Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di pietrobassi

Il falco pellegrino

immagine copertina
J.A. Baker
Il falco pellegrino
Tradotto da Vincenzo Mantovani
Rizzoli 1979
10 righe da pagina 14:

Per dieci anni ho seguito il pellegrino. Ne ero posseduto. Per me era un Graal. Ora se n'è andato. La lunga ricerca è finita. Restano pochi falchi pellegrini, saranno sempre meno, forse non sopravvivranno. Molti muoiono rovesciati sul dorso, artigliando follemente il cielo nelle ultime convulsioni, bruciati e inariditi dal polline sordido e insidioso dei prodotti chimici usati in agricoltura. Prima che sia troppo tardi, ho cercato di richiamare alla memoria la straordinaria bellezza di quest'uccello e di abbozzare un ritratto della splendida terra in cui viveva, una terra, per me, prodiga e gloriosa come l'Africa. E' un mondo che muore, come Marte, ma che irradia ancora il suo fulgore.

inviato il 02/05/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Pietro abbiamo condiviso le tue 10 righe su Istella :)

La lucina

immagine copertina
Antonio Moresco
La lucina
Mondadori 2013
10 righe da pagina 18:

Di fronte, più in basso, nello strapiombo ricoperto di boschi, si eleva un castagno mezzo vivo e mezzo morto. La sua alta cima svetta nuda e bianca sul verde degli alberi, pietrificata, mentre il resto della pianta è uno scatenato rigoglio di foglie. Ce ne sono molti altri così, soprattutto castagni, mi pare. Alcuni sono quasi completamente morti, e si stagliano sul bosco con la loro evidenza spettrale. Ma, da qualche punto di questi tronchi fossili, quando è la stagione, partono due o tre rami carichi di ricci fino a spezzarsi..
Certe volte mi fermo di fronte a uno di questi alberi e lo guardo.
"Ma come si fa a vivere così?" gli domando. "Agli uomini non è possibile: o sono vivi o sono morti. Così almeno pare..."
Non mi risponde.

inviato il 20/03/2013
Nei segnalibri di:

La lucina

immagine copertina
Antonio Moresco
La lucina
Mondadori 2013
10 righe da pagina 12:

E' solo di notte, nella luce lunare, che si capisce veramente cosa sono gli alberi, queste colonne di legno e di schiuma che si protendono verso lo spazio vuoto del cielo.
Se non c'è luna, bisogna andare a tentoni nel buio, sotto la sconvolgente volta celeste crivellata di miriadi di stelle disabitate e di altre bave di luce.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Limonov

immagine copertina
Emmanuel Carrère
Limonov
Tradotto da Francesco Bergamasco
Adelphi 2012
10 righe da pagina 272:

L'aspettativa di vita del maschio russo è passata dai sessantacinque anni del 1987 ai cinquantotto del 1993. [...] Tutto quello che può essere venduto per sopravvivere viene venduto. Un povero pensionato venderà un chilo di cetriolini, un copriteiera, o dei numeri malridotti di Krokodil, il pietoso foglio "satirico" degli anni di breznev; un generale venderà carri armati o aerei - alcuni non si sono fatti scrupolo e hanno aperto compagnie private con gli aerei dell'esercito, intascando i profitti; un giudice metterà in vendita le sue sentenze, un poliziotto il silenzio, un impiegato venderà un timbro su un documento, un veterano dell'Afghanistan le sue competenze di killer - la cifra richiesta per un omicidio è compresa tra i diecimila e i quindicimila dollari. Nel 1994 a Mosca sono stati assassinati cinquanta banchieri.

inviato il 17/02/2013
Nei segnalibri di:

Tra la terra e il cielo - La vita segreta degli alberi

immagine copertina
Nalini M. Nadkarni
Tra la terra e il cielo - La vita segreta degli alberi
Tradotto da Elena Bollati
Elliot 2010
10 righe da pagina 10:

"In questi giorni ho imparato che gli alberi non sono soltanto pali. Dovete imparare a trattare questi giganti come noi trattiamo gli anziani del villaggio, con grande attenzione e rispetto. Gli alberi per voi sono importanti quanto lo sono i nonni per noi perché vi insegnano molte cose". Le parole di Emil furono seguite da una lunga pausa; erano parole che assumevano un significato ancora più grande perché uscivano dalla bocca di un uomo che fino a una settimana prima non aveva termini per dire albero o foresta.

inviato il 11/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

ps: Emil è un inuit.

La nota giusta

immagine copertina
Bruce Springsteen
La nota giusta
Tradotto da Lorenzo Bertolucci
Isbn Edizioni 2012
10 righe da pagina 44:

Aprite le orecchie e aprite il cuore. Non prendetevi troppo sul serio e prendetevi sul serio come la morte. Non preoccupatevi, e preoccupatevi da star male. Abbiate una fiducia di ferro in voi stessi, ma dubitate sempre: vi tiene svegli e all'erta. Pensate sempre di essere i figli di puttana più fichi della città, e pensate sempre che fate schifo! In questo modo rimarrete onesti. Rimarrete onesti. Cercate di tenere sempre vive nel cuore e nella mente due idee completamente contraddittorie. Se riuscirete a non diventare matti, vi ritroverete più forti.

inviato il 06/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho visto, ma non riesco a scaricarlo. Ora devo uscire, proverò più tardi. Grazie.

:-)
tra l'altro è un eBook gratuito...

Grande Boss!

Tartarughe divine

immagine copertina
Terry Pratchett
Tartarughe divine
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2011
10 righe da pagina 71:

Gli dei non hanno nessuno da pregare.
Il Grande Dio Om si affrettò verso la statua più vicina, il collo allungato, le zampe incapaci che andavano su e giù. La statua era di lui stesso in forma di toro, mentre calpestava un infedele, sebbene ciò non fosse di grande conforto.
Era solo una questione di tempo prima che l'aquila smettesse di girare in tondo e scendesse in picchiata.
Om era una tartaruga solo da tre anni, ma insieme all'aspetto aveva ereditato un kit di emergenza istinti, la maggior parte dei quali incentrati sul terrore assoluto dell'unica creatura selvaggia che aveva scoperto come si fa a mangiare una tartaruga.
Gli dei non hanno nessuno da pregare.
Om sperava davvero che questo non fosse il caso.
Ma tutti hanno bisogno di qualcuno.

inviato il 02/02/2013
Nei segnalibri di:

La Quercia - Storia sociale di un albero

immagine copertina
William Bryant Logan
La Quercia - Storia sociale di un albero
Tradotto da Lorenzo Stefano Borgotallo
Bollati Boringhieri 2008
10 righe da pagina 73:

L'Olocene fu l'età della quercia e dell'uomo. Mai prima d'allora erano esistiti il senso della memoria e la civiltà, i focolari, l'allevamento di bestiame, l'edilizia e la costruzione di barche. Gli ominidi erano in circolazione da almeno due milioni di anni, ma divennero esseri umani solo quando cominciarono a servirsi della quercia.
L'uomo si sviluppò attraverso l'esercizio della memoria, della ragione e della manualità, in un mondo in piena fioritura e con un clima sempre più mite. La memoria fornì alla ragione la sua materia prima, e l'abilità manuale dimostrò la fondatezza (o meno) di ogni intuizione. La manualità suggeriva un certo gesto del polso, la memoria lo serbava, la ragione ne valutava l'efficacia. Gli attributi dell'uomo - coraggio, lealtà, pazienza, costanza, prudenza, onore - si forgiarono nel punto d'incontro tra le diverse facoltà umane, trasformando il mondo in habitat.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Storia dei boschi - Dalle origini a oggi

immagine copertina
Hansjorg Kuster
Storia dei boschi - Dalle origini a oggi
Tradotto da Carola Lodari
Bollati Boringhieri 2009
10 righe da pagina 22:

Nelle descrizioni dei paleobotanici si fa continua menzione di un'altra particolarità delle foreste del Carbonifero: al loro interno doveva regnare una quiete quasi spettrale perché vi erano pochi animali. La maggior parte viveva nell'acqua e solo pochi anfibi ne uscivano occasionalmente; fuori dall'acqua c'erano i primi rettili, presumibilmente silenziosi. Nei boschi vivevano numerosi insetti, fra cui le libellule, con un'ampiezza d'ali di 35 centimetri, e altri simili a cavallette. Il loro frinire e il fortuito cadere di gocce d'acqua dalle foglie degli alberi erano gli unici suoni percettibili, dato che in quel periodo non c'erano ancora uccelli né mammiferi.

inviato il 18/01/2013
Nei segnalibri di:

Padre Padrone Padreterno

immagine copertina
Joyce Lussu
Padre Padrone Padreterno
Gwynplaine 2009
10 righe da pagina 82:

La divisione astratta e intellettualistica tra principio del bene e principio del male, tra Dio e Diavolo, è estranea all'animismo rurale, popolato di simboli poetici di attività quotidiane, di genii e di dèmoni umanizzati e dialettici, che sono nel tempo stesso buoni e cattivi, positivi e negativi come tutte le cose della vita, come i sessi che si uniscono e si dividono per dar luogo a nuove nascite e nuove morti. La morte non è fonte di speculazioni angosciose e di allucinazioni disperate, come per i privilegiati, ossessionati dalla rabbia di constatare almeno in un'occasione l'impotenza del loro potere e di dover morire come l'ultimo dei poveracci; ma fa parte del ciclo normale dell'esistenza, del fluire delle stagioni, del viaggio dal seme al frutto e dal frutto al seme.

inviato il 16/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

macché

Pietro, di Joyce Lussu hai letto Portrait ? http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/portrait

La fine è il mio inizio

immagine copertina
Tiziano Terzani
La fine è il mio inizio
Longanesi
10 righe da pagina 10:

Folco, Folco, corri, vieni qua! C'è un cuculo nel castagno. Non lo vedo, ma è lì che canta la sua canzone:
“Cucù, cucù, l'inverno non c'è più
È ritornato il maggio col canto del cucù”
Bellissimo, senti!
Che gioia, figlio mio. Ho sessantasei anni e questo grande viaggio della mia vita è arrivato alla fine. Sono al capolinea. Ma ci sono senza alcuna tristezza, anzi, quasi con un po' di divertimento. L’altro giorno la Mamma mi ha chiesto « Se qualcuno
telefonasse e ci dicesse d'aver scoperto una pillola che ti farebbe campare altri dieci anni, la prenderesti?» E io istintivamente ho risposto « N o!» Perché non la vorrei, perché non vorrei vivere altri dieci anni. Per rifare tutto quello che ho già fatto?
Sono stato nell'Himalaya, mi sono preparato a salpare per il grande oceano di pace e non vedo perché ora dovrei rimettermi su una barchetta a pescare, a far la vela. Non mi interessa.
Guarda la natura da questo prato, guardala bene e ascoltala.

inviato il 16/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ok Enrico: ho appena inviato una mail. Ciao

Ciao, non ci è ancora pervenuto il recapito a cui mandarti i libri... puoi comunicarcelo a libroincentivo@10righedailibri.it? Enrico, Staff

Ciao Marcello e Grazie!

Caro Tino, come vincitore della settimana 4-10 febbraio, ho scelto cle tue 10 righe come le più meritevoli di un libro incentivo. Per riceverlo, devi comunicare il tuo indirizzo e la motivazione a: libroincentivo@10righedailibri.it
Complimenti e un cordiale saluto da Marcello.

Le montagne della follia

immagine copertina
Howard P. Lovecraft
Le montagne della follia
Tradotto da Gianni Pilo
Compagnia del Fantastico-Gruppo Newton 1994
10 righe da pagina 3:

Mi sento obbligato a parlare perchè gli scienziati si sono rifiutati di seguire i miei avvertimenti senza sapere perchè. Ed è contro la mia volontà che spiegherò le mie ragioni per essermi opposto alla proposta invasione dell'Antartico, all'avventata caccia ai fossili, ed alla perforazione ed allo scioglimento dell'antica calotta di ghiaccio. E sono ancora più riluttante poichè questi miei avvertimenti potranno anche risultare del tutto vani.
Sarà inevitabile nutrire dei dubbi su dei fatti per me reali, quando li rivelerò, ma se eliminassi dal mio racconto tutto quello che può apparire stravagante ed incredibile, non rimarrebbe più nulla. Le fotografie finora rifiutate dal buonsenso, sia quelle normali che quelle aeree, potranno testimoniare a mio favore in quanto sono assolutamente vivide ed eloquenti.

inviato il 16/02/2013
Nei segnalibri di:

Stagioni diverse

immagine copertina
Stephen King
Stagioni diverse
Tradotto da Rita Hayworth and Shawshank Redemption
Sperling &Kupfer 1987
10 righe da pagina 339:

L'AUTUNNO DELL'INNOCENZA
STAND BY ME

Le cose più importanti sono le più difficili da dire.
Sono quelle di cui ci si vergogna ,perchè le parole le immiseriscono - le parole rimpiccioliscono cose che finchè erano nella vostra testa sembravano sconfinate, e le riducono a non più che a grandezza naturale quando vengono portate fuori.
Ma è più che questo, vero ?
Le cose più importanti giacciono troppo vicine al punto dov'è sepolto il vostro cuore segreto,come segnali lasciati per ritrovare un tesoro che i vostri nemici sarebbero felicissimi di portar via.
E potreste fare rivelazioni che vi costano per poi scoprire che la gente vi guarda strano,senza capire affatto quello che avete detto, senza capire perchè vi sembrava tanto importante da piangere quasi mentre le dicevate.
Questa è la cosa peggiore,secondo me.
Quando il segreto rimane chiuso dentro non per mancanza di uno che lo racconti ma per mancanza di un orecchio che sappia ascoltare.

inviato il 16/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

correggo : autore Stephen King

COMPLEANNI D'AUTORE 2013

immagine copertina
John Maxwell Coetzee
COMPLEANNI D'AUTORE 2013
10righedailibri 1940

Buon compleanno John Maxwell Coetzee! (nato il 9 febbraio 1940)
Nobel per la letteratura 2003

Pavel che girovaga per le strade fredde dopo mezzanotte, senza scarpe. Un angelo caduto, un angelo imperfetto, uno di quelli scacciati da Dio. I suoi piedi sono quelli di un camminatore, di uno che calpesta pesantemente la nostra grande madre, di un contadino, non di un ballerino. Poi, sdraiato sul divano, con la testa dolorante e il vomito sui vestiti.
- Gli diedi un vecchio paio di scarpe e lo vidi andarsene via la mattina dopo, molto scontroso e con le scarpe in mano. Ecco tutto. Un'età strana però, a diciotto, diciannove anni sono adulti, ma non riescono ancora a lasciare il nido. Hanno le ali ma non sanno ancora volare. Sempre a mangiare, sempre affamati. Mi fanno pensare ai pellicani, creature allampanate, gli uccelli più goffi, prima che riescano a spiegare le loro grandi ali e a lasciare la terra.
(Il maestro di Pietroburgo)

inviato il 09/02/2013
Nei segnalibri di:

La gioia di scrivere

immagine copertina
Wisltawa Szymborska
La gioia di scrivere
Adelphi 2009
10 righe da pagina 45:

NULLA DUE VOLTE

Nulla due volte accade
né accadrà. Per tal ragione
si nasce senza esperienza,
si muore senza assuefazione.
Anche agli alunni più ottusi
della scuola del pianeta
di ripeter non é dato
le stagioni del passato.
Non c'è giorno che ritorni,
non due notti uguali uguali,
né due baci somiglianti,
né due sguardi tali e quali.
Ieri, quando il tuo nome
qualcuno ha pronunciato,
mi è parso che una rosa
sbocciasse sul selciato.
Oggi, che stiamo insieme,
ho rivolto gli occhi altrove.
Una rosa ? Ma che cos'è ?
Forse pietra, o forse fiore ?
Perchè tu, malvagia ora,
dai paura e incertezza ?
Ci sei - perciò devi passare.
Passerai - e qui sta la bellezza.
Cercheremo un'armonia,
sorridenti, fra le braccia,
anche se siamo diversi
come due gocce d'acqua.

inviato il 09/02/2013
Nei segnalibri di:

La Compagnia della Selva Bella

immagine copertina
Giuseppe Pederiali
La Compagnia della Selva Bella
Bompiani
10 righe da pagina 1:

Era il più bel maiale che avessero mai visto; enorme, grasso, di un bel colorito rosa pallido, pochissimo peloso, di sicuro intelligente. Dovevano essersi levati il pane di bocca per nutrire lui, mentre il porcile, di fianco alla casa sulla via Emilia, a forza di aggiunte, ampliamenti e rifacimenti del tetto, dalla paglia ai coppi, era diventato più grande e importante della casa stessa.

inviato il 09/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ieri Pederiali ha finito la sua gita su questa terra.

Che incipit terribilmente simpatico! Pederiali è mitico veramente!

La nota giusta

immagine copertina
Bruce Springsteen
La nota giusta
Tradotto da Lorenzo Bertolucci
Isbn Edizioni 2012
10 righe da pagina 44:

Aprite le orecchie e aprite il cuore. Non prendetevi troppo sul serio e prendetevi sul serio come la morte. Non preoccupatevi, e preoccupatevi da star male. Abbiate una fiducia di ferro in voi stessi, ma dubitate sempre: vi tiene svegli e all'erta. Pensate sempre di essere i figli di puttana più fichi della città, e pensate sempre che fate schifo! In questo modo rimarrete onesti. Rimarrete onesti. Cercate di tenere sempre vive nel cuore e nella mente due idee completamente contraddittorie. Se riuscirete a non diventare matti, vi ritroverete più forti.

inviato il 06/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ho visto, ma non riesco a scaricarlo. Ora devo uscire, proverò più tardi. Grazie.

:-)
tra l'altro è un eBook gratuito...

Grande Boss!

Memorie di Adriano

immagine copertina
Marguerite Yourcenar
Memorie di Adriano
Tradotto da Lidia Storoni Mazzolani
Einaudi 1951
10 righe da pagina 13:

Accetterò di assimilare l'amore alle gioie puramente fisiche (ammettendo che ve ne siano) quando avrò visto un ghiottone anelare di piacere davanti alla sua pietanza favorita come un innamorato sulla spalla dell'essere amato. Di tutti i nostri giochi questi è il sole che rischi di sconvolgere l'anima, il solo altresì nel quale chi vi partecipa deve abbandonarsi al delirio dei sensi. Non è necessario per un bevitore abdicare all'uso della ragione, ma l'innamorato che conservi la sua non obbedisce fino in fondo al suo demone.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

"Un instancabile lottatore" , questo è il ritratto che il libro mi ha sempre trasmesso.
Complimenti, un'ottima scelta! :)

ciao Alessandro, quale vincitrice della scorsa settimana ho facoltà di scegliere le mie righe preferite a cui far regalare un libro incentivo. queste righe fanno parte di uno dei libri che ho nel cuore. pertanto comunica il tuo indirizzo allo staff per ricevere il tuo dono. (libroincentivo@10righedailibri.it)

perchè il raziocinio non ha mai conosciuto l'amore.. bellissimo libro che andrebbe assolutamente letto almeno una volta nella vita..

Grazie :)

Il libro é effettivamente molto bello, lo sto ancora leggendo ;)

Benvenuto Alessandro :)

Adoro questo libro!!!!! Qualche mese fa ho postato esattamente queste 10 righe...:D!

Io non ho paura

immagine copertina
Niccolò Ammaniti
Io non ho paura
Einaudi 2001
10 righe da pagina 64:

"Piantala con questi mostri, Michele. I mostri non esistono. I fantasmi, i lupi mannari, le streghe sono fesserie inventate per mettere paura ai creduloni come te. Devi avere paura degli uomini, non dei mostri", mi aveva detto papà un giorno che gli avevo chiesto se i mostri potevano respirare sott'acqua.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

No Mel va. Non la conoscevo anche essendo un estimatore della Mannoia. In effetti è molto bella, ma è anche vero che lei è molto, molto brava.

Gentile, staff, vi ringrazio per il libro e mi scuso per il ritardo nella risposta. Me ne sono accorto solo ora. Ho provveduto a spedirvi la mail. Grazie ancora.

Ciao Roberto sono felice di comunicarti che le tue righe sono le più segnalibrate e che per questo ti sei aggiudicato un libro incentivo.
Per poterlo ricevere devi fare 2 cose:
1) scegliere le tue righe preferite fra quelle che verranno postate questa settimana
2) dopo aver espletato questa prima formalità devi farci avere un tuo recapito, mandaci una mail a libroincentivo@10righedailibri.it specificando l'indirizzo e la motivazione della vittoria, e anche le righe che vuoi far vincere.

conosci la canzone della mannoia dal titolo omonimo? è veramente bella, ovviamente mero giudizio personale..

Grazie :)

Sì hai proprio ragione. E' raro vedere scritto così bene una storia in fondo così complessa e delicata come il rapimento di un bambino.

Un libro stupendo. Ammaniti scrive proprio bene. A me è rimasta in mente la scena di loro che fuggono la prima volta, e la descrizione della sorellina che non ce la fa, è talmente perfetta da sembrare di essere lì, e cercare di aiutarla. Bravo Niccolò e bella scelta Roberto, ovviamente è un mero giudizio personale :)

ricambio ;)

Le figlie del libro perduto

immagine copertina
Katherine Howe
Le figlie del libro perduto
Tradotto da Valentina Daniele
Tea 2009
10 righe da pagina 349:

Molte pagine erano dedicate a quelle che sembrano preghiere, ma che molto più probabilmente erano incantesimi, tutti che invocavano l'aiuto dell'Onnipotente. Connie era sorpresa dalla esplicità religiosità del testo, un tipo di religiosità che alludeva a pratiche cristiane ben precedenti la Riforma. Il testo rimandava a un mondo in cui la cristianità era puremente legata alla concezione della realtà. Non meravigliava il fatto che i teologi puritani considerassero la stregoneria (se di questo si trattava) una tale minaccia. In un sistema di pensiero in cui la salvezza, e perciò tutto il bene, veniva solo dalla grazia, nella quale le azioni individuali non avevano nessun effetto sullo stato dell'anima, e in cui la malattia e la sventura erano spesso lette come lo sfavore di Dio, un metodo che combatteva la malattia e la sventura attraverso un appello diretto a Dio, insieme ad arcane pratiche protoscientifiche, sarebbe andato contro tutto ciò che la struttura di potere puritana voleva affermare. i teologi puritani avrebbero visto una tale pratica come sacrilega.
Perfino diabolica.

inviato il 18/01/2013
Nei segnalibri di:

La lucina

La lucina 6 years 18 settimane fa

Tra la terra e il cielo - La vita segreta degli alberi

Tra la terra e il cielo - La vita segreta degli alberi 6 years 23 settimane fa

ps: Emil è un inuit.

La nota giusta

La nota giusta 6 years 24 settimane fa

:-)
tra l'altro è un eBook gratuito...

Forte come l'onda è il mio amore

Forte come l'onda è il mio amore 6 years 25 settimane fa

righe n° 90000!

Un cuore così bianco

Un cuore così bianco 6 years 26 settimane fa

meraviglioso...

Padre Padrone Padreterno

Padre Padrone Padreterno 6 years 26 settimane fa

macché

Il Nuovo Testamento - I Salmi

Il Nuovo Testamento - I Salmi 6 years 26 settimane fa

Aa. Vv...

A ciascuno il suo

A ciascuno il suo 6 years 27 settimane fa

...soprattutto su Moravia! :-))

Un anno a Walnut Tree

Un anno a Walnut Tree 6 years 27 settimane fa

vista la giornata di oggi... (50 centimetri di neve in una notte...)

Un anno a Walnut Tree

Un anno a Walnut Tree 6 years 27 settimane fa

ohilà, grazie! mi fa molto piacere che abbiato scelto proprio Deakin...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy