Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Vera Viselli

27 ossa

immagine copertina
Diana Lama
27 ossa
Newton Compton 2015
10 righe da pagina 174:

«Il palazzo è stato costruito su una grande cisterna che ha ospitato morti ammazzati dalla peste, dal colera, dalle levatrici, dalla corda del boia. Tutta gente buttata lì senza una benedizione. L’architetto Badenmajer lo sapeva, ma ha preferito ignorarlo». Nella sua voce Eleonora riconobbe una certa maligna soddisfazione. E soddisfazione c’era nel suo sguardo mentre si alzava. «Non si gioca con la morte, signorina. Se lo ricordi, quando scriverà il suo giallo. Le ho regalato un bello spunto, anche se non troppo originale, temo. Non è stato quel King a raccontare una storia riguardo a un cimitero indiano?». Sembrava stesse sputando le parole. «Se ci pensa, centinaia e centinaia, migliaia anzi, di corpi gettati a putrefarsi alla rinfusa nel sottosuolo, proprio sotto i nostri piedi». Il suo sorriso era malevolo.

inviato il 06/06/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Diana Lama, Napoli, 15 luglio 1960

Scambi

immagine copertina
David Lodge
Scambi
Tradotto da Mary Buckwell e Rosetta Palazzi
Bompiani 1994
10 righe da pagina 176:

Comprese quel pomeriggio, per la prima volta nella vita, la letteratura americana, seduto da Pierre nella Cable Avenue, mentre il fiume della vita di Plotinus scorreva; comprese la sua generosità e la sua indecenza, la sua eterogeneità acquiescente, comprese Walt Whitman che accostava una all’altra parole mai viste prima insieme fuori del dizionario e Herman Melville che distruggeva il romanzo tradizionale nello sforzo di trasformare una caccia alla balena in una metafora universale e introducendo in un libro rivolto ai lettori più puritani un capitolo sul prepuzio della balena senza suscitare reazioni; capì perché Mark Twain voleva scrivere un proseguimento di Huckleberry Finn, in cui Tom Sawyer vendeva Huck come schiavo e perché Stephen Crane scrisse il suo grande romanzo di guerra prima e sperimentò la guerra dopo.

inviato il 02/06/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

David Lodge, Brockley, 28 gennaio 1935

L'inganno delle tenebre

immagine copertina
Jean-Christophe Grangé
L'inganno delle tenebre
Tradotto da Paolo Lucca
Garzanti 2017
10 righe da pagina 58:

Da quando era arrivato aveva imparato un’unica cosa: una giornata in Africa equivaleva a due o tre da un’altra parte, o anche di più. Gli sembrava di essere lì da un mese. Caldo a parte, non c’era sensazione che non ti mandasse KO. Anche solo l’odore di benzina ti prendeva la gola. I colori ti stringevano il cuore. Ogni sapore ti sconvolgeva il metabolismo, ti violentava i nervi, ti faceva capire fino a che punto la morte fosse presente nella polpa di un frutto, nel pimento delle salse, nel tepore della pioggia... In poche ore aveva già sviluppato una dipendenza verso tutto quello che poteva aiutarlo a resistere. «Per trovare l’Africa», lo aveva avvertito suo padre, «bisogna perdercisi.»

inviato il 01/06/2018
Nei segnalibri di:

Il delitto dell'Immacolata

immagine copertina
Domenico Cacopardo
Il delitto dell'Immacolata
Marsilio 2014
10 righe da pagina 22:

In quei tempi, erano gli anni ’70, tante inibizioni erano state superate, ma, perdio, le occhiate, a Messina, avevano ancora una funzione basilare: le occhiate durante la passeggiata in viale San Martino; le occhiate al bar Irrera durante la granita; le occhiate sul Lungomare o all’Irrera a mare dove s’usava osservare per ore i fortunati che pranzavano sulla terrazza a picco sull’acqua e sullo Stretto, mentre, magari, la squadra di pallanuoto messinese si batteva con quella palermitana. O, dopo mezzanotte, a seguire le evoluzioni dei ballerini che occupavano la pista circolare, mentre l’orchestra Oieni suonava i ballabili di moda.
La sera stessa di quell’innocente occhiata, una volta a letto, cominciai a fantasticare su quella donna che, prima, m’era sembrata insignificante e che quel giorno mi aveva degnato d’uno sguardo interessato.

inviato il 27/05/2018
Nei segnalibri di:

Il viaggio dello Star Wolf

immagine copertina
David Gerrold
Il viaggio dello Star Wolf
Tradotto da Marco Pinna
Mondadori 2017
10 righe da pagina 86:

Vede, spiegare la magia significa distruggerla. Però - avvicinò una sedia - visto che insiste, le dirò ciò che deve sapere. La magia non ha nulla a che vedere con l’universo fisico. Ha a che fare con l’universo sperimentale. Dipende tutto dalla fiducia che le si dà. La magia funziona perché si crede fermamente che funzioni. — Indicò una tazza di caffè sul tavolo. — Per esempio non potrei mai fare un incantesimo che faccia spostare quella tazza dalla parte opposta del tavolo. La magia non funziona così. Però posso fare un incantesimo che faccia spostare quella tazza, nel senso che verrà qualcuno a spostarla al momento giusto. Coincidenza? No, se crede nella magia. E anche se non ci crede, la tazza si muoverebbe comunque.

inviato il 27/05/2018
Nei segnalibri di:

La lampada di Psiche

immagine copertina
Marcel Schwob
La lampada di Psiche
Tradotto da Catherine Mc Gilvray
Fazi 2013
10 righe da pagina 90:

Ho desiderato un regno rosso. C’erano dei re insanguinati che affilavano le spade. Donne dagli occhi anneriti piangevano nelle giunche cariche d’oppio. Molti pirati sotterravano nella sabbia delle isole i forzieri pieni di lingotti. Tutte le prostitute erano libere. I ladri tagliavano le strade sotto il pallore dell’alba. Un gran numero di fanciulle si saziava di piaceri e di lussuria. Una compagnia di imbalsamatori dorava i cadaveri nella notte blu. I bambini desideravano amori lontani e omicidi sconosciuti. Le lastre del pavimento nelle saune erano cosparse di corpi nudi. Ogni cosa era soffregata di spezie ardenti e illuminata da ceri rossi. Ma quel regno è sprofondato sottoterra, e mi sono svegliato in mezzo alle tenebre.

inviato il 16/04/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Marcel Schwob, nato a Chaville il 23 agosto 1867 e morto a Parigi il 26 febbraio 1905

Sei chiodi storti

immagine copertina
Dario Cresto-Dina
Sei chiodi storti
66thand2nd 2016
10 righe da pagina 10:

Eppure sono stati uomini fortunati e la fortuna, si sa, non è democratica. Sceglie i suoi eletti. Sono stati uomini fortunati e non bisognerà aspettare l'ultimo giorno per dirlo. Sarà che nell'animo sono rimasti bambini e non hanno ancora smesso di giocare. Ognuno a modo suo, ognuno come ne è capace, perché il tempo - succede alla maggior parte di noi quando il tempo ci scova - non li ha cambiati. Semmai li ha complicati. Vanno in campo come allora, ripetendo gli identici gesti di allora, forse solo un po' più lenti, compassati. Li riempiono con ciò che possedevano e hanno conservato, qualità e difetti che si completano le une con negli altri, mischiati a un talento tecnico che mai prima e mai dopo si è trovato tutto assieme così denso e composito in un gruppo e in una stagione: superbia, distacco, poesia, sacrificio, rabbia.

inviato il 23/03/2018
Nei segnalibri di:

Una trilogia palestinese

immagine copertina
Mahmud Darwish
Una trilogia palestinese
Tradotto da Ramona Ciucani, Elisabetta Bartuli
Giangiacomo Feltrinelli Editore 2014
10 righe da pagina 26:

“E voi che cosa avete fatto della vostra terra?”
“Chiedimi, piuttosto, che cosa ci ha fatto la terra. Ha ucciso mio nonno con il dispiacere e l’attesa. Ha fatto venire i capelli bianchi a mio padre per il troppo lavoro e la miseria. Mi ha reso consapevole, prima del tempo, dell’oppressione. Mio nonno era un facoltoso proprietario terriero, quando è accaduto quel che è accaduto ed è diventato un ‘presente assente’, passava i giorni davanti all’amministrazione militare in attesa del permesso di viaggio per Acri, solo per poter vedere il suo campo, di sfuggita, dal finestrino dell’autobus. Passava la giornata a leggere giornali e la nottata a riflettere e rievocare ricordi. Aspettava".

inviato il 20/03/2018
Nei segnalibri di:

Il sospetto

immagine copertina
Robert Crais
Il sospetto
Tradotto da Annamaria Raffo
Mondadori 2016
10 righe da pagina 72:

“Questi cani non sono macchine, maledizione! Sono esseri viventi! Sono creature di Dio, fatte di sangue e sentimenti, e vi ameranno con tutto il loro cuore! Vi ameranno quando le vostre mogli e i vostri mariti vi tradiranno. Vi ameranno quando i vostri figli ingrati e bastardi pisceranno sulla vostra tomba! Saranno testimoni dei vostri momenti più disonorevoli e non vi giudicheranno. Questi cani saranno i partner migliori e più fedeli che possiate mai sperare di avere, e daranno la vita per voi. E tutto quello che vi chiederanno, tutto quello di cui avranno bisogno, tutto quello che vorranno da voi è una parola affettuosa. Maledizione, tra i dieci migliori uomini che conosco non ce n’è uno che valga quanto il peggior cane che abbiamo qui, ed è così anche per voi, garantito, perché ve lo dico io, Dominick Leland, e non sbaglio mai!”

inviato il 19/03/2018
Nei segnalibri di:

Pirate

immagine copertina
Celia Rees
Pirate
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 2:

Scrivo per molte ragioni. Non da ultimo, per lenire la mia pena. Ho scoperto che rivivere le avventure condivise con Minerva può alleviare il dolore della nostra separazione. Inoltre, un lungo viaggio di mare può essere tedioso. Devo trovare delle distrazioni adatte alla mia posizione, ora che ho messo via pistole e sciabola e ho scambiato le brache con un vestito. Quella che segue è la mia storia. La mia e quella di Minerva. Quando avrò finito di scrivere tutto ciò che è accaduto e perché, ho intenzione di consegnare le carte al signor Daniel Defoe di Londra, che da ciò che ho sentito dire ha interesse per coloro che hanno scelto la vita piratesca. Anche se la nostra storia pare un tantino stravagante, da avere quasi l'aria di un romanzo, posso assicurarvi che non si tratta di fantasia.

inviato il 19/03/2018
Nei segnalibri di:

Non lasciarmi

immagine copertina
Kazuo ishiguro
Non lasciarmi
Tradotto da Paola Novarese
Einaudi 2006
10 righe da pagina 121:

Talvolta percorro una lunga strada tortuosa in mezzo alla palude,o magari oltrepasso filari di campi arati,il cielo enorme grigio e sempre uguale a se stesso miglio dopo miglio,e mi ritrovo a pensare al mio saggio,l'unico che avrei dovuto scrivere allora ,quando eravamo ai Cottages. I tutori avevano menzionato i saggi di tanto in tanto per quell?ultima estate,cercando di aiutare ognuno di noi a scegliere un argomento che ci avrebbe completamente assorbiti per circa due anni.In un certo senso però- forse dipendeva da qualcosa nel comportamento dei nostri tutori-nessuno credeva veramente che i saggi fossero così importanti,e raramente furono oggetto di discussione tra noi.Ricordo che quando comunicai a Miss Emily di avere scelto i romanzi vittoriani,non avevo riflettuto molto al riguardo,e mi sono resa conto che lei se n?era accorta.

inviato il 02/05/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Kazuo Ishiguro è nato a Nagasaki - Giappone -8 Novembre 1954 ;si è trasferito a Londra con la famiglia; vincitore premio Nobel 2017

Il circolo Pickwick

immagine copertina
Charles Dickens
Il circolo Pickwick
Tradotto da Riccardo Reim
Newton Compton Editori 2013
10 righe da pagina 61:

La Società Corrispondente del Circolo Pickwick con questo atto è dunque costituita; i signori Samuel Pickwick, pgmcp, Tracy Tupman, mcp, Augustus Snodgrass, mcp, e Nathaniel Winkle, mcp, sono con tale atto nominati e indicati membri della medesima; ed essi sono incaricati di inviare di tanto in tanto al Circolo Pickwick di Londra dei rendiconti autentici dei loro viaggi e delle loro ricerche, delle loro osservazioni sulle persone e sui costumi, del complesso delle loro avventure unitamente alle narrazioni e agli studi ai quali possano dare origine le usanze del luogo o tutto ciò che con esse abbia una qualche relazione.

inviato il 02/05/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Charles John Huffam Dickens (Portsmouth, 7 febbraio 1812)

Tre camere a manhattan

immagine copertina
George simenon
Tre camere a manhattan
Tradotto da Laura Frausin Guarino
adelphi 1998
10 righe da pagina 87:

Si parla, a volte, di "campi senz'anima". E probabilmente anche a lui, come a tutti, era capitato di usare tale espressione. Ma quel giorno, in quel preciso istante, all'angolo fra la sessantaseiesima strada e Madison Avenue, si sentiva davvero un corpo inanimato, il cui pensiero, la cui vita, erano altrove. (...) Sembrava che ciascuno conoscesse solo le proprie battute, il proprio personaggio e ignorasse il resto della commedia o non gliene importasse granchè e sopratutto che gli importasse niente degli altri attori. Nemmeno si salutarono.

inviato il 03/05/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Barbara, ti ringrazio molto, gentilissima :)

Scusate ho sbagliato a scrivere è Paola Lorenzini.

Ciao e grazie...
Dono il mio il Libro a Pola Lorenzini http://scrivi.10righedailibri.it/inghiottita

Ciao Barbara, per Te un libro incentivo come finalista settimanale di 10righe. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Georges Joseph Christian Simenon, nacque a Liegi, 13 febbraio 1903 .

Grazie.

Grazie ☺

Ciao Barbara, sei nella finale settimanale i maggio. Scegli da oggi 7 maggio a domenica 13 maggio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

La legge del deserto

immagine copertina
Wilbur Smith
La legge del deserto
Tradotto da Giampiero Hirzer
Longanesi 2011
10 righe da pagina 13:

Il khamsint soffiava ormai da cinque giorni. Le nuvole di polvere correvano loro incontro attraverso la cupa vastità del deserto. Hector Cross portava una kefiah al collo e gli occhiali da deserto. La corta barba scura gli proteggeva gran parte del volto, ma le zone esposte della pelle sembravano scorticate dai granelli pungenti della sabbia. Al di sopra del frastuono del vento riusciva a sentire il vibrare cadenzato dell'elicottero che si avvicinava. Anche senza guardarli, era sicuro che nessuno degli uomini attorno a lui se ne fosse ancora accorto. Sarebbe stata una mortificazione, se non fosse stato lui il primo. Aveva dieci anni più di quasi tutti gli altri, ma era il loro capo e come tale doveva essere il più acuto e il più svelto.

inviato il 16/04/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Wilbur Addison Smith (Broken Hill, 9 gennaio 1933)

Acciaio

immagine copertina
Silvia Avallone
Acciaio
Rizzoli 2010
10 righe da pagina 13:

Correvano, la bionda e la mora, nel mare. Si sentivano frugare dagli occhi maschili. Era quello che volevano, essere guardate. Non c'era un perché preciso. Giocavano, si vedeva, ma facevano anche sul serio.
La mora e la bionda. Loro due, sempre e solo loro due. Quando uscivano dall'acqua si tenevano per mano come i fidanzati. E al bagno del bar entravano insieme. Sfilavano su e giù per la spiaggia, voltandosi prima una poi l'altra quando ricevevano un apprezzamento. Te la facevano pesare, la loro bellezza. La usavano con violenza. E se Anna, ogni tanto, ti salutava anche se eri sfigata, Francesca non salutava mai, non sorrideva mai. Tranne ad Anna.L'estate del 2001, nessuno la può dimenticare. Anche il crollo delle Torri fu, in fondo, per Anna e Francesca, parte dell'orgasmo che provarono nello scoprire che il loro corpo stava cambiando.

inviato il 09/04/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie.

Ciao, ho scelto queste 10Righe http://scrivi.10righedailibri.it/lisola-di-arturo-10

Grazie

Ciao Giovanni, sei nella finale settimanale del mese di aprile, scegli da lunedì 16 aprile a domenica 22 aprile, 10righe che più ti piacciono, riportando qui il link scelto.

Silvia Avallone (Biella, 11 aprile 1984)

Carte in tavola

immagine copertina
Agatha Christie
Carte in tavola
Tradotto da Maria Grazia Griffini
Mondadori 1986
10 righe da pagina 13:

- Ah, ah! Vi ho fatto stupire, vero? - disse il signor Shaitana. - Caro, carissimo amico, voi e io consideriamo tutto ciò da due punti di vista completamente opposti! Per voi il delitto costituisce una materia di lavoro abituale: un assassinio, un'indagine, un indizio, e, in conclusione (perché siete indubbiamente capace nella vostra professione), un arresto. Queste banalità non potrebbero mai interessarmi! Non perdo il mio tempo con gli esemplari più modesti in ogni campo! E un assassino che viene scoperto non può che essere necessariamente considerato un fallito nel suo genere. E' una persona di secondo ordine. No, io considero la faccenda da un punto di vista artistico. Faccio collezione soltanto di quel che c'è di meglio!
- Quel che c'è di meglio? - domandò Poirot.
- Caro amico, certo... quelli che l'hanno fatta franca!

inviato il 03/04/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Giovanni, per Te un libro incentivo come finalista 10 righe settimanali del mese di aprile.
Manda i tuoi dati a: libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie, Giovanni!

Grazie.

Grazie

Ciao Giovanni, sei nella finale settimanale del mese di aprile, scegli da lunedì 9 aprile a domenica 15 aprile, 10righe che più ti piacciono, riportando qui il link scelto.

Dame Agatha Mary Clarissa Miller, Lady Mallowan, nota come Agatha Christie (Torquay, 15 settembre 1890)

L'ombra del vento

immagine copertina
Carlos Ruis Zafon
L'ombra del vento
OSCARMONDADORI
10 righe da pagina 405:

Quando terminai di leggere il manoscritto di Nuria Manfort si
Stava già facendo giorno. Quella era la mia storia. La nostra
Storia. Nei passi perduti di Carax riconobbi le orme dei miei,
ormai irrecuperabili. Mi misi a camminare avanti e indietro
per la stanza come un animale in gabbia. Ero spossato, ma no-
nostante i miei rimorsi e le mie incertezze non intendevo più
sottrarmi alle conseguenze delle mie azioni. Mi infilai il cap-
potto, misi il manoscritto in una tasca interna e uscii. Faceva
freddo e nevicava. Il cielo si disfaceva in lacrime pigre di luceQuando terminai di leggere il manoscritto di Nuria Manfort si stava già facendo giorno. Quella era la mia storia. La nostra storia. Nei passi perduti di Carax riconobbi le orme dei miei, ormai irrecuperabili. Mi misi a camminare avanti e indietro per la stanza come un animale in g

inviato il 06/04/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ringrazio Tantissimo

Ciao Argiovan58. per Te un libro incentivo come finalista 10 righe scelte dalla readazione del mese di aprile.
Manda i tuoi dati a: libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie

Grazie

Ciao Argiovan58, sei nella classifica del mese di aprile, 10righe scelte dalla redazione.

Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban

immagine copertina
J.K. Rowling
Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban
Tradotto da Beatrice Masini
Salani 2017
10 righe da pagina 35:

“Quindi” riprese Fudge imburrandosi un'altra tartina, “resta da decidere dove passerai le ultime tre settimane di vacanza. Il mio suggerimento è che tu prenda una stanza qui al Paiolo Magico e...”
“Avanti” sbottò Harry, “qual è la punizione che mi aspetta?”
Fudge strizzò gli occhi.
“Punizione?”
“Ho infranto la legge!” disse Harry. “Il Decreto per la Restrizione delle Arti Magiche fra i Minorenni!”
“Oh, caro ragazzo, non vogliamo certo punirti per una cosetta del genere!” esclamò Fudge, agitando impaziente la tartina. “È stato un incidente! Nessuno finisce ad Azkaban solo per aver gonfiato una zia!”

inviato il 26/03/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Anche io ho la prima edizione, poi ho la signature edition con cofanetto in inglese ed ora sto comprando questa versione illustrata :)

Non sai quanto sono tentata... ma io ho le prime edizioni, non posso ricomprarmi tutto... o sì?! :D

Sono bellissime, solo altri 4 anni ed avrò la serie completa :)

oddio queste edizioni illustrateeeeeeee!!!!!!!

Joanne Rowling (Yate, 31 luglio 1965)

Vivere per scrivere: 40 romanzieri si raccontano

immagine copertina
Enrico Franceschini
Vivere per scrivere: 40 romanzieri si raccontano
Laterza 2018
10 righe da pagina 28:

Italo Calvino scrisse un bellissimo libro intitolato Perché leggere i classici. Perché leggerli, ammesso che secondo lei sia obbligatorio?
«Non penso affatto che sia obbligatorio. Da troppe parti ci sentiamo dire quel che ‘dobbiamo’ leggere e ciò distrugge il piacere della lettura. Io preferisco dire alla gente che leggere è divertente, è una godibile e coinvolgente alternativa alla televisione o al cinema. Mentre di solito i critici dei giornali raccomandano di leggere ciò che dovrebbe farci bene, come se la letteratura fosse cibo dietetico e il resto della cultura cioccolata. Se le cose stanno così, non c’è da sorprendersi che sia difficile persuadere la gente a comprare libri. Se uno ‘vuole’ leggere i classici, li legga. Ma se leggerli gli sembra un’agonia, ci rinunci».

inviato il 19/03/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Giovanni, grazie per aver scelto le mie 10 righe :)

Doppiamente grazie :)

Ciao Giovanni, per Te un libro incentivo come finalista 10 righe scelte da Voi utenti nel mese di marzo.
Manda i tuoi dati a: libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Giovanni, per Te un libro incentivo come finalista 10 righe della settimana.
Manda i tuoi dati a: libroincentivo@10righedailibri.it

Ho scelto queste 10Righe http://scrivi.10righedailibri.it/attesa-sul-mare

ok, grazie :)

Ciao Giovanni, sei nella classifica finale del mese di marzo, 10 righe scelte da Voi utenti.

Ciao Giovanni, sei nella classifica settimanale del mese di marzo. Scegli da oggi lunedì 26 marzo a domenica 1 Aprile, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei comemnti il link scelto.

Enrico Franceschini (Bologna, 17 agosto 1956)

Viaggio al termine della notte

immagine copertina
Louis-Ferdinand Céline
Viaggio al termine della notte
Tradotto da Ernesto Ferrero
Gruppo Editoriale L'Espresso (La Biblioteca di Repubblica) 2002
10 righe da pagina 201:

Quando si è giovani, l'indifferenza più arida, le porcate più ciniche, si arriva a trovargli la scusa del capriccio passionale e chissà quale segno di un romanticismo inesperto. Ma più tardi, quando la vita vi ha mostrato per bene tutto quello che può esigere in cautela, crudeltà, malizia soltanto per essere mantenuta bene o male a 37°, ti rendi conto, sei informato, hai le carte in regola per capire tutte le stronzate che contiene un passato. Basta in tutto e per tutto contemplare scrupolosamente se stessi e quel che si è diventati in fatto di schifezza. Niente più mistero, niente più ingenuità, ti sei mangiato tutta la poesia visto che hai vissuto fino a quel momento. È un cazzo fritto, la vita.

inviato il 14/03/2018
Nei segnalibri di:

27 ossa

27 ossa 10 settimane 5 giorni fa

Diana Lama, Napoli, 15 luglio 1960

Scambi

Scambi 11 settimane 2 giorni fa

David Lodge, Brockley, 28 gennaio 1935

La lampada di Psiche

La lampada di Psiche 18 settimane 3 ore fa

Marcel Schwob, nato a Chaville il 23 agosto 1867 e morto a Parigi il 26 febbraio 1905

Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban

Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban 20 settimane 1 giorno fa

Non sai quanto sono tentata... ma io ho le prime edizioni, non posso ricomprarmi tutto... o sì?! :D

Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban 21 settimane 10 ore fa

oddio queste edizioni illustrateeeeeeee!!!!!!!

Giorni selvaggi

Giorni selvaggi 26 settimane 6 ore fa

uhhhhhh!!! ma grazieeeeeeeee!!!! :*

11 GENNAIO

11 GENNAIO 30 settimane 6 giorni fa

Lo adoro!!!

La compagnia dei viaggiatori del tempo

La compagnia dei viaggiatori del tempo 30 settimane 6 giorni fa

Massimo Acciai Baggiani, Firenze, 9 aprile 1975

La pietra di luna

La pietra di luna 31 settimane 6 ore fa

uhhhhhh! Gracias!!!!!! :))

Il drago verde

Il drago verde 31 settimane 6 giorni fa

Scarlett Thomas, Hammersmith, 1º luglio 1972

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy