Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di silvia.v84

NEVEE

immagine copertina
Maxence Fermine
NEVEE
Tradotto da Sergio Claudio Perroni
Bompiani
10 righe da pagina 11:

Yuko Akita aveva due passioni.
L'haiku.
E la neve.

L'haiku è un genere letterario giapponese. E' una breve poesia di tre versi e diciassette sillabe. Non una di più.

La neve è una poesia. Una poesia che cade dalle nuvole in fiocchi bianchi e leggeri.
Questa poesia arriva dalle labbra del cielo, dalla mano di Dio.

Ha un nome. Un nome di un candore smagliante.

Neve.

inviato il 02/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissime righe:)

Il ragazzo giusto

immagine copertina
Vikram Seth
Il ragazzo giusto
Tradotto da Lidia Perria
Tea
10 righe da pagina 1037:

Pran e Savita, per quanto diverse fossero le loro origini, erano una coppia felice. Riconoscevano limiti e possibilità; i loro desideri non andavano oltre la loro portata. Si amavano o, meglio, avevano imparato a farlo. Erano entrambi convinti, senza neanche dichiararlo, o forse senza neanche pensarlo esplicitamente, che il matrimonio e i figli fossero un bene prezioso. Se Savita era irrequieta - e in quel momento alla luce schermata di mezzogiorno il suo viso addormentato non mostrava alcunna irrequietezza, ma piuttosto una pace e un piacere che stupivano Lata -, era perchè temeva i danni che forze esterne potevano arrecare a quel bene prezioso.

inviato il 04/11/2010
Nei segnalibri di:

Il ragazzo giusto

immagine copertina
Vikram Seth
Il ragazzo giusto
Tradotto da Lidia Perria
Tea
10 righe da pagina 1037:

Pran e Savita, per quanto diverse fossero le loro origini, erano una coppia felice. Riconoscevano limiti e possibilità; i loro desideri non andavano oltre la loro portata. Si amavano o, meglio, avevano imparato a farlo. Erano entrambi convinti, senza neanche dichiararlo, o forse senza neanche pensarlo esplicitamente, che il matrimonio e i figli fossero un bene prezioso. Se Savita era irrequieta - e in quel momento alla luce schermata di mezzogiorno il suo viso addormentato non mostrava alcunna irrequietezza, ma piuttosto una pace e un piacere che stupivano Lata -, era perchè temeva i danni che forze esterne potevano arrecare a quel bene prezioso.

inviato il 04/11/2010
Nei segnalibri di:

L'amore ai tempi del colera

immagine copertina
Gabriel Garcìa Màrquez
L'amore ai tempi del colera
Oscar Mondadori 1996
10 righe da pagina 367:

Non si sentivano come innamorati di fresca data, contrariamente a quello che il capitano e Zenaida supponevano, e tantomeno come amanti tardivi. Era come se avessero saltato l'arduo calvario della vita coniugale e fossero andati senza altre circonvoluzioni all'essenza dell'amore. Passavano il tempo in silenzio come due vecchi sposi scottati dalla vita, oltre la trappole della passione, oltre gli scherzi brutali delle illusioni e i miraggi delle disillusioni: oltre l'amore. Perché avevano vissuto insieme quanto bastava per accorgersi che l'amore era l'amore in qualsiasi tempo e in qualsiasi parte, ma tanto più intenso quanto più era vicino alla morte.

inviato il 03/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie a tutti di avermi votato! Del resto, Màrquez è Màrquez, come non esserne rapiti...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy