Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di rosaneve@hotmail.it

IERI AVEVO PAURA. OGGI HO UNA VALIGIA. Panico e viaggi: un percorso di rinascita attraverso le proprie passioni.

immagine copertina

Secondo alcune teorie, il luogo in cui viviamo può influenzare il nostro umore. Anche io ne sono fermamente convinta.
Ed è con questa convinzione che presi a viaggiare a modo mio; il mio scopo non era solo quello di vedere posti tanto acclamati dalle riviste turistiche, di visitare monumenti famosi e così via. Io volevo scoprire come viveva la gente; volevo mischiarmi con loro per poter carpire qualcosa della loro quotidianità e poter cogliere almeno un poco di autenticità, ovunque capitassi. Ovunque nel mondo.

inviato il 14/04/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao rosaneve@hotmail.it sei nella finale di Aprile, 10 righe scelte da Voi utenti.

D'AMORE SI MUORE MA IO NO: IL PRIMO ROMANZO DELL'ULTIMO DEI POETI

immagine copertina

Dormiveglia.
Che bella parola "dormiveglia".
Come "bagnasciuga".
Come "nottetempo", come "castigamatti", come "gommapane", quante belle parole abbiamo.
Abbiamo un sacco di splendide parole che non usiamo, che dimentichiamo, e loro, le parole, rimangono lì, abbandonate e tristi, al freddo, in una specie di luogo vuoto, come un deserto di sale, con il cielo grigio.
Il posto delle parole dimenticate me lo immagino come un deserto freddo, dove le parole aspettano che qualcuno le usi, ma capita cosi raramente. O mai.
Poi gli viene la tosse e muoiono.
"Anatema", "rincitrullito", "ridondanza", "abnorme", "azzimato", "fecondo", "illusorio", "savio", "inettitudine", "lallazione", "irriguardoso", "refolo", "pimpiripettenusa", "facezia", "rinfocolare", "fifone".

inviato il 26/03/2017
Nei segnalibri di:

MELODY

immagine copertina
SHARON M. DRAPER
MELODY
Tradotto da ALESSANDRO PERONI
Feltrinelli 2016

Parole.
Sono circondata di parole. Migliaia di parole. Forse milioni.
Cattedrale. Maionese. Melagrana.
Mississippi. Napoletano. Ippopotamo.
Vellutato. Terrificante. Iridescente.
Solletico. Starnuto. Desiderio. Ansia
Le parole mi turbinano intorno da sempre come fiocchi di neve, tutte delicate e diverse, e tutte mi si sciolgono in mano prima che le tocchi.
Dentro di me le parole si ammassano in cumuli enormi. Montagne di frasi, di locuzioni e di idee interconnesse. Espressioni argute. Battute di spirito. Canzoni d'amore.
Fin da quando ero piccolissima le parole per me erano dolci doni liquidi che bevevo come limonata. Potevo quasi sentirne il sapore. Davano sostanza ai miei pensieri e ai miei sentimenti confusi. I miei genitori mi hanno sempre avvolta con i loro discorsi. Si esprimevano con parole e suoni. Mio padre cantava per me. Mia madre mi infondeva forza sussurrandomi all'orecchio.
Quando avevo due anni, tutti i miei ricordi erano associati a parole e tutte le parole avevano un significato.
Ma solo nella mia testa.
Non ho mai detto una parola. Ho quasi undici anni.

inviato il 26/03/2017
Nei segnalibri di:

GELIDA

immagine copertina
KENDRA ELLIOT
GELIDA
Tradotto da ELENA PAPALEO
Amazon Kindle 2016

"Per un po' sono rimasto sveglio laà sotto"
"Cavolo. Non ci posso credere..." Ryan spalancò gli occhi.
"A ripensarci, mi meraviglio di come abbia fatto a rimanere calmo. All'inizio volevo gridare, scavare e lottare. Ma dopo i primi istanti di panico ho solo accettato la situazione. Sapevo che non c'era nulla da fare. E mi andava bene. Ero quasi tranquillo."
Incrociò lo sguardo incuriosito di Ryan ma si tenne per sé il sogno su Brynn. Da quando lo avevano tirato fuori, aveva pensato un sacco a lei. Quando l'aveva vista per la prima volta sopra di lui, sembrava spaventata a morte; poi il sollievo le aveva riempito lo sguardo.
Nello stesso istante, era scattato qualcosa in lui, che lo aveva legato a quella donna. Un che di cosmico e bizzarro. Aveva già sentito che i soccorritori conservavano per sempre un pezzo dell'anima delle persone che salvavano. Non immaginava che sarebbe capitato anche a lui.

inviato il 26/03/2017
Nei segnalibri di:

Piccoli esperimenti di felicità

immagine copertina
Hendrik Groen
Piccoli esperimenti di felicità
Tradotto da Giorgio Testa
Longanesi 2015

Poi mi ha visitato e ha concluso che il mio declino "mantiene un ritmo accettabile". "Che cos'è accettabile?" ho chiesto. "Be', una curva lievamente discendente, con la probabilità di godere di una qualità della vita sufficiente ancora per qualche anno."
Poi mi ha nuovamente consigliato di iniziare a portare i pannoloni.
Gli ho chiesto cosa ne pensa della qualità della vita dell'anziano con il pannolone.
Ha detto che conosce persone che nonostante il pannolone sono "discretamente" felici.
Dopo aver ingoiato tre volte, gli ho chiesto qual è la sua posizione sull'eutanasia.
Mi ha risposto che non è contrario, ma che non va in giro a sbandierare la sua idea. "Ma potrò contare sulla sua collaborazione se le chiederò consapevolmente di farla finita?" Finalmente mi era uscita la domanda. Ha esitato un istante e ha annuito, cauto. C'è stato un attimo di silenzio. Poi mi ha proposto di parlarne in modo più approfondito un'altra volta. "Sono cose che richiedono più tempo."
Ho dimenticato di chiedere come reagiscono gli anziani alla cocaina. Vorrei provarla, una volta.

inviato il 27/11/2016
Nei segnalibri di:

SMAMMA

VALENTINA DIANA
SMAMMA
EINAUDI 2014

Stavo per dirti.
Ma tu hai fatto di nuovo quel segno con la mano a paletta. e per compendio, nel caso non mi fosse stato ancora chiaro, l'hai detto anche a parole. - Smamma, - hai detto.
Io ho richiuso la bocca, ho richiuso la porta.
Però non mi davo pace. Ho ripreso a parlare col naso a un centimetro dal vetro smerigliato. Da dentro potevi vedere una forma tonda e deforme (la mia faccia) con al centro qualcosa che si muoveva ostinata (la mia bocca) dire: "Il fatto è che io non so come fare con te, e ti vorrei ammazzare. Ti voglio bene. Sei mio figlio. Ma se dei marziani venissero a riprenderti e dicessero Tutto bene, è stato un esperimento, è uno di noi, per questo non vi capivate, ce lo riprendiamo, non dico che sarei sollevata: Stapperei una bottiglia di champagne. Questo perché io ti odio. Io ti amo, a volte, non posso negarlo. Ma la maggior parte del tempo io ti odio".
Avevo detto tutto questo quasi limonando con un vetro smerigliato, ma ne era valsa la pena.

inviato il 02/01/2016
Nei segnalibri di:

Un delitto fatto in casa

Gianni Farinetti
Un delitto fatto in casa
Tascabili Maxi 2011

Finalmente le parole sono state dette, il riconoscimento è avvenuto. Guarienti pensa alla propria cecità che ora paga a caro prezzo. Le parole pronunciate si sono trasformate in una struggente melodia. Appaiono e spariscono come lampi in un cielo offuscato, non rivestono più concetti, ma sono solo gli evanescenti riverberi dei suoi errori.
La testa gli fa male, ma solo se ci pensa. E lui non ci vuole pensare. Il colpo non l'ha quasi schivato e gli è stato inferto con singolare clemenza. Ora due braccia lo stanno spingendo al posto di guida e lui quasi aiuta il suo carnefice a compiere il lavoro in fretta e bene. Non si difende, e come potrebbe? La nuca sanguina debolmente mentre i suoi pensieri galleggiano lontano, verso un lancinante mare d'agosto.

inviato il 27/12/2015
Nei segnalibri di:

QUELLO CHE NON TI HO MAI DETTO

CELESTE NG
QUELLO CHE NON TI HO MAI DETTO
Tradotto da MANUELA FAIMALI
BOLLATI BORINGHIERI 2015

E poi, come se le lacrime fossero telescopi, Marylin comincia a vedere più chiaramente: i poster e le fotografie stracciati, il cumulo di libri, lo scaffale prostrato ai suoi piedi. Tutto quello che aveva voluto per Lydia, che Lydia non aveva mai voluto per sé ma aveva accettato comunque. Un brivido sordo la pervade. Forse - e il pensiero la soffoca - è stato tutto questo a trascinare Lydia sott'acqua, ala fine.

inviato il 19/10/2015
Nei segnalibri di:

LA PAZIENTE DELLE QUATTRO

NOAM SHPANCER
LA PAZIENTE DELLE QUATTRO
Tradotto da GUIDO CALZA
PONTE ALLE GRAZIE 2010
10 righe da pagina 170:

Adesso l'auto procede al galoppo, i fari inghiottono la linea di mezzeria. Serpeggia fra i camion: bestioni impacciati, davanti alla pantera vivace che è la sua macchina. Figlia mia. Figlia mia. I suoi riccioli d'ambra, di seta e luce, il tintinnio della sua risata. Mia: venuta da me, dal mio seme, dal mio sangue e dalla mia carne. Billie. Gli pulsano le tempie. Respira affannosamente. Si ferma a lato della strada. Camion giganteschi passano a rotta di collo come i vagoni di un treno senza fine. Raggomitolato sul sedile, abbandona pesantemente il capo sulle mani posate sul volante. Dove sono i tuoi piedi adesso? Nuvole d'autunno, aria limpida, trasparente.

inviato il 17/10/2014
Nei segnalibri di:

LA VOCE DEGLI ALTRI. MEMORIE DI UN INTERPRETE

PAOLO MARIA NOSEDA
LA VOCE DEGLI ALTRI. MEMORIE DI UN INTERPRETE
SPERLING&KUPFER 2013
10 righe da pagina 6:

Il mio lavoro, ovvero interpretare il lavoro degli altri, significa rendere mio quanto di più intimo e autentico - ma anche quanto di più menzognero - le persone hanno dentro se stesse, per poi lasciare che il senso, il suono, il significato e il non detto divengano intellegibili in un diverso contesto di cultura e di vita.
Le parole non sono originariamente mie, ma devono verosimilmente sgorgare dal mio profondo per poter entrare nel profondo di che le riceve. Esiste una differenza abissale fra dire e credere in ciò che si dice, la stessa differenza che c'è fra udire e ascoltare. Io devo comprendere sensibilità diverse, farle mie e riproporle, tramite la parola, a coloro che voglio raccogliere quel messaggio. E' un incredibile e fantastico processo circolare: una persona che parla, io che sento, nel senso profondo del termine, e traspongo il messaggio in un'altra lingua, e infine l'ascoltatore, o meglio, nel mio caso, il pubblico di una trasmissione televisiva, che recepisce il tutto e conferma, con un applauso, di essere riuscito a cogliere nel segno.

inviato il 09/10/2014
Nei segnalibri di:

La lucina

immagine copertina
Antonio Moresco
La lucina
Mondadori 2016
10 righe da pagina 142:

Ci sarà qualcuno che ci sta vedendo, da uno di quei pianeti che orbitano attorno a quelle masse di gas incendiato che da lontano ci appaiono stelle bianche, come pensa l'uomo che sono andato a trovare in quella stalla, in mezzo a quelle bestie che hanno viaggiato trasognate nell'iperspazio? Cosa sarà la vita per loro? Perché se ne andranno in giro per l'universo dentro quelle uova di luce senza guscio? La loro vita sarà infelice come la nostra? Anche per loro solo il dolore e il male porteranno distrazione, almeno per qualche istante, all'infelicità? Avranno anche loro quel sogno breve e crudele che è stato chiamato amore?

inviato il 27/03/2017
Nei segnalibri di:

Patti Smith. Because the night

immagine copertina
Claudia Bonadonna
Patti Smith. Because the night
Arcana Edizioni 2011
10 righe da pagina 364:

Viviamo immersi in una vita veloce che non ci fa conoscere nulla. “Nel rumore bianco del desiderio, non riusciamo a sentire niente”. Ci stordiamo di cose per dimenticare la pochezza della nostra condizione umana, siamo “rami fragili che galleggiano nelle afflizioni della vita.” Patti esorta il suo pubblico a non svendersi a questo desiderio di oblio (ma lo faceva maglio quattro anni prima con Glitter in Their Eyes), a non lasciarsi tentare dall’effimero conforto della superficialità. A riprendere il senso del nostro tempo.

inviato il 28/11/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Claudia Bonadonna (Roma 1970), giornalista, redattrice e traduttrice.
Si tratta di un libro incentivo, pertanto ringrazio lo staff di 10 righe e la casa editrice per il gentile omaggio.

Wuthering Heights

immagine copertina
Emily Brontë
Wuthering Heights
Project GUTENBERG ebook 1847

“I sought, and soon discovered, the three headstones on the slope next the moor: the middle one grey, and half buried in the heath; Edgar Linton’s only harmonized by the turf and moss creeping up its foot; Heathcliff’s still bare.

I lingered round them, under that benign sky: watched the moths fluttering among the heath and harebells, listened to the soft wind breathing through the grass, and wondered how any one could ever imagine unquiet slumbers for the sleepers in that quiet earth.”

inviato il 02/12/2016
Nei segnalibri di:

Sulla strada

immagine copertina
Jack Kerouac
Sulla strada
Classici Moderni Oscar Mondadori
10 righe da pagina 382:

E così in America quando il sole tramonta e me ne sto seduto sul vecchio molo diroccato del fiume a guardare i lunghi lunghi cieli sopra il New jersey e sento tutta quella terra nuda che si srotola in un'unica incredibile enorme massa fino alla costa occidentale, e a tutta quella strada che corre, e a tutta quella gente che sogna nella sua immensità, e so che a quell'ora nello Iowa i bambini stanno piangendo nella terra in cui si lasciano piangere i bambini, e che stanotte spunteranno le stelle, e non sapete che Dio è Winnie Pooh?, e che la stella della sera sta tramontando e spargendo le sue fioche scintille sulla prateria proprio prima dell'arrivo della notte che benedice la terra, oscura tutti i fiumi, avvolge le vette e abbraccia le ultime spiagge, e che nessuno, nessuno sa cosa toccherà a nessun altro se non il desolato stillicidio della vecchiaia che avanza, allora penso a Dean Moriarty, penso perfino al vecchio Dean Moriarty padre che non abbiamo mai trovato, penso a Dean Moriarty.

inviato il 18/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie a tutti! :)

Ciao Davide, le tue 10righe sono finaliste per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao sei nella classifica finale 10 righe scelte da Voi utenti del mese di Dicembre.

http://scrivi.10righedailibri.it/sulla-strada-10 .queste sono le 10 righe che ho scelto ,natalina

Grazie mille! :)

Chico Perez in Perù

immagine copertina
Roberto Piumini
Chico Perez in Perù
Einaudi 1997
10 righe da pagina 36:

Nella Svizzera, a Lugano
Lela aveva un libro in mano:
lo teneva, lo toccava,
lo scuoteva, lo annusava,
lo grattava un po’ sul dorso
lo assaggiava con un morso,
e poi sai cosa faceva?
Tutto quanto lo leggeva.

inviato il 19/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazieeeee! :)

Ringrazio e ricambio ...solo cose belle !!!

Grazie! Auguri a tutti di realizzare i vostri progetti!

Roberto Piumini (Edolo 1947), scrittore italiano, autore di libri di narrativa per l’infanzia.
Colgo l'occasione per augurare allo staff e alla redazione di 10 righe, e a tutti gli utenti, Buon Natale, nella speranza che la serenità di questo giorno possa estendersi per tutto l'anno a venire.

Lettera sulla felicità (A Meneceo)

immagine copertina
Epicuro
Lettera sulla felicità (A Meneceo)
Tradotto da M. Lazzati
La Vita Felice, Piccola biblioteca della felicità 2010
10 righe da pagina 9:

Egli stesso scrive nelle lettere che gli bastava solo un po' d'acqua e un semplice pane, e aggiunge: Mandami una ciotolina di formaggio conservato in modo che possa scialarmela quando mi viene voglia. Ecco l'uomo secondo il quale il piacere è il fine della vita! Ateneo lo esalta in un suo epigramma: Uomini, vi dannate per cose inutili, avidi di guadagno scatenate risse e guerre. Ma la natura non vuole molta ricchezza, mentre voi l'estendete all'infinito. Questo udì dalle Muse il sapiente figlio di Neocle o dai tripodi sacri di Apollo.

inviato il 19/12/2016
Nei segnalibri di:

Filastrocche in cielo e in terra

immagine copertina
Gianni Rodari
Filastrocche in cielo e in terra
Einaudi 1972
10 righe da pagina 172:

FA FREDDO
Italia sottozero
lo stivale è ghiacciato.
Sta la neve sui monti
come panna gelato .
i gatti del Colosseo,
a Roma battono i denti.
Si pattina sul Po
e i maggiori affluenti.
E' gelata la coda
di un asino a Potenza.
Le gondole di Venezia
sono a letto con l'influenza.
Un pietoso alpinista
è partito da Torino
per mettere un berretto
sulla cima del Cervino.
ma dov'è.dov'è il mago
con la fiaccola fatata
per portare in tutte le case
una calda fiammata?

inviato il 20/12/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Vi ringrazio tutti ,e amici dello Staff, provvederò ad inviare i miei dati,Natalina

Ciao Natalina hai vinto la classifica 10righe scelte dalla redazione del mese di dicembre, per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati a :
libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie !!!Auguri Buon Capodanno a Tutti!!!
Natalina

Ciao Natalina le tue 10 righe sono nella finale 10 righe scelte dalla redazione di dicembre.

Gianni Rodari è nato a Omegna (Novara) il 23 ottobre 1920 -m.a Roma il 14 Aprile 1980 -

Il gatto meccanico

immagine copertina
Torey L.Hayden
Il gatto meccanico
Tradotto da Elena Campominos1
Mondolibri su licenza Corbaccio 1999
10 righe da pagina 47:

"Quelle domeniche papà mi parlava sempre di come sarebbe stato bello quando sarei tornata a vivere con lui e con i miei fratelli. Sembrava sempre sul punto di riprendermi con sé. - Tra sei mesi -, dopo aver cambiato lavoro o comprato una casetta o trovato una nuova mamma che si occupasse di me. Allora sarebbe venuto a prendermi. Gli piaceva moltissimo parlarmi della nuova mamma. Mi propinava aneddoti allettanti su tutte le possibili candidate e facevamo progetti su ciò che avremmo fatto una volta insieme."
"Non perdevo mai la speranza. Un mese dopo l'altro, un anno dopo l'altro, papà mi raccontava queste storie e io continuavo a credergli. I -sei mesi- non passavano mai. Avrò avuto almeno otto anni prima di rendermi conto che avrebbero dovuto essere un'unità di tempo effettiva e non solo un modo per dire -un giorno o l'altro-."

inviato il 23/12/2016
Nei segnalibri di:

L’anello di Re Salomone

immagine copertina
Konrad Lorenz
L’anello di Re Salomone
Tradotto da Laura Schwarz
Adelphi 1983
10 righe da pagina 45:

Il vento di primavera canta nella cappa del camino, e di fronte alla finestra del mio studio i vecchi abeti agitano le braccia eccitati e stormiscono. D’un tratto nel pezzetto di cielo visibile dalla mia finestra piombano giù dall’alto una dozzina di proiettili neri dalla forma aerodinamica. Grevi come pietre cadono giù fin quasi sulla cima degli alberi, poi d’improvviso dispiegano delle grosse ali nere e si trasformano in uccelli, in leggeri pennacchi che il vento impetuoso trascina via, sottraendoli al mio campo visivo.
Io mi accosto alla finestra per osservare il singolare giuoco delle taccole con il vento.

inviato il 19/09/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Konrad Lorenz (Vienna 1903 – Altenberg 1989), studioso austriaco: zoologo, etologo e autore di opere di divulgazione scientifica.

Poesie d'amore

immagine copertina
Pablo Neruda
Poesie d'amore
Tradotto da Giuseppe Bellini
Newton Compton editori 1975
10 righe da pagina 124:

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, entro l'ombra e l'anima.
[...]
T'amo senza sapere come, né quando né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così t'amo perché non so amare altrimenti
che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno

inviato il 23/09/2016
Nei segnalibri di:

Una porta di libri

Una porta di libri 22 settimane 7 ore fa

"Piccoli esperimenti di felicità" di Hendrik Groen - Longanesi

Una porta di libri 1 year 17 settimane fa

Smamma, di Valentina Diana, Einaudi

Una porta di libri 1 year 17 settimane fa

Smamma, di Valentina Diana, Einaudi editore

Una porta di libri 1 year 17 settimane fa

Smamma, di Valentina Diana, Einaudi

Una porta di libri 3 years 9 settimane fa

"Zio Tungsteno. Ricordi di un'infanzia chimica" di Oliver Sacks, Adelphi

Una porta di libri 3 years 47 settimane fa

"Confine di ghiaccio" di Knut Faldbakken (Giunti)

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 1 year 17 settimane fa

tanto vale portare a termine
mamma di Valentina Diana, Einaudi

GIOCO - Riga 10 3 years 47 settimane fa

Anche nelle foto, sai: il collo è sempre quello che tradisce
( "Così è la vita" di Concita De Gregorio - Einaudi )

GIOCO - Riga 10 3 years 47 settimane fa

E il piacere saliva: ecco, era arrivato il momento.
("L'uomo sbagliato" di Erica Arosio - La Tartaruga edizioni)

GIOCO - Riga 10 5 years 4 settimane fa

Nella stanza fece il suo ingresso Richards, il maggiordomo di Almont.
da "L'isola dei pirati" di Michael Crichton

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy