Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Martina Dei Cas

La Reina del Sur

immagine copertina
Arturo Perez Reverte
La Reina del Sur
Debolsillo 2015
10 righe da pagina 229:

Teresa comprobò que lo que no era mas que un objeto inerte de tinta y papel, cobraba vida cuando alguien pasaba sus paginas y recorria sus lineas, proyectando allì su existencia, sus aficiones, sus gustos, sus virtudes o sus vicios. Y ahora tenia la certeza de algo vislumbrado al principio, cuando comentaba con Pati O'Farrell las andanzas del infortunado y luego afortunado Edmundo Dantes: que no hay dos libros iguales porque nunca hubo dos lectores iguales. Y que cada libro leido es, como cada ser humano, un libro singular, una historia unica y un mundo aparte.

inviato il 02/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Teresa si accorse che quello che non era altro che un oggetto inerte fatto di carta ed inchiostro, acquistava vita quando qualcuno lo sfogliava e percorreva le sue linee, proiettando lì la sua esistenza, i suoi affetti, gusti, virtù o vizi...e adesso aveva la certezza di qualcosa intravisto al principio, quando commentava con Pati O'Farrell le vicende dello sfortunato e poi fortunato Edmondo Dantes: che non ci sono due libri uguali perchè non ci sono due lettori uguali. E che ogni libro è, come ogni essere umano, un libro singolo, una storia unica e un mondo a parte.

Due splendidi destini

immagine copertina
Nadia Hashimi
Due splendidi destini
Tradotto da Laura Prandino
Edizione Piemme 2015
10 righe da pagina 41:

"Siddiq-jan, cosa stai raccontando alle tue cugine?"
"Stavo solo raccontando dell'Amrika, Boba-jan. Che lanciano razzi ai talebani!"
"Padar-jan" chiese timidamente Shahla. "I talebani hanno distrutto molte case in Amrika?"
"No, bachem. Qualcuno ha distrutto un grosso edificio in Amrika. Adesso loro si sono arrabbiati e sono venuti a cercare il colpevole e la sua gente."
"Un edificio solo?"
"Sì."
Restammo in silenzio. Sembravano buone notizie. Un grande e potente paese era venuto in nostro soccorso! La nostra gente aveva un alleato nella guerra contro i talebani!
Ma Boba-jan aveva letto negli occhi di Shahla che qualcosa la tormentava, e sapeva cosa. Perchè l'Amrika se l'era presa tanto per la distruzione di un solo edificio? Metà del nostro paese era stato ridotto in briciole dai talebani. Stavamo pensando tutte la stessa cosa.
Se solo l'Amrika se la fosse presa anche per quello.

inviato il 02/06/2015
Nei segnalibri di:

Il quaderno del destino

immagine copertina
Martina Dei Cas
Il quaderno del destino
PROSPETTIVA EDITRICE 2015
10 righe da pagina 60:

"Senti" disse Joaquin all'improvviso "oggi ci siamo aiutati a vicenda a sfuggire alla polizia, che vuole separarci dai nostri amici e spedirci in orfanotrofio. Questo vuol dire che siamo l'uno la famiglia dell'altro."
Thalia non capiva.
"Insomma" chiese ancora il bambino "vuoi essere la mia fidanzata?"
"No!"
"Perché?"
"Perché i fidanzati si lasciano."
Joaquin pensò al padre che non aveva mai conosciuto e al patrigno che l'aveva amato come un figlio finché sua madre non era morta. "Hai ragione" ammise.
"Però se vuoi posso essere tua sorella!"
"Perché?"
"Perché i fratelli sono per sempre."

inviato il 29/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ecco le dieci righe da me scelte per la finale: http://scrivi.10righedailibri.it/il-profumo-della-rosa-di-mezzanotte-0
Buone letture!

Ciao Martina le tue dieci righe sono nella finale di maggio. Da oggi a domenica 10 lascia qui nei commenti il link delle tue 10righe preferite... grazie.

Phantom

immagine copertina
Terry Goodkind
Phantom
TOR 2006
10 righe da pagina 126:

Richard thought that maybe he should have been angry at the lecture, but he could no longer summon anger; it was slipping away. "I already know what will happen if we fail, Shota. I already know what the Imperial Order is like. I already know what awaits us if we lose in this struggle."
Shota shook her head. "You know what it is like after. You know what it is like to see the dead. But the dead can no longer feel. The dead can't scream. The dead can't cry in terror. The dead can't beg for mercy.
You know what it is like to see the wreckage the morning after the storm. You need to hear from one who was there when the storm broke. You need to hear what it was like when the legions came. You need to hear the reality of what it will be like for everyone. You need to know what will happen to those alive if you fail to do what only you can do."

inviato il 09/04/2015
Nei segnalibri di:

Il Coraggio e la Promessa

immagine copertina
Giuseppe Marletta
Il Coraggio e la Promessa
Youcanprint 2014
10 righe da pagina 252:

E' importante studiare, perché così si riesce a sconfiggere i prepotenti, che contano sull'ignoranza del popolo per fare cose molto brutte, come sta avvenendo nella nostra bella Italia. Non so quando potremo rivederci: penso che ci vorrà molto tempo. Nel frattempo ti consiglio di continuare a leggere tanto: i libri sono i nostri migliori compagni e ci proiettano verso mondi incredibili, nei quali possiamo realizzare i nostri sogni, anche quando intorno a noi tutto va male.

inviato il 23/03/2015
Nei segnalibri di:

Di Sangue e di Sogno

immagine copertina
Graziano Turrini
Di Sangue e di Sogno
Panda 2014
10 righe da pagina 8:

"Come ti chiami?Dai, parlami, che adesso il peggio è passato. Quanti anni hai?Da dove vieni?"
"Juan...sono Juan Barradiaga, di Los Mangos... della comunità Los Mangos, ed ho diciassette anni. Ma...come sta Camilo?"
Camilo era il suo compagno. Al villaggio, erano di guardia loro due quando era iniziato l'attacco dei contras, fulmineo e vigliacco come sempre; arrivarono in una decina, con uniformi lucide e fucili mitragliatori nuovi di zecca, recenti forniture degli yanquis.

inviato il 03/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

...una piccola grande storia centroamericana, perchè oggi più che mai abbiamo bisogno di ricordare che la democrazia non ha prezzo nè colore!

Ho sognato la cioccolata per anni

Trudi Birger
Ho sognato la cioccolata per anni
Tradotto da Maria Luisa Cesa Bianchi
Piemme 2000
10 righe da pagina 13:

Era una mattina soleggiata del luglio 1944. Eravamo rimasti chiusi nei carri ferroviari per tre giorni, senza quasi niente da mangiare. Ma nonostante la fame, la fatica e la paura, nonostante l'umiliazione di essere stata spogliata, di avere un numero tatuato sul braccio, nonostante il terrore causato dalle kapò in divisa, con gli scudisci che sibilavano minacciosamente al loro fianco, il sole e l'aria fresca mi infusero un po' di energia. Ero una ragazzina di sedici anni, magra e fisicamente immatura, ma possedevo ancora, chissà come, una riserva di prorompente vitalità.

inviato il 27/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

...le dieci righe della settimana che più mi piacciono sono quelle di Cristina Fanni tratte da "La profezia della curandera"!

Grazie mille!Sono proprio contenta...buone letture a tutti!

Ciao Martina, hai vinto il libro incentivo nella classifica 10 righe più segnalibrate del mese di Gennaio... Complimenti!!!! Inviaci il tuo indirizzo a
libroincentivo@10righedailibri.it
RICORDATI DI COMUNICARCI LE DIECI RIGHE CHE PIù TI PIACCIONO, PARTENDO DA OGGI 2 FEBBRAIO A DOMENICA 08 FEBBRAIO

Purtroppo non c'è un modo semplice e indolore di spiegare l'Olocausto ai bambini, ma se ci fosse...sarebbe questo libro! Assolutamente consigliato...

righe "speciali" , veramente da non dimenticare e quel titolo del libro mitiga in un certo senso la tristezza del testo.

Il serpente di Dio

immagine copertina
Nicolai Lilin
Il serpente di Dio
Einaudi 2014
10 righe da pagina 65:

Andrej e Ismail erano cresciuti insieme, erano vicini di casa e i loro padri erano amici. Sin da piccoli avevano imparato a vedere il mondo attraverso gli occhi degli altri.
Anche se le loro famiglie appartenevano a religioni differenti, non avevano mai considerato quelle diversità un motivo di separazione tra gli esseri viventi. I loro genitori e i vecchi del villaggio gli avevano insegnato che Dio è unico e non cambia la sua natura a seconda della maniera in cui viene lodato, perchè il suo linguaggio comprende ogni cuore, ogni pensiero, ogni anima.

inviato il 22/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Libro incentivo arrivato!!!Grazie mille alla Fazi Editore per avermi spedito Don Casmurro dello scrittore brasiliano Machado de Assis...non vedo l'ora di cominciarlo! :)

Wow!Che bella notizia, grazie mille! :)

Complimenti Martina, hai vinto un libro incentivo per essere stata la più votata dagli utenti. Ricordati di comunicarci l’indirizzo dove verrà spedito il libro che hai vinto a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Martina, sei nella classifica 10 righe scelte dagli utenti.
Il 31 ottobre chi ha il maggior numero di segnalibri nella classifica 10 righe scelte da Voi si aggiudicherà un libro incentivo. Buone Letture :)

Caro Staff, ho letto il regolamento, ma non ho ben capito come funziona adesso, cosa devo fare? :)

Una terra chiamata Alentejo

immagine copertina
Josè Saramago
Una terra chiamata Alentejo
Tradotto da Rita Desti
Bompiani 1992
10 righe da pagina 167:

Tutti gli anni, a date fisse, la patria chiama i suoi figlioli. E' un modo di dire esagerato, un'astuta copia di alcuni proclami utilizzati in momenti di difficoltà nazionale, o di chi parla a suo nome, quando è importante, per fini confessi o inconfessi, che ci presentiamo come un'immensa famiglia tutta fatta di fratelli, senza distinzione fra Abele e Caino. La patria chiama i suoi figlioli, si sente la voce della patria chiamare, e tu che fino a oggi non hai meritato nulla, neanche il pane per la fame che hai, neanche la medicina per la malattia che s'impossessa di te, neanche la conoscenza per l'ignoranza, tu, figlio di questa madre rimasta lì ad aspettarti quando sei nato, tu vedi il tuo nome su un foglio esposto sulla porta della delegazione, non sai leggere, ma qualcuno istruito ti indica col dito la riga dove si arrotola e srotola un lombrico nero, sei tu, vieni a sapere che quel lombrico sei tu e quello è il tuo nome, scritto dall'amanuense del distretto di reclutamento.

inviato il 15/09/2014
Nei segnalibri di:

Think twice

immagine copertina
Lisa Scottoline
Think twice
pan books 2010
10 righe da pagina 46:

Judy asked, "Meanwhile, do you believe in evil, anyway?"
"Of course," Mary answered. "Evil exists in the world. Look at serial killers."
Anthony nodded. "And history. Hitler, Stalin, Pol Pot."
Judy scoffed. "But that's people. Evil resides in people. Anyone, given the right circumstances, is capable of evil. Evil is within us. That's what's so scary about it."
Mary turned around. "You really think that? You're capable of evil?"
"Yes. I'm human, and part of being human is evil, or at least the potential for it. Why, what do you think Mare?"
All of them fell suddenly silent, and Mary sensed they were waiting for her answer. The car came to rest at a stoplight, bathing them in blood-red.
"I hope you're wrong," she said, in the dark light.

inviato il 15/05/2014
Nei segnalibri di:

Seta

immagine copertina
Alessandro Baricco
Seta
Feltrinelli

Poiché la disperazione era un eccesso che non gli apparteneva, si chinò su quanto era rimasto della sua vita, e riniziò a prendersene cura, con l'incontrollabile tenacia di un giardiniere al lavoro, il mattino dopo il temporale.

inviato il 02/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

ops...

Roberta, aggiungi altre 4/5 righe ;)

I sommersi e i salvati

immagine copertina
Primo Levi
I sommersi e i salvati
Einaudi 2015
10 righe da pagina 223:

"Visto che li avreste uccisi tutti… che senso avevano le umiliazioni, le crudeltà?", chiede la scrittrice a Stangl, detenuto a vita nel carcere di Düsseldorf; e questi risponde: "Per condizionare quelli che dovevano eseguire materialmente le operazioni. Per rendergli possibile fare ciò che facevano". In altre parole: prima di morire, la vittima dev’essere degradata, affinché l’uccisore senta meno il peso della sua colpa. È una spiegazione non priva di logica, ma che grida al cielo: è l’unica utilità della violenza inutile.

inviato il 01/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Primo Michele Levi (Torino, 31 luglio 1919)

La Reina del Sur

immagine copertina
Arturo Perez Reverte
La Reina del Sur
Debolsillo 2015
10 righe da pagina 229:

Teresa comprobò que lo que no era mas que un objeto inerte de tinta y papel, cobraba vida cuando alguien pasaba sus paginas y recorria sus lineas, proyectando allì su existencia, sus aficiones, sus gustos, sus virtudes o sus vicios. Y ahora tenia la certeza de algo vislumbrado al principio, cuando comentaba con Pati O'Farrell las andanzas del infortunado y luego afortunado Edmundo Dantes: que no hay dos libros iguales porque nunca hubo dos lectores iguales. Y que cada libro leido es, como cada ser humano, un libro singular, una historia unica y un mundo aparte.

inviato il 02/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Teresa si accorse che quello che non era altro che un oggetto inerte fatto di carta ed inchiostro, acquistava vita quando qualcuno lo sfogliava e percorreva le sue linee, proiettando lì la sua esistenza, i suoi affetti, gusti, virtù o vizi...e adesso aveva la certezza di qualcosa intravisto al principio, quando commentava con Pati O'Farrell le vicende dello sfortunato e poi fortunato Edmondo Dantes: che non ci sono due libri uguali perchè non ci sono due lettori uguali. E che ogni libro è, come ogni essere umano, un libro singolo, una storia unica e un mondo a parte.

Non dirmi che hai paura

immagine copertina
Giuseppe Catozzella
Non dirmi che hai paura
Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 148:

Mi avrebbe anche aiutato a partire,avrebbe cercato di facilitare le procedure per i miei documenti. Nonostante questo ero ferma sulla mia posizione:non avrei lasciato hooyo,i miei fratelli e il mio paese per niente al mondo. Un giorno sarei riuscita a vincere le Olimpiadi,e lo avrei fatto da donna somala e musulmana. Con il volto scoperto e gli occhi rivolti al cielo. Dentro una telecamera avrei parlato a tutto il mondo di cosa significa combattere senza mezzi per raggiungere la liberazione.

inviato il 13/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Catozzella (Milano, 18 giugno 1976)

Pubblicato nel 2014

Due splendidi destini

immagine copertina
Nadia Hashimi
Due splendidi destini
Tradotto da Laura Prandino
Edizione Piemme 2015
10 righe da pagina 41:

"Siddiq-jan, cosa stai raccontando alle tue cugine?"
"Stavo solo raccontando dell'Amrika, Boba-jan. Che lanciano razzi ai talebani!"
"Padar-jan" chiese timidamente Shahla. "I talebani hanno distrutto molte case in Amrika?"
"No, bachem. Qualcuno ha distrutto un grosso edificio in Amrika. Adesso loro si sono arrabbiati e sono venuti a cercare il colpevole e la sua gente."
"Un edificio solo?"
"Sì."
Restammo in silenzio. Sembravano buone notizie. Un grande e potente paese era venuto in nostro soccorso! La nostra gente aveva un alleato nella guerra contro i talebani!
Ma Boba-jan aveva letto negli occhi di Shahla che qualcosa la tormentava, e sapeva cosa. Perchè l'Amrika se l'era presa tanto per la distruzione di un solo edificio? Metà del nostro paese era stato ridotto in briciole dai talebani. Stavamo pensando tutte la stessa cosa.
Se solo l'Amrika se la fosse presa anche per quello.

inviato il 02/06/2015
Nei segnalibri di:

I miei sette figli

immagine copertina
Alcide Cervi
I miei sette figli
Einaudi 2013
10 righe da pagina 71:

Tu, Alcide Cervi, scrivi un libro? Io non ci ho mai pensato, a questo. Né avrei potuto farlo. Quando l’anno scorso andai a Genova, al Congresso dei partigiani, una madre mi abbracciò e mi disse: papà Cervi, anche a me hanno ammazzato il figlio. Era l’unico figlio. Ma che è uno, per te che ne hai perduti sette? Io le alzai il viso dalla spalla mia e dissi: Tu ne avevi uno, e quello ti hanno preso. Io ne avevo sette, e sette me ne hanno presi. È lo stesso. Non c’è diversità.

inviato il 04/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Giovanni ;)

Alcide Cervi - 6 maggio 1875, Campegine (Reggio Emilia)

QUANTE COSE CHE NON SAI DI ME - Le 7 anime di Ligabue

immagine copertina
10 righe da pagina 130:

Mi piace pensare che le valutazioni siano sempre fortemente soggettive in base ai diversi effetti emotivi, molto difficilmente analizzabili, che quella canzone ha avuto sulla persona che la giudica. E infine mi piace pensare che le canzoni che più di altre sono finite nella vita di un grosso numero di persone siano tutte frutto dell'emozione che le ha originate: scritte solo perché qualcuno aveva bisogno di dire quelle cose.

inviato il 02/06/2015
Nei segnalibri di:

I tre moschettieri

immagine copertina
A.Dumas
I tre moschettieri
Tradotto da Antonio Beltramelli
Mondadori 1993
10 righe da pagina 445:

"Signor d'Artagnan,
"I signori Athos,Porthos, e Aramis,dopo una buona festicciuola nel mio locale ed essersi divertiti,hanno fatto tanto chiasso che il prevosto del castello uomo severissimo,li ha consegnati per qualche giorno.Tuttavia , eseguisco l'ordine che essi mi hanno dato di inviarvi dodici bottiglie del mio vino d'Angiò,da loro molto apprezzato;essi vogliono che beviate alla loro salute con questo vino da essi preferito.
Ho fatto quanto dovevo,e col massimo rispetto mi dico vostro umilissimo e ubbidientissimo servitore
Godeau
vivandiere dei tre moschettieri."

inviato il 02/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

L'ho letto anch'io Il club Dumas! :)

Grazie Martina per la segnalazione,prendo nota,ciao

Li adoro...se ti piacciono i moschettieri ti consiglio IL CLUB DUMAS di Arturo Perez Reverte :)

Il Conte di Montecristo

immagine copertina
Alexander Dumas
Il Conte di Montecristo
Tradotto da E. Franceschini
Crescere Edizioni 2012
10 righe da pagina 31:

Quando fu una ventina di passi, Danglars si voltò e vide Fernando precipitarsi sul foglio e metterlo in tasca; poi subito balzare fuori dal pergolato, e andarsene dalla parte del Pilone.
"Ebbene, che fa dunque?" Disse Caderousse, "Ha mentito; ci ha detto che andava ai Catalani ed ha voltato dalla parte della città. Olà! Fernando, tu ti sbagli, caro ragazzo!"
"Sei tu che vedi male" disse Danglars, "egli segui direttamente la strada delle Vecchie Infermerie."
"Davvero?" Disse Caderousse. "Eppure giurerei che ha voltato a destra! Decisamente il vino è traditore!"
"Andiamo, andiamo" mormorò Danglars, "credo che l'affare sia bene avviato e non resti altro che lasciarlo progredire da sé."

inviato il 01/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff :)

Giovanni, ecco le tue 10 righe su Fai http://fai.informazione.it/up/10righedailibri/inserite/tutte/1 :)

Grazie mille :)

Ciao Giovanni, le tue 10 righe hanno vinto la classifica settimanale di giugno :-) manda i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it :-)

Grazie Giovanni :-)

Il profumo della rosa di mezzanotte

immagine copertina
Lucinda Riley
Il profumo della rosa di mezzanotte
Tradotto da Lisa Maldera
Giunti 2014
10 righe da pagina 347:

"Bene allora è arrivato il momento di salutarci."
"Sii felice amica mia"dissi,mentre il portiere arrivava per portare la mia valigia al
piano di sotto.
"Lo farò.E anche tu,Anni.Non dimenticherò mai quello che hai fatto per me.Non so se sarò mai in grado di ripagarti,ma sappi che se mai dovessi avere bisogno di me,devi solo chiedere."
"Grazie"annuii,poi mi girai e mi diressi verso l'uscita.Non mi voltai nemmeno una
volta,perché sapevo che,se l'avessi fatto,sarei scoppiata in un pianto disperato.
Fuori Place Vendome,rimasi dov'ero per qualche minuto,cercando di ricompormi.
Mi avvicinai alla prima cassetta postale e imbucai la lettera che avevo scritto a Donald,spiegandogli che sarei stata via per un po' di tempo.E poi presi la mia valigia
e mossi i primi passi verso l'ignoto.

inviato il 25/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Martina,grazie,per avere scelto queste righe che parlano di amicizia...

Ecco le dieci righe da me scelte per la finale del mese di maggio, buone letture a tutti! :)

La Reina del Sur

La Reina del Sur 1 year 24 settimane fa

Teresa si accorse che quello che non era altro che un oggetto inerte fatto di carta ed inchiostro, acquistava vita quando qualcuno lo sfogliava e percorreva le sue linee, proiettando lì la sua esistenza, i suoi affetti, gusti, virtù o vizi...e adesso aveva la certezza di qualcosa intravisto al principio, quando commentava con Pati O'Farrell le vicende dello sfortunato e poi fortunato Edmondo Dantes: che non ci sono due libri uguali perchè non ci sono due lettori uguali. E che ogni libro è, come ogni essere umano, un libro singolo, una storia unica e un mondo a parte.

Il quaderno del destino

Il quaderno del destino 2 years 7 settimane fa

Ecco le dieci righe da me scelte per la finale: http://scrivi.10righedailibri.it/il-profumo-della-rosa-di-mezzanotte-0
Buone letture!

Il profumo della rosa di mezzanotte

Il profumo della rosa di mezzanotte 2 years 7 settimane fa

Ecco le dieci righe da me scelte per la finale del mese di maggio, buone letture a tutti! :)

I tre moschettieri

I tre moschettieri 2 years 7 settimane fa

Li adoro...se ti piacciono i moschettieri ti consiglio IL CLUB DUMAS di Arturo Perez Reverte :)

L'esercito dei demoni

L'esercito dei demoni 2 years 17 settimane fa

...sempre fantastico Terry! ;)

Ho sognato la cioccolata per anni

Ho sognato la cioccolata per anni 2 years 24 settimane fa

...le dieci righe della settimana che più mi piacciono sono quelle di Cristina Fanni tratte da "La profezia della curandera"!

Ho sognato la cioccolata per anni 2 years 24 settimane fa

Grazie mille!Sono proprio contenta...buone letture a tutti!

Ho sognato la cioccolata per anni 2 years 25 settimane fa

Purtroppo non c'è un modo semplice e indolore di spiegare l'Olocausto ai bambini, ma se ci fosse...sarebbe questo libro! Assolutamente consigliato...

La profezia della curandera

La profezia della curandera 2 years 24 settimane fa

Cara Cristina, ottima scelta...questo è uno dei miei libri preferiti di sempre. Perciò queste sono le mie dieci righe preferite della settimana!!! :)

Di Sangue e di Sogno

Di Sangue e di Sogno 2 years 24 settimane fa

...una piccola grande storia centroamericana, perchè oggi più che mai abbiamo bisogno di ricordare che la democrazia non ha prezzo nè colore!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy