Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di amendola.lucia40

Un vago devastante malessere

immagine copertina
Renato Della Calce
Un vago devastante malessere
Plectica editrice. Salerno
10 righe da pagina 33:

Mi sono presto abituato alla cella, alla penetrante umidità, al freddo aspro o al caldo soffocante…; mi sono presto abituato a quel tratteggio grigio delle pareti, quasi che rappresentassero la luce del giorno.
Ho imparato perfino a distinguere le varie fasi dell’oscurità che caratterizzano la mattina, la sera, la notte, le ore nebbiose del crepuscolo.
Ho imparato a percepire la voce delle tenebre e la melodia delle cose che non fanno rumore e che, pur essendo mute, risuonano quando svanisce la luce del giorno.
Le poche voci della città che si spingono fino al carcere le conosco tutte e di ciascuna conosco il tipo, la provenienza, l’origine …
Solo con astuzie riesco a strappare , e per non più d’un istante brevissimo, la vista del mondo da alcune luride vetrate poste nei piani rialzati di questo cadente edificio.
Queste piccole evasioni... sono testimonianza che dopotutto neppure la cella in cui vivo rinchiuso è fuori dal mondo e che io stesso faccio ancora parte della vita.

inviato il 07/03/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

in queste dieci righe si leggono tutta la tristezza della vita in carcere e la speranza

la luna a strisce

immagine copertina
Lucia Amendola Ranesi
la luna a strisce
Guida Editori 2011
10 righe da pagina 27:

Quel pomeriggio me ne andai al cantiere navale di mio padre, che sorgeva sulla spiaggia al "Quartuccio", a lavorare alla mia barca a vela. Il profumo del legno, l'odore delle vernici, la sega, l'ascia, il martello, il vociare degli operai... si sostituirono ai numeri, ma i tuoi occhi continuavano a scaldarmi il cuore. Tutto era come prima, eppure tutto era diverso. Mi resi conto che neanche il cantiere, 'o maciello' come lo chiamavano gli stabiesi, di cui andavo tanto fiero e nel quale avevo trascorso i più bei momenti di spensieratezza della mia infanzia, poteva proteggermi da quella tempesta che mi aveva così inaspettatamente invaso l'anima. Ricordi il nostro incontro fortuito sul lungomare? Mentre passeggiavamo muti, forse per lo stupore, pensavo: com’è bello il golfo! E il Vesuvio in quel momento mi appariva per la prima volta come una creatura vivente, quasi un essere umano. Il pennacchio mi sembrava d’improvviso l’anima della Terra …: il Vulcano ardeva con me.

inviato il 14/05/2013
Nei segnalibri di:

VITA E DESTINO

immagine copertina
Vasilij Grossman
VITA E DESTINO
Tradotto da Claudia Zanghetti
Adelphi 2009
10 righe da pagina 192:

Quel giorno la morte nel bosco finto, dove un lupo finto si avvicinava furtivo a un capretto finto, lasciò per sempre le pagine del libro.David capì che anche lui sarebbe morto e non come nella favola, non come nel libro illustrato, ma per davvero , sul serio.
Capì che un giorno sarebbe morta anche sua madre. E per lui come per lei, la morte sarebbe arrivata non da un bosco fatato con gli abeti persi nelle tenebre, ma dall'aria, dalla vita, dalle pareti domestiche e non ci sarebbe stato modo di sfuggirle.
Capì con la chiarezza e la profondità di cui sono capaci i bambini piccoli e i grandi filosofi, che sanno pensare con la semplicità e la forza dei sentimenti di un bambino.
Dalle sedie sfondate e risistemate con qualche asse di compensato e dall'armadio panciuto veniva un buon odore, un odore di tranquillità, lo stesso dei capelli e degli abiti della nonna. Attorno c'era il buio della notte, la sua quiete illusoria.

inviato il 10/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Libri come Vita e Destino, ha scritto George Steiner, eclissano quasi tutti i romanzi che oggi in occidente vengono presi sul serio.
Con qualche riserva condivido.

E' uno dei romanzi più belli del "secolo breve"

La luna a strisce

immagine copertina
Lucia Amendola Ranesi
La luna a strisce
Guida
10 righe da pagina 297:

Il mare notturno dormiva un sonno irrequieto, borbottando e proiettando improvvisamente magnifici spruzzi, che s'innalzavano come candidi ventagli al di là delle rocce. Come un bassorilievo l'intera scena del golfo di Napoli veniva fuori dalle tenebre, quando la luna piena, liberatasi dalle nuvole che la soffocavano, accese d'argento i profili delle isole, della punta di Sorrento, e delle onde infinite che si rincorrevano all'orizzonte.
Eugenio fu colto da un senso d'inesprimibile armonia, lo stesso che Dante suggeriva nell' ultima terzina della sua Commedia. "L'amor che muove il sole e l'altre stelle." I movimenti divini sono quelli lenti, ma inarrestabili, eterni come l'Universo. E chi fa parte dell'armonia che governa il mondo, condivide quella stessa lentezza e inarrestabilità.

inviato il 15/09/2012
Nei segnalibri di:

La luna a strisce

immagine copertina
Lucia Amendola Ranesi
La luna a strisce
Guida 2011
10 righe da pagina 232:

La dolce freschezza del risveglio!
Maria e Rodolfo avevano circa un'ora di cammino, da Sant'Angelo di Ogliara, prima di prendere il filobus per raggiungere Salerno e le rispettive scuole.
Neanche il pensiero della guerra riusciva a turbare la serenità della passeggiata mattutina, momento più bello della giornata.
Lo spegnersi di qualche stella che stentava ad arrendersi alla luce dell'alba, le piante di capperi sui muri delle vecchie case, l'odore della mentuccia e dell'origano, i cespugli di lavanda ai bordi della strada senza marciapiedi, la rugiada sull'erba, il cinguettio degli uccelli, l' aria fresca, le mani uniite, l'ascolto del respiro dell'altro nel silenzio della mattina.
Ma la strada è lunga c'è tempo anche per le parole.

inviato il 10/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Lucia nella classifica vengono riportati i primi 10 libri più segnalibrati ecco perchè non c'è più... il tuo libro ne ha 16 ma la classifica parte da 21 segnalibri...

mi riferivo alla classifica sulla sinistra dove non sono menzionata, pur avendo ottenuto a ieri 16 segnalibri

Ciao Lucia ti riferisci alla classifica settimanale o mensile che è sulla dx e sulla sx? In classifica vanno solo i libri che hanno raggiunto il maggior numero di segnalibri... :)

Perchè non sono segnalata nella classifica dei segnalibro? C'è qualcosa che mi sfugge?

I colloqui

immagine copertina
Guido Gozzano
I colloqui
FLLI.TREVES EDITORI 1919
10 righe da pagina 57:

Signorina Felicita, a quest'ora
scende la sera nel giardino antico
della tua casa. Nel mio cuore amico
scende il ricordo. E ti rivedo ancora,
e Ivrea rivedo e la cerulea Dora
e quel dolce paese che non dico.
Signorina Felicita, è il tuo giorno!

A quest'ora che fai? Tosti il caffè:
e il buon aroma si diffonde intorno?
O cuci i lini e canti e pensi a me,
all'avvocato che non fa ritorno?
E l'avvocato è qui: che pensa a te.

inviato il 04/07/2012
Nei segnalibri di:

La luna a strisce

immagine copertina
Lucia Amendola Ranesi
La luna a strisce
Guida
10 righe da pagina 320:

La scenografia di Amalfi via via che ci allontaniamo dalla riva si imprime nella mia mente e sento il cuore battermi forte. I remi entrano con una cadenza sempre uguale e,al contatto, il mare, calmo come una tavola, spruzza lamine e fili dorati, tra gli ultimi raggi del sole calante. Sono nitide, ma non abbagliano le case di Amalfi al tramonto; nitide le cupole maiolicate delle chiese; nitide le rocce a picco sull'acqua e le caverne e le bianche costruzioni sui cocuzzoli delle rupi senza vegetazione, subito sopra Atrani. E Atrani si snoda lentamente ai miei occhi, con i suoi archi che sorreggono la strada che l'autobus ha percorso quando da Salerno ci ha portato ad Amalfi. Chi abiterà nelle bianche case, costruite sulla spiaggia sotto gli archi della carrozzabile? Un senso di mistero che non so definire mi sorprende mi affascina quasi mi spaventa.

inviato il 04/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Complimenti per questo libro così vicino alla nostra terra! L'ho letto tutto d'un fiato! Complimenti ancora!

Lucia benvenuta :)
abbiamo lanciato un nuovo giochino http://scrivi.10righedailibri.it/un-crimine-al-giorno/ partecipi?

Poesie D'Amore

immagine copertina
William Shakespeare
Poesie D'Amore
Tradotto da Giuseppe D'Ambrosio Angelillo
Acquaviva 2007
10 righe da pagina 28:

Non traggo dalle mie stelle i miei giudizi
eppure confesso, so di astronomia.
Ma non per predire la buona o la cattiva sorte,
o pestilenze o carestie o la qualità delle stagioni
nè so leggere il destino al tempo che sfugge
segnalando ogni istante tuoni, pioggia o vento
svelando ai principi se tutto andrà bene.
Grazie ai presagi che il cielo mi rivela
dagli occhi tuoi traggo il sapere
in essi, stelle immutabili, leggo questa verità:
Virtù e Bellezza cresceranno insieme
se sarai fecondo come lo è un vivaio,
altrimenti su te io profetizzo
che la morte spegnerà per sempre
ogni tua bellezza ed ogni rara virtù.

inviato il 12/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Naty :)

segnalibro

COMPLEANNI D'AUTORE

immagine copertina
Agatha Christie
COMPLEANNI D'AUTORE
10righedailibri 1890

"L'unico posto dove poteva trovarsi" disse con tono soddisfatto "Dopo aver ucciso la Brent, l'assassino ha aperto la finestra e ha gettato la siringa, poi ha preso dal tavolo la statuina e ha gettato fuori anche quella". Non trovarono impronte digitali sulla siringa. Erano state cancellate accuratamente. Vera disse con voce ferma "Ora cerchiamo la rivoltella". Il giudice Wargrave annuì. "Certo, a ogni costo. Ma, nel farlo, stiamo ben attenti a restare uniti. Ricordiamoci che, se ci separiamo, offriamo all'assassino l'occasione di agire". Frugarono dovunque con cura meticolosa, dal solaio alla cantina, ma senza risultato. La rivoltella non fu trovata.
(10 piccoli indiani)

inviato il 15/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro

Se una notte d'inverno un vaggiatore

immagine copertina
Italo Calvino
Se una notte d'inverno un vaggiatore
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 96:

- Con la rivoluzione ci sono persone che cambiano tanto da diventare irriconoscibili e persone che si sentono uguali a se stesse più di prima. Dovrebb'essere il segno che erano già pronte per i tempi nuovi.
E' così?

inviato il 13/09/2012
Nei segnalibri di:

Se una notte d'inverno un vaggiatore

immagine copertina
Italo Calvino
Se una notte d'inverno un vaggiatore
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 92:

Ognuno sentiva che la sua sopravvivenza era in gioco, e proprio dove parlare di società sarebbe parso più fuori luogo, perchè ciò che contava era farsi largo con le unghie e con i denti, pure si stabiliva una sorta di comunanza e d'intesa, per cui di fronte agli ostacoli gli sfrozi s'univano e ci si capiva senza troppe parole.
Sarà stato quello, o sarà stato che nello scompiglio generale la giovinezza riconosce se stessa e ne gode: fatto sta che attraversando il Ponte di Ferro in mezzo alla folla quel mattino mi sentivo contento e leggero, in armonia con gli altri, con me stesso e col mondo come non mi succedeva da tempo.

inviato il 13/09/2012
Nei segnalibri di:

Se una notte d'inverno un vaggiatore

immagine copertina
Italo Calvino
Se una notte d'inverno un vaggiatore
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 248:

Ti allacci la cintura. L'aereo sta atterrando. Volare è il contrario del viaggio: attraversi una discontinuità dello spazio, sparisci nel vuoto, accetti di non essere in nessun luogo per una durata che è anch'essa una specie di vuoto nel tempo; poi riappari, in un luogo e in un momento senza rapporto col dove e col quand in cui eri sparito.

inviato il 13/09/2012
Nei segnalibri di:

Se una notte d'inverno un vaggiatore

immagine copertina
Italo Calvino
Se una notte d'inverno un vaggiatore
Oscar Mondadori

Anche ricordare il male può essere un piacere quando il male è mescolato non dico al bene ma al vario, al mutevole, al movimentato, insomma a quello che posso pure chiamare il bene e che è il piacere di vedere le cose a distanza e di raccontarle come ciò che è passato.

inviato il 13/09/2012
Nei segnalibri di:

Grandi speranze

immagine copertina
Charles Dickens
Grandi speranze
Oscar mondadoi
10 righe da pagina 94:

Quello che per me fu un giono memorabileperchè da allora molte cose mutarono nella mia vita. Ma così accade a tutti gli esseri umani. Cercate col pensiero di eliminare un dato giorno speciale della vostra vita e pensate a come diverso potrebbe essere stato il suo corso! Fermati, tu che leggi, e medita per un momento sulla lunga catena di bronzo o d'oro, di spine o di fiori, che mai ti avrebbe soggiogato se in un solo memorabilegiorno non si fosse formato e chiuso il primo anello.

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per la visita!! =)

Sono molto contenta che ti sia piaciuto il mio romanzo. E' per te che ho conosciuto questo bel sito. Grazie per il commento!

Il libro è

immagine copertina
Elena Grazia Sini
Il libro è
10 righe dai libri 2012

Un libro è una fotografia dell'esplorazione interiore.
(Elena Grazia Sini)
.
.
.
fonte pensiero: http://scrivi.10righedailibri.it/il-libro-%C3%A8
Dipinto di Jonathan Wolstenholme
- Private Collection, copyright: www.bridgemanart.com

inviato il 07/07/2012
Nei segnalibri di:

Pensieri sui libri

immagine copertina
Emily Dickinson
Pensieri sui libri
10 righe dai libri

Non esiste vascello che come un libro ci sa portare in terre lontane. Né corsiero come una pagina di scalpitante poesia. È un viaggio che anche il più povero può fare senza il tormento del pedaggio. Quanto è frugale la carrozza che trasporta l'anima dell'Uomo.

inviato il 02/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Cristina hai vinto un libro incentivo del premio Staff del mese. Invia una mail a libriincentivo@10righedailibri.it :)

Aggiungo dal suo Herbarium...
Da sì minuscoli cavalieri-
un germoglio ,o un libro
sono deposti i semi dei sorrisi
che nel buio fioriscono.

Fra le sue poesie, circa 1.775, alcuni versi si sono impressi in modo indelebile nel mio animo:

Tutti hanno diritto al mattino
alla notte solo alcuni
alla luce dell’Aurora
pochi eccelsi privilegiati.

Un saluto a tutti
Antonio

Bello, bello, bello!

aggiungo segnalibro

adoro questo pensiero

Cecità

immagine copertina
José Saramago
Cecità
Universale Economica Feltrinelli 2011
10 righe da pagina 109:

In un passato remoto, ragioni e metafore simili erano state tradotte dall'imperterrito ottimismo della gente comune in detti tipo questo, Non c'è bene che sempre duri, né male che perduri, oppure, in versione letteraria,Così come non c'è bene che duri sempre, non c'è male che sempre duri, massime supreme di chi ha avuto il tempo di apprendere con gli scossoni della vita e della fortuna, e che, trasposte fra i cechi, andranno lette come segue, Ieri vedevamo, oggi non vediamo, domani vedremo, con una leggera intonazione interrogativa nella terza parte della frase, come se la prudenza, all'ultimo istante, avesse deciso, per si e per no, di aggiungere l'ambiguità del dubbio alla speranzosa conclusione.

inviato il 05/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Questo è un libro che fa riflettere, lo metterei pari a 1984 come potenza espressiva e capacità introspettiva sulla natura umana.

grazieee!!1

segnalibro !

grazie ragazze!!!

Un vago devastante malessere

Un vago devastante malessere 4 years 26 settimane fa

in queste dieci righe si leggono tutta la tristezza della vita in carcere e la speranza

VITA E DESTINO

VITA E DESTINO 6 years 39 settimane fa

Libri come Vita e Destino, ha scritto George Steiner, eclissano quasi tutti i romanzi che oggi in occidente vengono presi sul serio.
Con qualche riserva condivido.

VITA E DESTINO 6 years 39 settimane fa

E' uno dei romanzi più belli del "secolo breve"

La luna a strisce

La luna a strisce 7 years 9 settimane fa

mi riferivo alla classifica sulla sinistra dove non sono menzionata, pur avendo ottenuto a ieri 16 segnalibri

La luna a strisce 7 years 9 settimane fa

Perchè non sono segnalata nella classifica dei segnalibro? C'è qualcosa che mi sfugge?

Grandi speranze

Grandi speranze 7 years 9 settimane fa

Sono molto contenta che ti sia piaciuto il mio romanzo. E' per te che ho conosciuto questo bel sito. Grazie per il commento!

Il libro è ...

Il libro è ... 7 years 10 settimane fa

Un libro è un modo per conoscere te stesso attraverso le parole degli altri.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy