Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Claudia

Inventario Poesie 1948-2000

immagine copertina
Mario Benedetti
Inventario Poesie 1948-2000
Le Lettere
10 righe da pagina 33:

QUESTA E' LA MIA CASA
Non c'è dubbio. Questa è la mia casa
qui avvengo, qui
mi inganno immensamente.
Arriva l'autunno e mi difende,
la primavera e mi condanna.
Ho milioni di ospiti
che ridono e che mangiano,
s'accoppiano e dormono,
giocano e pensano,
milioni di ospiti che si annoiano,
che hanno incubi e attacchi di nervi.
Non c'è dubbio. Questa è la mia casa.
Tutti i cani e i campanili
ci passano davanti.
Ma la mica casa è sferzata dai fulmini
e un giorno si spaccherà in due.
E io non saprò dove ripararmi,
perché tutte le sue porte danno fuori dal mondo.

inviato il 09/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Claudia, riporta qui nei commenti l'anno di pubblicazione.

L'arte di ignorare il giudizio degli altri

immagine copertina
Arthutr Schopenhauer
L'arte di ignorare il giudizio degli altri
Tradotto da Bettino Betti
Biblioteca universale Rizzoli BUR 2014
10 righe da pagina 33:

Di fatto, il valore che attribuiamo all'opinione altrui e la costante preoccupazione riguardo a essa superano, generalmente, quasi tutte le motivazioni veramente ragionevoli, sicché quel pensiero si può considerare una specie di fissazione universalmente diffusa o, piuttosto, congenita. In tutto ciò che facciamo l'opinione altrui viene presa in considerazione prima, quasi,di ogni altra cosa; e, se ci riflettiamo attentamente, vedremo che quasi la metà di tutte le ansie e di tutti i timori che ci hanno turbati in tutto il nostro passato nascevano da quella preoccupazione: essa è alla base del nostro orgoglio, così spesso offeso perché così morbosamente suscettibile, della nostra vanità e delle nostre ambizioni, dell'ostentazione del lusso e dell'esibizionismo.

inviato il 15/01/2015
Nei segnalibri di:

Canti Orfici

immagine copertina
Dino Campana carmelo bene
Canti Orfici
Grandi tascabili economici Newton 2002
10 righe da pagina 61:

La petite promenade du poète

Me ne vado per le strade
Strette oscure e misteriose:
Vedo dietro le vetrate
Affacciarsi Gemme e Rose.
Dalle scale misteriose
C'è chi scende brancolando:
Dietro i vetri rilucenti
Stan le ciane comentando.

La stradina è solitaria:
Non cè un cane: qualche stella
Nella notte sopra i tetti:
E la notte mi par bella.
E cammino poveretto
Nella notte fantasiosa,
Pur mi sento nella bocca
La saliva disgustosa. Via dal tanfo
Via dal tanfo e per le strade
E cammina e via cammina,
Già le case son più rade.
Trovo l'erba: mi ci stendo
A conciarmi come un cane:
Da lontano un ubriaco
Canta amore alle persiane.

inviato il 07/12/2014
Nei segnalibri di:

Orientarsi con le stelle

immagine copertina
Raymond Carver
Orientarsi con le stelle
Tradotto da Riccardo Duranti e Francesco Dante
Minimum fax 2006
10 righe da pagina 391:

QUESTA PAROLA AMORE

Non accorrerò quando chiamerà
anche mi dirà ti amo,
specialmente se lo dirà,
anche se giura
e non promette altro
che amore amore.

La luce in questa stanza
copre ogni
cosa allo stesso modo;
neanche il mio braccio fa ombra,
anch'esso consumato dalla luce.

Ma questa parola amore…
questa parola s'oscura,
s'appesantisce e si scuote, comincia
a farsi strada coi denti, con brividi e convulsioni
su questo foglio
finché anche noi scompariamo quasi
nella sua gola trasparente e siamo ancora
separati, lucidi, fianchi contro coscia, i tuoi
capelli sciolti che non conoscono
esitazioni.

inviato il 07/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Claudia, giochi a Passi sardi? http://scrivi.10righedailibri.it/passi-sardi-0

Chiedo scusa

immagine copertina
Francesco Abate e Saverio Mastrofranco
Chiedo scusa
Einaudi 2010
10 righe da pagina 167:

Il dolore si è fatto ancora più intenso. - Ma non ho mai fatto nulla di male…- la mia voce sempre più infantile.
-Non basta , - ha detto mio padre affiancato da Pippo e don Ciccio. - Non basta…- ho ripetuto. - Alla fine l'unica cosa che conta è l'amore che hai dato e quello che hai ricevuto. Hai capito, Valter? Il resto è nulla. E tu sei ancora nulla. Mio padre si è avvicinato e insieme ai nonni, con forza, ha squarciato la parete gommosa che mi imprigionava. -Ora vai, - mi hanno detto.
E sono riemerso.

inviato il 05/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Che bello! Grazie mille, staff!

Ciao Claudia, le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione per il gioco Passi Sardi, per Te due libri incentivo. Complimenti!!! Manda i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it

Partecipo a Passi sardi
http://scrivi.10righedailibri.it/passi-sardi-0

Lacci

immagine copertina
Domenico Starnone
Lacci
Einaudi 2014
10 righe da pagina 92:

Ma non è accaduto, ed è stato proprio il fantasma di Lidia a salvarmi da nuove devastazioni. Non mi sono perso dietro a nessun'altra donna perché sono rimasto legato a lei. Non l'ho dimenticata mai, pensare a Lidia continua a turbarmi. Perciò non c'è stato anno in cui io non abbia trovato il modo di incontrarla. Ho seguito assiduamente gli sviluppi della sua vita. Insegna ancora all'università, ma è vicina alla pensione. Scrive sui giornali, è un'economista molto apprezzata, specialmente in questi tempi di disoccupazione e miseria.

inviato il 04/12/2014
Nei segnalibri di:

1913 L'anno prima della tempesta

immagine copertina
Florian Illies
1913 L'anno prima della tempesta
Marsilio 2013
10 righe da pagina 23:

E' un anno tutto su di giri. Perciò è naturale che il pilota russo Petr Nikolaevic Nesterov, a bordo del suo aereo da combattimento, compisse il primo looping della storia nel 1913. E che su un lago ghiacciato, in quel gennaio freddo da morire, il pattinatore austriaco Alois Lutz eseguisse una giravolta nell'aria con un'abilità tale che quel salto porta il suo nome ancora oggi. Per farlo bisogna prendere la rincorsa all'indietro, poi saltare partendo dal filo esterno della gamba sinistra. La rotazione si ottiene staccando all'indietro le braccia dal busto. Cosa che nel doppio Lutz, ovviamente, bisogna ripetere due volte.

inviato il 11/02/2014
Nei segnalibri di:

La vita oscena

immagine copertina
Aldo Nove
La vita oscena
Einaudi 2010
10 righe da pagina 111:

Le storie vengono da un luogo lontano dove siamo già stati.
Forse non noi.
Forse non esattamente noi.
Raccontano di altrove.
Di madri.
Di padri.
Inizi e morte.
E poi di nuovo l'inizio.
Come si esce dal fuoco.
Come si attraversano le fiamme.
Come oltre il fuoco ci sia un'altra luce.
Come dietro ogni perdita ci sia una rinascita.
Come il mondo continui ad apparirci bello e completamente incomprensibile.
Mentre scrivo queste parole.
Mentre qualcuno le legge.

inviato il 05/02/2014
Nei segnalibri di:

Il testimone inascoltato

immagine copertina
Yannick Haenel
Il testimone inascoltato
Guanda
10 righe da pagina 99:

Si è permesso che lo sterminio degli ebrei si compisse. Nessuno ha cercato di fermarlo, nessuno ha voluto provarci. Quando ho trasmesso il messaggio del ghetto di Varsavia a Londra, poi a Washington, non sono stato creduto. Nessuno mi ha creduto perché nessuno voleva credermi. Rivedo il viso di tutti coloro ai quali ho parlato; ricordo perfettamente il loro imbarazzo. Ciò a partire dal 1942. Erano altrettanto imbarazzati tre anni dopo, quando sono stati scoperti i campi di sterminio?

inviato il 21/01/2014
Nei segnalibri di:

L'invenzione della poesia. Le lezioni americane

immagine copertina
10 righe da pagina 5:

Ho passato la vita a leggere, ad analizzare, a scrivere. (o a tentare di scrivere) e a gioirne. Ho scoperto che quest'ultimo punto è la cosa più importante. A forza di leggere e rileggere poesia, sono arrivato a una conclusione definitiva sull'argomento. Ogni volta che affronto una pagina bianca, sento di dover riscoprire la letteratura da solo. Il passato non mi è di alcun aiuto. Sicché, come ho già detto, ho solo le mie perplessità da offrirvi. Sono prossimo ai settant'anni, ho dedicato la maggior parte della mia vita alla letteratura e posso offrirvi solo dubbi.

inviato il 21/01/2014
Nei segnalibri di:

Poesia

immagine copertina
Anne Bronte
Poesia
10righe dai libri
10 righe da pagina 4:

Notte
Amo l'ora silente della notte
perché un sogno felice nasce allora
rivelando alla mia vista incantata
ciò che il mio occhio sveglio non adora.
E può il mio orecchio udire la voce
che da tempo la morte ha soffocato;
l'afflitta solitudine in un grato
impeto di speranza tramuta
Fredda giace da anni nella tomba
la creatura che amavo contemplare
soltanto il sogno, e notte, come viva
può farlo dolcemente ritornare.

inviato il 17/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

bellissima poesia, passa anche a leggere la mia ciaoo

GRAZIE STAFF!!!buona domenica ,anzi buona serata!

Preciso che il titolo della poesia è "NOTTE", chiedo se sia possibile correggere, grazie! Naty

Il 17-gennaio 1820 nasceva a Thornton - Anne Bronte"

Aforisma

immagine copertina
Alexander Allan Milne
Aforisma
10righe
10 righe da pagina 4:

"Un po' di considerazione,
un piccolo pensiero per gli altri
fa tutta la differenza."

inviato il 18/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Scrittore di numerosi libri per bambini,è nato a Londra il 18 gennaio 1882

Poesia

immagine copertina
Boris Pasternak
Poesia
Tradotto da /
10righe /
10 righe da pagina 3:

Io non amo la gente perfetta,
quelli che non sono mai caduti,
che non hanno mai inciampato.
La loro è una vita spenta, di poco valore.
A loro non si è svelata la bellezza della vita.

inviato il 14/01/2015
Nei segnalibri di:

Roxanne

The Police
Roxanne
Video - Musica 1978

3 minuti con ♫ The Police ♫ 
- Roxanne
 

leggi tutto
inviato il 14/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Segnalibro ,ed ascolto piacevole!!!

.... e come non si può "segnalibrare" Roxanne?

Il Seggio Vacante

immagine copertina
J.K. Rowling
Il Seggio Vacante
Tradotto da Silvia Piraccini
Salani 2012
10 righe da pagina 87:

Lo sbaglio che faceva il novantanove per cento dell'umanità, secondo Ciccio, era quello di vergognarsi di se stessi: mentire su come si è, cercare di essere qualcun altro. La sincerità era il punto di forza di Ciccio, la sua arma, la sua forma di difesa. Le persone sincere spaventavano, scandalizzavano. Gli altri, aveva scoperto Ciccio, affondavano nell'imbarazzo e nella simulazione, atterriti al pensiero che la loro verità potesse trapelare; Ciccio era invece attratto dalla schiettezza, da qualunque cosa, anche brutta, fosse autentica, dalle cose sporche che in quelli come suo padre suscitavano umiliazione e disgusto.

inviato il 12/01/2015
Nei segnalibri di:

A passeggio con Keats

immagine copertina
Julio Cortàzar
A passeggio con Keats
Tradotto da Elisabetta Vaccaro Barbara Turitto
Campo dei fiori-Fazi 2014
10 righe da pagina 48:

Una volta ho composto una poesia per Shelley:
La notte ha in serbo tante colonne placate
da una promessa costruzione che le fissi.
Guarda il quieto trapezio delle costellazioni,
predisposti i fusti , le gradinate e l'acanto.
Forse ti attendon,qualcuno le opere arrestò
(non vi sono continui squarci nel cuor?)
per cercar la linea di chi giovin muor.
Eri l'architetto per forgiarci un mondo
di soleggiate terrazze ove ascoltare i canti;
assillato da specchi ci avresti dato i frutti
che serbano nel verde loro tutto l'oro del tempo.
Nella rosa s'occultano i progetti del palazzo,
la lingua dell'eternità che il tuo canto minacciava;
la sua chiocciola li cinge con muschi di profumo,
ogni giorno spera che tu torni a prenderla.
Che rotta si diparte dalla bussola pazza.
Pilota dei viaggi che non facemmo teco?
Costruzione fulminata, senza nome; alcune volte
Vedo la tua chioma bionda tirata dal cielo.

inviato il 08/12/2014
Nei segnalibri di:

Lettere Luterane

immagine copertina
Pier Paolo Pasolini
Lettere Luterane
Garzanti 2009
10 righe da pagina 50:

Niente come fare un film costringe a guardare le cose. Lo sguardo di un letterato su un paesaggio, campestre o urbano, può escludere un'infinità di cose, ritagliando dal loro insieme solo quelle che emozionano o servono. Lo sguardo di un regista - su quello stesso paesaggio - non può invece non prendere coscienza - quasi elencandole - di tutte le cose che vi si trovano. Infatti mentre in un letterato le cose sono destinate a divenire parole, cioé simboli, nell'espressione di un regista le cose restano cose: i "segni" del sistema verbale sono dunque simbolici e convenzionali, mentre i "segni" del sistema cinematografico sono appunto le cose stesse, nella loro materialità e nella loro realtà.

inviato il 07/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Alessandra, giochi a Passi sardi? http://scrivi.10righedailibri.it/passi-sardi-0

L'arte di correre

immagine copertina
Haruki Murakami
L'arte di correre
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi Super ET 2007
10 righe da pagina 13:

Correre per me è un ottimo esercizio, e al tempo stesso costituisce una valida metafora. Allenandomi giorno dopo giorno, partecipando a una gara dopo l'altra, miglioro gradualmente i miei record, e in questo processo evolvo anch'io. O per lo meno cerco di evolvere, è a questo scopo che compio sforzi quotidiani. Come corridore non valgo un granché, questo è certo. Sono assolutamente nella media - o forse dovrei dire al di sotto. La mediocrità non costituisce però per me un vero problema. L'essenziale è superare anche di poco il livello raggiunto in precedenza. Se un corridore deve per forza individuare un avversario da battere, lo cerchi nel se stesso del giorno prima.

inviato il 24/11/2014
Nei segnalibri di:

Chiaroscuro

immagine copertina
Grazia Deledda
Chiaroscuro
Ilisso Editore 2004
10 righe da pagina 19:

D’improvviso Madalena sentì rimbalzarle sul petto come una palla elastica: trasalì, raccolse in grembo un’arancia, e sollevando gli occhi spaventati vide, sopra la linea oscura dell’antipetus, specie di paravento in muratura costrutto tra il focolare e la porta, il viso nero e barbuto del suo fidanzato. Era lui che per annunziarle il suo arrivo le aveva lanciato l’arancia; e rideva silenziosamente dello spavento di lei, mostrando fra i peli nero dei baffi e della barba i lunghi denti puntuti.

inviato il 05/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Cosa non farei per te

Rachel Van Dyken
Cosa non farei per te
Nord
10 righe da pagina 270:

Sii uomo. Non permetterti di affogare. Non scappare, non nuotare via dalla salvezza del la barca. Quella barca è la tua casa, la tua famiglia, la tua vita. Tua moglie, la tua compagna sarà il tuo salvagente che ti terrà sempre a galla. Senza salvagente si annega, e un salvagente senza nessuno che vi si aggrappi non serve a niente. Dovete fidarvi l'uno dell'altra in tutto e per tutto. Non dimenticare mai che, se non vale la pena di lottare per qualcosa allora non vale la pena di averlo. Quando senti di voler mollare di non essere abbastanza forte, ricorda che nessuno di noi lo è davvero. Nessuno merita la donna della sua vita, ma, che diamine, dobbiamo cercare giorno dopo giorno, di meritare il loro amore. Quel che ti sto dicendo, credo..è amala. Falla felice, onorala, e santo cielo, figliolo, fa in modo che i suoi sorrisi siano più delle sue lacrime... che il vostro letto sia colmo di risate, le notte dense di piacere, che la vostra casa profumi di buon cibo e che i vostri cuori siano pieni di gioia.
E' per questo che siamo al mondo: per amare.

inviato il 26/11/2014
Nei segnalibri di:

Chiedo scusa

Chiedo scusa 2 years 23 settimane fa

Che bello! Grazie mille, staff!

Chiedo scusa 2 years 24 settimane fa

Gioco - Chi eravate nella vita passata?

Gioco - Chi eravate nella vita passata? 2 years 23 settimane fa

Mendicante…andiamo bene!

Passi sardi

Passi sardi 2 years 24 settimane fa

Partecipo con Francesco Abate e Saverio Mastrofranco, "Chiedo scusa" http://scrivi.10righedailibri.it/chiedo-scusa-0

Mandami a dire

Mandami a dire 3 years 16 settimane fa

Ciao Monica, spero di poterlo leggere presto!

Mandami a dire 3 years 16 settimane fa

Ciao staff, queste sono le 10 righe della settimana apnea trascorsa che ho scelto come vincitrici.
Cara Monica, ricorda di comunicare il tuo indirizzo allo staff con una mail.

L'arte di essere felici

L'arte di essere felici 3 years 17 settimane fa

Grazie, che bellezza! Non avevo mai vinto!

Una porta di libri

Una porta di libri 3 years 18 settimane fa

"Le cose che non ho " di Gregoire Delacourt (Salani)

Una porta di libri 4 years 9 settimane fa

La leggenda del santo bevitore di Joseph Roth

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 4 years 12 settimane fa

Tre mesi fa qualcuno, senza che me l'aspettassi, mi ha regalato la tua raccolta di poesie.
(Troviamo le parole di Ingeborg Bachmann Paul Celan)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy