Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Vera Viselli

Ai confini della realtà

immagine copertina
Rod Serling
Ai confini della realtà
Tradotto da Giorgio Pagliaro, Isabella Elizabeth Nizza, Lea Grevi
Mondadori 1990
10 righe da pagina 93:

A mezzanotte cominciò a fare quasi altrettanto caldo che a mezzogiorno... e la luminosità era quasi la stessa. Sparirono il buio e la notte. Tutti i piccoli lussi umani - condizionatori d’aria, frigoriferi, ventilatori elettrici - in breve non furono più lussi, ma pietosi tentativi, dettati dal panico, per sopravvivere anche solo temporaneamente. New York era ormai un gigantesco animale malato, che lentamente si mummificava, mentre la sua linfa vitale evaporava. […]. La Terra era un mondo infuocato. Ogni giorno il Sole aumentava di dimensioni ed ogni giorno il calore si aggiungeva al calore, finché il liquido nei termometri non ribollì, e respirare, parlare, muoversi divenne un perpetuo tormento. La Terra era un mondo dall’eterno mezzogiorno.

inviato il 14/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Rodman Edward Serling
Syracuse, 25 dicembre 1924 – Rochester, 28 giugno 1975 (USA)

Ragazzi che amano ragazzi

immagine copertina
Piergiorgio Paterlini
Ragazzi che amano ragazzi
Feltrinelli 2005
10 righe da pagina 155:

Voglio solo essere accettato e non sentirmi gridare insulti con disprezzo o che la gente mi dica (come ho letto) di cambiare a tutti i costi o di andare da uno psicologo o psicoanalista solo perché sono omosessuale. Forse i ragazzi eterosessuali vanno dagli psicologi perché amano le ragazze? Vorrei tanto che un giorno le mie paure se ne vadano: la paura di non finire la scuola, di essere scacciato, di essere per così dire ripudiato dalla mia famiglia; come quei genitori che considerano i loro figli ormai definitivamente morti. Prego tanto che ciò non succeda mai! Nel mio futuro vedo più sofferenza di chiunque altro, mi batterò, non solo per me, ma anche per tutti gli altri ragazzi. Tutto questo perché il mio più grande progetto è quello di potermi dedicare a quei ragazzi che ancora hanno paura di come sono.

inviato il 03/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Piergiorgio Paterlini
Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia), 17 giugno 1954

Mary Terror

immagine copertina
Robert R. McCammon
Mary Terror
Tradotto da Simone De Crescenzo
Gargoyle 2010
10 righe da pagina 324:

«Che cos’era che ti cresceva dentro, Bedelia?»
«Un desiderio ardente», rispose Didi. «Di essere… diversa. Di sapere, di conoscere il mondo, di andare in posti di cui i miei potevano al massimo leggere sul giornale. Guarda lo schermo della televisione…», Didi indicò la sit-com che stava passando sul canale scelto da Laura, «… vedi, se cominci a guardare programmi del genere alla Tv, una sera dopo l’altra, anno dopo anno, inevitabilmente cominci a pensare che quello sia tutto ciò che il mondo ha da offrire. Chiacchiere in cucina e un hamburger al fast-food del paese. I miei avevano paura della vita vera, Laura. E volevano che neanche io la scoprissi e la affrontassi».

inviato il 01/08/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Robert R. McCammon
Birmingham, 17 luglio 1952 (USA)

La dismissione

immagine copertina
Ermanno Rea
La dismissione
Feltrinelli 2002
10 righe da pagina 106:

Non avremmo dovuto soltanto passare in rassegna un caotico insieme di oggetti, più o meno inutili e più o meno personali - tavoli, sedie, quaderni, utensili, qualche macchina per scrivere, qualche vecchio computer - ma segmenti importanti del passato di ciascuno di noi. Un po' come andare, dopo la morte della nonna, nella sua soffitta a rovistare tra scatole, ricordi e cianfrusaglie. Ti stupisci di quello che dico? Ti pare che il capannone di una colata continua non possa in alcun caso essere paragonato a una soffitta di famiglia? Sapessi come ti sbagli. Ovunque passino, gli uomini tendono a lasciare vistose tracce delle loro inquietudini e dei loro affetti. Come anche dei loro errori e dei loro peccati. Trovai tantissime lettere mai spedite, non esclusa qualche lettera d'amore. Agende fitte di indirizzi. Riviste pornografiche.

inviato il 16/07/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE!

Grazie Staff!
In ritardissimo scelgo le righe di Natalina: http://scrivi.10righedailibri.it/grandi-speranze-17

Ciao Vera, sei nella finale settimanale di luglio. Scegli da lunedì 22 luglio a domenica 28 luglio, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Ermanno Rea
28 luglio 1927, Napoli - 13 settembre 2016, Roma

Tutto per nulla

immagine copertina
Walter Kempowski
Tutto per nulla
Tradotto da Mario Rubino
Sellerio 2018
10 righe da pagina 69:

Tante cose trovava enigmatiche. Le differenze fra gli esseri umani... del tutto a prescindere da quelle fra uomo e donna, fra tedeschi e russi ad esempio... i tedeschi puliti, laboriosi, giusti... I russi, invece, pigri, sudici, crudeli? Ma anche al contrario: i russi, in linea di massima, bonaccioni, e i tedeschi... Ultimamente c’erano delle cose incomprensibili, delle quali, qui e adesso, non c’era voglia di parlare. Cose, in sé e per sé, di cui si sarebbe potuto fare a meno. «Rompicapo», una bella parola, che non riguardava i grandi quesiti dell’umanità, ma piuttosto i piccoli, che poi però, presi insieme, generavano il grande quesito: a che scopo?

inviato il 28/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Walter Kempowski
29 aprile 1929, Rostock (Germania) - 5 ottobre 2007, Circondario di Rotenburg (Germania)

Storia di May Piccola Donna

immagine copertina
Beatrice Masini
Storia di May Piccola Donna
Mondadori 2019
10 righe da pagina 16:

I ragazzini del villaggio quando la vedono passare si danno delle gomitate e ridono piegandosi in due: la bambina di sacco, la chiamano, o pellegrina. Non ci si abituerà mai. Forse è meglio così, è meglio che Martha non la veda com’è ora, che continui a immaginarla com’era prima. Per fortuna c’è la penna, e la carta, e l’inchiostro. Pater può rinunciare a tante cose, ma agli strumenti del suo lavoro, alle armi del suo pensiero proprio no. È l’unico lusso che si concede, e che concede agli altri. E così lei scrive, scrive. Scrivendo può correggere la realtà, farla più bella. È come quando legge, ma anche meglio: perché le storie che leggi sono già tutte lì. Quelle che scrivi invece le fai tu.

inviato il 23/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Beatrice Masini
Milano, 1 aprile 1962

Vittime

immagine copertina
Dorothy Uhnak
Vittime
Tradotto da Annamaria Raffo
Mondadori 1994
10 righe da pagina 42:

Quando era una ragazzina, sua madre le diceva sempre: “Miranda, parla piano, educatamente e senza alzare la voce. Quando parli con le suore a scuola, quando parli con il droghiere, quando parli con quella signora della biblioteca così gentile che ti lascia portare a casa tutti quei libri. Mostra che hai rispetto e capiranno che sei una brava ragazza”. Sua madre era convinta che tutte le persone con cui entrava in contatto fossero nella posizione di concedere o negare qualcosa: cibo, informazioni, opportunità. Niente accadeva direttamente a causa di quanto Miranda stessa aveva fatto, bensì come risultato del modo in cui le persone che contavano valutavano ciò che aveva fatto. In un certo senso, sua madre aveva ragione.

inviato il 18/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Dorothy Uhnak
The Bronx, 24 aprile 1930 – Greenport West, 8 luglio 2006

Neverworld

immagine copertina
Marisha Pessl
Neverworld
Tradotto da Valentina Daniele
Mondadori 2019
10 righe da pagina 92:

Ero sicura che da vecchia, ripensando alla mia giovinezza, avrei ricordato quelle notti, passate seduta sullo stretto davanzale della finestra della torre del caposquadra insieme ad altre cinque persone, davanti al lago blu, decine di metri più sotto. Lì era nata la nostra amicizia. Lì ci eravamo legati gli uni agli altri. C'era qualcosa, nel vedersi su quello sfondo brullo e alieno di roccia, acqua e cielo (per non parlare della cosa proibita e pericolosa che stavamo facendo), che ci rendeva trasparenti, rivelava le domande tacite che ci ponevamo. Sentivamo la vita che ci bruciava, le nostre cicatrici vere come il cielo che ci sferzavano la faccia. Sapevamo che niente sarebbe stato più lo stesso, che la giovinezza era qui ma era già quasi finita, che l'amore era fragile e la morte una realtà.

inviato il 03/04/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Marisha Pessl
26 ottobre 1977, Clarkston, Michigan, Usa

Ballata di ogni donna

immagine copertina
Erica Jong
Ballata di ogni donna
Tradotto da Tilde Riva
Bompiani 1991
10 righe da pagina 283:

Italia. Non c’è niente di questo paese che non mi piaccia: la lingua, in cui tutto suona meglio, da “per favore passami i fagioli”, al posto di “please pass me the beans”, a “ti amo”, al posto di “I love you”. La gente, con la sua umanità, la sua anarchia, la sua eccentricità, eppure con una fede profonda in tutto quello che conta veramente: figli, arte, cibo, famiglia, conversazione, opera, giardinaggio, scarpe. […] Tutto lo stivale dell’Italia (e a me piacciono gli stivali) è lambito da una lingua di mare sensuale. Dai tempi di Roma a oggi, l’Italia è sempre stato un paese di cui ci si innamora, un tributo a tutto ciò che esiste nell’animo umano di durevole, folle, pagano, allegro, malinconico, ora banale ora divino.

inviato il 27/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Vera, per Te un libro incentivo come finalista 10righe nel mese di Aprile, 10righe scelte dalla redazione. Manda i tuoi dati all'indirizzo:
libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Vera sei nella classifica di aprile, 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao Vera sei nella classifica di apriel, 10righe scelte da Voi utenti.

Ciao Paola, sei nella finale di marzo, 10righe scelte dalla redazione.

http://scrivi.10righedailibri.it/ballata-di-ogni-donna -Cari amici dello Staff...ho scelto queste 10 righe,mi piacciono !!!

Erica Jong
Manhattan (USA), 26 marzo 1942

Gli extratererstri torneranno

immagine copertina
Erich von Däniken
Gli extratererstri torneranno
Tradotto da Maria Attardo Magrini
Armenia 1976
10 righe da pagina 33:

Perché le più antiche biblioteche del mondo sono biblioteche segrete? Di che si ha dunque paura? Si teme forse che la verità custodita e celata per millenni venga finalmente a galla? La ricerca e il progresso non si possono fermare. Per 4.000 anni gli egiziani considerarono i loro dei come esseri reali. Anche noi nel medioevo abbiamo ucciso con accanito fanatismo teologico le "streghe". Se quegli uomini di talento che furono gli antichi greci credevano di poter leggere il futuro nello stomaco di un'oca, questa pratica oggi è altrettanto superata quanto la convinzione di certi nostalgici del passato, che credono ancora nel valore del nazionalismo.

inviato il 23/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

ERICH VON DÄNIKEN
Zofingen (Svizzera), 14 aprile 1935

CASE DI VETRO

immagine copertina
LOUISE PENNY
CASE DI VETRO
Tradotto da Letizia Sacchini
Giulio Einaudi Editore 2019
10 righe da pagina 191:

Isabelle Lacoste alzò gli occhi dallo schermo per fissarli su Gamache e Beauvoir. Poi tornò a fissare l'immagine.
- Sembra la morte, - dichiarò in tono neutro, come si trattasse di un dato di fatto.
- Oui, - assentì Gamache. - E' quello che abbiamo pensato anche noi.
La creatura nella foto era potente, minacciosa, ma emanava anche una spece di solennità. Un senso di calma, di certezza. Un destino ineluttabile.
Il contrasto con il mucchietto di stracci riverso nel ripostiglio era impietoso. La prima immagine sembrava la Morte. La seconda lo era.
- Cosa avete fatto? - chiese Lacoste.
Gamache cambiò posizione sulla sedia scomoda. Era la prima volta che gli toccava rispondere a quella semplice domanda, e verosimilmente non sarebbe stata affatto l'ultima.

inviato il 29/03/2019
Nei segnalibri di:

Tu, sanguinosa infanzia

immagine copertina
Michele Mari
Tu, sanguinosa infanzia
Einaudi 2009
10 righe da pagina 44:

Lí, su una panchina, incontri sempre qualche vecchio che ti guarda con rimprovero per il tuo presunto divertimento, tu che non sai nemmeno come si incominci, a divertirsi, da quale stretto pertugio della vita si debba passare, a pensarci bene è una beffa che proprio tu debba irritare quel vecchio ma non per questo non lo capisci, anzi gli sei fin troppo solidale, chi si diverte non dovrebbe mai darlo a vedere a chi non sa, a chi non può, che cosa impudica lo spasso, che cosa ingenerosa, siete giovani e baldi e tanto vi basti, al cospetto di un vecchiettino malinconico rannicchiatevi in voi, rallentate il passo, smungete un poco quel ceffo, atteggiate il sembiante ad un che di pensoso e di austero...

inviato il 26/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie

Grazie! Ho scelto queste righe: http://scrivi.10righedailibri.it/le-menzogne-della-notte-1

Ciao Paola, sei nella finale settimanale di marzo. Scegli da lunedi 1 aprile a domenica 7 aprile, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Michele Mari è nato a Milano il 26 dicembre 1955.

The danisch girl

immagine copertina
David Ebershoff
The danisch girl
Tradotto da Anna Mioni
Giunti 2016
10 righe da pagina 131:

"Ci dirà se c'è qualcosa che non va" gli spiegò allora. "Forse potrebbe anche farle passare quel desiderio." Dal modo in cui sollevava i sopraccigli dietro gli occhiali, si capiva che era orgoglioso di poter disporre di una apparecchiatura così moderna. Parlò dei raggi gamma e delle radiazioni emanate dai sali di radio. "Le radiazioni ionizzanti si stanno rivelando una cura miracolosa per tutto. Funzionano per ulcere, per il cuoi capelluto e quasi sicuramente per l'impotenza" disse. "È la terapia più efficace."
"Cosa mi farà?"
"Le guarderà dentro." E poi, quasi con un'aria offesa, disse: "La curerà".
"Ne ho veramente bisogno?" chiese.

inviato il 24/03/2019
Nei segnalibri di:

L'orma del califfo

immagine copertina
Wilbur Smith
L'orma del califfo
Tradotto da Marisa Castino
Superpocket 1998
10 righe da pagina 20:

Ingrid, prima di proseguire, controllò sull'orologio da polso che fossero trascorsi sessanta secondi. «Prima di tutto permettetemi di presentarmi. Mi chiamo Ingrid. Sono un ufficiale superiore del Commando d'Azione per i Diritti Umani... » Il comandante Watkins atteggiò il labbro a una smorfia di cinismo sentendo quel titolo pomposo e ipocrita, ma rimase in silenzio a fissare la profondità dello spazio stellato illuminato dalla luna. «Questo aereo è passato sotto il mio comando. Per nessuna ragione dovete lasciare i vostri posti senza l'espressa autorizzazione di uno dei miei ufficiali: il mancato rispetto di questo ordine provocherà l'immediata distruzione dell'aereo e di tutte le persone a bordo, a opera di un potente esplosivo. »

inviato il 25/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Wilbur Addison Smith (Broken Hill, 9 gennaio 1933)

I RACCONTI

VIRGINIA WOOLF
I RACCONTI
Tradotto da ADRIANA BOTTINI E FRANCESCADURANTI
BALDINI E CASTOLDI 2000
10 righe da pagina 19:

...eppure che cosa triste il buon senso! Quale enorme rinuncia rappresenta! Ascolta. Tra queste voci segline una. Ecco. "Deve sembrarle così freddo dopo l'India. Sette anni poi. E' tutta questione di abitudine" Questo è buon senso.E consenso, Hanno puntato gli occhi su qualcosa che è visibile a ciascuno di loro. Non cercano piu di fissare lo sguardo sulla piccola scintilla di luce, la piccola ombra viola che potrebbe essere una terra fertile all'orizzonte oppure solo un fugace bagliore sull'acqua.

inviato il 25/03/2019
Nei segnalibri di:

Il manuale dell'inquisitore

immagine copertina
Bernardo Gui
Il manuale dell'inquisitore
Tradotto da M. Torbidoni
Newton 2019
10 righe da pagina 109:

Qualora poi il papa apportasse una qualche modifica alla regola di san Francesco, in particolar modo per quanto riguarda il voto di povertà, o addirittura qualora cancellasse completamente questa regola, i beghini credono che commetterebbe un atto contro il Vangelo di Cristo stesso; inoltre sostengono che nessun frate minore, come anche nessun altro, sarebbe allora tenuto a obbedirgli riguardo ciò, anche se costretto e minacciato di scomunica. A loro dire tale scomunica non sarebbe infatti in nessun modo vincolante proprio perché ingiusta.
Dicono poi che i voti fatti secondo la regola di san Francesco, ossia i voti di castità, povertà e obbedienza non possano essere dispensati dal papa.
Credono inoltre che il papa non possa dispensare nessuno dal voto di povertà fatto a Dio, anche se quel voto non sia stato assunto in modo solenne.

inviato il 25/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Bernardo Gui nato nel 1261 a Royères, Francia

Marcello Simoni nato a Coamcchio (Ferrara) 1975

Resilienti per sempre

immagine copertina
Anna Attolico
Resilienti per sempre
VIVERE LIBERO-Collana libri MIX COSENTINO 2018
10 righe da pagina 198:

Oggi assistiamo ad una perdita delle" buone maniere" nelle nostre comunicazioni e nelle nostre relazioni,i sentimenti vengono urlati,buttati in faccia al mondo.
Pensa alle comunicazioni che leggi a volte su Facebook messaggi spesso anche molto personali che fino a pochi anni fa erano riservati a comunicazioni intime ,oggi possono essere letti da tutti.La riservatezza non esiste più,predomina la trasparenza e la condivisione collettiva.
Voglio quindi concludere con un frammento di un libro,che ritengo di una delicatezza straordinaria,quasi palpabile,come se provenisse da altri tempi.In alcune circostanze bisognerebbe imparare a fare un passo indietro.Smettere di urlare e tornare a sussurrare.
"Le nostre conversazioni serali,
furono sempre gentili senza mai essere amichevoli,
cordiali senza mai essere confidenziali...
Philip Roth

inviato il 25/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Anna Attolico,è nata a Brescia nel 1972,Pedagogista ,progettista ,da 25 anni nell'ambito educativo scrivendo progetti,aprendo servizi per bambini,adolescenti,giovani e famiglie e gestendo corsi formativi per adulti e insegnanti.

L'isola del giorno prima

immagine copertina
Umberto Eco
L'isola del giorno prima
Euroclub 1995
10 righe da pagina 7:

Da quanti giorni vagava sulle onde, legato a una tavola, a faccia in giù di giorno per non essere accecato dal sole, il collo innaturalmente so per evitare di bere, riarso dal salmastro, certamente febbricitante? Le lettere non lo dicono e lasciano pensare a una eternità, ma si dev'essere trattato di due giorni al più, altrimenti non sarebbe sopravvissuto sotto la sferza di Febo (come immaginosamente lamenta) – lui così infermiccio quale si descrive, animale nottivago per naturale difetto.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Umberto Eco (Alessandria, 5 gennaio 1932)

Il Fuggiasco

immagine copertina
Massimo Carlotto
Il Fuggiasco
e/o edizioni 2005
10 righe da pagina 25:

Ancora oggi tengo fede al mio impegno morale, e continuo a dire che la latitanza è uno stato dell'anima, anche se sono convinto che la mia esperienza di latitante possa definirsi in modo più appropriato come una forma di metateatro della sopravvivenza.
Come nella commedia dell'arte, sono stato un volto che ha dato vita a una serie di maschere diverse, caricature di tipologie sociali ben definite, improvvisando giorno per giorno all'interno di un canovaccio che altro non era che l'intreccio tra la mia vicenda processuale e la scelta di sottrarsi alla giustizia. Personaggi scelti, voluti : una rottura con quella parte da telenovela giudiziari che il processo mi aveva cucito addosso prima e dopo la latitanza, l'unica che non abbia mai saputo interpretare. A essa mi sono sempre profondamente ribellato.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Emma, sei nella finale settimanale di marzo.

grazie a Eagledolvis che mi ha fatto ricordare questo autore che apprezzo molto

Massimo Carlotto è nato a Padova il 22 luglio 1956

Resilienti per sempre

immagine copertina
Anna Attolico
Resilienti per sempre
VIVERE LIBERO-Collana libri MIX COSENTINO 2018
10 righe da pagina 187:

3.1-Dare l'esempio
Conta più quello che fai rispetto a ciò che dici.
Se vuoi che tuo figlio apprenda dei valori,vivili tu per primo.
I figli registrano da tutto quello che si vive in famiglia.N mai quei libri on puoi pretendere che tuo figlio legga se a casa tua non ci sono libri,non ti vede mai leggere un quotidiano o non percepisce che la lettura è un vero piacere.Questo significa che se tu leggi non è scontato che tuo figlio diventerà un grande lettore ma comunque assocerà a quell'attività qualcosa di piacevole.E' come creare una grande libreria piena di libri ,con dentro i tuoi valori,le tue passioni ,i tuoi hobby.Forse i nostri figli non apriranno mai quei libri ma sanno dove trovare alcune informazioni.

inviato il 18/03/2019
Nei segnalibri di:

Commenti

Si , certamente ,grazie a tutti!!!

Ciao Natalina, sei nella finale settimanale di marzo. Scegli da lunedì 25 marzo a domenica 31 marzo, 10righe che più ti piacciono, riportando qui nei commenti il link.

Un grande GRAZIE!!!naty

Fatto.

Allo Staff chiedo venia ,la casa Editrice del libro:Resilienti per sempre..è VIVERE LIBERO-Collana libri MIX COSENTINO.Per favore potete correggere,grazie!!!

Anna Attolico- nata a Brescia nel 1972,pedagogista e progettista,lavora da 25 anni nell'ambito educativo scrivendo progetti,aprendo servizi per bambini,adolescenti,giovani e famiglie,collabora in ambito scolastico.

Ai confini della realtà

Ai confini della realtà 1 week 1 giorno fa

Rodman Edward Serling
Syracuse, 25 dicembre 1924 – Rochester, 28 giugno 1975 (USA)

Ragazzi che amano ragazzi

Ragazzi che amano ragazzi 2 settimane 5 giorni fa

Piergiorgio Paterlini
Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia), 17 giugno 1954

La dismissione

La dismissione 3 settimane 3 ore fa

Grazie Staff!
In ritardissimo scelgo le righe di Natalina: http://scrivi.10righedailibri.it/grandi-speranze-17

La dismissione 5 settimane 2 giorni fa

Ermanno Rea
28 luglio 1927, Napoli - 13 settembre 2016, Roma

Mary Terror

Mary Terror 3 settimane 3 ore fa

Robert R. McCammon
Birmingham, 17 luglio 1952 (USA)

Tutto per nulla

Tutto per nulla 16 settimane 4 giorni fa

Walter Kempowski
29 aprile 1929, Rostock (Germania) - 5 ottobre 2007, Circondario di Rotenburg (Germania)

Storia di May Piccola Donna

Storia di May Piccola Donna 17 settimane 2 giorni fa

Beatrice Masini
Milano, 1 aprile 1962

Vittime

Vittime 18 settimane 2 ore fa

Dorothy Uhnak
The Bronx, 24 aprile 1930 – Greenport West, 8 luglio 2006

Neverworld

Neverworld 20 settimane 1 giorno fa

Marisha Pessl
26 ottobre 1977, Clarkston, Michigan, Usa

Ballata di ogni donna

Ballata di ogni donna 21 settimane 1 giorno fa

Erica Jong
Manhattan (USA), 26 marzo 1942

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy