sorelle prima di te: ma baciami prima di andartene, abbracciami, Jane.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

La storia

immagine copertina
Elsa Morante
La storia
Einaudi
10 righe da pagina 510:

Il silenzio, finito l’intervallo della canzonetta, s’era ingrandito a una misura fantastica, tale che non solo gli orecchi, ma il corpo intero lo ascoltavano. E Useppe, nell’ascoltarlo, ebbe una sorpresa che forse avrebbe spaventato un uomo adulto, soggetto a un codice mentale della natura. Ma il suo piccolo organismo, invece, lo ricevette come un fenomeno naturale, anche se mai prima scoperto fino ad oggi. Il silenzio, in realtà, era parlante! Anzi, era fatto di voci; le quali dal principio arrivarono piuttosto confuse, mescolate col tremolio dei colori e delle ombre, fino a che la doppia sensazione diventò una sola: e allora s’intese che quelle luci tremanti, pure loro, in realtà, erano tutte voci del silenzio. Era proprio il silenzio, e non altro, che faceva tremare lo spazio, serpeggiando a radice più in fondo del centro infocato della terra, e montando in una tempesta enorme oltre il suono.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie mille! Sono felicissima!! :D Vi ho appena inviato la mail :)

Complimenti Elsa, sei la prima vincitrice del gioco Allora 1 libro!!!
Ci serve un tuo recapito, invialo a
info@10righedailibri.it

Grazie e benvenuta :)

Wilde - Tutte le opere

immagine copertina
Oscar Wilde
Wilde - Tutte le opere
Newton Compton Editori 1994
10 righe da pagina 873:

Cercavi aiuto e consolazione come potrebbe cercarli un bambino. Ti aprii la mia casa, il mio focolare, il mio cuore. Il tuo dolore divenne anche il mio, in modo che tu avessi un aiuto nel sopportarlo. Mai, nemmeno con una parola, feci allusione alla tua condotta verso di me, alle scenate ed alla lettera disgustosa. Il tuo dolore, che era reale, mi sembrò avvicinarti a me più di quanto fosse mai successo. I fiori che tu prendesti da me per metterli sulla tomba di tuo fratello dovevano essere un simbolo non solo della bellezza della vita, ma della bellezza che giace dormiente nella vita di ognuno e che può essere portata alla luce.
Gli dèi sono strani. Non si servono solo dei nostri vizi per flagellarci; ci portano alla rovina attraverso quello che c’è in noi di buono, gentile, umano, amorevole. Se non fosse per la pietà e l’affetto per te e per i tuoi, non mi troverei ora a piangere in questo orribile posto.
- Tratto da “De Profundis” -

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Amori

immagine copertina
Ovidio
Amori
Tradotto da Luca Canali
Fabbri 1997
10 righe da pagina 171:

O Cupido, giammai abbastanza indignato in mio favore,
fanciullo che risiedi perennemente nel mio cuore,
perché ferisci me, soldato che non ha mai disertato
le tue insegne, e sono ferito nel mio stesso campo?
Perché la tua fiaccola brucia e il tuo arco trafigge
gli amici? Maggior gloria vincere chi resiste.
E che? l'eroe emonio non soccorse subito con medico
aiuto il nemico che aveva trafitto la lancia?
Il cacciatore insegue la preda fuggitiva, la lascia se è presa,
e cerca sempre altro, diverso dal trovato.
Noi, popolo tuo, sentiamo i colpi delle tue armi;
la tua pigra mano si astiene dal nemico che resiste.
Che ti giova spuntare le tue frecce ricurve su ossa nude?

(Dipinto di Caravaggio, Cupido)

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

La lettera scarlatta

immagine copertina
Nathaniel Hawthorne
La lettera scarlatta
Mondadori
10 righe da pagina 65:

La giovane donna era alta, una figura di perfetta eleganza, nella sua imponenza. Aveva capelli scuri e folti, così lucenti da rifulgere ai raggi del sole e un viso che, oltre a essere bello per la regolarità dei lineamenti e lo splendore della carnagione, aveva l'incisiva espressione propria di una fronte marcata su profondi occhi neri. Era distinta, inoltre, alla maniera in cui lo erano le gentildonne dell'epoca; caratterizzata da un certo atteggiamento di rango e dignità piuttosto che da quella grazia delicata, evanescente e ineffabile che è riconosciuta adesso come indice di distinzione.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

partecipi al gioco? devi scrivere qui: http://scrivi.10righedailibri.it/gioco-allora-1-libro :-)

Stardust

immagine copertina
Neil Gaiman
Stardust
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 187:

Una sera, ai margini di un folto bosco, Tristan sentì una cosa mai sentita prima: una melodia bellissima, insolita ed echeggiante, che gli riempì la mente di visioni e il cuore di sgomento e delizia. Quella musica lo fece pensare a spazi sconfinati, a grandi sfere di cristallo che roteavano con indescrivibile lentezza nell'immensità dell'aria. La melodia lo rapì, lo estraniò.
Dopo un tempo che poteva esser stato di lunghe ore o di brevi minuti la musica cessò e Tristan sospirò.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Delirium

immagine copertina
Lauren Oliver
Delirium
Piemme
10 righe da pagina 7:

Sono preoccupata.
Dicono che ai vecchi tempi l'amore conduceva la gente alla pazzia.
Sarebbe già abbastanza terribile di suo, ma il libro di Sssh racconta anche la storia di quelli che sono morti per aver perso l'amore on per non averlo mai trovato: è questo ciò che mi terrorizza di più.
L'amore è la più mortale tra tutte le cose mortali: ti uccide sia quando ce l'hai che quando non ce l'hai.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

L'importanza di chiamarsi Ernesto

immagine copertina
Oscar Wilde
L'importanza di chiamarsi Ernesto
Tascabili La Spiga
10 righe da pagina 20:

ALGERNON: Non è andata bene, vecchio mio? Non dirmi che Gwendolen ti ha rifiutato? E' un suo modo di fare. dice sempre no a tutti. Credo sia molto stizzosa.
JACK: Oh, con Gwendolen va tutto bene. Per quel che la riguarda siamo fidanzati. E' sua madre che è assolutamente insopportabile. Mai visto una Gorgone simile...veramente non so cosa sia una Gorgone, ma sono sicuro che Ladi Bracknell è una Gorgone. In ogni caso, è un mostro senza essere un mito, il che è proprio sleale...ti chiedo scusa, Algy, non dovrei parlare così di tua zia davanti a te.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Il Ritratto Di Dorian Gray

immagine copertina
Oscar Wilde
Il Ritratto Di Dorian Gray
Giunti

L'artista è il creatore di cose belle. Rivelare l'arte e nascondere l'artista è il fine dell'arte.
Il critico è colui che può tradurre in diversa forma o in nuova sostanza la sua impressione delle cose belle.
Tanto le più elevate quanto le più infime forme di critica sono una sorta di autobiografia.
Coloro che scorgono brutti significati nelle cose belle sono corrotti senza essere affascinanti. Questo è un errore.
Coloro che scorgono bei significati nelle cose belle sono le persone colte. Per loro c'è speranza.
Essi sono gli eletti: per loro le cose belle significano solo bellezza.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Lettera a un bambino mai nato

immagine copertina
Oriana Fallaci
Lettera a un bambino mai nato
Bur
10 righe da pagina 3:

Molte donne si chiedono: mettere al mondo un figlio, perché‚? Perché‚ abbia fame, perché‚ abbia freddo, perché‚ venga tradito e offeso, perché‚ muoia ammazzato alla guerra o da una malattia? E negano la speranza che la sua fame sia saziata, che il suo freddo sia scaldato, che la fedeltà e il rispetto gli siano amici, che viva a lungo per tentar di cancellare le malattie e la guerra. Forse hanno ragione loro. Ma il niente é da preferirsi al soffrire? Io perfino nelle pause in cui piango sui miei fallimenti, le mie delusioni, i miei strazi, concludo che soffrire sia da preferirsi al niente.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Le imprevedibili coincidenze dei ricordi

immagine copertina
Camille Noe Pagàn
Le imprevedibili coincidenze dei ricordi
Tradotto da Paola e Matteo Maraone
Sperling & Kupfer 2011
10 righe da pagina 171:

L'intuizione è una cosa buffa. La maggior parte della gente pensa che le "sensazioni di pancia" siano pura fortuna, oppure Dio che ti dà un buffetto sulla spalla per guidarti in una certa direzione. In realtà alcuni studi hanno dimostrato che si tratta del modo che ha il cervello di mettere assieme esperienze del passato e intuizioni esterne alla velocità della luce - un processo spontaneo di pensiero logico, si potrebbe dire. L'intuizione può spingere una persona a scegliere il prodotto giusto, o ad accettare un appuntamento da uno sconosciuto che poi finirà per sposare. Ma da un punto di vista biologico, il suo scopo primario è proteggerci dal pericolo.

inviato il 14/07/2011
Nei segnalibri di:

La linea d'ombra

immagine copertina
Joseph Conrad
La linea d'ombra
Tradotto da Flavia Marenco
Gruppo Editoriale l'Espresso 2011
10 righe da pagina 13:

Soltanto i giovani hanno momenti del genere. Non dico i più giovani. No. Quando si è molto giovani, a dirla esatta, non vi sono momenti. E' privilegio della prima gioventù vivere d'anticipo sul tempo a venire, in un flusso ininterrotto di belle speranze che non conosce soste o attimi di riflessione. Ci si chiude alle spalle il cancelletto dell'infanzia e si entra in un giardino di incanti. Persino la penombra qui brilla di promesse. A ogni svolta il sentiero ha le sue seduzioni. E non perchè questo sia un paese inesplorato. Lo sappiamo bene che l'umanità tutta è passata di lì. E' piuttosto l'incanto dell'universale esperienza, da cui ci aspettiamo emozioni non ordinarie o personali, qualcosa che sia solo nostro.

inviato il 19/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Allora un libro - gioco libri incentivo

Allora un libro - gioco libri incentivo 6 years 22 settimane fa
Allora un libro - gioco libri incentivo 6 years 22 settimane fa
Allora un libro - gioco libri incentivo 6 years 22 settimane fa

Partecipo con Susanna Tamaro "Tobia e l'angelo"

Tobia e l'angelo

Tobia e l'angelo 6 years 22 settimane fa

VINCITORI ALLORA 1 LIBRO

VINCITORI ALLORA 1 LIBRO 7 years 21 settimane fa

Che bella notizia! Grazie infinite a tutti quelli che hanno messo il segnalibro :)
Avevo già inviato la mail ieri, devo inviarla nuovamente?
Complimenti a tutti i vincitori! ^^

GIOCO - ALLORA 1 LIBRO

GIOCO - ALLORA 1 LIBRO 7 years 22 settimane fa

partecipo con
http://scrivi.10righedailibri.it/il-signore-degli-anelli-0
J.R.R Tolkien "Il Signore degli Anelli"

GIOCO - ALLORA 1 LIBRO 7 years 22 settimane fa

partecipo con "La fine è il mio inizio" di Tiziano Terzani
http://scrivi.10righedailibri.it/la-fine-è-il-mio-inizio-0

GIOCO - ALLORA 1 LIBRO 7 years 22 settimane fa

Partecipo con:
http://scrivi.10righedailibri.it/lettera-un-bambino-mai-nato-3
"Lettera a un bambino mai nato" di Oriana Fallaci

Il Signore degli Anelli

Il Signore degli Anelli 7 years 22 settimane fa

La fine è il mio inizio

La fine è il mio inizio 7 years 22 settimane fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy