Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di vjkjklask

Passate Col Rosso

immagine copertina
Roberto Tumminelli
Passate Col Rosso
Dalai Editore (Collana Saggi) 2008
10 righe da pagina 28:

Il Sessantotto non ha conquistato il potere politico, non ha iniziato nè portato a termine una vera rivoluzione politica, cioè quel movimento, violento o pacifico, che comporta il cambiamento radicale, e a volte anche l'eliminazione fisica, di un'intera classe politica. Ha fatto qualcosa di più importante: ha colonizzato per anni gran parte delle coscienze del nostro Paese, portando a compimento una vera e propria rivoluzione culturale. Ha determinato un profondo cambiamento nel vissuto sociale, rivoluzionando idee, abitudini, costumi, linguaggio comune e politico, sconvolgendo gerarchie culturali e sociali in vigore da sempre, in una parola ha trasformato la società italiana.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

...e già Roberto...

Ce ne vorrebbero almeno altri due o tre di 68. Ci vorrebbe un 204.

Questa è poesia

immagine copertina
Pedro Salinas
Questa è poesia
Poesie in 10 righe

[...] E finché tu non verrai tu
io rimarrò alle soglie
dei voli, dei sogni,
delle stelle, immobile.
Perché so che là dove sono stato
né ali, né ruote, né vele
conducono.
Hanno tutte smarrito il cammino.
Perché so che là dove sono stato
si giunge solo con te, attraverso te.
(P. Salinas)

inviato il 20/02/2013
Nei segnalibri di:

Le favole

immagine copertina
Fedro
Le favole
Tradotto da Manlio Faggella
Feltrinelli 1979
10 righe da pagina 45:

Nei mutamenti di governo, i poveri
molto spesso soltanto il nome cambiano
del padrone. Che vera è tale massima,
te lo dimostra questa breve favola.
Pasceva un giorno un vecchierello timido
un somarello per un prato. Piombano
tutto a un tratto i briganti. Si fa pallido
il vecchio: spinge il somarello a correre,
che non sian presi. Gli s'impunta l'asino:
"Di grazia, pensi che se mi pigliassero
quelli, la schiena me la graverebbero
di doppio peso?" "No" gli ammette il vecchio.
"E allora, che m'importa chi dev'essermi
padrone, finché porto questo carico?"

inviato il 20/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

OK, grazie!

Marcello abbiamo condiviso le tue 10 righe sui social Twitter e Facebook :)

Forattini renderebbe giustizia...attraverso il suo modo di interpretare e disegnare...troppo bella!!!

l'acume intellettivo non appartiene a tutti, e queste dieci righe dimostrano invece che tu lo possiedi...invece di prendere la stagione preelettorale per inutili propagande che lasciano il tempo che trovano,soprattutto in un sito che della politica in senso stretto dovrebe fare a meno, essendo l'arte e quindi la cultura tutta esente da ogni classificazione, il tuo post dimostra proprio lo scontento di chi ha ormai lasciato le illusioni ai ragazzi...complimenti e segnalibro per te!

bella !

Ogni riferimento all'attuale situazione elettorale "non" è puramente casuale...

Piccolo Cesare

immagine copertina
Giorgio Bocca
Piccolo Cesare
Feltrinelli 2003
10 righe da pagina 45:

Ha scritto Luigi Pintor: "Per un quarto di secolo abbiamo avuto un regime fascista, per cinquanta uno democristiano, oggi ne abbiamo uno inedito che li somma e li immischia". Per l'appunto, la continuità. Il nuovo blocco di potere non è fascismo ma non mancano le affinità: per esempio il ducismo, il carisma indiscutibile del leader, la fedeltà che gli è dovuta. E anche una tendenza comune all'autoritarismo, ai piccoli duci cui valori democratici sono più di fastidio che di civile sostegno: non gradiscono la separazione dei poteri, la libertà di stampa, l'ossequio alle leggi, preferiscono "lo stato siamo noi tendono all'ossimoro "del fascismo democratico".

inviato il 20/02/2013
Nei segnalibri di:

Il Manifesto del Partito Comunista

immagine copertina
Karl Marx e Friedrich Engels
Il Manifesto del Partito Comunista
Tradotto da F. Zaino
Fermento Editore 2005
10 righe da pagina 14:

La borghesia ha strutturato in modo cosmopolitico la produzione e il consumo di tutti i paesi grazie allo sfruttamento del mercato mondiale.Con grande dispiacere dei reazionari essa ha sottratto all'industria il suo fondamento nazionale.Antichissime industrie nazionali sono state distrutte e continuano a esserlo ogni giorno.Nuove industrie le soppiantano,industrie la cui nascita diventa una questione vitale per tutte le nazioni civili,industrie che non lavorano più le materie prime di casa ma quelle provenienti dalle regioni più lontane,e i cui prodotti non vengono utilizzati solo nel paese stesso ma, insieme, in tutte le parti del mondo.Al posto dei vecchi bisogni,soddisfatti dai prodotti nazionali, se ne affermano di nuovi,che per essere soddisfatti esigono i prodotti delle terre e dei climi più lontani.Al posto dell'antica autosufficienza e delimitazione locale e nazionale si sviluppano traffici in tutte le direzioni,si stringe una reciproca interdipendenza universale fra le nazioni. E ciò sia nella produzione materiale che in quella spirituale.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Tranquilla: queste dieci righe più siamo a postarle meglio è :)

Ehm... non è passato in osservato allora ;-) ho letto le tue dieci righe ehhhh non ho potuto fare a meno di postare!!! :-) Buona serata Roberto e alla prossima "partita" ^-^

Scopa :)

Le città invisibili

immagine copertina
Italo Calvino
Le città invisibili
A. MONDADORI

Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.
- Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? - chiede Kublai Kan.
- Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra, - risponde Marco, - ma dalla linea dell'arco che esse formano.
Kublai Kan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge: - perché mi parli delle pietre? È solo dell'arco che m'importa.
Polo risponde: - Senza pietre non c'è arco.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :-)

Benvenuta Marina :)

TUA

immagine copertina
Piñeiro Claudia
TUA
Tradotto da Michela Finassi Parolo
Feltrinelli 2012
10 righe da pagina 74:

Suonò un clacson davanti alla porta di casa. Era il taxi di Ernesto. Bacio di commiato. Non fu un bacio woooowww!, ma fu un bacio. E per una coppia con i nostri anni alle spalle, andava più che bene. Con il passare del tempo le coppie smettono di baciarsi. Lo sanno tutti, anche se non lo di ce nessuno.Ma non significa niente. E' così. A volte si baciano in pubblico, per farlo vedere agli altri. Come per dire: "Lo vedete che ogni tanto ci baciamo ancora?". Ma nell'intimità è diverso, non ce n'è bisogno. Lo si fa soltanto perché si teme che sia brutto no baciarsi, è una cosa di cui non si parla, e nessuno sa che succede a tutti. A tutti. Anche a chi ha una vita sessuale più o meno attiva. Magari fanno l'amore una volta a settimana, rigorosamente. Due volte nel migliore dei casi. Però baciarsi è diverso. Il bacio perde il suo fascino troppo presto.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

segnalibro, con un velo di tristezza...

:) Ne ho parlato a lungo con la persona che me lo ha regalato.. siamo giunti alla conclusione che è vero ma speriamo di non vivere così il "bacio" :)

sto sorridendo nel leggere queste righe, ma penso siano vere

LE PIETRE DI VENEZIA

immagine copertina
RUSKIN
LE PIETRE DI VENEZIA
Tradotto da A CURA DI ATTILIO BRILLI
Oscar Mondadori 2011
10 righe da pagina 74:

Piazza San Marco (...) su questa piazza si incontravano persone di ogni paese, sia per commercio che per diletto; ma al di sopra della folla che ondeggiava avanti e indietro nell'inquietudine dell'avarizia o nella brama del piacere, s'ergeva perenne la magnificenza del tempio che lanciava loro il monito, che ricordava che esiste un tesoro senza prezzo inaccessibile al mercante, e un piacere superiore a ogni altro, nella parola e nei comandamenti del Signore. Quei marmi erano stati tagliati nella diafana forza, quegli archi non erano stati dipinti dei colori dell'iride per soddisfare una capricciosa ricchezza, la brama degli occhi, l'orgoglio dell'esistenza.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

John Ruskin

COMPLEANNI D'AUTORE

immagine copertina
Helen Fielding
COMPLEANNI D'AUTORE
10righedailibri 1958

Buon compleanno Helen Fielding! (nata il 19 febbraio 1958)

COSE DA EVITARE: -Bere più di quattordici alcolici la settimana. -Fumare. -Buttare via soldi per: impastatrici, gelatiere o altri marchingegni da cucina che non userò mai; libri di autori illegibili da mettere in libreria per fare scena; biancheria sexy inutile in quanto sfidanzata. -Comportarsi in modo sciatto in casa: fingere sempre che qualcuno ti stia osservando. -Spendere più di quel che guadagno. - Cadere vittima di: alcolizzati, stressati dal lavoro, allergici alle relazioni serie, gente fidanzata o sposata, misogini, megalomani, maschilisti, cialtroni sentimentali o scrocconi, pervertiti. -Prendersela per gli uomini: meglio essere calma e fredda come una regina delle nevi.
(Il diario di Bridget Jones)

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Il Capitale

immagine copertina
Karl Marx
Il Capitale
Tradotto da R. Meyer
Newton 2008
10 righe da pagina 116:

Voi inorridite perché noi vogliamo eliminare la proprietà privata. Ma nella vostra società esistente la proprietà privata è abolita per i nove decimi dei suoi membri; anzi, essa esiste proprio in quanto non esiste per quei nove decimi. Voi ci rimproverate dunque di voler abolire una proprietà che ha per condizione necessaria la mancanza di proprietà per la stragrande maggioranza della società.

inviato il 19/02/2013
Nei segnalibri di:

Un buco nel cielo - La fine del mondo in quattro storie

Un buco nel cielo - La fine del mondo in quattro storie 5 years 40 settimane fa

Bellissime righe!

Poesie

Poesie 5 years 41 settimane fa

Bellissimi versi, complimenti :)

Una porta di libri

Una porta di libri 5 years 41 settimane fa

Titolo: Nelle terre estreme
Autore: Jon Krakauer
Editore: Corbaccio.

Aforismi sui libri

Aforismi sui libri 5 years 41 settimane fa

Ho scelto un aforisma tratto dal Il Giovane Holden di Jerome David Salinger...
''Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere vorresti che l’autore fosse un tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. Non succede spesso, però.''

Caro libro, grazie!

Caro libro, grazie! 5 years 42 settimane fa

Cari libri... Grazie per avermi fatto compagnia quando ero nella solitudine più totale.
Cari libri, grazie per avermi capita, per avermi compresa silenziosamente!
Cari libri, senza di voi non avrei avuto la forza di lasciare la realtà e ''trasferirmi'' nel mio mondo!
Cari libri, grazie per avermi dato la forza di emozionarmi ancora e ancora...
Cari libri, grazie per avermi aperto la mente.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy