Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di massimo.piai

Il Grande libro degli enigmi

immagine copertina
Tano Parmeggiani, Carlo Eugenio Santelia
Il Grande libro degli enigmi
Rizzoli
10 righe da pagina 11:

i nostri remoti antenati, nel corso della loro precaria esistenza, si imbattevano sovente in trabocchetti predisposti dalla natura per capriccio o per assicurare la sopravvivenza dei più idonei: abbattere un bisonte con un'ascia di ossidiana, distinguere fra milioni di piante quelle commestibili da quelle velenose, sfuggire all'agguato di un tirannosauro erano problemi quotidiani, che essi dovevano risolvere all'istante se volevano raggiungere una serena vecchiaia, cioè il trentesimo anno di età. col mutare dei tempi molte di queste difficoltà sono state felicemente superate e tuttavia il supremo architetto, pur senza abbandonare del tutto il vecchio repertorio, ha continuato a crearne di nuove: alle alluvioni e alle pestilenze si sono così affiancate guerre, carestie e altri numeri spettacolari e di grande attrazione. sembrerebbe, all'osservatore imparziale, che ce ne sia abbastanza per scongiurare il sinistro spettro della noia. e invece...

inviato il 15/01/2013
Nei segnalibri di:

Hannibal

Thomas Harris
Hannibal
Tradotto da laura grimaldi
A. MONDADORI

Franklin si tolse il pollice dalla bocca. «Dici delle cose di cacca!» esclamò. «E sei anche brutto» Si voltò, uscì dalla camera e, attraversando il locale con i flessibili attorcigliati, tornò nella sala giochi. Mason lo seguì sul video. L'infermiere guardò il bambino. Fingendo di leggere "Vogue", lo osservò attentamente. A Franklin i giocattoli non interessavano più. Andò a sedersi vicino alla giraffa, con la faccia al muro. Fu l'unica cosa che poté fare per non succhiarsi il pollice. Cordell continuò a osservarlo per vedere se piangeva. Quando si accorse che le spalle del bambino sussultavano, andò da lui e gli asciugò delicatamente le lacrime con una garza sterile. Poi mise la garza umida nel bicchiere per martini di Mason, tenuto a gelare nel frigorifero della sala giochi, vicino ai succhi d'arancia e alle bibite gassate.

inviato il 07/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Mandaci solo le ultime 3

appena le ho raccolte tutte, vi inviero' le copertine dei libri di cui ho inviato le 10 righe. grazie!

Massimo possiamo aiutarti in qualche modo a inserire le immagini? Riscontri problemi?

l'arcimatto

gianni brera
l'arcimatto
Baldini & Castoldi 1993
10 righe da pagina 126:

Poi, tovagliolo e coltella al vecchio che affetti il lesso, evitando i fori in cui si è sfatto l'aglio. La vecchia ha ridotto in pezzi i peperoni pur mo’ tolti dall’olla (tagliandoli, non fanno frangia e si condiscono male). Qualche litigio per l'incauto versamento dell’aceto, la cui madre minaccia di uscire a sua volta. L'olio viene versato a stento pisciarello dalla lattina verde con i due fori in cima. Adesso porgere il piatto e scegliere il pezzo. Il turno è secondo gerarchia e scegliere non è malcostume, anzi è necessario. A me non piaceva molto l'aglio.
Vedete la suggestione della zuppetta e della domenica mattina. Avrei arcimattato diversamente ieri sera; avrei pensato al beatissimo sabato degli altri, inconsciamente mi sarei montato secondo gli spruzzi del coledoco. Scriverò un libro sulle reazioni chimiche e i sentimenti. Altro che talidomide. Può nascere l’Infinito da una buona digestione.

inviato il 07/01/2013
Nei segnalibri di:

Il sistema periodico

Primo Levi
Il sistema periodico
einaudi

il mio nome è rodmund, e vengo da lontano. il mio paese si chiama thiuda; noi almeno lo chiamiamo così, ma i nostri vicini, e cioè i nostri nemici, ci chiamano con nomi diversi, saksas, nemet, alaman. il mio paese è diverso da questo: ha grandi foreste e fiumi, inverni lunghi, paludi, nebbie e piogge. i miei, voglio dire quelli che parlano la mia lingua, sono pastori, cacciatori e guerrieri: non amano coltivare la terra, anzi disprezzano chi la coltiva, spingono le greggi sui loro campi, saccheggiano i loro villaggi e fanno schiave le loro donne. io non sono né pastore né guerriero; non sono neppure un cacciatore, benché il mio mestiere non sia poi molto diverso dalla caccia. mi lega alla terra, ma sono libero: non sono un contadino.
mio padre, e tutti noi rodmund in linea paterna, facciamo da sempre questo mestiere, che consiste nel conoscere una certa pietra pesante, trovarla in paesi lontani, affocarla in un certo modo che noi conosciamo, e cavarne il piombo nero.

inviato il 06/01/2013
Nei segnalibri di:

le notti difficili

Dino Buzzati
le notti difficili
A. MONDADORI 1971
10 righe da pagina 285:

nel silenzio della casa solitaria, mentre disegnavo, un pomeriggio di inverno, udii alle mie spalle una voce placida e di tono benevolo che chiamò: "dino", in modo distintissimo. mi voltai, ma non c'era che tobi, il barbone nero, il quale, accoccolato sul tappeto, mi stava fissando.

inviato il 06/01/2013
Nei segnalibri di:

e non disse nemmeno una parola

Heinrich Boll
e non disse nemmeno una parola
Tradotto da italo alighiero chiusano
A. MONDADORI
10 righe da pagina 62:

chissà quante migliaia di volte avrò già fatto il gesto che ripeto anche adesso. senza guardare, sento che la secchia è piena, chiudo il rubinetto, le mie mani afferrano saldamente il manico, sento tendermisi i muscoli delle braccia, e con un deciso strattone poggio a terra la secchia. ascolto alla porta di quella specie di cabina che, dentro la nostra stanza, abbiamo rimediato con assicelle di legno, per assicurarmi che franz dorme. poi comincio la mia lotta, la lotta contro la sporcizia. di dove prenda la speranza di riuscire mai ad averne ragione, non saprei proprio dire. rimando di un altro poco l'inizio del lavoro, mi pettino, senza guardarmi allo specchio, sparecchio il servizio della colazione e mi accendo la mezza sigaretta che stava nell'armadio tra il libro di preghiere e il barattolo del caffè.

inviato il 06/01/2013
Nei segnalibri di:

La Strada

Cormac McCarthy
La Strada
Tradotto da Martina Testa
Einaudi
10 righe da pagina 138:

in breve tempo il mondo sarebbe stato popolato da gente pronta a mangiarti i figli sotto gli occhi, e le città dominate da manipoli di predoni anneriti che scavavano gallerie in mezzo alle rovine e strisciavano fuori dalle macerie in un biancheggiare di occhi e di denti, reggendo reti di nylon piene di scatolame bruciacchiato, come avventori negli spacci dell'inferno. il soffice talco nero si spandeva a sbuffi per le strade come inchiostro di seppia sul fondo del mare, il freddo scendeva lento e faceva buio sempre più presto, e i disperati che frugavano alla luce delle torce sul fondo dei dirupi lasciavano nello strato di cenere ombre morbide che si richiudevano dietro di loro silenziose come occhi. per le strade i pellegrini sprofondavano, cadevano e morivano e la terra avvolta nel suo lugubre velo continuava ad arrancare intorno al sole, ignota e smarrita come qualsiasi altro pianeta sconosciuto nella remota oscurità circostante.

inviato il 05/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie!

Benvenuto Massimo :)

Solaris

immagine copertina
Stanislaw Lem
Solaris
Tradotto da Eva Bolzoni
Urania Mondadori 1961
10 righe da pagina 118:

Con un lungo cigolio cominciavano a chiudersi le saracinesche delle finestre. In un secondo, all'interno della stazione, che in quel momento era simile a una tartaruga che si ritira nel suo guscio, dominò la notte. A tentoni le tolsi gli occhiali e assieme ai miei li misi sotto il letto.
- Cosa faremo? - domandò.
- Ciò che si fa di notte. Dormiremo.
- Chris.
- Cosa?
- Ti faccio un nuovo impacco?
- No, non occorre... non ce n'è bisogno, cara.
Nel dirle questa parola, non mi era chiaro se fosse simulazione; ma di colpo, nel buio, abbracciai ciecamente le sue piccole spalle e, sentendole tremare, credetti in lei. Insomma, non so, tutt'a un tratto mi sembrò che lei non m'ingannasse, e che invece fossi io a ingannarla, poiché lei in fondo era solo se stessa.

inviato il 13/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

eccezionale. lo lessi a 12 anni. avevo gia' visto tarkowski, purtroppo doppiato e tagliato...

22/11/'63

immagine copertina
Stephen King
22/11/'63
Tradotto da Wu Ming 1
Sperling & Kupfer 2012
10 righe da pagina 220:

Non ingannare te stesso pensando di poter tentare una seconda volta. Troppe cose possono succedere. Fallo bene la prima volta. Forse sei incazzato con me, perché ti ho trascinato in questa storia. Al tuo posto, io sarei incazzato Ma non rinunciare. Per favore, non farlo.
[…] Bastardo, pensai. Sapevi che potevo avere un ripensamento, e questo è il tuo modo di venirmi incontro, giusto?
Certo che avevo avuto un ripensamento. Ma pensare non è già scegliere. Se si era fatto l‘idea che avrei rinunciato, be’, aveva torto. Fermare Oswald? Certo.

inviato il 25/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

bel libro, l'ho letto 2 volte, e una terza volta in inglese... ciao!

Il giorno della civetta

immagine copertina
Leonardo Sciascia
Il giorno della civetta
Corriere della Sera su licenza Adelphi Edizioni 2002
10 righe da pagina 39:

Il confidente di S. rischiava la vita: una cosca o l’altra, con un colpo doppio a lupara o con una falciata di mitra (anche nell’uso delle armi le due cosche facevano differenza), un giorno lo avrebbe liquidato. Ma tra mafia e carabinieri, le due parti tra cui muoveva il suo azzardo, la morte poteva venirgli da una sola parte. Da questa parte non c’era la morte, c’era quest’uomo biondo e ben rasato, elegante nella divisa; quest’uomo che parlava mangiandosi la esse, che non alzava la voce e non gli faceva pesare disprezzo: e pure era la legge, quanto la morte paurosa; non, per il confidente, la legge che nasce dalla ragione ed è ragione, ma la legge di un uomo, che nasce dai pensieri e dagli umori di quest’uomo, dal graffio che si può fare sbarbandosi o dal buon caffè che ha bevuto, l’assoluta irrazionalità della legge, ad ogni momento creata da colui che comanda, dalla guardia municipale o dal maresciallo, dal questore o dal giudice; da chi ha la forza, insomma.

inviato il 06/04/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

;) no problem!

Hai ragione, ho confuso il post :)

L'avevo pubblicato sotto al post del gioco alle 14.58. Comunque l'ho ripubblicato.

Grazie Massimo ;)
Staff, a me compare tutto perfettamente, l'avevo scritto appena pubblicato. Sono appena dopo natalina maio che ha postato il gattopardo.

Vera devi scrivere il link delle tue 10 righe nel giuoco http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

bellissimo... il finale e' molto amaro, e molto diverso dal film! ciao!

Partecipo al Giuoco domenicale #56: Righe siciliane http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-56-righe-siciliane

Misery

immagine copertina
Stephen King
Misery
Tradotto da Tullio Dobner
Sperling & Kupfer 2013
10 righe da pagina 31:

Tutti volevano Misery, Misery, Misery. Tutte le volte che si prendeva un paio d'anni per scrivere uno dei suoi altri romanzi, quelli che considerava "seri" (dapprincipio con un senso di grande sicurezza che si trasformava in speranza per essere infine sostituito da una specie di cupa disperazione), era stato subissato da lettere di protesta da parte di quelle donne, molte delle quali si firmavano "la sua ammiratrice numero uno". Il tono variava dallo sconcerto (quello che chissà perché sempre lo addolorava di più), al rimprovero, a collera esplicita, ma il messaggio non cambiava mai: "non era quel che mi ero aspettata, non era quel che volevo. La prego di tornare a Misery. Voglio sapere che cosa sta facendo Misery". Avrebbe potuto scrivere un'opera d'arte della levatura di "Sotto il vulcano" o di "Tess dei D'Ubervilles" o "L'urlo e il furore" e non sarebbe servito a niente. Loro avrebbero continuato a pretendere Misery, Misery, Misery.

inviato il 02/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

segnato! ce l'ho in inglese, ma ci provero' comunque entro l'estate! ciao!

Partecipo al Giuoco domenicale #52: Stephen King + link http://scrivi.10righedailibri.it/giuoco-domenicale-52-stephen-king

22/11/'63

immagine copertina
Stephen King
22/11/'63
Mondadori su licenza Sperling & Kupfer
10 righe da pagina 559:

Per un momento, tutto mi fu chiaro, e nei momenti in cui accade, vedi quant'è sottile il mondo. Non lo sappiamo tutti quanti, in cuor nostro? E' un meccanismo perfetto e bilanciato di voci ed echi che fanno da rotelle e leve, onirico orologio che rintocca oltre il vetro degli arcani che chiamiamo vita. Oltre? Sotto? Intorno? Caos, tempeste. Uomini con martelli, uomini con coltelli, uomini con pistole. Donne che pervertono ciò che non possono dominare e denigrano ciò che non possono capire. Un universo di orrore e smarrimento circonda un palcoscenico illuminato, sul quale noi mortali danziamo per sfidare le tenebre.

inviato il 21/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

"stand by me" è stata la mia prima lettura di King, ragion per cui ha un posto speciale. "ossessione" non l'ho letto, ma ho letto gli altri tre racconti che facevano parte di quella raccolta pubblicata come Richard Bachman. secondo me il suo lavoro migliore è la saga della torre nera, prima di "IT" e "l'ombra dello scorpione" autentici capolavori...

altro bel romanzo di SK e' il suo primo "ossessione", scritto con pseudonimo, e in certa misura ripudiato negli anni successivi... perso anche questo nei vari traslochi e attualmente irreperibile in lingua italiana (ma ce l'ho in inglese, titolo "rage")

ok... ti consiglio, se non l'hai gia' letto, "stagioni diverse", raccolta di 4 novelle, 3 delle quali sono divenute film, cosa non insolita per SK. putrtoppo non posso pubblicare nulla al riguardo sul mio profilo, in quanto ho perso il libro e non riesco a trovarne copie in giro per le librerie, probabilmente e' fuori stampa.

non so se questa edizione ha qualcosa di diverso, perchè non ho letto le precedenti, so che come quasi tutto quello che scrive King (quando non scrive per far "cassetta") è un capolavoro...

bel libro, l'ho letto 2 volte, e una terza volta in inglese... l'edizione 2012 ha qualcosa di diverso? ciao!

edizione 2012

Partecipo al minigioco di venerdì 21 giugno http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2013

GIOCO - Riga 10

immagine copertina
Patti Puggioni - Cristina Fanni
GIOCO - Riga 10
Giochi 10 righe 2011
10 righe da pagina 10:

Prendi un libro, quello che vuoi, il tuo preferito, uno che devi ancora leggere, il primo su cui posi lo sguardo e... aprilo a pagina 10... CERCA la frase numero 10 e SCRIVILA sotto come commento. Aggiungi anche il titolo del libro e il nome dell'autore.
(24 luglio) Da questo momento in poi, le frasi troppo lunghe verranno cancellate.
Dovete scrivere solo la RIGA n. 10.
Per le frasi più lunghe (10 righe) c'è l'area apposita
http://scrivi.10righedailibri.it/
Se nel libro la pagina 10 è bianca scegliete un altro libro.
:)

inviato il 22/05/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

della Marina, quasi un preludio alla vera guerra che avrebbero (La collina del vento - Carmine Abate)

di colpa e continuò a osservare lo spettacolo. (Il tiranno di Roma - Andrea Frediani)

si rovinerebbe a tu per tu, scivolerebbe subito su strade note, (Che tu sia per me il coltello - David Grossman)

...il vecchio Spencer aveva addosso quella vecchia, tristissima, (Il giovane Holden - J. D. Salinger)

Nella bella stagione la gente si sedeva fuori sotto il pergolato (Il tiranno - Valerio Massimo Manfredi)

trasportato dal destino in questa terra remota per mettervi radici (L'ultima legione - Valerio massimo Manfredi)

... sarebbe riuscito a usarla, a causa della gotta; d'altra parte, (I custodi della biblioteca - Glenn Cooper)

...troppo larghi per il suo collo scarno dessero l'impressione (Il libro delle anime - Glenn Cooper)

La moglie lo raggiunse, impeccabile in un tailleur... (La biblioteca dei morti - Glenn Cooper)

ha la capacità di rendere i tarocchi più pratici e concreti… [Il matto e il mondo- A.Bocconi-P.Lacerna]

22/11/'63

22/11/'63 5 years 18 settimane fa

altro bel romanzo di SK e' il suo primo "ossessione", scritto con pseudonimo, e in certa misura ripudiato negli anni successivi... perso anche questo nei vari traslochi e attualmente irreperibile in lingua italiana (ma ce l'ho in inglese, titolo "rage")

22/11/'63 5 years 18 settimane fa

ok... ti consiglio, se non l'hai gia' letto, "stagioni diverse", raccolta di 4 novelle, 3 delle quali sono divenute film, cosa non insolita per SK. putrtoppo non posso pubblicare nulla al riguardo sul mio profilo, in quanto ho perso il libro e non riesco a trovarne copie in giro per le librerie, probabilmente e' fuori stampa.

22/11/'63 5 years 19 settimane fa

bel libro, l'ho letto 2 volte, e una terza volta in inglese... l'edizione 2012 ha qualcosa di diverso? ciao!

La Strada

La Strada 5 years 18 settimane fa

ho postato anche io dei brani di cormac... se vuoi commentali. ciao!

Revolutionary Road

Revolutionary Road 5 years 18 settimane fa

uno degli autori preferiti di mia moglie.

Figlio di Dio

Figlio di Dio 5 years 18 settimane fa

gran libro, grandissimo autore.

Solaris

Solaris 5 years 18 settimane fa

eccezionale. lo lessi a 12 anni. avevo gia' visto tarkowski, purtroppo doppiato e tagliato...

22/11/'63

22/11/'63 5 years 19 settimane fa

bel libro, l'ho letto 2 volte, e una terza volta in inglese... ciao!

Il giorno della civetta

Il giorno della civetta 5 years 19 settimane fa

bellissimo... il finale e' molto amaro, e molto diverso dal film! ciao!

Misery

Misery 5 years 19 settimane fa

segnato! ce l'ho in inglese, ma ci provero' comunque entro l'estate! ciao!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy