Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Gwen1984

Dannati

immagine copertina
Giovanna Mulas
Dannati
Iris 4 Edizioni 2009
10 righe da pagina 60:

La montagna s'avvicinava maestosa, torreggiante, circondata a corona da nuvole come capillari, fitte, sottili e bianche. La vedevano da quel traghetto che, lento, spezzava in due le acque, attraversava il fiume. Era l'incertezza dei figli, la tristezza di anni vuoti, la maledizione urlata dalla bocca di un padre. La mattina, lo sapevano, sarebbe arrivata presto, molto presto, con quella luce avrebbe forse rotto l'insegnamento di un Dio. Erano pecore perdute, adesso, gregge spento. Ognuno consumato nei propri rimpianti - ricordi, parole - pietre, rammenti - frammenti alla ricerca di colore, eppure già smarrito. Armento guidato lungo un fiume sotto la luce della luna, solo quello erano, la stessa che moveva piano, salutava istriona, guidata oppure no.

inviato il 22/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Giovanna Mulas nasce a Nuoro il 6 maggio del 1969

Grazie :)

Abbiamo inviato le tue 10 righe di ringraziamento a Iris4 edizioni :)

Ringrazio Iris 4 Edizioni per il libro incentivo

L'usanza del paese

immagine copertina
Edith Wharton
L'usanza del paese
Tradotto da Luciana Bianciardi
Newton Compton 1994
10 righe da pagina 128:

“Non è questa la ragione per la quale ci sono tanti divorzi? Se davvero ci interessassimo alle nostre donne nel solito modo possessivo e barbaro, credi veramente che rinunceremo a loro tanto facilmente? Il vero paradosso è che sono proprio questi uomini, che materialmente fanno i sacrifici più grossi per le loro donne, a fare sacrifici minimi per loro sul piano spirituale e romantico. E quali sono i risultati…come si vendicano le donne? Hanno tutta la mia comprensione, povere care deluse, quando le vedo attaccarsi alle briciole che il maschio preoccupato getta loro – soldi, automobili, vestiti – e fingere con se stesse e con le altre che sia proprio quella l’essenza della vita! Oh, so benissimo quello che stai per dirmi…per loro è sempre meno una finzione. Sì è vero: soccombono sempre di più alla forza della suggestione; però mi piace pensare che di tanto in tanto ci sia qualcuno ancora in grado di vedere al di là delle nebbie, e di capire che i soldi e le macchine e i vestiti sono semplicemente l’alto prezzo che l’uomo paga per tenere la donna lontana dai suoi affari!”.

inviato il 02/02/2015
Nei segnalibri di:

Una lontana follia

immagine copertina
Kate Morton
Una lontana follia
Tradotto da Alessandra Emma Giagheddu
Sperling & Kupfer 2014
10 righe da pagina 28:

Tutte quelle domande continuarono ad assillarmi finché mi ritrovai davanti alla porta aperta di una libreria. Credo che nei momenti di grande incertezza sia naturale desiderare qualcosa di familiare, e gli alti scaffali stipati di libri mi sembrarono enormemente rassicuranti. L'odore dell'inchiostro e delle rilegature, i granelli di polvere che fluttuavano nei raggi di luce, l'abbraccio di quell'aria calda e silenziosa: lì dentro sentii di potermi rilassare. Adesso il cuore mi batteva a ritmo regolare e i pensieri avevano smesso di vorticare. La libreria era immersa nella penombra e io iniziai a cercare i miei autori preferiti come un insegnante che faceva l'appello. Brontë: presente; Dickens: giustificato; Shelley: una serie di pregevoli edizioni. Non era necessario sfilarli dal loro posto: sapere che c'erano bastava, e mi accontentai di sfiorarli appena con le dita.

inviato il 19/01/2015
Nei segnalibri di:

Grandi Speranze

immagine copertina
Charles Dickens
Grandi Speranze
Tradotto da Maria Felicita Melchiorri
Newton Compton 2012
10 righe da pagina 289:

Tu sei parte della mia esistenza, parte di me stesso. Tu sei stata in ogni riga che ho letto, dalla prima volta che sono venuto qui, il ragazzo rozzo e volgare il cui povero cuore feristi anche allora. Tu sei stata in ogni panorama che ho visto da allora… sul fiume, sulle vele delle navi, nella palude, nelle nuvole, nella luce, nel buio, nel vento, nei boschi, nel mare, nelle strade. Sei stata l’incarnazione di ogni dolce fantasia mai concepita dalla mia mente. Le pietre di cui sono fatti i più solidi palazzi di Londra, non sono più reali per me, né è più impossibile che le tue mani riescano a spostarle, di quanto lo siano state la tua presenza e la tua influenza, qui e ovunque, e lo saranno sempre.
Estella, fino all’ultima ora della mia vita, tu non puoi che rimanere parte del mio essere, parte del poco di bene che c’è in me, parte del male. Ma in questa separazione, io ti associo solo al bene, e ti terrò sempre fedelmente associata ad esso, perché tu mi hai fatto molto più bene che male, per quanto sia acuto il dolore che provo ora.

inviato il 14/12/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Gentile Staff, scusate se arrivo in ritardo! Grazie mille, sto inviando la mia email con tutte le indicazioni, anche le 10 righe che ho scelto tra il 1 e il 4 gennaio, cioè queste: http://scrivi.10righedailibri.it/s-la-nave-di-teseo
Grazie di nuovo a tutti e buone letture!

Ciao Gwen 1984 comunicaci al più presto le 10 righe scelte tra il 1 gennaio al 4 gennaio... Grazie...

Ciao Gwen 1984, hai vinto il libro incentivo nella classifica 10 righe più segnalibrate del mese di Dicembre... Complimenti!!!! Inviaci il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it
RICORDATI DI COMUNICARCI LE DIECI RIGHE CHE PIù TI PIACCIONO, PARTENDO DA GIOVEDì 1 GENNAIO A DOMENICA 4 GENNAIO.
Mentre, per le 10 righe di Dicembre ( che non hai comunicato) ci pensiamo Noi dello Staff, così andiamo avanti con le premiazioni... :)

Ciao Gwen 1984, le tue dieci righe sono in finale, ricordati di comunicarci le 10 righe che più ti piacciono partendo da oggi a domenica 21 Dicembre. :)

Se per un anno una lettrice

immagine copertina
Nina Sankovitch
Se per un anno una lettrice
Tradotto da Eleonora Cadelli
BUR Rizzoli 2011
10 righe da pagina 11:

"Al mio anno di lettura" annunciai.
"Sei davvero decisa a farlo?" mi chiese.
Annuii.
"Un libro al giorno? Che ne pensi di un libro a settimana?" mi chiese.
No, avevo bisogno di leggere un libro al giorno. Avevo bisogno di sedermi, fermarmi e leggere. Avevo trascorso gli ultimi tre anni di corsa, riempendo la mia vita e la vita dei membri della mia famiglia con attività, progetti e movimento, movimento costante.
Ma nonostante questo, nonostante avessi corso veloce, non potevo scappare dalla sofferenza e dal dolore.
Era giunto il momento di smettere di correre. Era giunto il momento di cominciare a leggere.
"Al tuo anno di lettura, allora" mi appoggiò Jack, e fece tintinnare il suo bicchiere contro il mio. "Che possa significare per te tutto quello che desideri, e anche di più".

inviato il 30/11/2014
Nei segnalibri di:

Angel

immagine copertina
Elizabeth Taylor
Angel
Tradotto da Claudia Valeria Letizia
BEAT - Neri Pozza 2013
10 righe da pagina 34:

"Cosa vorresti per Natale?" domandò Mrs Deverell. Angel non aveva quasi spiccicato parola tutto il giorno e stava lì fumante di rabbia, frustrata da quell'intrusione.
Per una volta non sapeva cosa chiedere. Tanto avrebbe avuto tutto quello che desiderava; era solo questione di tempo. Una volta diventata una scrittrice famosa, avrebbe potuto comprarsi granati e smeraldi, una stola di cincillà, un manicotto di zibellino e una carrozza tutta sua. L'unica cosa che la separava da tali ricchezze era il tempo necessario per trasferire sulla pagine del quaderno ciò che aveva in testa, tempo che sua madre stava sprecando come una stupida.
A un tratto si rese conto che, se voleva riuscire, doveva essere audace e spietata. Non poteva più permettersi di mantenere segreti o di preoccuparsi delle opinioni altrui. Tirò fuori il quaderno da sotto il cuscino e lo fece vedere a sua madre: "Vorrei cinque o sei di questi" rispose in tono energico. "Con la copertina marmorizzata come questa qui, per favore. Sto scrivendo un romanzo e un quaderno solo non mi basta".

inviato il 15/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Dafne :) un saluto a te buone letture :)

Scelgo queste righe :) ciao Gwen 1984

I capolavori

immagine copertina
Irène Némirovsky
I capolavori
Tradotto da Marco Rinaldi
Newton Compton 2013
10 righe da pagina 32:

La donna...Per Yves, non era altro che un grazioso e comodo oggetto: prima di tutto, dopo la guerra ce n'erano così tante, e così disponibili...e poi no, davvero no, in quegli sguardi carezzevoli e mentitori non riusciva proprio a trovare quel fremito dell'anima, quel bagliore di mistero che suo padre cercava, che a volte credeva confusamente di aver trovato. E pensava che per uno che ha affondato lo sguardo negli occhi di un moribondo, uno che è stato ferito, che ha sbarrato disperatamente gli occhi per tentare di vedere un po' di cielo prima di morire, la donna non abbia segreti né misteri, né altro fascino che quello di essere disponibile, graziosa e fresca. L'amore... doveva essere una sensazione di pace, di calma, di infinita serenità... L'amore, quello doveva essere un riposo...se mai esisteva...

inviato il 08/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff e buone letture a voi e a tutti :)

Ciao Gwen, le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione sei nella finale di novembre... Buone LETTURE :)

La citazione è tratta dal romanzo breve "Il malinteso"

Villette

immagine copertina
Charlotte Brontë
Villette
Tradotto da Simone Caltabellota
Fazi 2013
10 righe da pagina 91:

Certo non possiedo un temperamento artistico; eppure devo avere in me un po' della facoltà dell'artista di assorbire al massimo il piacere del momento, se non altro quando è del tipo a me congeniale. Riuscii a godere di quella giornata, sebbene si viaggiasse lentamente, sebbene facesse freddo, sebbene piovesse. La strada lungo la quale si svolgeva il nostro viaggio era alquanto nuda, pianeggiante e senz'alberi; e canali melmosi scivolavano via ai lati, come serpenti verdi un po' intorbiditi; salici potati in modo regolare orlavano i campi piatti, arati come aiuole in un orto. Anche il cielo era d'un grigio monotono; l'atmosfera stagnante e umida; eppure, in mezzo a queste influenze destinate solo a immalinconire, la mia fantasia sbocciava fresca e il mio cuore si offriva al sole.

inviato il 29/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Poi avevo letto la comunicazione, grazie comunque per l'informazione e buone vacanze :-)

Le Tue dieci righe sono state scelte dalla redazione quindi eri in finale nella classifica di luglio, ma vince chi ha più segnalibri... La vincitrice ne ha 12...

Grazie Staff :) devo fare qualcosa o semplicemente aspettare?

Ciao Gwen 1984 le tue dieci righe sono state scelte dalla redazione, sei in finale.

Grazie Naty :-) mi ricordo che tu lo stavi leggendo qualche mese fa... Per me le sorelle BRONTË sono una garanzia ;-) baci e buone letture

Miele

immagine copertina
Ian McEwan
Miele
Tradotto da Maurizia Balmelli
Einaudi 2013
10 righe da pagina 76:

Si dice che gli scrittori coltivino superstizioni e piccoli rituali. Anche i lettori hanno i loro. Il mio consisteva nel tenere il segnalibro arrotolato tra le dita e accarezzarlo col pollice durante la lettura. La sera tardi, al momento di riporre il libro, il mio rituale consisteva nel posare le labbra sul segnalibro, che infilavo tra le pagine prima di chiudere il volume e appoggiarlo sul pavimento accanto alla poltrona, a portata di mano per la volta successiva. Tony avrebbe approvato.

inviato il 21/07/2014
Nei segnalibri di:

Misery

immagine copertina
Stephen King
Misery
Tradotto da Tullio Dobner
Sperling & Kupfer 2013
10 righe da pagina 31:

Tutti volevano Misery, Misery, Misery. Tutte le volte che si prendeva un paio d'anni per scrivere uno dei suoi altri romanzi, quelli che considerava "seri" (dapprincipio con un senso di grande sicurezza che si trasformava in speranza per essere infine sostituito da una specie di cupa disperazione), era stato subissato da lettere di protesta da parte di quelle donne, molte delle quali si firmavano "la sua ammiratrice numero uno". Il tono variava dallo sconcerto (quello che chissà perché sempre lo addolorava di più), al rimprovero, a collera esplicita, ma il messaggio non cambiava mai: "non era quel che mi ero aspettata, non era quel che volevo. La prego di tornare a Misery. Voglio sapere che cosa sta facendo Misery". Avrebbe potuto scrivere un'opera d'arte della levatura di "Sotto il vulcano" o di "Tess dei D'Ubervilles" o "L'urlo e il furore" e non sarebbe servito a niente. Loro avrebbero continuato a pretendere Misery, Misery, Misery.

inviato il 02/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

segnato! ce l'ho in inglese, ma ci provero' comunque entro l'estate! ciao!

Partecipo al Giuoco domenicale #52: Stephen King + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-52-stephen-king

Sono un'assassina?

immagine copertina
Agatha Christie
Sono un'assassina?
Tradotto da Mary Mammana Gislon
Mondadori 2004
10 righe da pagina 13:

Aveva osato fare del sarcasmo su Edgar Allan Poe, aveva lamentato la mancanza di rigore nelle effusioni romantiche di Wilkie Collins e aveva, invece, portato alle stelle due autori americani praticamente sconosciuti al grande pubblico. Insomma, aveva incensato chi, secondo lui, se lo meritava e severamente criticato tutti gli altri. Il volume era passato alle stampe; Poirot ne aveva esaminato le bozze e, a parte un numero veramente incredibile di errori di stampa, il risultato lo aveva pienamente soddisfatto. Questa fatica letteraria lo aveva impegnato a lungo; in compenso si era divertito molto, perché aveva dovuto leggere una mole incredibile di libri che lo appassionavano e che da tempo si riprometteva di sfogliare. Aveva spesso provato il sadico piacere di gettare, con espressione di disgusto, un libro sul pavimento (anche se poi si ricordava sempre di raccoglierlo e sistemarlo con cura nel cestino della carta straccia), mentre aveva sottolineato con ampi cenni di assenso la lettura dei pochi libri che gli erano piaciuti.

inviato il 22/08/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Agatha Mary Clarissa Miller, Torquay, 15 settembre 1890 – Wallingford, 12 gennaio 1976

Il cardellino

immagine copertina
Donna Tartt
Il cardellino
Tradotto da Mirko Zilahi de' Gyurgyokay
Rizzoli 2015
10 righe da pagina 38:

«È il primissimo quadro che ho amato» stava dicendo mia madre. «Era in un libro che prendevo sempre in prestito alla biblioteca quand’ero bambina. Mi sedevo per terra accanto al letto e lo guardavo per ore, completamente rapita dal fascino di quella creaturina! Insomma, è incredibile quante cose si possano imparare a proposito di un quadro osservando una banalissima riproduzione. All’inizio mi affezionai all’uccellino, come se fosse il mio animale da compagnia o qualcosa del genere, poi mi innamorai del modo in cui era dipinto.» Rise. «Ora che ci penso, la Lezione di anatomia era nello stesso volume, e mi terrorizzava a morte. Chiudevo il libro di scatto, se per sbaglio mi capitava di aprirlo su quella pagina.»
La ragazzina e il signore anziano ci avevano raggiunti. Per mascherare l’imbarazzo mi chinai in avanti e fissai lo sguardo sul quadro. Era piccolo, il più piccolo della mostra, e il più semplice: un cardellino giallo su sfondo pallido, la zampetta sottile come un ramoscello incatenata a un trespolo.

inviato il 01/09/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Donna Tartt, Greenwood (Mississipi), 23 dicembre 1963

A midsummer night's dream

immagine copertina
William Shakespeare
A midsummer night's dream
Tradotto da Antonio Calenda, Giorgio Melchiori
Mondadori 1998
10 righe da pagina 90:

O Helen, goddess, nymph, perfect, divine - To what, my love, shall I compare thine eyne?
Crystal is muddy! O, how ripe in show
The lips - those kissing cherries - tempting grow!
That pure cingealèd white, high Taurus' snow,
Fanned with the eastern wind,
turns to a crow
When thou holdest up thy hand.
O, let me kiss
This princess of pure White, this seal of bliss!

inviato il 20/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, abbiamo integrato le 10 righe. : )

Anno: 1998
Traduzione di Antonio Calenda e Giorgio Melchiori

Traduttore e anno di edizione grazie.

Traduzione:
O Elena, dea, ninfa, perfetta, divina - a cosa, amore mio, potrei paragonare i tuoi occhi?
Al cristallo? è fango!
Quanto rosse e carnose sono le tue labbra, ciliegie da baciare, tentatrici.
Il puro gelido candore delle nevi sulle cime del Tauro spazzato dai venti dell'est,
sembra nero come corvo quando tu levi la mano.
Lascia che io baci questa meraviglia di bianchezza,
sigillo di felicità.

Storie ciniche

immagine copertina
W. Somerset Maugham
Storie ciniche
Tradotto da Vanni Bianconi
Adelphi (collana Gli Adelphi) 2015
10 righe da pagina 101:

Mi guardò con quell'espressione schietta che conoscevo così bene.
«Sai, quando sposai Gilbert e mi stabilii a Londra e la gente prese a ridere per le cose che dicevo, fui la prima a sorprendermi. Erano le stesse cose che ripetevo da trent'anni e nessuno ci aveva mai trovato niente di divertente. Dapprima pensai che fosse per via dei miei abiti, dei capelli corti o del monocolo. Poi mi resi conto che tutti ridevano perché ero sincera: la cosa è così insolita che la gente la trova comica. Un giorno o l’altro qualcuno scoprirà il segreto, e quando tutti diranno la verità non ci sarà più nulla di spassoso».
«E come mai sono io la sola che non ci trova niente da ridere?» chiese Mrs Tower.
Jane esitò un attimo, come se stesse onestamente cercando una spiegazione esaustiva.
«Forse perché la verità non la sai proprio riconoscere, Marion cara» rispose con quel suo tono placido.
Così fu lei ad avere l’ultima parola, ed ebbi la netta impressione che Jane l’avrebbe avuta sempre. Era davvero unica.

inviato il 21/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie Staff.
Emma sì, è una raccolta di racconti ricca di humour nero e intelligenza. Si fa leggere davvero volentieri :)

Ciao, sei nella classifica di ottobre, 10righe scelte da Voi utenti...

mi interessa questo libro e poi è l'autore de "Il velo dipinto" ! non si sbaglia a leggerlo

The country diary of an Edwardian Lady

immagine copertina
Edith Holden
The country diary of an Edwardian Lady
Michael Joseph Webb@Bower 1977
10 righe da pagina 150:

Now Autumn's fire burns slowly along the woods,
And day by day the dead leaves fall and melt,
And night by night the monitory blast
Wails in the key-hole, telling how it passed
O'er empty fields, our upland solitudes,
Or grim, wide wave, and now the power is felt
of melancholy, tender in it's moods,
Than any joy indulgent summer dealt.'

WILLIAM ALLINGHAM

inviato il 21/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Emma!!!

brava Natalina, mi fa tanto piacere condividere con te queste belle righe !

Ora il fuoco d'autunno brucia lento lungo i boschi,
e giorno dopo giorno le foglie cadono e s'impoltigliano
E notte dopo notte il vento minaccioso geme
Nelle serrature,e racconta di campi vuoti
Di montane solitudini ,di ondate ampie e cupe,
Ora si sente la potenza della malinconia,
Più tenera nei suoi umori d'ogni gioia
che elargisce l'indulgente estate.
Emma ... è stato un motivo per scrivere e rileggere ,scusa l'intrusione,questo libro mi piace sempre !

Edith Holden è nata il 26 settembre 1871

L'ultima settimana di settembre

immagine copertina
Lorenzo Licalzi
L'ultima settimana di settembre
Rizzoli 2015
10 righe da pagina 145:

L’abitudine è una brutta bestia, solo apparentemente mansueta: è una bestia che ti tira sempre nella stessa direzione e che spesso ti fa compiere scelte sbagliate o non
ti fa vedere soluzioni a un problema che invece, magari, sarebbero a portata di mano. Perché l’abitudine cristallizza i nostri comportamenti e ci fa credere che un minimo scarto dal solco profondo che ha tracciato sia una cosa fuori dal mondo, perché il mondo diventa, per colpa dell’abitudine, soltanto quel solco dentro il quale ci fa camminare

inviato il 21/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

vero, che forse ci coinvolge spesso e più di quanto pensiamo!! ciao Emma

grzie ! anche questa è una grande verità

Uno, nessuno e centomila

immagine copertina
Luigi Pirandello
Uno, nessuno e centomila
Newton Compton Editore 2011
10 righe da pagina 828:

Ah voi credete che si costruiscano soltanto le casa? Io mi costruisco di continuo e vi costruisco, e voi fate altrettanto. E la costruzione dura finché non si sgretoli il materiale dei nostri sentimenti e finché duri il cemento della nostra volontà. E perché credete che vi si raccomandi tanto la fermezza della volontà e la costanza dei sentimenti? Basta che quella vacilli un poco, e che questi si alterino d'un punto o cangino minimamente, e addio realtà nostra!

inviato il 22/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Anno: 2011 :)

Roberta lascia qui nei commenti anno di pubblicazione delle tue 10righe. Grazie...

Ciao Roberta, sei nella finale di ottobre... ricorda di scegliere 10righe partendo da oggi 26 ottobre a sabato 31ottobre, riportando qui nei commenti il link. Grazie

Grandi speranze

immagine copertina
Charles Dickens
Grandi speranze
Tradotto da Maria Felicità Melchiorri
Newton Compton Editori 2014
10 righe da pagina 136:

"E ora torno a questo giovanotto. E la comunicazione che gli devo fare è che ha grandi speranze".
Io e Joe rimanemmo senza fiato, e ci guardammo.
"Ho l'incarico di comunicargli", disse Mr. Jaggers puntando verso di me, lateralmente, il suo dito, "che entrerà in possesso di un patrimonio sostanzioso. Inoltre, che è desiderio dell'attuale possessore di detto patrimonio che egli venga immediatamente allontanato dall'ambiente in cui vive attualmente e da questo luogo, e venga educato come un gentiluomo... in una parola, come un giovane di grandi speranze".

inviato il 27/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Charles John Huffam Dickens (Portsmouth, 7 febbraio 1812)

Gita al faro

immagine copertina
Virginia Woolf
Gita al faro
Tradotto da L. Bianciardi
Rizzoli 2007
10 righe da pagina 168:

Ma dopo tutto che cos’è una notte? Uno spazio breve, specialmente quando il buio viene così presto, e così presto cinguetta un uccello, canta un gallo, o un verde pallido appare, come una foglia che si apre, nel cavo dell’onda.
La notte, comunque, si sussegue alla notte. L’inverno ne tiene in serbo un pacco e le distribuisce equamente, regolarmente, con dita infaticabili.
Si allungano; si rabbuiano. Alcune tengono in alto pianeti luminosi, dischi di luminosità. Gli alberi d’autunno, devastati come sono, assumono il bagliore di bandiere a brandelli che splendono nell’oscurità di fredde cripte di cattedrali, dove lettere dorate su pagine marmoree descrivono morti in battaglia e come le ossa sbiancano e bruciano nelle sabbie dell’India.
Gli alberi d’autunno brillano alla luce gialla della luna, alla luce delle lune di settembre, la luce che matura la forza della fatica e ammorbidisce le stoppie e porta a riva l’onda che avvolge il blu.

inviato il 28/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

sono lieta che ti sia piaciuto!!! :*

Angie,ho ultimato la lettura di:Madre del Riso ,è stato bellissimo,e molto emozionante, sono stata in Malesia ,ne rivedevo i villaggi ,e "i fantasmi mi hanno preso per mano",grazie per questa bella segnalazione,ciao naty

La madre del riso

immagine copertina
Rani Manicka
La madre del riso
Tradotto da Anna Luisa Zazo
Mondadori 2003
10 righe da pagina 404:

"Ogni speranza è svanita:La Madre del Riso è morta.
Non rimane nessuno per proteggere i miei sogni, una volta ricchi di erbe
profumate,muschio verde,frutta matura e meravigliosi fiori ,ma adesso ,vedo quelle povere cose ,pallide e senza respiro ,seppellite in fondo a un lago perduto.
Alle mie parole zio Sevenese rimase muto per l'orrore e non volle sapere altro.
Nisha mi disse che c'era un nido nel mango.
Affermava di poter sentire il pigolio degli uccellini anche dalla finestra della camera da letto .
Mi portò fuori a sentire ,ma,ma non saprei dire perché , i loro frenetici richiami mi resero ansiosa.

inviato il 30/10/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo questo libro.

Uno, nessuno e centomila

Uno, nessuno e centomila 1 year 43 settimane fa

Grazie mille :-)

Dannati

Dannati 1 year 44 settimane fa

Grazie :)

Dannati 1 year 44 settimane fa

Ringrazio Iris 4 Edizioni per il libro incentivo

Ultimo viene il corvo

Ultimo viene il corvo 2 years 15 settimane fa

Ciao Natalina, ricambio ora - cogliendo l'occasione con queste tue preziose 10 righe di Italo Calvino - i tuoi saluti di dicembre... un caro saluto e sempre buone letture :)

Grandi Speranze

Grandi Speranze 2 years 15 settimane fa

Gentile Staff, scusate se arrivo in ritardo! Grazie mille, sto inviando la mia email con tutte le indicazioni, anche le 10 righe che ho scelto tra il 1 e il 4 gennaio, cioè queste: http://scrivi.10righedailibri.it/s-la-nave-di-teseo
Grazie di nuovo a tutti e buone letture!

Angel

Angel 2 years 21 settimane fa

Grazie Dafne :) un saluto a te buone letture :)

I capolavori

I capolavori 2 years 24 settimane fa

Grazie Staff e buone letture a voi e a tutti :)

I capolavori 2 years 24 settimane fa

La citazione è tratta dal romanzo breve "Il malinteso"

Villette

Villette 2 years 38 settimane fa

Poi avevo letto la comunicazione, grazie comunque per l'informazione e buone vacanze :-)

Villette 2 years 38 settimane fa

Grazie Staff :) devo fare qualcosa o semplicemente aspettare?

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy