Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di saramalu

La sovrana lettrice

immagine copertina
Alan Bennett
La sovrana lettrice
Adelphi
10 righe da pagina 23:

La regina fece l'errore di lamentarsene con Sir Kevin.
"Ma qualcuno l'avrà pure ragguagliata, Maestà?"
"Certamente," disse la regina "ma ragguagliare non è leggere. Anzi, è l'esatto contrario. Il ragguaglio è succinto, concreto e pertinente. La lettura è disordinata, dispersiva e sempre invitante. Il ragguaglio esaurisce la questione, la lettura la apre".
"Se mi consente, sarebbe il caso di tornare alla visita al calzaturificio, Maestà" disse Sir Kevin.
"La prossima volta" tagliò corto la regina. "Dove ho messo il mio libro?".

inviato il 17/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Sara, nome de traduttore e anno di edizione? :)

Il Trono di Spade - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

immagine copertina
10 righe da pagina 245:

A Grande Inverno mangiavano quasi sempre nella sala grande. Suo padre diceva che se il signore di un castello voleva conservarsi la fedeltà dei suoi uomini, doveva condividere il cibo con loro. - Fa' in modo di conoscere gli uomini che ti seguono - l'aveva sentito dire a Robb. - E fa' in modo che anche loro possano conoscere te. Mai chiedere ai tuoi uomini di andare a morire per uno sconosciuto. - A Grande Inverno, lord Stark teneva sempre una sedia vuota alla propria tavola, e ogni giorno chiedeva a un uomo diverso di occuparla.

inviato il 17/09/2012
Nei segnalibri di:

Guida galattica per gli autostoppisti

immagine copertina
Douglas Adams
Guida galattica per gli autostoppisti
A. MONDADORI
10 righe da pagina 53:

Una delle cose che Ford Prefect aveva sempre trovato difficile comprendere a proposito degli umani era che avevano il vizio di affermare e di ripetere cose assolutamente ovvie, come risultava evidente da frasi quali "Che bella giornata!" o "Come sei alto!" oppure "Oddio, mi sembra che tu sia caduto in un pozzo profondo nove metri: ti sei fatto male?". In un primo tempo Ford si era fatto una sua teoria per spiegare questo strano comportamento. Aveva pensato che le bocche degli esseri umani dovessero continuamente esercitarsi a parlare per evitare di rimanere inceppate. Dopo aver osservato e riflettuto alcuni mesi, Ford aveva abbandonato questa teoria per un'altra. Aveva pensato che se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca, correvano il rischio di cominciare a far lavorare il cervello.

inviato il 07/05/2012
Nei segnalibri di:

Palomar

immagine copertina
Italo Calvino
Palomar
A. MONDADORI
10 righe da pagina 35:

La luna di pomeriggio nessuno la guarda, ed è quello il momento in cui avrebbe più bisogno del nostro interessamento, dato che la sua esistenza è ancora in forse. E' un'ombra biancastra che affiora dall'azzurro intenso del cielo, carico di luce solare; chi ci assicura che ce la farà anche stavolta a prendere forma e lucentezza?
E' così fragile e pallida e sottile; solo da una parte comincia ad acquistare un contorno netto come un arco di falce, e il resto è ancora tutto imbevuto di celeste.

inviato il 24/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :) anno di edizione?

Partecipo a I tuoi classici libri http://scrivi.10righedailibri.it/i-tuoi-classici-libri

Sara, vuoi partecipare a http://scrivi.10righedailibri.it/i-tuoi-classici-libri/ con queste tue 10 righe? :)

Ricordi di un vicolo cieco

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Ricordi di un vicolo cieco
Feltrinelli
10 righe da pagina 94:

Nei libri illustrati che leggevo da piccola, le luci che si intravedevano da lontano erano sempre un simbolo di calore.
Lo erano le luci avvistate da qualcuno che si era perso lungo un sentiero di montagna, e quelle di una casa piena di rumori e di voci, che risvegliavano un'improvvisa nostalgia in un uomo che vagava tutto solo.
Naturalmente in molti racconti la storia prende poi una piega imprevista, e possono accadere fatti spaventosi. Ma la sensazione che si prova nel vedere una luce è universale. E' una sensazione di calore eterno, comune a tutti i paesi del mondo.

inviato il 16/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

aggiungo segnalibro

Il cavaliere inesistente

immagine copertina
Italo Calvino
Il cavaliere inesistente
A. MONDADORI
10 righe da pagina 62:

Non c'è difesa né offesa, non c'è senso di nulla, - disse Torrismondo. - La guerra durerà fino alla fine dei secoli e nessuno vincerà o perderà, resteremo fermi gli uni di fronte agli altri per sempre. E senza gli uni gli altri non sarebbero nulla e ormai sia noi che loro abbiamo dimenticato perché combattiamo... Senti queste rane? Tutto quel che facciamo ha tanto senso e tanto ordine quanto il loro gracidio, il loro saltare dall'acqua alla riva e dalla riva all'acqua...

inviato il 10/04/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Sara di che anno è il libro?

aggiungo segnalibro

10 righe condivise sui social 10righedalibri :)

Arcipelago Gulag

immagine copertina
Solzeniccyn
Arcipelago Gulag
Arnoldo Mondadori 1974
10 righe da pagina 304:

Dimentichiamo tutto. Ricordiamo, non i fatti, non la storia, ma soltanto quei punti stampigliati che ci hanno voluto imprimere nella memoria mediante un incessante martellamento.
Non so se sia proprio a tutta l'umanità, ma è certamente un tratto del nostro popolo.
Un tratto sgradevole. Forse è dovuto a bontà, ma ciò non toglie che è sgradevole.
Ci rende facile preda di mentitori. Così, se non vogliono che ricordiamo i processi pubblici, noi non li ricordiamo.

inviato il 18/09/2012
Nei segnalibri di:

Se una notte d'inverno un vaggiatore

immagine copertina
Italo Calvino
Se una notte d'inverno un vaggiatore
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 62:

Ci sono giorni in cui ogni cosa che vedo mi sembra carica di significati: messaggi che mi sarebbe difficile comunicare ad altri, definire, tradurre in parole, ma che appunto perciò mi si presentano come decisivi. Sono annunci o presagi che riguardano me e il mondo insieme: e di me non gli avvenimenti esteriori dell’esistenza ma ciò che accade dentro, nel fondo; e del mondo non qualche fatto particolare ma il modo d’essere generale di tutto. Comprenderete dunque la mia difficoltà a parlarne, se non per accenni.

inviato il 10/09/2012
Nei segnalibri di:

Delitto e castigo

immagine copertina
Fedor Dostoevskij
Delitto e castigo
Tradotto da Alfredo Polledro
Einaudi 1993
10 righe da pagina 345:

-Io non credo alla vita futura, - disse Raskòl'nikov. Svidrigajlov stava a sedere soprappensiero.
-E se là non ci fossero che dei ragni o qualche altra cosa del genere? - disse a un tratto.
“Questo è pazzo”, pensò Raskòl'nikov.
-A noi, ecco, l'eternità si presenta sempre come un'idea che non si può comprendere, come una cosa immensa, immensa! Ma perché proprio immensa? E se poi, invece di tutto ciò, figuratevi, ci fosse di là solo una stanzetta, qualcosa come un bagno rustico, affumicato, e per tutti gli angoli dei ragni, ed eccoti tutta l'eternità! Io, sapete, mi sogno alle volte qualcosa del genere.
-Ed è possibile, è mai possibile che non vi si presenti nulla di più consolante e di più giusto! - gridò Raskòl'nikov con un sentimento penoso.
-Più giusto? E che ne sappiamo? può anche darsi che questo appunto sia giusto, e, sapete, io avrei proprio fatto così a bella posta! - rispose Svidrigajlov, sorridendo vagamente.

inviato il 10/09/2012
Nei segnalibri di:

Gli ingredienti segreti dell'amore

immagine copertina
Nicolas Barreau
Gli ingredienti segreti dell'amore
Tradotto da Monica Pesetti
Feltrinelli 2010
10 righe da pagina 7:

L'anno scorso, a novembre, un libro mi ha salvato la vita.
Una cosa alquanto improbabile, lo so. Alcuni potrebbero considerarla un'affermazione esagerata, perfino melodrammatica. Eppure è la verità
Non che mi abbiano sparato al cuore e la pallottola si sia miracolosamente conficcata in un grosso tomo di poesie di Boudelaire rilegato in pelle, come accade nei film. Io non ho una vita così avventurosa.
No, il mio stupido cuore era già ferito. Lo avevano spezzato un giorno che sembrava uguale a tutti gli altri.

inviato il 02/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ma io non voglio venire a prendere proprio niente!!!E tu sai già che io a Roma non ci verrò più Elena, è meglio così!!!.... Buona notte a te!!!

non mi è piaciuto il fatto che sia troppo corto, troppo scontato, speravo in più.
Te lo restituirò con tutte le altre cose. Buona notte

Perché dai un 7 scarso, cos'è che non ti è piaciuto?.... Forse a me è piaciuto tanto perché la protagonista è un po come me un po sbadata, ottimista ma sfortunata in amore fino a quando non trova l'uomo della sua vita...Ma se ci hai fatto caso anche il scrittore è timido e riservato un po come il protagonista del libro l'editore Andrè....
Non vedo l'ora di venirmelo a prendere..... :)

Si Susy, mi è piaciuto, quasi tutti i libri che leggo mi piacciono, ma se devo dare un voto, gli darei un 7 scarso. Il cuore cucito 10 e lode

Ciao Elena Turtle, spero che questo libro ti sia piaciuto, a me si è stato il primo libro che ho letto con tanto entusiasmo.....e spero di riuscire a portare a termine anche " Le regole della nebulosa".... buona lettura!!! :)

Ciao, dopo un giorno senza linea, rieccomi qui. Ciao a tutte e grazie per il vostro intervento.

Ciao eccomi qui, scusate il ritardo ma in questi giorni ho seguito 10 righe dalla mia postazione a lavoro velocemente e pochissimo da casa... perchè con il caldo che fa qui a Roma è quasi un suicidio accendere il pc O_o
Comunque ho letto i Vostri commenti e credo che il GIOCO (perchè qui su 10 righe si legge, si scrive, ma si gioca anche)... Il GIOCO appunto è una grande lezione di Vita, chi non sa perdere o giocare in modo leale non è in grado di vivere in una grande "Comunità" fatta di tante persone!!! E non solo!!! Allargare la propria cultura attraverso la lettura dei libri, significa allargare il nostro sguardo, la nostra mente... quindi Gioco e Cultura sono due maestri di vita che ci insegnano a vivere meglio, peccato che tanti perdono questa occasione... E poi se scrivono o no le loro 10 righe a me personalmente poco importa tanto so che ogni giorno leggero' le vostre che mi terranno compagnia e allo stesso tempo mi suggeriscono nuovi libri da comprare :)) Buona notte a domani :))

Ciao a tutte/ tutti :-) ho letto un pò di commenti, e ad esempio io sono una di quelle che ha partecipato pochissimo all'inserimento delle dieci righe, partecipando più come segnalibrante e lettrice delle vostri libri, un pò per pigrizia lo ammetto e un pò per via del lavoro (quando torni a casa dopo una giornata fuori sei distrutta) ma avete ragione, bisogna condividere quel che si può e in modo corretto, quindi cercherò di essere più presente e nelle mie lunghe assenze sono dietro che vi leggo facendomi compagnia con i vostri libri. Buona giornata a tutti e un saluto anche allo STAFF :-)

Ricambio il buongiorno...fanciulle,naty

b giorno ragà ;)

L'ombra del vento

immagine copertina
Carlos Ruiz Zafón
L'ombra del vento
A. MONDADORI

Un giorno sentii dire a un cliente della libreria che poche cose impressionano un lettore quanto il primo libro capace di toccargli il cuore. L'eco di parole che crediamo dimenticate ci accompagna per tutta la vita ed erige nella nostra memoria un palazzo al quale – non importa quanti altri libri leggeremo, quante cose apprenderemo o dimenticheremo – prima o poi faremo ritorno.

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

E' il libro che sto leggendo in questi giorni!

ha ragione Zafon, la biblioteca dei libri dimenticati è un palazzo magico ed incantato, ma è soprattutto la mente e il cuore di ciascun lettore! :)

L'eleganza del riccio

immagine copertina
Muriel Barbery
L'eleganza del riccio
Tradotto da Tradotto da Emanuelle Caillat e Cinzia Poli
E/O Collana Dal Mondo 2007

…Il bello é ciò che cogliamo mentre sta passando. E l'effimera configurazione delle cose nel momento in cui ne vedi insieme la bellezza e la morte....questo significa che é cosi che dobbiamo vivere? Sempre in equilibrio tra la bellezza e la morte, tra il movimento e la sua scomparsa? Forse essere vivi é proprio questo: andare alla ricerca degli istanti che muoiono....…Il bello é ciò che cogliamo mentre sta passando. E l'effimera configurazione delle cose nel momento in cui ne vedi insieme la bellezza e la morte....questo significa che é cosi che dobbiamo vivere? Sempre in equilibrio tra la bellezza e la morte, tra il movimento e la sua scomparsa? Forse essere vivi é proprio questo: andare alla ricerca degli istanti che muoiono....

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!!!

Complimenti Sweets con queste righe ti sei aggiudicata il libro incentivo di questa settimana, adesso devi scegliere le tue 10 righe preferite fra quella che verranno condivise da oggi e fino alle 24 di domenica notte.
dimenticavo ci serve un tuo recapito ;)
invialo a
libroincentivo@10righedailibri.it

bel libro :)

:)

aggiungo segnalibro!!!!!!!!

Dai Sweets non mollare!

segnalibro

L'ombra del vento

immagine copertina
Carlos Ruiz Zafón
L'ombra del vento
A. MONDADORI

"Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi lo ha scritto e l'anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza."

inviato il 21/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie Rachele!! :D

Grazie Rachele :))
Claudia invia il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao, Claudia! La settimana scorsa ho avuto il libro incentivo, e devo scegliere a chi assegnare un libro tra le 10 righe di questa settimana. scelgo le tue 10 righe!

Belle queste righe!

aggiungo segnalibro

aggiungo segnalibro

Dono di cenere

immagine copertina
Laurell K.Hamilton
Dono di cenere
TEA

Di solito la gente non fissa le cicatrici. Le guarda, è ovvio, ma solo per un momento. Sapete com'è: un'occhiatina, e si abbassa lo sguardo; poi si lancia una seconda occhiata, ma sempre in fretta. Le ferite non sono poi così spaventose, però sono interessanti.

inviato il 08/05/2012
Nei segnalibri di:

Il metodo del coccodrillo

immagine copertina
Maurizio de Giovanni
Il metodo del coccodrillo
A. MONDADORI 2012
10 righe da pagina 9:

La Morte arriva sul binario tre alle otto e quattordici, con sette minuti di ritardo.
Si confonde tra i pendolari, sballottata da zaini e cartelle, da trolley e valigie che non sentono il suo alito freddo.
La Morte cammina incerta, difendendo se stessa dalla fretta altrui. Adesso è nella grande sala della stazione, tra urla di ragazzini e odore di cornetti scongelati. Si guarda attorno, si asciuga una lacrima sotto la lente sinistra con un gesto rapido, e il fazzoletto torna nel taschino della giacca.
Individua l'uscita dal rumore e dal flusso della gente, in mezzo a tutti i negozi nuovi. Non riconosce il posto, del resto tutto è cambiato in tanti anni. Ha preparato ogni cosa, per filo e per segno, e questa ricerca dell'uscita sarà l'unico attimo di incertezza.
Nessuno la vede. Gli occhi di un ragazzo appoggiato a un pilastro a fumare le scivolano addosso come fosse trasparente.
…Sale su una macchina malandata.
La Morte è arrivata in città.

inviato il 08/05/2012
Nei segnalibri di:

Esercizi d'amore

immagine copertina
Alain de Botton
Esercizi d'amore
Tradotto da Paola Martinelli
Super Pocket 2002
10 righe da pagina 117:

Non ci si deve sorprendere se un linguaggio così autoreferente tedia coloro che ne sono esclusi.
Più la familiarità tra due persone aumenta, più il linguaggio con cui comunicano diverge dall'abituale conversazione regolata dal vocabolario. La confidenza crea un linguaggio nuovo, un linguaggio domestico di intimità, ricco di riferimenti all'intreccio amoroso, e che non può essere facilmente compreso da altri. E' un linguaggio allusivo a quel bagaglio di esperienze comuni, contiene la storia della relazione, è ciò che fa sì che parlare alla persona amata è cosa diversa dal parlare a chiunque altro.

inviato il 07/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Non ho voluto sapere, ma ho saputo che una delle bambine, quando non era più bambina ed era appena tornata dal viaggio di nozze, andò in bagno, si mise davanti allo specchio, si sbottonò la camicetta, si sfilò il reggiseno e si cercò il cuore con la canna della pistola di suo padre, il quale si trovava in sala da pranzo in compagnia di parte della famiglia e di tre ospiti. Quando echeggiò lo sparo, più o meno cinque minuti dopo che la bambina si era allontanata, il padre non si alzò subito da tavola, ma restò per qualche secondo incapace di...
(UN CUORE COSI' BIANCO, di Javier Marìas, trad. di Paola Tomasinelli. EINAUDI TASCABILI)

voglio leggerlo!

I TUOI CLASSICI libri

I TUOI CLASSICI libri 6 years 26 settimane fa

Partecipo con Italo Calvino - Palomar
http://scrivi.10righedailibri.it/palomar-0

Palomar

Palomar 6 years 26 settimane fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy