Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di black horse

Non dirmi che hai paura

immagine copertina
Giuseppe Catozzella
Non dirmi che hai paura
Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 148:

Mi avrebbe anche aiutato a partire,avrebbe cercato di facilitare le procedure per i miei documenti. Nonostante questo ero ferma sulla mia posizione:non avrei lasciato hooyo,i miei fratelli e il mio paese per niente al mondo. Un giorno sarei riuscita a vincere le Olimpiadi,e lo avrei fatto da donna somala e musulmana. Con il volto scoperto e gli occhi rivolti al cielo. Dentro una telecamera avrei parlato a tutto il mondo di cosa significa combattere senza mezzi per raggiungere la liberazione.

inviato il 13/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Catozzella (Milano, 18 giugno 1976)

Pubblicato nel 2014

A quattordici smetto

immagine copertina
Livia Pomodoro
A quattordici smetto
Melampo 2005
10 righe da pagina 27:

Dinesh continuava a confermarsi un ragazzo "problematico" come dicevano le relazioni sul suo conto,
determinato in ogni caso a non lasciarsi omologare.
Non che avesse un cattivo rapporto con i nuovi "fratelli". Anzi, qualche volta, i genitori li sentivano
scambiarsi tra loro qualche parola in una lingua sconosciuta, la lingua del loro paese d'origine ed era come
una sorta di ammiccamento o di complicità etnica. Erano forse quelli i momenti più sinceri
della relazione tra i quattro ragazzi.

inviato il 26/02/2014
Nei segnalibri di:

Buskashì

immagine copertina
Gino Strada
Buskashì
Universale Economica Feltrinelli 2005
10 righe da pagina 90:

Eravamo in vacanza in Francia, e in una piccola città avevamo visto un monumento
ai Caduti, anzi più esattamente ai bambini morti durante la Prima guerra mondiale.
Niente della retorica che spesso, purtroppo, schiaccia queste testimonianze di lutto.
L'iscrizione diceva: "Que maudite soit la guerre". Teresa e io avevamo tradotto per Cecilia:
"Sia maledetta la guerra", e lei, inizialmente stupita per la nostra commozione, faceva
domande.
"Mamma, che cosa centrano i bambini con la guerra?"

inviato il 22/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Sarà fatto, intanto grazie per il mio primo libro incentivo!

Ciao Black Horse.
Le tue 10righe sono state scelte dalla redazione e quindi hai diritto ad un libro incentivo!
Complimenti!
Manda una mail per comunicarci il tuo indirizzo!

L'alfabeto delle relazioni

immagine copertina
Vittorino Andreoli
L'alfabeto delle relazioni
BUR, 2005
10 righe da pagina 160:

Quando vedo tanta gente che non sa cosa fare, che passa la propria vita tra istituti di bellezza e boutique di lusso, che gestisce un potere che sa di sopraffazione, e vedo i bambini abbandonati, gli orfanotrofi pieni di bambini soli che aspettano di sorridere, provo pietà per l'uomo. Per il mondo disumano del potere e del lusso, scandalosamente vicino a quello della povertà umana, fatta anche di bambini abbandonati. Perchè non ricordare a questi straricchi di denaro e di stupidità che ci sono ventimila bambini che aspettano un po' di affetto!

inviato il 07/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Black Horse :)

La Reina del Sur

immagine copertina
Arturo Perez Reverte
La Reina del Sur
Debolsillo 2015
10 righe da pagina 229:

Teresa comprobò que lo que no era mas que un objeto inerte de tinta y papel, cobraba vida cuando alguien pasaba sus paginas y recorria sus lineas, proyectando allì su existencia, sus aficiones, sus gustos, sus virtudes o sus vicios. Y ahora tenia la certeza de algo vislumbrado al principio, cuando comentaba con Pati O'Farrell las andanzas del infortunado y luego afortunado Edmundo Dantes: que no hay dos libros iguales porque nunca hubo dos lectores iguales. Y que cada libro leido es, como cada ser humano, un libro singular, una historia unica y un mundo aparte.

inviato il 02/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Teresa si accorse che quello che non era altro che un oggetto inerte fatto di carta ed inchiostro, acquistava vita quando qualcuno lo sfogliava e percorreva le sue linee, proiettando lì la sua esistenza, i suoi affetti, gusti, virtù o vizi...e adesso aveva la certezza di qualcosa intravisto al principio, quando commentava con Pati O'Farrell le vicende dello sfortunato e poi fortunato Edmondo Dantes: che non ci sono due libri uguali perchè non ci sono due lettori uguali. E che ogni libro è, come ogni essere umano, un libro singolo, una storia unica e un mondo a parte.

Non dirmi che hai paura

immagine copertina
Giuseppe Catozzella
Non dirmi che hai paura
Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 148:

Mi avrebbe anche aiutato a partire,avrebbe cercato di facilitare le procedure per i miei documenti. Nonostante questo ero ferma sulla mia posizione:non avrei lasciato hooyo,i miei fratelli e il mio paese per niente al mondo. Un giorno sarei riuscita a vincere le Olimpiadi,e lo avrei fatto da donna somala e musulmana. Con il volto scoperto e gli occhi rivolti al cielo. Dentro una telecamera avrei parlato a tutto il mondo di cosa significa combattere senza mezzi per raggiungere la liberazione.

inviato il 13/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Catozzella (Milano, 18 giugno 1976)

Pubblicato nel 2014

AFORISMA DEL MESE

immagine copertina
Charlie Chaplin
AFORISMA DEL MESE
10RIGHEDAILIBRI 2015

Non è importante come entri nel palcoscenico della vita degli altri,
l’importante è l’uscita di scena; quindi prendi fiato, sorridi comunque sia andato lo spettacolo e fai il tuo inchino migliore.
Ma soprattutto, non concedere mai il bis ad un pubblico che non lo merita.

inviato il 08/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Sir Charles Spencer Chaplin, noto come Charlie Chaplin (Londra, 16 aprile 1889 – Corsier-sur-Vevey, 25 dicembre 1977)

Due splendidi destini

immagine copertina
Nadia Hashimi
Due splendidi destini
Tradotto da Laura Prandino
Edizione Piemme 2015
10 righe da pagina 41:

"Siddiq-jan, cosa stai raccontando alle tue cugine?"
"Stavo solo raccontando dell'Amrika, Boba-jan. Che lanciano razzi ai talebani!"
"Padar-jan" chiese timidamente Shahla. "I talebani hanno distrutto molte case in Amrika?"
"No, bachem. Qualcuno ha distrutto un grosso edificio in Amrika. Adesso loro si sono arrabbiati e sono venuti a cercare il colpevole e la sua gente."
"Un edificio solo?"
"Sì."
Restammo in silenzio. Sembravano buone notizie. Un grande e potente paese era venuto in nostro soccorso! La nostra gente aveva un alleato nella guerra contro i talebani!
Ma Boba-jan aveva letto negli occhi di Shahla che qualcosa la tormentava, e sapeva cosa. Perchè l'Amrika se l'era presa tanto per la distruzione di un solo edificio? Metà del nostro paese era stato ridotto in briciole dai talebani. Stavamo pensando tutte la stessa cosa.
Se solo l'Amrika se la fosse presa anche per quello.

inviato il 02/06/2015
Nei segnalibri di:

L' età della febbre. Storie di questo tempo

immagine copertina
AA.VV.
L' età della febbre. Storie di questo tempo
Minimum Fax (collana Nichel) 2015
10 righe da pagina 151:

La mia fortuna di bugiardo è dipesa, e credo tuttora dipenda, dal non aver mentito per sembrare migliore, più bello o più ricco o più intelligente, come la maggior parte dei bugiardi, ma per apparire peggiore o, per non utilizzare parole che potrebbero condurci in ambito morale, difettoso. Ho mentito per sembrare difettoso. Non che fossi perfetto, tutt'altro, ero e sono imperfetto, come tutti, ma volevo esporre, ostendere potrei dire, difetti controllabili, che potessi far sparire o comunque dosare. Le bugie sono il telecomando per le mie imperfezioni inventate. E' chiaro che essere bugiardi per difetto è un'idea che non viene in mente a tutti. Bisogna esser molto vanitosi, forse.

inviato il 05/06/2015
Nei segnalibri di:

Il quaderno del destino

immagine copertina
Martina Dei Cas
Il quaderno del destino
PROSPETTIVA EDITRICE 2015
10 righe da pagina 60:

"Senti" disse Joaquin all'improvviso "oggi ci siamo aiutati a vicenda a sfuggire alla polizia, che vuole separarci dai nostri amici e spedirci in orfanotrofio. Questo vuol dire che siamo l'uno la famiglia dell'altro."
Thalia non capiva.
"Insomma" chiese ancora il bambino "vuoi essere la mia fidanzata?"
"No!"
"Perché?"
"Perché i fidanzati si lasciano."
Joaquin pensò al padre che non aveva mai conosciuto e al patrigno che l'aveva amato come un figlio finché sua madre non era morta. "Hai ragione" ammise.
"Però se vuoi posso essere tua sorella!"
"Perché?"
"Perché i fratelli sono per sempre."

inviato il 29/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ecco le dieci righe da me scelte per la finale: http://scrivi.10righedailibri.it/il-profumo-della-rosa-di-mezzanotte-0
Buone letture!

Ciao Martina le tue dieci righe sono nella finale di maggio. Da oggi a domenica 10 lascia qui nei commenti il link delle tue 10righe preferite... grazie.

Il giorno prima della felicità

immagine copertina
erri de luca
Il giorno prima della felicità
Feltrinelli 2009
10 righe da pagina 125:

Tornai verso casa continuando a pensare alle lezioni.
C'era una generosità civile nella scuola pubblica, gratuita che permetteva a uno come me di imparare. Ci ero cresciuto dentro e non mi accorgevo dello sforzo di una società per mettere in pratica il compito.
L'istruzione dava importanza a noi poveri.
I ricchi si sarebbero istruiti comunque. La scuola dava peso a chi non ne aveva, faceva uguaglianza. Non aboliva la miseria, però tra le sue mura permetteva il pari.
Il dispari cominciava fuori.

inviato il 20/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Emma : )

il 20 maggio 1950 nasce a Napoli Erri de Luca. Questa data me l'ha ricordata la LIBRIDINOSA

Marcovaldo

immagine copertina
Italo Calvino
Marcovaldo
Einaudi 1966
10 righe da pagina 79:

PRIMAVERA
Dov'è più azzurro il fiume
Era un tempo in cui i semplici cibi racchiudevano minacce insidie e frodi.
Non c'era giorno in cui qualche giornale non parlasse di scoperte spaventose nella spesa del mercato:il formaggio era fatto di materia plastica,il burro con le candele
steariche, nella frutta e verdura l'arsenico degli insetticidi era concentrato in percentuali più forti che non le vitamine, i polli per ingrassarli li imbottivano di certe pillole sintetiche che potevano trasformare in pollo chi ne mangiava un cosciotto.
Il pesce fresco era pescato l'anno scorso in Islanda e gli truccavano gli occhi perché sembrasse di ieri. Da certe bottiglie di latte era saltato fuori un sorcio, non si sa
se vivo o morto.Da quelle d'olio non colava il dorato succo d'oliva, ma grasso di vecchi muli, opportunamente distillato.

inviato il 13/04/2015
Nei segnalibri di:

Libri in donazione a Ponte Milvio, Roma aprile 2015

immagine copertina
10 Righe
Libri in donazione a Ponte Milvio, Roma aprile 2015
10 Righe dai libri 2015

Cari lettori volete un po' di libri o avete libri in più? Domani 10 Righe dai libri vi aspetta al mercatino di Ponte Milvio, Roma, con tantissimi libri che potrete prendere donando un'offerta. Se avete libri in più domani accettiamo anche libri usati non rovinati.
Vi aspettiamo numerosi! Se non potete venire e avete libri da donare contattateci a info@10righedailibri.it e vi daremo l'indirizzo a cui spedirli.
:)

inviato il 11/04/2015
Nei segnalibri di:

Phantom

immagine copertina
Terry Goodkind
Phantom
TOR 2006
10 righe da pagina 126:

Richard thought that maybe he should have been angry at the lecture, but he could no longer summon anger; it was slipping away. "I already know what will happen if we fail, Shota. I already know what the Imperial Order is like. I already know what awaits us if we lose in this struggle."
Shota shook her head. "You know what it is like after. You know what it is like to see the dead. But the dead can no longer feel. The dead can't scream. The dead can't cry in terror. The dead can't beg for mercy.
You know what it is like to see the wreckage the morning after the storm. You need to hear from one who was there when the storm broke. You need to hear what it was like when the legions came. You need to hear the reality of what it will be like for everyone. You need to know what will happen to those alive if you fail to do what only you can do."

inviato il 09/04/2015
Nei segnalibri di:

Non dirmi che hai paura

Non dirmi che hai paura 4 years 9 settimane fa

Pubblicato nel 2014

I giardini di Kew (Tutti i racconti)

I giardini di Kew (Tutti i racconti) 4 years 48 settimane fa

Buongiorno, anch'io ho vinto un libro incentivo nella settimana del 22 febbraio, ma non mi è ancora arrivato niente...come devo fare? Grazie in anticipo! :)

Buskashì

Buskashì 5 years 25 settimane fa

Sarà fatto, intanto grazie per il mio primo libro incentivo!

L'ombra del vento, 2010

L'ombra del vento, 2010 7 years 9 settimane fa

segnalibro aggiunto!

Il ponte sulla Drina, 1960

Il ponte sulla Drina, 1960 7 years 10 settimane fa

Segnalibro aggiunto!

Cacao Amaro

Cacao Amaro 7 years 14 settimane fa

condivido in pieno le ultime righe. Auguri a tutte le mamme!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy