Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di martinadesantis8

Fai bei sogni

immagine copertina
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Longanesi

La felicità è fare l'amore a ore strane oppure normali, purché con te. La felicità è crescere insieme, litigare a chi ha la testa più dura e poi, pieni di bernoccoli, salire un altro gradino del nostro amore. La felicità è un appuntamento al bar a cui io arrivo in ritardo. Un problema che ti assilla e lo risolviamo insieme. Un braccialetto che io ti regalo, una camicia che tu mi lavi. Scusami ancora per questa vagonata di pensieri idioti. Ti volevo soltanto dire che non mi manca una donna. Mi manchi tu. Che sei anche una donna, e che donna! Ma sei qualcosa di più: l'altra metà di me.

inviato il 07/01/2013
Nei segnalibri di:

NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES

immagine copertina
Haruki Murakami
NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES
Einaudi Tascabili

La ragione per cui di sera la bandiera dovesse essere abbassata non l'ho mai capita. Anche di notte la nazione continua a esistere, e ci sono tante persone che lavorano.
Operai delle ferrovie, autisti di taxi, entraîneuses, pompieri di turno, vigilanti; il fatto che tutte queste persone che lavorano di notte dovessero essere private della protezione della bandiera, mi sembrava un po' discriminatorio.
Non che si trattasse di una questione tanto importante.
Era quel tipo di cose che la gente non prende nemmeno in considerazione.

inviato il 10/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Martina :)
Nome del traduttore, anno di edizione e numero della pagina da cui hai tratto la citazione?

Sulla strada

immagine copertina
Jack Kerouac
Sulla strada
Tradotto da Marisa Caramella
Oscar Mondadori 1995

A quel tempo danzavano per le strade come pazzi e io li seguivo a fatica come ho fatto tutta la vita con le persone che mi interessano, perché le uniche persone che esistono per me sono i pazzi, i pazzi di voglia di vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno “Oooooh!”.

inviato il 03/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Anche se quella di Marisa Caramella suona un po' più moderna, io personalmente preferisco quella di Magda Maldini de Cristofaro, perché mi sembra più fedele al testo originale, del quale cerca di ricreare anche il ritmo riproponendo l'ordine dei sintagmi. Poi, per poter giudicare con maggiore convinzione, bisognerebbe probabilmente leggere tutto il libro nelle due traduzioni, tenendo sott'occhio l'originale..o, se non proprio tutto il libro, almeno qualche altro brano.. :)

cioè... ho visto che ci sono i loro nomi ma che ne pensate? io penso che Marisa Caramella abbia fatto un lavoro migliore per mondadori!

e di chi sono queste traduzioni?! allora citiamoli questi due signori!

Ciao Barbara! Ho visto che abbiamo pubblicato le stesse righe. Oltre al piacere di scoprire gusti in comune, penso possa essere interessante confrontare le due traduzioni a partire dalla versione originale.. che dici?! La posto in entrambe le nostre citazioni..

They danced down the streets like dingledodies, and I shambled after as I've been doing all my life after people who interest me, because the only people for me are the mad ones, the ones who are mad to live, mad to talk, mad to be saved, desirous of everything at the same time, the ones that never yawn or say a commonplace thing, but burn, burn, burn like fabulous yellow roman candles exploding like spiders across the stars and in the middle you see the blue centerlight pop and everybody goes “Awww!”

Le braci

immagine copertina
Sandor Marai
Le braci
Gli Adelphi
10 righe da pagina 92:

“vorrei proprio sapere” prosegue il generale come se stesse parlando tra sé “ se l’amicizia esiste veramente. Non mi riferisco al piacere occasionale di due persone che si rallegrano di essersi incontrate perché ad un certo punto della vita si ritrovano a ragionare nella stessa maniera su determinate questioni, si scoprono gli stessi gusti e preferiscono gli stessi svaghi. Tutto questo non ha niente a che fare con l’amicizia. A volte mi sembra quasi che essa rappresenti la relazione più intima che esiste nella vita … forse per questo è talmente rara. E su cosa si fonda allora? Sulla simpatia? E’ un termine improprio, troppo blando: non si può dire che la simpatia sia sufficiente a indurre due persone a farsi carico l’una dell’altra nelle situazioni più critiche della loro esistenza. Su che cos’altro, dunque? Non c’è forse un pizzico di eros al fondo di tutte le relazioni umane? (omissis)
L’eros dell’amicizia non ha bisogno dei corpi … essi, anzi, lo disturbano più di quanto non lo attraggono. Ma si tratta sempre di eros.

inviato il 10/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie Vincenzo, l'emozione di una lettura ha pochi paragoni, condividerla la raddoppia! scegliere le poche righe di primo acchito lascia perplessi perchè vorresti riportare tutto il libro, ma poi, invece, quasi per magia, senti che sono proprio quelle che vuoi evidenziare...

Felicissimo che l'abbia vinto tu con l'oculata scelta delle tue righe.bellissime

ma grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!! vincere un libro come premio non ha prezzo. considero questo il più bel regalo di Natale!!!!
grazie a tutti coloro che hanno condiviso l'emozione dii queste ...10 righe!

Ciao Bruna, sei la vincitrice della settimana, hai infatti ottenuto il maggior numero di segnalibri!!! Complimenti da tutto lo staff. Per ottenere il tuo libro incentivo devi fare due cose
1) farci avere un recapito a cui poterlo spedire mandando una mail a
libroincentivo@10righedailibri.it
2) scegliere le tue righe preferite fra quelle che verranno postate questa settimana

stupendo questo libro!

NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES

immagine copertina
Haruki Murakami
NORWEGIAN WOOD TOKYO BLUES
Einaudi Tascabili

La ragione per cui di sera la bandiera dovesse essere abbassata non l'ho mai capita. Anche di notte la nazione continua a esistere, e ci sono tante persone che lavorano.
Operai delle ferrovie, autisti di taxi, entraîneuses, pompieri di turno, vigilanti; il fatto che tutte queste persone che lavorano di notte dovessero essere private della protezione della bandiera, mi sembrava un po' discriminatorio.
Non che si trattasse di una questione tanto importante.
Era quel tipo di cose che la gente non prende nemmeno in considerazione.

inviato il 10/12/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Martina :)
Nome del traduttore, anno di edizione e numero della pagina da cui hai tratto la citazione?

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy