Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di dafne

LE AVVENTURE D'ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

immagine copertina
LEWIS CARROLL
LE AVVENTURE D'ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE
Tradotto da D'Amico M.
Mondadori 2007
10 righe da pagina 156:

La Falsa - Testuggine sospirò profondamente, e con voce talvolta soffocata da singhiozzi, cantò così:-

"Astro di sera! O verdeggiante e ricca
Zuppa che fumi in concava zuppiera!
In te rapito il cucchiaion si ficca,
E ne riempie una scodella intiera!
Astro di sera! deliziosa Zuppa!
In te il mio pan s'inzuppa!
E di te canto - o Zup - pa! -
Canto all'Astro di sera;
Canto la tua bontà, civile Zuppa!
"Astro di sera! E chi sarà lo sciocco
Che a te preferirà sia pesce o caccia,
S'ei di te può comprarne anche un baiocco
Per lavarsi lo stomaco e la faccia?
Astro di sera! deliziosa Zuppa!
In te il mio pan s'inzuppa!
E di te, canto - o Zup - pa!
Canto all'Astro di sera;
Canto la tua bonTA CI - VILE ZUPPA!"

inviato il 29/05/2017
Nei segnalibri di:

L'Aeroplano del Papa

immagine copertina
Filippo Tommaso Marinetti
L'Aeroplano del Papa
LIBERILIBRI 2007
10 righe da pagina 129:

Che mai vuole da noi quel branco di nubi galoppante
che s'avventa contro la luna?
Con un lungo sospiro, con un lungo riflesso melodico,
la luna le dissolve già....
Nulla resiste alla sua triste tenerezza,
sorella della tua! Nulla resiste,
tranne questo corvo di velluto nero che io fo dondolare
come un giocattolo....
La luna beve a lunghi sorsi
le più lontane ombre dell'orizzonte....
Non vedi? Quel tenebroso profilo di città merlata,
oscilla lontano
come uno scenario di teatro e dilegua
filando via, sospeso a fili di ferro invisibili,
miracolosamente....
Non tremare! Il silenzio è tanto grande
e quelle tre nubi d'argento sono tanto vive
e tanto attente,
che stanno per cantare
con la loro più bella voce di cristallo....
È la tua voce, che sento
tinnire dolcemente?

inviato il 15/03/2017
Nei segnalibri di:

NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES

immagine copertina
Haruki Murakami
NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES
Tradotto da Giorgio Amitrano
Einaudi Super ET 2006
10 righe da pagina 349:

Non c'è verità, sincerità, forza, dolcezza che ci possa guarire da una sofferenza del genere. L'unica cosa che possiamo fare è superare la sofferenza attraverso la sofferenza, possibilmente cercando di trarne qualche insegnamento, pur sapendo che questo insegnamento non ci sarà di nessun aiuto la prossima volta che la sofferenza ci colpirà all'improvviso.

inviato il 27/02/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

http://scrivi.10righedailibri.it/lultima-melodia
scelgo queste 10 righe.

Ciao Dafne, sei nella finale settimanale di marzo, ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi 6 marzo a domenica 12 marzo.

Il quadrato magico. Un mistero che dura da duemila anni

immagine copertina
Rino Cammilleri
Il quadrato magico. Un mistero che dura da duemila anni
BUR Biblioteca Univ. Rizzoli 2004
10 righe da pagina 112:

L'attività vulcanica fu pressochè continua fino al 1644, tanto da ripristinare il cono vulcanico. Da allora, il Vesuvio non ha praticamente cessato la sua attività, con periodi di riposo di sette anni di media. Negli ultimi secoli Torre del Greco è stata investita dalla lava ben quattro volte. Ma è dal 1944 che tutto tace. Eppure, fu solo la terrificante eruzione del 79 d.C. a scolpirsi nell'immaginario collettivo come uno dei più tremendi disastri della civiltà.

inviato il 25/01/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Dafne, sei nella classifica finale di Gennaio.10 righe scelte dalla redazione.

Rino Cammilleri (Cianciana, 2 novembre 1950)

i 500

immagine copertina
MATTEW QUIRK
i 500
Tradotto da STEFANO BORTOLUSSI
Sperling & Kupfer 2012
10 righe da pagina 251:

Viviamo tempi abietti. Giocare duro non mi è mai particolarmente piaciuto. Ma ormai sono poche le cose che fanno inorridire la gente, e ciò ci costringe a forzare la mano, a usare altri sistemi irritare i nostri obiettivi.

inviato il 09/02/2015
Nei segnalibri di:

Canne al vento

immagine copertina
Grazia Deledda
Canne al vento
A. Mondadori
10 righe da pagina 211:

La nebbia si diradava, apparivano profili di boschi neri sull'azzurro pallido dell'orizzonte;
poi tutto fu sereno, come se mani invisibili tirassero di qua e di là i veli del mal tempo,
e un grande arcobaleno di sette vivi colori e un altro piú piccolo e piú scialbo s'incurvarono
sul paesaggio. La primavera nuorese sorrise allora al povero Efix seduto sulla porta della
Chiesetta.

inviato il 05/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

2001

Ciao Dafne... Anno di pubblicazione? Grazie :)

Partecipo a Passi Sardi http://scrivi.10righedailibri.it/passi-sardi-0

LA LUCE SUGLI OCEANI

immagine copertina
M. L. Stedman
LA LUCE SUGLI OCEANI
Tradotto da Alba Mantovani
Garzanti Libri (collana Narratori moderni) 2012
10 righe da pagina 64:

Vorrei che anche tu potessi vedere l'alba e il tramonto da qui. E le stelle: la notte il cielo è affollato di stelle, e osservare le costellazioni che lo attraversano è un po' come guardare le lancette dell'orologio. E' un conforto sapere che ci saranno, per quanto la giornata sia stata brutta, per quanto le cose possano andare male. Quando ero in Francia, questo pensiero mi aiutava, mi faceva vedere le situazioni in prospettiva. Le stelle esistevano già prima che ci fossero gli uomini e non hanno mai smesso di brillare, indifferenti a ciò che accade. Penso alla luce del faro negli stessi termini: come a un frammento di stella caduto sulla terra, che risplende senza preoccuparsi di ciò che lo circonda. D'estate e d'inverno, nella tempesta e con il tempo buono, si può sempre contare su di lei.

inviato il 14/11/2014
Nei segnalibri di:

NEL TEMPO DI MEZZO

immagine copertina
MARCELLO FOIS
NEL TEMPO DI MEZZO
Einaudi (collana Supercoralli) 2012
10 righe da pagina 252:

Oh non sono mai stato speciale, ho amato le cose che amano tutti: il silenzio mattutino, le lenzuola fresche di bucato... Ho amato di innamorarmi. Ho amato di essere amato. Ho amato di trattenere il pianto e anche di piangere. Mai stato speciale, no.Ho amato il pane fresco e la perfezione di certe forme. Ho amato d'amare.E odiare, qualche volta, certo: non sono speciale. Neanche adesso che è notte fonda.

inviato il 05/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Complimenti Dafne! Hai vinto il libro incentivo mensile premio per i Top segnalibri!
Dopo aver scelto le 10 righe da premiare, inviaci il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Ho scelto queste 10 righe grazie :) http://scrivi.10righedailibri.it/angel-0

Grazie :) si mi ricorderò grazie mille

Ciao Dafne D. sei nella finale settimanale di novembre, COMPLIMENTI!!!
Ricordati di scegliere le tue 10righe da oggi a domenica 16 novembre...

LA NAUSEA

immagine copertina
JEAN PAUL SARTRE
LA NAUSEA
Tradotto da B. Fonzi
Einaudi (collana Einaudi tascabili. Scrittori) 2005
10 righe da pagina 175:

Il mondo,questo grosso essere assurdo. Non ci si poteva nemmeno domandare da dove uscisse fuori, tutto questo, né come mai esisteva un mondo invece che niente. Non aveva senso, il mondo era presente dappertutto, davanti, dietro. Non c'era stato niente prima di esso. Niente. Non c'era stato un momento in cui esso avrebbe potuto non esistere. Era appunto questo che m'irritava: senza dubbio non c'era alcuna ragione perché esistesse, questa larva strisciante. Ma non era possibile che non esistesse. Era impensabile: per immaginare il nulla occorreva trovarcisi già, in pieno mondo, da vivo, con gli occhi spalancati, il nulla era solo un'idea nella mia testa, un'idea esistente, fluttuante in quella immensità: quel nulla non era venuto prima dell'esistenza, era un'esistenza come un'altra e apparsa dopo molte altre.

inviato il 28/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!

ops vado subito scusate

Ciao Dafne, puoi comunicarci le tue 10 righe postate dal 3 al 9novembre garzie :)

Grazieeeeeeeeeee di cuore a TUTTI :)

LA PASSEGGIATA

immagine copertina
ROBERT WALSER
LA PASSEGGIATA
Tradotto da E. Castellani
Editore Adelphi (collana Piccola biblioteca Adelphi) 1976
10 righe da pagina 71:

La bella, dolce strada maestra splendeva d'azzurro, di bianco, d'oro. Sopra le case dei poveri, dipinte di giallo e soffuse di color rosa, abbracciate con infantile tenerezza dal sole, commozione e incanto volavano simili a immagini d'angeli cadenti dal cielo; tenendosi per mano, amore e povertà si libravano nell'aria profumata. Mi sembrava quasi che qualcuno mi chiamasse per nome, che qualcuno mi baciasse o mi desse pace, che Dio Onnipotente in persona, nostro benigno Signore e padrone, procedesse sulla strada per renderla indicibilmente bella.

inviato il 28/10/2014
Nei segnalibri di:

Suite francese

immagine copertina
Irène Némirosvky
Suite francese
Tradotto da Laura Frausin Guarino
Adelphi 2005
10 righe da pagina 271:

“Ma quel che è certo è che fra cinque, dieci o vent’anni questo problema, che secondo lui è il problema del nostro tempo, non esisterà più, sarà sostituito da altri... Mentre questa musica, questo rumore della pioggia sui vetri, questo lugubre scricchiolio del cedro nel giardino di fronte, questo momento così dolce, così strano in mezzo alla guerra, questo non muterà... E' eterno...".

inviato il 01/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Irène Némirovsky (Kiev 1903 – Auschwitz 1942), scrittrice francese.

Cuore

immagine copertina
Edmondo De Amicis
Cuore
Giunti Marzocco 1993
10 righe da pagina 21:

Pensa agli innumerevoli ragazzi che presso a poco a quell'ora vanno a scuola in tutti i paesi; vedili con l'immaginazione, che vanno, vanno per i vicoli dei villaggi quieti, per le strade delle città rumorose, lungo le rive dei mari e dei laghi, dove sotto un sole ardente, dove tra le nebbie, in barca nei paesi intersecati da canali, a cavallo per le grandi pianure, in slitta sopra le nevi, per valli e per colline, a traverso a boschi e a torrenti, su per sentieri solitari delle montagne, soli, a coppie, a gruppi, a lunghe file, tutti coi libri sotto il braccio, vestiti in mille modi, parlanti in mille lingue, dalle ultime scuole della Russia quasi sperdute tra i ghiacci alle ultime scuole dell'Arabia ombreggiate dalle palme, milioni e milioni, tutti a imparare in cento forme diverse le medesime cose; [...]

inviato il 01/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Edmondo De Amicis (Oneglia 1846 – Bordighera 1908), scrittore italiano.

Lettera di una sconosciuta

immagine copertina
Stefan Zweig
Lettera di una sconosciuta
Tradotto da Ada Vigliani
Adelphi 2009
10 righe da pagina 51:

Quando aprivo gli occhi nell'oscurità e percepivo la tua presenza al mio fianco, mi meravigliavo che sopra di me non ci fossero le stelle, talmente vicino mi sembrava il cielo - no, non mi sono mai pentita, amore mio, non mi sono mai pentita di quell'ora.

inviato il 01/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Stefan Zweig (Vienna 1881 – Petrópolis 1942), scrittore austriaco.

Il paese delle nevi

immagine copertina
Yasunari Kawabata
Il paese delle nevi
Tradotto da Luca Lamberti
Einaudi 2002
10 righe da pagina 15:

Il cielo sulla montagna conservava tenacemente tracce del rosso tramonto. Si distinguevano ancora, chiare in distanza, alcune sagome frastagliate, ma il monotono paesaggio montagnoso, senza più colore, era sempre lo stesso per miglia e miglia, più che mai identico. Nulla colpiva lo sguardo, tutto pareva fluire in una grande, informe emozione. E questo certamente perché la faccia della ragazza vi galleggiava sopra... Shimamura aveva l'illusione che il paesaggio notturno passasse effettivamente sopra quel volto, e il suo continuo fluire gli impediva di constatare se fosse davvero così. .... Allora una luce brillò in quella faccia. Il riflesso nel vetro non era abbastanza forte da cancellare la luce esterna, né la luce abbastanza forte da cancellare il riflesso. [...] Era una luce fredda, distante. Appena essa attraversò con il suo piccolo raggio la pupilla della ragazza, appena l'occhio e la luce si furono sovrapposti l'uno sull'altra, l'occhio diventò una particella fosforescente, misteriosamente bella, sulla nera distesa delle montagne...

inviato il 01/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Yasunari Kawabata (Osaka 1899 – Zushi 1972), scrittore giapponese, vincitore del premio Nobel per la letteratura nel 1968.

Red Square

immagine copertina
Martin Cruz Smith
Red Square
Tradotto da M. Amante
Mondadori 1993
10 righe da pagina 109:

A volte Arkady aveva la sensazione che, mentre lui era via, Dio avesse sollevato Mosca e l’avesse rovesciata. Era ritornato in una Mosca del sottosuolo, una città non più sotto la mano grigia del Partito. La mappa mostrava una città diversa, con molti più colori tracciati con le matite.
Il rosso, per esempio, era il colore della mafia di Lyubertsy, un sobborgo operaio a oriente della città… Qui abitavano gli emarginati, gli studenti che non frequentavano le scuole di élite, senza diplomi universitari e senza contatti nel Partito.
Il blu era quello della mafia del Laghetto Lungo, un sobborgo di baracche nella zona settentrionale. I circoli blu indicavano i loro interessi – furto di merci all’aeroporto di Sheremetyevo e prostitute all’hotel Minsk – ma la loro attività principale erano i ricambi d’auto.
Il verde islamico era quello dei ceceni, musulmani originari delle montagne del Caspio. A Mosca ne vivevano un migliaio, a cui si aggiungevano i rinforzi che arrivavano in carovane di automobili.

inviato il 01/07/2017
Nei segnalibri di:

Postcristianesimo? Il malessere e le speranze dell’Occidente

immagine copertina
10 righe da pagina 19:

Il contesto sociale, politico ed economico in cui versa la nostra società appare segnato più dall’incertezza e dalla sfiducia che dallo slancio vitale proprio di chi tende a una meta in grado di generare vita compiuta e quindi anche benessere condiviso, sviluppo sostenibile, ripresa economica ed equità internazionale. Il presente passaggio di millennio ci vede, comprensibilmente, barcollanti. E si è talora tentati di ricorrere a narrazioni che indugiano più sugli aspetti disgreganti che su quelli costruttivi. Le difficoltà del tempo presente sono evidenti – cito solo la lenta ripresa dalla crisi economica e il suo risvolto drammatico sul lavoro, soprattutto dei giovani, o la permanente incertezza che domina il panorama sociopolitico del nostro Paese – e non vanno certo nascoste. Da sole, però, non spiegano lo scoramento che sembra prevalere in molti ambiti sociali e culturali.

inviato il 02/07/2017
Nei segnalibri di:

Le notti bianche

immagine copertina
Fedor Dostoevskij
Le notti bianche
Tradotto da Luigi Vittorio Nadai
Garzanti 2014
10 righe da pagina 84:

Sia limpido il tuo cielo, sia luminoso e sereno il tuo caro sorriso, sii benedetta tu per l'attimo di beatitudine e di felicità che hai donato a un altro cuore solitario e riconoscente!
Mio Dio! Un intero attimo di felicità! E' forse poco possa, foss'anche esso solo in tutta la vita di un uomo?

inviato il 03/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Fëdor Dostoevskij (Mosca, 1821 – San Pietroburgo 1881), scrittore russo.

Estate al lago

immagine copertina
Alberto Vigevani
Estate al lago
Sellerio 2014
10 righe da pagina 128:

Udì la propria voce rinfrancarsi, nel dire che era pronto per gli esami, che aveva studiato. E quando passarono accanto ai riverberi d’una vetrina, vide gli occhi del padre fissarlo con tenerezza, come se tutto fosse chiaro, per lui, dove avevano temuto l’oscurità, e gli anni li attendessero, uno dopo l’altro, come le onde che sbattevano sulla riva: con lo stesso ritmo incorreggibile.
S’animavano altre voci, dietro le loro spalle. Nel buio, il battello sfilò come una grande, fosforescente lucciola, mentre l’acqua tremava di riflessi. Poi curvò lentamente verso Varenna.

inviato il 03/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Alberto Vigevani (Milano 1918 – Milano 1999), scrittore, bibliofilo ed editore italiano.

Il grande Meaulnes

immagine copertina
Henri Alain-Fournier
Il grande Meaulnes
Tradotto da Yasmina Melaouah
Feltrinelli 2013
10 righe da pagina 186:

E nel silenzio assoluto dell'aula dove le coroncine di carta verde strappate, gli involti dei libri premio e le lavagne pulite proclamavano che l'anno scolastico era finito, che riconoscimenti erano stati assegnati e si aspettava l'autunno, l'inizio della scuola e il nuovo impegno, io pensavo che anche la nostra giovinezza era finita e la felicità perduta; e anch'io aspettavo di andare di nuovo alle Sablonnières il ritorno di Augustin che forse non sarebbe mai più ricomparso...

inviato il 03/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Alain-Fournier, pseudonimo di Henri Alban Fournier (La Chapelle-d'Angillon 1886 – Les Éparges 1914), scrittore francese.

Borgo Vecchio

immagine copertina
Giosuè Calaciura
Borgo Vecchio
SELLERIO 2017
10 righe da pagina 9:

Si chiamava Domenico, ma non lo sapeva. Da sempre lo chiamavano Mimmo. Era nato la prima domenica di settembre uscendo da sua madre per i piedi. C'era una pioggia sottile a inzuppare e una nebbiolina profumata di bosco che in quella città non s'era mai vista. Altre nebbie avevano il sopravvento, con la consistenza pesante dei fiumi delle arrostite da strada che il vento dal mare scombinava in vortici ballerini portando odori di carne sin dentro le case di quelli che carne non ne mangiavano mai. E poco si allietavano, un poco si struggevano. Invece quando nacque Mimmo la nebbia aveva la consistenza delle favole. così gli aveva raccontato sua madre.

inviato il 07/07/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara, sei la finalista settimanale del mese di Luglio, per Te un libro incentivo.
Manda i tuoi dati: libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Barbara, sei nella finale settimanale del mese di Luglio.

L'eleganza del riccio

L'eleganza del riccio 23 settimane 5 giorni fa

Bellissimo questo libro, io lo rileggerei all'infinito.

NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES

NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES 31 settimane 5 giorni fa

L'ultima melodia

L'ultima melodia 31 settimane 5 giorni fa

Ciao Staff, scelgo queste 10 righe.

Il quadrato magico. Un mistero che dura da duemila anni

Il quadrato magico. Un mistero che dura da duemila anni 38 settimane 5 giorni fa

Rino Cammilleri (Cianciana, 2 novembre 1950)

Canne al vento

Canne al vento 2 years 46 settimane fa

2001

Canne al vento 2 years 46 settimane fa

Passi sardi

Passi sardi 2 years 46 settimane fa

NEL TEMPO DI MEZZO

NEL TEMPO DI MEZZO 2 years 48 settimane fa

Ho scelto queste 10 righe grazie :) http://scrivi.10righedailibri.it/angel-0

Angel

Angel 2 years 48 settimane fa

Scelgo queste righe :) ciao Gwen 1984

LA NAUSEA

LA NAUSEA 2 years 49 settimane fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy