Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Patti Puggioni

Anatomia dei fantasmi

immagine copertina
Andrew Taylor
Anatomia dei fantasmi
Tradotto da Lorenzo Bertolucci
Castelvecchi 2012
10 righe da pagina 117:

Molti libri trattavano argomenti teologici considerati ormai obsoleti o addirittura sconvenienti nell’educazione dei futuri ministri della Chiesa. […]
«In altre parole, le acquisizioni della biblioteca sono sempre occasionali?».
«Sì. Non è una situazione perfetta, temo, e vorrei che avessimo fondi regolari. Ma siamo messi meglio di molti altri college. E ovviamente abbiamo beneficiato della generosità del defunto duca, il padre di Sua Eccellenza, che ci ha promesso di arredare questa splendida sala».
«La sala è splendida. Lo stesso non si può dire dei libri che contiene».
«Viviamo in un mondo imperfetto», disse Richardson seccamente.
«Nessuno conosce meglio di me le mancanze di questa libreria. O del mondo».

Quando Holdsworth ebbe finito la sua ispezione, scese le scale e camminò lentamente. Sentì dei passi e si voltò.

inviato il 07/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

E' bello ...ricordare ,giorni di sole nella tua Sardegna!

sì cara Naty sono in Libreria a Golfo Aranci

Ci sei ...nascosta quasi.. dai libri..,naty

Spy story love story

immagine copertina
Nicolai Lilin
Spy story love story
Einaudi 2016
10 righe da pagina 34:

- […] Quest’estate ho passato un mese in Svezia, ho affiatato una casetta sperduta in mezzo ai boschi, un posto meraviglioso. Foreste piene di laghi, neanche un’anima viva nel raggio di decine di chilometri. Ero da solo in mezzo a quello splendido nulla, ascoltavo il vento e osservavo la pace, ma persino lì i padroni della casetta avevano messo una maledetta tv.
- Il mondo non sarà mai come lo vorresti tu.
- Ah, questo è sicuro, sono pronto a giurarlo in tribunale. Però io e questo schifo di mondo abbiamo un accordo: io non cerco di cambiare lui, e lui non deve cambiare me.
- E ti basta?
Alësa alza le spalle.
- Quando ho voglia di un mondo che mi piace, - dice sorridendo, apro qualsiasi libro e vivo una vita diversa.

inviato il 22/09/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

vero ! mi piace leggere anche per questo motivo : trasferirmi in altri mondi , evadere

Le streghe di Lenzavacche

immagine copertina
Simona Lo Iacono
Le streghe di Lenzavacche
Edizioni E/O 2016
10 righe da pagina 37:

Non ho molto da fare, quando suona la campana.
I pochi allievi rimasti escono senza rumore, riordinando gli oggetti scolastici, i pennini dalle punte storte, i quaderni arricciati agli angoli, che leccano con le dita per evitare che si arrotolino.A me invece piacciono quelle carte con le orecchie, imperfette e putride dei segni di penna. Non levigo mai la pagina, non la voglio né liscia né pulita, soprattutto se è di un libro. Lascio segnali, sottolineo parole, prendo appunti a margine
e odoro la stampa fino a inalarne un gusto polposo, aspro. I miei libri sono creature vive, sporche e sobbalzanti come un gatto di strada, o come un merlo caduto da un nido che sussulta sulle ali troppo deboli. Preferisco così, che le tracce di questa mia vita storta e negligente, che non vuole mai raddrizzarsi e darsi un contegno, restino appese alle copertine, ai titoli, alle storie millenarie di altri uomini come me, poeti senza giudizio che alleviano la fatica d’esistere con una parola o con un verso.
Da Lenzavacche, 25 settembre 1938
Tuo, Alfredo

inviato il 02/06/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! :-)

Staff, ho scelto 10 righe postate da Fernanda Visalli http://scrivi.10righedailibri.it/le-braci-17 :)

Grazieee!

Ciao Patti, le tue 10 righe sono nella finale settimanale di giugno... Ricordati di scegliere 10 righe che più ti piacciono, partendo da oggi 6 giugno a domenica 12 giugno. Riportando qui nei commenti il link. Grazie :-)

Le streghe di Lenzavacche è candidato al Premio Strega 2016.
Ringrazio Livia per il libro :)
Link per leggere i primi capitoli http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/streghe-lenzavacche.

Ritratto di Jennie

immagine copertina
Robert Nathan
Ritratto di Jennie
Tradotto da Simone Caltabellota
Atlantide 2015
10 righe da pagina 57:

«Non penso che mi interessi molto essere ricco, Jennie», dissi. «Voglio solo dipingere – e sapere quello che sto dipingendo. È la cosa più difficile: sapere quello che stai dipingendo, cercare di raggiungere qualcosa oltre questi tempi piccoli e difficili…».
«Sono tempi difficili, questi, Eben?» chiese sorpresa.
La guardai pensando: chiaro, cosa può sapere lei delle difficoltà, cosa può sapere in generale di cosa sia un’artista?
Dell’essere intrappolato in un mistero in cui deve trovare delle risposte, tanto per sé quanto per gli altri, un mistero che guarda il bene e il male, lo sbocciare e il putrefarsi – il mistero di un mondo che impara troppo tardi, sempre troppo tardi, a distinguere qual è la muffa e quale il germoglio…

inviato il 19/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ringrazio Simone Caltabellota per avermi regalato personalmente questo libro stupendo che fa parte della tiratura numerata, con il numero XXXIV. :)

A Lover's discourse. Fragments

immagine copertina
Roland Barthes
A Lover's discourse. Fragments
Tradotto da Richard Howard
Vintage 2002
10 righe da pagina 85:

The lover’s discourse is not lacking in calculation: I rationalize, I reason, sometime I count, either to obtain certain satisfactions, to avoid certain injures or to represent inwardly to the other, in a wayward impulse, the wealth of ingenuity I lavish for nothing in his favour (to yield, to conceal, not to hurt, to divert, to convince, etc.).
But these calculations are merely impatiences: no thought of a final gain. Expenditure is open, to infinity, strength, drifts, without a goal (the loved object is not a goal: the loved object is an object-as-thing, not an object-as-term).

inviato il 29/01/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Staff : )

Ciao, le tue 10righe, sono nella finale di febbraio, 10righe scelte dalla redazione. :-)

Tutte le poesie

immagine copertina
Trilussa
Tutte le poesie
Mondadori 1955
10 righe da pagina 125:

LA STATISTICA
Sai ched'è la statistica? È ‘na cosa
che serve pe’ fa’ un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male,
che more, che va in carcere e che spósa.
-
Ma pe’ me la statistica curiosa
è dove c'entra la percentuale,
pe’ via che, lì, la media è sempre eguale
puro co' la persona bisognosa.
-
Me spiego: da li conti che se fanno
seconno le statistiche d'adesso
risurta che te tocca un pollo all'anno:

e, se nun entra nelle spese tue,
t'entra ne la statistica lo stesso
perché c'è un antro che ne magna due.

inviato il 22/09/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Il libro mi è stato regalato su esplicita richiesta : )) Hai letto la lettera per Arnoldo Mondadori nella tasca della terza di copertina?

ho questa bella edizione !

Il codice della cortesia italiana

immagine copertina
Giuseppe Bortone
Il codice della cortesia italiana
Società editrice internazionale 1952
10 righe da pagina 6:

Troppo e da troppi si parla di « democrazia » ma non sempre né da tutti a proposito. Giacché non son pochi coloro i quali credono e dicono che, in questi tempi democratici, non possono più sopravvivere tante limitazioni ; che dev’esser lecitissimo andare al ristorante in ciabatte, a far visita in maniche di camicia e salutare con un gran colpo di spalla il cittadino Pasquale o il compagno Taddeo… No, questa non è una democrazia ; ma ciò che è sempre stato : villania e null’altro! La democrazia non va calunniata : democrazia sana e vera vuol dire vera comprensione vicendevole, vivo senso di umanità nelle relazioni sociali : comprensione ed umanità alle quali il popolo è particolarmente sensibile ; si dice che ferireste profondamente l’operaio se non rispondeste – o rispondeste freddamente – al suo saluto e gli procurereste più soddisfazione e gioia stringendogli cordialmente la mano incallita che non dandogli una manata sulla spalla.

inviato il 25/07/2015
Nei segnalibri di:

Opere

immagine copertina
Italo Svevo
Opere
Dall'Oglio Editore 1964
10 righe da pagina 850:

L'affare del solfato di rame diede una maggiore serietà al nostro ufficio. Non c'era più tempo per le favole. Quasi tutti gli affari che ci venivano proposti erano ormai accettati. Alcuni diedero qualche utile, ma piccolo, altri elle perdite, ma grandi. Una strana avarizia era il principale difetto di Guido che fuori dagli affari era tanto generoso. Quando un affare si dimostrava buono, egli lo liquidava frettolosamente, avido di incassare il piccolo utile che gliene derivava. Quando invece si trovava involto in affare sfavorevole, non si decideva mai ad uscirne pur di ritardare il momento in cui doveva trovare la propria tasca. Per questo io credo che le sue perdite siano state rilevanti e i suoi utili piccoli. Le qualità di un commerciante non sono altro che le risultanti di tutto il suo organismo, dalla punta dei capelli fino alle unghie dei piedi.

inviato il 17/06/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a Maturarighe 2015

Avanti Sardegna. Il giornale clandestino sardo

immagine copertina
Mario Berlinguer
Avanti Sardegna. Il giornale clandestino sardo
Zampardi editore 1945
10 righe da pagina 9:

E oggi i responsabili di tanto scempio fanno appello alla Sardegna che con disprezzo chiamano « la fedelissima ».
Fedelissima a chi? All’odioso regime che la ha illusa di promesse e sfruttata, che sacrifica i suoi figli nell’estremo tentativo di salvarsi? Al re traditore che neppure in quest’ora tragica ha un gesto di resipiscenza? No. La Sardegna non è un servo pastore mal pagato che possa difendere, soffrendo nuove devastazioni e massacri, le posizioni usurpate, i patrimoni carpiti e la pelle di pochi facinorosi i quali sperano, col sangue dei sardi, di dilazionare l’ora della inesorabile punizione.
Basta perdeu !

inviato il 17/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Mario Berlinguer (Sassari , 11 marzo 1891 – Roma , 6 luglio 1969)

Rarissimo documento...

The Little Prince

immagine copertina
Antoine de Saint-Exupéry
The Little Prince
Tradotto da Irene Testot-Ferry
Wordsworth Classics 1995
10 righe da pagina 35:

The little prince, watching the growth of enormous bud, senses that this could well lead to a miraculous apparition, but the flower continued her preparations, for her beauty in the shelter of her green chamber. She chose her colours whit great care. She dressed slowly, carefully arranging her petals one by one. She didn’t wish to appear all crumpled, like a poppy. She only wished to appear in the full glory of the her beauty. Oh yes! She was very vain! Her mysterious preparations had lasted for day and day. And then one morning when the sun as rising, the suddenly showed herself.

inviato il 01/05/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Thank you very much. It's my tird incentive book in 4 years : ))

Ciao Patti! Le tue 10 righe sono state scelte per il libro incentivo settimanale! Ricordati di scegliere le tue 10 righe preferite nella settimana che va da lunedì 1 a domenica 7 giugno, riportando qui nei commenti il link delle righe scelte. Grazie :-)

: ) questo è il link http://scrivi.10righedailibri.it/limperatore-dio-di-dune-0

Grazie :-)

Ricordati di scegliere 10righe che vanno da venerdi1maggio a domenica 3maggio. ;-)

Ciao Patti le tue 10 righe sono finaliste nella classifica settimanale di maggio. :-)

La terra è la mia preghiera Vita di Gino Girolomoni, padre del biologico

immagine copertina
10 righe da pagina 4:

«Mi considero un poeta religioso e politico, una categoria pericolosa: quegli uomini che, se individuano un obiettivo, fanno un gran casino e coinvolgono tutti quelli che avvicinano per raggiungere il sogno».
Quello di Gino Girolomoni (1946-2012), contadino e mistico, marito e «monaco», è stato ritornare alla terra, riviverel’affetto per il lavoro agricolo come contatto vivo e vivificante con il creato. Grazie a tale passione, scaturita da un cristianesimo radicale, Girolomoni ha costruito un’esistenza intessuta di opere e incontri: la rinascita di un monastero abbandonato, Montebello, ancor oggi luogo di spirito e silenzio per tanti e tante in ricerca...

Vandana Shiva

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

«Gino guarda sempre il mondo dalla cima di un monte. E mai dal buco della serratura» Sergio Quinzio

«Mangiare non è soltanto piantare, raccogliere, trasformare e cuocere il cibo. Mangiare è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, semplicità, compagnia» Gino Girolomoni

"Con questo libro Massimo Orlandi racconta la vita di Gino Girolomoni con la capacità di chi riesce a parlare al cuore delle persone, trasmettendo l’essenza profonda della sua missione di pioniere dell’agricoltura biologica, paladino delle comunità locali e uomo dalle grandi passioni, testimone di un rapporto religioso con la terra e con la natura. Questo libro servirà a far capire a molti che non ne hanno mai sentito parlare, ma persino a molti che lo hanno conosciuto e non lo hanno capito fino in fondo, il senso straordinario e multicolore del suo messaggio."

Vandana Shiva

“Io non penso che l’agricoltura biologica salverà il mondo,
ma la pratico per non stare dalla parte di chi il mondo lo distrugge”.

Gino Girolomoni

Giorni selvaggi

immagine copertina
William Finnegan
Giorni selvaggi
Tradotto da Fiorenza Conte, Mirko Esposito, Stella Sacchini
66th and 2nd 2016
10 righe da pagina 225:

I surfisti sono ossessionati dalla perfezione. L'onda perfetta e via discorrendo. Tutta roba che non esiste. Le onde non sono oggetti naturali immobili come le rose o i diamanti. Sono eventi rapidi e brutali al termine di una lunga catena di azioni tempestose e reazioni oceaniche. Anche i break più simmetrici hanno certe irregolarità e caratteristiche locali, del tutto specifiche, e si modificano con i cambiamenti della marea, del vento e dello swell. I giorni migliori nei break migliori hanno un aspetto platonico - sembrano incarnare l'idea dell'onda come se la immaginano i surfisti. Ma tutto finisce lì, in un'apparenza appunto.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Franny e Zooey

immagine copertina
J. D. Salinger
Franny e Zooey
Tradotto da Romano Carlo Verdone, Ruggero Bianchi
Einaudi 2014
10 righe da pagina 59:

- Che cosa ti preoccupa, eh? Che si rompa una gamba o che non abbia il telefono mentre tu vorresti che ce l'avesse?
- Se proprio t'interessa, ragazzo mio, mi preoccupano tutte e due le cose.
- Bè, non è il caso. Non sprecare il tuo tempo. Sei così sciocca, Bessie. Perché sei così sciocca? Sai com'è fatto Buddy, no? Se anche si trovasse in mezzo ai boschi venti miglia lontano da tutti, con due gambe rotte e una bella freccia piantata nella schiena, sarebbe capace di strisciare ventre a terra fino alla sua tana solo per assicurarsi che nessuno si sia intrufolato là dentro per provarsi le sue sovrascarpe mentre lui era via -.
Una sghignazzata breve e piacevole da sentire, anche se alquanto demoniaca, risuonò da dietro la tendina. - Fidati di me, gli sta troppo a cuore la sua maledetta intimità per morirsene in mezzo ai boschi.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Ritratto di J. D. Salinger
J. D. Salinger, all'anagrafe Jerome David Salinger (New York, 1º gennaio 1919 – Cornish, 27 gennaio 2010).

La pecora nera e altre favole

Augusto Monterroso
La pecora nera e altre favole
Tradotto da Maria Teresa Marzilla
Sellerio editore Palermo 2003
10 righe da pagina 40:

Gli altri sei
Dice la tradizione che in un lontano paese visse fino ad alcuni anni fa un Gufo che a forza di meditare e bruciarsi le ciglia studiando, pensando, traducendo, dando conferenze, scrivendo poemi, racconti, biografie, cronache di cinema, discorsi, saggi letterari ed altre cose ancora, arrivo a sapere e a trattare praticamente tutto lo scibile umano, diventando cosi famoso che i suoi entusiasti contemporanei lo dichiararono subito uno dei Sette Saggi del Paese, senza che fino ad oggi si sia potuto accertare chi fossero gli altri sei.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Travels with Charley. In Search of America

John Steinbeck
Travels with Charley. In Search of America
Penguin Books 1986
10 righe da pagina 27:

The villages are the prettiest, I guess, in the whole nation, neat and white-painted,
and--not counting the motels and tourist courts--unchanged for a hundred years except for traffic and paved streets.
The climate changed quickly to cold and the trees burst into color, the reds and yellows you can't believe. It isn't only color but a glowing, as though the leaves gobbled the light of the autumn sun and then released it slowly. There's a quality of fire in these colors.

inviato il 13/02/2018
Nei segnalibri di:

Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d'america

K.Recheis e G. Bydlinski
Sai che gli alberi parlano? La saggezza degli indiani d'america
Il punto d'ncontro

"Vi è molto di folle nella vostra cosiddetta civiltà. Come pazzi voi uomini bianchi correte dietro al denaro, fino a che ne avete così tanto, che non potete vivere abbastanza a lungo per spenderlo. voi saccheggiate i boschi e la terra, sprecate i combustibili naturali, come se dopo di voi non venisse piu' alcuna generazione, che ha altrettanto bisogno di tutto questo.
voi parlate sempre di un mondo migliore, mentre costruite bombe sempre piu' potenti, per distruggere quel mondo che ora avete."
TATANGA MANI
(da "SAI CHE GLI ALBERI PARLANO? La saggezza degli indiani d'America" a cura di K. Recheis e G. Bydlinski)

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

La bella estate

immagine copertina
Cesare Pavese
La bella estate
Mondadori editore 1949
10 righe da pagina 172:

Così anche Oreste rimase a vivere sul Greppo.
Scappava a volte in bicicletta e poi tornava. La collina sembrava cuocere al sole d'agosto; caprifoglio e mentastro le facevano intorno una parete invisibile, ed era bello aggirarcisi e, giunti sul punto di sbucarne fuori, nel sottostante bosco di carpini, tornare indietro nella macchia, come un insetto o un uccello.
Pareva d'averci le zampe invischiate, in quel profumo e in quel sole. Al pomeriggio scendemmo in gruppo, i primi giorni, per le coste ripide fino alle viti soffocate d'erba; e una volta aggirammo tutta la collina, giungendo fra i rovi a un piccolo chiosco nero, per le cui crepe si vedeva il cielo. Ma né di siepi né di viottolo d'accesso c'era più traccia; il versante era tutto sodaglia, per quanto un tempo fosse stato giardino, e la baracca un padiglione. Oreste e Poli la chiamavano la pagoda cinese e ricordavano quand'era ancora vestita di gelsomini

inviato il 11/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Cesare Pavese nacque a Santo Stefano Belbo (Cuneo) il 9 settembre 1908

VITA D'UN UOMO UNGARETTI tutte le poesie

immagine copertina
Giuseppe Ungaretti
VITA D'UN UOMO UNGARETTI tutte le poesie
Mondadori editore 1969
10 righe da pagina 253:

SEGRETO DEL POETA

Solo ho amica la notte.
Sempre potrò trascorrere con essa
D'attimo in attimo, non ore vane ;
Ma tempo cui il mio palpito trasmetto
Come m'aggrada, senza mai distrarmene.
Avviene quando sento,
Mentre riprende a distaccarsi da ombre,
La speranza immutabile
In me che nuovamente scova
E nel silenzio restituendo va,
A gesti tuoi terreni
Talmente amati che immortali parvero,
Luce

inviato il 11/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Giuseppe Ungaretti nacque ad Alessandria d'Egitto l'8 febbraio 1888

La custode del miele e delle api

immagine copertina
Cristina Caboni
La custode del miele e delle api
Garzanti 2015
10 righe da pagina 187:

Angelica continuò a leggere.Il foglio conteneva storie e leggende sulle Janas,piccole fate della Sardegna che tessevano l'oro e dispensavano la giustizia secondo le loro regole.Angelica era serena.Sollevò lo sguardo sul letto di Jaia,sulle pareti alte,sui fiori dei quadri,e poi li riporto all'armadio e al suo prezioso tesoro.
Adesso anche lei aveva una casa bellissima,e diversi apiari.adesso il signor Guido avrebbe posato i suoi aristocratici occhi su di lei.solo che per lei non avrebbe fatto nessuna differenza.E quella consapevolezza la fece sorridere.Strada facendo,aveva imparato a contare su se stessa,sulle sue capacità.E soprattutto a dare il giusto valore alle cose.Non le interessava l'apparenza.quella a cui lei mirava era la sostanza delle cose,Una coperta riciclata quanto una di seta.Alla fine, quello che contava quando si aveva una coperta tra le mani era il calore,non la bellezza,o la trama,o il tessuto.Quella era l''unica verità che contasse davvero per lei.Anche questo glielo aveva insegnato Jaja.

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Emma,è stata una lettura ,piacevole, serena,mi ha presentato la bellezza della natura di un'isola che nasconde ,cultura,e la magia sconosciuta ,a coloro che non sanno fermarsi ad osservare ,il mondo circostante .

bello questo libro, Cristina Caboni l'ho anche conosciuta in Sardegna. I suoi libri che ti trasportano in un mondo di serenità ,vicino alla natura e ai suoi miracoli ! Ho cercato la sua data di nascita nei libri ma non compare. E' una signora giovane , carina che vive in provincia di Cagliari con il marito e tre figli.

Allo staff .non sono riuscita a trovare la data di nascita dell'Autrice ,Cristina Caboni...grazie se lo trovate voi ,naty

Cristina Caboni vive a Cagliari...scrittrice ,si occupa dell'azienda apistica di famiglia.

Time Deal

immagine copertina
Leonardo Patrignani
Time Deal
De Agostini 2017
10 righe da pagina 25:

Questa era la vita di Julian Darrel, l’anno in cui ogni certezza si sgretolò per sempre. Questo il suo lavoro dietro le quinte del megastore di elettronica da quando, quattro anni prima, lui e la sorellina Sara erano rimasti orfani. Soli, senza nessuno a cui chiedere aiuto. Adesso la piccola, affidata in custodia a Julian, di anni ne aveva otto. Un fragile cucciolo che non si interrogava ancora su quanto fosse marcia la loro società. Ma capiva. Capiva come stava il fratello, capiva come la pensava. Julian era certo che comprendesse anche quella storia dell’eterna giovinezza – del resto ormai trionfava ovunque, in televisione, sui manifesti, nei discorsi della gente – e come molti ne fossero attratti. Da quando la TD Pharma, l’industria guidata dalla dinastia Werner, aveva esteso la vendita a tutte le classi sociali, abbassando drasticamente il prezzo fino a renderlo irrisorio, il farmaco era diventato non più un mito o un costosissimo privilegio per una ristretta cerchia di persone, bensì una conquista accessibile a tutti. Ma qual era la vera moneta di scambio?

inviato il 12/02/2018
Nei segnalibri di:

Commenti

Leonardo Patrignani (Moncalieri, 28 febbraio 1980)

Anatomia dei fantasmi

Anatomia dei fantasmi 1 week 1 giorno fa

sì cara Naty sono in Libreria a Golfo Aranci

Le streghe di Lenzavacche

Le streghe di Lenzavacche 1 year 35 settimane fa

Staff, ho scelto 10 righe postate da Fernanda Visalli http://scrivi.10righedailibri.it/le-braci-17 :)

Le streghe di Lenzavacche 1 year 36 settimane fa

Grazieee!

Le streghe di Lenzavacche 1 year 37 settimane fa

Le streghe di Lenzavacche è candidato al Premio Strega 2016.
Ringrazio Livia per il libro :)
Link per leggere i primi capitoli http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/streghe-lenzavacche.

Le braci

Le braci 1 year 35 settimane fa

Ciao Fernanda, in qualità di finalista della scorsa settimana ho scelto le tue 10 righe :) dovresti scrivere nei commenti il nome del traduttore e l'anno di edizione

10 righe dai libri su RadioLibri intervista

10 righe dai libri su RadioLibri intervista 1 year 51 settimane fa

Grazieee! :)

A Lover's discourse. Fragments

A Lover's discourse. Fragments 1 year 51 settimane fa

Grazie Staff : )

Ritratto di Jennie

Ritratto di Jennie 1 year 51 settimane fa

Ringrazio Simone Caltabellota per avermi regalato personalmente questo libro stupendo che fa parte della tiratura numerata, con il numero XXXIV. :)

Tutte le poesie

Tutte le poesie 2 years 21 settimane fa

Il libro mi è stato regalato su esplicita richiesta : )) Hai letto la lettera per Arnoldo Mondadori nella tasca della terza di copertina?

Le Lucciole di Cherenkov (Effetto Cherenkov)

Le Lucciole di Cherenkov (Effetto Cherenkov) 2 years 31 settimane fa

Maria, scrivi 10 righe tratte anche dai libri che leggi : )

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy