Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Elixx

Canta la gioia

immagine copertina
Gabriele d' Annunzio
Canta la gioia
Garzanti

Canta la gioia! Io voglio cingerti
di tutti i fiori perchè tu celebri
la gioia la gioia la gioia,
questa magnifica donatrice!

Canta l'immensa gioia di vivere,
d'essere forte, d'essere giovine,
di mordere i frutti terrestri
con saldi e bianchi denti voraci,

di por le mani audaci e cupide
su ogni dolce cosa tangibile,
di tendere l'arco su ogni
preda novella che il desìo miri,

e di ascoltar tutte le musiche,
e di guardar con occhi fiammei
il volto divino del mondo
come l'amante guarda l'amata,

e di adorare ogni fuggevole
forma,ogni segno vago, ogni immagine
vanente, ogni grazia caduca,
ogni apparenza ne l'ora breve.

Canta la gioia! Lungi da l'anima
nostra il dolore, veste cinerea.
E' un misero schiavo colui
che del dolore fa sua veste.

A te la gioia, Ospite! Io voglio
vestirti da la più rossa porpora
s'io debba pur tingere il tuo
bisso nel sangue de le mie vene.

Di tutti i fiori io voglio cingerti
trasfigurata perchè tu celebri
la gioia la gioia la gioia,
questa invincibile creatrice!

inviato il 13/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissima :-)

Questa è "Gioia"...

Momenti di trascurabile felicità

immagine copertina
Francesco Piccolo
Momenti di trascurabile felicità
Einaudi 2010
10 righe da pagina 95:

Mia moglie, quando era una ragazza, è stata fidanzata per molto tempo con un ragazzo che si chiama Michele. Per anni, quando raccontava di averlo incontrato, oppure che aveva avuto notizie di Michele, i suoi familiari dicevano sempre: ma chi, Michele nostro?
Quando ci siamo sposati, da quel giorno in poi, quando si parla di Michele, anch' io ho cominciato a dire con una certa soddisfazione: ma chi, Michele nostro?

inviato il 14/11/2012
Nei segnalibri di:

Chiedi alla polvere

immagine copertina
John Fante
Chiedi alla polvere
Tradotto da Maria Giulia Castagnone
Einaudi 2004
10 righe da pagina 3:

Una sera me ne stavo a sedere sul letto della mia stanza d'albergo, a Bunker Hill, nel cuore di Los Angeles. Era un momento importante della mia vita; dovevo prendere una decisione nei confronti dell'albergo. O pagavo o me ne andavo: così diceva il biglietto che la padrona mi aveva infilato sotto la porta. Era un bel problema, degno della massima attenzione. Lo risolsi spegnendo la luce a andandomene a letto.

inviato il 04/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

L' insostenibile leggerezza dell'essere

immagine copertina
Milan Kundera
L' insostenibile leggerezza dell'essere
Tradotto da Giuseppe Dierna (Antonio Barbato)
Adelphi 1989
10 righe da pagina 65:

Quei sogni non erano soltanto eloquenti, erano anche belli. Questo è l' aspetto che è sfuggito a Freud nella sua teoria dei sogni. Il sogno non è soltanto una comunicazione (magari una comunicazione cifrata), ma anche un' attività estetica, un gioco dell' immaginazione, che è di per se' un valore. Il sogno è la prova che immaginare, sognare ciò che non è accaduto, è tra i più profondi bisogni dell' uomo.

inviato il 04/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

adoro questo libro, tra i miei preferiti!! ;)

Il silenzio dell'onda

immagine copertina
Gianrico Carofiglio
Il silenzio dell'onda
Rizzoli 2011
10 righe da pagina 173:

"Fu un errore e lo sapevo benissimo. C' era la frase di uno scrittore - non ricordo chi - che lui amava citare. Più o meno fa così: l' amore è inventare l' altro con tutta la nostra fantasia e con tutte le nostre forze, senza cedere di un millimetro alla realtà. Purtroppo noi avevamo già ceduto parecchi metri alla realtà..."

inviato il 03/11/2012
Nei segnalibri di:

Le ore

immagine copertina
Michael Cunningham
Le ore
Tradotto da Ivan Cotroneo
Bompiani 1998
10 righe da pagina 64:

E' possibile (non è impossibile) che abbia varcato una linea invisibile: la linea che l' ha sempre separata da quello che avrebbe preferito sentire, da chi avrebbe preferito essere. Non è impossibile che sia stata soggetta a una sottile ma profonda trasformazione, qui, in cucina, in questo momento così ordinario. Ha catturato se stessa. Ha lavorato molto a lungo, molto duramente, con grande fiducia, e adesso ha afferrato il trucco per vivere felice, per vivere come se stessa, proprio come un bambino impara in un determinato momento a procedere in equilibrio su una bicicletta a due ruote. Sembra che starà bene. Non si scoraggerà. Non rimpiangerà le possibilità che ha perduto, i suoi talenti inesplorati (e se non ne avesse nessuno, dopo tutto?).

inviato il 28/10/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, bentrovati!

Elisa benvenuta :)

La delicatezza

immagine copertina
David Foenkinos
La delicatezza
Tradotto da A. Bracci Testasecca
Edizioni E/O 2010
10 righe da pagina 42:

C’è un momento, nella felicità, in cui si è soli tra la folla. Ecco, loro erano soli nel turbinio delle canzoni e dei valzer. Dobbiamo girare il più a lungo possibile, diceva lui, girare fino a non sapere più dove stiamo andando. Lei non pensava più a niente. Per la prima volta viveva la vita nella sua densità unica e totalitaria: quella del presente.

inviato il 19/07/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

versione digitale (pdf)

La delicatezza

immagine copertina
David Foenkinos
La delicatezza
Tradotto da A. Bracci Testasecca
Edizioni E/O 2010
10 righe da pagina 354:

Non c’era altro da dire.
Il nostro orologio corporeo è irrazionale, è esattamente come una sofferenza d’amore: non si sa quando passerà.
Nei momenti di dolore acuto si tende a pensare che la ferita rimarrà sempre aperta. Poi, un mattino, ci si stupisce di non sentire più quel peso terribile, si constata con sorpresa che il malessere è sparito.

inviato il 19/07/2013
Nei segnalibri di:

Le pagine della nostra vita

immagine copertina
Nicholas Spark
Le pagine della nostra vita
Tradotto da Lisa Morpurgo
Frassinelli 1996
10 righe da pagina 10:

La mia vita? Difficile definirla.non è stata il trionfo spettacolare che avevo immaginato, ma non sono nemmeno rimasto sepolto in un buco come una talpa.Potrei fare un paragone con un portafoglio di Bluechips. titoli di Borsa solidi,tendenti più al rialzo che al ribasso e che si valorizzano gradualmente nel corso degli anni.un buon investimento fortunato, e ho imparato che non tutti possono dire altrettanto della loro vita.ma non fraintendetemi.Non sono nulla di speciale, su questo punto non ho dubbi, un uomo come tanti che la pensa come tanti e ha vissuto come tanti.Non mi hanno dedicato monumenti e il mio nome sarà presto dimenticato, ma ho amato qualcuno con tutto il mio cuore e con tutta la mia anima, e lo considero un dono che mi ha colmato.

inviato il 19/07/2013
Nei segnalibri di:

Il pendolo di Foucault

immagine copertina
Umberto Eco
Il pendolo di Foucault
Bompiani 2005
10 righe da pagina 398:

Qualsiasi dato diventa importante se è connesso a un altro. La connessione cambia la prospettiva. Induce a pensare che ogni parvenza del mondo, ogni voce, ogni parola scritta o detta non abbia il senso che appare, ma ci parli di un Segreto. Il criterio è semplice: sospettare, sospettare sempre.

inviato il 26/03/2013
Nei segnalibri di:

La piramide del caffè

immagine copertina
Nicola Lecca
La piramide del caffè
Mondadori 2013
10 righe da pagina 40:

Gli piace molto la macchina del caffè: gli piacciono gli odori che sprigiona e il fatto che sia sempre tiepida e borbottante contro il gelo londinese. Gli piace soprattutto montare la schiuma del latte. Ormai ha imparato a farlo proprio bene, ma è stato difficile: c'è voluto molto tempo. Il suo istruttore - un ragazzo napoletano - gli ha detto mille volte che il segreto sta tutto nell'esperienza e nella pratica. E che, come dice Amanda Sandrelli a Massimo Troisi, per poter riuscire bene bisogna "provare, provare, provare..."

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Lo sto leggendo in questi giorni. Sai che mi ricorda un po' Grossman?

Come è? Mi interessa

Storia della filosofia medioevale

immagine copertina
Luciano De Crescenzo
Storia della filosofia medioevale
MONDADORI 2003
10 righe da pagina 27:

Quando ero ragazzo l'Inter non si chiamava Inter ma Ambrosiana e aveva come santo protettore Sant'Ambrogio. Ogni volta che l'Ambrosiana incontrava il Napoli lo batteva irrimediabilmente, e io, se non altro per questo, la odiavo con tutte le mie forze, e insieme alla squadra odiavo anche il suo protettore. Poi, studiando filosofia, conobbi meglio il pensatore e cominciai ad apprezzarlo, soprattutto per quello che disse dell'amicizia."L'amicizia è il sentimento più bello che un uomo possa provare. Amicizia significa avere una persona vicina con cui dividere le gioie e i dolori della vita e con cui confidarsi nei momenti in cui si viene presi dalla tristezza".

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

La libreria del Buon Romanzo

immagine copertina
Laurence Cossé
La libreria del Buon Romanzo
e/o
10 righe da pagina 144:

La letteratura è fonte di piacere, diceva, è una delle rare gioie inestinguibili e non solo. Non deve essere separata dalla realtà. Nella letteratura c'è tutto. E' il motivo per cui non uso mai la parola finzione. La materia dei libri è costituita dalle sottigliezza della vita.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Le relazioni pericolose

immagine copertina
P.-A.-F. Choderlos de Laclos
Le relazioni pericolose
Tradotto da Cinzia Bigliosi Franck
Feltrinelli 2007
10 righe da pagina 186:

Cominciavo ad annoiarmi dei miei svaghi rustici, troppo poco vari per la mia testa in attività; sentivo un bisogno di civetteria che mi riconciliò con l'amore, non per provarlo, in realtà, ma per ispirarlo e fingerlo. Invano mi avevano detto e avevo letto che non si può fingere questo sentimento; eppure, vedevo che, per riuscirci, bastava unire la fantasia di un autore al talento di un attore. Mi esercitai nei due generi, forse con qualche successo, ma invece di ricercare i vani applausi del teatro, decisi di sfruttare per la mia felicità ciò che tanti altri sacrificano alla vanità.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

anche il film non è male :D

Un libro che adoro! :D

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Warm Bodies

immagine copertina
Isaac Marion
Warm Bodies
Fazi
10 righe da pagina 2:

Il mio amico "M" dice che uno dei paradossi dell'essere uno zombie è che è tutto buffo, ma non puoi ridere, perché le labbra si sono putrefatte.
Nessuno di noi è particolarmente attraente, ma la morte è stata più che gentile con me. Sono ancora ai primi stati di decomposizione. Solo la pelle grigia, un odore sgradevole, cerchi neri sotto gli occhi.
Qualcuno potrebbe anche scambiarmi per un vivo po' stressato.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Chiedi alla polvere

Chiedi alla polvere 5 years 40 settimane fa

Le ore

Le ore 5 years 41 settimane fa

Grazie, bentrovati!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy