Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di lenta mente

Cuore di cane

immagine copertina
Michail Bulgakov
Cuore di cane
Tradotto da Giovanni Crino
Biblioteca universale Rizzoli BUR 1975
10 righe da pagina 134:

"Ivan Arnoldovic, ma è semplicissimo.... Come fate a non capirlo da solo? L'ipofisi non rimane certo sospesa nel vuoto. E' stata innestata in un cervello di cane, le occorre del tempo per attecchire. Adesso Pallinov sta compiendo le sue ultime gesta canine e, cercate di capirmi, i gatti sono ancora la cosa più innocua. Pensate che ormai, orribile a dirsi, il suo cuore non è più canino, ma umano, proprio umano. Ed è uno dei cuori più obbrobriosi tra quanti ne esitono in natura!"

inviato il 18/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Immagine - Locandina del film di Alberto Lattuada

Cuore di cane

immagine copertina
Michail Bulgakov
Cuore di cane
Tradotto da Giovanni Crino
Biblioteca universale Rizzoli BUR 1975
10 righe da pagina 19:

"U-u-u-u-u-u-hu-hu-huu! ... guardatemi, muoio. E il mio ululato si confonde con quello della tormenta che così, attraverso il portone, mi canta la messa da morto. E' finita per me, proprio finita. Un individuo schifoso, con quel suo lurido berretto, il cuoco della mensa per l'alimentazione normale degli impiegati del Consiglio Centrale dell'Economia Nazionale, si è preso il gusto di sbattermi addosso una pentola d'acqua bollente e mi ha mandato in malora il fianco sinistro. Brutta carogna!

inviato il 18/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

L'immagine riproduce la locandina del film di Alberto Lattuada

Pollice verde

immagine copertina
Ippolito Pizzetti
Pollice verde
Biblioteca Universale Rizzoli 1982
10 righe da pagina 218:

Il terreno duro e asciutto, che il sole d'estate ha prosciugato, in giardino, in terrazzo, nei vasi e nelle cassette, mi dà il malessere. Invece mi piace frugare con le dita tra le foglie, o qualunque sia il materiale che abbiate scelto, e sentire cedere la terra morbida sotto i polpastrelli, soffice e umida. Pacciamare significa anche, quasi in ogni caso, andare a raccogliere il pacciame nei boschi. E anche se adesso i boschi sono assetati e silenziosi, come mummificati, rimuovendo le foglie sul terreno si sprigiona l'odore familiare e inebriante dell'humus : mi prende un presentimento di funghi che mi fa passare un brivido nella schiena.

inviato il 17/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Atena. Assolutamente consigliato anche per i pollici più neri!

Pizzetti è un incantatore...

Mi sa questo libro quasi quasi lo compro hai visto mai che da nero il mio pollice diventa finalmente verde!!! :-)

Orientarsi con le stelle

immagine copertina
Raymond Carver
Orientarsi con le stelle
Tradotto da Riccardo Duranti
minimum fax 2006
10 righe da pagina 188:

IL MIO CORVO

Un corvo s'è posato sull'albero davanti alla mia finestra.
Non era mica il corvo di Ted Hughes né quello di Galway Kinnell.
Non era neanche quello di Frost, di Pasternak o di Lorca.
Non era uno dei corvi di Omero, sazi di sangue
dopo la battaglia. Era un corvo qualsiasi.
Uno che in vita sua non è mai riuscito a trovare il suo posto
né a far niente che valga la pena di raccontare.
E' rimasto appollaiato sul ramo qualche istante.
Poi s'è levato in volo ed è uscito maestosamente
dalla mia vita.

inviato il 16/09/2012
Nei segnalibri di:

Aforismi di Zurau

immagine copertina
Franz Kafka
Aforismi di Zurau
Tradotto da Roberto Calasso
Adelphi 2004
10 righe da pagina 21:

Da un certo punto in là non vi è più ritorno. Questo è il punto da raggiungere.

inviato il 09/09/2012
Nei segnalibri di:

Aforismi di Zurau

immagine copertina
Franz Kafka
Aforismi di Zurau
Tradotto da Roberto Calasso
Adelphi 2004
10 righe da pagina 29:

Come un sentiero d'autunno: appena è tutto spazzato, si copre nuovamente di foglie secche

inviato il 09/09/2012
Nei segnalibri di:

Poesie

immagine copertina
Patrizia Cavalli
Poesie
Giulio Einaudi editore 1992
10 righe da pagina 5:

Qualcuno mi ha detto
che certo le mie poesie
non cambieranno il mondo

Io rispondo che certo sì
le mie poesie
non cambieranno il mondo

inviato il 25/08/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie a tutti!

I libri nella mia vita

immagine copertina
Henry Miller
I libri nella mia vita
Tradotto da Bruno Fonzi
Oscar Mondadori 2007
10 righe da pagina 134:

A volte, è una grande fortuna per noi fraintendere il nostro destino quando ci viene rivelato. Spesso raggiungiamo i nostri fini a dispetto di noi stessi. Cerchiamo di evitare le paludi e le giungle, cerchiamo freneticamente di sfuggire la selva o il deserto (che sono la stessa cosa), ci attacchiamo ai capi, adoriamo gli dei invece dell'Uno e Unico, ci perdiamo nel labirinto, voliamo verso lontani lidi o parliamo con altre lingue, aduliamo altri costumi, maniere, convenzioni, ma sempre siamo tratti verso il nostro vero fine che rimane nascosto ai nostri occhi fino all'ultimo momento

inviato il 17/08/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! ricambio volentieri... :))

segnalibro!

I libri nella mia vita

immagine copertina
Henry Miller
I libri nella mia vita
Tradotto da Bruno Fonzi
Oscar Mondadori 2007
10 righe da pagina 47:

Quante volte, posando un libro, ci troviamo senza parole. Talvolta ciò avviene perché l'autore sembra "aver detto tutto". Ma non è a questo tipo di reazione che penso. Penso che questa faccenda dell'ammutolimento corrisponda a qualcosa di molto più profondo. E' dal silenzio che vengono tratte le parole, ed è al silenzio che esse ritornano, se usate nel modo giusto. Nell'intervallo si verifica qualcosa di inesplicabile: un uomo che è morto, in certo modo resuscita, prende possesso di te, e quando se ne torna via, ti lascia completamente mutato.

inviato il 17/08/2012
Nei segnalibri di:

Uno, nessuno e centomila

immagine copertina
Luigi Pirandello
Uno, nessuno e centomila
Oscar Mondadori 1992
10 righe da pagina 139:

Perchè, se ci pensate bene, questo è il meno che possa seguire dalle tante realtà insospettate che gli altri ci danno. Superficialmente, noi sogliamo chiamarle false supposizioni, erronei giudizi, gratuite attribuzioni. Ma tutto ciò che di noi si può immaginare è realmente possibile, ancorché non sia vero per noi. Che per noi non sia vero, gli altri se ne ridono. E' vero per loro. Tanto vero, che può anche capitare che gli altri, se non vi tenete forte alla realtà che per vostro conto vi siete data, possono indurvi a riconoscere che più vera della vostra stessa realtà è quella che vi danno loro.

inviato il 16/08/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro

Quadro di Marzo Mazzoni - Oshaka - anno 2005 - Matite Colorate Su Carta Su Tavola

"I libri ci dicono"

immagine copertina
Fedor Dostoevskij
"I libri ci dicono"
10 righe dai libri

Nella scrittura c'è un che di impegnativo, un maggior giudizio su se stessi, vi si aggiungerà una forma. Inoltre: forse lo scrivere mi darà davvero sollievo. Oggi, per esempio, mi opprime particolarmente un antico ricordo. Mi è tornato chiaramente alla memoria già alcuni giorni fa e da allora è rimasto con me, come un fastidioso motivo musicale che non vuol lasciarti in pace. Eppure bisogna sbarazzarsene. Di simili ricordi ne ho a centinaia; ma di tanto in tanto dal centinaio se ne stacca uno e mi opprime. Per qualche motivo credo che, se lo annoterò, mi lascerà in pace. E perché non provare?
Infine: mi annoio, e non faccio mai nulla. E l'annotare in effetti è una specie di lavoro. Dicono che il lavoro rende buono e onesto l'uomo. Ecco dunque un'occasione, se non altro.

inviato il 26/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ora sta scendendo una neve quasi fradicia, gialla, torbida. Anche ieri scendeva, e così alcuni giorni fa. Mi sembra che proprio la neve fradicia mi abbia fatto ricordare quell'episodio che ora non vuol lasciarmi in pace. E così, che questo sia il racconto a proposito della neve fradicia.
FONTE:Memorie dal sottosuolo, F. Dostoevskij

La seconda crocifissione di Cristo

immagine copertina
Nikos Kazantzakis
La seconda crocifissione di Cristo
Tradotto da Vitti M.
Castelvecchi 2011
10 righe da pagina 16:

Si nutriva bene questo prete: beveva, diceva cose volgari quand'era di buonumore e picchiava quando si arrabbiava. Anche ora che era vecchio guardava le donne, e il suo sangue bolliva. La sua testa, il petto e le reni erano tutti pieni di difetti umani. Ma quando celebrava la messa o stendeva la mano a dare la benedizione o a gettare l'anatema, un vento selvaggio del deserto soffiava su di lui, e padre Grigori, mangione, bevitore, grossolano, diventava un profeta. [...]
"Maledizione a voi tutti!", borbottava capitan Burrasca mentre, appoggiandosi pesantemente al bastone, nella discesa, si avviava da solo alla residenza dell'Agà, che l'aveva invitato a bere e a mangiare a mezzogiorno. "Per queste cose, accidenti, ci vuole un cuore puro, e noi siamo Sodoma e Gomorra".

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao grazie, ok :)

ciao Elena :) segnalibro!
(ps: non è successo niente ;))

Infatti Manoliò leggeva il vangelo giorno e notte ed era immerso nella meditazione. Leggeva piegato sul sacro testo, sudava a grosse gocce sforzandosi di penetrare bene nelle parole per coglierne il significato profondo; ogni parola era per lui come una mandorla di cui bisognava spezzare il durissimo guscio per scoprire e assaporare il frutto così dolce. Ma a poco a poco, col tempo, a forza d'amore, le parole si facevano meno rugose, più leggere, si schiudevano da sole sotto l'alito caldo. E d'un tratto ogni cosa apparve semplicissima: Gesù era sceso sulla terra a predicare la buona parola agli umili e agli ignoranti.

Ciao Angelo

Il secondo paragrafo dopo i puntini è a pag. 29

Grazie di nuovo alla Castelvecchi e allo staff che ha esaudito questo mio desiderio. Il secondo libro vinto con il vecchio account.
Un libro a cui tengo immensamente e che mi ricorda una frase de I fratelli Karamàzov: Se Gesù tornasse sulla terra, lo crocifiggerebbero di nuovo.

COMPLEANNI D'AUTORE

immagine copertina
Carlos Ruiz Zafón
COMPLEANNI D'AUTORE
10righedailibri 1964

Buon compleanno Carlos Ruiz Zafón! (nato il 25 settembre 1964)
"Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi lo ha scritto e l'anima di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza."
(L'ombra del vento)

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Come stare soli

Jonathan Franzen
Come stare soli
Einaudi
10 righe da pagina 33:

Mi chiedo se l'attuale sensibilità culturale al fascino del materialismo - la crescente propensione a considerare la psicologia come una questione chimica, l'identità come una questione genetica, e il comportamento come il prodotto di antiche esigenze dell'evoluzione umana - non sia intimamente connessa alla rinascita dell'oralità e al declino della parola scritta tipici dell'era postmoderna: le nostre continue telefonate, le nostre effimere e-mail, la nostra tenace devozione al luccichio del televisore.

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, scusa per la distrazione!

Ciao Nadia, ti ricordo che per partecipare alla classifica settimanale le tue 10 righe devono essere complete di immagine di copertina, traduttore e anno di edizione :)

La lettrice

immagine copertina
Annie Francois
La lettrice
Tradotto da Francesco Bruno
Ugo Guanda Editore 2000
10 righe da pagina 42:

Il cattivo odore di un libro é definitivo. Il buono, invece, si ingentilisce, si trasforma. I libri serbano sempre un po' della loro essenza originaria e si arricchiscono di nuovi aromi che svaniranno con l'andar del tempo, per prendere un sottilissimo, delicato e secco odor di polvere.
La carta, l'inchiostro, la colla: sarebbe semplice decrittare questa alchimia olfattiva. Ma diventare un

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Tschai

immagine copertina
Jack Vance
Tschai
Tradotto da Beata Della Frattina
A. MONDADORI 2006
10 righe da pagina 10:

La navetta, colpita più che spinta dall’onda d’urto, precipitava roteando verso il pianeta grigio-bruno. Adam Reith e Paul Waunder venivano continuamente sbattuti da una paratia all’altra del locale di comando.
Reith, quasi privo di conoscenza, riuscì a trovare un appiglio. Aggrappandosi l pannello, abbassò l’interruttore di stabilizzazione. Invece di un leggero ronzio, si sentì un sibilo sottolineato da tonfi, tuttavia l’effetto di quel folle vortice venne a poco a poco annullato.
Reith e Waunder tornarono ai loro posti e si legarono ai sedili

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

La vita felice

immagine copertina
Seneca
La vita felice
Acquarelli 2000
10 righe da pagina 24:

La virtù è qualcosa di alto, di sublime e regale, di invincibile, di instancabile; il piacere qualcosa di basso, di servile, di debole, di caduco, il cui luogo di sosta e il cui domicilio sono i postriboli e le taverne. Incontrerai la virtù nel tempio, nel foro, nella curia, in piedi davanti alle mura, coperte di polvere, cotta dal sole, con le mani callose;[...] Il sommo bene è immortale, non viene meno, ignora la sazietà e il rimorso: una mente retta non si volge indietro, non odia mai se stessa e non cambia nulla della sua vita, che è la migliore; il piacere cessa invece proprio quando diletta di più e non ha molto spazio: perciò se ne va subito, viene a noia e si fiacca dopo il primo slancio.

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie siete state molto carine, in settimana passerò in libreria :-)

Atena, ti ho postato 10 righe tratte dal Norwegian wood di Murakami, libro che preferisco in assoluto fra quelli di Murakami, bello anche Kafka sulla spiaggia !

bello ^_^

Le correzioni

immagine copertina
Jonathan Franzen
Le correzioni
Einaudi
10 righe da pagina 559:

La sua paura ,mentre scendeva le scale, somigliava a quella che aveva provato durante un anno infelice della sua infanzia.,quando aveva implorato che le regalassero un animale e aveva ricevuto una gabbia con due criceti. Un cane o un gatto avrebbero potuto danneggiare le tende e le fodere di Enid,ma quei giovani criceti,una coppia di fratelli provenienti da una nidiata di casa Driblett, erano stati amessi in casa. Tutte le mattine,quando scendeva nel seminterrato per dar loro il mangime e cambiare l'acqua Denise tremava al pensiero di scoprire quale nuova diavoleria avessero tramato a suo beneficio durante la notte -magari un groviglio contorto di cieca prole rosso-incesto,magari una disperata e inutile risistemazione su larga scala dei riccioli di cedro in un unico grande mucchio,vicino al quale i due genitori se ne stavano tremanti sul nudo metallo del pavimento della gabbia con aria sazia ed evasiva.....

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

conta le stelle

immagine copertina
Lois Lowry
conta le stelle
Tradotto da Sara Congregati
Giunti 2012

Non appena l’ebbe raggiunto, Annemarie alzò lo
sguardo, ansimante. Smise di ridere. Il suo cuore sembrò saltare un battito.
«Halte!» intimò il soldato con voce austera.
La parola tedesca era tanto familiare quanto spaventosa. Annemarie l’aveva sentita piuttosto spesso, mai però che fosse stata rivolta a lei prima d’ora.
Annemarie sollevò lo sguardo. Erano in due. Il che implicava due elmetti, due paia di occhi gelidi che la guardavano in cagnesco e quattro alti stivali lucidi, saldamente piantati sul marciapiede, che le sbarravano la strada di casa.
Il che a sua volta implicava due fucili ben saldi in mano ai soldati. Guardò i fucili, per prima cosa. Poi, alla fine, guardò in faccia il soldato che le aveva intimato l’alt.
«Perché corri?» chiese questo con voce dura. Il suo
danese era estremamente scarso. Tre anni, pensò Annemarie con disprezzo. Sono tre anni che vivono nel nostro Paese e ancora non sanno parlare la nostra lingua.

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Anna benvenuta :)
- link per leggere i primi 2 capitoli del libro http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/conta-stelle

Questa è poesia

immagine copertina
Pablo Neruda
Questa è poesia
10 righe dai libri

Canti e a sole e cielo col tuo canto
la tua voce sgrana il cereale del giorno,
parlano i pini con la lor lingua verde:
gorgheggiano tutti Il uccelli dell'inverno.

Il mare empie le sue cantine di passi,
di campane, di catene e di gemiti,
tintinnano metalli e utensili,
suonano le ruote della carovana.

Ma solo la tua voce ascolto e sale
la tua voce con volo e precisione di freccia,
scende la tua voce con gravità di pioggia,

la tua voce sparge altissime spade,
torna la tua voce carica di viole
e quindi m'accompagna per il cielo.

inviato il 25/09/2012
Nei segnalibri di:

Il Poeta è un fingitore

Il Poeta è un fingitore 6 years 12 settimane fa

Adoro Pessoa. Segnalibro

Pollice verde

Pollice verde 6 years 12 settimane fa

Atena. Assolutamente consigliato anche per i pollici più neri!

Pollice verde 6 years 12 settimane fa

Pizzetti è un incantatore...

Cuore di cane

Cuore di cane 6 years 12 settimane fa

Immagine - Locandina del film di Alberto Lattuada

Cuore di cane

Cuore di cane 6 years 12 settimane fa

L'immagine riproduce la locandina del film di Alberto Lattuada

Amore liquido

Amore liquido 6 years 14 settimane fa

Grazie!

Amore liquido

Amore liquido 6 years 14 settimane fa

Me lo sono perso! Grazie per la segnalazione. Sono poco presente su 10 righe in questo periodo. Vedrò di rimediare. A presto

Poesie

Poesie 6 years 16 settimane fa

Grazie a tutti!

Una stanza tutta per sé

Una stanza tutta per sé 6 years 17 settimane fa

"...Se guarderemo in faccia il fatto - perché è un fatto - che non c'è neanche un braccio al quale appoggiarci ma che dobbiamo camminare da sole e dobbiamo entrare in rapporto con il mondo della realtà e non soltanto con il mondo degli uomini e delle donne......"

Uno, nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila 6 years 17 settimane fa

Quadro di Marzo Mazzoni - Oshaka - anno 2005 - Matite Colorate Su Carta Su Tavola

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy