Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di maria.caggiu79

Le pagine della nostra vita

immagine copertina
Nicholas Spark
Le pagine della nostra vita
Tradotto da Lisa Morpurgo
Frassinelli 1996
10 righe da pagina 10:

La mia vita? Difficile definirla.non è stata il trionfo spettacolare che avevo immaginato, ma non sono nemmeno rimasto sepolto in un buco come una talpa.Potrei fare un paragone con un portafoglio di Bluechips. titoli di Borsa solidi,tendenti più al rialzo che al ribasso e che si valorizzano gradualmente nel corso degli anni.un buon investimento fortunato, e ho imparato che non tutti possono dire altrettanto della loro vita.ma non fraintendetemi.Non sono nulla di speciale, su questo punto non ho dubbi, un uomo come tanti che la pensa come tanti e ha vissuto come tanti.Non mi hanno dedicato monumenti e il mio nome sarà presto dimenticato, ma ho amato qualcuno con tutto il mio cuore e con tutta la mia anima, e lo considero un dono che mi ha colmato.

inviato il 19/07/2013
Nei segnalibri di:

lo Hobbit

immagine copertina
J.R.R. Tolkien
lo Hobbit
Tradotto da Caterina Ciuferri
BOMPIANI 2012
10 righe da pagina 2:

...Ma cos'è un hobbit? Immagino che oggigiorno gli hobbit vadano in qualche modo descritti, visto che sono diventati rari e timorosi della Gente Grossa, come ci chiamano.
Gli hobbit sono (o erano) gente piccola, alta all'incirca la metà di noi, e più bassa dei barbuti nani. Gli hobbit non hanno barba. In loro c'è poco o niente di magico, a parte quella magia di tipo comune e quotidiano che li aiuta a sparire silenziosi e rapidi quando persone ingombranti e stupide come me e voi gli capitano intorno, con un rumore di elefante che essi sono in grado di sentire a un miglio di distanza. Tendono a metter su un po' di pancia; vestono di colori vivaci ( soprattutto verde e giallo); non portano scarpe, perché i loro piedi sviluppano piante naturalmente coriacee nonché una fitta e calda peluria castana simile alla roba che hanno in testa (che è riccioluta); hanno lunghe dita abili e scure, facce giovanili, e le loro risate sono profonde e pastose (sopratutto dopo il pranzo, che consumano due volte al giorno, quando ci riescono).

inviato il 07/11/2012
Nei segnalibri di:

Cinque libri preferti

immagine copertina
Autori Vari
Cinque libri preferti
Editori vari

- L'esclusa di Luigi Pirandello
-Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello
-Anna Karenina di Lev N. Tolstoj
-L'idiota di Fedor Dostoevskij
-Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde
Perché loro? Il grande Petrarca lo spiegherà per me:
"Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me.
Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la consolazione nel cuore.
Altri mi insegnano a conoscere me stesso e mi ricordano che i giorni corrono veloci e che la vita fugge via".

inviato il 28/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

sono nata in Piemonte ma cresciuta in Sardegna! sì l'adoro anche io è magnifica!

sei sarda ? adoro la sardegna quanto la letteratura russa !

ne sono felice anche io!

tu hai fatto quasi tutte le mie stesse scelte ! mi piace condividere questa passione per la letteratura russa soprattutto

Partecipo a Cinque libri preferiti
http://scrivi.10righedailibri.it/cinque-libri-preferiti

Pensieri,idee,opinioni

immagine copertina
Einstein
Pensieri,idee,opinioni
Tradotto da Lucio Angelini
Grandi tascabili economici Newton 2006
10 righe da pagina 11:

Autoritratto
Di ciò che è importante nella propria esistenza non ci si rende quasi conto, e certamente questo non dovrebbe interessare il prossimo. Che ne sa un pesce dell'acqua in cui nuota per tutta la vita?
L'amaro e il dolce vengono dal di fuori,il difficile dell'interno,dai propri stessi sforzi. Faccio perlopiù quello che sono spinto a fare dalla mia stessa natura. E' imbarazzante raccogliere in cambio tanto rispetto e amore. Anche contro di me sono state scagliate frecce di odio; ma non mi hanno mai colpito,perché in qualche modo appartenevano a un altro mondo, con il quale non ho niente da spartire.
Vivo in quella solitudine che è dolorosa in gioventù, ma deliziosa negli anni della maturità.

inviato il 12/09/2012
Nei segnalibri di:

La ragazza con l'orecchino di perla

immagine copertina
Tracy Chevalier
La ragazza con l'orecchino di perla
Tradotto da Luciana Pugliese
NERI POZZA 2007
10 righe da pagina 65:

Ripensai a quanto mi aveva detto, a come la cassetta lo aiutava a vedere più cose.
Nonostante non capissi perché, sapevo che aveva ragione, perché avevo la prova del quadro con la donna, e anche di quanto ricordavo della veduta di Delft.
Lui vedeva le cose in un modo diverso dagli atri, così che una città in cui avevo vissuto tutta la mia vita appariva un luogo diverso, e una donna diventata bella grazie alla luce che le inondava il viso.
Il giorno seguente a quello in cui avevo guardato nella cassetta, andai nell'atelier e non la trovai più. Il cavalletto era tornato al suo posto. volsi lo sguardo al quadro.

inviato il 11/09/2012
Nei segnalibri di:

Tropico del cancro

immagine copertina
Henry Miller
Tropico del cancro
Tradotto da Luciano Bianciardi
Mondadori - Oscar classici 2003
10 righe da pagina 337:

Quando il romanzo di H.M.Tropico del cancro apparve nel 1935,ebbe un'accoglienza solo cautamente laudativa,ovviamente condizionata in alcuni dal timore d'apparir amanti della pornografia... Tropico del cancro è un romanzo in prima persona,o,se preferite,un'autobiografia in forma di romanzo...E' la storia della Parigi americana,ma non secondo i comuni criteri, in quanto gli americani che vi compaiono risultano persone senza quattrini.Negli anni della prosperità,quando i dollari abbondavano e il cambio del franco era basso,Parigi fu invasa da un tale sciame di artisti...Era l'epoca delle grandi rivelazioni e dei geni incompresi;la frase sulle labbra di tutti era: "Quand je serai lancé"...
Postfazione di George Orwell

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

tanta roba

Anna Karenina

immagine copertina
Lev N. Tolstoj
Anna Karenina
Tradotto da Leone Ginzburg
BUR 2009
10 righe da pagina 103:

Vrònskij andò nella vettura dietro al capotreno e all'entrata dello scompartimento si fermò, per lasciare il passo a una signora che usciva. Col tatto abituale dell'uomo di mondo, da una sola occhiata,all'aspetto esteriore di questa signora, Vrònskij giudicò in modo certo ch'ella apparteneva all'alta società.Egli si scusò e stava per andare nella vettura, ma provò la necessità di guardarla ancora una volta: non perché ella fosse molto bella, non per quella eleganza e quella grazia modesta che si vedevano in tutta la sa persona,ma perché nell'espressione del volto leggiadro, quand'ella gli era passata vicino,c'era qualcosa di particolarmente carezzevole e tenero. Quand'egli si volse a guardarla, ella pure voltò il capo.Gli scintillanti occhi grigi, che sembravan neri per le ciglia folte, si fermarono amichevolmente,con attenzione sul volto di lui...

inviato il 18/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

ok...

Maria, prova a caricare un'immagine per il tuo profilo :)

Decameron

immagine copertina
Giovanni Boccaccio
Decameron
Mondadori - Oscar classici 2009
10 righe da pagina 45:

E oltre a queste, molte altre cose disse della sua lealtà e della sua purità: e in brieve con le sue parole, alle quali era dalla gente della contrada data intera fede, sì il mise nel capo e nella divozion di tutti coloro che v'erano,che, poi che fornito fu l'uficio, con la maggior calca del mondo da tutti fu andato a basciargli i piedi e le mani, e tutti i panni gli furono indosso stracciati,tenendosi beato chi pure un poco di quegli potesse avere: e convenne che tutto il giorno così fosse tenuto, acciò che da tutti potesse essere veduto e vissuto. Poi, la vegnente notte, in una arca di marmo sepellito fu onorevolmente in una cappella: e a mano a mano il dì seguente vi cominciarono le genti a andare e a accender lumi e a adorarlo,e per conseguente a botarsi e a appicarvi le immagini della cera secondo la promession fatta. E in tanto crebbe la fama della sua santità e devozione a lui, che quasi niuno era che in alcuna avversità fosse, che altro santo che lui si botasse, e chiamaronlo e chiamano san Ciappelletto

inviato il 12/06/2012
Nei segnalibri di:

Bartleby lo scrivano

immagine copertina
HERMAN MELVILLE
Bartleby lo scrivano
Tradotto da Gianni Celati
Feltrinelli 2006
10 righe da pagina 25:

Venne il mattino dopo.
"Bartleby," dissi, chiamandolo con tono calmo da dietro il suo paravento.
Nessuna risposta.
"Bartleby," in tono ancor più moderato, "venite qui; non vi chiederò di far nulla che voi abbiate preferenza a non fare...Soltanto desidero parlarvi."
Al che silenziosamente egli scivolò al mio cospetto.
"Vorresti dirmi, Bartley, dove siete nato?"
"Avrei preferenza di no."
"Ma quale ragionevole obbiezione può spingervi a non parlare? Io ho per voi sentimenti amichevoli."
Non mi guardò mentr'io parlavo, bensì teneva lo sguardo fisso sul mio busto di Cicerone, che, essendo io seduto,ergevasi direttamente alle mie spalle, a circa sei pollici sopra il mio capo.
"Qual'è la vostra risposta, Bartleby?" dissi, dopo aver atteso una risposta per un buon pezzo di tempo,durante il quale il suo viso s'era mantenuto immobile, tranne per il più impercettibile tremore nelle pallide e sottili labbra.
"Al momento ho preferenza a non rispondere," disse, e si ritirò nel suo eremo.

inviato il 04/06/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Aggiungo segnalibro..".Al Signor ..preferirei di no "

Quando si è qualcuno La favola del figlio cambiato I giganti della montagna

immagine copertina
10 righe da pagina 93:

LA QUARTA
Entrano di notte nelle case
per la gola dei camini, come un fumo nero.
Una povera madre,che sa?
dorme, stanca della giornata;
e quelle,chinate nel bujo,
allungano le dia sottili
e intreccian nel sonno al bambino
la loro treccina;
o gli passano appena
sulle palpebre chiuse
la punta gelata gelata
di quelle dita;e il bambino
che non sa nulla ,al mattino,
apre gli occhi:
li ha storti!

inviato il 31/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

partecipo al minigioco del 31 maggio http://scrivi.10righedailibri.it/10-righe-dalla-trinacria/

Giuoco domenicale #33: Righe mitologiche

immagine copertina
Davide
Giuoco domenicale #33: Righe mitologiche
10righedailibri 2013

Giuoco domenicale #33
Per partecipare a questo giuoco dovete postare 10 righe concernenti la mitologia.
Fino alle 22:00 di domenica 22 settembre 2013.
1) Scrivi in bacheca le tue 10 righe e aggiungi un’immagine secondo te rappresentativa o la foto della copertina, titolo, autore, anno e numero della pagina da cui hai tratto le tue 10 righe. Sono ammesse anche poesie, saggi, ecc.
2) Scrivi nei commenti commento sotto le tue 10 righe: Partecipo al Giuoco domenicale #33: Righe mitologiche + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-33-righe-mitologiche
3) Scrivi sotto questo post un commento “partecipo con link delle tue 10 righe (copialo cliccando il titolo).
È possibile partecipare più volte con 10 righe tratte dagli stessi libri e da libri diversi.
INCENTIVI
-1 libro incentivo per le 10 righe più segnalibrate.

inviato il 22/09/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuoco vinto da Alessandra Puggioni con http://scrivi.10righedailibri.it/favole-degli-dei-0

Partecipo con http://scrivi.10righedailibri.it/eneide-4

Partecipo http://scrivi.10righedailibri.it/ straordinarie avventure di dei e di eroi 2

Partecipo con http://scrivi.10righedailibri.it/Odissea

Il libro è

immagine copertina
Ilenia Unida
Il libro è
10RIGHEDAILIBRI

Il libro è come un innamorato. Ti emoziona, ti fa trattenere il fiato e talvolta ti fa piangere, ma... se è davvero quello giusto nessun altro potrà mai sostituirlo.
(Ilenia Unida)
.
.
.
fonte: Il libro è http://scrivi.10righedailibri.it/il-libro-%C3%A8
fonte foto: http://www.duitang.com/people/mblog/29739860/detail/

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Cari libri, grazie...

immagine copertina
Eloisa Fassino
Cari libri, grazie...
10 Righe 2013

Cari libri, grazie di esistere! Mi fate viaggiare in mondi che non avrei mai immaginato, mi fate provare emozioni che non avrei mai provato, e mi fate vivere mille vite in una sola.

(Eloisa Fassina)
.
.
.
fonte: Caro libro, grazie!
http://scrivi.10righedailibri.it/caro-libro-grazie

- Pubblicato anche su
http://www.10righedailibri.it/gallery/grazie-ai-libri/cari-libri-grazie-...

inviato il 11/05/2013
Nei segnalibri di:

Winter Love

immagine copertina
Kay Rush
Winter Love
Tradotto da Giulio Lupieri
Sonzogno 2010
10 righe da pagina 149:

Sanu si voltò di scatto, asciugandosi le mani con uno strofinaccio.
“Come è possibile che tu non conosca il suo cognome e non sappia dove abita? Come è possibile che tu non sappia niente di lui?”
Kora esitò un istante, poi rispose: “Bè, non è poi così strano. Conoscevo le cose più importanti di lui. Conoscevo il suo cuore, e ogni volta che lo guardavo negli occhi vedevo un riflesso di me stessa, una percezione di me che non avevo mai avuto prima, la Kora che avrei voluto essere.
Mi piaceva come mi vedeva. Mi vedeva come penso di essere realmente.
E quando mi toccava, toccava tutte le fibre del mio essere. Quando diceva
che mi amava, sapevo che lo diceva sul serio, e sapevo che mi amava per come sono. Non mi sentirò mai in sintonia con qualcuno come mi sono sentita con lui. Sapevo che era mio e che io ero sua. Ero sicura che avremmo avuto tutta la vita per conoscerci e non avrei mai immaginato che ci saremmo persi. Così persa che adesso, cinque mesi dopo, non sono nemmeno sicura del mio cognome.”

inviato il 15/07/2013
Nei segnalibri di:

La risposta è nelle stelle

immagine copertina
Nicholas Sparks
La risposta è nelle stelle
Tradotto da Alessandra Petrelli
Frasinelli 2013
10 righe da pagina 197:

Il dipinto trasmetteva la passione e la gioia di vivere che l’avevano caratterizzata; c’era anche una traccia di quel mistero che mi aveva sempre ammaliato durante tutti gli anni trascorsi insieme. Accarezzai con le dita le pennellate che formavano le labbra e le guance.
«Come…» fu tutto quello che riuscii a dire, esterrefatto.
«La risposta è dietro», mi disse con voce gentile. Voltai il quadro e vidi la fotografia che avevo scattato a Ruth e Daniel tanti anni prima. Era ingiallita e arricciata agli angoli. La staccai dalla tela e rimasi a guardarla a lungo.
«La giri», mi indicò lei toccandomi la mano.
Dietro la fotografia trovai un’annotazione scritta con calligrafia precisa.
Ruth Levinson, maestra di terza elementare.
Crede in me e io potrò essere tutto ciò che voglio da grande.
Potrò persino cambiare il mondo.

inviato il 15/07/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

che belle 10 righe....

Le Parole Dell'amore

immagine copertina
Kahlil Gibran
Le Parole Dell'amore
Tradotto da a cura di Isabella Farinelli
Paoline Editore 2003
10 righe da pagina 46:

"Non siate in ansia per il domani,
ma piuttosto fissate lo sguardo
sull'oggi,
perchè a ciascun giorno
basta il suo miracolo".

inviato il 12/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Per sbaglio ho tolto il segnalibro perdonami, rimesso ^_^

La lettera scarlatta

immagine copertina
Nathaniel Hawthorne
La lettera scarlatta
Tradotto da Bruno Tasso
Corriere della Sera in licenza da RCS Libri Spa 1997
10 righe da pagina 164:

Disgraziati quegli uomini che vogliono sposare una donna senza aver prima suscitato nel suo cuore la fiamma della passione !
La loro sorte non sarà meno miserabile di quella di Roger Chillingworth, quando una mano più delicata farà vibrare le corde della sensibilità di lei, e sarà imputato loro a colpa anche quell'atteggiamento calmo, quella fredda immagine della felicità che essi avevano offerto alla propria compagna come unica realtà dell'amore.
Ma Hester avrebbe dovuto da lungo tempo dimenticare questa ingiustizia.
Che cosa significava tutto ciò ?
I sette anni di tortura sotto la lettera scarlatta le avevano offerto dolore soltanto e non pentimento ?
I brevi istanti durante i quali seguì cogli occhi la deforme figura del vecchio Roger Chillingworth bastarono a gettare una cupa luce sullo stato d'animo di Hester, rivelandole verità che ella non avrebbe altrimenti osato confessare neppure a se stessa.

inviato il 12/11/2012
Nei segnalibri di:

Presagio triste

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Presagio triste
Tradotto da Giorgio Amitrano
Universale Economica Feltrinelli 2006
10 righe da pagina 30:

Penso che fossero le nove passate. Dalla finestra socchiusa entrava un soffio di vento che aveva già il profumo dell'estate vicina. Io me ne stavo immobile nell'acqua, lasciando vagare i pensieri. Un suono cristallino, gorgogliante, simile al rumore di un ruscello che scorre in un bel giardino, mi cullava le orecchie. Altro non era che il rumore dell'acqua che a poco a poco colava attraverso le fessure e le crepe tra le piastrelle. Ma mi era ormai familiare, e lo trovavo piacevole.[...] Sotto la luce di una nuda lampadina, guardavo trasognata il mosaico di piastrelle consumate e affumicate. In mezzo al vapore fui tutt'a un tratto assalita dalla sensazione di essere sul punto di ricordare qualcosa. Penso che ognuno conosca questa sensazione. Il manifestarsi di un'improvvisa agitazione interiore. Il segnale di essere vicini a comprendere qualcosa. E poi il presentimento di una scoperta... La sensazione che stia per accadere un evento che ribalterà tutto il proprio mondo interiore, quel misto di paura e eccitazione.

inviato il 05/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao violet, scusa se ho 'usato' le tue righe per comunicare cn la mia amica, ;) ciao!

Maria! Ciao tesorino! Vai su 'scrivi e leggi 10 righe' e metti li le tue 10 righe preferite così poi ti commento! ;) Ps. Ho quasi finito seta, domani sera sarà di nuovo tar le tue mani! Grazie, Kisss ...

Penso che fossero le nove passate. Dalla finestra socchiusa entrava un soffio di vento che aveva già il profumo dell'estate vicina. Io me ne stavo immobile nell'acqua, lasciando vagare i pensieri. Un suono cristallino, gorgogliante, simile al rumore di un ruscello che scorre in un bel giardino, mi cullava le orecchie. Altro non era che il rumore dell'acqua che a poco a poco colava attraverso le fessure e le crepe tra le piastrelle. Ma mi era ormai familiare, e lo trovavo piacevole.[...] Sotto la luce di una nuda lampadina, guardavo trasognata il mosaico di piastrelle consumate e affumicate. In mezzo al vapore fui tutt'a un tratto assalita dalla sensazione di essere sul punto di ricordare qualcosa. Penso che ognuno conosca questa sensazione. Il manifestarsi di un'improvvisa agitazione interiore. Il segnale di essere vicini a comprendere qualcosa. E poi il presentimento di una scoperta... La sensazione che stia per accadere un evento che ribalterà tutto il proprio mondo interiore, quel misto di paura e eccitazione.

lo Hobbit

immagine copertina
J.R.R. Tolkien
lo Hobbit
Tradotto da Caterina Ciuferri
BOMPIANI 2012
10 righe da pagina 2:

...Ma cos'è un hobbit? Immagino che oggigiorno gli hobbit vadano in qualche modo descritti, visto che sono diventati rari e timorosi della Gente Grossa, come ci chiamano.
Gli hobbit sono (o erano) gente piccola, alta all'incirca la metà di noi, e più bassa dei barbuti nani. Gli hobbit non hanno barba. In loro c'è poco o niente di magico, a parte quella magia di tipo comune e quotidiano che li aiuta a sparire silenziosi e rapidi quando persone ingombranti e stupide come me e voi gli capitano intorno, con un rumore di elefante che essi sono in grado di sentire a un miglio di distanza. Tendono a metter su un po' di pancia; vestono di colori vivaci ( soprattutto verde e giallo); non portano scarpe, perché i loro piedi sviluppano piante naturalmente coriacee nonché una fitta e calda peluria castana simile alla roba che hanno in testa (che è riccioluta); hanno lunghe dita abili e scure, facce giovanili, e le loro risate sono profonde e pastose (sopratutto dopo il pranzo, che consumano due volte al giorno, quando ci riescono).

inviato il 07/11/2012
Nei segnalibri di:

Il ritratto di Dorian Gray

immagine copertina
Oscar Wilde
Il ritratto di Dorian Gray
Biblioteca Economica Newton, 1993
10 righe da pagina 119:

Quel ritratto sarebbe stato per lui il più magico degli specchi; come gli aveva dato la rivelazione del suo corpo, così gli avrebbe rivelato la sua anima. E quando l'inverno vi sarebbe calato sopra, egli sarebbe rimasto nel punto dove la primavera freme alla vigilia dell'estate. Quando il sangue si sarebbe ritirato dal viso del ritratto, lasciandosi dietro una pallida maschera di gesso dagli occhi plumbei, egli avrebbe conservato il fulgore dell'adolescenza. I fiori della sua bellezza non sarebbero mai appassiti. Come gli dei della Grecia sarebbe rimasto forte, agile, giocondo. Che importanza aveva quel che sarebbe accaduto all'immagine dipinta sulla tela? Egli sarebbe rimasto immune, e questo era tutto.

inviato il 16/10/2012
Nei segnalibri di:

Lettere dal carcere

Lettere dal carcere 5 years 3 settimane fa

mi viene in mente il mio libro preferito della 5 elementare che mi fece innamorare di Gramsci :"L'albero del Riccio"

Cinque libri preferti

Cinque libri preferti 5 years 3 settimane fa

sono nata in Piemonte ma cresciuta in Sardegna! sì l'adoro anche io è magnifica!

Cinque libri preferti 5 years 3 settimane fa

ne sono felice anche io!

Cinque libri preferti 5 years 3 settimane fa

Cinque libri preferiti

Cinque libri preferiti 5 years 3 settimane fa

Anna Karenina

Anna Karenina 5 years 18 settimane fa

ok...

Metamorfosi

Metamorfosi 5 years 20 settimane fa

:( me ne sono accorta tardi! avrei messo almeno 10 segnalibri ...

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 5 years 20 settimane fa

Un giorno, dunque, ella si accorse d'essere incinta, ,e quanto in lei v'era ancora di casto trasalì di gioia. ( La signora delle Camelie- Alexandre Dumas)

GIOCO - Riga 10 5 years 20 settimane fa

Eccezion fatta per appunti brevissimi, dettava tutto al parlascrivi, che non poteva certo utilizzare in quella circostanza.(1984- George Orwell)

10 righe dalla Trinacria

10 righe dalla Trinacria 5 years 20 settimane fa

partecipo con http://scrivi.10righedailibri.it//quando-si-è-qualcuno-la-favola-del-figlio-cambiato-i-giganti-della-montagna

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy