Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di stella rosa

L'ultima lezione

immagine copertina
Randy Pausch
L'ultima lezione
Rizzoli, 2008
10 righe da pagina 218:

So che avranno di me un ricordo vago, sbiadito. Perciò sto cercando di fare con loro cose che restino indelebili nella loro memoria. Voglio che abbiano un ricordo il più nitido possibile. Io e Dylan abbiamo fatto una mini-vacanza e abbiamo nuotato con i delfini. Un bambino che nuota con i delfini non lo dimentica tanto facilmente. Abbiamo scattato una caterva di foto.
Porterò Logan per la prima volta a Disney World, un posto che gli piacerà quanto è piaciuto a me. Vorrebbe conoscere Topolino. Io l'ho conosciuto, potrò presentarglielo.

inviato il 11/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie :)

Stella benvenuta : )

Poesia

immagine copertina
Boris Pasternak
Poesia
Tradotto da /
10righe /
10 righe da pagina 3:

Io non amo la gente perfetta,
quelli che non sono mai caduti,
che non hanno mai inciampato.
La loro è una vita spenta, di poco valore.
A loro non si è svelata la bellezza della vita.

inviato il 14/01/2015
Nei segnalibri di:

Favole

immagine copertina
Esopo
Favole
Tradotto da Elena Ceva Valla
Bur Rizzoli 2013

43
LA VOLPE E LA MASCERA

Una volpe penetrò nella casa di un attore e,
frugando in mezzo a tutti i suoi costumi,
trovò anche una maschera da teatro artisticamente modellata.
La sollevò tra le zampe ed esclamò: "Una testa magnifica! Ma cervello, niente".

Ecco una favola per certi uomini belli di corpo ma poveri di spirito.

inviato il 12/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Esopo (VI sec.a.C.) Il primo scrittore di favole di cui si conservi memoria.

Il Mistero dei Nuraghi: la trilogia

immagine copertina
sandro atzeni
Il Mistero dei Nuraghi: la trilogia
CreateSpace Independent Publishing Platform
10 righe da pagina 416:

Ai nostri occhi apparvero i resti di un immenso stabilimento per il trattamento del minerale estratto. Muri perimetrali di vari locali, quasi tutti senza il tetto, si arrampicavano su una piccola collina a piè monte e si presentavano verso la strada con aperture arcuate a tutto sesto, supportate da colonne in granito. Non fummo in grado di stabilire a quale mansione fossero adibiti i vari locali ma capimmo che tutto il complesso fosse stato un fiore all’occhiello della produzione industriale sarda ed europea. Colonne ed archi: archi e colonne in pietra, elevati su due o tre piani, intervallati sporadicamente da altre aperture più piccole, si susseguirono per alcune centinaia di metri a poca distanza dal fiume. Tutto intorno alla costruzione, terreno spoglio senza vegetazione e collinette sterili di materiali da risulta della frantumazione e del lavaggio del minerale. Spettrali e grigie colline inquinanti che avrebbero testimoniato, per l’eternità, lo sfacelo che poteva produrre una dissennata attività estrattiva volta esclusivamente al profitto senza alcuna cura per il territorio.

inviato il 12/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Sandro : )

Pensieri di pace e di speranza

immagine copertina
Herman Hesse
Pensieri di pace e di speranza
National Geografic
10 righe da pagina 3:

..,e vide i suoi passi pieni di pace
vide il suo capo circonfuso
di splendore, vide la sua figura
radiosa di luce.

Aforisma

inviato il 07/01/2015
Nei segnalibri di:

Il Bunker

immagine copertina
Viviana De Cecco
Il Bunker
ePubblica 2014

Il nemico è dietro di lui. Sente la sua presenza, oscura e ancora invisibile.
Lui si muove rapidamente. Raggiunge la costruzione, infilandosi al suo interno con la stessa fiducia con cui metterebbe piede nella sua camera.
All’interno, lo accoglie la quiete composta dei luoghi abban-donati, l’umido abbraccio del rifugio in cui altri uomini, molto prima di lui, avevano atteso l’arrivo del nemico, appoggiati stancamente alle sue solide mura tondeggianti, chiedendosi se ciò che avrebbero scorto al di fuori avrebbe portato loro la morte, la prigionia o la salvezza.
E quando lui si rannicchia per terra, sotto una delle feritoie della fortificazione, prova la stessa sensazione. Il dubbio e l’incertezza di ciò che si annida nell’oscurità, nel silenzio del mondo esterno che sembra tacere in previsione della battaglia più dura.
Gli sembra quasi di percepire l’eco di assordanti colpi di mitragliatrice, grida d’aiuto mescolate ad una voce indistinta, risorta dal ricordo di quella sera d’estate, quando avevano solo tredici anni, e si erano messi a giocare alla guerra.

inviato il 09/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!! Sono molto felice!! Ora invio l'email...

Ciao Viviana, con le tue 10 righe vinci la classifica di gennaio 10 righe scelte dalla redazione. Grazie e Complimenti!!! Inviaci il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Oh grazie!! Sia allo Staff che agli altri lettori che hanno scelto le mie righe! Sono piccole grandi soddisfazioni che mi riempiono di gioia la giornata!! :-)

Ciao Viviana le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione sei nella finale di gennaio. Complimenti!!!

Grazie Natalina!! Sono felice che ti piaccia... In effetti, ero sparita da un po' dal sito perché dopo centinaia di libri letti, ho provato a scriverne uno io stessa. Confesso che scrivo e pubblico dal 2008 con piccole case editrici e concorsi letterari nazionali. Ovviamente, questa mia prima prova con il thriller non sarà all'altezza dei grandi maestri del brivido, ma ci ho provato!!
Nel frattempo, spero di ricominciare presto a mettere altre righe (degli altri!!!)
Un caro saluto... :-)

Viviana ...complimenti!!!

Il gioco dell'angelo

Carlos Ruiz Zafòn
Il gioco dell'angelo
Mondadori

Allora sepi che avrei dedicato ogni minuto che ci restava da passare insieme a renderla felice, a riparare al male che le avevo fatto e a restituirle ciò che non avevo mai saputo darle. Queste pagine saranno la nostra memoria fino a quando il suo ultimo respiro si spegnerà fra le mie braccia e l'accompagnerò al largo, dove s'infrangono le onde, per immergermi con lei per sempre e poter finalmente fuggire dove né il cielo né l'inferno potranno mai trovarci.

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Carolina

Camorra

Antonio G. D'Errico
Camorra
ANORDEST
10 righe da pagina 113:

I rifiuti provenivano dalle grandi industrie, in
genere del nord Italia. Avevamo adottato un sistema
che ci consentiva di filtrare i nostri contatti
con le aziende, in modo tale da preservarle da
eventuali scandali e problematiche che si sarebbero
presentati. Ancora oggi, non mi risulta che le
aziende che ci affidarono la loro spazzatura siano
state incriminate per fatti del genere. Lo stesso
Saviano parla a lungo dell’argomento ma non
nomina nessuna industria coinvolta...

inviato il 21/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

dimenticavo nell'ambito del Premio ci sono circa 10 autori in gara e la giuria e' composta dai giovani studenti delle scuole superiori...
Al premio ha anche partecipato tullio de Piscopo con l'editore Hoepli...una sorta di biografia.

Il libro e' in gara al Premio Napoli Time, un premio molto importante in ambito Nazionale...

vi omaggio della sinossi del testo:

Le confessioni sugli anni di piombo
della malavita organizzata di
stampo camorristico. La voce di un
protagonista che è stato ai vertici
dell’organizzazione criminale, di cui
conosce intimamente le dinamiche
operative e lo spirito intimo dei suoi
traffici, dalle droghe al mercato delle
armi, dalla corruzione sugli appalti
pubblici al riciclaggio selvaggio dei
rifiuti, alle connivenze con politici
corrotti.
Mario Perrella è un uomo di clan
che accetta di entrare per primo in
un programma di collaborazione
con la giustizia, perché le lotte fratricide
tra famiglie lo inducono a
un’alta presa di coscienza. Lontano
da ipocrisie, le sue confessioni sono
testimonianza verificata.
Anche i suoi lunghi appelli a Roberto
Saviano, per un confronto
puntualmente negato, rimane argomento
di verifica e di discussione.
Questo libro rivela verità che andrebbero
ascoltate oltre ogni immagine
precostituita del fenomeno camorristico.

Il serpente di Dio

immagine copertina
Nicolai Lilin
Il serpente di Dio
Einaudi 2014
10 righe da pagina 65:

Andrej e Ismail erano cresciuti insieme, erano vicini di casa e i loro padri erano amici. Sin da piccoli avevano imparato a vedere il mondo attraverso gli occhi degli altri.
Anche se le loro famiglie appartenevano a religioni differenti, non avevano mai considerato quelle diversità un motivo di separazione tra gli esseri viventi. I loro genitori e i vecchi del villaggio gli avevano insegnato che Dio è unico e non cambia la sua natura a seconda della maniera in cui viene lodato, perchè il suo linguaggio comprende ogni cuore, ogni pensiero, ogni anima.

inviato il 22/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Libro incentivo arrivato!!!Grazie mille alla Fazi Editore per avermi spedito Don Casmurro dello scrittore brasiliano Machado de Assis...non vedo l'ora di cominciarlo! :)

Wow!Che bella notizia, grazie mille! :)

Complimenti Martina, hai vinto un libro incentivo per essere stata la più votata dagli utenti. Ricordati di comunicarci l’indirizzo dove verrà spedito il libro che hai vinto a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Martina, sei nella classifica 10 righe scelte dagli utenti.
Il 31 ottobre chi ha il maggior numero di segnalibri nella classifica 10 righe scelte da Voi si aggiudicherà un libro incentivo. Buone Letture :)

Caro Staff, ho letto il regolamento, ma non ho ben capito come funziona adesso, cosa devo fare? :)

Prego ,Martina,ci sono righe che i fanno anche riflettere,ciao a te e allo staff,naty

Grazie mille per aver pensato a me, cara Natalina...buona settimana e buone letture :)

Grazie Natalina, :)

Allo staff ,comunico che le 10 righe per questa settimana dal "20-al 26 ottobre"
sono quelle di Martina relative al libro "Il serpente di Dio",ho scritto a voi oggi poiché domani non sarò presente, ringrazio e porgo un caro saluto a tutti,naty

A volte si poteva pensare che quei due non fossero simili in niente, ma proprio questo era fondamentale nel loro rapporto. Le mancanze dell'uno compensavano le capacità dell'altro, e viceversa. "Due teste diverse ma un cuore solo", dicevano i vecchi di amici come quelli.

Il Club Dumas

immagine copertina
Arturo Pérez-Reverte
Il Club Dumas
Tradotto da Ilide Carmignani
Rizzoli 2013
10 righe da pagina 159:

"Ecco perchè rimango in questa casa" proseguì "tra i suoi muri vagano le ombre dei miei libri perduti." Si era fermato davanti al caminetto e guardava il miserabile mucchietto di legna nel focolare. "A volte sento che vengono a esigere riparazione alla mia coscienza...Allora, per placarli, prendo quel violino che vede qui e mi metto a suonare per ore, girando al buio per la casa come un prigioniero..." S'era voltato a guardare Corso, la cui figura spiccava in controluce sopra il vetro sporco della finestra.
"Il bibliofilo errante."

inviato il 17/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao!Ho scelto per l'altro libro incentivo le 10 righe di Emma Aquilanti tratte da Pian della Tortilla. Ecco il link: http://scrivi.10righedailibri.it/pian-della-tortilla-1

Ciao Martina,
le tue sono le 10righe più segnalibrate della settimana!
Hai vinto un libro incentivo!

Ricorda di inviarci una mail per confermare il tuo indirizzo e per comunicarci quali saranno le 10righe da te scelte – nella settimana che andrà da oggi a domenica 2 marzo – e che premieremo con un libro incentivo!

L'eroe discreto

immagine copertina
Mario Vargas Llosa
L'eroe discreto
Tradotto da Federica Niola
Einaudi 2013
10 righe da pagina 199:

- Non capisco una cosa, - azzardò Fonchito a disagio. -Di te, papà. Ti sono sempre piaciuti l'arte, la pittura, la musica, i libri. Sono le uniche cose delle quali parli con passione. Allora perchè sei diventato avvocato?Perchè hai dedicato la tua vita a lavorare in una compagnia assicurativa?Sarebbe stato meglio fare il pittore, il musicista, insomma,non so. Perchè non hai seguito la tua vocazione?
Don Rigoberto annuì e riflettè un momento prima di parlare.
-Per vigliaccheria, figliolo,- mormorò alla fine.-Per mancanza di fiducia in me stesso. Non ho mai pensato di avere il talento necessario per essere un vero artista. Ma forse era solo un pretesto per non provarci. Ho deciso di non essere un creatore, solo un consumatore d'arte, un dilettante della cultura. E' stato per vigliaccheria, è la triste verità. Quindi ora lo sai. Non seguire il mio esempio.

inviato il 12/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Bella idea! :)

Martina, abbiamo condiviso le tue 10 righe sui social :)

L'ultima lezione

L'ultima lezione 6 years 39 settimane fa

grazie :)

L'ombra del vento, 2010

L'ombra del vento, 2010 7 years 1 hour fa

segnalibro aggiunto

Il ponte sulla Drina, 1960

Il ponte sulla Drina, 1960 7 years 1 week fa

aggiunto segnalibro!

Cacao Amaro

Cacao Amaro 7 years 7 settimane fa

Che bello!il sito non è più off line e finalmente ho potuto apprezzare queste dieci righe di Cacao amaro!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy