Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Laracroftit

Il Regno dei Lupi - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

immagine copertina
George R. R. Martin
Il Regno dei Lupi - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco
Tradotto da Sergio Altieri
Arnoldo Mondadore Editore 2001
10 righe da pagina 428:

I Dothraki saccheggiavano città e depredavano regni, ma in realtà non dominavano nulla. Daenerys non aveva alcuna intenzione di tramutare Approdo del Re in un ammasso di macerie annerite, ennesimo ricettacolo di fantasmi inquieti. Troppo a lungo le lacrime avevano riempito il suo universo. "Voglio che il mio regno sia bello, voglio che sia abitato da uomini floridi e da delicate fanciulle e da bambini felici. Voglio che le mie genti sorridano quando mi vedono cavalcare tra loro, nello stesso modo in cui Viserys diceva che sorridevano per mio padre."
Ma prima di potere fare tutto questo doveva conquistare.

inviato il 06/02/2015
Nei segnalibri di:

Il Trono di Spade - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

immagine copertina
George R.R. Martin
Il Trono di Spade - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco
Tradotto da Sergio Altieri
Oscar Mondadori 2013
10 righe da pagina 22:

Nelle vene degli Stark scorre il sangue dei Primi Uomini. E noi Stark crediamo ancora che chi pronuncia la sentenza debba essere anche colui che cala la spada. L'uomo che toglie la vita a un altro uomo ha il dovere di guardarlo negli occhi e di ascoltare le sue ultime parole. Se il giustiziere non riesce ad affrontare questo, allora forse il condannato non merita la morte. Un giorno, Bran, tu sarai l'alfiere di Robb. Avrai un tuo castello che comanderai nel nome di tuo fratello e del tuo re e avrai su di te anche il fardello della giustizia, dal quale non dovrai trarre alcun godimento, ma al quale non dovrai neppure sottrarti. Un sovrano che si nasconde dietro un boia fa in fretta a dimenticare che cos'è la morte.

inviato il 08/07/2014
Nei segnalibri di:

Alice nel Paese delle Meraviglie

immagine copertina
Lewis Carroll
Alice nel Paese delle Meraviglie
Tradotto da Elda Bossi
Giunti Demetra 2007
10 righe da pagina 66:

-Micino Paraguay- cominciò, piuttosto timidamente perché non era affatto certa che quel nome gli piacesse (comunque il Gatto si limitò a ghignare un po' di più e Alice interpretò il fatto come un'espressione di compiacimento) -mi potrebbe dire, per favore, che strada devo prendere per uscire di qui?
-Dipende in buona parte da dove lei vuole andare- rispose il Gatto.
-Qua o là, non ha grande importanza per me...
-E allora, non ha importanza per lei prendere una strada o l'altra.
-...purchè arrivi in qualche posto- soggiunse Alice a modo di spiegazione.
-Oh, in quanto a questo, può essere sicura di riuscire: non ha che da cominciare.

inviato il 26/06/2014
Nei segnalibri di:

Dance Dance Dance

immagine copertina
Haruki Murakami
Dance Dance Dance
Tradotto da Giorgio Amitrano
Einaudi Super ET 2013
10 righe da pagina 110:

- Danzare, -r ispose. - Continuare a danzare, finchè ci sarà musica. Capisci quello che ti sto dicendo? Devi danzare. Danzare senza mai fermarti. Non devi chiederti perchè. Non devi pensare a cosa significa. Il significato non importa, non c'entra. Se ti metti a pensare a queste cose, i tuoi piedi si bloccheranno. E una volta che si saranno bloccati, io non potrò più fare niente per te. Tutti i tuoi collegamenti si interromperanno. Finiranno per sempre. E tu potrai vivere solo in questo mondo. Ne sarai progressivamente risucchiato. Perciò i tuoi piedi non dovranno mai fermarsi. Anche se quello che fai può sembrarti stupido, non pensarci. Un passo dopo l'altro, continua a danzare.

inviato il 14/05/2014
Nei segnalibri di:

Il mercante di lana

immagine copertina
Valeria Montaldi
Il mercante di lana
PIEMME POCKET 2004
10 righe da pagina 165:

" [...] Tutte queste ricchezze a cosa servono? Il rispetto degli altri non si guadagna con lo sfarzo, ma con l'integrità del comportamento. L'ho capito troppo tardi. Ti aiuterò, Leonhardt, cercherò di parlare a Hermann, anche se dubito che capirà. In ogni caso, tu non andrai a Praborno: resterai qui con Sibilla e mi sarai vicino, se Dio vorrà, quando lui mi chiamerà al suo cospetto". Non sapevo più cosa dire, ero sbalordito, non avevo mai sentito mia madre parlare così. Lei mi ha congedato con una carezza e un bacio. Mi sono sentito strano, come se fossi tornato quel bambino che ero stato, desideroso di tenerezze materne mai ricevute.

inviato il 23/04/2014
Nei segnalibri di:

Dance Dance Dance

immagine copertina
Haruki Murakami
Dance Dance Dance
Tradotto da Giorgio Amitrano
Einaudi Super ET 2013
10 righe da pagina 8:

Guardo le gocce di pioggia e rifletto. Non so bene neanch'io cosa voglia dire far parte di qualcosa, nè avere qualcuno che piange per me. Sembrano cose lontane, irreali. Che accadono sulla luna. Del resto, sto parlando di un sogno. Ho la sensazione che per quanto possa allungare le braccia, per quanto veloce possa correre, non lo raggiungerò mai.
E poi perchè qualcuno dovrebbe piangere per me?
Comunque, quello che so è che lei mi sta cercando. In qualche angolo di quell'albergo. E anch'io, in qualche angolo dentro di me, voglio esserne avvolto di nuovo. Far parte ancora una volta di quel posto sinistro e fatale.

inviato il 19/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

l'avevo già fatto,mettendo il link di questa pagina..la rimando?

Ciao Laura manda un'email a libroincentivo@10righedailibri.it per la conferma ;) Grazie

Salve Staff,mi confermate per il libro incentivo? non so se ho fatto tutto giusto :)

grazie mille Naty!! Ho visto solo ora,spero che tutti voi abbiate passato una serena Pasqua e Pasquetta!! :)

Buongiorno Lara ,le tue 10righe del libro Dance,Dance,Dance, sono state da me scelte, perché mi hanno colpito particolarmente, ed inoltre anche tu appartieni a questo spazio edificante, felice Pasquetta a te e tutti, invia la mail a libroincentivo ,io ho già scritto, Naty

La Metamorfosi

immagine copertina
Franz Kafka
La Metamorfosi
Tradotto da Luigi Coppé
Newton Compton 2013
10 righe da pagina 42:

La grave ferita di Gregor che lo fece soffrire per oltre un mese - la mela rimase conficcata nella carne, quale visibile ricordo, perchè nessuno se la sentiva di estrarla - rammentò persino al padre che Gregor era un membro della famiglia, nonostante il suo attuale aspetto squallido e disgustoso, e quindi non era giusto trattarlo come un nemico, il dovere familiare imponeva di soffocare la ripugnanza e sopportare, null'altro che sopportare.

inviato il 22/03/2014
Nei segnalibri di:

La ragazza delle arance

immagine copertina
Jostein Gaarder
La ragazza delle arance
Tradotto da Lucia Barni
Casa editrice TEA 2004
10 righe da pagina 33:

L'ultima cosa che ricordo di quel funesto viaggio in tram è l'immagine seguente: sono in piedi con le braccia piene di arance, ne ho messe due anche nelle tasche dei pantaloni, e, non appena mi ritrovo di fronte alla ragazza con la giacca a vento arancione, lei mi guarda negli occhi e dice pungente: "Cretino!". Mi stava rimproverando, non c'è dubbio, ma poi ritrova un po' del suo buonumore e dice con un tono per metà conciliatore, per metà derisorio: "Posso prendere un'arancia?"

inviato il 10/03/2014
Nei segnalibri di:

Le cronache del ghiaccio e del fuoco-Il trono di spade

immagine copertina
George R.R. Martin
Le cronache del ghiaccio e del fuoco-Il trono di spade
Tradotto da Sergio Altieri
Oscar Mondadori 1996
10 righe da pagina 58:

C'erano volte, non molte ma c'erano, in cui Jon Snow era felice di essere un bastardo. Prese al volo una caraffa e si riempì di nuovo la coppa fino all'orlo: questa era proprio una di quelle volte. Tornò a sedersi sulla panca assieme agli altri giovani signorotti di campagna e bevve. Il gusto del vino dell'estate, dolce, carico dell'aroma della frutta, gli si diffuse in bocca, portandogli il sorriso sulle labbra.
Nella sala grande del castello di Grande Inverno l'atmosfera era caliginosa per il fumo, saturadell'odore della carne arrostita e del pane appena sfornato. Le alte pareti di pietra grigia erano adornate di stendardi, un caleidoscopio di bianco, azzurro e oro: il meta-lupo degli Stark, il leone dei Lannister, il cervo incoronato dei Baratheon.

inviato il 06/03/2014
Nei segnalibri di:

Cime Tempestose

immagine copertina
Emily Brontë
Cime Tempestose
Tradotto da Gemma De Sanctis
Biblioteca Ideale Giunti 2005
10 righe da pagina 70:

Un ventaccio infuriava attorno alla casa e s'infilava ruggendo nella cappa del camino; era selvaggio e tempestoso, ma non freddo, e noi eravamo tutti insieme: io sferruzzavo un po' discosta dal fuoco; Joseph leggeva la Bibbia vicino al tavolo (perchè in genere all'epoca i domestici, una volta terminato il lavoro, si univano alla famiglia); la signorina Cathy, che era stata poco bene ed era perciò più tranquilla del solito, era appoggiata alle ginocchia del padre; Heathcliff stava disteso sul pavimento con la testa sulle ginocchia di lei.

inviato il 01/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie!! :) mi fa sempre venire in mente la canzone di Kate Bush

Qualcosa di romantico fa sempre bene. Bella scelta Lara!

Il vile villaggio

immagine copertina
Lemony Snicket
Il vile villaggio
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 7:

Non importa chi siete, dove vivete o quante persone vi danno la caccia: quello che non leggete è spesso altrettanto importante di quello che leggete. Per esempio, se state passeggiando sui monti e non leggete il cartello che dice 'Attenti al precipizio' perché siete troppo occupati con un libro di barzellette, potreste ritrovarvi a camminare nell'aria invece che su un solido letto di rocce. Se state preparando una torta per i vostri amici e leggete un articolo su 'Come si costruiscono le sedie' invece di un libro di cucina, la vostra torta probabilmente saprà di legno e chiodi più che di pasta frolla e ripieno alla frutta.

inviato il 02/03/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff :)

Lemony Snicket è uno pseudonimo usato dall'autore Daniel Handler nei suoi libri per bambini. Daniel Handler (San Francisco , 28 febbraio 1970).

L'ascensore ansiogeno

immagine copertina
Lemony Snicket
L'ascensore ansiogeno
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 7:

Il libro che tenete fra le mani in questo momento (ammesso che sia proprio questo libro e che invece di tenerlo in mano non l'abbiate appoggiato al tavolo) è uno dei due libri al mondo che vi possono spiegare la differenza tra la parola 'teso' e la parola 'ansioso'. L'altro libro ovviamente è il dizionario, e se fossi in voi leggerei piuttosto quello. Anche il dizionario vi dirà che la parola 'teso' significa 'preoccupato per qualcosa'. Per esempio, potreste essere tesi se sapeste che per dessert c'è gelato alle prugne secche, perché potrebbe essere disgustoso; laddove la parola 'ansioso' significa 'col cuore stretto da una grande ansia', che
è come potreste sentirvi se per dessert vi venisse servito un alligatore vivo, poiché in quel caso la grande ansia deriverebbe dal dubbio se sarete voi a mangiare il dessert o lui a mangiare voi.

inviato il 25/02/2015
Nei segnalibri di:

Il libro delle streghe

immagine copertina
Joyce Lussu
Il libro delle streghe
Gwynplaine 2011
10 righe da pagina 18:

Di queste intersezioni l'immagine della strega annota le novità: quello che spesso nelle iconografie delle donne sagge (e già questo appellativo è indicativo), è che spesso sono ritratte mentre consultano libri, anche alchemici. Qualcosa di straordinario, se pensiamo alla vulgata che ce le racconta come analfabete e contadine, ma comunque nell'immaginario maschile che la strega sappia leggere o no, non è importante: la mostruosità è che abbia l'ardire di farlo.

inviato il 19/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Joyce Lussu (Firenze, 8 maggio 1912 – Roma, 4 novembre 1998)

l'anima e la danza

immagine copertina
Paul Valéry
l'anima e la danza
Tradotto da A. Delfino
Mimesis (collana Eterotopie) 2014
10 righe da pagina 42:

Come si chiama: noia di vivere? Intendo, sappiatelo bene, no la noia passeggera, non quella per fatica, o la noia di cui si conosce il genere e di cui si sanno i confini, ma quella noia perfetta, quella noia pura, quella noia che non ha altra sostanza che la vita stessa, e altra causa seconda che la chiaroveggenza del vivente. Questa noia assoluta non è in sè che la vita nella sua nudità, quando si contempla chiaramente.

inviato il 24/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie...

Ciao Barbara, le tue 10righe sono nella finale di febbraio, ricordati di comunicarci le 10righe che più ti piacciono a partire da domenica 1marzo a domenica 8marzo. Grazie :)

Ambroise Paul Toussaint Jules Valéry (Sète , 30 ottobre 1871 – Parigi , 20 luglio 1945)

Una serie di sfortunati eventi – La stanza delle serpi

immagine copertina
Lemony Snicket
Una serie di sfortunati eventi – La stanza delle serpi
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 32:

« Ma certo » disse lo zio Monty. « Non si possono studiare i serpenti per quarant'anni senza incontrarne qualcuno pericoloso. Ho una vetrina piena di campioni di veleno di ogni serpente velenoso conosciuto, così posso studiare il modo in cui funzionano. In questa stanza c'è un serpente il cui veleno è talmente letale che il tuo cuore smetterebbe di funzionare ancora prima di accorgerti del morso. Ce n'è un altro che può aprire la bocca talmente tanto da inghiottirci tutti quanti in un colpo solo. Ci sono un paio di serpenti che hanno imparato a guidare la macchina in modo talmente pazzo che potrebbero investirvi per la strada senza nemmeno fermarsi a chiedere scusa.

inviato il 09/02/2015
Nei segnalibri di:

22/11/'63

immagine copertina
Stephen King
22/11/'63
Tradotto da Wu Ming 1
Sperling & Kupfer 2011
10 righe da pagina 162:

Bevy-Bevy è meglio che ti levi si era detta certa che a Derry i brutti tempi non finissero mai del tutto, e più mi addentravo in quella realtà, più cose percepivo, più mi convincevo che fosse una bambina saggia. Perché Derry non era come gli altri posti. Derry era sbagliata. Al principio provai a dirmi che dipendeva da me, non dalla città: ero un uomo fuori posto, un nomade del tempo, e qualunque luogo mi sarebbe parso un po' strano e sbilenco, come certe città che somigliano a brutti sogni negli strani romanzi di Paul Bowles. All'inizio era convicente, ma col trascorrere dei giorni e grazie alla continua esplorazione del mio nuovo ambiente, lo fu sempre meno. Iniziai persino a dubitare di quel che aveva detto Beverly Marsh, e cioè che il peggio era passato.

inviato il 09/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Francesco, proclamiamo noi dello Staff. Grazie :)

Ciao Francesco, puoi comunicarci il finalista, così proclamiamo... Grazie :)

Ciao Francesco sei nella classifica settimanale di febbraio... Ricordati di scrivere qui nei commenti riportando il link della pagina, le tue 10righe preferite che verranno postate da lunedì 16 a domenica 22 febbraio. Grazie :)

Risoluzione 23

immagine copertina
Efe Tobunko
Risoluzione 23
Future Fiction
10 righe da pagina 5:

"Il nodo d’informazione che attraversai era un paesaggio di dati in leggero sommovimento. Galleggiai per poi tuffarmi nel codice, fondendomi con vari flussi di coscienza e collegandomi a snodi casuali solo per il gusto di vedere dove le informazioni mi avrebbero portato.
È come fare surf su una serie infinita di onde, solo in quattro dimensioni e sott’acqua; oppure è come ritrovarsi in caduta libera tra le stelle nel nucleo surriscaldato di una galassia, stelle che sono a loro volta vive e in moto cosciente, e che permettono alle loro forze gravitazionali, concorrenti e complementari, di mandarti in qualsiasi direzione vogliano. Ma non è proprio così. Le parole non possono descrivere la sensazione, motivo per cui la maggior parte dei cittadini ama visualizzare.
L’interfaccia può essere qualsiasi cosa si desideri e in tanti la rendono una versione iper-reale del mondo. Vedono server a forma di edifici, e più dati contengono, più è grande l’edificio."

inviato il 11/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

:)

Benvenuto/a Future F. : )

La funesta finestra

immagine copertina
Lemony Snicket
La funesta finestra
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 37:

C'è un modo di ragionare che si chiama 'vedere le cose in prospettiva' e funziona così: quando vi capita un guaio, per non prendervela troppo, confrontatelo con altri guai che vi sono capitati, o che potrebbero capitare ora o in futuro a voi o ad altri. Per esempio, mettiamo, vi è spuntato sul naso un foruncolo veramente rivoltante: per non prendervela troppo, cercate di vedere il foruncolo in prospettiva confrontando la vostra situazione con quella di una persona che un orso sta divorando. Così, guardando il foruncolo nello specchio, vi potrete dire: « Be', se non altro qui non c'è un orso che mi divora ».

inviato il 12/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

Ciao Giovanni, le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione, sei nella finale di febbraio. :)

pillole di saggezza !

Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio

immagine copertina
Lemony Snicket
Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 7:

Se vi interessano le storie a lieto fine, è meglio che scegliate un altro libro. In questo non solo non c'è lieto fine, ma nemmeno un lieto inizio, e ben poco di lieto anche in mezzo. Questo perché non sono accadute molte cose liete nella vita dei tre ragazzi Baudelaire. Violet, Klaus e Sunny erano bambini intelligenti, graziosi e pieni di risorse, avevano lineamenti piacevoli, ma erano estremamente sfortunati, e la maggior parte delle cose che capitavano loro erano segnate dalla malasorte, dalla tristezza e dalla disperazione. Non è che mi faccia piacere dirlo, ma la storia è proprio così.

inviato il 07/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo!! Purtroppo non sono mai riuscita a leggerli tutti :/ mi sa li aggiungo alla mia wishlist :)

Il Regno dei Lupi - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

immagine copertina
George R. R. Martin
Il Regno dei Lupi - Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco
Tradotto da Sergio Altieri
Arnoldo Mondadore Editore 2001
10 righe da pagina 428:

I Dothraki saccheggiavano città e depredavano regni, ma in realtà non dominavano nulla. Daenerys non aveva alcuna intenzione di tramutare Approdo del Re in un ammasso di macerie annerite, ennesimo ricettacolo di fantasmi inquieti. Troppo a lungo le lacrime avevano riempito il suo universo. "Voglio che il mio regno sia bello, voglio che sia abitato da uomini floridi e da delicate fanciulle e da bambini felici. Voglio che le mie genti sorridano quando mi vedono cavalcare tra loro, nello stesso modo in cui Viserys diceva che sorridevano per mio padre."
Ma prima di potere fare tutto questo doveva conquistare.

inviato il 06/02/2015
Nei segnalibri di:

Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio

Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio 2 years 36 settimane fa

Bellissimo!! Purtroppo non sono mai riuscita a leggerli tutti :/ mi sa li aggiungo alla mia wishlist :)

Dance Dance Dance

Dance Dance Dance 3 years 23 settimane fa

l'avevo già fatto,mettendo il link di questa pagina..la rimando?

Dance Dance Dance 3 years 23 settimane fa

Salve Staff,mi confermate per il libro incentivo? non so se ho fatto tutto giusto :)

Dance Dance Dance 3 years 26 settimane fa

grazie mille Naty!! Ho visto solo ora,spero che tutti voi abbiate passato una serena Pasqua e Pasquetta!! :)

Cime Tempestose

Cime Tempestose 3 years 26 settimane fa

grazie!! :) mi fa sempre venire in mente la canzone di Kate Bush

Il linguaggio segreto dei fiori

Il linguaggio segreto dei fiori 3 years 47 settimane fa

ahahahahahahh

Un piccolo sogno

Un piccolo sogno 4 years 3 settimane fa

ahahahahah io l'ho appena iniziato, anche se in effetti non è il mio genere :P

La musica del mondo

La musica del mondo 4 years 4 settimane fa

Bellissime righe :)

Implosion

Implosion 4 years 5 settimane fa

Libro incentivo appena arrivato :) Grazie Staff!

L'altare preistorico di Monte D'Accoddi

L'altare preistorico di Monte D'Accoddi 4 years 21 settimane fa

Grazieeeee!! :)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy