Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di benedettochiatti

La Profe. Diario di un insegnante con gli anfibi

immagine copertina
Antonella Landi
La Profe. Diario di un insegnante con gli anfibi
A. MONDADORI 2007
10 righe da pagina 10:

Nella scuola superiore privata di recupero (e ho detto tutto) in cui entrai per la prima volta (una generosa decade fa) come insegnante, quel puzzino c'era, e mi inebriò. Un po' meno m'inebriarono I venti selvaggi diciottenni che quella mattina mi accolsero con un becero coro da stadio. Sul primo momento mi paralizzarono. Vedere e sentire una calca carnosa di bocche spalancate che bercia "olléllé ollàllà fàccela vedè fàccela toccà" non piacerebbe a nessuno e infatti non piacque molto nemmeno a me. Però non mi sento di condannarlo. Essi mi spinsero a reagire immantinente, a estrarre un paio di attributi sferici che non sospettavo di avere e a dettare subito tre titoli per un tema in classe. Fui furba, va detto. Anche fortunata, ne convengo. Capirono subito che con me non si scherzava. Il fatto Incredibile è che lo capii anch'io, per la

inviato il 30/09/2018
Nei segnalibri di:

Una mamma da sposare

immagine copertina
Olivia Goldsmith
Una mamma da sposare
Tradotto da Grazia Alineri
Club su licenza Sperling & Kupfer 2000
10 righe da pagina 88:

"Mamma! Hai promesso che avresti tentato. Non l'hai neppure conosciuto."
"Non ho bisogno di farlo."
"La seconda scelta sarebbe John Glendon Stanford. Ha ottantotto anni. Ma non sono riuscita a trovare una sua fotografia", spiegò Sharon.
"Sarebbe perfetto. Un piede nella tomba e l'altro su una buccia di banana. Possiamo immaginare come sia", fece Bruce, dalla soglia. Lui e Todd erano arrivati portandosi dietro trucco, asciugacapelli, spazzole e Dio solo sa cos'altro. Avevano intenzione di fare una prova.
Sharon ignorò il fratello. "Ultimo ma no da meno e Robert Himmelfarb. E' più giovane di Stanford ma il suo patrimonio netto è inferiore."
"Be', se proprio devo..." cominciò Phyllis.
"Ci vuoi vedere sistemati?" la interruppe Bruce. "Io ho bisogno della presenza di un padre."

inviato il 24/02/2016
Nei segnalibri di:

L'eretico di Soana

immagine copertina
Gerhart Hauptmann
L'eretico di Soana
Club degli Editori su licenza Mondadori 1967
10 righe da pagina 126:

Nel suo sentito abbandono pregò Dio di non esporlo agli assalti del demonio. Sentiva benissimo – confessò – che lo attaccavano in tutti i modi, sia mettendolo in angustie, sia portandolo oltre i suoi limiti salutari e mortificandolo in maniera paurosa. “Ero un giardino accuratamente coltivato” disse a Dio “ma ora è affondato in un diluvio che monta e monta, forse per influsso dei pianeti, e mi sballotta in breve scafo sui flutti senza rive. Prima conoscevo bene la mia strada: era quella che la santa Chiesa prescrive ai suoi ministri. Ora sono più sospinto che sicuro della vita e della meta.

inviato il 25/02/2016
Nei segnalibri di:

La virtù femminile

immagine copertina
Haumi Setouchi
La virtù femminile
Tradotto da Lydia Origlia
BEAT Biblioteca Editori Associati 2014
10 righe da pagina 14:

"Ecco la Pura Terra dell'Occidente, il luogo dove tramonta il sole. Anche noi un giorno rinasceremo là, senza più alcuna angoscia"

inviato il 01/07/2014
Nei segnalibri di:

Il giovane Törless

immagine copertina
Robert Musil
Il giovane Törless
Tradotto da Andrea Landolfi
Newton Compton 1995
10 righe da pagina 34:

In realtà, con la lettura aveva un rapporto del tutto particolare. Da buon ufficiale di cavalleria non amava affatto i libri in generale. Disprezzava tanto i romanzi quanto la filosofia. Leggendo non voleva dover riflettere su opinioni o controversie, ma, piuttosto, già nell’atto di aprire un libro, entrare, come per una porta segreta, nel mezzo di raffinate conoscenze. Dovevano essere libri il cui solo possesso già fosse una sorta di segreto segno distintivo, come una garanzia di ultraterrene rivelazioni. E tali erano per lui i libri di filosofia indiana, che ai suoi occhi apparivano non come semplici libri, ma come rivelazioni, come realtà: opere a chiave, come i libri di alchimia e di magia del Medioevo.

inviato il 02/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie ed auguri a Musil, scorpione come me :)

Vera abbiamo scelto le tue 10 righe per Compleanni d'autore : )
http://scrivi.10righedailibri.it/nato-il-6-novembre-robert-musil

Grazie! :)

Ciao Vera, sei nella classifica di luglio dieci righe scelte dalla redazione... Complimenti e Buone Letture :)

7 POETI DEL PREMIO MONTALE. ROMA 1986

immagine copertina
7 POETI
7 POETI DEL PREMIO MONTALE. ROMA 1986
Tradotto da Prefazione di Maria Luisa Spaziani
ALL’INSEGNA DEL PESCE D’ORO, Milano 1987
10 righe da pagina 21:

Duole più che alla mente
alla carne (a questa nubecola rossa
di cui l’anima
è la luce vivida del lampo),
l’ingiuria dell’assenza.
Non definisce le soste
della navigazione nelle vene,
l’esodo dei rimpianti.
E cosa ne sarà
delle parole in ostaggio
che celano scoppi di risa… ?
[…]
E poi è inevitabile:
quel lupo famelico
che mi vive dentro
(patologia della libidine)
si perde ogni tanto.
Ovviamente attratto dal gregge,
per questo prevedibile,
s'attarda a spiare la pianura,
i cieli mutevoli,
le sue unghie sporche
di terra nutre l'attesa.

inviato il 04/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

http://youtu.be/k022p_VPUbM

Bei versi!

Luigi Amendola

Strepitosa Juve

immagine copertina
Roberto Savino
Strepitosa Juve
Ultra (collana Ultra sport) 2014

"Tre minuti per batterlo e poi, sempre lui, Andreino Pirlo, il pittore rinascimentale del 1400, quasi 1500, spolvera l'incrocio con un destro dorato, con palla incastonata sul palo più lontano di una porta illuminata come una cornice, per un dipinto che sfratta l'Incredulità di San Tommaso dagli Uffizi..." STREPITOSA JUVE, Fiorentina- Juventus 0-1

inviato il 16/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Te lo manderò a parte quello con la maglietta ahahhahahah :D

Grazie mille " EROINA" l' importante è che il libro non sia intitolato Forza Milan, ahahahaha

Ciao Alessandra, ti regalo il mio libro incentivo... Ps: una milanista che regala un libro a una Juventina con 10 righe intitolato"Strepitosa Juve" devi ammetterlo... Fa di me "un Eroina" ahahhaha :D Ciao Ale :)

Grazie mille a tutti per i segnalibri che ci hanno permesso di andare in finale con questo bellissimo libro. Grazie a Roberto Savino per averlo scritto e allo staff di 10 righe dai libri per averci mandato in finale...adesso da buoni juventini speriamo anche di vincere ;-)

Ciao Alessandra sei in finale con le 10 righe scelte dalla redazione... Buone letture :D

Grazie Alessandra, grazie di cuore a tutti,

Segnalibro meritatissimo a questo strepitoso libro di Roberto Savino. Per sempre Juventus.

Segnalibrato Roberto, con immenso piacere.

Forza Juve sempre, grazie Roberto per i tuoi libri sempre speciali.

Di libri sulla Juve ne son stati scritti tanti, ed in tanti hanno descritto gioie,dolori, e hanno cercato di esprimere la passione che questa squadra ha sempre trasmesso ai suoi tifosi! Questo libro non e' mai ne noioso ne banale....leggendolo ti sembra che ti catapulta in unanuova dimensione dove rivivi tutta un incredibile stagione.....dovei record sono stati abbattuti.....scritto con parole semplici bello in tutto e pertutto! ottime le schede per ciascun giocatore......in poche parole un Gran Bel libro! Complimenti Robeto!

Epigrammi

immagine copertina
Marco Valerio Marziale
Epigrammi
Tradotto da Guglielmo Zappacosta
Armando Curcio Editore 1967
10 righe da pagina 273:

A te padre Frontone, a te madre Flaccilla, raccomando questa piccina, delizia di tutti i miei baci. Non abbia paura la piccola Erotion delle nere ombre, né della mostruosa bocca del tartareo cane. Stava proprio ora per compiere il suo sesto inverno: appena sei giorni di più bastava che vivesse. Giochi scherzosa in mezzo a voi, suoi vecchi protettori, e balbetti, con la sua lingua impacciata, il mio nome. Una zolla troppo dura non ricopra le sue ossa, e tu, terra, non esserle grave: neppur lei lo fu per te.

inviato il 07/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Una delle più delicate poesie di tutti i tempi dedicata a una bimba morta prematuramente. Quanta umanità in un poeta abitualmente tanto sboccato!

Alzaia

immagine copertina
Erri De Luca
Alzaia
super ue feltrinelli 2004
10 righe da pagina 34:

" O siate men soave o ingrandite il mio cuore". La frase viene dall'estasi di Santa Caterina rivolta a Gesù. Le più ardenti frasi d'amore non sono state scritte dai poeti, ma i mistici, da coloro che non avevano alcun oggetto terreno al centro dell'impeto. I santi e di più le sante hanno scritto deliri di adorazione che nessun innamorato ha potuto mai rasentare. In quei casi l'essere umano dimostra di possedere risorse di energia spirituale che sovrastano la materia e riducono il corpo a una zavorra, a un'appendice inerte. Il cuore sente di non reggere la piena, perchè infondo non è che una vescica. Ci si innamora al di sotto del grado d'intensità di questa estasi, ma sentendo la stessa insufficienza a contenere in petto l'enormità dell'emozione.

inviato il 07/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE Violet Hill, il mio primo libro incentivo Buona giornata e mille grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee ^_^

Ciao Dafne D. la settimana scorsa ho vinto il libro incentivo e mi hanno chiesto di scegliere le 10 righe di questa settimana. Ho scelto le tue. Per ricevere il libro incentivo manda un'email con i tuoi dati all'indirizzo libroincentivo@10righedailibri.it

Ossi di seppia

immagine copertina
Eugenio Montale
Ossi di seppia
A. MONDADORI 1948
10 righe da pagina 43:

Ripenso il tuo sorriso, ed è per me un'acqua limpida
scorta per avventura tra le petraie d'un greto,
esiguo specchio in cui guardi un'ellera i suoi corimbi;
e su tutto l'abbraccio d'un bianco cielo quieto.
Codesto è il mio ricordo; non saprei dire, o lontano,
se dal tuo volto s'esprime libera un'anima ingenua,
o vero tu sei dei raminghi che il male del mondo estenua
e recano il loro soffrire con sè come un talismano.
Ma questo posso dirti, che la tua pensata effigie
sommerge i crucci estrosi in un'ondata di calma,
e che il tuo aspetto s'insinua nella mia memoria grigia
schietto come la cima d'una giovinetta palma...

inviato il 07/12/2012
Nei segnalibri di:

E. A. Poe

immagine copertina
Jacques Cabau
E. A. Poe
Tradotto da Giulia Veronesi
Arnoldo Mondadori Editore 1961
10 righe da pagina 167:

PER ANNIE
Grazie al cielo! Passato è il pericolo, terminato il lungo malessere, e vinta infine è la febbre chiamata vivere.
Tristemente, so che ho perduto ogni forza, so che non muovo più un muscolo, io che qui giaccio disteso. Che importa, alla fine sto meglio così.
Sì, tranquillo rimango ora a letto, che vedendomi potrebbero immaginar ch'io sia morto, e trasalire potrebbero, credendomi morto.
Gemiti e lamenti, sospiri e singhiozzi, tutto si è adesso calmato, anche quel battito orribile del cuore, ah!, quell'orribile, orribile battito.
Malessere, nausea, e il dolore spietato, cessati con la febbre che mi bruciava il cervello, con la febbre chiamata vivere, che nel mio cervello ardeva.

inviato il 07/12/2012
Nei segnalibri di:

Strepitosa Juve

Strepitosa Juve 5 years 4 settimane fa

Forza Juve sempre, grazie Roberto per i tuoi libri sempre speciali.

Il vangelo segreto – La verità della Milano perduta

Il vangelo segreto – La verità della Milano perduta 6 years 39 settimane fa

Scusa tesoro, ho provato ad iscrivermi ieri ma non sono riuscito ma alla fine ecco il tuo segnalibro.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy