Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Vera Viselli

Ai confini della realtà

immagine copertina
Rod Serling
Ai confini della realtà
Tradotto da Giorgio Pagliaro, Isabella Elizabeth Nizza, Lea Grevi
Mondadori 1990
10 righe da pagina 93:

A mezzanotte cominciò a fare quasi altrettanto caldo che a mezzogiorno... e la luminosità era quasi la stessa. Sparirono il buio e la notte. Tutti i piccoli lussi umani - condizionatori d’aria, frigoriferi, ventilatori elettrici - in breve non furono più lussi, ma pietosi tentativi, dettati dal panico, per sopravvivere anche solo temporaneamente. New York era ormai un gigantesco animale malato, che lentamente si mummificava, mentre la sua linfa vitale evaporava. […]. La Terra era un mondo infuocato. Ogni giorno il Sole aumentava di dimensioni ed ogni giorno il calore si aggiungeva al calore, finché il liquido nei termometri non ribollì, e respirare, parlare, muoversi divenne un perpetuo tormento. La Terra era un mondo dall’eterno mezzogiorno.

inviato il 14/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Rodman Edward Serling
Syracuse, 25 dicembre 1924 – Rochester, 28 giugno 1975 (USA)

Ragazzi che amano ragazzi

immagine copertina
Piergiorgio Paterlini
Ragazzi che amano ragazzi
Feltrinelli 2005
10 righe da pagina 155:

Voglio solo essere accettato e non sentirmi gridare insulti con disprezzo o che la gente mi dica (come ho letto) di cambiare a tutti i costi o di andare da uno psicologo o psicoanalista solo perché sono omosessuale. Forse i ragazzi eterosessuali vanno dagli psicologi perché amano le ragazze? Vorrei tanto che un giorno le mie paure se ne vadano: la paura di non finire la scuola, di essere scacciato, di essere per così dire ripudiato dalla mia famiglia; come quei genitori che considerano i loro figli ormai definitivamente morti. Prego tanto che ciò non succeda mai! Nel mio futuro vedo più sofferenza di chiunque altro, mi batterò, non solo per me, ma anche per tutti gli altri ragazzi. Tutto questo perché il mio più grande progetto è quello di potermi dedicare a quei ragazzi che ancora hanno paura di come sono.

inviato il 03/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Piergiorgio Paterlini
Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia), 17 giugno 1954

Mary Terror

immagine copertina
Robert R. McCammon
Mary Terror
Tradotto da Simone De Crescenzo
Gargoyle 2010
10 righe da pagina 324:

«Che cos’era che ti cresceva dentro, Bedelia?»
«Un desiderio ardente», rispose Didi. «Di essere… diversa. Di sapere, di conoscere il mondo, di andare in posti di cui i miei potevano al massimo leggere sul giornale. Guarda lo schermo della televisione…», Didi indicò la sit-com che stava passando sul canale scelto da Laura, «… vedi, se cominci a guardare programmi del genere alla Tv, una sera dopo l’altra, anno dopo anno, inevitabilmente cominci a pensare che quello sia tutto ciò che il mondo ha da offrire. Chiacchiere in cucina e un hamburger al fast-food del paese. I miei avevano paura della vita vera, Laura. E volevano che neanche io la scoprissi e la affrontassi».

inviato il 01/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Robert R. McCammon
Birmingham, 17 luglio 1952 (USA)

La dismissione

immagine copertina
Ermanno Rea
La dismissione
Feltrinelli 2002
10 righe da pagina 106:

Non avremmo dovuto soltanto passare in rassegna un caotico insieme di oggetti, più o meno inutili e più o meno personali - tavoli, sedie, quaderni, utensili, qualche macchina per scrivere, qualche vecchio computer - ma segmenti importanti del passato di ciascuno di noi. Un po' come andare, dopo la morte della nonna, nella sua soffitta a rovistare tra scatole, ricordi e cianfrusaglie. Ti stupisci di quello che dico? Ti pare che il capannone di una colata continua non possa in alcun caso essere paragonato a una soffitta di famiglia? Sapessi come ti sbagli. Ovunque passino, gli uomini tendono a lasciare vistose tracce delle loro inquietudini e dei loro affetti. Come anche dei loro errori e dei loro peccati. Trovai tantissime lettere mai spedite, non esclusa qualche lettera d'amore. Agende fitte di indirizzi. Riviste pornografiche.

inviato il 16/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE!

Grazie Staff!
In ritardissimo scelgo le righe di Natalina: http://scrivi.10righedailibri.it/grandi-speranze-17

Ciao Vera, sei nella finale settimanale di luglio. Scegli da lunedì 22 luglio a domenica 28 luglio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Ermanno Rea
28 luglio 1927, Napoli - 13 settembre 2016, Roma

Tutto per nulla

immagine copertina
Walter Kempowski
Tutto per nulla
Tradotto da Mario Rubino
Sellerio 2018
10 righe da pagina 69:

Tante cose trovava enigmatiche. Le differenze fra gli esseri umani... del tutto a prescindere da quelle fra uomo e donna, fra tedeschi e russi ad esempio... i tedeschi puliti, laboriosi, giusti... I russi, invece, pigri, sudici, crudeli? Ma anche al contrario: i russi, in linea di massima, bonaccioni, e i tedeschi... Ultimamente c’erano delle cose incomprensibili, delle quali, qui e adesso, non c’era voglia di parlare. Cose, in sé e per sé, di cui si sarebbe potuto fare a meno. «Rompicapo», una bella parola, che non riguardava i grandi quesiti dell’umanità, ma piuttosto i piccoli, che poi però, presi insieme, generavano il grande quesito: a che scopo?

inviato il 28/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Walter Kempowski
29 aprile 1929, Rostock (Germania) - 5 ottobre 2007, Circondario di Rotenburg (Germania)

Storia di May Piccola Donna

immagine copertina
Beatrice Masini
Storia di May Piccola Donna
Mondadori 2019
10 righe da pagina 16:

I ragazzini del villaggio quando la vedono passare si danno delle gomitate e ridono piegandosi in due: la bambina di sacco, la chiamano, o pellegrina. Non ci si abituerà mai. Forse è meglio così, è meglio che Martha non la veda com’è ora, che continui a immaginarla com’era prima. Per fortuna c’è la penna, e la carta, e l’inchiostro. Pater può rinunciare a tante cose, ma agli strumenti del suo lavoro, alle armi del suo pensiero proprio no. È l’unico lusso che si concede, e che concede agli altri. E così lei scrive, scrive. Scrivendo può correggere la realtà, farla più bella. È come quando legge, ma anche meglio: perché le storie che leggi sono già tutte lì. Quelle che scrivi invece le fai tu.

inviato il 23/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Beatrice Masini
Milano, 1 aprile 1962

Vittime

immagine copertina
Dorothy Uhnak
Vittime
Tradotto da Annamaria Raffo
Mondadori 1994
10 righe da pagina 42:

Quando era una ragazzina, sua madre le diceva sempre: “Miranda, parla piano, educatamente e senza alzare la voce. Quando parli con le suore a scuola, quando parli con il droghiere, quando parli con quella signora della biblioteca così gentile che ti lascia portare a casa tutti quei libri. Mostra che hai rispetto e capiranno che sei una brava ragazza”. Sua madre era convinta che tutte le persone con cui entrava in contatto fossero nella posizione di concedere o negare qualcosa: cibo, informazioni, opportunità. Niente accadeva direttamente a causa di quanto Miranda stessa aveva fatto, bensì come risultato del modo in cui le persone che contavano valutavano ciò che aveva fatto. In un certo senso, sua madre aveva ragione.

inviato il 18/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Dorothy Uhnak
The Bronx, 24 aprile 1930 – Greenport West, 8 luglio 2006

Neverworld

immagine copertina
Marisha Pessl
Neverworld
Tradotto da Valentina Daniele
Mondadori 2019
10 righe da pagina 92:

Ero sicura che da vecchia, ripensando alla mia giovinezza, avrei ricordato quelle notti, passate seduta sullo stretto davanzale della finestra della torre del caposquadra insieme ad altre cinque persone, davanti al lago blu, decine di metri più sotto. Lì era nata la nostra amicizia. Lì ci eravamo legati gli uni agli altri. C'era qualcosa, nel vedersi su quello sfondo brullo e alieno di roccia, acqua e cielo (per non parlare della cosa proibita e pericolosa che stavamo facendo), che ci rendeva trasparenti, rivelava le domande tacite che ci ponevamo. Sentivamo la vita che ci bruciava, le nostre cicatrici vere come il cielo che ci sferzavano la faccia. Sapevamo che niente sarebbe stato più lo stesso, che la giovinezza era qui ma era già quasi finita, che l'amore era fragile e la morte una realtà.

inviato il 03/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Marisha Pessl
26 ottobre 1977, Clarkston, Michigan, Usa

Ballata di ogni donna

immagine copertina
Erica Jong
Ballata di ogni donna
Tradotto da Tilde Riva
Bompiani 1991
10 righe da pagina 283:

Italia. Non c’è niente di questo paese che non mi piaccia: la lingua, in cui tutto suona meglio, da “per favore passami i fagioli”, al posto di “please pass me the beans”, a “ti amo”, al posto di “I love you”. La gente, con la sua umanità, la sua anarchia, la sua eccentricità, eppure con una fede profonda in tutto quello che conta veramente: figli, arte, cibo, famiglia, conversazione, opera, giardinaggio, scarpe. […] Tutto lo stivale dell’Italia (e a me piacciono gli stivali) è lambito da una lingua di mare sensuale. Dai tempi di Roma a oggi, l’Italia è sempre stato un paese di cui ci si innamora, un tributo a tutto ciò che esiste nell’animo umano di durevole, folle, pagano, allegro, malinconico, ora banale ora divino.

inviato il 27/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Vera, per Te un libro incentivo come finalista 10righe nel mese di Aprile, 10righe scelte dalla redazione. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Vera sei nella classifica di aprile, 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao Vera sei nella classifica di apriel, 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao Paola, sei nella finale di marzo, 10righe scelte dalla redazione.

http://scrivi.10righedailibri.it/ballata-di-ogni-donna -Cari amici dello Staff...ho scelto queste 10 righe,mi piacciono !!!

Erica Jong
Manhattan (USA), 26 marzo 1942

Gli extratererstri torneranno

immagine copertina
Erich von Däniken
Gli extratererstri torneranno
Tradotto da Maria Attardo Magrini
Armenia 1976
10 righe da pagina 33:

Perché le più antiche biblioteche del mondo sono biblioteche segrete? Di che si ha dunque paura? Si teme forse che la verità custodita e celata per millenni venga finalmente a galla? La ricerca e il progresso non si possono fermare. Per 4.000 anni gli egiziani considerarono i loro dei come esseri reali. Anche noi nel medioevo abbiamo ucciso con accanito fanatismo teologico le "streghe". Se quegli uomini di talento che furono gli antichi greci credevano di poter leggere il futuro nello stomaco di un'oca, questa pratica oggi è altrettanto superata quanto la convinzione di certi nostalgici del passato, che credono ancora nel valore del nazionalismo.

inviato il 23/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

ERICH VON DÄNIKEN
Zofingen (Svizzera), 14 aprile 1935

Il canto dell'elefante

immagine copertina
Wilbur Smith
Il canto dell'elefante
Tradotto da Roberta Rambelli
Il Giornale 1991
10 righe da pagina 9:

Si voltò verso Johnny. «Ecco qui con me John Nzou, direttore del parco nazionale di Chiwewe, uno dei nuovi conservazionisti africani. Per una curiosa coincidenza, il nome Nzou in lingua shona significa elefante. John Nzou è il signor Elefante e non soltanto di nome. Come direttore di Chiwewe, è responsabile di uno dei branchi d'elefanti più numerosi e sani in Africa. Ci dica, direttore, quante zanne ci sono un questo magazzino?»
«Al momento sono circa cinquecento... quattrocentottantasei per la precisione, con un peso medio di sette chili ciascuna.»
«Sul mercato internazionale l'avorio vale trecento dollari al chilo», l'interruppe Daniel. «Perciò qui abbiamo più di un milione di dollari.»

inviato il 22/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Wilbur Addison Smith (Broken Hill, 9 gennaio 1933)

Il centenario che voleva salvare il mondo

immagine copertina
Jonas Jonasson
Il centenario che voleva salvare il mondo
Tradotto da Margherita Podestà Heir
La nave di Teseo 2018
10 righe da pagina 325:

Allan aveva notato che Sabine e Julius ridacchiavano di lui,tranne quando parlava di attentati terroristici .Quello avvenuto a Stoccolma li aveva scioccati tutti e tre.
Disse che tutta la nazione sembrava molto interessata a questo tragico avvenimento.Erano morte parecchie persone:a quanto pareva il terrorista era stato arrestato e aveva confessato aggiungendo che Allah era il più grande di tutti.Allan non sapeva quanta colpa avesse Allah nell'attentato,ma con gli dei non si poteva mai sapere:anche loro,come tutti,avevano i loro particolari.Secondo la Bibbia,uno di essi aveva fatto in modo di uccidere volutamente dieci bambini per via di una scommessa con Satana.Sabine non era a conoscenza di quell'episodio,ma Julius sì.
"Libro di Giobbe,e Vecchio Testamento,"disse.
Poi non aggiunse altro.Rabbrividì al ricordo di quel padre tiranno...

inviato il 22/07/2019
Nei segnalibri di:

Senilità

immagine copertina
Italo Svevo
Senilità
RCS - Corriere della Sera
10 righe da pagina 32:

Quella sterminata vanità non l'inquietò poiché tanto gli giovava: anzi non se ne avvide. Egli, che come tutti coloro che non vivono, s'era creduto più forte dello spirito più alto, più indifferente del pessimista più convinto, guardò intorno a sé le cose che avevano assistito al grande fatto. […]
La luna non era sorta ancora, ma là, fuori, nel mare, c'era uno scintillio iridescente che pareva il sole fosse passato da poco e tutto brillasse ancora della luce ricevuta. Alle due parti, invece, l'azzurro dei promontori lontani era offuscato dalla notte più tetra. Tutto era enorme, sconfinato e in tutte quelle cose l'unico moto era il colore del mare. Egli ebbe il sentimento che nell'immensa natura, in quell'istante, egli solo agisse e amasse.

inviato il 29/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Anno edizione 2002.
Italo Svevo (Trieste 1861 – Motta di Livenza 1928).

Grandi Speranze

immagine copertina
C.Dickens
Grandi Speranze
Tradotto da cesare Mazzola
Mondadori (collana Oscar classici) 1991
10 righe da pagina 165:

Quella casa mi stregava e sotto questo influsso continuai a odiare il mio mestiere e a vergognarmi della mia casa.Impercettibilmente mi accorsi che qualche cosa era cambiatoQuella casa mi stregava e sotto questo influsso continuai a odiare il mio mestiere e a vergognarmi della mia casa.Impercettibilmente mi accorsi che qualche cosa era cambiato in Biddy.Le scarpe avevano i tacchi rifatti.I suoi capelli erano lucenti e ben tenuti,le mani sempre pulite.Non era bella- era una donna comune e non poteva reggere il confronto con Estella-ma era piacente e sana e aveva un carattere dolce.Non era da noi da più di di un anno (ricordo che quandomi colpì questo suo cambiamento,aveva appena smesso il lutto) quando una sera mi accorsi che i suoi occhi erano curiosamente vigili e pensierosi,occhi molto belli e molto buoni.Lo notai quando alzando gli

inviato il 29/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie a tutti,felice estate ,naty

Ciao Natalina, per Te un libro incentivo come finalista nel mese di luglio, 10righe scelte da Voi utenti. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

iao Natalina , sei nella finale di luglio, 10righe scelte da Voi utenti.

Charles Dickens n.7 febbraio 1812 Landport-Portsmouth R.E
Decesso 9.giugno 1870 Gads Hill Place R:E

Il tempo migliore della nostra vita

immagine copertina
Antonio Scurati
Il tempo migliore della nostra vita
Bompiani 2019
10 righe da pagina 81:

"E' mio dovere informare i governi riuniti a Ginevra, in quanto responsabili della vita di milioni di uomini, di donne e bambini, del mortale pericolo che li minaccia descrivendo il destino che ha colpito l'Etiopia. Il governo italiano non ha fatto la guerra soltanto contro i combattenti: esso ha attaccato soprattutto popolazioni molto lontane dal fronte, con lo scopo di sterminarle e terrorizzarle. [...] Stormi di nove, quindici, diciotto aeroplani si susseguirono in modo che la nebbia che usciva da essi formasse un lenzuolo continuo. Fu così che, dalla fine di gennaio del 1936, soldati, donne, bambini, armenti, fiumi, laghi e campi furono irrorati di questa pioggia mortale. Al fine di sterminare sistematicamente tutte le creature viventi, per avere la completa sicurezza di avvelenare le acque e i pascoli, [...]

inviato il 30/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Antonio Scurati (Napoli 1969)

il Comando italiano fece passare i suoi aerei più e più volte [...] A parte il regno di Dio, non c'è sulla Terra nazione che sia superiore alle altre. Se un governo forte acquista consapevolezza che esso può distruggere impunemente un popolo debole, quest'ultimo ha il diritto in quel momento di appellarsi alla Lega delle nazioni per ottenere il giudizio in piena libertà. Dio e la vostra storia ricorderanno il vostro giudizio."
E' il 12 maggio 1936 quando l'imperatore d'Etiopia Hailé Selassié denuncia queste parole all'assemblea della Società delle nazioni e al mondo l'uso da parte dell'esercito italiano di armi chimiche contro il suo popolo.

Se il fiume fosse whisky

immagine copertina
T. Coraghessan Boyle
Se il fiume fosse whisky
Tradotto da Marisa Caramella
Einaudi 2001

Willa Frank. Quel nome era amaro, sulla lingua di Albert.
Willa, Willa, Willa. Era un nome ossuto, magro e scarso, privo di sensualità: l’antitesi del rotondo, corposo Leonora. Sapeva di nodosa durezza puritana, di carne mortificata, di intransigenza di fronte alla tentazione. Willa. Come poteva sperare di sedurre Willa? E Frank, inoltre. Frank era addirittura peggio. Un nome di uomo. Freddo, scostante, tedesco, francese. Era il nome di una donna che non avrebbe mai complicato il proprio lavoro con nozioni di carità o di riguardo per l’altrui sensibilità. No, era il nome di una donna decisa a brandire gli aggettivi come una mazza.
A bagnomaria in queste amare considerazioni, Albert mangiava senza sentire alcun sapore.

inviato il 01/08/2019
Nei segnalibri di:

Il pianeta dei bruchi

immagine copertina
Ken Follett
Il pianeta dei bruchi
Tradotto da Gianni Padoan
Mondadori 1985
10 righe da pagina 14:

Fritz Price rivolse alla gemella un’occhiata complessa e si strinse nelle spalle.
«Io non sapevo neppure che esistesse, questo zio Grigorian» affermò.
«Che nome buffo!» commentò Helen, con aria dubitativa, scrutando il terzo ragazzino, molto più piccolo di loro. «Sei sicuro di averlo capito bene, Barile?»
«Non chiamarmi Barile» si risentì Barile.
I due gemelli stavano seduti sul basso muretto di mattoni davanti al “Sole e Bellavista”, una tipica pensioncina balneare gestita dalla loro madre. Per la verità una vista non c’era proprio, a meno di voler considerare tale la sfilza di pensioncine del tutto identiche allineate lungo il lato opposto della strada; in compenso il sole non mancava, dato che si era alla fine di luglio.

inviato il 29/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ken Follett, pseudonimo di Kenneth Martin Follett (Cardiff, 5 giugno 1949)

La figlia della libertà

immagine copertina
Luca Di Fulvio
La figlia della libertà
Rizzoli 2019
10 righe da pagina 16:

«No, tu non capisci, vedi?» fece padre Cecè. «Certo che
la gente teme il Barone. Ma credi davvero che sia per questo
che si accaniscono contro di te? Sbagli. Non hai capito niente. Per loro tu sei addirittura più pericolosa del Barone…
e per certi versi non posso dargli torto. Tu sei una donna,
Rosetta.»
«E allora?»
«Cosa succederebbe se altre donne si comportassero come te?» disse padre Cecè, infervorandosi. «È una cosa contro natura! Anche Dio la condanna!»
«Io valgo quanto un uomo.»
«È proprio questo che Dio condanna!» Il prete la afferrò
per le spalle. «Una donna deve…»
«La conosco questa cantilena» lo interruppe irosamente
Rosetta, scansandosi. «Una donna deve sposarsi, figliare e
prendere botte dal marito senza ribellarsi, come una brava
serva.»

inviato il 25/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ancora grazie, sono contentissima

Ciao Cristina, per Te un libro incentivo come finalista nel mese di Aprile, scelte da Voi utenti. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Grazieeeeeeeeeeeeee

Ciao Cristina sei nella classifica del mese di aprile, 10righe scelte da Voi utenti.

Strong & Chic

immagine copertina
Nadège Dubospertus
Strong & Chic
Vallardi
10 righe da pagina 173:

L’amore è sempre attivo presente. Non è ’Amerò’ oppure
’Ho amato’. Se conoscete l’amore non seguirete
nessuno, l’amore non obbedisce.» Partendo da passi
come questo, cominciai lentamente a capire perché
non aveva senso interrogarsi sui motivi per cui la
mia vita sentimentale era andata male. Nel suo discorso
Krishnamurti parte da ciò che l’amore non
è. Non è empatia, perdono, possesso, gelosia e paura,
non è tutto ciò che ha a che fare con la mente.
Quest’ultima, purtroppo, può solo rovinare l’amore, non può crearlo e non può creare la bellezza. Secondo
questo filosofo, l’amore non può essere oggetto
di un pensiero, non può essere coltivato o praticato...

inviato il 27/04/2019
Nei segnalibri di:

La forchetta, la strega e il drago

immagine copertina
Christopher Paolini
La forchetta, la strega e il drago
Tradotto da Maria Concetta Scotto di Santillo
Rizzoli 2019
10 righe da pagina 96:

Aprì l'involto e trovò un fascio di pagine coperte di rune, ciascuna scritta con un inchiostro di diverso colore. Nello sfogliarle, trovò diversi titoli di capitoli. I numeri, però sembravano messi alla rinfusa. «Mancano delle parti» osservò.
L'erborista liquidò il commento con un vago gesto della mano. «Perché lo sto scrivendo senza un ordine preciso. È così che funziona il mio cervello.»
«Ma come fai a sapere...» Eragon aguzzò la vista sulla pagina che aveva davanti «che questo deve essere il capitolo centoventicinque e non, diciamo, il centoventitré?»
«Perché» sbuffò Angela con aria di superiorità, «ho fede negli dei, e loro ricompensano la mia devozione.»

inviato il 01/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Christopher Paolini (Southern California, 17 novembre 1983)

Ai confini della realtà

Ai confini della realtà 4 giorni 16 ore fa

Rodman Edward Serling
Syracuse, 25 dicembre 1924 – Rochester, 28 giugno 1975 (USA)

Ragazzi che amano ragazzi

Ragazzi che amano ragazzi 2 settimane 2 giorni fa

Piergiorgio Paterlini
Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia), 17 giugno 1954

La dismissione

La dismissione 2 settimane 3 giorni fa

Grazie Staff!
In ritardissimo scelgo le righe di Natalina: http://scrivi.10righedailibri.it/grandi-speranze-17

La dismissione 4 settimane 5 giorni fa

Ermanno Rea
28 luglio 1927, Napoli - 13 settembre 2016, Roma

Mary Terror

Mary Terror 2 settimane 3 giorni fa

Robert R. McCammon
Birmingham, 17 luglio 1952 (USA)

Tutto per nulla

Tutto per nulla 16 settimane 19 ore fa

Walter Kempowski
29 aprile 1929, Rostock (Germania) - 5 ottobre 2007, Circondario di Rotenburg (Germania)

Storia di May Piccola Donna

Storia di May Piccola Donna 16 settimane 5 giorni fa

Beatrice Masini
Milano, 1 aprile 1962

Vittime

Vittime 17 settimane 3 giorni fa

Dorothy Uhnak
The Bronx, 24 aprile 1930 – Greenport West, 8 luglio 2006

Neverworld

Neverworld 19 settimane 5 giorni fa

Marisha Pessl
26 ottobre 1977, Clarkston, Michigan, Usa

Ballata di ogni donna

Ballata di ogni donna 20 settimane 4 giorni fa

Erica Jong
Manhattan (USA), 26 marzo 1942

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy